Robbie Williams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il giocatore di snooker inglese, vedi Robbie Williams (giocatore di snooker).
Robbie Williams
Robbie Williams.jpg
Robbie Williams durante la cerimonia di apertura del campionato mondiale di calcio 2018
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereAdult alternative rock[1]
Dance rock[1]
Pop rock[1]
Pop[1]
Rock alternativo[1]
Indie rock[1]
Britpop[1]
Dance pop[1]
Periodo di attività musicale1990 – in attività
GruppiTake That
Album pubblicati19
Studio12
Live1
Raccolte6
Sito ufficiale

Robert Peter Williams, detto Robbie (Stoke-on-Trent, 13 febbraio 1974), è un cantautore e showman britannico.

La sua carriera musicale cominciò nel 1990 come membro più giovane della boy band Take That, che divenne rapidamente uno dei gruppi di maggior successo degli anni novanta. I contrasti con il resto del gruppo lo condussero a lasciare la band nel 1995 e ad intraprendere nel 1997 la carriera solista. Williams è l'artista solista di maggior successo di tutti i tempi nel Regno Unito,[2][3][4][5][6][7] con vendite superiori a 21 milioni di album, e 7 milioni di singoli nel Paese;[8] sei dei suoi album in studio si trovano nella lista dei 100 album più venduti di tutti i tempi nel Regno Unito.[9] Nella sua carriera ha piazzato 14 singoli al primo posto della Official Singles Chart,[10] mentre 13 dei suoi album hanno raggiunto la prima posizione della Official Albums Chart, più di qualunque altro artista solista.[11][12] Williams è stato l'artista più venduto nel Regno Unito durante gli anni 2000,[13] e il cantante maschile più trasmesso dalle radio britanniche in quel decennio.[14] Considerato uno degli artisti più venduti di tutti i tempi, Williams ha venduto oltre 70 milioni di album e 25 milioni di singoli in tutto il mondo;[15] è inoltre l'artista più giovane ad aver venduto più di 50 milioni di album in Europa.

Nell'agosto del 2003 Williams si è esibito in tre concerti al Knebworth Park di Stevenage davanti a 375 000 spettatori totali, il più grande evento live nella storia nel Regno Unito,[16] battendo ogni precedente record di affluenza nel Paese.[17] Pochi giorni dopo ha stabilito anche il record per il concerto più grande mai tenuto in Irlanda, esibendosi di fronte ad una folla di 135 000 persone al Phoenix Park di Dublino.[18][19]

Nel luglio 2010, dopo una pausa di quindici anni, Williams è rientrato a far parte dei Take That;[20] l'album di reunion Progress è diventato il secondo album con le vendite più veloci di sempre nel Regno Unito,[21] mentre il successivo tour del gruppo nel 2011 è diventato la tournée di maggior successo di sempre nel Paese, con oltre 1,7 milioni di spettatori.[22] Williams ha ripreso la carriera da solista l'anno successivo,[23][24] rimanendo in buoni rapporti col resto del gruppo.[25][26]

Williams ha vinto un numero record di 18 BRIT Awards,[27] più di qualunque altro artista,[28] incluso il BRITS Icon Award per il suo "impatto duraturo sulla cultura britannica", riconoscimento assegnato in precedenza solo a Elton John e David Bowie.[29] Nel 2004 Williams è stato inserito dal voto popolare nella UK Music Hall of Fame, diventando uno dei membri fondatori come "artista simbolo degli anni novanta",[30] mentre nel 2006 è entrato nel Guinness dei primati per aver venduto il maggior numero di biglietti in un solo giorno, 1,6 milioni, per il suo Close Encounters Tour.[31][32] I premi di Williams comprendono 10 Echo Awards,[33][34] 5 Ivor Novello Awards,[35] 4 Guinness World Record,[36][37][38] 4 MTV Europe Music Awards,[39] 1 MTV Asia Award,[40] 1 MTV Latin Music Award,[41] 1 MTV Video Music Award,[42] 1 World Music Award,[43] e 1 Bambi Award.[44] Nel 2014 è stato insignito delle chiavi della sua città natale Stoke-on-Trent,[45] nella quale sono stati creati anche percorsi turistici e strade rinominate in suo onore.[46][47]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Williams durante un’esibizione con il padre nel 2016

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Robert Peter Williams è nato a Stoke-on-Trent, nello Staffordshire, il 13 febbraio 1974 da Theresa Janet Farrell,[48] di origini irlandesi,[49] e Peter Williams.[50]

I genitori, che divorziarono quando Robbie aveva tre anni, erano i gestori di un pub di nome Red Lion a Burslem e poi licenziatari del Port Vale FC Social Club, fatto che lo ha poi portato a sviluppare un grande attaccamento per l'omonima squadra di calcio.[50] In seguito al divorzio la madre divenne una fiorista, mentre il padre divenne un apprezzato attore di teatro e comico, noto con lo pseudonimo di Pete Conway.[50][51]

Williams ha affermato in numerose occasioni di aver deciso di diventare un artista all'età di 10 anni dopo aver visto il padre esibirsi,[52][53] mentre lo accompagnava in tournée durante le vacanze estive.[51]

Dopo aver studiato alla St Margaret Ward Catholic School di Tunstall,[54] Williams frequentò la scuola di ballo UKDDF, dove partecipò a diversi spettacoli tra cui il musical Oliver!, adattamento del romanzo Oliver Twist, in cui interpretò Artful Dodger.[51][55]

L'inizio della carriera con i Take That (1990-1995)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990, il sedicenne Williams divenne il membro più giovane a entrare a far parte dei Take That. Secondo quando raccontato dallo stesso Williams, la madre lesse un annuncio pubblicitario in cui si cercavano membri per una nuova boy band e gli suggerì di provare a entrare nel gruppo.[48]

Dopo alcune apparizioni televisive e tournée tra piccoli club, scuole ed eventi in tutto il Paese tra il 1990 e il 1991, la carriera dei Take That ebbe una svolta con It Only Takes a Minute, cover della hit dei Tavares del 1975, che raggiunse la 7ª posizione della Official Singles Chart nel giugno 1992. Questo primo successo fu seguito da A Million Love Songs, anch’essa finita al numero sette in ottobre, e da Could It Be Magic, cover della hit di Barry Manilow del 1973, che raggiunse la 3ª posizione in classifica nel gennaio 1993. Nell'ottobre dello stesso anno il gruppo pubblicò l’album Everything Changes, che raggiunse la 1ª posizione della Official Albums Chart e generò quattro singoli consecutivi al numero uno nel Regno Unito, Pray, Relight My Fire, Babe e la title track Everything Changes, mentre altri due brani, Why Can't I Wake Up with You e Love Ain't Here Anymore, raggiunsero la Top 10.[56] L'album fu seguito da un tour nelle maggiori arene del Paese.[57]

Sebbene la maggior parte del materiale del gruppo fosse scritta e interpretata dal frontman Gary Barlow, Williams ebbe la possibilità di essere la voce principale del gruppo con i brani Could It Be Magic, I Found Heaven e Everything Changes. Tuttavia, nonostante il crescente successo, Williams cominciò a mostrarsi insofferente alle regole imposte dal manager Nigel Martin-Smith, e iniziò a fare un uso costante di alcol e cocaina.[58][59] Nel novembre 1994, l'abuso di droghe da parte di Williams era aumentato a tal punto da fargli rischiare l'overdose prima dell'esibizione del gruppo agli MTV Europe Music Awards 1994 di Berlino.[60] Tra 1994 e 1995 i Take That intrapresero un nuovo tour nelle maggiori arene europee, registrando fenomeni di isteria di massa mai visti per una band dai tempi della Beatlemania.[61]

Nel maggio 1995 il gruppo pubblicò Nobody Else, che esordì alla 1ª posizione nel Regno Unito e in gran parte d'Europa; i singoli Sure e Never Forget finirono in cima alla Official Singles Chart, mentre il terzo brano, Back For Good, raggiunse la 1ª posizione sia in patria, restandovi per quattro settimane, sia in altre trenta nazioni nel mondo, diventando il brano di maggior successo nella storia del gruppo.[62][63] Il brano riuscì ad entrare anche nella Top 10 della Billboard Hot 100 arrivando fino alla 7ª posizione, diventando il primo e unico successo del gruppo negli Stati Uniti.[64][65]

Mentre il gruppo godeva il suo periodo di massimo successo, i rapporti tra Williams e il resto della band si incrinarono definitivamente nel giugno di quell'anno; Williams era insoddisfatto per il costante rifiuto delle sue idee e per la leadership di Barlow, mentre il resto del gruppo riteneva che il cantante dovesse risolvere i suoi problemi di dipendenza.[66][67] Williams lasciò il gruppo nel luglio del 1995.[68] I Take That intrapresero quindi un tour mondiale per promuovere Nobody Else, tuttavia la crisi causata dell'abbandono di Williams portò il gruppo a decidere di separarsi al termine del 1995. Il 13 febbraio 1996, nel giorno del 22º compleanno di Williams, i Take That annunciarono formalmente la loro separazione.[69][70] Le loro due ultime pubblicazioni, la compilation Greatest Hits e il loro ultimo singolo How Deep Is Your Love, cover della hit dei Bee Gees del 1977, esordirono in cima alle classifiche britanniche nel marzo di quell'anno. Con tre album e otto singoli consecutivi alla 1ª posizione in classifica, la popolarità dei Take That in Gran Bretagna era stata insuperabile per quasi cinque anni.[56][71]

In seguito all'abbandono dei Take That, Williams proseguì con l'abuso di droga e alcol, diventando oggetto dell'attenzione dei tabloid britannici per diverse apparizioni pubbliche nelle quali era apparso poco lucido e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. La più famosa di queste, avvenuta durante l'esibizione degli Oasis al Festival di Glastonbury del 1995,[72] rovinò la sua amicizia con Noel e Liam Gallagher[73] e diventò, suo malgrado, uno dei momenti più iconici nella storia del festival.[74][75] La situazione continuò a peggiorare fino al 1997, quando con l'aiuto di Elton John, Williams entrò in riabilitazione per disintossicarsi e riprendere in mano la sua carriera.[76][77][78]

Inizio della carriera da solista: Life Thru a Lens (1996-1997)[modifica | modifica wikitesto]

Outfit utilizzato da Williams per la copertina di Life Thru a Lens

Nel giugno del 1996 Williams firmò con la Chrysalis Records, e si lanciò nella carriera solista con una cover di Freedom, hit di George Michael del 1990, che raggiunse la 2ª posizione della Official Singles Chart in agosto.[79] Incoraggiato da questo primo successo, Williams iniziò le registrazioni per il suo primo album da solista a Londra; qui conobbe il compositore e produttore Guy Chambers, che sarebbe diventato il suo co-autore principale per gran parte della sua carriera.[80] Il primo singolo dell'album, Old Before I Die, raggiunse la 2ª posizione in classifica nel marzo del 1997. Life Thru a Lens, realizzato in stile Britpop,[81] fu pubblicato in settembre esordendo all'undicesima posizione, mentre i singoli Lazy Days e South of the Border incontrarono un successo moderato; fu invece il quarto singolo estratto dall'album a far decollare definitivamente carriera di Williams.[82]

Angels esordì in Top 10 e vi rimase per 12 settimane, arrivando fino alla 4ª posizione e spingendo l'album in vetta alla Official Albums Chart; il brano entrò in classifica anche in altri venti Paesi nel mondo.[15] Nonostante non sia riuscito ad arrivare alla 1ª posizione, Angels rimane la canzone di maggior successo della carriera di Williams,[83] con vendite oltre 1,5 milioni di copie nel solo Regno Unito.[84] Nel 1999 ha vinto un Ivor Novello e un BRIT Award come "canzone dell'anno"; Williams vinse anche un secondo Ivor Novello come "cantautore dell'anno".[28][85] Nel 2004 è stata votata come "il miglior singolo che sarebbe dovuto essere al numero uno",[86][87] mentre nel 2005 ha vinto un secondo Ivor Novello Award come "brano del decennio",[88][89] e un secondo BRIT Award come "miglior singolo degli ultimi 25 anni",[90][91] oltre a risultare il brano più richiesto dai britannici per le cerimonie funebri.[92]

L'ultimo singolo estratto, Let Me Entertain You, raggiunse la 3ª posizione e vendette 450 000 copie;[84] nel video del brano Williams e i suoi musicisti apparivano truccati come membri dei KISS.[93][94]

Grazie al successo dei due brani, Life Thru a Lens rimase in Top 10 per 40 settimane consecutive; ad oggi, con vendite di oltre 2,5 milioni di copie, è uno dei 60 album più venduti di sempre nel Regno Unito; nel resto del mondo ha venduto 1,5 milioni di copie.

Per promuovere l'album Williams intraprese la sua prima tournée come solista, limitata inizialmente a piccoli club, teatri e sale da concerto in giro per l'Europa,[95][96] seguita poi da alcune date nei maggiori festival britannici.[97]

I've Been Expecting You e The Ego Has Landed (1998-1999)[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 1998 Williams iniziò a lavorare al suo secondo album in studio, I've Been Expecting You. Pubblicato nell'ottobre dello stesso anno,[98] esordì alla 1ª posizione della Official Albums Chart; a oggi ha venduto oltre cinque milioni di copie nel mondo, tre delle quali nel Regno Unito, diventando l'album best seller di Williams nel Paese e uno dei 60 più venduti di sempre. Grazie all'album, Williams vinse i suoi primi BRIT e MTV Europe Music Award come "miglior artista maschile".[27][28][39]

Il primo singolo estratto, Millennium, ispirato dal tema di You Only Live Twice di James Bond, divenne il primo brano numero uno da solista di Williams nel Regno Unito, vendendo oltre mezzo milione di copie.[84] Il video del brano, che conteneva riferimenti ad altri film della saga di James Bond come Thunderball e From Russia With Love,[99] vinse il BRIT Award come "video dell'anno" nel 1999.[27] I successivi singoli No Regrets, dedicato alla rottura con i Take That,[100] e Strong, vincitrice di un Ivor Novello Award per il miglior testo,[101] raggiunsero la Top 5 mentre il quarto singolo She's the One divenne il suo secondo brano al numero uno, vendendo mezzo milione di copie.[102] Il lato B del singolo, It's Only Us, fu scelto come tema per FIFA 2000.[103] Ai BRIT Awards 2000 She's the One vinse i premi come "canzone" e "video dell'anno".[27][104]

Grazie all'enorme successo dell'album, Williams intraprese un nuovo tour nelle maggiori arene del Paese, che contribuì a far crescere la sua reputazione come artista live e ad ampliare la sua popolarità in patria.[105]

Nel maggio del 1999 Williams pubblicò The Ego Has Landed, compilation che conteneva una selezione dei migliori brani tratti dai suoi primi due album,[106] con l'intento di lanciare la sua carriera negli Stati Uniti.[107] Williams partecipò come ospite al Tonight Show di Jay Leno[108] e al Late Show di David Letterman[109] e si esibì in un tour promozionale con concerti in piccole sale,[110][111][112] ma non riuscì a sfondare come nei mercati europei, restando sostanzialmente sconosciuto al pubblico statunitense.[113] Millennium e Angels ricevettero una buona rotazione in radio e su MTV,[114][115] ma una volta entrate nella Billboard Hot 100 si fermarono alla 72ª e 53ª posizione,[116] mentre nella Billboard 200 l'album non superò la 63ª posizione.[117] A oggi ha venduto 600 000 copie negli Stati Uniti, ed è l'unico lavoro di Williams ad avere ricevuto una certificazione dalla RIAA.[118] A livello internazionale l'album ha riscosso invece un maggiore successo, con vendite di circa 1,3 milioni di copie nel mondo.

In estate Williams partecipò come headliner ai maggiori festival europei, esibendosi davanti a enormi folle;[119] il concerto finale di Slane, davanti a oltre 80 000 fan,[120] divenne il sold-out più rapido nella storia del festival irlandese.[121][122] In ottobre partecipò al NetAid, concerto di beneficenza tenuto al Wembley Stadium; la sua esibizione fu tra le più apprezzate dell'evento.[123][124]

Sing When You're Winning (2000-2001)[modifica | modifica wikitesto]

Nel mezzo della promozione e dei tour del 1999, Williams iniziò a lavorare ad un nuovo album in studio, svoltando verso lo stile pop-rock. Pubblicato nell'agosto del 2000,[125] Sing When You're Winning divenne il primo grande successo internazionale di Williams, esordendo al primo posto in Gran Bretagna, Irlanda, Germania e Nuova Zelanda; l'album raggiunse la Top 10 in altri nove Paesi,[126] mentre negli Stati Uniti si fermò alla 110ª posizione della Billboard 200.[127] Con oltre 2,5 milioni di copie vendute, è uno dei 60 album più venduti di sempre nel Regno Unito; nel mondo ha venduto oltre sei milioni di copie. L'album fece vincere a Williams un BRIT Award e un MTV Europe Music Award come "miglior artista maschile" nel 2001.[27][28][39]

In Gran Bretagna il singolo di lancio Rock DJ diventò il suo terzo brano al numero uno, e con quasi un milione di copie vendute divenne il suo singolo di maggior successo dopo Angels.[128] Il brano raggiunse la 1ª posizione in classifica anche in Irlanda, Islanda, Nuova Zelanda, Messico e Argentina, entrando in Top 10 in altri tredici Paesi europei e in Australia.[129] Il video del brano vedeva Williams ballare in una discoteca; per attirare l'attenzione di una DJ il cantante cominciava a spogliarsi, poi proseguiva strappandosi pelle, muscoli e organi interni fino a rimanere uno scheletro.[130] Il video causò enormi controversie,[131] venendo censurato da numerosi canali,[132] mentre Williams fu accusato di satanismo.[133] A causa del suo contenuto esplicito, MTV trasmise il video solamente in fascia protetta;[134] nel 2006 il canale lo ha inserito al settimo posto della classifica "Most Groundbreaking Video Ever".[135] Nel 2001 il brano vinse due BRIT Award come "canzone" e "video dell'anno",[27][28] 1 MTV Video Music Award per i "migliori effetti speciali",[42] e 1 MTV Europe Music Award come "miglior canzone".[39] I singoli successivi, Kids (un duetto con Kylie Minogue),[136] Supreme e Let Love Be Your Energy, entrarono in Top 10 nella Official Singles Chart mentre l'ultimo, Eternity / The Road to Mandalay, divenne il quarto brano numero uno di Williams in patria, conquistando la Top 10 di altre 10 nazioni.[137] Il successo dei singoli rese Williams l'artista più trasmesso nelle radio britanniche per il terzo anno consecutivo.[121]

Una serie iniziale di concerti nelle arene europee nell'inverno del 2000 registrò il sold-out in poche ore,[138] e l'estate successiva Williams si imbarcò nel Weddings, Barmitzvahs & Stadiums Tour, il suo primo tour negli stadi;[139] a quel punto era l'artista più popolare in Gran Bretagna e in Europa.[121][140] Le date europee furono poi seguite dal suo primo tour nel Sud-est asiatico e in Oceania.[141]

Lo stesso anno Williams fu scelto per registrare una nuova versione di We Are the Champions dei Queen, come parte della colonna sonora del film A Knight's Tale.[142] Al termine delle registrazioni, il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor gli proposero di diventare il nuovo frontman del gruppo, rimasto inattivo dopo la morte di Freddie Mercury nel 1991; Williams tuttavia declinò l'offerta, non considerandosi all'altezza per un ruolo così importante.[143][144] Williams registrò anche un secondo brano per un'altra colonna sonora, Have You Met Miss Jones? di Lorenz Hart per il film Il diario di Bridget Jones.[145]

Swing When You're Winning (2001)[modifica | modifica wikitesto]

Influenzato dalla registrazione di Have You Met Miss Jones? e dalla sua passione per Frank Sinatra, Williams decise di prendere una nuova direzione musicale; terminato il tour per Sing When You're Winning iniziò a registrare quello che descrisse come "l'album che avevo sempre sognato di fare".[146] Pubblicato nel novembre del 2001 e costituito principalmente da cover swing e jazz di classici tratti dal Great American Songbook, Swing When You're Winning fu il terzo album di Williams a esordire alla 1ª posizione nel Regno Unito, restandovi per sette settimane consecutive, e diventando il secondo album più venduto dell'anno.[147] Anche all'estero l'album registrò un enorme successo, esordendo al primo posto nella European Top 100 Albums e in sette nazioni inclusa la Germania, dove rimase in vetta per otto settimane, mentre in altri undici Paesi raggiunse la Top 10.[148] L'album ha venduto oltre 7,5 milioni di copie nel mondo, 2,6 delle quali in Gran Bretagna, diventando uno dei 60 album più venduti di tutti i tempi nel Paese. I brani del disco includevano anche duetti di Williams con gli attori Nicole Kidman, Rupert Everett e Jane Horrocks e con il suo amico d'infanzia Jonathan Wilkes.[146] Il duetto con la Kidman in Somethin' Stupid,[149] cover del brano di Frank e Nancy Sinatra del 1967, divenne il suo quinto singolo numero uno nel Regno Unito,[150] il primo della sua carriera nella Eurochart Hot 100,[151] ed entrò nella Top 10 di altre 15 nazioni. Grazie al brano, Williams arrivò alla 1ª posizione delle classifiche di album e singoli britanniche simultaneamente per la prima volta nella sua carriera.[152]

Williams promosse l'album con uno speciale concerto alla Royal Albert Hall di Londra, il 10 ottobre 2001.[153] Lo spettacolo, trasmesso in diretta tv dalla BBC, ed eseguito con un'orchestra di 58 elementi, includeva la maggior parte dei brani contenuti nel disco e un duetto "live" con Sinatra.[154][155] Il concerto venne successivamente pubblicato in DVD,[156] e ottenne una nomination ai Grammy Award del 2003 come "Miglior Video Long Form".[157]

Escapology (2002-2003)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2002, Williams firmò con EMI un contratto per il valore di 125 milioni di dollari (80 milioni di sterline), il secondo contratto più redditizio nella storia della musica dopo quello di Michael Jackson e Sony del 1991,[158][159] e il più redditizio nella storia della musica britannica.[160]

Il mese successivo Williams pubblicò il suo quinto album in studio, Escapology.[161] Come i suoi predecessori esordì al primo posto della Official Albums Chart restando in vetta per dieci settimane consecutive,[162] e con vendite di oltre 1,4 milioni di copie in cinque settimane divenne l'album più venduto dell'anno nel Regno Unito.[163][164] Il disco esordì in vetta anche nella European Top 100 Albums e nelle classifiche di Irlanda, Germania, Svezia, Finlandia, Svizzera, Danimarca e Austria, raggiungendo in seguito il primo posto in altre cinque nazioni, e la Top 10 in altre otto.[165] Con circa otto milioni di copie vendute nel mondo è l'album in studio di maggior successo di Williams e, con oltre due milioni di copie vendute in Gran Bretagna, è uno dei 100 album più venduti di sempre nel Paese. L'enorme successo dell'album fece vincere a Williams il premio come "miglior artista maschile" ai BRIT Awards nel 2002 e nel 2003,[27][28] e agli MTV Asia Award,[40] oltre a un World Music Award come "artista maschile più venduto al mondo" nel 2003.[43]

Il primo singolo, Feel, vendette quattro milioni di copie diventando il più grande successo internazionale di Williams: raggiunse la 1ª posizione in Germania, Austria, Paesi Bassi, Italia, Portogallo, Polonia, Ungheria e Romania,[166] e la Top 10 in ogni altro Paese europeo inclusa la Gran Bretagna,[167] diventando il brano più trasmesso del 2003 in Europa.[168] Il video, ambientato in un ranch e girato in bianco e nero, vedeva la partecipazione dell'attrice Daryl Hannah.[169] Anche i successivi Something Beautiful, Sexed Up e Come Undone entrarono nella Top 10 del Regno Unito; l'ultimo brano, scritto interamente da Williams, divenne causa di tensioni con Guy Chambers che sfociarono nella loro separazione artistica, per via del linguaggio esplicito utilizzato dal cantante.[170] Come accaduto per Rock DJ, anche il video di Come Undone causò controversie e fu pesantemente censurato,[171] poiché mostrava Williams in un'orgia con donne e uomini e conteneva immagini violente e disturbanti.[172][173][174]

Williams era in quel momento uno degli artisti più popolari al mondo,[175][176][177] nonostante fosse ancora sostanzialmente sconosciuto negli Stati Uniti. Nella primavera del 2003 tentò nuovamente di sfondare nel mercato americano,[178] esibendosi al Tonight Show,[179][180] e al Tribeca Film Festival di New York,[181][182] ma l'album arrivò solo alla 43ª posizione nella Billboard 200,[183] rivelandosi un colossale flop.[184]

«Per la prima volta nella mia vita, sono senza parole. Non ho mai visto niente del genere in vita mia... e dopo queste tre notti non credo che la Gran Bretagna vedrà niente di simile per molto tempo a venire»
— Robbie Williams, Knebworth Park, 1-3 agosto 2003[185]

In Europa il cantante ricevette invece un'accoglienza trionfale: il Weekends of Mass Distraction Tour fu seguito da oltre 1,2 milioni di fan nei principali stadi del continente e incassò 100 milioni di dollari;[186][187] il culmine delle date estive vide Williams esibirsi di fronte a oltre 125 000 persone a sera in tre concerti consecutivi dal 1º al 3 agosto al Knebworth Park di Stevenage,[188] diventando "il più grande evento live nella storia nel Regno Unito",[16] e battendo ogni precedente record di affluenza nel Paese, con oltre 375 000 spettatori totali.[17][189]

Il live tratto dall'evento[190] attirò un'audience TV di 3,5 milioni di telespettatori,[191][192] e divenne l'album dal vivo/DVD più venduto di sempre nel Regno Unito;[193][194] in tutto il mondo ha venduto complessivamente oltre 5 milioni di copie.

La data estiva conclusiva del 9 agosto vide Williams esibirsi di fronte a oltre 135 000 persone al Phoenix Park di Dublino,[195] stabilendo il record per il concerto più grande mai tenuto in Irlanda.[18][19][196]

In ottobre partecipò al primo Prince's Trust Fashion Rocks alla Royal Albert Hall di Londra,[197][198] dove si esibì in Feel.[199]

Williams concluse quindi il tour con una serie di date invernali nelle arene europee e negli stadi di Australia e Nuova Zelanda,[200] facendo registrare sold-out immediati.[201][202]

Beyond the Sea, brano di Bobby Darin registrato da Williams per Swing When You're Winning, fu utilizzato dalla Pixar per i titoli di coda del film di animazione Alla ricerca di Nemo, che divenne il secondo film col maggior incasso dell'anno,[203] mentre A Man For All Seasons, scritta da Williams con il compositore Hans Zimmer fu inclusa nella colonna sonora del film Johnny English.[204]

Greatest Hits (2004-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2004 Williams pubblicò la sua prima biografia, Feel,[205] scritta in collaborazione con il giornalista Chris Heath.[206]

In ottobre uscì Greatest Hits,[207] che esordì alla 1ª posizione in diciotto Paesi[208] e nella European Top 100 Albums,[209] e divenne la compilation con le vendite più veloci di sempre nel Regno Unito, oltre un milione in meno di due mesi.[210] Con oltre 8,7 milioni di copie vendute nel mondo è l'album di maggior successo della carriera di Williams, e con vendite di oltre 2,4 milioni, è il suo sesto album nella lista dei 100 più venduti di sempre in Gran Bretagna.[211] L'album includeva i suoi maggiori successi fino a quel momento e due brani inediti realizzati con Stephen Duffy:[212] Radio, che divenne il suo sesto singolo al numero uno nel Regno Unito,[213][214] e il secondo nella Eurochart Hot 100, e Misunderstood, che entrò in Top 10 e fu scelto come parte della colonna sonora del film Che pasticcio, Bridget Jones!.[215] Williams partecipò anche alla colonna sonora del film De-Lovely, interpretando il brano di Cole Porter che dava il titolo alla pellicola, It's De-Lovely.[216]

In novembre Williams venne inserito nella UK Music Hall of Fame come membro fondatore dopo essere stato eletto "artista simbolo degli anni novanta" dal pubblico britannico, diventando, all'età di soli 30 anni, il più giovane artista mai introdotto.[30][217][218] Lo stesso mese partecipò con la Band Aid 20 alle registrazioni per la nuova versione di Do They Know It's Christmas?,[219] che rimase alla 1ª posizione nella Official Singles Chart per un mese e vendette oltre un milione di copie.[220]

Ai BRIT Awards del febbraio 2005, Williams ricevette un premio speciale per Angels, scelta dal pubblico britannico come "miglior singolo degli ultimi 25 anni".[90][91] In maggio Angels vinse anche un secondo premio agli Ivor Novello Awards come "brano del decennio",[88][89] mentre un sondaggio lo decretò come il brano più richiesto dai britannici per le proprie cerimonie funebri.[92]

Il 2 luglio Williams partecipò al Live 8 di Londra, nella sua prima esibizione nel Regno Unito in due anni.[221] Presentato da David Beckham, Williams salì sul palco verso la fine della serata,[222] davanti ad un pubblico di oltre 200 000 persone radunato a Hyde Park.[223] Dopo aver eseguito We Will Rock You in omaggio ai Queen, si esibì in Let Me Entertain You, Feel e Angels,[224] coinvolgendo il pubblico in un gigantesco karaoke di massa e ricevendo la reazione più entusiastica della serata.[225][226][227] La sua performance attirò anche il picco di audience tv del concerto, con quasi 10 milioni di telespettatori sintonizzati sulla BBC;[228] descritta come "estatica", fu considerata una delle migliori dell'evento.[229][230][231] Nei giorni successivi, le vendite di Williams aumentarono del 300%.[232]

Intensive Care (2005-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2005 fu pubblicato Intensive Care, il sesto album in studio di Williams e il primo co-scritto insieme a Stephen Duffy,[233] che esordì alla 1ª posizione nella European Top 100 Albums, nel Regno Unito, dove diventò il secondo album più venduto dell'anno,[234] e in altri venti Paesi tra cui Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Svizzera, Austria e Danimarca.[235] L'album fece vincere a Williams il suo terzo premio come "miglior artista maschile" agli MTV Europe Music Awards 2005,[39][236] e il premio di "miglior artista pop internazionale" agli MTV Latin Music Awards del 2006.[41] Complessivamente l'album ha venduto oltre 6,5 milioni di copie nel mondo. Il singolo di esordio, Tripping, divenne un nuovo successo internazionale, raggiungendo il numero uno nella Eurochart Hot 100, in Germania, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Argentina e Taiwan, e la Top 5 in altri dieci Paesi incluso il Regno Unito, dove arrivò al numero due.[235] Il video del singolo successivo, Advertising Space, venne girato da David LaChapelle e vedeva Williams in un tributo ad Elvis Presley,[237] mentre l'ultimo brano estratto dall'album, Sin Sin Sin, divenne il primo della sua carriera a non entrare in Top 10 in Gran Bretagna, interrompendo una serie di 22 successi consecutivi nella Official Singles Chart.[238]

Il 9 ottobre Williams lanciò l'album con uno speciale concerto al Velodrom di Berlino,[239] trasmesso in diretta in 21 cinema europei.[240][241]

In novembre il cantante fu dichiarato l'artista più venduto del XXI secolo in Gran Bretagna, con vendite superiori ai 6,3 milioni di album in meno di cinque anni.[242][243]

Lo stesso mese, il canale ITV mandò in onda il documentario Take That: For the Record,[244] realizzato in occasione del 10º anniversario dallo scioglimento del gruppo. Lo speciale includeva interviste a fan, collaboratori e agli ex componenti della band, incluso Williams, e si concludeva con il primo incontro in quasi dieci anni tra Gary Barlow, Howard Donald, Mark Owen e Jason Orange.[245] Nonostante fosse stato invitato all'incontro, Williams non si presentò, mandando invece un video registrato in cui si scusava per il suo comportamento passato e per gli insulti che aveva rivolto negli anni agli ex compagni.[246] Il documentario attirò 6 milioni di telespettatori e riaccese l'interesse nei confronti nel gruppo.[247][248] Pochi giorni dopo venne pubblicato un nuovo greatest hits, Never Forget – The Ultimate Collection e venne annunciato un nuovo tour di reunion; Williams fu invitato ad unirsi, ma declinò l'offerta,[247][248] concedendo tuttavia al gruppo di realizzare un suo ologramma da utilizzare durante i concerti.[249][250][251]

Williams in concerto ad Amburgo nel luglio del 2006

Il 19 novembre furono messi in vendita i biglietti per il tour europeo di Williams del 2006;[252] in 24 ore ne furono venduti oltre 1,6 milioni per un valore di 143 milioni di dollari, facendo entrare l'artista nel Guinness dei Primati per "il maggior numero di biglietti venduti in un solo giorno".[31][32][253] Oltre 1 milione fu venduto nelle prime tre ore, rendendolo il tour con le vendite più veloci di sempre;[254] le ulteriori date annunciate in Sudafrica, Asia, America Latina e Australia furono anch'esse sold-out in poche ore.[255][256][257] Il Close Encounters Tour fu visto da 2,7 milioni di fan in Europa,[258] mentre in Australia stabilì un record senza precedenti di oltre mezzo milione di spettatori;[259][260] in totale fu seguito da oltre 3,6 milioni di fan in venti nazioni,[261] ed ebbe incassi superiori ai 270 milioni di dollari.[187] Williams era a quel punto il più grande artista maschile al mondo, con la sola eccezione degli Stati Uniti.[262] Il suo secondo spettacolo al Roundhay Park di Leeds, tenuto il 9 settembre davanti a 90 000 spettatori,[263] fu trasmesso in diretta da Sky e divenne il primo concerto a essere mandato in onda in alta definizione in Gran Bretagna.[264]

