Warner Music Group

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Warner Music Group
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Borse valori NYSE
Fondazione 1958 a New York
Sede principale New York, Stati Uniti d'America
Gruppo Access Industries
Persone chiave Stephen Cooper (CEO)
Settore Musicale
Prodotti Musica e divertimento
Utile netto Green Arrow Up.svg 2,87 miliardi di $ (2013)
Dipendenti 3.550 (2012)
Sito web www.wmg.com

La Warner Music Group (WMG), è una società statunitense che rappresenta una delle tre più grandi etichette discografiche (major) nell'industria musicale, le altre due sono la Universal Music Group, e la Sony Music.

Fino al 2004 è stata posseduta da Time Warner; in quell'anno è stata venduta a un gruppo di investitori capitanato da Edgar Bronfman Jr ed è ora l'unica major indipendente quotata al NYSE.

È presente in Italia come Warner Music Italy (per l'ambito discografico) e Warner Chappell Music Italiana (per l'ambito delle edizioni musicali).

La WMG è stata la prima major a intessere una relazione strategica con YouTube, sfruttando a pieno i vantaggi commerciali derivanti dal contenuto generato dagli utenti. L'accordo con Youtube prevedeva il pagamento di royalties in proporzione alle visite ricevute dai video che contenevano musica di artisti della WMG. Nel dicembre 2008 l'accordo è saltato e la casa discografica ha deciso, con un provvedimento che ha sollevato molte critiche, di rimuovere l'audio dai video di YouTube che contenevano la musica di sua proprietà o di bloccare completamente tali video, segnalando violazione di copyright.

Lista di etichette discografiche controllate dalla Warner[modifica | modifica wikitesto]

The Atlantic Records Group
Independent Label Group
Rhino Records
Ryko Corporation
Warner Bros. Records
Warner Classics
Warner Music International
Word Entertainment

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN147938025
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica