Janet Jackson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Janet Jackson
JanetJacksonUnbreakableTourSanFran2015.jpg
Janet Jackson nel 2015 durante l'Unbreakable World Tour.
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop[1]
Contemporary R&B[1]
Dance pop[1]
Adult contemporary music[1]
Periodo di attività musicale1982 – in attività
Album pubblicati14
Studio11
Raccolte3
Sito ufficiale

Janet Damita Jo Jackson (Gary, 16 maggio 1966) è una cantautrice, ballerina, attrice e compositrice statunitense. Ha venduto più di 160 milioni di dischi in tutto il mondo, diventando così una delle artiste che ha venduto di più nella storia della musica[2][3][4][5][6] ed è ritenuta una figura di spicco nella cultura popolare da oltre trent'anni grazie anche al suo stile di vita provocatorio, agli spettacoli elaborati[7] ai videoclip innovativi[8] e ai diversi ruoli televisivi e cinematografici cui ha preso parte dagli anni settanta e ottanta sino agli anni duemiladieci[9][10][11].

La Recording Industry Association of America l'ha certificata quale artista femminile con l'undicesimo miglior risultato di vendita degli Stati Uniti con oltre 26 milioni di copie[5]; detiene inoltre il record di 18 singoli consecutivi nella Top Ten del Billboard Hot 100, primato per una donna[12]. Per Billboard fu, nel 2008, la settima artista di maggior successo a livello di singoli[13], la settima per numero di settimane al primo posto nella classifica dei singoli[14] e ancora la settima per numero di primi posti nella classifica dei singoli (10)[15]. Nel dicembre del 2016, Billboard l'ha nominata la seconda più importante artista dance club di tutti i tempi dopo Madonna.[16]

Oltre ai citati riconoscimenti commerciali vanta in carriera cinque Premi Grammy per la sua produzione musicale e una candidatura al Premio Oscar nel 1994 nella categoria miglior canzone essendo l'autrice di Again[17].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Janet Jackson è nata il 16 maggio 1966 a Gary, nello Stato dell'Indiana, ultima dei nove figli di Joseph e Katherine: Rebbie e La Toya le sue sorelle, Randy, Jackie, Tito, Jermaine, Marlon e Michael (gli ultimi cinque dei quali membri del noto complesso Jackson 5) i suoi fratelli maggiori. Janet visse qualche anno a Gary con tutta la famiglia finché, dopo che i fratelli ebbero il loro grande successo nel 1969, si trasferirono tutti in California. La Jackson frequentò per qualche tempo una scuola pubblica a Encino, in California, prima di passare alla Valley Professional School, da cui si laureò nel 1984.[18]

Anni settanta/ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Inizio della carriera artistica[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta in una famiglia dedita alla musica per via dell'attività dei suoi fratelli, Janet Jackson entrò nello spettacolo fin da bambina apparendo per la prima volta sul palco nell'aprile del 1974, cantando e partecipando ad alcuni sketch accanto al fratello Randy, in alcuni show di Las Vegas dei fratelli Jackson.[18] In seguito partecipò agli episodi del The Jacksons TV show (1976-77). Si unisce quindi con grande successo personale al cast della popolare serie televisiva Good Times (1977-79). Con Kim Fields è in assoluto una delle prime bambine afroamericane ad affermarsi alla televisione in un ruolo non stereotipato, interrompendo una lunga tradizione che vedeva la bambina afroamericana relegata a ruoli servili e degradanti.[19] Ormai adolescente, Janet si mette in luce nella serie Il mio amico Arnold (1980-84) anche come cantante interpretando il brano Ebony and Ivory di Paul McCartney e Stevie Wonder, che le valse la scrittura nella stagione 1984-85 della serie di successo Saranno famosi.[18][20]

Janet in una foto con i suoi fratelli (manca Jermaine). Da sinistra in basso: Janet, Randy, La Toya, Rebbie. Da sinistra in alto: Jackie, Michael, Tito, Marlon.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

I primi passi nel mondo della musica[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi degli anni ottanta, spinta dal padre, Janet firmò un contratto discografico con la A&M Records e pubblicò i suoi primi due album: Janet Jackson (1982) e Dream Street (1984). I primi singoli estratti da entrambi gli album, Young Love e Don't Stand Another Chance, ebbero un discreto successo piazzandosi rispettivamente alla numero sei e alla numero nove della Billboard R&B chart ma entrambi gli album furono dei grandi flop. Janet non partecipò in nessun modo al processo creativo dei due dischi, prendendo parte alla lavorazione esclusivamente come interprete.[21]

I due lavori vedono la giovanissima Jackson (sedicenne alla pubblicazione del suo primo album) completamente in balia del padre. È per questo motivo che la stessa Janet considera il vero e proprio inizio della sua carriera di musicista l'album Control del 1986, che la vide assolutamente indipendente dal padre e pienamente coinvolta nel processo creativo/artistico del disco.[18][20][22]

L'indipendenza artistica e il successo internazionale con Control[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 febbraio del 1986 venne pubblicato Control che ebbe un successo clamoroso negli Stati Uniti, vendendo più di 7 milioni di copie in patria. L'album rappresenta l'indipendenza di Janet dall'egida del padre.

L'artista, allora ventenne, volò a Minneapolis e cominciò a scrivere le canzoni di Control assieme a Jimmy Jam e Terry Lewis: è l'inizio di un lunghissimo sodalizio. L'album è incentrato sul desiderio di indipendenza di Janet, e presenta un freschissimo sound dance-pop.[22]

Le critiche furono molto favorevoli e il lavoro ricevette una nomination ai Grammy Award dell'87 come Miglior album dell'anno. La Rock and Roll Hall of Fame ha inserito il disco tra i 200 più importanti di ogni tempo, inserendolo alla posizione numero 87.[23] Secondo Richard J. Ripani, professore di musicologia alla Memphis University, il disco fu uno dei primi dischi di successo a dare un impulso decisivo alla diffusione dello new jack swing ovvero a quel genere musicale che mescola R&B, jazz, funk e soul, che a sua volta determinerà la nascita del genere musicale noto come R&B moderno o col nome inglese più conosciuto di contemporary R&B di cui la stessa Janet è una delle esponenti più importanti, nonché una delle fondatrici.[24]

Dal disco furono estratti sei singoli (cinque dei quali finirono nella classifica dei primi 10 negli Stati Uniti), tra cui la ballad When I Think of You, che finì al primo posto della classifica statunitense dei singoli, il primo per Janet.[22]

Un nuovo successo con Rhythm Nation[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni dopo venne pubblicato Janet Jackson's Rhythm Nation 1814. L'album ebbe ancora maggior successo del precedente e consacrò Janet come artista internazionale: il Rhythm Nation World Tour del 1990, è il tour di debutto di un'artista femminile di maggior successo nella storia della musica.

L'album rappresenta una svolta significativa nella carriera dell'artista: oltre ai pezzi più leggeri sulle relazioni amorose l'album ospita pezzi di interesse sociale che affrontano argomenti quali il superamento del razzismo e altre importanti tematiche sociali.[25]

Dall'album vennero estratti 7 singoli, che finirono tutti e sette fra le prime cinque posizioni negli States (4 dei quali andarono al primo posto): per questo motivo Janet stabilì un record, ovvero il maggior numero di singoli estratti da uno stesso album finiti in top 5 nella classifica statunitense dei singoli. L'album vendette circa 18 milioni di copie nel mondo (otto dei quali in patria).[26] Rhythm Nation fece storia, in quanto all'epoca era alquanto inusuale che un album di musica tendenzialmente commerciale si occupasse di tematiche sociali. Rolling Stone ha inserito il disco tra i "500 migliori album di tutti i tempi", alla posizione 275.[27]

Assieme all'album venne pubblicato un mediometraggio ispirato al disco e pubblicato in videocassetta, Rhythm Nation 1814 Film, prodotto da Janet Jackson, Dominic Sena, René Elizondo Jr. e Vance Lorenzini. Il film, girato prevalentemente in bianco e nero, è costruito utilizzando come colonna sonora quattro brani dell'album e narra di due ragazzini, uno bianco e uno di colore, che per vivere fanno i lustrascarpe e aspirano a essere musicisti. Uno dei due ragazzini diventa vittima della droga e muore ucciso da uno spacciatore, lasciando solo e disperato l'amico.

Il film vinse il Grammy Award come Best Long Form Music Video (Miglior video musicale di lunga durata) nel 1990.[27]

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nuovo contratto con la Virgin e l'album janet.[modifica | modifica wikitesto]

Una volta assolto il contratto con la A&M, nel 1992, Janet firma un contratto discografico con la Virgin records. Nel maggio dello stesso anno Janet pubblica il singolo The Best Things in Life Are Free, un duetto con Luther Vandross. Il brano, che fa parte della colonna sonora del film Mo' Money, riscosse un buon successo.[28]

Nel maggio del 1993, pubblica il suo 5º album di inediti, janet. Il lavoro ottiene un successo strepitoso e diventa il più grande successo discografico dell'intera carriera dell'artista: vendette circa 20 milioni di dischi e raggiunse la prima posizione in 22 paesi (tra cui Stati Uniti d'America, Gran Bretagna e Australia).[26][29]

Dalla pubblicazione di questo disco l'artista scelse di mutare il suo nome d'arte in Janet, eliminando il pesante cognome "Jackson" dalle copertine di tutti i suoi album in studio fino al 2008.[30]

La Rock and Roll Hall of Fame collocó il disco alla posizione numero 151 dei 200 album più importanti di ogni tempo.[23] Il primo singolo, That's the Way Love Goes raggiunse la vetta della classifica statunitense dei singoli e vi rimase per ben otto settimane. Il brano vinse anche, nel 1994, il Grammy Award, come Miglior brano R&B.

Dall'album vennero estratti un totale di nove singoli di cui sei entrarono nella top 10 americana, tra cui il secondo singolo If, e due raggiunsero la numero uno: That's the Way Love Goes ed Again .[31][32]

Candidatura agli Oscar e il film Poetic Justice[modifica | modifica wikitesto]

La ballad Again, venne inoltre nominata agli Oscar come Academy Award alla migliore canzone originale (perse tuttavia in favore di Streets of Philadelphia di Bruce Springsteen, scritta per il film Philadelphia) dato che fu il brano portante di Poetic Justice, film uscito nell'estate del 1993 e diretto da John Singleton, dove Janet fece il suo debutto sul grande schermo.[33] Al film partecipò anche il rapper e attore Tupac Shakur che creò involontariamente un caso quando si rifiutò di fare il test sull'AIDS, ritenuto un prerequisito per una scena di un bacio nel film con Janet. Shakur sostenne che altri uomini avevano girato scene di quel tipo con Janet prima di lui, senza aver fatto il test, per cui non ne vedeva la necessità. Tuttavia, Janet se la prese e non gli parlò più subito dopo la fine delle registrazioni. Shakur si scusò più tardi con lei.[34]

La cantante durante il Janet World Tour nel 1995.