Rudebox e il ritiro dalle scene (2006-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2006 Williams rilasciò il suo settimo album in studio, Rudebox, frutto della collaborazione con i Pet Shop Boys, Mark Ronson, William Orbit e Lily Allen.[265] Realizzato come un insieme di brani originali e cover in stile dance, dub e hip hop, l'album esordì alla 1ª posizione nella European Top 100 Albums e in Gran Bretagna, Germania, Italia, Austria, Svizzera, Danimarca e Finlandia.[266] Il primo singolo, la title track Rudebox, raggiunse il numero uno in Germania, Svizzera, Italia e Messico, ed entrò in Top 10 in altri nove Paesi incluso il Regno Unito, dove arrivò fino alla 4ª posizione.[267] Nonostante il successo, il brano venne pesantemente stroncato dalla critica e il Sun arrivò a definirlo "la peggior canzone di sempre".[268][269] Anche l'album subì recensioni fortemente negative,[270][271] e dopo la buona partenza iniziale calò nelle vendite fermandosi a 2,6 milioni di copie nel mondo, un gigantesco flop rispetto ai suoi predecessori. Gli altri singoli estratti, Kiss Me, Lovelight e She's Madonna ottennero risultati modesti; il video dell'ultimo brano, un tributo a Madonna che vedeva Williams nei panni di una drag queen,[272] fu aspramente criticato.[273] Anche se negli anni seguenti Rudebox e i suoi brani hanno ricevuto un'ampia rivalutazione,[274][275][276] l'impatto negativo sulla carriera di Williams fu enorme,[277] e da quel momento in poi le sue vendite non si ripresero mai completamente. A causa degli scarsi risultati ottenuti la EMI subì cospicue perdite finanziarie e arrivò a licenziare i dirigenti responsabili della promozione dell'album, mentre il cantante, già stressato dalla fine del Close Encounters Tour, finì in depressione e ricadde nella spirale della dipendenza da cocaina, alcol e farmaci.[278][279]

Dopo aver trascorso l'inizio del 2007 in rehab in Arizona,[280][281] Williams abbandonò completamente la scena musicale ritirandosi a vivere nell'anonimato a Los Angeles.[282] Nell'anno e mezzo successivo il cantante cambiò radicalmente aspetto, ingrassando notevolmente e apparendo trascurato,[283][284] mentre dedicava la maggior parte del suo tempo alla ricerca di UFO e prove dell'esistenza di extraterrestri insieme all'amico giornalista Jon Ronson.[285][286] Nel mentre, in patria, Williams tornò ad essere il soggetto preferito della stampa scandalistica che contrappose la sua situazione a quella dei Take That, tornati all'apice del successo grazie al loro nuovo album di inediti Beautiful World.[287][288][289]

Reality Killed the Video Star e In and Out of Consciousness (2009-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2008 i manager di Williams confermarono le voci secondo cui l'artista era pronto a tornare sulla scena musicale,[290][291] e nel gennaio 2009 fu annunciato ufficialmente che il cantante stava realizzando un nuovo album di inediti, dopo essersi riavvicinato a Guy Chambers.[292] In quegli stessi mesi Williams si riappacificò anche con Gary Barlow, incontrandolo a Los Angeles, e successivamente anche con il resto dei Take That, mettendo fine ad una faida pubblica che durava da quasi 15 anni.[293][294]

In novembre fu pubblicato Reality Killed the Video Star,[295] l'ottavo album in studio di Williams e il primo dopo tre anni di assenza dalle scene.[296] Nel Regno Unito l'album esordì alla 2ª posizione e divenne il primo della sua carriera a non arrivare al primo posto della Official Albums Chart,[297] venendo superato dall'album di esordio dei JLS per un margine di vendite inferiore all'1%, appena 1 500 copie,[298][299] mentre esordì in vetta alla European Top 100 Albums e nelle classifiche di Germania, Austria, Svizzera e Paesi Bassi, raggiungendo la Top 10 in altri sette Paesi.[298][300] Il disco fu pubblicato anche negli Stati Uniti, il primo dai tempi di Escapology, ma incontrò lo stesso disinteresse dei predecessori fermandosi alla 160ª posizione della Billboard 200 e divenne l'ultimo lavoro di Williams a essere pubblicato nel Paese.[301] Complessivamente, ha venduto circa 2,4 milioni di copie nel mondo.

Come l'album, anche il singolo di lancio Bodies non riuscì ad arrivare alla 1ª posizione in classifica nel Regno Unito e si fermò al secondo posto della Official Singles Chart, registrando tuttavia le vendite settimanali più alte per un suo singolo dal 2000, ai tempi di Rock DJ.[302] In Europa divenne una hit, raggiungendo il primo posto in Germania, Austria, Svizzera, Italia e nella Eurochart Hot 100, dove divenne il quarto singolo numero uno della carriera di Williams, entrando poi in Top 10 in altre otto nazioni.[303][304] Il video del brano,[305] girato in un vecchio aeroporto nel deserto del Mojave, vedeva Williams riprendere il controllo di sé stesso con il ritorno alla sua vecchia forma, in un parallelismo simbolico con la sua vita reale e la sua carriera.[306][307] Il video di You Know Me, brano entrato in Top 10 nel Regno Unito, era ambientato un mondo fantastico ispirato ad Alice nel Paese delle meraviglie,[308] mentre l'ultimo singolo estratto, Morning Sun, venne scritto da Williams come tributo a Michael Jackson, scomparso pochi mesi prima.[309]

Il 20 ottobre Williams si esibì nel suo primo concerto dal vivo in tre anni, alla Roundhouse di Londra;[310] trasmesso in diretta in oltre 250 cinema di 23 Paesi, ottenne un record nel Guinness dei primati per "la più grande proiezione cinematografica simultanea di un concerto dal vivo".[36][311] Nonostante il successo dello spettacolo, Williams era ancora scosso dall'esperienza di Rudebox e spaventato dall'idea di tornare sul palco a tempo pieno, e decise quindi di non intraprende alcun tour a sostegno dell'album.[282] A causa di questo problema, Williams rifiutò anche un'offerta di 26 milioni di dollari per sostituire Simon Cowell come giurato nel talent show American Idol.[312][313]

Ai BRIT Awards 2010, Williams ricevette l'Outstanding Contribution to Music Award per il suo "eccezionale contributo alla musica britannica",[314] e chiuse la serata esibendosi in un medley di vecchi successi e nuovi brani.[315] In febbraio partecipò alla registrazione del singolo benefico Everybody Hurts, al fine di raccogliere fondi per la popolazione di Haiti colpita dal terremoto; il brano esordì alla 1ª posizione nel Regno Unito, vendendo oltre 450 000 copie in una settimana.[316]

In settembre, in occasione del 20º anniversario dall'inizio della sua carriera musicale, Williams pubblicò il libro You Know Me, realizzato nuovamente con Chris Heath,[317] mentre il mese successivo uscì la raccolta In and Out of Consciousness: The Greatest Hits 1990-2010, doppio album che ripercorreva la carriera del cantante con 37 dei suoi brani più rappresentativi e due nuovi inediti, Shame, che arrivò alla 2ª posizione della Official Singles Chart, e Heart and I, entrambi scritti in collaborazione con Gary Barlow.[318] La raccolta esordì alla 1ª posizione nel Regno Unito, dove divenne il secondo album con le vendite più veloci dell'anno,[319] in Germania e Austria, e arrivò in Top 5 in altri sei Paesi,[320] vendendo oltre 1,8 milioni di copie.

Alla fine del 2010, con oltre 13,3 milioni di album, Williams era diventato l'artista più venduto del XXI secolo e degli anni 2000 nel Regno Unito, ottenendo un nuovo record nel Guinness dei primati;[13][37] aveva trascorso 23 settimane alla 1ª posizione nella Official Album Chart, più di qualunque altro artista o gruppo musicale,[321] ed era stato l'artista maschile il più trasmesso dalle radio del Paese durante il decennio.[14]

La reunion con i Take That (2010-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo diversi mesi di voci e dichiarazioni non confermate, nel luglio 2010 Williams annunciò ufficialmente il suo ritorno nei Take That, a 15 anni esatti dalla loro separazione.[322][323] L'annuncio includeva anche la conferma di un nuovo album in studio del gruppo, il primo della formazione originale dal 1995.[324] L'uscita dell'album venne anticipata da un documentario tv sulla reunion, che attirò 5 milioni di spettatori,[325] e dal nuovo singolo The Flood, che arrivò alla 2ª posizione della Official Singles Chart e vendette oltre 600 000 copie.[326] Progress, pubblicato in novembre,[327][328] esordì alla 1ª posizione nel Regno Unito, dove vendette oltre 520 000 copie nella prima settimana di uscita,[329] diventando il secondo album con le vendite più veloci di sempre nel Paese[21][330] e il più venduto dell'anno con oltre 1,8 milioni di copie,[331][332] così come in Irlanda, Danimarca e nella European Top 100 Albums,[333] dove divenne l'ultimo album al numero uno nella storia della classifica.[334][335]

Williams si esibisce con i Take That durante il tour Progress Live

Contemporaneamente all'uscita dell'album, la band annunciò che avrebbe intrapreso un tour nei maggiori stadi del Regno Unito nell'estate del 2011 e che lo spettacolo avrebbe incluso una sezione da solista per Williams, nella quale avrebbe eseguito alcuni dei suoi maggiori successi.[336] Oltre 1,3 milioni di biglietti furono venduti nelle prime 24 ore;[337] a causa dell'enorme richiesta, i principali siti di vendita britannici andarono in crash e le linee telefoniche rimasero bloccate;[338] ulteriori date annunciate lo stesso giorno registrarono il sold-out immediato.[339] Con 29 date sold-out, incluse due serie record di 8 concerti consecutivi al City of Manchester Stadium e al Wembley Stadium di Londra,[340] oltre 1,8 milioni di spettatori totali e 185 milioni di dollari di incassi,[341][342] Progress Live è diventato il tour di maggior successo di tutti i tempi in Gran Bretagna e Irlanda, superando il record stabilito da Michael Jackson nel 1988 con il suo Bad World Tour,[22][343] e il terzo tour di maggior successo dell'anno, senza neppure calcolare le date tenute successivamente nelle principali città europee.[344]

Come ulteriore promozione al tour, nel giugno 2011 fu pubblicato Progressed, EP che aggiungeva 8 nuovi inediti al precedente album.[345][346] Il brano Love Love venne inserito nella colonna sonora di X-Men - L'inizio,[347] mentre When We Were Young in quella de I tre moschettieri.[348] In novembre fu pubblicato l'album dal vivo/DVD Progress Live,[349][350][351] registrato durante i concerti di Manchester e Londra,[352] che vendette oltre 700 000 copie.

Grazie al tour, il gruppo vinse il premio "Top Boxscore" per i concerti al Wembley Stadium ai Billboard Touring Awards 2011,[353] e il premio come "migliore artista live dell'anno" ai Virgin Media Music Awards del 2012.[354]

Parallelamente alla collaborazione con il gruppo, Williams scrisse e registrò con Brad Paisley il duetto Collision of Worlds, che venne incluso nella colonna sonora del film d'animazione Cars 2.[355]

In ottobre Williams annunciò di aver lasciato nuovamente i Take That per riprendere la carriera da solista, restando in ottimi rapporti con il resto del gruppo;[23][24] Gary Barlow affermò che "per Robbie la porta è sempre aperta, e può tornare quando vuole".[25] Negli anni successivi vi sono state numerose voci e dichiarazioni secondo cui Williams era "pronto a tornare" per nuovi album, tour e anniversari del gruppo, tuttavia per diversi motivi tali ritorni non si sono concretizzati.[356][357] Williams è comunque tornato ad esibirsi con i Take That in più occasioni nel corso degli anni,[358][359][360][361] e ha annunciato anche nuovi progetti futuri tra lui e il gruppo.[362][363]

Williams sul set del video di Candy

Take the Crown (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2011, Williams annunciò di aver lasciato EMI e di aver firmato un nuovo contratto con Universal Music per la pubblicazione di un nuovo album.[3][4] Il 4 giugno 2012 Williams si esibì come artista d'apertura al concerto per le celebrazioni del Giubileo di Diamante della Regina Elisabetta II, organizzato da Gary Barlow e tenuto sul Mall davanti a Buckingham Palace, alla presenza della famiglia reale britannica.[364] Introdotto dai trombettieri delle guardie reali a cavallo, Williams eseguì Let Me Entertain You e Mack the Knife,[365] davanti a un pubblico stimato tra le 250 000 e le 500 000 persone.[366][367]

In novembre uscì Take the Crown, nono album da solista del cantante,[368] che esordì alla 1ª posizione nel Regno Unito, in Irlanda, Paesi Bassi, Germania, Svizzera e Austria,[369] e che ha venduto circa 1,3 milioni di copie nel mondo.

Per la seconda volta nella sua carriera, Williams riuscì ad arrivare alla 1ª posizione delle classifiche di album e singoli britanniche simultaneamente;[152][370] Candy, il singolo di lancio dell'album scritto insieme a Gary Barlow, esordì infatti al primo posto della Official Singles Chart e divenne il quattordicesimo singolo al numero uno della sua carriera, il settimo come solista, nel Regno Unito.[10][371] Candy divenne anche il singolo di un'artista maschile con le vendite più veloci dell'anno,[372] e il secondo più veloce della sua carriera dopo Rock DJ;[373] con oltre 700 000 copie vendute è anche il suo terzo brano di maggior successo nel Paese.[374] Appena pochi giorni prima il cantante era stato eliminato dalle playlist della BBC Radio 1, in quanto giudicato "troppo vecchio" e "non più rilevante" dai vertici dell'emittente.[375][376] Il brano raggiunse il primo posto anche nei Paesi Bassi, ed entrò in Top 10 nella European Top 100 e in altre 7 nazioni inclusa la Germania,[377] dove infranse il record di passaggi alla radio, con quasi 2,600 in una sola settimana.[378] Nel video della canzone Williams vestiva i panni dell'angelo custode di una giovane ragazza, interpretata dall'attrice Kaya Scodelario.[379]

Per promuovere l'album Williams eseguì un mini tour invernale nel 2012 che culminò in tre sold-out alla O2 Arena di Londra,[380][381] l'ultimo dei quali fu trasmesso da Sky in alta definizione,[382][383] mentre nell'estate del 2013 si imbarcò nel Take the Crown Stadium Tour, il suo primo tour da solista in sette anni.[384] Svoltosi interamente in Europa, fu seguito da oltre 1,5 milioni di fan,[385] e incassò 130 milioni di dollari;[187] la penultima data, tenuta al Lauluväljak Ground di Tallinn davanti a 70 000 spettatori,[386] fu trasmessa in diretta nei cinema di 27 nazioni,[387][388] e venne successivamente pubblicata come album dal vivo/Blu-Ray.[389]

Contemporaneamente al tour invernale, Williams prese parte al singolo benefico He Ain't Heavy, He's My Brother, registrato per commemorare le vittime della strage di Hillsborough,[390] che raggiunse la 1ª posizione nel Regno Unito.[391] L'estate seguente, mentre si trovava in tour, registrò Goin' Crazy, un duetto con il rapper Dizzee Rascal,[392] che entrò nella Top 5 della Official Singles Chart.[393]

Swings Both Ways e Under the Radar Vol. 1 (2013-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2013 Williams pubblicò Swings Both Ways, il suo decimo album in studio e il secondo in stile swing della sua carriera.[394] Il nuovo lavoro comprendeva sia cover sia brani originali, includeva duetti di Williams con Lily Allen, Michael Bublé, Kelly Clarkson, Olly Murs e Rufus Wainwright e rappresentava la prima collaborazione tra il cantante e Guy Chambers dopo 11 anni di separazione artistica.[395] Nel Regno Unito esordì alla 1ª posizione, diventando il 1 000º album della storia ad arrivare in vetta alla Official Album Charts,[396] e uno dei più venduti dell’anno.[397] L’album arrivò al numero uno anche in Germania, Austria, Svizzera e Croazia,[398] e raggiunse la Top 10 in altri dieci Paesi, vendendo oltre 1,9 milioni di copie nel mondo.

Go Gentle, il singolo principale dell’album, entrò in Top 10 nel Regno Unito;[399] nel video Williams era vestito da ufficiale della Royal Navy ed eseguiva il brano su un carro da parata decorato da nave che si muoveva per le strade del centro di Los Angeles.[400]

In occasione del 40º compleanno di Williams nel febbraio 2014, la sua città natale, Stoke-on-Trent, gli conferì le proprie chiavi,[45] e rinominò una serie di strade in suo onore, creando anche una serie di percorsi turistici.[46][47]

Nella primavera e nell'estate seguenti, Williams promosse l'album con Swings Both Ways Live,[401] il suo primo tour nelle arene europee in 14 anni, nonché il primo a visitare l'Asia e l'Australia in 8 anni,[402] da cui venne in seguito tratto un nuovo album dal vivo.[403]

In ottobre venne pubblicato The Days, singolo del DJ Avicii cantato da Williams,[404] che arrivò al primo posto in Svezia ed entrò in Top 10 in altri otto Paesi e nella European Top 100.[405]

All'inizio di dicembre, Williams pubblicò a sorpresa Under the Radar Vol.1, compilation che metteva insieme b-side, demo e brani inediti registrati per i precedenti album in studio, acquistabile esclusivamente sul suo sito ufficiale.[406] Nell'estate 2015 Williams tornò ad esibirsi dal vivo con il Let Me Entertain You Tour,[407] la prima tournée della sua carriera a non toccare il Regno Unito, preferendo invece fare tappa in luoghi mai visitati prima tra Europa e Medio Oriente,[408] seguiti da un tour autunnale in Oceania.[409] Durante il tour europeo, Williams tenne un concerto gratuito nella piazza del Palazzo dei Principi del Principato di Monaco, come parte delle celebrazioni per i 10 anni di regno del Principe Alberto II;[410] le date tenute a Parigi furono registrate e pubblicate in esclusiva sul sito ufficiale del cantante.[411]

The Heavy Entertainment Show, Under the Radar Vol. 2 e X Factor (2016-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2016, dopo la scadenza del contratto con Universal, Williams firmò un nuovo accordo discografico con Sony Music per la pubblicazione del suo undicesimo album in studio.[412] The Heavy Entertainment Show, uscito in novembre,[413] esordì alla 1ª posizione nel Regno Unito, rendendo Williams l'artista britannico con il maggior numero di album in vetta alla Official Albums Chart,[2][6][414] così come in Irlanda, Paesi Bassi e Svizzera ed entrò in Top 10 in altri undici Paesi. Complessivamente l'album ha venduto oltre 800 000 copie nel mondo.

