Camille Paglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Camille Anna Paglia

Camille Anna Paglia (Endicott, 2 aprile 1947) è una sociologa e saggista statunitense, di orientamento femminista e ateo.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Camille Paglia nel 2017 in Brasile con Bruna Lombardi

Camille Paglia è nata a Endicott, nello stato di New York, figlia maggiore di Pasquale Paglia e Lydia Anne Colapietro. Entrambi i genitori emigrarono dall'Italia. Il ramo paterno era di origine campana, con parenti sparsi nelle province di Avellino, Benevento e Caserta.

Camille Paglia ha frequentato la scuola elementare nella rurale Oxford, NY, dove la famiglia all'epoca viveva lavorando in un agriturismo. Suo padre, un veterano della Seconda guerra mondiale, insegnò per anni nella scuola superiore Oxford Academy, trasmettendo alla piccola Camille la passione per l'arte attraverso la lettura di libri sui pittori francesi, che lui portava a casa. Nel 1957, la famiglia si trasferì a Syracuse, NY, dove il padre sarebbe poi diventato docente di filologia romanza al Le Moyne College.

Ha conseguito due lauree, la seconda delle quali a Yale, che ha frequentato dal 1969 al 1972, unica studentessa lesbica dichiarata in quegli anni.

Dal 1984 è stata docente presso l'Università delle arti di Filadelfia, in Pennsylvania. Il suo libro più noto si intitola Sexual Personae: arte e decadenza da Nefertiti a Emily Dickinson. Ha espresso una forte critica del femminismo americano e della corrente del post-strutturalismo, oltre ad aver commentato numerosi aspetti della cultura americana, come le arti visive, la musica e la cinematografia. Si considera libertaria, difendendo la libertà individuale, la libertà di espressione, la libertà sessuale: la pornografia è da lei considerata una pratica artistica.

Ha adottato un figlio con Allison Maddex, sua compagna per diversi anni, ma le due si sono poi lasciate.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sexual Personae: arte e decadenza da Nefertiti a Emily Dickinson (Sexual Personae: The Androgyne in Literature and Art, 1990), Collana Gli struzzi n.457, Torino, Einaudi, 1993.
  • Sex, Art and American Culture, 1992.
  • Vamps and Tramps: New Essays, 1994.
  • Alfred Hitchcock's "The Birds", BFI Film Classics, 1998. [analisi del film]
  • Break, Blow, Burn: Camilla Paglia Reads Forty-Three of the World's Best Poems, 2005.
  • Seducenti immagini. Un viaggio nell'arte dall'arte dall'Egitto a Star Wars (Glittering Images: A Journey Through Art from Egypt to Star Wars, 2012), Bologna, Il Mulino, 2013, ISBN 978-88-15-24735-3.
  • Free Woman, Free Man. Sex · Gender · Feminism, New York (NY), Pantheon, 2017, ISBN 978-03-7542477-9.
  • Provocations: Collected Essays, New York (NY), Pantheon, 2018, ISBN 978-15-24-74689-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27119934 · ISNI (EN0000 0001 0881 7590 · LCCN (ENn88230565 · GND (DE123387329 · BNF (FRcb12234523d (data) · NDL (ENJA00515397 · WorldCat Identities (ENn88-230565