Morte di Michael Jackson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Michael Jackson.

La morte di Michael Jackson è avvenuta il 25 giugno 2009 a Los Angeles, alle 14:26 ora americana presso l'ospedale UCLA Medical Center, dove Jackson fu trasportato in ambulanza dopo che perse conoscenza nella casa al 100 North Carolwood Drive di Hombly Hills, esclusivo quartiere collinare di Los Angeles. Michael Jackson si trovava in città dal dicembre 2008 per partecipare alle prove del This Is It, ovvero la serie di quelli che sarebbero dovuti essere i suoi ultimi concerti d'addio organizzati dalla AEG Live e che avrebbero dovuto svolgersi a Londra presso l'O2 Arena nel luglio successivo. Le prove a cui prendeva parte si svolgevano presso lo Staples Center, pertanto Jackson soggiornò nella casa di Hombly Hills messa a disposizione dalla AEG Live, per un affitto mensile di 100.000 dollari.[1].

Jackson, che soffriva di insonnia cronica ormai da anni, alle ore 10:40 del 25 giugno, dopo un'ennesima notte insonne e l'assunzione di alcuni sedativi, venne messo sotto anestesia con un potente farmaco da Conrad Murray, un medico personale ingaggiato dalla AEG Live perché si occupasse del cantante durante le prove e il tour previsto.[2][3] Tuttavia, una decina di minuti dopo, Jackson ebbe una crisi respiratoria e, dopo alcuni inutili tentativi di rianimazione da parte del medico, furono chiamati i soccorsi e Jackson fu portato d'urgenza in ospedale, dove però vi giunse già in coma; dopo altri 42 minuti di tentativi per rianimarlo da parte del personale medico, Michael Jackson venne dichiarato morto. A seguito dell'autopsia svolta sul suo corpo, i risultati tossicologici indicarono che la causa della sua morte era da attribuire ad un'intossicazione acuta da Propofol, un potente anestetico, in concomitanza all'azione di alcune benzodiazepine.[4]

Conrad Murray, il medico che somministrò tali farmaci al cantante per permettergli di dormire, subì un processo che lo ha condannato a 4 anni di reclusione per omicidio colposo, il massimo della pena in California, negli Stati Uniti per questo genere di reato.[5]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Lo Staples Center, luogo in cui Michael Jackson ha eseguito le prove per il This Is It

Nel 2008 Jackson, malgrado la sua ingente ricchezza economica e un patrimonio stimato di oltre un miliardo di dollari, dovette fronteggiare una grave crisi finanziaria causata da debiti accumulati per circa 500 milioni di dollari, che lo costrinse a vendere il Neverland Ranch, la sua immensa tenuta da 2.700 ettari a Los Olivos. La società immobiliare che l'acquistò fu la Colony Capital,[6] di cui lo stesso Jackson divenne azionista di minoranza. Come testimoniò Randy Phillps al processo Murray, questa stessa società successivamente lo persuase a organizzare quello che poi diventò il progetto del suo addio alle scene,[7] probabilmente per recuperare l'ingente somma sborsata per l'acquisto del Neverland Ranch. Fu così che Phillps contattò Tohme Tohme, all'epoca manager della pop star, un uomo d'affari dai trascorsi poco chiari che non godeva della simpatia di Michael Jackson.[8][9]

A maggio 2009 Jackson, infastidito dalla sua insistenza, tentò di licenziare Tohme Tohme con una lettera[9] ma il manager tuttavia comparirà nei titoli del film This Is It come "personal advisor"[10] e inoltre apparirà alle spalle del fratello di Michael, Jermaine, quando quest'ultimo annuncerà pubblicamente alla stampa la scomparsa di Micheal Jackson.

I concerti programmati per questo ultimo addio alle scene inizialmente dovevano essere soltanto dieci ma, dopo le enormi richieste di biglietti che fecero collassare il sito delle prevendite,[11] divennero improvvisamente cinquanta e Jackson confidò ad alcuni collaboratori di non aver mai concordato tutte quelle date e di essere preoccupato per il sempre più gravoso impegno che si andava profilando.[12].