Lo stesso mese Williams ricevette il BRITS Icon Award, il più alto riconoscimento previsto dai BRIT Awards,[415] per il suo "impatto duraturo sulla cultura britannica", un premio assegnato in precedenza solo ad Elton John e David Bowie.[29] Con questo nuovo riconoscimento, Williams ha portato il suo numero di BRIT Awards a 18, più di qualunque altro artista o gruppo e il doppio di quanto vinto dagli altri artisti più premiati,[27][28] ottenendo anche un nuovo record nel Guinness dei primati.[38] Williams celebrò l'evento con una speciale performance al Troxy Theater di Londra,[416][417] che incluse una reunion coi i Take That,[358] e che venne trasmessa su ITV il mese successivo.[415] Pochi giorni dopo il cantante vinse anche il premio come "miglior artista internazionale" ai Bambi Award.[44]

Nell'estate 2017 Williams fece tappa nei maggiori stadi europei con l'Heavy Entertainment Show Tour, davanti a oltre un milione di fan.[418] Subito prima di iniziare la nuova tournée, Williams si esibì al concerto benefico One Love Manchester, tenuto in seguito all'attentato del 22 maggio precedente;[419] presentato sul palco dai Take That, Williams cantò Strong e Angels,[420] coinvolgendo i 55 000 spettatori presenti in un karaoke di massa[421] e trasformando la sua esibizione in uno dei momenti salienti dell'evento.[422] Poco dopo partecipò anche ad una seconda iniziativa di beneficenza, registrando Bridge over Troubled Water insieme ad altri artisti[423] per raccogliere fondi in seguito all'incendio della Grenfell Tower; il brano arrivò alla prima posizione della Official Singles Chart.[424]

In settembre il cantante pubblicò la sua autobiografia, Reveal,[425] mentre in novembre rilasciò sul suo sito Under the Radar Vol.2, sequel del precedente album.[426] Dopo una pausa di alcuni mesi, il tour riprese nella primavera del 2018, facendo tappa in Oceania.[418]

Williams si esibisce alla cerimonia di apertura del mondiale di Russia 2018

Il 14 giugno 2018, Williams si esibì come atto principale alla cerimonia di apertura del Campionato mondiale di calcio 2018, allo Stadio Lužniki di Mosca.[427] Dopo aver aperto la sua performance con Let Me Entertain You e Feel, il cantante eseguì Angels in duetto con il soprano russo Aida Garifullina e Rock DJ;[428][429] durante il finale del brano, Williams rivolse alle telecamere il gesto del dito medio,[430] portando la rete statunitense Fox a scusarsi per l’incidente avvenuto.[431][432][433]

Nel luglio 2018 Williams venne ufficialmente annunciato come nuovo giudice della 15ª stagione di X Factor UK;[434] ottenuta la categoria dei gruppi,[435] riuscì a portare in semifinale il duo Acacia & Aaliyah.[436] Nella serata finale del programma, Williams si esibì con un medley dei suoi maggiori successi accompagnato dai concorrenti,[437][438][439] e in una nuova performance di reunion con i Take That.[360][440]

Terminata l'esperienza televisiva, Williams concluse il tour con una serie di date in America Latina in novembre, tornando a visitare il continente dopo 12 anni,[418][441] e registrando oltre 1,5 milioni di spettatori e 113 milioni di dollari di incassi complessivi.[187]

Residency a Las Vegas e The Christmas Present (2019-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2019 Williams pubblicò Under the Radar Vol. 3,[442] mentre in marzo iniziò il suo primo residency show, Robbie Williams: Live in Las Vegas, al Wynn Theater di Las Vegas. Annunciati nel novembre precedente,[443] i concerti rappresentavano la prima tournée del cantante negli Stati Uniti in 20 anni; le prime 6 date furono sold-out in meno di 30 minuti,[5] portando gli organizzatori ad aggiungerne altre 10, anch'esse immediatamente esaurite;[444][445] i vertici di AEG Live lo definirono il sold-out più veloce della loro carriera e Williams "un sogno che diventa realtà".[5] Dopo aver ricevuto recensioni unanimemente positive[446][447][448][449] e ulteriori richieste di biglietti, venne annunciata una seconda serie di date per l'estate 2020, anch'essa completamente sold-out.[450][451]

Terminati i concerti a Las Vegas, Williams partecipò da headliner ad alcuni festival europei incluso il British Summer Time di Londra,[452] esibendosi davanti a 70 000 persone a Hyde Park,[453][454] e ricevendo recensioni estremamente entusiastiche.[455][456][457][458][459]

In novembre venne pubblicato The Christmas Present, il dodicesimo album in studio di Williams e il primo di carattere natalizio,[460] contenente duetti con Helene Fischer, Rod Stewart, Bryan Adams, Jamie Cullum e Tyson Fury. L'album arrivò alla 1ª posizione nel Regno Unito nella sua seconda settimana di rilascio,[461] diventando il 13º disco di Williams a riuscire nell'impresa, rendendolo l'artista solista con il maggior numero di album al numero uno nella storia della Official Albums Chart.[11][12] In dicembre Williams promosse l'album con due speciali concerti sold-out alla Wembley Arena di Londra.[462]

In seguito allo scoppio della pandemia di COVID-19 nel marzo 2020, Williams fu costretto a cancellare una serie di spettacoli previsti nei mesi seguenti,[463][464] tra cui uno speciale concerto "di ritorno a casa" al Vale Park Stadium di Stoke-on-Trent,[465] e tutta la seconda serie di date a Las Vegas;[466] il cantante affermò inoltre di aver contratto il virus in forma lieve.[467] In maggio Williams organizzò insieme ai Take That un concerto in streaming,[468] la loro prima performance insieme in due anni.[361]

In dicembre il cantante annunciò una serie di progetti futuri, tra cui la formazione di un nuovo gruppo musicale e la creazione di un night club e di una propria galleria d'arte, menzionando le città di Berlino e a Tokyo come probabili destinazioni.[469]

Nel febbraio 2021 Williams ha annunciato l'arrivo di un biopic sulla sua vita, dal titolo Better Man, per la regia di Michael Gracey.[470]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Williams al Festival di Cannes 2015 in compagnia della moglie Ayda Field

Robbie Williams è sposato con l'attrice statunitense di origini turche Ayda Field, a cui è legato dal 2006. Il matrimonio ha avuto luogo il 7 agosto 2010, nella villa di Williams a Beverly Hills.[471]

Il 18 settembre 2012 è nata la prima figlia della coppia, Theodora Rose;[472] il secondo figlio, Charlton Valentine, è nato il 27 ottobre 2014.[473] Il 19 agosto 2018 è nata la terzogenita Colette Josephine,[474] data alla luce da una madre surrogata a causa di problemi di fertilità della coppia.[475] Il 5 febbraio 2020 è nato Beau Benedict Enthoven,[476] anch'esso dato alla luce dalla stessa madre surrogata.[475]

Prima di conoscere Ayda Field, Williams ha avuto relazioni con diverse celebrità, tra cui Nicole Appleton, Geri Halliwell, Rachel Hunter, Lindsay Lohan, Naomi Campbell e Cameron Diaz.[477]

Negli anni 2000 vi sono state speculazioni riguardo alla possibile omosessualità o bisessualità di Williams; il cantante ha più volte fatto riferimento a tali voci nei suoi lavori, come nei video di Come Undone,[172] She's Madonna,[272] e Shame,[478] nei brani Your Gay Friend e Swings Both Ways e negli spettacoli a Las Vegas.[479] Nel 2005 ha vinto una causa per diffamazione, dopo che tre giornali avevano affermato che stesse nascondendo al pubblico la sua omosessualità, ricevendo un risarcimento di oltre 200 000 sterline.[480]

Problemi di salute[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni Williams ha combattuto malattie mentali, depressione e problemi di autostima, ansia, obesità, dismorfofobia, andropausa e agorafobia.[313][481][482][483] Tra gli anni 90 e 2000, il cantante ha sviluppato una grave dipendenza da alcol e da sostanze stupefacenti che lo ha portato a disintossicarsi in rehab per due volte, nel 1997[76][77][78] e nel 2007.[280][281]

Patrimonio e residenze[modifica | modifica wikitesto]

Williams ha un patrimonio stimato in almeno 300 milioni di dollari,[484] e possiede residenze di lusso tra Los Angeles, Malibù e Londra.[485] Ha vissuto stabilmente a Los Angeles dal 2004 al 2012, tornando a vivere in patria dopo la nascita della figlia Theodora.[486] Nel 2020 si è trasferito con la famiglia in Svizzera, acquistando una villa sulle rive del Lago di Ginevra.[487]

Passione per il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Williams è un grande amante del calcio fin dall'infanzia; negli anni è arrivato da sostenere di aver intrapreso il lavoro sbagliato, e di preferire la carriera di calciatore a quella di cantante.[488] Nel 2018, dopo essere stato scelto dalla FIFA come atto principale alla cerimonia di apertura del Campionato mondiale di calcio 2018, il cantante ha affermato di aver "realizzato un sogno dell'infanzia".[489]

Williams gioca durante il Soccer Aid del 2006

Port Vale FC[modifica | modifica wikitesto]

Williams è da sempre tifoso della squadra della sua città natale, il Port Vale FC,[490] dove i genitori avevano lavorato come licenziatari.[50] Nel 1999 il suo brano It's Only Us è stato scelto come tema per FIFA 2000;[103] come parte dell'accordo, Williams ha ottenuto da EA Sports l'inclusione nel videogioco del Port Vale, nonostante la squadra si trovasse solo nella Football League Two, la quarta divisione del calcio inglese.[491] Nel febbraio 2006 ha acquisito la maggioranza azionaria del club, allora in difficoltà finanziarie, investendo 250 000 sterline[490] e mantenendola fino al 2012.[492] Nel dicembre 2019 Williams ha visitato la sede del club, esibendosi sul campo da gioco con il brano Time For Change,[493] e progettando con i nuovi proprietari la creazione di un ristorante a lui dedicato con vista sul campo;[494] nel dicembre seguente ha effettuato una nuova visita, per aiutare a disegnare e promuovere le nuove divise della squadra.[495]

Los Angeles Vale FC[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, mentre viveva a Los Angeles, Williams ha fondato una sua squadra di calcio chiamata Los Angeles Vale FC insieme ad altri amici famosi, costruendo anche un campo sportivo privato all'interno della sua proprietà.[496] Il nome e il logo del club erano ispirati a quelli del Port Vale di Stoke-on-Trent.[497] Il club è stato sciolto nel 2007, quando Williams ha scoperto che due dei giocatori lo avevano truffato per circa 200 000 sterline.[498]

Interesse per gli alieni e i fenomeni paranormali[modifica | modifica wikitesto]

Williams nutre un grande interesse verso UFO, extraterrestri e fenomeni paranormali; la sua passione per l'argomento lo ha portato a a prendere parte ad una serie di convention organizzate in Nevada e ad un documentario per BBC Radio 4 insieme all'amico giornalista Jon Ronson, tra il 2007 e il 2008.[285][286]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

UNICEF[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 Williams è stato introdotto nell'UNICEF dall'amico Ian Dury e nel 2000 è diventato ambasciatore dell'organizzazione per il Regno Unito, visitando Mozambico, Sudafrica, Haiti e Messico nel corso degli anni successivi.[499]

Soccer Aid[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2006 Williams organizza insieme all'amico Jonathan Wilkes il Soccer Aid, evento benefico con frequenza prima biennale e in seguito annuale, allo scopo di raccogliere fondi per i programmi UNICEF in Asia, Africa e Sud America.[500] La manifestazione prevede una partita di calcio amichevole tra le squadre "Resto del Mondo" e "Inghilterra", composte da ex calciatori professionisti e celebrità internazionali e britanniche. L'evento si è sempre tenuto all'Old Trafford Stadium di Manchester, ad eccezione delle edizioni 2008 e 2019, quando è stato organizzato al Wembley Stadium e allo Stamford Bridge Stadium di Londra.[501][502] Dalla sua prima edizione, il Soccer Aid ha raccolto un totale di oltre 38 milioni di sterline;[499] l'edizione 2020 ha raccolto una cifra record di oltre 9,3 milioni di sterline.[503]

Altre attività benefiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 Williams ha creato un'associazione di beneficenza operante nello Staffordshire chiamata Give It Sum, con l'obiettivo di "migliorare le condizioni locali" e "dare soldi a coloro che sono svantaggiati".[504] Dal 2002 è inoltre patrono del Donna Louise Trust, ospedale pediatrico con sede a Stoke-on-Trent.[505]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Robbie Williams.

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Con i Take That[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 – Take That & Party Tour
  • 1993/1994 – Everything Changes Tour
  • 1994/1995 – Pops Tour
  • 2011 – Progress Live

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 Williams ha prestato la sua voce ad un personaggio animato, il cane Dougal, tra i protagonisti del film The Magic Roundabout.[506]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 è stato rilasciato da Nordic Games il videogioco karaoke per Wii We Sing Robbie Williams, contenente 25 dei suoi brani tra pubblicati tra il 1997 e il 2010.[507]

Radio, Vlog e podcast[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 Williams ha lanciato un programma radiofonico online dal titolo Radio Rudebox, con la collaborazione di Gary Barlow.[508]

Dal luglio 2017 al dicembre 2019 Williams ha tenuto il proprio Vlog personale, Vloggie Williams, sul suo canale YouTube ufficiale.[509] In seguito allo scoppio della pandemia di COVID-19 nel marzo 2020 e al conseguente periodo di quarantena, Williams ha effettuato dirette quotidiane sul suo profilo Instagram nelle quali ha interagito con i fan e ha eseguito le canzoni da essi richieste in una sorta di karaoke online improvvisato, ribattezzato "coronaoke".[510] Nel periodo natalizio ha tenuto un podcast insieme alla moglie Ayda, chiamato At Home With The Williamses.[511]

Linea di abbigliamento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Williams ha lanciato Farrell Clothing, linea di abbigliamento dedicata al nonno Jack Farrell. L'attività è cessata brevemente nel 2013 ed è stata rilanciata l'anno seguente nei negozi della catena Primark, con il supporto dell'imprenditore Peter Jones.[512][513]

Musical[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 Williams ha collaborato al musical The Band, incentrato sui brani dei Take That, in veste di co-produttore insieme agli altri membri del gruppo.[514]

Nel 2018 ha realizzato, insieme Guy Chambers, la colonna sonora del musical The Boy in the Dress,[515] tratto dall'omonimo libro scritto dall'amico e presentatore tv David Walliams.[516][517] Lo spettacolo è stato presentato al Royal Shakespeare Theatre di Stratford-upon-Avon l'anno successivo.[518]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Robbie Williams, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ a b (EN) Robbie Williams is officially the most successful British solo act ever, su Metro, 11 novembre 2016. URL consultato il 22 marzo 2021.
  3. ^ a b (EN) Robbie Williams splits with EMI after £80 million deal that went sour. URL consultato il 23 marzo 2021.
  4. ^ a b (EN) Robbie Williams Leaves EMI for Universal: Inside the Deal, su The Hollywood Reporter, 21 ottobre 2011. URL consultato il 23 marzo 2021.
  5. ^ a b c (EN) Robbie Williams' Winning Opening Weekend in Las Vegas: 'The Fastest Sellout of My Career,' Says AEG Exec, su Billboard. URL consultato il 22 marzo 2021.
  6. ^ a b (EN) Robbie Williams is the most successful British soloist in Albums Chart history, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  7. ^ 10 of Robbie Williams' biggest songs of all time, su translate.google.it.
  8. ^ https://www.bpi.co.uk/certified-awards.aspx, su bpi.co.uk.
  9. ^ (EN) The best-selling albums of all time on the Official UK Chart, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  10. ^ a b (EN) Robbie Williams equals Gary Barlow’s career tally as Candy hits Number 1, su www.officialcharts.com. URL consultato il 23 marzo 2021.
  11. ^ a b (EN) Acts with the most Number 1 albums on the Official UK Chart, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  12. ^ a b (EN) Robbie Williams hits number one and equals Elvis Presley's UK chart record, in BBC News, 6 dicembre 2019. URL consultato il 22 marzo 2021.
  13. ^ a b Top-selling album act of the 21st century in the UK, su www.vercalendario.info. URL consultato il 23 marzo 2021.
  14. ^ a b (EN) Madonna named most-played artist of the decade, su The Telegraph. URL consultato il 22 marzo 2021.
  15. ^ a b Robbie Williams, su mn2s.com.
  16. ^ a b Fans go wild for Robbie, BBC, 17 giugno 2018.
  17. ^ a b (EN) Evening Chronicle, Record-breaker Robbie wows the crowds, su ChronicleLive, 1º agosto 2003. URL consultato il 22 marzo 2021.
  18. ^ a b (EN) Record numbers attend Robbie Williams concert, 9 agosto 2003. URL consultato il 22 marzo 2021.
  19. ^ a b (EN) Thousands in Dublin for Phoenix Park concert, su The Irish Times. URL consultato il 22 marzo 2021.
  20. ^ (EN) Robbie Williams rejoins Take That after 15 years, su the Guardian, 15 luglio 2010. URL consultato il 22 marzo 2021.
  21. ^ a b Take That has century's biggest-selling UK album launch - Yahoo! News UK, su web.archive.org, 24 novembre 2010. URL consultato il 22 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2010).
  22. ^ a b (EN) PROGRESS LIVE, su Robbie Williams. URL consultato il 29 marzo 2021.
  23. ^ a b (EN) Robbie Williams quits Take That again after '£10m' comeback, su The Telegraph. URL consultato il 22 marzo 2021.
  24. ^ a b ROBBIE WILLIAMS LEAVES FOR THE SECOND TIME, su takethat.com.
  25. ^ a b (EN) Barlow says Robbie can return to Take That any time, 19 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2021.
  26. ^ (EN) Robbie Williams reunites with Take That at Brit Awards gig, in BBC News, 8 novembre 2016. URL consultato il 22 marzo 2021.
  27. ^ a b c d e f g h (EN) Brit Award Winners 1977 - Present, su Totally Timelines, 18 febbraio 2020. URL consultato il 23 marzo 2021.
  28. ^ a b c d e f g (EN) The biggest BRIT Awards winners of all time, su Radio X. URL consultato il 22 marzo 2021.
  29. ^ a b (EN) Robbie Williams: BRITs Icon, su BRIT Awards. URL consultato il 5 dicembre 2016.
    «The previous winners are Sir Elton John and David Bowie. [...] Robbie will be celebrating this [...] on 7 November».
  30. ^ a b (EN) Fri, 12 Nov, 2004 - 07:13, UK Hall of Fame musicians inducted, su Irish Examiner, 12 novembre 2004. URL consultato il 22 marzo 2021.
  31. ^ a b (EN) Most tour tickets sold in a day (concerts), su Guinness World Records. URL consultato il 22 marzo 2021.
  32. ^ a b Robbie Williams Enters The Guinness Book of World Records, su news.softpedia.com (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  33. ^ Robbie Williams ECHO Awards - Cerca con Google, su www.google.com. URL consultato il 27 marzo 2021.
  34. ^ Take That ECHO Awards - Cerca con Google, su www.google.com. URL consultato il 27 marzo 2021.
  35. ^ (EN) UNIVERSAL MUSIC PUBLISHING GROUP SIGNS ROBBIE WILLIAMS TO GLOBAL ADMINISTRATION DEAL, su UMG, 4 novembre 2019. URL consultato il 22 marzo 2021.
  36. ^ a b Robbie Williams Concert Breaks Record, su Billboard, 20 ottobre 2009. URL consultato il 23 marzo 2021.
  37. ^ a b (EN) Top-selling album act of the 21st century in the UK, su Guinness World Records. URL consultato il 23 marzo 2021.
  38. ^ a b (EN) Most BRIT awards won by an individual, in Guinness World Records. URL consultato il 27 marzo 2021.
  39. ^ a b c d e Robbie Williams MTV Europe Music Awards - Cerca con Google, su www.google.com. URL consultato il 27 marzo 2021.
  40. ^ a b (EN) 2003 MTV Asia Awards Winners List, su Top40-Charts.com. URL consultato il 25 marzo 2021.
  41. ^ a b A Panda y Maná, premios MTV Latinoamérica 2006 - La Jornada, su www.jornada.com.mx. URL consultato il 25 marzo 2021.
  42. ^ a b Rock On The Net: 2001 MTV Video Music Awards, su www.rockonthenet.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  43. ^ a b 2003 World Music Awards Winners, su Billboard, 13 ottobre 2003. URL consultato il 22 marzo 2021.
  44. ^ a b BAMBI for “Music International” goes to Robbie Williams | BAMBI, su bambi-awards.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  45. ^ a b (EN) Robbie Williams given Freedom of Stoke-on-Trent, in BBC News, 20 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2021.
  46. ^ a b (EN) Mary-ann Astle, The Stoke-on-Trent Robbie Williams Tourist Trail - all you need to know, su StokeonTrentLive, 27 novembre 2019. URL consultato il 22 marzo 2021.
  47. ^ a b (EN) Robbie Williams' 40th birthday sees streets named, in BBC News, 24 gennaio 2014. URL consultato il 22 marzo 2021.
  48. ^ a b Jan Williams | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 23 marzo 2021.
  49. ^ (EN) Robbie Williams grandfather came from Kilkenny, su kclr96fm.com, KCLR96FM, 12 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2014).
  50. ^ a b c d Pete Conway | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 23 marzo 2021.
  51. ^ a b c (EN) Robbie Williams and his Dad: The fascinating story of the singing pair’s relationship, su Smooth. URL consultato il 23 marzo 2021.
  52. ^ Robbie Williams • Sweet Caroline feat. Dad Pete Conway • The Heavy Entertainment Show Tour 2017. URL consultato il 23 marzo 2021.
  53. ^ Robbie Williams & his father - Sweet Caroline Live @ AccorHotels Arena, Paris, 2017. URL consultato il 23 marzo 2021.
  54. ^ (EN) Robbie doing it for the kids with awards, thisisstaffordshire.co.uk, 19 settembre 2008.
  55. ^ (EN) Robbie Williams: The ego has flown, su NZ Herald. URL consultato il 22 marzo 2021.
  56. ^ a b Take That | full Official Chart History | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  57. ^ (EN) David Morton, Remember When: Take That at Whitley Bay in 1993, su ChronicleLive, 5 dicembre 2013. URL consultato il 22 marzo 2021.
  58. ^ (EN) Robbie: 'Drugs gave me best times of my life', su The Telegraph. URL consultato il 22 marzo 2021.
  59. ^ (EN) Robbie Williams: 'I was 24 hours from death on drugs', su The Telegraph. URL consultato il 22 marzo 2021.
  60. ^ (EN) Robbie Williams reveals he was high and clucking like a chicken when he met wife Ayda, su The Sun, 16 settembre 2017. URL consultato il 22 marzo 2021.
  61. ^ www.bbc.co.uk, https://www.bbc.co.uk/programmes/articles/2dYGrJsSP9v06WLSSvMVp6d/take-that-from-boy-band-to-national-treasures. URL consultato il 22 marzo 2021.
  62. ^ (EN) Take That’s Top 40 Biggest Selling Songs, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  63. ^ (EN) The Story of... 'Back for Good' by Take That, su Smooth. URL consultato il 22 marzo 2021.
  64. ^ Take That, su Billboard. URL consultato il 22 marzo 2021.
  65. ^ (EN) Why Didn't Take That Take Over America?, su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2021.
  66. ^ (EN) Why did Robbie Williams first leave Take That? And what year was it?, su Smooth. URL consultato il 22 marzo 2021.
  67. ^ (EN) Why Did Take That Split Up? The Members Have Spoken Out & The Truth Is So Sad, su Bustle. URL consultato il 22 marzo 2021.
  68. ^ (EN) 20 Years Ago Today... Robbie Broke A Million Hearts, Including Mark Owen's, su HuffPost UK, 17 luglio 2015. URL consultato il 22 marzo 2021.
  69. ^ (EN) Katy Forrester, Rebecca Merriman, It's been 20 YEARS since Take That broke a million hearts and split up, su mirror, 13 febbraio 2016. URL consultato il 22 marzo 2021.
  70. ^ (EN) Reuters Archive Licensing, su Reuters Archive Licensing. URL consultato il 22 marzo 2021.
  71. ^ Take That conquer both singles and albums charts | News | Music Week, su www.musicweek.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  72. ^ Robbie Williams' most morto moments of all time · The Daily Edge, su www.dailyedge.ie. URL consultato il 23 marzo 2021.
  73. ^ (EN) Robbie Williams 'not mod enough' to be friends with Oasis, su www.standard.co.uk, 4 febbraio 2013. URL consultato il 23 marzo 2021.
  74. ^ (EN) Glastonbury most iconic moments ever - from Adele to Robbie Williams, su The Sun, 28 giugno 2020. URL consultato il 23 marzo 2021.
  75. ^ (EN) Sam Warner, Robbie returns to Glasto 21 years after THAT weekend, su Digital Spy, 27 giugno 2016. URL consultato il 23 marzo 2021.
  76. ^ a b Elton John Forced Robbie Williams Into Rehab | The Jonathan Ross Show. URL consultato il 23 marzo 2021.
  77. ^ a b (EN) Tue, 31 Aug, 2004 - 16:32, Robbie Williams: 'Elton John forced me into rehab', su Irish Examiner, 31 agosto 2004. URL consultato il 1º aprile 2021.
  78. ^ a b (EN) Blackman Shane, Chilling Out: The Cultural Politics of Substance Consumption, Youth and Drug Policy, McGraw-Hill Education (UK), 1º luglio 2004, ISBN 978-0-335-20072-6. URL consultato il 23 marzo 2021.
  79. ^ Robbie Williams | full Official Chart History | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  80. ^ (EN) Suchandrika Chakrabarti, "I'm still intimidated by him": what it's like to be the ghostwriter behind some of pop's greatest hits, su Prospect Magazine, 17 giugno 2019. URL consultato il 24 marzo 2021.
  81. ^ (EN) Life Thru a Lens - Robbie Williams | Songs, Reviews, Credits | AllMusic. URL consultato il 22 marzo 2021.
  82. ^ (EN) Life Thru A Lens, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  83. ^ Robbie Williams - Angels (Official Video). URL consultato il 24 marzo 2021.
  84. ^ a b c (EN) Mega hit producer Guy Chambers announces debut album, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  85. ^ (EN) Reuters Archive Licensing, su Reuters Archive Licensing. URL consultato il 22 marzo 2021.
  86. ^ (EN) Angels 'should have topped chart', 13 agosto 2004. URL consultato il 22 marzo 2021.
  87. ^ 9 songs that were scandalously robbed of the No1 spot · The Daily Edge, su www.dailyedge.ie. URL consultato il 22 marzo 2021.
  88. ^ a b (EN) Beatles snubbed in top song list, su www.standard.co.uk, 12 aprile 2012. URL consultato il 22 marzo 2021.
  89. ^ a b (EN) Guardian Staff, Portrait: Guy Chambers's life after Robbie, su the Guardian, 25 maggio 2005. URL consultato il 22 marzo 2021.
  90. ^ a b (EN) Robbie wins best song award, su the Guardian, 9 febbraio 2005. URL consultato il 22 marzo 2021.
  91. ^ a b BBC - Radio 2 - Brit Awards, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 22 marzo 2021.
  92. ^ a b (EN) Angels 'favourite funeral song', 10 marzo 2005. URL consultato il 22 marzo 2021.
  93. ^ Robbie Williams - Let Me Entertain You (Official Video). URL consultato il 24 marzo 2021.
  94. ^ (EN) Stan Hawkins, The British Pop Dandy: Masculinity, Popular Music and Culture, Ashgate Publishing, Ltd., 2009, ISBN 978-0-7546-5858-0. URL consultato il 22 marzo 2021.
  95. ^ (EN) The Show Off Must Go On, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  96. ^ (EN) THE EGO HAS LANDED, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  97. ^ (EN) THE FESTIVALS, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  98. ^ (EN) I've Been Expecting You, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  99. ^ Robbie Williams - Millennium. URL consultato il 24 marzo 2021.
  100. ^ Robbie Williams | No Regrets | Live at Abbey Road 2003. URL consultato il 22 marzo 2021.
  101. ^ (EN) Ivor Winner, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  102. ^ (EN) Number 1 today in 1999: Robbie Williams – She's The One, su www.officialcharts.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  103. ^ a b Andrea "Woody" Bosco, 02) FIFA 2000: Robbie Williams – It’s Only Us, su DigiManiacs, 4 aprile 2020. URL consultato il 22 marzo 2021.
  104. ^ Robbie Williams - She's The One (Official Video). URL consultato il 24 marzo 2021.
  105. ^ (EN) ONE MORE FOR THE ROGUE, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  106. ^ (EN) The Ego Has Landed, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  107. ^ (EN) MTV News Staff, Robbie Williams To Issue U.S. Debut, su MTV News. URL consultato il 22 marzo 2021.
  108. ^ (FR) Robbie Williams Live - 1999 - 3 Novembre - Angels - The Tonight Show - Jay Leno - NBC, su www.robbiewilliamslive.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  109. ^ 1999 - 4 Mai - The Late Show With David Letterman - Millennium. URL consultato il 26 marzo 2021.
  110. ^ (EN) MTV News Staff, Robbie Williams Lines Up U.S. Tour, su MTV News. URL consultato il 23 marzo 2021.
  111. ^ (EN) THE MAN, THE MYTH, THE TAX BILL, su Robbie Williams. URL consultato il 22 marzo 2021.
  112. ^ (EN) GET YOUR COAT BABY, YOU'VE PULLED!, su Robbie Williams. URL consultato il 22 marzo 2021.
  113. ^ (EN) It's Been 20 Years Since Robbie Williams Failed To Take America, su Stereogum, 6 settembre 2019. URL consultato il 22 marzo 2021.
  114. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 23 marzo 2021.
  115. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 23 marzo 2021.
  116. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 23 marzo 2021.
  117. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 22 marzo 2021.
  118. ^ (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 22 marzo 2021.
  119. ^ (EN) FESTIVAL TOUR, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  120. ^ (EN) Slane bracing for invasion by 80,000, su independent. URL consultato il 23 marzo 2021.
  121. ^ a b c (EN) Lure of the hellraiser who just wants to entertain you, su independent. URL consultato il 23 marzo 2021.
  122. ^ 12 wonderful memories of THAT Robbie Williams Slane concert, su www.dailyedge.ie. URL consultato il 23 marzo 2021.
  123. ^ (EN) Netaid at Wembley (Live Review David Bowie, George Michael, Robbie Williams), su MARTIN'S IN LA LA LAND..., 7 novembre 2016. URL consultato il 23 marzo 2021.
  124. ^ (EN) Chris Heath, Reveal: Robbie Williams, Bonnier Publishing Ltd., 21 settembre 2017, ISBN 978-1-911600-26-8. URL consultato il 23 marzo 2021.
  125. ^ (EN) Sing When You're Winning, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  126. ^ Steffen Hung, Robbie Williams - Sing When You're Winning, su hitparade.ch. URL consultato il 23 marzo 2021.
  127. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 23 marzo 2021.
  128. ^ (EN) Flashback: Robbie Williams' Rock DJ was Number 1 20 years ago, su www.officialcharts.com. URL consultato il 23 marzo 2021.
  129. ^ (EN) Robbie Williams set to reshoot Rock DJ music video to celebrate its 20th anniversary, su Smooth. URL consultato il 23 marzo 2021.