Verso la fine del 1993 Janet apparve sulla più importante rivista musicale americana, Rolling Stone: la donna era immortalata dalla vita in su, senza indossare nulla oltre ai jeans di cui si intravede l'orlo, con i seni coperti da due mani maschili provenienti da dietro la schiena. Questo numero della rivista divenne uno dei più venduti di sempre e lo scatto venne giudicato come uno dei più belli mai realizzati per la rivista. Janet spiegò in seguito che le mani che le coprivano il seno erano quelle dell'allora marito Renè Elizondo.[32]

Nel novembre del 1993 Janet diede il via al suo janet. World Tour, che fu un successo mondiale, registrando il tutto esaurito pressoché ovunque: Janet si esibì in più di venti nazioni su quattro continenti. Il tour durò un anno e mezzo, terminando nell'aprile del 1995.

Nel marzo del 1995, al di fuori degli Stati Uniti d'America, venne pubblicata una raccolta di canzoni da janet., in versione remixata, dal titolo janet. Remixed. La raccolta però non destò grande interesse, eccezion fatta per il Regno Unito, dove il lavoro ricevette un disco d'oro.

Scream e la raccolta Design of a Decade[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio dello stesso anno venne pubblicato il singolo Scream, un duetto tra Michael e Janet Jackson estratto dall'album di Michael Jackson, HIStory: il brano ebbe subito un grandissimo successo rendendo Janet e suo fratello Michael i primi artisti nella storia ad aver debuttato direttamente alla posizione numero 5 di Billboard.[35][36] Il videoclip divenne il video più costoso di tutti i tempi[37] e fruttò inoltre a Janet e Michael il record di maggior numero di candidature agli MTV Video Music Awards 1995, ben 11 candidature, dove vinsero in tre categorie.[38]

Ad ottobre del 1995, uscì la prima raccolta di successi di Janet, Design of a decade 1986/1996; la raccolta conteneva due inediti, Runaway e Twenty Foreplay. Il primo divenne una hit negli States ed entrò anche nella top ten di molti paesi tra i quali: Regno Unito, Giappone, Canada e Italia.[39]

The Velvet Rope[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 ottobre del 1997, venne pubblicato il 7º album della cantante, The Velvet Rope, che venne riconosciuto come il capolavoro artistico di Janet ricevendo critiche entusiaste, soprattutto in Europa, ed ebbe un buon successo negli Stati Uniti, ma non grande come quello dei suoi album precedenti.[40] Rolling Stone inserì il disco tra i "500 migliori album di ogni tempo". Sei singoli furono estratti dal disco tra cui Got 'til It's Gone, con la partecipazione di Q-Tip e un campionamento di Big Yellow Taxi di Joni Mitchell, e Together Again che divenne il singolo di maggior successo dell'intera carriera di Janet, vendendo più di 5 milioni di copie in tutto il mondo, mentre l'album vendette oltre 10 milioni di copie.[41]

Tematicamente il disco tocca vari argomenti: dal razzismo, all'esplorazione di vari tipi di sessualità, alla violenza sulle donne, ai pregiudizi sull'omosessualità, per arrivare all'autoanalisi e al superamento di momenti di depressione.[42]

Nel 1998 l'artista dà inizio al Velvet Rope Tour, di grandissimo successo ed allargato a tutti e cinque i continenti. La data dell'11 ottobre 1998, tenuta al Madison Square Garden di New York, venne pubblicata come DVD con il titolo di The Velvet Rope Tour - Live in Concert.

Janet Jackson mentre si esibisce nel 1998 a Milano durante l'unica tappa italiana del suo Velvet Rope Tour.

Duetti di fine millennio[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine degli anni novanta, Janet prese parte ad alcuni duetti musicali con altri artisti: nel 1999 incise assieme ad Elton John il brano I Know the Truth, facente parte della colonna sonora del musical Aida, rivisitazione moderna del capolavoro di Giuseppe Verdi scritto e musicato dallo stesso John e da Tim Rice.[43] Sempre nel 1999 pubblicò assieme al cantante reggae Shaggy il pezzo Luv Me, Luv Me, facente parte della colonna sonora del film Benvenuta in Paradiso (1998) mentre pubblicò assieme ai Blackstreet, e alla rapper americana Eve, il brano Girlfriend/Boyfriend: era la seconda volta che Janet e il gruppo afroamericano collaboravano, in quanto un anno prima la band aveva remixato per il mercato europeo I Get Lonely della Jackson. Infine, sempre alla fine del decennio, collaborò col rapper statunitense Busta Rhymes per il brano What's It Gonna Be?!, che ebbe un grande successo negli Stati Uniti; il video della canzone, ultratecnologico, entrò nella lista dei dieci video più costosi di ogni tempo. Janet ha così due video in questa classifica ed entrambe le presenze sono per collaborazione.[44]

Alla fine del 1999, la prestigiosa rivista nordamericana, Billboard, specializzata in classifiche musicali e dati di vendita, nominò Janet Jackson come seconda artista musicale di maggior successo degli anni novanta negli Stati Uniti d'America, dietro solo a Mariah Carey.[35]

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Il film La famiglia del professore matto e All for You[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 2000 Janet tornò al cinema dopo un'assenza di quasi dieci anni, al fianco di Eddie Murphy nella commedia La famiglia del professore matto. L'artista contribuì alla colonna sonora del film, scrivendo e interpretando il tema principale, Doesn't Really Matter. Il brano ebbe grande successo in tutto il mondo, arrivando al primo posto della classifica statunitense dei singoli. Janet fu così la prima artista ad avere almeno un singolo in cima alla Billboard Hot 100 in tre decenni diversi.[45]

Nel 2001 uscì il suo settimo album di inediti, All for You. L'album esordì al primo posto nella classifica statunitense degli album più venduti ed ebbe un successo internazionale, vendendo più di 9 milioni di copie.[46]

Il singolo di lancio, la title-track All for You fu un grandissimo successo e divenne uno dei singoli più fortunati dell'intera carriera della cantante[47] rimanendo nella prima posizione negli Stati Uniti per sette settimane, stabilì un record: nella prima settimana di programmazione, venne aggiunto al palinsesto di tutte le radio pop, rhythmic e urban degli Stati Uniti. Il secondo singolo, Someone to Call My Lover, fu un altro grande successo. Il terzo ed ultimo estratto fu Son of a Gun, un successo molto più moderato. Il brano è un duetto con la vecchia gloria della musica nordamericana Carly Simon. Per la canzone venne creato un remix che vede la partecipazione di Missy Elliot; per il videoclip promozionale venne utilizzata quest'ultima versione, che è dunque cantata a tre voci: Janet Jackson, Carly Simon e Missy Elliot.

Per supportare l'album, Janet iniziò nel luglio del 2001 l'All for You Tour che nelle intenzioni della cantante doveva essere mondiale, ma in seguito agli attentati terroristici dell'11 settembre, per motivi di sicurezza, le date europee vennero cancellate. Vennero così eseguite solo le date nordamericane e giapponesi, che ebbero un grande successo e registrarono spesso il tutto esaurito. La data conclusiva si svolse alle Hawaii, nell'Aloha Stadium: il concerto venne poi pubblicato su DVD col nome di Janet: Live in Hawaii.

MTV omaggiò Janet, sempre nel 2001, dedicandole una puntata di MTV ICON, un programma musicale dedicato a grandi personaggi della musica, nel quale altri artisti omaggiano il protagonista della serata reinterpretando alcuni suoi successi personali. Quella di Janet fu la prima puntata in assoluto del programma. Infine, lo stesso anno, Janet ricevette due prestigiosi premi alla carriera: il Billboard Music Award e l'American Music Award. Nel 2002 Janet vinse il suo quinto Grammy Award, nella categoria di Miglior brano dance, con All for You. Sempre nel 2002 l'artista duettò con il cantante reggae Beenie Man nel brano Feel It Boy, che non ebbe grande successo.

Il Nipplegate e Damita Jo[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º febbraio 2004, Janet, su invito degli organizzatori del Super Bowl, il programma televisivo più seguito negli Stati Uniti, si esibì al Super Bowl XXXVIII durante il così detto "halftime", la pausa della partita, con due suoi classici: All for You e Rhythm Nation. Subito dopo duettò con Justin Timberlake, cantando la hit di quest'ultimo, Rock Your Body. Alla fine dell'esibizione Justin si avvicinò a Janet e le strappò di dosso la parte destra del corpetto lasciando un seno di Janet nudo in mondovisione per alcuni secondi, subito prima della pausa pubblicitaria.

Lo scandalo, presto ribattezzato dalla stampa statunitense Nipplegate ("il caso del capezzolo"), fu immenso: la stampa USA parlò della cosa per mesi e il governo Bush dovette intervenire per sedare le polemiche.[48] Da allora i grandi eventi televisivi statunitensi andarono in onda con alcuni secondi di differita per censurare eventuali comportamenti ritenuti "scandalosi". Per la prima volta nella storia la serata di consegna dei Premi Oscar di quell'anno andò in onda con qualche minuto di differita. Janet e Justin si scusarono il giorno dopo dicendo che si era trattato di un incidente: in realtà la stampa cominciò subito a malignare sul fatto che in realtà Janet avesse voluto far parlare di sé per pubblicizzare il suo album di prossima pubblicazione.[49]

Mentre Justin si scuserà in più occasioni dell'accaduto, Janet rifiutò di farlo in seguito alle prime scuse poste il giorno seguente l'evento e sarà sempre riluttante a parlarne.[50] L'establishment dell'industria dello spettacolo nordamericano perdonò velocemente Justin, mentre assunse un atteggiamento ostile nei confronti di Janet. Addirittura l'importante canale musicale MTV rifiutò di teletrasmettere i videoclip della cantante e le radio limitarono la diffusione dei suoi pezzi. Una voce famosa, tra le altre, che si levò a favore di Janet fu quella della cantautrice canadese Alanis Morissette, la quale, durante i Juno Awards del 2004, si presentò con indosso un abito color pelle aderente che all'altezza del pube aveva una vulva finta disegnata e con tono provocatorio esortò gli artisti statunitensi a recarsi nel più tollerante Canada.[51]

Fu in questo clima che l'ottavo album di inediti della cantante, Damita Jo, vide la luce. Le reazioni, sia critiche che commerciali, furono per lo più negative e, dopo 18 anni di grandi successi, l'album si rivelò il primo flop dell'artista. Nel mese di aprile dello stesso anno Janet fu ospite del Saturday Night Live, nel quale si esibì nel pezzo imitando l'allora Segretario di Stato degli Stati Uniti Condoleezza Rice creando nuove polemiche e non aiutando di fatto le vendite dell'album.[52]

Sempre nel 2004, la cantante ricevette due premi molto importanti: il Radio Legend (Leggenda radiofonica) consegnatogli dai Radio Music Award e lo Special Inspiration Award da MTV Japan. Il Giappone fu uno dei pochi mercati nei quali Damita Jo non fracassò.

Janet Jackson durante una conferenza stampa nel 2006.