Paul Gongaware, dirigente di AEG Live, durante l'interrogatorio del vice procuratore Deborah Brazil, esitò quando gli fu chiesto chi avesse firmato il contratto all'O2 Arena di Londra, dichiarando inizialmente che era stata solo la AEG Live e che i concerti sarebbero stati 31,[13] smentendo l'esistenza di un contratto che invece prevedeva cinquanta date.

L'O2 Arena di Londra, luogo in cui Jackson avrebbe dovuto esuguire i suoi ultimi concerti

Quando le date dei primi concerti vennero inspiegabilmente posticipate[14] cominciarono a trapelare voci riguardo al fatto che Jackson non avesse concordato tutti quegli show e che non stava bene. Randy Phillps e il regista dello show Kenny Ortega si affrettarono a fugare eventuali dubbi pubblicamente, nel periodo immediatamente antecedente alla morte, dichiarando che invece le condizioni psicofisiche del cantante erano ottime[15], mentre in realtà già sapevano che Jackson non godeva di buona salute, come dimostrato in aula dallo scambio di e-mail intercorso tra i due[16], nonché da scambi di e-mail tra i funzionari della stessa AEG Live.[17]

Anche il Dott. Allan Metzger, medico personale della star da molti anni, fu convocato al banco dei testimoni e parlò dei timori del cantante, specie riguardo al fatto che temeva che le sue condizioni di salute non gli avrebbero permesso di sostenere un numero così elevato di show e che da tempo soffriva d'insonnia, soprattutto durante i tour.[18] Ulteriori scambi di e-mail tra Murray e l'AEG Live rivelarono che i dirigenti della società di promozione musicale era a conoscenza dei drastici e rischiosi trattamenti che i medici praticavano da svariati mesi su Jackson[19].

In un'ulteriore e-mail spedita a un altro dirigente di AEG, Randy Phillps scrisse anche che Jackson non avrebbe più potuto sottrarsi all'accordo altrimenti sarebbe stato travolto da un vero e proprio disastro finanziario;[17][19] questo perché il contratto tra la AEG Live e Michael Jackson era molto restrittivo e, per garantire la sua presenza a tutte le date che si sarebbero rese necessarie, le penali erano così alte da sembrare che il solo scopo occulto del contratto potesse essere distruggere finanziariamente la celebre pop star.

Sempre da missive inviate via web, presentate poi in aula al processo Murray,[20], sono emersi anche dei particolari inquietanti, ovvero che la società assicurativa inglese Lloyd's pretendeva un'ulteriore visita medica a Londra da un secondo specialista prima di estendere la polizza sulle date aggiunte, di cui però la AEG aveva già venduto i biglietti. Inoltre è emerso che due firme di Jackson sembrarono essere diverse.[21] Tuttavia le condizioni di salute di Micheal Jackson non migliorarono e, a peggiorare la situazione, vi fu la grande pressione emotiva a cui fu sottoposto.

Come scrisse lo stesso Randy Phillps in una e-mail,[22] l'improvvisa morte della star fu tuttavia una benedizione per l'AEG, considerati anche gli altrettanto ingenti profitti che ne sono succeduti e in seguito ai quali quest'ultimo è stato riconfermato presidente della AEG Live.[23] Vennero attuate, infatti, varie strategie di recupero e di guadagno: biglietti commemorativi in cambio di rimborsi, la proiezione in tutte le sale cinematografiche del mondo del film "This Is It" di cui l'AEG vendette prontamente i diritti alla Sony Entertainment, la commercializzazione dei DVD, i CD della colonna sonora, la vendita di oggetti di merchandising e aste dello stesso materiale.[24]

Per quanto riguarda il film "This is it", durante le udienze preliminari emerse che, alla prima udienza, Kenny Ortega aveva mentito sul banco dei testimoni, dichiarando che le telecamere che avevano ripreso le prove dei concerti erano soltanto due,[25] per sottolineare il fatto che dovevano essere riprese private destinate esclusivamente all'archivio personale del cantante, invece successivamente, nell'udienza del 16 giugno 2011, risultò che le telecamere erano di più, come se si dovesse girare effettivamente un film.[26][27]