  130. ^ Robbie Williams - Rock DJ. URL consultato il 23 marzo 2021.
  131. ^ (EN) ROBBIE'S SHOCK 'ROCK..', su NME, 7 luglio 2000. URL consultato il 23 marzo 2021.
  132. ^ (EN) Robbie Williams plans to reshoot 'controversial' music video, su FM104. URL consultato il 23 marzo 2021.
  133. ^ BBC News | ENTERTAINMENT | Robbie video banned for 'Satanism', su news.bbc.co.uk. URL consultato il 23 marzo 2021.
  134. ^ (EN) 12 banned music videos, su oobject.com. URL consultato il 23 marzo 2021.
  135. ^ Madonna's 'Like A Prayer' Voted Most Groundbreaking Video of All Time! | MTV Networks UK & Ireland, su web.archive.org, 7 novembre 2009. URL consultato il 23 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2009).
  136. ^ Robbie Williams and Kylie Minogue - Kids. URL consultato il 24 marzo 2021.
  137. ^ (EN) U.K. Charts Welcome Robbie, Usher At No. 1, su Billboard. URL consultato il 31 marzo 2021.
  138. ^ (EN) THE SERMON ON THE MOUNT, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  139. ^ (EN) WEDDINGS, BARMITZVAHS & STADIUMS, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  140. ^ (EN) Festival Flashback: Robbie Williams, Knebworth Festival 2003 - Festicket Magazine, su Festicket. URL consultato il 27 marzo 2021.
  141. ^ (EN) SING WHEN YOU'RE PACIFIC RIMMING, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  142. ^ A Knight's Tale (2001) - IMDb. URL consultato il 23 marzo 2021.
  143. ^ Robbie Williams Was Asked to Join Queen. URL consultato il 23 marzo 2021.
  144. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Is Robbie Williams Queen's New Knight?, su Los Angeles Times, 29 aprile 2001. URL consultato il 23 marzo 2021.
  145. ^ (EN) Bridget Jones' Diary, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  146. ^ a b (EN) Swing When You're Winning, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  147. ^ (EN) Robbie: The great entertainer, 27 febbraio 2001. URL consultato il 23 marzo 2021.
  148. ^ Chartsurfer.de, Swing When You're Winning von Robbie Williams, su www.chartsurfer.de. URL consultato il 23 marzo 2021.
  149. ^ Robbie Williams and Nicole Kidman - Somethin' Stupid (Official Video). URL consultato il 24 marzo 2021.
  150. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 23 marzo 2021.
  151. ^ https://worldradiohistory.com/UK/Music-and-Media/00s/2002/MM-2002-01-26.pdf (PDF), su worldradiohistory.com.
  152. ^ a b (EN) Robbie Williams crowned king of the charts with Number 1 single and album, su www.officialcharts.com. URL consultato il 30 marzo 2021.
  153. ^ ROBBIE WILLIAMS Live At The Albert Hall. URL consultato il 24 marzo 2021.
  154. ^ (EN) Robbie sings Sinatra at Albert Hall, 11 ottobre 2001. URL consultato il 23 marzo 2021.
  155. ^ Rockol com s.r.l, √ Robbie Williams - LIVE AT THE ALBERT - la recensione di Rockol.it, su Rockol. URL consultato il 23 marzo 2021.
  156. ^ (EN) Live At The Albert, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  157. ^ (EN) Robbie Williams, su GRAMMY.com, 23 novembre 2020. URL consultato il 23 marzo 2021.
  158. ^ (EN) [http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/2291605.stm Robbie signs '�80m' deal], 2 ottobre 2002. URL consultato il 23 marzo 2021.
  159. ^ (EN) Robbie's £80m deal puts EMI on new path, su the Guardian, 5 ottobre 2002. URL consultato il 23 marzo 2021.
  160. ^ (EN) Robbie Williams Signs Record U.K. Deal, su Billboard. URL consultato il 23 marzo 2021.
  161. ^ (EN) Escapology, su Robbie Williams. URL consultato il 23 marzo 2021.
  162. ^ (EN) Lynette Holloway, MEDIA; Struggling EMI Pins U.S. Hopes On Over-the-Top British Singer, in The New York Times, 3 marzo 2003. URL consultato il 24 marzo 2021.
  163. ^ (EN) The biggest selling album of every year since 1956, su www.officialcharts.com. URL consultato il 23 marzo 2021.
  164. ^ Robbie Williams is top of 2002 chart, su thetimes.co.uk.
  165. ^ Robbie Williams - Escapology - hitparade.ch, su hitparade.ch. URL consultato il 23 marzo 2021.
  166. ^ (EN) Songfacts, Feel by Robbie Williams - Songfacts, su www.songfacts.com. URL consultato il 23 marzo 2021.
  167. ^ (EN) Blast from the Past- Robbie William's 'Feel', su Robbie Williams, 17 aprile 2007. URL consultato il 23 marzo 2021.
  168. ^ (EN) Robbie song is Europe's biggest, 28 gennaio 2004. URL consultato il 23 marzo 2021.
  169. ^ Robbie Williams - Feel (Official Video). URL consultato il 24 marzo 2021.
  170. ^ (EN) Paul Scott, Robbie and Gary: It's Complicated - The Unauthorised Biography, Pan Macmillan, 2 settembre 2011, ISBN 978-0-283-07156-0. URL consultato il 23 marzo 2021.
  171. ^ (EN) Luke Beardsworth, Something Beautiful: The 16 best-ever Robbie Williams songs, su BirminghamLive, 27 giugno 2014. URL consultato il 23 marzo 2021.
  172. ^ a b Robbie Williams - Come Undone. URL consultato il 24 marzo 2021.
  173. ^ Manuel Vieni, Come Undone: il significato del brano di Robbie Williams, su Auralcrave, 19 aprile 2019. URL consultato il 23 marzo 2021.
  174. ^ (EN) Songfacts, Come Undone by Robbie Williams - Songfacts, su www.songfacts.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  175. ^ (EN) Over 85,000 tickets sold for Robbie, su independent. URL consultato il 24 marzo 2021.
  176. ^ (EN) Robbie Williams, Duran Duran, Nesian Mystik at Western Springs, su NZ Herald. URL consultato il 24 marzo 2021.
  177. ^ (EN) Joe Humphreys, Sale of Robbie Williams tickets sets record, su The Irish Times. URL consultato il 24 marzo 2021.
  178. ^ (EN) Let Robbie Williams entertain you, su NZ Herald. URL consultato il 24 marzo 2021.
  179. ^ Robbie Williams - Feel (Live 2003) (With Katie Couric, Simon Cowell, & Mike Myers). URL consultato il 23 marzo 2021.
  180. ^ (EN) Jeff C, Robbie Williams Entertains Tonight Show Crowd | popdirt.com, su popdirt.com, 15 maggio 2003. URL consultato il 23 marzo 2021.
  181. ^ (EN) Caroline Sullivan, Robbie Williams gratis and cocktails compliments of the Neptunes, in The Guardian, 13 maggio 2003. URL consultato il 23 marzo 2021.
  182. ^ (EN) British Superstar Robbie Williams, Chart-Topping Dancehall, in Bloomberg.com, 2 maggio 2003. URL consultato il 23 marzo 2021.
  183. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 23 marzo 2021.
  184. ^ (EN) Lynette Holloway, U.S. Stardom Eludes British Pop Sensation, in The New York Times, 19 maggio 2003. URL consultato il 23 marzo 2021.
  185. ^ https://www.youtube.com/watch?v=KInsf5scgPA
  186. ^ (EN) WEEKENDS OF MASS DISTRACTION, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  187. ^ a b c d (EN) Highest Grossing Live Acts of All-Time, su UKMIX Forums. URL consultato il 26 marzo 2021.
  188. ^ (EN) Robbie Williams @ Knebworth - eFestivals.co.uk, su www.efestivals.co.uk. URL consultato il 24 marzo 2021.
  189. ^ (EN) Robbie Williams, Knebworth Park, Stevenage, su The Independent, 10 ottobre 2013. URL consultato il 24 marzo 2021.
  190. ^ Robbie Williams | Live At Knebworth: 10th Anniversary Edition | Trailer. URL consultato il 24 marzo 2021.
  191. ^ (EN) Alan Davies, Robbie Williams to celebrate 10th anniversary of Knebworth concerts, su Welwyn Hatfield Times, 4 aprile 2013. URL consultato il 24 marzo 2021.
  192. ^ (EN) Take That- Uncensored On the Record, Coda Books Ltd, ISBN 978-1-908538-96-3. URL consultato il 24 marzo 2021.
  193. ^ (EN) Live At Knebworth, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  194. ^ (EN) Janet Kersnar, Never Mind the Music, su CFO, 12 febbraio 2004. URL consultato il 24 marzo 2021.
  195. ^ (EN) Pop star thrills 135,000 in park, su independent. URL consultato il 24 marzo 2021.
  196. ^ (EN) Tue, 05 Aug, 2003 - 13:41, 135,000 expected to attend Robbie Williams gig, su Irish Examiner, 5 agosto 2003. URL consultato il 24 marzo 2021.
  197. ^ (EN) WalesOnline, Robbie Williams to headline Prince's Trust spectacular, su WalesOnline, 22 luglio 2003. URL consultato il 24 marzo 2021.
  198. ^ (EN) FashionUnited, Fashion Rocks, su FashionUnited, 17 ottobre 2003. URL consultato il 24 marzo 2021.
  199. ^ Robbie Williams - Feel (The Prince's Trust Fashion Rocks 2003). URL consultato il 24 marzo 2021.
  200. ^ (EN) COCK OF JUSTICE / AUSSIE TYPO TOUR, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  201. ^ (EN) Robbiemania 2003 starts right here, su NZ Herald. URL consultato il 24 marzo 2021.
  202. ^ (EN) Robbie conquers adoring crowd, su The Sydney Morning Herald, 14 dicembre 2003. URL consultato il 24 marzo 2021.
  203. ^ (EN) Finding Nemo, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  204. ^ (EN) Johnny English, su Robbie Williams. URL consultato il 29 marzo 2021.
  205. ^ (EN) Feel, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  206. ^ (EN) bethinking.org, Feel: Robbie Williams, su bethinking.org, 17 marzo 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  207. ^ (EN) Greatest Hits, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  208. ^ Robbie Williams News Archive 2004, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 24 marzo 2021.
  209. ^ Robbie, Band Aid Keep Top Euro Posts, su Billboard, 30 dicembre 2004. URL consultato il 24 marzo 2021.
  210. ^ (EN) Caroline Sullivan, CD: Robbie Williams, Greatest Hits, in The Guardian, 17 dicembre 2004. URL consultato il 24 marzo 2021.
  211. ^ (EN) Robbie Williams on course for Official Charts Number 1 double!, su www.officialcharts.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  212. ^ Rockol com s.r.l, √ Nuovo album di Robbie Williams: tutti i dettagli, su Rockol. URL consultato il 24 marzo 2021.
  213. ^ (EN) Juliana Rasul, This Week In 2004, su The New Paper, 19 ottobre 2016. URL consultato il 24 marzo 2021.
  214. ^ (EN) ROBBIE HAS 'RADIO' HIT, su NME, 10 ottobre 2004. URL consultato il 24 marzo 2021.
  215. ^ Bridget Jones: The Edge of Reason (2004) - IMDb. URL consultato il 24 marzo 2021.
  216. ^ (EN) De-Lovely, su Robbie Williams. URL consultato il 29 marzo 2021.
  217. ^ Robbie enters UK's Music Hall of Fame, su Mail Online. URL consultato il 24 marzo 2021.
  218. ^ (EN) Robbie joins UK pop Hall of Fame, 12 novembre 2004. URL consultato il 24 marzo 2021.
  219. ^ (EN) World premiere of Band Aid song, 16 novembre 2004. URL consultato il 24 marzo 2021.
  220. ^ (EN) Band Aid 20 was Number 1 today in 2004: How well did it do?, su www.officialcharts.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  221. ^ (EN) ROBBIE RETURNS, su NME, 2 luglio 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  222. ^ BBC - The Live 8 Event - Live 8 Running Order, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 24 marzo 2021.
  223. ^ (EN) Live 8 success hailed by Geldof, 3 luglio 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  224. ^ David Beckham & Robbie Williams Live8 Concert. URL consultato il 24 marzo 2021.
  225. ^ (EN) Live 8 vs. Live Aid, su EW.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  226. ^ BBC - The Live 8 Event - Newsbeat live from the Live 8 site, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 24 marzo 2021.
  227. ^ (EN) Emily Herbert, Take That and Robbie Williams, Kings Road Publishing, 28 ottobre 2010, ISBN 978-1-84358-695-1. URL consultato il 24 marzo 2021.
  228. ^ (EN) By Adam Sherwin, Media Reporter, Live 8 TV audience peaked at 10 million TV viewers. URL consultato il 24 marzo 2021.
  229. ^ (EN) Live 8: London | Live Music Reviews, su musicOMH, 3 luglio 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  230. ^ (EN) Live 8: The second time round, 3 luglio 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  231. ^ (EN) London Live 8 performances rated, 3 luglio 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  232. ^ (EN) Live 8 artists see sales soar, su DrownedInSound. URL consultato il 24 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2021).
  233. ^ (EN) Intensive Care, su Robbie Williams. URL consultato il 24 marzo 2021.
  234. ^ BBC - Robbie Williams News Archive - 2005, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 24 marzo 2021.
  235. ^ a b (EN) Robbie Williams Takes 'Intensive Care' Of Euro Charts, su Billboard. URL consultato il 24 marzo 2021.
  236. ^ (EN) MTV Europe Music Awards 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  237. ^ Robbie Williams - Advertising Space (Official Video). URL consultato il 25 marzo 2021.
  238. ^ (EN) Robbie Williams Advertising Space Single Release, su www.femalefirst.co.uk. URL consultato il 25 marzo 2021.
  239. ^ (EN) Robbie Williams, Berlin Velodrome, su the Guardian, 11 ottobre 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  240. ^ Comunicato Stampa, Robbie Williams - Exclusive Screening, su NonSoloCinema, 8 ottobre 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  241. ^ Intensive Care for Robbie from Summit - ETNow.com, su www.etnow.com. URL consultato il 24 marzo 2021.
  242. ^ (EN) Williams is biggest-selling pop act this century, su The Sydney Morning Herald, 7 novembre 2005. URL consultato il 24 marzo 2021.
  243. ^ BBC - 6 Music - Coldplay come second, su archive.ph, 24 luglio 2012. URL consultato il 24 marzo 2021.
  244. ^ TAKE THAT: FOR THE RECORD, su takethat.com.
  245. ^ Take That For The Record. URL consultato il 26 marzo 2021.
  246. ^ (EN) jamdog, Take That... for the Record review, ITV, su Aerial Telly, 17 novembre 2005. URL consultato il 22 marzo 2021.
  247. ^ a b (EN) Staff and agencies, Take That take to the road again, su the Guardian, 25 novembre 2005. URL consultato il 25 marzo 2021.
  248. ^ a b (EN) Take That confirm a reunion tour, 25 novembre 2005. URL consultato il 25 marzo 2021.
  249. ^ (EN) Chris Heath, Reveal: Robbie Williams, Bonnier Publishing Ltd., 21 settembre 2017, ISBN 978-1-911600-26-8. URL consultato il 25 marzo 2021.
  250. ^ (EN) Paul Scott, Robbie and Gary: It's Complicated - The Unauthorised Biography, Pan Macmillan, 2 settembre 2011, ISBN 978-0-283-07156-0. URL consultato il 25 marzo 2021.
  251. ^ (EN) Robbie hologram joins Take That, 24 aprile 2006. URL consultato il 25 marzo 2021.
  252. ^ Close Encounters - Robbie Williams at Etihad Stadium ... - Live Guide, su liveguide.com.au.
  253. ^ (EN) Robbie sets ticket sales record, su The Age, 25 novembre 2005. URL consultato il 25 marzo 2021.
  254. ^ (EN) Mon, 21 Nov, 2005 - 09:25, Williams' show sells out in record time, su Irish Examiner, 21 novembre 2005. URL consultato il 25 marzo 2021.
  255. ^ (EN) https://www.southafrica.com/blog/robbie-williams-concert-south-africa/, su SouthAfrica.com | Explore and Discover South Africa. URL consultato il 25 marzo 2021.
  256. ^ (EN) Fans snap up pricey tickets for Robbie Williams concert, su South China Morning Post, Invalid Date. URL consultato il 25 marzo 2021.
  257. ^ (EN) Robbie tickets sell out, su The Age, 7 giugno 2006. URL consultato il 25 marzo 2021.
  258. ^ (EN) CLOSE ENCOUNTERS, su Robbie Williams. URL consultato il 25 marzo 2021.
  259. ^ (EN) Chugg Entertainment -, su Chugg Entertainment. URL consultato il 25 marzo 2021.
  260. ^ (EN) Chugg of war, su The West Australian, 28 settembre 2010. URL consultato il 25 marzo 2021.
  261. ^ (EN) Record-Breaking Close Encounters, su Robbie Williams. URL consultato il 25 marzo 2021.
  262. ^ (EN) Nielsen Business Media Inc, Billboard, Nielsen Business Media, Inc., 21 ottobre 2006. URL consultato il 27 marzo 2021.
  263. ^ (EN) Review: Robbie Williams, Roundhay Park, Leeds, Friday and Saturday, su York Press. URL consultato il 25 marzo 2021.
  264. ^ (EN) Dave Walker, Robbie Williams live in HD on Sky, su Tech Digest, 15 giugno 2006. URL consultato il 25 marzo 2021.
  265. ^ (EN) Rudebox, su Robbie Williams. URL consultato il 25 marzo 2021.
  266. ^ Williams Tops Euro Albums Chart, su Billboard, 2 novembre 2006. URL consultato il 25 marzo 2021.
  267. ^ (EN) Rudebox... How Rude!, su Robbie Williams. URL consultato il 25 marzo 2021.
  268. ^ (EN) Robbie Williams reveals 'Rudebox' regret, su Pressparty. URL consultato il 25 marzo 2021.
  269. ^ (EN) The 22 greatest Robbie Williams songs ever, ranked, su Smooth. URL consultato il 25 marzo 2021.
