Paula Abdul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paula Abdul
Paula Abdul 2011 2.jpg
Paula Abdul nel 2011
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Dance pop
Rhythm and blues
Periodo di attività musicale1986 – in attività
EtichettaVirgin Records (1987-1999), Concord Music Group (2007-presente)
Sito ufficiale

Paula Julia Abdul (San Fernando, 19 giugno 1962) è una cantante, ballerina, coreografa e personaggio televisivo statunitense, giudice delle prime otto stagioni del reality show statunitense American Idol e della prima edizione americana di X Factor.

Cantante di discreto successo a cavallo tra gli anni ottanta e novanta, tra i suoi singoli più noti si ricordano Straight Up (1989), Cold Hearted (1989), Opposites Attract (1989) e Rush Rush (1991).

Come coreografa ha ricevuto 2 Emmy Awards, mentre per Spellbound e Opposites Attract 2 Grammy Awards.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a San Fernando, in California, da padre siriano, nativo di Aleppo, e di origine ebraica e da madre canadese, nata da una famiglia ebraica di origini russe ed ucraine.

Paula Abdul, all'inizio della sua carriera nel mondo dello spettacolo, è stata una Laker Girl [1], ossia una cheerleader dei Los Angeles Lakers. È tra le varie celebrità, nel videoclip diretto da Jim Yukich, Liberian Girl, di Michael Jackson[2]. Ha preso parte, come ballerina, al videoclip del 1987 Till the End, dei Toto.

Tra gli anni '80 e '90 ha ottenuto anche un buon successo come cantante negli Stati Uniti, grazie alla pubblicazione di tre album, i quali singoli hanno quasi tutti raggiunto la prima posizione della Billboard Hot 100.

Nel 1990 il suo album Shut Up and Dance (The Dance Mixes) è divenuto uno degli album di remix più venduti nel mondo con 3 milioni di copie vendute.

Dopo anni di silenzio, è tornata sulle scene musicali nel 2008 col singolo Dance Like There's No Tomorrow, per il quale è stato girato un video promozionale. L'anno seguente pubblica un altro singolo dal titolo I'm Just Here For The Music.

Nel 2009 compare nel film Brüno, diretto da Larry Charles, intervistata dal protagonista del film Sacha Baron Cohen.

Ha diversi camei nella serie televisiva del 2009 Drop Dead Diva, che è andata in onda per 6 stagioni fino al 2014, dove Paula Abdul interpreta se stessa nei panni di un giudice che appare in sogno alla protagonista Jane, e la guida nelle scelte che riguardano la sua vita privata.

Nel maggio 2019 annuncia il suo primo residency show al Flamingo Las Vegas dal titolo Paula Abdul: Forever Your Girl.[3]

La stella di Paula Abdul nella Hollywood Walk of Fame

Paula Abdul ha ricevuto una stella nella Hollywood Walk of Fame di Los Angeles.

La controversia di American Idol[modifica | modifica wikitesto]

Una concorrente di nome Paula Goodspeed, fan morbosa di Paula Abdul, si è suicidata nella sua automobile di fronte alla casa della cantante a causa della sua eliminazione dal programma American Idol. Paula Abdul si è dichiarata sconvolta dell'accaduto.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Remix[modifica | modifica wikitesto]

Colonne Sonore[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Beverly Hills, 90210 - The Soundtrack (Giant)

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 - Randy Jackson's Music Club, Vol. 1 (Concord Records/Dream Merchant 21)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Tour[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

  • Under My Spell Tour (1991/92)
  • Straight Up Paula! (2018)

Con altri[modifica | modifica wikitesto]

  • Club MTV Live (con Was (Not Was), Information Society, Milli Vanilli, Tone Loc and Cathy Dennis) (1989)
  • Total Package Tour (con New Kids on the Block e Boyz II Men) (2017)

Residency show[modifica | modifica wikitesto]

  • Paula Abdul: Forever Your Girl (2019/2020)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paula Abdul Singer, dancer, choreographer, su encyclopedia.com.
  2. ^ Colin Larkin (a cura di), 5th Concise Edition. The Encyclopedia of Popular Music, Omnibus Press, 2007, ISBN 978-0-85712-595-8.
  3. ^ (EN) Paula Abdul announces Las Vegas residency starting this summer - National | Globalnews.ca, su globalnews.ca, 1º maggio 2019. URL consultato il 3 maggio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Colin Larkin (a cura di), 5th Concise Edition. The Encyclopedia of Popular Music, Omnibus Press, 2007, ISBN 978-0-85712-595-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85370288 · ISNI (EN0000 0000 7839 7272 · LCCN (ENno91012658 · GND (DE134598539 · BNF (FRcb139218271 (data) · NLA (EN35645086