Nel 2005 invece Janet ricevette un premio umanitario, dalla Human Rights Campaign, un'organizzazione che tutela i diritti del mondo omosessuale, per i numerosi contributi economici offerti nel tempo dall'artista a favore della ricerca scientifica per sconfiggere l'AIDS.

Nel 2006, il Guinness Book of Records, pubblicò che Janet Jackson era il personaggio più cercato della storia su internet.[53]

20 Y.O. e il film Why Did I Get Married?[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2006 fu pubblicato 20 Y.O., con riferimento al ventennale della sua carriera da artista indipendente dal padre, iniziata appunto vent'anni prima con Control del 1986. Le critiche furono ancora negative e le vendite deludenti: con poco più di 1 milione di copie vendute nel mondo, l'album risulta così essere il più grande flop della cantante fino allora. Di tutti i singoli previsti ne vennero pubblicati solo due: Call on Me, un duetto col rapper Nelly, che ebbe un moderato successo negli States raggiungendo la numero 1 della classifica Hot R&B/Hip-Hop di Billboard[54] e in Europa dove raggiunse la numero 18 in UK, la 2 in Belgio e la 20 in italia[55][56], e So Excited, un duetto con la rapper Khia, che ebbe un modesto successo commerciale negli Stati Uniti raggiungendo la vetta della Hot Dance Club Play di Billboard[57] e in Europa dove raggiunse la posizione numero 9 in Finlandia, la 13 in Spagna, la 14 in Belgio e la 28 in Italia.[58][59][56]

Janet Jackson durante un'esibizione del Rock Witchu Tour

Ad ottobre del 2007, appare sugli schermi nordamericani il film Why Did I Get Married? (Perché mi sono sposato?) di Tyler Perry, che vede Janet come co-protagonista. Il film ebbe un grande successo negli States, debuttando al numero 1 nei botteghini del Paese. Per questa interpretazione l'artista ha vinto un premio come miglior attrice non protagonista agli NAACP Award.

Abbandono della Virgin, nuova etichetta, Discipline e Rock Witchu Tour[modifica | modifica wikitesto]

Janet e l'allora fidanzato, il produttore discografico Jermaine Dupri, che aveva partecipato alla produzione di 20 Y.O., accusarono la Virgin Records di non aver promosso adeguatamente l'album. Le tensioni tra l'artista e la casa discografica aumentarono sempre più e diventarono insanabili: il risultato fu che nel marzo del 2008 Janet abbandonò la Virgin Records per firmare un contratto con la Island Records, cosa che fece anche Dupree.[60]

Nel febbraio del 2008 Janet pubblica il suo decimo album di inediti, Discipline. Per la prima volta dal 1986, l'artista non ha partecipato alla scrittura del disco, rivestendo il ruolo, oltre che di interprete ovviamente, "solo" di produttore esecutivo. Inoltre sempre per la prima volta dal 1986, i fidati produttori storici di Janet, Jimmy Jam e Terry Lewis, non sono stati coinvolti nel progetto.[61]

Il singolo di lancio è stato l'uptempo electro-dance Feedback. Il brano riscosse un certo successo solo negli Stati Uniti, ma non aiutò le vendite del disco, che dopo il debutto nella prima posizione nella classifica statunitense dei dischi più venduti, vendette meno di 500.000 copie. Grazie al debutto nella prima posizione però Janet divenne l'artista femminile (assieme a Mariah Carey), con il maggior numero di album nella prima posizione nella classifica dei dischi statunitensi con sei album, dietro Madonna (7 album in prima posizione) e Barbra Straisand (8 album in prima posizione).[62]

Il secondo estratto fu Rock with U, che ebbe scarso successo, sia negli Stati Uniti sia all'estero. I successivi due singoli, LUV e Can't B Good, seguirono il trend negativo dei primi due facendo sì che la Island Def decidesse di interrompere la promozione dell'album, non pubblicando più alcun singolo e non finanziando più il mini-tour europeo per la promozione del disco oltreoceano, ponendo fine di fatto al progetto Discipline.

In seguito a questa decisione dell'etichetta, Janet, durante un'intervista radiofonica, espresse tutta la sua rabbia e il suo malcontento per questa decisione, dando così a vedere di non aver risolto le sue tensioni con le etichette discografiche, dopo i dissapori passati che l'avevano portata ad abbandonare la Virgin Records. Nella primavera del 2008 la cantante annunciò il suo ritorno sul palcoscenico per una serie di concerti prodotti non dalla Island Def, ma dalla Live Nation.

Il 10 settembre, a Vancouver in Canada è così partito il Rock Witchu Tour, che subito ha ottenuto ampi consensi di pubblico e di critica. Dopo una pausa di 7 anni (l'ultimo tour di Janet fu l'All for You Tour del 2001), l'artista era così tornata all'attività live. Delle 27 date previste, solo 16 sono state effettuate, in quanto 11 spettacoli sono stati cancellati a causa di problemi di salute della cantante.[63]

Poco dopo l'inizio della serie di concerti, tenuti soltanto in nord america e Canada, un portavoce di Janet annuncia che la cantante ha abbandonato la Island Records e che quindi il contratto con la nuova casa discografica è assolto dopo un solo album. Il portavoce ha chiarito che Janet per il momento non avrebbe firmato con nessuna major della discografia, ma avrebbe prodotto in maniera indipendente la sua musica.[64]

A settembre del 2008, il sito della classifica ufficiale di musica statunitense, Billboard, ha stilato, in occasione dei 50 anni della sua nascita, un elenco con gli artisti di maggior successo della storia della musica: Janet è risultata essere la settima artista di maggior successo per quanto riguarda i singoli.[53]

La morte di Michael Jackson e Number Ones[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno 2009 Janet è apparsa in televisione, alla premiazione musicale statunitense dei BET Awards (premio dato a musicisti di colore) per commentare la morte del fratello, il leggendario Michael Jackson, deceduto il 25 giugno 2009. Il breve discorso che l'artista tenne rappresentò la prima apparizione in pubblico della cantante dopo la morte dell'amato fratello. Per l'occasione Janet espresse queste parole: "I'd just like to say, to you, Michael is an icon, to us, Michael is family. And he will forever live in all of our hearts. On behalf of my family and myself, thank you for all of your love, thank you for all of your support. We miss him so much." (Vorrei solo dire che per voi Michael è un'icona, per noi è famiglia. Vivrà per sempre nei nostri cuori. Da parte della mia famiglia grazie per il vostro amore, grazie per il vostro sostegno. Ci manca così tanto).[65]

Il 7 luglio 2009 Janet appare al fianco di tutti i suoi famigliari al memorial pubblico per il fratello Michael che verrà seguito da quasi 2.5 miliardi di persone in tutto il mondo.[66]

Nel settembre dello stesso anno, Janet si presentò di nuovo in televisione, questa volta per gli MTV Video Music Awards 2009, per rendere omaggio alla memoria del fratello. La serata venne aperta da Madonna, che tenne un discorso sull'importanza di Michael Jackson nello scenario della musica e dello spettacolo internazionale; subito dopo un gruppo di ballerini cominciò a ballare sulle note di tre brani di successo di Michael, Thriller, Bad e Smooth Criminal. Successivamente partono le note musicali di Scream, l'unico duetto di Michael e Janet. Quest'ultima apparve sul palco rompendo un grande specchio iniziando a cantare il brano mentre sullo sfondo erano trasmesse le immagini del video. Verso la fine dell'esibizione Janet ballò sincronizzandosi con i movimenti che Michael faceva nel video.

A poche ore da quest'esibizione Janet pubblicava sul suo sito ufficiale il brano inedito Make Me: il pezzo era un regalo ai fan, in quanto era scaricabile gratuitamente. Make Me sarà il brano inedito (l'unico) della seconda raccolta di successi di Janet intitolata Number Ones negli States e The Best nel resto del mondo. Il video del brano, in bianco e nero, ha uno stile futuristico ed è un chiaro omaggio a Scream. Il pezzo sarà un fiasco clamoroso, non entrando in nessuna classifica importante nel mondo e non aiutando le vendite del disco.

La compilation venne pubblicata nel mese di novembre internazionalmente e seguì il trend negativo delle ultime pubblicazioni di Janet: riuscì ad entrare solo nelle classifiche statunitense e inglese (numero 22 e numero 28 rispettivamente) senza suscitare scalpore e abbandonando velocemente la graduatorie, senza riuscire a sfruttare le notoriamente generose vendite del periodo natalizio.

Nonostante il disappunto commerciale, la raccolta è prodotta con cura e contiene tutti i più grandi successi della cantante (a differenza di Design of a decade, che era una pubblicazione parziale). Il Greatest Hits è stato possibile grazie ad un accordo tra le tre case discografiche con le quali Janet aveva collaborato (A&M, Virgin, Island Records) e venne di fatto pubblicato dalla A&M; le canzoni sono in ordine cronologico, a partire dai successi di Control (1986) ad arrivare a Feedback, primo estratto da Discipline (2008). Nella scaletta c'è spazio anche per alcune collaborazioni importanti che Janet aveva fatto nel tempo: quella con il grande esponente dell'R&B Luther Vandross, The Best Things in Life Are Free (in una versione remix), la partecipazione al singolo del rapper Busta Rhymes What's It Gonna Be?! al celebre duetto con il fratello Michael Jackson Scream.

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Number Ones Tour e nuovi film[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2010 Janet riprende il suo ruolo nel seguito del film Why Did I Get Married? intitolato Why Did I Get Married Too?. Il film raccoglie circa 60 milioni di dollari. La sua interpretazione le fa vincere un NAACP Image Award come Outstanding Actress in a Motion Picture. Per il film Janet registra il pezzo Nothing accompagnato anche da un video. In luglio Janet fa da testimonial ad una casa di moda chiamata Blackglama che produce però anche pellicce, scatenando così qualche polemica tra i fans animalisti della cantante. Ad agosto viene realizzata un'ennesima raccolta: Icon: Number Ones, la terza della sua carriera e la seconda in due anni che, proprio a causa della vicinanza con la precedente, passa quasi inosservata nonostante la presenza del singolo inedito Nothing. A novembre Janet appare di nuovo come attrice questa volta nel film For Colored Girls e la sua interpretazione suscita critiche positive facendogli guadagnare due candidature ai Black Reel Awards.[67]

Janet Jackson in tour nel marzo 2011

Il 4 febbraio 2011 parte da Manila nelle Filippine il Number Ones, Up Close and Personal World Tour per supportare le due raccolte Number Ones. Il tour si conclude dopo un buon successo, e un'ottantina di tappe tra Asia, Europa, Oceania, America e Africa, il 5 dicembre 2011 a Miami negli USA.[68]

Sempre a febbraio esce inoltre il suo primo libro: True You: A Journey to Finding and Loving Yourself scritto da Janet e dall'autore David Ritz. Nel libro l'artista parla dei suoi problemi di peso e di autostima negli anni, ed è accompagnato da foto della sua vita privata e anche da consigli e ricette per perdere peso. Entra al numero uno dei best seller del New York Times a marzo del 2011.[69]

Nel 2012 fa da testimonial al sistema Nutrisystem specializzato in diete. Grazie alla sua sponsorizzazione a questo programma ha donato dieci milioni di dollari in pasti agli affamati.[70] Lo stesso anno Janet partecipa anche ad altre serate di beneficenza.

Dopo il successo non proprio entusiasmante delle due raccolte Number Ones la cantante sparisce per un po' dalle scene quando, a sorpresa, sposa il milionario del Qatar, Wissam Al Mana. La cantante, dopo molte voci non confermate, annuncia di essersi sposata quasi un anno dopo nel programma TV Entertaiment Tonight dove ha raccontato che la cerimonia è stata "piccola, bella e privata" e che come regalo i novelli sposi hanno fatto delle donazioni ad alcune organizzazioni benefiche per bambini.[71]

Sempre nel 2012 la cantante finisce in un piccolo scandalo quando il sito di gossip, TMZ.com, mostra delle immagini di una videocamera di sicurezza che la vedono, secondo i giornalisti, aggredire Paris, la nipote e figlia del fratello Michael. In realtà zia e nipote avevano avuto solo una piccola discussione ma i media hanno ingigantito la cosa.[72][73]

Dopo il matrimonio Janet si ritira dalle scene per alcuni anni facendo solo qualche rara apparizione a serate di gala e per raccolte fondi in beneficenza tanto da far sì che molti suoi fans sui social network inizino una petizione per farla tornare con tanto di annunci simili a quelli fatti per le persone scomparse.[74]

Unbreakable e nuovi tour[modifica | modifica wikitesto]

Janet Jackson in concerto nel novembre del 2015 a Honolulu

Il 16 maggio 2015 Janet Jackson annunciò un album e un tour entro l'anno[75]. Il 28 giugno successivo fu presente al BET Award 2015 per ricevere il premio alla carriera Ultimate Icon: Music Dance Visual Award e per celebrare i 25 anni dell'album Rhythm Nation 1814 anticipata da un tributo eseguito da Tinashe, Ciara e Jason Derulo esibitisi in un medley dei brani The Pleasure Principle, All For You, If e Rhythm Nation in suo omaggio. Ancora a giugno fu pubblicato il singolo No Sleeep accompagnato anche da un video, e successivamente annunciato l'Unbreakable World Tour che partì il 31 agosto da Vancouver in Canada.

Il 2 ottobre uscì Unbreakable, primo disco di inediti dopo 7 anni. Si tratta del primo album pubblicato per la nuova etichetta discografica fondata da Jackson stessa, la Rhythm Nation Records. L'album entrò al numero uno di iTunes in 4 Paesi, tra cui gli Stati Uniti, nel giorno di lancio anche se l'entità delle vendite definitive dell'album e del relativo successo commerciale venne contestata da alcuni critici e attribuita alla cifra dei CD e vinili venduti gonfiata dalla vendita accoppiata a quella di gadget ai concerti dell'artista[76][77]. Ma la BMG, in un comunicato del suo vicepresidente Jon Cohen, si è dichiarata soddisfatta del successo dell'album dichiarando inoltre che si trattava del loro primo album numero uno negli Stati Uniti.[78] Nonostante l'incerto successo commerciale Unbreakable fu il settimo album della Jackson a raggiungere il primo posto di Billboard 200, e proprio nella settimana di debutto: meglio di lei solo Madonna (8 album) e Barbra Streisand (10)[79].

A ottobre Jackson ricevette la nomination per l'ammissione alla Rock and Roll Hall of Fame[80].

Il 24 dicembre 2015 Jackson comunicò la sospensione del suo Unbreakable World Tour per sottoporsi a un non meglio precisato intervento chirurgico[81], che alcune voci avevano suggerito servisse per trattare un tumore alle corde vocali[82] benché tale eventualità fosse stata prontamente smentita dalla stessa cantante[83]; il 6 aprile 2016 giunse infine la cancellazione definitiva del tour su consiglio medico, essendo Jackson impegnata in un'operazione di pianificazione familiare[84].

Il primo maggio 2017 Janet, dopo un misterioso countdown partito sul suo sito ufficiale[85], annuncia che si è separata dal marito e la partenza di un nuovo tour: lo "State of the World Tour" partito il 7 settembre 2017 da Lafayette, Louisiana, negli Stati Uniti.[86] Il giorno seguente la cantante visita le vittime dell'uragano Harvey a Huston, dato che la seconda tappa del suo tour si è tenuta proprio nella città colpita e che la cantante ha deciso di non cancellarla per poter raccogliere fondi per gli alluvionati.[87][88] Dopo 56 concerti tra Stati Uniti e Canada, la prima parte del tour si è concluso con un concerto alla Philips Arena di Atlanta, il 17 dicembre 2017.[89]

Il 20 maggio 2018 ha partecipato alla premiazione dei BIllboard Music Awards dove si è esibita in un medley delle sue canzoni Nasty, If e Throb e dove ha ricevuto il premio Billboard Icon Award dalle mani di Bruno Mars. Nel discorso di ringraziamento Jackson si è rivolta alle donne e ha espresso il suo supporto ai movimenti per l'emancipazione femminile come #MeToo, dichiarando: "Viviamo un momento glorioso nella storia, un momento atteso a lungo in cui le donne hanno dichiarato chiaramente che non vogliamo mai più essere controllate, manipolate o abusate".[90][91][92] Il 23 giugno, per il suo impatto nel mondo della musica, della danza, dei video, della moda e dei film, ha ricevuto invece il primo Impact Award ai Radio Disney Music Awards 2018. Il premio, da questa edizione in poi, è stato rinominato Janet Jackson Impact Award in onore dell'artista.[93][94]

L'8 luglio 2018 ha eseguito un concerto esclusivo dello State of the World Tour all'Essence Muisc Festival a New Orleans dove sul palco ha reso omaggio al padre, Joseph Jackson, scomparso per un tumore il 27 giugno 2018[95], dichiarando inoltre "senza la sua guida, la sua forza, non avremmo mai avuto questo successo"[96], mentre l'11 luglio il tour è ripartito ufficialmente da Austin in Texas.[97][98]

Made for Now e nuovo album[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2018 è stato pubblicato un nuovo singolo inedito della Jackson con la partecipazione di Daddy Yankee intitolato Made for Now, che farà parte del suo nuovo album e che è stato accompagnato anche da un nuovo video. Lo stesso giorno Janet ha rilasciato un'intervista esclusiva al programma TRL di MTV, dove ha presentato il video in esclusiva[99], e ha partecipato al The Tonight Show di Jimmy Fallon esibendosi dal vivo con Yankee nel nuovo singolo.[100][101] Dopo una lunga promozione tra varie interviste radiofoniche, la Jackson si è esibita ancora in Made For Now il 29 settembre al Global Citizen Festival a New York e il 4 novembre agli MTV EMA a Bilbao dove ha ricevuto il prestigioso premio Global Icon Award e dove ha tenuto un discorso contro l'abuso sulle donne.[102][103]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Janet si è sposata tre volte. La prima a 18 anni con il musicista James DeBarge: la loro unione durò meno di un anno e il matrimonio venne annullato. La seconda volta si sposò con il produttore musicale René Elizondo, dal quale si separò nel 1999. Fino al 2009 è stata fidanzata col produttore musicale Jermaine Dupri. Nel 2012 si sposò col milionario Wissam Al Mana. Il 3 gennaio 2017 ha dato alla luce il suo primo figlio, Eissa Al Mana. Nell'aprile del 2017 viene annunciato il divorzio tra i due a causa del troppo controllo nei suoi confronti da parte del marito musulmano.[104][105][106] Il 1º maggio 2017 la Jackson annuncia ufficialmente il divorzio tramite un comunicato.

Stile e impatto artistico[modifica | modifica wikitesto]

Musica e voce[modifica | modifica wikitesto]

Janet Jackson è un mezzosoprano.[107] Nel corso della sua carriera la cantante è spesso stata criticata per le sue limitate capacità vocali, particolarmente se paragonata alla contemporanee Whitney Houston e Mariah Carey.[108] Paragonando la sua tecnica di canto a quelle di Whitney Houston e di Aretha Franklin l'insegnante di canto Roger Love dichiarò che "quando Janet canta lascia passare una grandissima quantità d'aria. Quello che vuole ottenere è chiaramente un effetto sensuale e caldo, e da un certo punto di vista funziona bene. Ma è una tecnica abbastanza limitante". Aggiunse che, se da un lato la sua voce funziona bene nelle registrazioni, non si traduce bene sul palcoscenico, sebbene "le fantastiche canzoni, incredibili capacità di ballerina e una presenza scenica catalizzante rendano un suo concerto comunque magnifico. Anche se non è la voce la star".[109] Il biografo David Ritz scrisse: "negli album di Janet, nei suoi video e nelle esibizioni, in cui non manca di sfoggiare una tecnica di ballo atletica e flessuosa [...] il canto non occupa la parte principale", quanto piuttosto "i suoi ''beat'' martellanti, i ritornelli contagiosi e una produzione di qualità impeccabile".[30] Eric Henderson di Slant magazine ritiene come i detrattori della voce della cantante "hanno in qualche modo tralasciato l'esplosività delle parti vocali stile 'gimme a beat' lungo tutta "Nasty"... E hanno ignorato il modo magnifico in cui il suo cantato esitante si sposi perfettamente con il suo inno alla castità "Let's Wait Awhile"".[110] Il compositore classico Louis Andriessen ha lodato Janet Jackson per il suo "rubato, il suo senso del ritmo, la sua sensibilità musicale e le caratteristiche infantili della sua voce bizzarramente erotica".[111] Molti critici hanno sottolineato come la voce di Janet Jackson sia spesso sepolta dalla produzione musicale nei suoi brani. Il critico musicale J. D. Considine commentò: "il sound della Jackson nei suoi album non è determinato dalla sua voce quanto dal modo in cui la sua voce è incastonata nella produzione generosa ed energetica di Jimmy Jam & Terry Lewis".[112] Wendy Robinson di PopMatters scrisse: "Il potere della voce di Janet Jackson non si nasconde nelle sue corde vocale. Lei non urla, ma sussurra... La vocalità confezionata della Jackson è intelligentemente accompagnata da armonizzazioni gentili e bilanciata da ritmi pulsanti, tanto che non risulta mai sgradevole ascoltarla".[113] Matthew Perpetus di Fluxblog suggerì la tecnica vocale di Janet Jackson come studio per la musica indie rock, in quanto secondo lui garantiva "un effetto in qualche modo subliminale sull'ascoltatore, in grado di guidare ed enfatizzare dei cambiamenti dinamici senza distrarre l'attenzione dagli hook principali" [...] La sua voce passa senza sforzo da una dura scorza cadenzata a un'emotività soul a un delicato flirt senza scadere in nessuna parte della sua resa;... un continuum di emozioni e atteggiamenti che contribuiscono all'impressione di star ascoltando un essere umano in tutte le sue sfaccettature con le sue contraddizioni e complessità".[114]

La musica di Janet Jackson ha sempre incluso svariati generi. I suoi album degli anni Ottanta sono stati paragonati per influenze a Prince, con cui i suoi produttori collaboravano.[115] Sal Cinquemani scrisse che la Jackson ridefinì il formato di musica da classifica "dando al Minneapolis sound di Prince un tocco decisamente femminile e — in canzoni come 'What Have You Done for Me Lately?', 'Nasty,' 'Control' e 'Let's Wait Awhile' - anche femminista".[116] Recensendo l'album Control, Richard J. Ripani scrisse come la Jackson, Jam e Lewis "forgiarono un nuovo sound che unisce gli elementi ritmici del funk e della musica disco con un prominente uso di sintetizzatori, percussioni, effetti sonori e una sensibilità rap".[24] L'autore Rickey Vincent ha notato come i beat di industrial abbiano ridefinito i canoni del pop.[117] Anche nell'ambito delle ballate pop la Jackson ricopre un ruolo importante; Richard Rischar scrisse: "le ballate pop di artisti afroamericani a metà degli anni Ottanta erano caratterizzate da uno stile di canto e di produzione rifinito e ripulito, esemplificato dai brani di Whitney Houston, Janet Jackson e James Ingram".[118] Janet Jackson ha incorporato elementi di musica pop e urban music con elementi di hip hop negli anni Novanta. La sua musica si tradusse in una interpretazione più "leggera", contraddistinta da ballate soul e brani dance molto movimentati.[119] Specialmente nei primi suoi dieci anni di carriera, è stata "un'artista che ha riscritto il sound e l'immagine del rhythm and blues".[120] La critica Karla Peterson scrisse: "è una ballerina talentuosa, una performer di successo, e come testimoniato da "That's the Way Love Goes" anche un'autrice di musica pop di prim'ordine".[121] La musica realizzata nel secondo decennio della sua carriera in genere non ha accolto il consenso della critica; nelle parole di Sal Cinquemani, "ad eccezione forse dei R.E.M., nessun altro artista di grande levatura ha continuato a produrre in maniera così prolifica vedendo un tale crollo in termine di vendite e della qualità creativa".[116]

Le tematiche delle canzoni di Janet Jackson sono cambiate nel corso degli anni; i suoi testi sono analizzati in musicologia, studi di cultura afroamericana e gender studies.[122][123] David Ritz ha paragonato la Jackson a Marvin Gaye: "l'autobiografia sembra essere la sola ispirazione della sua musica. La sua arte, come quella di Marvin, è la superficie di un bacino di sofferenze personali".[30] Il suo successo è stato attribuito a "una serie di ritmi potenti e metallici; la sua vocalità lieve e stratificata; e dei testi filosofici basati sull'accettazione e sulla conoscenza di se stessi".[124] Ritz parlò di una "fiamma" che alimenta "sopravvivenza e ambizione, riserve e creatività, estrema sicurezza di sé e paura profonda".[30] I testi dei suoi brani degli anni Ottanta parlavano di prendere il controllo della propria vita, femminismo e consapevolezza politica.[123][125] Gillian G. Gaar, autore di ''She's a Rebel: The History of Women in Rock & Roll'' (2002), definisce ''Control'' "un racconto autobiografico della sua vita con i suoi genitori, il suo primo matrimonio e la sopraggiunta libertà".[126] Jessie Carney Smith, autrice della Encyclopedia of African American Popular Culture (2010) scrisse: "Con quell'album, la Jackson rimarcò la propria sfera di indipendenza, individualità e potere personale. Invitava il pubblico a vederla come una persona trasformata, da bambina prodigio a celebrità adulta e poliedrica".[127] Definendo Rhythm Nation 1814 un monito di speranza, Timothy E. Scheurer, autore di Born in the USA: The Myth of America in Popular Music from Colonial Times to the Present (2007) scrisse: "Ricorderà pure Sly Stone prima di There's a Riot Going On e altri artisti afroamericani degli anni Settanta nella sua tacita speranza che un mondo come quello auspicato da Martin Luther King è ancora realizzabile, che il sogno americano è un sogno per tutti quanti".[128]

Janet Jackson durante il Rock Witchu Tour

Nell'album Janet, la Jackson tratta il tema della sessualità. Shayne Lee, autrice di Erotic Revolutionaries: Black Women, Sexuality, and Popular Culture (2010), scrisse come la Jackson negli anni Novanta si impose come "una delle vocalist più sessualizzate" del decennio[129] In You've Come A Long Way, Baby: Women, Politics, and Popular Culture (1996), Lilly J. Goren osservò come "l'evoluzione della Jackson da musicista impegnata a diva sexy era esemplificativa della svolta che la società e l'industria musicale volevano per le cantanti dance e rock".[125] The Washington Post sostenne che l'immagine della Jackson era transitata "dall'innocenza all'esperienza, ispirando album carnali come 'Janet' e 'The Velvet Rope', l'ultimo dei quali omaggia - in senso figurato e non - le catene dell'amore e del desiderio".[130] La canzone "Free Xone" contenuta in The Velvet Rope, che dà una visione positiva dell'omosessualità, è stata definita dalla sociologa Shayne Lee "un raro caso in cui una cantante afroamericana esplora il romanticismo o la sessualità al di fuori dei confini dell'eterosessualità, rendendola una canzone importante nei canoni della sessualità afroamericana".[129] Promuovendo l'album ''Janet'', la cantante dichiarò: "Mi piace sentirmi intrinsecamente sessuale e non mi dispiace mostrarlo al mondo. Per me, il sesso è diventato una celebrazione, una parte allegra della creatività".[131] Dopo aver pubblicato l'album Damita Jo, Janet Jackson dichiarò: "A partire dai miei primi album, esplorare e legittimare la mia sessualità è stata una scoperta e un tema costante [...] Come artista, non è solo una mia passione, è un mio dovere".[132] Stephen Thomas Erlewine ha definito il tema della sessualità presente nei testi della Jackson una perdita di innocenza, in confronto ad artisti com Prince: "Se il sesso innegabilmente ispira molta musica pop di qualità, questo non è sempre valido; anche qui, dipende dall'artista".[133]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Janet Jackson trasse ispirazione per molti dei suoi videoclip ed esibizioni dai musical che guardava da bambina, dalle coreografie di Fred Astaire e Michael Kidd e naturalmente dai famosi video del fratello Michael.[134] Nel corso degli anni ha collaborato con coreografi di prim'ordine come Tina Landon, Paula Abdul e Michael Kidd.[135] Veronica Chambers analizzò molti video in cui "ballerini, coreografie e scenografie richiamano quelli di Ms. Jackson".[136] Janine Coveney di Billboard scrisse che con Control la Jackson "stabilì la sua immagine e il suo immaginario attraverso i suoi videoclip, fungendo da ispirazione ancora oggi per varie star del pop". Ben Hogwood di MusicOMH notò l'influenza esercitata da Janet Jackson su Britney Spears, Jennifer Lopez e Christina Aguilera tra le altre.[137] Ebony scrisse che molte popstar "hanno forgiato le loro esibizioni sul rodato modello di Janet, diva del ballo".[138]

Beretta E. Smith-Shomade, autrice di Shaded Lives: African-American Women and Television (2002), scrisse: "L'impatto della Jackson sul mondo dei videoclip è dovuto in gran parte al suo successo di vendite discografiche, con le quali poté permettersi ogni libertà e controllo visuale che desiderava. Un controllo che ha influenzato immagine e forma dei suoi video musicali, conferendo alla Jackson un'influenza di cui mancavano molti cantanti, uomini e donne, bianchi o neri".[139] Parallel Lines: Media Representations of Dance (1993) nota come i suoi video siano spesso una riproduzione di un'esibizione dal vivo o contengano elementi di un musical.[140] Nel cortometraggio Rhythm Nation 1814 la Jackson si allontana dalle coreografie da musical per adottare tecniche di "street dance".[140] Le coreografie annullano le differenze tra i due generi; "la Jackson si esibisce in modo asessuato, anonimo, in primo piano ma come un qualunque membro del gruppo".[141] I suoi videoclip hanno costituito un messaggio di libertà sessuale per le giovani donne, come sottolineato da Jean M. Twenge, autrice di Generation Me: Why Today's Young Americans are More Confident, Assertive, Entitled—and More Miserable Than Ever Before (2007): "I videoclip di cantanti donne hanno contribuito alla moda" del cunnilingus, e Janet Jackson stessa "alludeva a scene di sesso orale femminile nei suoi video spingendo la testa dell'uomo verso il basso, fino all'altezza giusta."[142] Tuttavia, accusata di essersi sottoposta a operazioni chirurgiche, schiarimento della pelle e l'ipersessualizzazione del suo personaggio hanno portato Janet Jackson a essere considerata un prodotto di una sessualità "bianca" e maschilista più che una "liberatrice".[139] Janet Jackson ricevette l'MTV Video Vanguard Award per il suo contributo all'arte del video musicale, e le fu dedicata la prima puntata del tributo MTV Icon nel 2001. Nel 2003, Slant Magazine elesse i video di "Rhythm Nation" e "Got 'til It's Gone" tra i 100 Migliori Videoclip di tutti i tempi, al numero 87 e 10.[143] Nel 2011, "Rhythm Nation" è stato eletto da Billboard il decimo miglior video degli anni Ottanta.[144]

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

The Independent scrisse: "I concerti di Janet sono l'equivalente di un blockbuster estivo, pieni di esplosioni, effetti speciali, sentimentalismo da diabete, scollature generose e il dominare della spettacolarità sulla coerenza".[145] Jet magazine scrisse: "Le esibizioni innovative di Janet durante i suoi tour mondiali le hanno valso la fama di performer di prim'ordine."[146] Chris Willman del Los Angeles Times scrisse che le coreografie del Rhythm Nation 1814 Tour sono iconiche.[147] Il suo "Number Ones: Up Close and Personal" tour fu un cambiamento rispetto alle precedenti produzioni in grandi arene in quanto si tenne in location più piccole. La critica notò come il cambiamento di location giovò in alcuni casi alla performance della Jackson. Il Chicago Tribune scrisse: "In un contesto più ridotto, la Jackson ha dato un calore e una passione che non erano sempre evidenti nei suoi concerti negli stadi... la miglior esibizione di Janet Jackson che abbia mai visto in oltre 20 anni".[148]

Janet Jackson nel 2011 sul palco durante il tour Number Ones, Up Close and Personal.

The Dallas Morning News scrisse come Janet Jackson faccia spesso uso del playback: "Janet Jackson — una delle popstar maggiormente votate al playback... utilizza 'alcune' pre-registrazioni per potenziare la sua voce dal vivo. Ma si è rifiutata di rendere noto quanto della sua 'voce' sul palco sia registrata e quanto dal vivo".[149] L'Austin American-Statesman, in una recensione del Rhythm Nation World Tour, scrisse: "La Jackson cantava spesso all'unisono con la sua voce pre-registrata, per raggiungere un sound il più vicino possibile alle versioni radiofoniche dei suoi singoli".[150] "Sembra improbabile per chiunque — persino un emerito membro della famiglia numero 1 della musica soul — poter ballare come ha fatto lei per 90 minuti e allo stesso tempo fornire la stessa vocalità prorompente che i concerti pop degli anni Novanta promettono".[150]

Suzette Fernandez di Billboard, parlando del ritorno sulle scene della Jackson all'età di 51 anni, dopo essere diventata mamma a 50, ha scritto: "Su ogni canzone si può apprezzare la sua esperienza sul palco, rendendo chiaro a tutti perché è un'icona nella musica. Non ha sbagliato un passo, e i suoi ballerini completano decisamente il suo stile unico. Il ritmo dura tutta la notte e ti obbliga ad alzarti e a muoverti con lei [...] di certo nessuno ha lasciato lo show deluso: l'attesa è valsa la pena".[151] Carl Lamarre, sempre di Billboard, ha scritto invece: "All'età di 51 anni, l'impeccabile presenza scenica di Janet Jackson ha ottenuto ottime recensioni durante il suo State of the World Tour lo scorso anno".[97]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Janet Jackson.
Janet Jackson in concerto

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencati i più importanti riconoscimenti ottenuti da Janet Jackson durante la sua carriera:

  • Grammy Awards, premio vinto cinque volte da Janet Jackson:
    • 1989 - Best Music Video - Long Form, "Rhythm Nation 1814"
    • 1993 - Best R&B Song, "That's The Way Love Goes"
    • 1995 - Best Music Video - Short Form, "Scream"
    • 1998 - Best Music Video - Short Form, "Got 'Til It's Gone"
    • 2002 - Best Dance Recording, "All For You"
  • American Music Awards, premio vinto dodici volte da Janet Jackson:
    • 1987 - Soul/R&B, "Nasty"
    • 1987 - Soul/R&B, Favorite Female Artist
    • 1988 - Pop/Rock, "When I Think Of You"
    • 1988 - Soul/R&B, "When I Think Of You"
    • 1990 - Soul/R&B, "Miss You Much"
    • 1990 - Dance, Favorite Single, "Miss You Much"
    • 1991 - Soul/R&B, Favorite Female Artist
    • 1991 - Pop/Rock, Favorite Female Artist
    • 1991 - Dance Music, Favorite Artist
    • 1999 - Soul/R&B, Favorite Female Artist
    • 2001 - American Music Award of Merit
    • 2002 - Pop/Rock, Favorite Female Artist
  • Billboard Music Awards, premio vinto undici volte da Janet Jackson più diversi record infranti[35][36]:
    • 1989 - Record: Seven Top Five Hits From One Album: Janet Jackson's Rhythm Nation 1814.
    • 1990 - Top Hot 100 Singles Artist of the Year
    • 1990 - Top Dance Artist
    • 1990 - Top Hot Dance Singles Artist of the Year
    • 1990 - Top Selling R&B Albums Artist of the Year
    • 1990 - Top R&B Artist of the Year
    • 1990 - Top R&B Singles Artist of the Year
    • 1990 - Rhythm Nation 1814: Best Pop Album
    • 1990 - Rhythm Nation 1814: Best R&B Album
    • 1993 - Record: 3x5: L'unica artista a vantare tre album che contengono almeno cinque singoli entrati nella top 10 della Hot 100 (5 da Control, 5 da RN1814, 5 da janet.).
    • 1995 - Artist Achievement Award
    • 1995 - Record: First Woman to Debut in Top 10: Jackson è diventata la prima donna a debuttare direttamente nella top 10 della Hot 100 quando il suo duetto con il fratello Michael, "Scream", è entrato al n. 5 il 17 giugno 1995.
    • 1998 - Record: 18 Top 10s in a Row: Tra "Miss You Much" nel 1989 e "I Get Lonely" nel 1998, Jackson ha registrato 18 successi da top 10 consecutivi.
    • 2001 - Artistic Achievement Award
    • 2015 - Record: No. 1 Albums in the Last Four Decades: Nel 2015, Jackson è entrata alla n. 1 della Billboard 200 con Unbreakable rendendola la quarta artista ad aver avuto almeno un album al n. 1 in ciascuno degli ultimi quattro decenni, un record eguagliato solo da Barbra Streisand, Bruce Springsteen e gli U2.
    • 2018 - Billboard Icon Award
  • MTV Video Music Awards, premio vinto nove volte da Janet Jackson:
    • 1987 - Best Choreography in a Video, "Nasty"
    • 1988 - Best Choreography in a Video, "The Pleasure Principle"
    • 1990 - Best Choreography in a Video, "Rhythm Nation"
    • 1990 - Video Vanguard
    • 1991 - Best Female Video of the Year, "Love Will Never Do (Without You)"
    • 1994 - Best Female Video, "If"
    • 1995 - Best Dance Video, "Scream"
    • 1995 - Best Choreography, "Scream"
    • 1995 - Best Art Direction, "Scream"
  • MTV Europe Music Awards, premio vinto due volte da Janet Jackson:
    • 1997 - Best Female Artist
    • 2018 - Global Icon
  • MTV Movie Awards, premio vinto due volte da Janet Jackson:
    • 1994 - Best Female Performance, Poetic Justice
    • 1994 - Most Desirable Female
  • Soul Train Music Awards, premio vinto tredici volte da Janet Jackson (che detiene il record di premi vinti, seguita dal fratello Michael Jackson):
    • 1987 - Album of the Year, Female, Control
    • 1987 - Music Video of the Year, "What Have You Done for Me Lately"
    • 1988 - Music Video of the Year, "Control"
    • 1990 - Album of the Year, Female, Rhythm Nation 1814
    • 1990 - Single of the Year, Female, "Miss You Much"
    • 1990 - Music Video of the Year, "Rhythm Nation"
    • 1991 - Music Video of the Year, "Alright"
    • 1992 - Sammy Davis, Jr. Entertainer of the Year Award
    • 1994 - Music Video of the Year, "If"
    • 1994 - Single of the Year, Female, "That's the Way Love Goes"
    • 2000 - Music Video of the Year, "What's It Gonna Be?!"
    • 2001 - Best Song from a Movie, "Doesn't Really Matter"
    • 2004 - Quincy Jones Award for Outstanding Career Achievements: Lifetime Achievement Award
  • World Music Awards, premio vinto una volta da Janet Jackson:
    • 1999 - Legend Award for Outstanding Contribution to Pop Music
  • BET Awards, premio vinto una volta da Janet Jackson:
    • 2015 - Ultimate Icon: Music Dance Visual Award
  • Candidatura al Premio Oscar 1994
    • 1994 - Best Music, Original Song (candidatura), "Again"
  • Radio Music Awards, premio vinto una volta da Janet Jackson[154]:
    • 2004 - Legend Award