  270. ^ Ed Power, Rudebox, su Hotpress. URL consultato il 25 marzo 2021.
  271. ^ (EN) Being rude about Rudebox, su The Telegraph. URL consultato il 25 marzo 2021.
  272. ^ a b Robbie Williams, Pet Shop Boys - She's Madonna. URL consultato il 25 marzo 2021.
  273. ^ (EN) admin, Robbie’s Controversial Video Is Online Exclusive, su Robbie Williams, 16 gennaio 2007. URL consultato il 25 marzo 2021.
  274. ^ (EN) Shoulda been huge: Robbie Williams' 'Rudebox', su Attitude.co.uk, 17 agosto 2014. URL consultato il 25 marzo 2021.
  275. ^ (EN) “Rudebox” by Robbie Williams is the Best Electro Record Ever Made and That’s a Fact, su www.vice.com. URL consultato il 25 marzo 2021.
  276. ^ (EN) MarcyB0y, Rudebox – The hidden gem of Robbie Williams’ career., su The Music Box., 25 giugno 2017. URL consultato il 25 marzo 2021.
  277. ^ (EN) Robbie Williams to pave Chinese roads, su NME, 16 gennaio 2008. URL consultato il 26 marzo 2021.
  278. ^ Can Robbie Williams Escape Drugs Demons To Save His Career? - Music News - Playfuls.com - Fun & Entertainment, su web.archive.org, 16 febbraio 2007. URL consultato il 25 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2007).
  279. ^ (EN) admin, EMI pays price of a fallen angel, su Robbie Williams, 13 gennaio 2007. URL consultato il 25 marzo 2021.
  280. ^ a b (EN) Chris Heath, Reveal: Robbie Williams, Bonnier Publishing Ltd., 21 settembre 2017, ISBN 978-1-911600-26-8. URL consultato il 25 marzo 2021.
  281. ^ a b (EN) Robbie Williams enters rehab on his 33rd birthday, su the Guardian, 14 febbraio 2007. URL consultato il 26 marzo 2021.
  282. ^ a b (EN) James Robertson, Robbie Williams secretly retired from the music after flop album Rudebox, su mirror, 26 novembre 2013. URL consultato il 25 marzo 2021.
  283. ^ (ES) EL SOBREPESO DE ROBBIE WILLIAMS, su Montevideo Portal. URL consultato il 26 marzo 2021.
  284. ^ (EN) Robbie Williams grows a beard – and it's grey!, su Metro, 27 novembre 2007. URL consultato il 26 marzo 2021.
  285. ^ a b (EN) Jon Ronson heads deep into the Nevada desert with UFO obsessed Robbie Williams, su the Guardian, 18 aprile 2008. URL consultato il 26 marzo 2021.
  286. ^ a b BBC - Radio 4 - Robbie Williams And Jon Ronson Journey to the Other Side, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 26 marzo 2021.
  287. ^ (EN) Rob's a Brit of a loser, su Robbie Williams, 13 gennaio 2007. URL consultato il 25 marzo 2021.
  288. ^ (EN) EMI counts cost of Robbie's flop, su Robbie Williams, 13 gennaio 2007. URL consultato il 25 marzo 2021.
  289. ^ (EN) Caroline Sullivan on what the future holds for Robbie Williams now that his old bandmates have rejected him, su the Guardian, 13 aprile 2009. URL consultato il 25 marzo 2021.
  290. ^ (EN) Marie Claire, Robbie Williams set for 2009 comeback, su Marie Claire, 7 ottobre 2008. URL consultato il 26 marzo 2021.
  291. ^ (EN) Robbie Williams to end strike with new album?, su the Guardian, 7 ottobre 2008. URL consultato il 26 marzo 2021.
  292. ^ (EN) Robbie Williams's new album written with Mark Ronson and Guy Chambers, su the Guardian, 28 gennaio 2009. URL consultato il 26 marzo 2021.
  293. ^ (EN) Gary Barlow and Robbie Williams describe relief at ending feud, su The Telegraph. URL consultato il 29 marzo 2021.
  294. ^ Quotidiano Nazionale, Mark Owen: "Il ritorno di Robbie? Non solo voci, con lui rapporto solido", su Quotidiano Nazionale. URL consultato il 29 marzo 2021.
  295. ^ (EN) Reality Killed The Video Star, su Robbie Williams. URL consultato il 26 marzo 2021.
  296. ^ (EN) Robbie Williams announces comeback album, su the Guardian, 5 agosto 2009. URL consultato il 26 marzo 2021.
  297. ^ (EN) Robbie Williams Heading For Ninth U.K. No. 1, su Billboard. URL consultato il 26 marzo 2021.
  298. ^ a b Robbie Williams Debuts Atop Euro Chart, su Billboard, 19 novembre 2009. URL consultato il 26 marzo 2021.
  299. ^ (EN) JLS beat Robbie in album battle, 16 novembre 2009. URL consultato il 26 marzo 2021.
  300. ^ (EN) Robbie Williams' Second Week Atop Euro Chart, su Billboard. URL consultato il 26 marzo 2021.
  301. ^ Robbie Williams, su Billboard. URL consultato il 26 marzo 2021.
  302. ^ (EN) First night: Robbie Williams, Roundhouse, London, su the Guardian, 21 ottobre 2009. URL consultato il 26 marzo 2021.
  303. ^ (EN) Madonna, Robbie Williams Rule In Europe, su Billboard. URL consultato il 26 marzo 2021.
  304. ^ Robbie Williams - Bodies - hitparade.ch, su hitparade.ch. URL consultato il 26 marzo 2021.
  305. ^ Robbie Williams - Bodies (Official Video). URL consultato il 26 marzo 2021.
  306. ^ (EN) Robbie Williams’ Bodies by Vaughan Arnell | Videos | Promonews, su Promonewstv. URL consultato il 26 marzo 2021.
  307. ^ (EN) Nick Levine, Here's the new Robbie Williams video for you, su Digital Spy, 10 settembre 2009. URL consultato il 26 marzo 2021.
  308. ^ Robbie Williams | You Know Me (Official Video). URL consultato il 26 marzo 2021.
  309. ^ (EN) Robbie pens tribute song for Jackson, su Music-News.com. URL consultato il 26 marzo 2021.
  310. ^ Robbie Williams | BBC Electric Proms Live Trailer | European Broadcast. URL consultato il 30 marzo 2021.
  311. ^ (EN) Robbie Williams comeback concert sets world record, su The Telegraph. URL consultato il 27 marzo 2021.
  312. ^ Robbie Williams Turned Down American Idol. URL consultato il 1º aprile 2021.
  313. ^ a b (EN) Robbie Williams reveals secret health battle, su NewsComAu, 14 luglio 2019. URL consultato il 1º aprile 2021.
  314. ^ (EN) Robbie At The BRIT Awards 2010: Tune In Tonight, su Robbie Williams. URL consultato il 1º aprile 2021.
  315. ^ Robbie Williams - Medley [Live Brit Awards 2010]. URL consultato il 27 marzo 2021.
  316. ^ (EN) Haiti charity single tops chart, 14 febbraio 2010. URL consultato il 31 marzo 2021.
  317. ^ (EN) You Know Me, su Robbie Williams. URL consultato il 27 marzo 2021.
  318. ^ (EN) In And Out Of Consciousness: The Greatest Hits 1990-2010..., su Robbie Williams. URL consultato il 27 marzo 2021.
  319. ^ (EN) Robbie Williams Scores Ninth U.K. No. 1 Album, su Billboard. URL consultato il 28 marzo 2021.
  320. ^ Robbie Williams' Hits Set Debuts Atop Euro Chart, su billboard.com.
  321. ^ Sales 29/7, su uk.music.charts.narkive.com. URL consultato il 27 marzo 2021.
  322. ^ ROBBIE WILLIAMS REJOINS TAKE THAT, su takethat.com.
  323. ^ (EN) The fourteen year wait is over - Take That and Robbie Williams Reunite, su Radio Creme Brulee, 16 luglio 2010. URL consultato il 28 marzo 2021.
  324. ^ (EN) Robbie Williams rejoins Take That on new album, in BBC News, 15 luglio 2010. URL consultato il 28 marzo 2021.
  325. ^ (EN) TV ratings – November 13: Take That reunion doc draws 5 million, su the Guardian, 15 novembre 2010. URL consultato il 29 marzo 2021.
  326. ^ (EN) Take That's Top 40 biggest songs revealed, su www.officialcharts.com. URL consultato il 29 marzo 2021.
  327. ^ (EN) Progress, su Robbie Williams. URL consultato il 28 marzo 2021.
  328. ^ PROGRESS, su takethat.com.
  329. ^ (EN) Take That Tops 500,000 In First Week U.K. Sales, su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2021.
  330. ^ (EN) Ryan Love, Take That LP posts huge sales, su Digital Spy, 16 novembre 2010. URL consultato il 28 marzo 2021.
  331. ^ Take That Progress Back To Number One and Example Holds Firm, su web.archive.org, 9 agosto 2011. URL consultato il 28 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2011).
  332. ^ (EN) The biggest selling album of every year since 1956, su www.officialcharts.com. URL consultato il 29 marzo 2021.
  333. ^ (EN) Rihanna Scores Euro Albums, Singles Chart Double, su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2021.
  334. ^ (EN) European Top 100 Albums for the 12/11/2010 issue, in Reuters, 1º luglio 2011. URL consultato il 29 marzo 2021.
  335. ^ Billboard closing London office | Complete Music Update, su completemusicupdate.com. URL consultato il 29 marzo 2021.
  336. ^ (EN) Take That and Robbie Williams to tour, in BBC News, 26 ottobre 2010. URL consultato il 29 marzo 2021.
  337. ^ (EN) Take That earn £7m from Progress Live 2011 tour, su Metro, 27 settembre 2011. URL consultato il 29 marzo 2021.
  338. ^ (EN) Reunited boy band Take That cripples U.K. ticketing market, su LA Times Blogs - Pop & Hiss, 29 ottobre 2010. URL consultato il 29 marzo 2021.
  339. ^ (EN) Take That sell one million tickets in a day for Progress tour, su Metro, 29 ottobre 2010. URL consultato il 29 marzo 2021.
  340. ^ (EN) Gigs And Tours News, su Gigs and Tours. URL consultato il 29 marzo 2021.
  341. ^ (EN) Take That, Reunited British Boy Band With Robbie Williams, Beats Bruce Springsteen's Record, su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2021.
  342. ^ (EN) Hot Tours: Take That, U2, Roger Waters, su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2021.
  343. ^ PROGRESS LIVE 2011, su takethat.com.
  344. ^ (EN) Top 25 Tours of 2011, su Billboard. URL consultato il 29 marzo 2021.
  345. ^ (EN) Progressed, su Robbie Williams. URL consultato il 29 marzo 2021.
  346. ^ PROGRESSED, su takethat.com.
  347. ^ SOUNDTRACK: X-MEN: FIRST CLASS, su takethat.com.
  348. ^ SOUNDTRACK: THE THREE MUSKETEERS, su takethat.com.
  349. ^ (EN) Progress Live, su Robbie Williams. URL consultato il 29 marzo 2021.
  350. ^ PROGRESS LIVE, su takethat.com.
  351. ^ PROGRESS LIVE DVD, su takethat.com.
  352. ^ Take That - Progress Live DVD (Trailer). URL consultato il 30 marzo 2021.
  353. ^ (EN) Taylor Swift, U2, Journey Among Winners at 8th Annual Billboard Touring Awards, su The Hollywood Reporter, 11 novembre 2011. URL consultato il 29 marzo 2021.
  354. ^ Best Live Act - Virgin Media Music Awards - winners - Music - Virgin Media, su web.archive.org, 17 ottobre 2012. URL consultato il 29 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2012).
  355. ^ (EN) Walt Disney Records, Cars 2 Original Motion Picture Soundtrack Set for Release June 14th Features Music by Weezer, Brad Paisley and Robbie Williams, su www.prnewswire.com. URL consultato il 29 marzo 2021.
  356. ^ Robbie Williams troppo stanco per la reunion con i Take That: l’intervista al re del pop, su Optimagazine: ultime news, video e notizie italiane e dal mondo, 7 gennaio 2014. URL consultato il 29 marzo 2021.
  357. ^ (EN) Nicola Agius, Robbie reveals he got Take That reunion details wrong, su Digital Spy, 13 dicembre 2017. URL consultato il 29 marzo 2021.
  358. ^ a b (EN) Robbie Williams and Take That reunited last night - watch, su NME, 8 novembre 2016. URL consultato il 29 marzo 2021.
  359. ^ (EN) Tasha Hegarty, Take That's reunion on Let it Shine was fabulous, su Digital Spy, 25 febbraio 2017. URL consultato il 29 marzo 2021.
  360. ^ a b (EN) Take That fans go wild as Robbie Williams joins them for special X Factor performance, su Heart. URL consultato il 29 marzo 2021.
  361. ^ a b (EN) Watch Take That reunion gig in full: See lockdown concert with Robbie Williams and Meerkat Music, su Smooth. URL consultato il 29 marzo 2021.
  362. ^ (EN) Take That musical 'The Band' is being turned into a movie by Gary, Robbie, Mark and Howard, su Smooth. URL consultato il 31 marzo 2021.
  363. ^ Reunion dei Take That nel 2022? Le parole di Robbie Williams, su www.105.net. URL consultato il 29 marzo 2021.
  364. ^ (EN) Robbie Williams joins Queen's Jubilee concert, in BBC News, 30 aprile 2012. URL consultato il 29 marzo 2021.
  365. ^ Robbie Williams - Let Me Entertain You/Mack The Knife at the Diamond Jubilee Concert. URL consultato il 30 marzo 2021.
  366. ^ (EN) Queen to wrap up jubilee festivities without Philip, su malaysia.news.yahoo.com. URL consultato il 29 marzo 2021.
  367. ^ (EN) Ros Wynne Jones, "How will that be topped at the Platinum Jubilee?" The view among the revellers at the Queen's glittering gig, su mirror, 4 giugno 2012. URL consultato il 29 marzo 2021.
  368. ^ (EN) Take The Crown, su Robbie Williams. URL consultato il 29 marzo 2021.
  369. ^ Charts: le numero 1 d'Europa (18/11/2012), su Euromusica - Dove c'è Musica, 18 novembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  370. ^ (EN) Robbie Williams Crowned U.K. Charts King: Top Song, Album, su Billboard. URL consultato il 30 marzo 2021.
  371. ^ (EN) Robbie Williams Tops UK Singles Chart, Calvin Harris Has No. 1 Album, su Billboard. URL consultato il 30 marzo 2021.
  372. ^ (EN) Robbie Williams takes the crown with fourteenth chart topping single, su The Independent, 6 novembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  373. ^ Midweek Charts update: Robbie hits highest sales since 2000 | News | Music Week, su www.musicweek.com. URL consultato il 30 marzo 2021.
  374. ^ (EN) Robbie Williams' Official Top 40 biggest selling singles, su www.officialcharts.com. URL consultato il 30 marzo 2021.
  375. ^ (EN) Robbie Williams scores No.1 with Candy despite Radio 1 ban, su Metro, 5 novembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  376. ^ Robbie Williams banned by Radio 1 for being 'irrelevant' to audience, su www.gigwise.com. URL consultato il 30 marzo 2021.
  377. ^ (EN) Robbie Williams - Candy, su Top40-Charts.com. URL consultato il 30 marzo 2021.
  378. ^ Robbie Williams mit Radiorekord – Besuch bei kleinem deutschem Lokalsender, su www.webcitation.org. URL consultato il 30 marzo 2021.
  379. ^ Robbie Williams - Candy. URL consultato il 30 marzo 2021.
  380. ^ (EN) BALLROOM SHOWS, su Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  381. ^ (EN) LIVE AT THE O2, su Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  382. ^ (EN) Live At The O2, su Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  383. ^ Robbie Williams | The Best Stage Experience | Live At The O2. URL consultato il 30 marzo 2021.
  384. ^ (EN) TAKE THE CROWN STADIUM TOUR, su Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  385. ^ Robbie Williams: Take The Crown Tour (Live from Tallinn) | Trailers and reviews | Flicks.co.nz, su www.flicks.co.nz. URL consultato il 30 marzo 2021.
  386. ^ (FI) Robbie Williams - Swings Both Ways Live, su Hartwall Arena, 13 febbraio 2014. URL consultato il 30 marzo 2021.
  387. ^ (EN) Robbie Williams' Estonia Concert to be Beamed Into Cinemas, su Billboard. URL consultato il 30 marzo 2021.
  388. ^ Robbie Williams | Preparing for Tallinn | Take the Crown Stadium Tour 2013 Presented by Samsung. URL consultato il 30 marzo 2021.
  389. ^ (EN) Live: Take The Crown Stadium Tour 2013, su Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  390. ^ (EN) Paul McCartney guests on Hillsborough charity single with Robbie Williams, su the Guardian, 23 novembre 2012. URL consultato il 31 marzo 2021.
  391. ^ (EN) Hillsborough single is Christmas number one, in BBC News, 23 dicembre 2012. URL consultato il 31 marzo 2021.
  392. ^ Dizzee Rascal - Goin' Crazy ft. Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  393. ^ (EN) Example recorded Dizzee track before Robbie Williams, in BBC News, 12 luglio 2013. URL consultato il 30 marzo 2021.
  394. ^ (EN) Swings Both Ways, su Robbie Williams. URL consultato il 30 marzo 2021.
  395. ^ (EN) Lewis Corner, Robbie announces new album - video, su Digital Spy, 11 settembre 2013. URL consultato il 30 marzo 2021.
  396. ^ (EN) King of the swingers Robbie Williams scores UK’s historic 1000th Number 1 album, su www.officialcharts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  397. ^ (EN) The Official Top 40 Biggest Selling Artist Albums Of 2013, su www.officialcharts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  398. ^ Charts: le numero 1 d'Europa (1/12/2013): ciclone Robbie Williams, su Euromusica - Dove c'è Musica, 1º dicembre 2013. URL consultato il 31 marzo 2021.
  399. ^ Redazione Blogo, Classifica musica inglese 17 novembre 2013: Lady GaGa nuova numero uno con ArtPop davanti ad Eminem e Celine Dion, su Soundsblog, 18 novembre 2013. URL consultato il 31 marzo 2021.
  400. ^ Robbie Williams | Go Gentle (Official Music Video). URL consultato il 31 marzo 2021.