L'AEG Live avrebbe voluto persino guadagnare sul Memorial di Michael Jackson, ma vista l'imposizione della stessa famiglia, dovette desistere[28]. La società promotrice pensava di riscuotere anche la polizza assicurativa che copriva le prime dieci date dei concerti e che includeva l'eventuale morte di Jackson per overdose da farmaci, ma ciò non avvenne poiché il Propofol non è un farmaco a uso personale bensì un potente anestetico da somministrare esclusivamente in ambito ospedaliero. Inoltre a sfavore della AEG Live risultò anche la testimonianza di un funzionario della Lloyd's che dichiarò di aver ricevuto dal Dr. Murray la rassicurazione della perfetta forma fisica del cantante, nonostante, secondo l'orario della chiamata, fosse già morto.[20] Alla luce di tutto questo la compagnia di assicurazione Lloyd's si rifiutò di pagare ogni indennizzo e a giugno 2011 depositò anche una citazione in tribunale.[29] Quando infatti furono rese note le e-mail che si scambiavano i dirigenti della AEG Live, i quali comprovavano che essi erano a conoscenza delle condizioni psicofisiche non affatto buone di Michael Jackson,[17] l'AEG rinunciò definitivamente alla causa.[30]

Il decesso[modifica | modifica wikitesto]

La villa di Hombly Hills, in cui Jackson ha trascorso i suoi ultimi mesi di vita.

Il 24 giugno 2009 Micheal Jackson terminò la consueta giornata di prove per i concerti allo Staples Center intorno alla mezzanotte. Le ultime canzoni che Jackson provò quella notte e di conseguenza le ultime interpretate dal cantante nella sua vita, furono Thriller ed Earth Song,[31] dopo di che rientrò con il suo seguito alla villa di Hombly Hills.

Stando alle dichiarazioni di Conrad Murray, medico assunto dalla AEG Live, quella notte egli somministrò in più riprese alcune benzodiazepine al cantante, tuttavia quest'ultimo non riusciva ad addormentarsi, così il dottore alle ore 10.40 del mattino del 25 giugno gli mise la maschera dell'ossigeno e gli somministrò per via endovenosa l'anestetico Propofol, un potente farmaco che è utilizzato esclusivamente in ambito ospedaliero per indurre l'anestesia ma che non dà dipendenza. Dopo che Jackson si calmò e prese sonno verso le ore 10.50, Murray l'avrebbe lasciato da solo per due minuti per andare in bagno, nonostante il paziente non fosse attaccato a una flebo, che è obbligatoria per regolare la somministrazione di tali farmaci. Ritornato nella stanza verso le ore 10.52, Murray si accorse subito che, malgrado indossasse la maschera dell'ossigeno, Jackson non respirava più. Colto dal panico incominciò a praticare maldestramente la rianimazione cardiopolmonare ma, eseguendo il massaggio cardiaco sul letto, non produsse alcun effetto, in quanto esso deve essere praticato su una superficie rigida; in seguito adagiò il corpo sul pavimento ai piedi del letto e continuò a praticare il massaggio cardiaco ma senza successo.[32] Nel frattempo, come verrà dichiarato da alcune guardie del corpo di Jackson nel successivo processo, il medico, invece di chiedere loro di chiamare subito i soccorsi, diede alle guardie indicazioni affinché queste nascondessero ogni traccia di medicinali sparsi nella camera di Jackson, incluse le fiale di Propofol.[33][34]

Quasi un'ora e mezza dopo, verso le 12:21, una delle guardie del corpo di Jackson chiamò finalmente un'ambulanza che accorse prontamente dopo circa 8 minuti ma, quando i soccorsi arrivarono, Jackson era già in coma e venne trasportato d'urgenza all'ospedale UCLA Medical Center di Los Angeles. Qui i medici fecero tutto il possibile per rianimare Jackson, ma purtroppo ogni tentativo fu vano e il Re del Pop fu dichiarato morto alle ore 14:26 di Los Angeles all'età di cinquant'anni.