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Janet Jackson, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Redazione ANSA, Mtv Emas, Bilbao pronta per la grande festa, in ANSA.it, 2 novembre 2018.
    «[...]Janet Jackson. A quest'ultima, artista da 160 milioni di dischi venduti e 6 Grammy Awards[...]».
  3. ^ (EN) Solaiman Fazel, MTV EMA 2018: Janet Jackson riceverà il prestigioso premio Global Icon, in News Mtv Italia, 17 ottobre 2018.
    «[...]e ha venduto oltre 160 milioni di dischi in tutto il mondo, diventando così una delle artiste che ha venduto di più nella storia della musica[...]».
  4. ^ (EN) Ashley Joy Parker, Janet Jackson: Celebrity Style Evolution, in Fashion&Style, 22 aprile 2014. URL consultato il 29 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2014).
  5. ^ a b (EN) Veronica Fyer-Morrel, 10 Most Popular Female Soloists Of All Time - 9. Janet Jackson (26 million certified units), su richest.com, The Richest, 9 aprile 2014. URL consultato il 29 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2014).
  6. ^ (EN) Eric Henderson e Sal Cinquemani, The 25 Best Janet Jackson Songs, in Slant, 14 settembre 2015. URL consultato il 1º aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2015).
  7. ^ · • Janet Unbreakable World Tour • ·, su Janet Jackson. URL consultato il 1º aprile 2016.
  8. ^ 'Control' Turns 30: Our Favorite Janet Jackson Videos, su Fuse. URL consultato il 1º aprile 2016.
  9. ^ Mike, The Best 80s Music: Janet Jackson songs, su must-hear-80s-songs.blogspot.it. URL consultato il 1º aprile 2016.
  10. ^ Ask Billboard: Janet Jackson's Biggest Billboard Hits, su Billboard. URL consultato il 1º aprile 2016.
  11. ^ (EN) Kara Warner, In 'For Colored Girls,' Janet Jackson Puts 'Her Walls Up', in MTV News, 3 novembre 2010.
  12. ^ Janet Jackson, su Billboard. URL consultato il 1º aprile 2016.
  13. ^ ALL TIME TOP ARTISTS, su BILLBOARD. URL consultato il 12 ottobre 2008.
  14. ^ MOST WEEKS AT NO.1 BY ARTIST, su BILLBOARD. URL consultato il 12 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2008).
  15. ^ MOST NO.1S BY ARTIST, su BILLBOARD. URL consultato il 12 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2008).
  16. ^ Greatest of All Time Top Dance Club Artists : Page 1, in Billboard. URL consultato il 27 settembre 2017.
  17. ^ MUSIC(ORIGINAL SONG) [collegamento interrotto], su ACADEMY AWARDS DATABASE. URL consultato il 12 ottobre 2008.
  18. ^ a b c d (EN) Janet Jackson, su Biography.
  19. ^ Robin Bernstein, Racial Innocence: Performing American Childhood from Slavery to Civil Rights, New York University Press, 2011.
  20. ^ a b Janet Jackson | Biography & History | AllMusic, su AllMusic.
  21. ^ (EN) Janet Jackson - Biography | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 15 giugno 2017.
  22. ^ a b c Julian Kimble, Remembering 'Control' 30 Years Later: How Janet Jackson's Third Album Cemented Her Icon Status, in Billboard, 4 febbraio 2016.
  23. ^ a b ROCK HALL DEFINITIVE 200, su ROCK HALL. URL consultato il 2009-09- 12.
  24. ^ a b Richard J. Ripani, The New Blue Music: Changes in Rhythm & Blues, 1950–1999, University of Mississippi Press, 2006.
  25. ^ Kenneth Partridge, Janet Jackson's 'Rhythm Nation 1814' Revisited By Jimmy Jam & Terry Lewis: Track-by-Track Review, in Billboard, 18 settembre 2014.
  26. ^ a b (EN) CSPC: Janet Jackson Popularity Analysis – Page 32 – ChartMasters, su chartmasters.org, 17 aprile 2017.
  27. ^ a b Janet Jackson's 'Rhythm Nation 1814': Still dancing and dreaming 25 years later, su ew.com. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  28. ^ David Ritz, Janet Jackson Goes Deep on Her Early Challenges, Upcoming Music & the Joy of Motherhood, in Billboard, 17 maggio 2018.
  29. ^ (EN) SEAN LOUGHLIN, Boardwalk hall looks to get 'nasty' with janet jackson, in Press of Atlantic City, 6 novembre 2017.
  30. ^ a b c d David Ritz, True You, Simon + Schuster UK, 28 aprile 2011, ISBN 978-0-85720-612-1.
  31. ^ Chuck Arnold, Janet Jackson's 'janet.' Album Turns 25: Ranking All the Songs (Critic's Picks), in Billboard, 18 maggio 2018.
  32. ^ a b (EN) Chris Morris, Looking Back at Janet Jackson’s Innovative ‘janet.’ 25 Years Later, in Variety, 17 maggio 2018.
  33. ^ (EN) Richard Lawson, The Oscars 20 Years Ago: Live-Blogging the 1994 Academy Awards, in HWD, 27 febbraio 2014.
  34. ^ Natalie Weiner, Tupac's Brother Talks Late Icon's Relationship With Madonna, Confirms Janet Jackson Rumor, in Billboard, 18 agosto 2015.
  35. ^ a b c Trevor Anderson, Janet Jackson's Billboard Chart Accomplishments, in Billboard, 16 maggio 2018.
  36. ^ a b Keith Caulfield, Top Billboard Music Award Winners of All Time (1990-2016), in Billboard, 31 maggio 2016.
  37. ^ (EN) Hugh McIntyre, The 5 Most Expensive Music Videos Of All Time, in Forbes, 24 agosto 2014.
  38. ^ Michael and Janet Jackson, 'Scream' (1995), su Rolling Stone, 30 agosto 2011.
  39. ^ Fred Bronson, Janet Jackson Has Done It Again, in Billboard, 16 settembre 1995.
  40. ^ (EN) Vincent Dahhling, 20 Reasons Why Janet Jackson's 'The Velvet Rope' is a Masterpiece - EST. 1997, in EST. 1997, 7 ottobre 2017.
  41. ^ (EN) Taylor Bryant, 20 Years Later, Janet Jackson’s ‘Velvet Rope’ Still Deserves Praise, in NYLON, 6 ottobre 2017.
  42. ^ (EN) Michael Cragg, The Velvet Rope: how Janet Jackson inspired a whole generation, su the Guardian, 6 ottobre 2017.
  43. ^ Giuseppe Bonaventura, Elton John - Aida (1999), su www.eltonjohnitaly.com. URL consultato il 30 maggio 2018.
  44. ^ (EN) Top 10 Most Expensive Music Videos In The World: Madonna & Michael Jackson Still Rule, in Financesonline.com. URL consultato il 30 maggio 2018.
  45. ^ Trevor Anderson, Rewinding the Charts: 15 Years Ago, Janet Jackson Scored a Hot 100 First, in Billboard, 26 agosto 2015.
  46. ^ Janet Jackson dévoile la vidéo de "Make Me", su chartsinfrance.net. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  47. ^ Janet Boxes 'All For You', in Billboard, 30 ottobre 2001.
  48. ^ (EN) Josh Peter, 'Nipplegate' revisited: What really happened between Janet Jackson and Justin Timberlake?, in USA TODAY, 4 febbraio 2018.
  49. ^ Repubblica.it/sport: Super Bowl, il seno della Jackson scatena una battaglia politica, su repubblica.it, 3 febbraio 2004.
  50. ^ Janet Jackson non si scusa e quindi non va ai Grammy, in Archivio - Il Piccolo, 9 febbraio 2004.
  51. ^ La Morissette contro la censura fa un finto spogliarello, su repubblica.it, 6 aprile 2004.
  52. ^ (EN) Janet Jackson spoofs The Incident on SNL, in EW.com, 12 aprile 2004.
  53. ^ a b Leslie Richin, 50 Incredible Things Janet Jackson Achieved Before Her 50th Birthday, in Billboard, 16 maggio 2016.
  54. ^ 20 Y.O. - Janet Jackson | Songs, Reviews, Credits | AllMusic, su AllMusic. URL consultato il 30 maggio 2018.
  55. ^ (EN) Call On Me by Janet Jackson and Nelly - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 30 maggio 2018.
  56. ^ a b Hit Parade Italia - Indice per Interprete: J, su www.hitparadeitalia.it. URL consultato il 30 maggio 2018.
  57. ^ Dance Club Songs - 2007 Archive, in Billboard. URL consultato il 30 maggio 2018.
  58. ^ Janet Jackson feat. Khia - So Excited, su ultratop.be. URL consultato il 30 maggio 2018.
  59. ^ Steffen Hung, finnishcharts.com - Janet Jackson feat. Khia - So Excited, su finnishcharts.com. URL consultato il 30 maggio 2018.
  60. ^ (EN) Janet Jackson Signs New Deal, Leaves Virgin After Flops, in Huffington Post, 28 marzo 2008.
  61. ^ (EN) Hayden Manders, Janet Jackson’s “Discipline” Was Way Ahead Of Its Time, in NYLON, 26 febbraio 2018.
  62. ^ (EN) Clover Hope, Janet Jackson hopes new album ends sales slide, in U.S., 13 gennaio 2008. URL consultato il 30 maggio 2018.
  63. ^ (EN) Jackson cancels dates over illness, in RTE.ie, 1º ottobre 2008.
  64. ^ (EN) Hilary Lewis, Janet Jackson Leaves Island Def Jam, in Business Insider, 22 settembre 2008.
  65. ^ AN EMOTIONAL JANET JACKSON THANKS FANS AT BET AWARDS, su USATODAY. URL consultato il 2009-06- 30.
  66. ^ GIUSEPPE VIDETTI, Jackson, il pianto di Paris è il tormentone tv - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it, 9 luglio 2009.
  67. ^ http://www.imdb.com/name/nm0001390/awards
  68. ^ http://www.janetjackson.com/news/topic/success-of-janet-jacksons-number-ones-tour-prompts-extension-of-us-and-european-legs-until-fall#.VhhJr24SqCk
  69. ^ http://www.nytimes.com/best-sellers-books/2011-03-06/hardcover-advice/list.html
  70. ^ http://www.nytimes.com/2011/12/15/business/media/weight-loss-with-divas-and-public-service-angles.html?_r=2
  71. ^ http://www.etonline.com/news/130989_Janet_Jackson_Married_Wissam_Al_Mana/
  72. ^ http://www.tmz.com/2012/07/24/michael-jackson-house-confrontation-paris-jermaine-randy-tito-janet/
  73. ^ http://www.giornalettismo.com/archives/431515/il-video-di-janet-jackson-che-aggredisce-la-nipote/
  74. ^ http://www.etonline.com/news/163334_janet_jackson_reacts_to_missing_poster/
  75. ^ Janet Jackson annuncia il ritorno, in Radio 105, 18 maggio 2015. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  76. ^ (EN) Daryl Deino, Janet Jackson Accused Of Inflating Album Sales With Concert T-Shirt Bundle, in The Inquisitr News, 24 ottobre 2015. URL consultato il 1º aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2016).
  77. ^ (EN) Roger Friedman, Janet Jackson Halts CD Sales Collapse By Bundling Downloads with Concert T Shirts, in Showbiz 411, 23 ottobre 2015. URL consultato il 1º aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2016).
  78. ^ (EN) Ed Christman, Janet Jackson's No. 1 Album 'Unbreakable' Is Bringing an Ascendant BMG Along With It, in Billboard, 28 ottobre 2015.
  79. ^ (EN) Keith Caulfield, Janet Jackson Earns Historic Seventh No. 1 Album on Billboard 200 Chart, in Billboard, 11 ottobre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2016).
  80. ^ (EN) Janet Jackson, N.W.A Among Rock and Roll Hall of Fame 2016 Nominees, in Billboard, 9 ottobre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2015).
  81. ^ (EN) Rachel Handler, Janet Jackson Postpones World Tour Due To Surgery, in Vanity Fair, 26 dicembre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2016).
  82. ^ (EN) James Vituscka, Surgery Cover-up! Janet Jackson Hides Her Throat In First Appearance After Tumor Scare, in Radar Online, 11 febbraio 2016. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2016).
  83. ^ Janet Jackson parla della sua malattia: “Non ho il cancro”, in MTV Italia, 7 gennaio 2016. URL consultato il 25 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2016).
  84. ^ (EN) Daniel Kreps, Janet Jackson "Planning Our Family", Postpones Unbreakable Tour, in Rolling Stone, 6 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2016).
  85. ^ Ashley Iasimone, Janet Jackson Has a Mysterious Countdown on Her Website, in Billboard, 30 aprile 2017.
  86. ^ Janet Jackson, A special message from Janet for her fans., 1º maggio 2017. URL consultato il 2 maggio 2017.