  401. ^ (EN) SWINGS BOTH WAYS LIVE, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  402. ^ Robbie Williams Australian Tour 2014 Announced, su Music Feeds, 20 febbraio 2014. URL consultato il 31 marzo 2021.
  403. ^ (EN) Swings Both Ways Live, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  404. ^ (EN) Avicii teams up with Robbie Williams for new track The Days, su www.officialcharts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  405. ^ (EN) Avicii - The Days, su Top40-Charts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  406. ^ (EN) Under The Radar Volume 1, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  407. ^ (EN) LET ME ENTERTAIN YOU TOUR, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  408. ^ (EN) Robbie Williams Announces 'Let Me Entertain You Tour', su Smooth. URL consultato il 31 marzo 2021.
  409. ^ (EN) Bernard Zuel, Robbie Williams' Australian tour announced: this time it's the hits, su The Sydney Morning Herald, 16 maggio 2015. URL consultato il 31 marzo 2021.
  410. ^ Silvia Ferraris, Monaco, concerto di Robbie Williams per i 10 anni di Alberto - Foto iO Donna, su iO Donna. URL consultato il 31 marzo 2021.
  411. ^ (EN) Let Me Entertain You Tour Live, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  412. ^ (EN) Robbie Williams signs to Sony, leaving behind Universal deal, su Music Business Worldwide, 8 maggio 2016. URL consultato il 31 marzo 2021.
  413. ^ (EN) The Heavy Entertainment Show, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  414. ^ (EN) Robbie Williams Claims 'Heavy' U.K. Album Record, su Billboard. URL consultato il 31 marzo 2021.
  415. ^ a b (EN) Robbie Williams honoured with prestigious BRITs Icon Award, su Sony Music UK, 7 ottobre 2016. URL consultato il 31 marzo 2021.
  416. ^ Williams celebrates BRITs Icon Award. URL consultato il 31 marzo 2021.
  417. ^ Robbie Williams | Angels | BRITs Icon Award Show. URL consultato il 31 marzo 2021.
  418. ^ a b c (EN) THE HEAVY ENTERTAINMENT SHOW TOUR, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  419. ^ (EN) Three New Performers Added To Ariana Grande Benefit Concert, Including Two British Acts, su HuffPost UK, 1º giugno 2017. URL consultato il 31 marzo 2021.
  420. ^ One Love Manchester - Robbie Williams' performance 'Manchester We're strong'. URL consultato il 31 marzo 2021.
  421. ^ (EN) Ariana Grande and fellow stars wow crowds at One Love concert, su www.scotsman.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  422. ^ (EN) One Love Manchester: The most emotional moments, in BBC News, 5 giugno 2017. URL consultato il 31 marzo 2021.
  423. ^ (EN) Simon Cowell’s Grenfell Tower charity single available from 8am on June 21, su Metro, 20 giugno 2017. URL consultato il 31 marzo 2021.
  424. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  425. ^ (EN) Reveal, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  426. ^ (EN) Under The Radar Volume 2, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  427. ^ (EN) Joe Anderton, Robbie to play at World Cup opening ceremony in Russia, su Digital Spy, 11 giugno 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  428. ^ Opening Ceremony 2018 World Cup | Highlights. URL consultato il 31 marzo 2021.
  429. ^ (EN) Ronaldo & Williams open 2018 World Cup, in BBC Sport. URL consultato il 31 marzo 2021.
  430. ^ (EN) Susannah Alex, er, Robbie Williams gives the finger at World Cup opening, su Digital Spy, 14 giugno 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  431. ^ (EN) World Cup 2018: Fox apologises after Robbie Williams gives finger, in BBC News, 15 giugno 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  432. ^ (EN) Fox Apologizes After Robbie Williams Flips Off Camera During World Cup Opening Ceremony, su Billboard. URL consultato il 31 marzo 2021.
  433. ^ (EN) Laurence Mozafari, Robbie Williams explains his swear at World Cup launch, su Digital Spy, 19 giugno 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  434. ^ (EN) Louis Tomlinson and Robbie Williams named new judges on The X Factor, in BBC News, 17 luglio 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  435. ^ (EN) Staff Reporter, X Factor 2018 judges' categories REVEALED - spoilers!, su TellyMix, 23 settembre 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  436. ^ Roxy Simons, X Factor: Acacia and Aaliyah are ELIMINATED from the show, su Mail Online, 25 novembre 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  437. ^ The X Factor UK 2018 Final Big Performance Live Shows Full Clip S15E27. URL consultato il 31 marzo 2021.
  438. ^ Scarlett Lee sings Angels with Robbie Williams | Final | The X Factor UK 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  439. ^ Robbie Williams | Vloggie Williams Episode #57 - The X Factor Final (Part 1). URL consultato il 31 marzo 2021.
  440. ^ Robbie Williams | Vloggie Williams Episode #58 - The X Factor Final (Part 2). URL consultato il 31 marzo 2021.
  441. ^ (ES) ¡Robbie Williams vuelve a Chile después de 12 años!, su Rock&Pop, 17 maggio 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  442. ^ (EN) Under The Radar Volume 3, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  443. ^ (EN) Robbie Williams announces 2019 Las Vegas residency, su www.officialcharts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  444. ^ (EN) Michele Amabile Angermiller, Michele Amabile Angermiller, Why It Took 12 Years for Robbie Williams to Land a Las Vegas Residency, su Variety, 8 marzo 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  445. ^ (EN) Brit icon Robbie Williams snares 2020 Las Vegas Strip residency, su Las Vegas Review-Journal, 14 novembre 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  446. ^ Live Review: By the Time Robbie Williams’ Las Vegas Residency is Finished, He Ought to Finally Have an American Audience, su rockcellarmagazine.com.
  447. ^ (EN) Robbie Williams deserves an encore on the Las Vegas Strip, su Las Vegas Review-Journal, 23 luglio 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  448. ^ (EN) Singer Robbie Williams throws it down in Las Vegas show, su Las Vegas Review-Journal, 7 marzo 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  449. ^ (EN) Jason Bracelin, Robbie Williams in Las Vegas, review – He may have finally broken America, su www.standard.co.uk, 7 marzo 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  450. ^ (EN) Robbie Williams to Return to Las Vegas for 2020 Residency, su Billboard. URL consultato il 31 marzo 2021.
  451. ^ (EN) Robbie Williams on Returning to Las Vegas & Why Nobody Says No to Taylor Swift, su Billboard. URL consultato il 31 marzo 2021.
  452. ^ (EN) BRITISH SUMMER TIME HYDE PARK, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  453. ^ Filippo L'Astorina, Robbie Williams entertains with a generation-defining setlist at British Summer Time 2019 | Live review, su The Upcoming. URL consultato il 31 marzo 2021.
  454. ^ Robbie Williams' stage persona is not the real Robbie, su Contactmusic.com, 16 marzo 2021. URL consultato il 31 marzo 2021.
  455. ^ (EN) Robbie Williams Is England's Greatest Living Legend, su www.vice.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  456. ^ (EN) Robbie Williams proves he’s still an untouchable entertainer with Hyde Park show, su Metro, 15 luglio 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  457. ^ (EN) Stefan Kyriazis, BST Hyde Park Robbie Williams review: MAGNIFICENT, Robbie brings it home in majestic style, su Express.co.uk, 15 luglio 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  458. ^ (EN) Subscribe, Robbie Williams, BST Hyde Park, London | Reviews, su diymag.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  459. ^ (EN) Listen up Glastonbury, Robbie Williams' Hyde Park show is the ultimate come and get me plea, su NME, 15 luglio 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  460. ^ (EN) The Christmas Present, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  461. ^ (EN) Robbie Williams on track for 13th UK Number 1 album, su www.officialcharts.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  462. ^ (EN) THE ROBBIE WILLIAMS CHRISTMAS PARTY, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  463. ^ (EN) Deutsche Telekom AG, Robbie Williams concert cancelled for 2020, su www.telekom.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  464. ^ (EN) Alicia Vrajlal, Robbie Williams' Melbourne Concert Cancelled After Coronavirus Shuts Down Grand Prix, in Huffington Post, 13 marzo 2020. URL consultato il 31 marzo 2021.
  465. ^ (EN) Robbie Williams Is Coming Home, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  466. ^ (EN) CANCELLED: ROBBIE WILLIAMS LIVE IN LAS VEGAS, su Robbie Williams. URL consultato il 31 marzo 2021.
  467. ^ (EN) Robbie Williams doing well after battling Covid-19, su Music-News.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  468. ^ (EN) Take That reunion gig: How to watch the Meerkat Music concert online, su Smooth. URL consultato il 31 marzo 2021.
  469. ^ Robbie Williams wants to open a club “a bit like Berghain” in Berlin, su DJMag.com, 7 dicembre 2020. URL consultato il 31 marzo 2021.
  470. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, Singer Robbie Williams Biopic Ready To Rock; ‘The Greatest Showman’s Michael Gracey Directing For Summer Shoot: Hot EFM Package, su Deadline, 23 febbraio 2021. URL consultato il 31 marzo 2021.
  471. ^ Ayda Field | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 31 marzo 2021.
  472. ^ Teddy Williams | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 1º aprile 2021.
  473. ^ Charlie Williams | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 1º aprile 2021.
  474. ^ Coco Williams | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 1º aprile 2021.
  475. ^ a b (EN) Louise Randell, Hayley Parker, Robbie Williams and Ayda Field's fertility heartache in battle to expand family, su StokeonTrentLive, 15 febbraio 2020. URL consultato il 1º aprile 2021.
  476. ^ Beau Williams | Robbie Williams Database, su www.rwdb.info. URL consultato il 1º aprile 2021.
  477. ^ Robbie Williams Dating History - FamousFix, su FamousFix.com. URL consultato il 1º aprile 2021.
  478. ^ Robbie Williams & Gary Barlow - Shame (Official Video). URL consultato il 1º aprile 2021.
  479. ^ Robbie Williams - Swings Both Ways - Wynn Theatre. URL consultato il 1º aprile 2021.
  480. ^ Robbie: I'm NOT gay, su Mail Online. URL consultato il 1º aprile 2021.
  481. ^ (EN) Robbie Williams opens up about his mental health battle, su NME, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º aprile 2021.
  482. ^ Williams Suffering From Hormone Imbalance, su Contactmusic.com, 6 ottobre 2010. URL consultato il 1º aprile 2021.
  483. ^ (EN) Robbie Williams has opened up about his struggles with anxiety and depression, su celebrity.nine.com.au. URL consultato il 1º aprile 2021.
  484. ^ (EN) Robbie Williams Net Worth, su Celebrity Net Worth, 5 luglio 2020. URL consultato il 1º aprile 2021.
  485. ^ (EN) Robbie Williams & Ayda Field's homes in LA, London & Malibu are like hotels - INSIDE, su HELLO!, 7 dicembre 2020. URL consultato il 1º aprile 2021.
  486. ^ Robbie Williams excited about moving home to the UK, su NDTV.com. URL consultato il 1º aprile 2021.
  487. ^ (EN) Robbie Williams buys dream villa in Switzerland for $42.9 million - realestate.com.au, su www.realestate.com.au. URL consultato il 1º aprile 2021.
  488. ^ (EN) Robbie: I'd rather be a footballer, su www.standard.co.uk, 11 aprile 2012. URL consultato il 1º aprile 2021.
  489. ^ (EN) FIFA.com, 2018 FIFA World Cup™ - News - Robbie Williams, Aida Garifullina and Ronaldo to brighten up 2018 FIFA World Cup opening ceremony - FIFA.com, su www.fifa.com. URL consultato il 1º aprile 2021.
  490. ^ a b (EN) Mary-ann Astle, Robbie Williams and his relationship with Port Vale & Stoke-on-Trent, su StokeonTrentLive, 27 novembre 2019. URL consultato il 1º aprile 2021.
  491. ^ (EN) The 7 features from FIFAs past they need to bring back, su Dream Team FC, 6 settembre 2016. URL consultato il 1º aprile 2021.
  492. ^ (EN) Port Vale go into administration, in BBC Sport. URL consultato il 1º aprile 2021.
  493. ^ Coming Home To Port Vale F.C | Vloggie Williams Episode #109. URL consultato il 1º aprile 2021.
  494. ^ (EN) Michael Baggaley, Joe Burn, 150-seat restaurant with views of the pitch teased by Port Vale owners, su StokeonTrentLive, 19 ottobre 2019. URL consultato il 1º aprile 2021.
  495. ^ (EN) Michael Baggaley, Robbie Williams' secret visit to Port Vale as club drops hints about new kit, su StokeonTrentLive, 15 dicembre 2020. URL consultato il 1º aprile 2021.
  496. ^ (EN) BBC, Robbie gets his kicks in LA, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 1º aprile 2021.
  497. ^ (EN) Phil Hogan, Phil Hogan meets Robbie William's LA football team, in The Observer, 30 settembre 2007. URL consultato il 1º aprile 2021.
  498. ^ (EN) Paul MacInnes, Robbie Williams and the case of the £200,000, in The Guardian, 31 ottobre 2007. URL consultato il 1º aprile 2021.
  499. ^ a b ROBBIE WILLIAMS UNICEF UK AMBASSADOR, su unicef.org.uk.
  500. ^ (EN) ITV announces Soccer Aid for Unicef, su Endemol Shine UK, 27 febbraio 2018. URL consultato il 1º aprile 2021.
  501. ^ (EN) Simon Binns, When is Soccer Aid 2016 in Manchester and who is playing?, su Manchester Evening News, 3 giugno 2016. URL consultato il 1º aprile 2021.
  502. ^ (EN) Jessica Sansome, When is Soccer Aid 2019 and what are the teams this year?, su Manchester Evening News, 9 aprile 2019. URL consultato il 1º aprile 2021.
  503. ^ Soccer Aid World XI for UNICEF 2020, su socceraid.org.uk.
  504. ^ Robbie Williams Section - Give It Sum, su web.archive.org, 12 dicembre 2004. URL consultato il 1º aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2004).
  505. ^ Home - The Donna Louise, su www.thedonnalouise.org. URL consultato il 1º aprile 2021.
  506. ^ (EN) The Magic Roundabout, su Robbie Williams. URL consultato il 1º aprile 2021.
  507. ^ (EN) rawmeatcowboy | Comments: 0, Nordic Games brings Robbie Williams to Wii, su GoNintendo. URL consultato il 1º aprile 2021.
  508. ^ Robbie Williams Interviews Gary Barlow For Rudebox Radio - Listen, su www.gigwise.com. URL consultato il 1º aprile 2021.
  509. ^ Vloggie Williams - YouTube, su www.youtube.com. URL consultato il 1º aprile 2021.
  510. ^ Il “coronaoke”di Robbie Williams e il tenero abbraccio coi figli Teddy e Charlie dopo la quarantena (video), su Optimagazine: ultime news, video e notizie italiane e dal mondo, 30 marzo 2020. URL consultato il 31 marzo 2021.
  511. ^ At Home With The Williamses, su Spotify. URL consultato il 1º aprile 2021.
  512. ^ (EN) Farrell by Robbie Williams | Men's Clothing | Buy Online, su Celebrity Clothing Line. URL consultato il 1º aprile 2021.
  513. ^ (EN) Leanne Bayley, Robbie Williams teams up with Primark, su Glamour UK. URL consultato il 1º aprile 2021.
  514. ^ (EN) FULL CAST ANNOUNCED FOr NEW TAKE THAT MUSICAL 'THE BAND', su Northern Insight Magazine, 29 agosto 2017. URL consultato il 31 marzo 2021.
  515. ^ The Boy in the Dress | Royal Shakespeare Company, su www.rsc.org.uk. URL consultato il 31 marzo 2021.
  516. ^ (EN) Robbie Williams and David Walliams team up for The Boy In The Dress musical, su inews.co.uk, 25 maggio 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  517. ^ (EN) Dan Seddon, Robbie Williams is teaming up with David Walliams, su Digital Spy, 25 maggio 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  518. ^ (EN) Olivia Clement, Royal Shakespeare Company to Debut Musical Adaptation of The Boy in the Dress, su Playbill, Mon Jan 28 12:54:38 EST 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27044904 · ISNI (EN0000 0001 0881 3493 · Europeana agent/base/60362 · LCCN (ENnb98018889 · GND (DE119429888 · BNF (FRcb140016118 (data) · BNE (ESXX1455897 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nb98018889