  87. ^ (EN) Janet Jackson Meets Harvey Evacuees While Beyoncé, Demi Lovato and More Roll Up Their Sleeves in Houston, in PEOPLE.com, 9 settembre 2017.
  88. ^ (EN) Janet Jackson Visits Hurricane Harvey Victims After Starting Tour, in E! Online, 9 settembre 2017.
  89. ^ (EN) Philips Arena, Janet Jackson | Philips Arena, su www.philipsarena.com. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  90. ^ Janet Jackson Accepts the Icon Award at the 2018 Billboard Music Awards, in Billboard, 20 maggio 2018.
  91. ^ Billboard Music Award: trionfa Ed Sheeran, Janet Jackson regina dello show, in Spettacoli - La Repubblica, 21 maggio 2018.
  92. ^ (EN) KAREN MIZOGUCHI, She's Back! Janet Jackson Performs, Gives Emotional Speech at BBMAs as First Black Woman to Receive Icon Award, in PEOPLE.com, 20 maggio 2018.
  93. ^ (EN) Global Humanitarian and Music Icon Janet Jackson to Receive Inaugural 'Impact' Award at the 2018 Radio Disney Music Awards, in disneyabcpress, 18 giugno 2018.
  94. ^ Rania Aniftos, Janet Jackson Accepts First-Ever Impact Award at 2018 Radio Disney Music Awards: Exclusive Photos, in Billboard, 23 giugno 2018.
  95. ^ Israel Daramola, Janet Jackson Speaks on Her Father's Passing at Essence Fest: Watch, in Spin, 9 luglio 2018.
  96. ^ Janet Jackson omaggia il padre Joe: "Senza la sua forza non avremmo mai avuto successo". URL consultato il 16 luglio 2018.
  97. ^ a b Carl Lamarre, Janet Jackson Announces New Dates For State of the World Tour, in Billboard, 23 aprile 2018.
  98. ^ Ryan Reed, Janet Jackson Extends 'State of the World' Tour With New U.S. Dates, in Rolling Stone, 23 aprile 2018.
  99. ^ Rania Aniftos, Janet Jackson to Premiere Her 'Made For Now' Video Featuring Daddy Yankee on 'TRL', in Billboard, 16 agosto 2018.
  100. ^ (IT) Rockol.com s.r.l., Janet Jackson e Daddy Yankee: ascolta ‘Made For Now’, il primo singolo della cantante dal 2015, in Rockol, 17 agosto 2018.
  101. ^ Carl Lamarre, Janet Jackson and Daddy Yankee's 'Made For Now' Music Video Is Here, in Billboard, 17 agosto 2018.
  102. ^ Mtv Ema 2018, Janet Jackson premio alla carriera: 'Donne abusate, sono vostra sorella', su Repubblica Tv - la Repubblica.it, 5 novembre 2018.
  103. ^ Mtv Ema 2018 nel segno del "girl power": trionfo di Camila Cabello, festa per Janet Jackson - Tgcom24, in Tgcom24, 5 novembre 2018.
  104. ^ Enrica Lacono, Janet Jackson divorzia dal marito: "L'aveva obbligata a convertirsi all'Islam", in ilGiornale.it, 10 aprile 2017.
  105. ^ Il vero volto dell'islam, dramma per Janet Jackson: cosa l'ha costretta a fare il marito musulmano / Guarda, 11 aprile 2017.
  106. ^ (EN) Char Adams, Janet Jackson and Wissam Al Mana: How Their Billion Dollar Interfaith Divorce Could Play Out When It Comes to Custody, in PEOPLE.com, 12 aprile 2017.
  107. ^ Maury Dean, Rock-N-Roll Gold Rush, Algora Publishing, 2003, p. 34, ISBN 0-87586-207-1.
  108. ^ Stephen Holden, Big Stars, Big Bucks and the Big Gamble, in The New York Times, 7 aprile 1991, p. A.24, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP).
  109. ^ Roger Love e Donna Frazier, Set Your Voice Free: How To Get The Singing Or Speaking Voice You Want, Little, Brown and Company, 2009, ISBN 978-0-316-09294-4.
  110. ^ Eric Henderson, Slant Magazine Music Review: Janet Jackson: Control, in Slant, 2003. URL consultato il 30 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2003).
  111. ^ Louis Andriessen e Maja Trochimczyk, The music of Louis Andriessen, Routledge, 2002, p. 61, ISBN 978-0-8153-3789-8.
  112. ^ J.D. Considine, It's Her `Velvet Rope' Tour, but Janet Jackson Gets Lost in the Crowd; Music Review: Back-up Singers, Back-up Dancers Help Make the Show Lively, in The Sun, 11 luglio 1998, p. 4.E.
  113. ^ Wendy Robinson, Janet Jackson: Rhythm Nation Compilation - PopMatters, in PopMatters, 9 febbraio 2014. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  114. ^ FLUXBLOG: New, Unusual, Trendy, and Zany, in Fluxblog, Perpelus, Matthew, 2 luglio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2008).
  115. ^ Jon Pareles, Pop and Jazz Guide, in The New York Times, 25 aprile 1986, pp. C.23, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP).
  116. ^ a b Sal Cinquemani, Janet Jackson: Number Ones, Slant Magazine, 19 novembre 2009. URL consultato il 19 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2009).
  117. ^ Rickey Vincent e George Clinton, Funk: The Music, The People, and The Rhythm of The One, Macmillan, 1996, pp. 272, 284, ISBN 0-312-13499-1.
  118. ^ Richard Rischar, A Vision of Love: An Etiquette of Vocal Ornamentation in African-American Popular Ballads of the Early 1990s, in American Music, vol. 22, nº 3, University of Illinois Press, 2004, p. 408, DOI:10.2307/3592985.
  119. ^ Michael Miller, The Complete Idiot's Guide to Music History, Penguin Group, 2008, p. 205, ISBN 978-1-59257-751-4.
  120. ^ Greg Kot, Fighting Another Grammy Whammy 'Janet' Producers Defend Jackson's Role, in Chicago Tribune, 28 febbraio 1994, p. 5, ISSN 1085-6706 (WC · ACNP).
  121. ^ Karla Peterson, Pop goes Janet in concert full of programmed flash, in U-T San Diego, 26 febbraio 1994, p. E.6.
  122. ^ Jessie Carney Smith, Notable Black American Women, Volume 2, Gale, 1996, p. 324, ISBN 978-0-8103-9177-2.
  123. ^ a b Simon Reynolds e Joy Press, The Sex Revolts: Gender, Rebellion, and Rock 'n' Roll, Harvard University Press, 1996, p. 297, ISBN 978-0-674-80273-5.
  124. ^ Michael MacCambridge, Worth a note, in Austin American-Statesman, 19 ottobre 1989, p. G.2.
  125. ^ a b Lilly Goren, You've Come A Long Way, Baby: Women, Politics, and Popular Culture, University Press of Kentucky, 2009, p. 61, ISBN 978-0-8131-2544-2.
  126. ^ Gillian G. Gaar, She's a Rebel: The History of Women in Rock and Roll (Live Girls), Seal Press; 2nd Revised & enlarged edition, 29 novembre 2002, pp. 323-325, ISBN 978-1-58005-078-4.
  127. ^ Jessie Carney Smith, Encyclopedia of African American Popular Culture, ABC-CLIO, 2010, pp. 738, 739, ISBN 978-0-313-35797-8.
  128. ^ Timothy E. Scheurer, Born in the USA: The Myth of America in Popular Music from Colonial Times to the Present, University Press of Mississippi, 2007, p. 224, ISBN 978-1-934110-56-0.
  129. ^ a b Shayne Lee, Erotic Revolutionaries: Black Women, Sexuality, and Popular Culture, Government Institutes, 2010, pp. 12–16, ISBN 978-0-7618-5228-5.
  130. ^ Joshua Klein, Janet Jackson's Lighthearted Lament About Lost Love, in The Washington Post, 25 aprile 2001, p. C01.
  131. ^ David Ritz, Janet Jackson: The Joy of Sex, in Rolling Stone, 16 settembre 1993.
  132. ^ David Ritz, The Naked Truth, Upscale, 2004, p. 64.
  133. ^ Stephen Thomas Erlewine, Damita Jo, Allmusic, 2004. URL consultato l'8 febbraio 2009.
  134. ^ Judy Mitoma, Judith Mitoma, Elizabeth Zimmer, Dale Ann Stieber, Nelli Heinonen e Norah Zuniga Shaw, Envisioning dance on film and video, Routledge, 2002, p. 16, ISBN 0-415-94171-7.
  135. ^ Jenai Cutcher, Feel the Beat: Dancing in Music Videos, The Rosen Publishing Group, 2003, pp. 14–16, ISBN 0-8239-4558-8.
  136. ^ Veronica Chambers, She's Not Anybody's Baby Sister Anymore, in The New York Times, 7 settembre 1997. URL consultato il 7 marzo 2014.
  137. ^ Janet Jackson - From Janet. To Damita Jo: The Videos - music DVD reviews - musicOMH, su MusicOMH, Hogwood, Ben, 2004. URL consultato il 25 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2013).
  138. ^ Lynn Norment, Janet: At the crossroads, in Ebony, vol. 56, nº 1, 1º novembre 2000, p. 180, ISSN 0012-9011 (WC · ACNP).
  139. ^ a b Beretta E. Smith-Shomade, Shaded Lives: African-American Women and Television, Rutgers University Press, 2002, p. 86.
  140. ^ a b Stephanie Jordan e Dave Allen, Parallel Lines: Media Representations of Dance, Indiana University Press, 1993, p. 68.
  141. ^ Helmi Järviluoma, Pirkko Moisala e Anni Vilkko, Gender and Qualitative Methods, Sage Publications, 2003, p. 92, ISBN 978-0-7619-6585-5.
  142. ^ Jean M. Twenge, Generation Me: Why Today's Young Americans are More Confident, Assertive, Entitled—and More Miserable Than Ever Before, Simon & Schuster, 2007, p. 167.
  143. ^ Sal Cinquemani e Ed Gonzalez, 100 Greatest Music Videos, Slant Magazine, 30 giugno 2003. URL consultato il 9 marzo 2012.
  144. ^ Jessica Letkemann, The 10 Best '80s Music Videos: Poll Results, su Billboard, Prometheus Global Media, 1º agosto 2011. URL consultato il 1º agosto 2011.
  145. ^ Nicholas Barber, Rock music: Janet Jackson gets lost in her own limelight, in The Independent, 7 giugno 1998, p. 6.
  146. ^ Janet Jackson receives American Music Awards' Top Honor Highlighting Stellar Career, in Jet, vol. 99, nº 7, 29 gennaio 2001, p. 56, ISSN 0021-5996 (WC · ACNP).
  147. ^ Chris Willman, Pop Music Review Janet Jackson's Dance of Community, in Los Angeles Times, 23 aprile 1990, p. 1, ISSN 0458-3035 (WC · ACNP).
  148. ^ Glenn Gamboa, The magnificent 7 Our critic's take on Janet Jackson's top hits before her musical comeback, in Newsday, 18 marzo 2011, p. B.15.
  149. ^ Thor Christensen, Loose Lips: Pop Singers' Lip-Syncing In Concert Is An Open Secret, in Pittsburgh Post-Gazette, 15 settembre 2001, p. B.8, ISSN 1068-624X (WC · ACNP).
  150. ^ a b Michael MacCambridge, A lesson in `Control' // Janet Jackson delivers precise, sparkling show, in Austin American-Statesman, 6 luglio 1990, p. B.8.
  151. ^ Suzette Fernandez, Janet Jackson's State of the World Tour: See Photos & Best Moments, in Billboard, 12 dicembre 2017.
  152. ^ Robert Scheerer, Bernie Kopell e Fred Grandy, Scandinavia Cruise: Girl of the Midnight Sun/There'll Be Some Changes Made/Too Many Isaacs/Mr. Smith Goes to Stockholm: Part 1, 2 febbraio 1985.
  153. ^ SNL Season 29 Episode 17 - Janet Jackson, Janet Jackson - NBC.com, su NBC.
  154. ^ (EN) LLOYD VRIES, Ashlee: Live From Las Vegas!, in CBS News, 25 ottobre 2004.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale
Non Ufficiale
  • "Out of the Madness: The Strictly Unauthorized Biography of Janet Jackson", Bart Andrews, Harpercollins, 1994.
  • "Janet Jackson (Black Americans of Achievement)", Cindy Dyson & Coretta Scott King, Chelsea House Publishers, Broomal, 2000.

Il lavoro della Dyson si occupa principalmente dell'importanza ricoperta da Janet Jackson nello sviluppo della cultura popolare da parte di personalità afro-americane.

  • "Janet Jackson", Jane Cornwell, Carlton Books, Londra, 2002.

Il saggio della Cornwell è teso principalmente ad analizzare la produzione musicale di Janet, benché fornisca anche informazioni biografiche. I capitoli dell'opera recano per lo più nomi di canzoni o album di Janet.

  • "Janet Jackson (Real-Life Reader Biography)", Kimberly Garcia, Mitchell Lane Publishers, 2002.
  • "Janet Jackson: For The Record", Craig Halstead & Craig Halstead, Authors OnLine Ltd, 2010, ISBN 1508697213.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85428882 · ISNI (EN0000 0001 1773 0817 · LCCN (ENn86116106 · GND (DE119396874 · BNF (FRcb13895513r (data)