L'autopsia[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno stesso, il corpo di Jackson fu successivamente trasportato in elicottero presso l'ufficio del Coroner di Los Angeles, dove il giorno seguente fu eseguita l'autopsia e dove il medico legale confermò la causa del decesso, ovvero un'intossicazione acuta dovuta a un'assunzione di una quantità eccessiva dell'anestetico Propofol e la morte fu classificata come omicidio colposo.[35] Il referto autoptico descrisse Michael Jackson come un cinquantenne "sano". Il cantante aveva segni di una lieve artrite e lievi danni ai polmoni, che potrebbero averlo lasciato a corto di fiato. Ma il rapporto sottolineava che nessuno di questi problemi avrebbe messo in pericolo di vita il cantante. Oltre alla conferma sulle operazioni di chirurgia estetica, il referto confermava che Jackson era in forma e ben nutrito. Per un'altezza di 175 cm, il peso del cantante era di 62 Kg e rientrava nella gamma definita "accettabile" dai medici. Il dott. Zeev Kain, un medico dell'Università della California che ha esaminato il rapporto per l'Associated Press ha dichiarato: "la sua salute generale andava bene" definendo i risultati "nei limiti normali". Il cantante aveva anche una depigmentazione della pelle intorno al viso, al torace, all'addome e alle braccia, confermando che aveva sofferto di vitiligine. Il rapporto dell'autopsia riportava anche gli sforzi medici per rianimare Jackson; i paramedici avevano rotto le costole del cantante durante la RCP, e una macchina chiamata pompa a palloncino era stata inserita nel suo petto mentre tentavano di riavviare il suo cuore.[4] Inoltre è stato riportato che "Il suo cuore era forte senza segni di accumulo di colesterolo", anche gli altri organi principali di Jackson erano normali.[36] Il Dott. Christopher Rogers, sentito in un successivo processo, dichiarò che "non c'era alcuna indicazione dall'autopsia che ci fosse qualcosa di anatomicamente sbagliato in lui che avrebbe portato alla morte prematura" aggiungendo che non aveva alcun segno di dipendenza da droghe da strada, come segni di ago o altre malattie.[37]

Le conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Le reazioni del web[modifica | modifica wikitesto]

Fans di Jackson rendono omaggio al cantante fuori dal Neverland Ranch, i cui cancelli vennero decorati con omaggi floreali, nel giugno 2009.

Il giorno della morte di Jackson, tutti i siti web a lui dedicati, ma anche tutti i social network del tempo come Facebook e Twitter, fecero notare ai propri utenti un'enorme lentezza, dovuta proprio a tutti i messaggi lasciati per Jackson, oltre alla creazione di continui gruppi che parlavano dell'artista e delle sue opere. La sola stima dei tweet fu di oltre 5.000 messaggi ogni minuto; molti siti andarono addirittura in crash.[38]

Sia TMZ che il Los Angeles Times, i due siti web che furono i primi a confermare la notizia della morte, hanno subito blocchi e interruzioni.[39] Anche Google subì un blocco a causa della notizia che si diffuse troppo rapidamente in rete a tal punto da far pensare che la ricerca di "Michael Jackson" da parte di milioni di persone fosse un attacco da parte di hackers e pertanto vennero bloccate le ricerche legate a Jackson per circa 30 minuti. Twitter ha riportato un crash, come anche Wikipedia, poiché più di un milione di persone visitò la biografia di Jackson nel giro di un'ora, e fu stabilito il record di maggior numero di visitatori per qualsiasi articolo nella storia di Wikipedia. Anche AOL Instant Messenger andò in tilt per circa 40 minuti, dichiarando successivamente "un momento fondamentale nella storia di Internet", aggiungendo: "Non abbiamo mai visto nulla di simile in termini di portata o profondità".[39] La morte di Jackson è stata infatti definita come un evento storico per internet, poiché mai prima di quel momento, tante persone visitarono le stesse pagine nello stesso momento.[40][41]

Le vendite degli album[modifica | modifica wikitesto]

L'improvvisa morte dell'artista causò un impeto di interesse senza precedenti per la sua eredità musicale e le sue vendite postume infransero ogni sorta di nuovi record. Nella prima settimana dopo la morte gli album di Jackson occupavano le prime nove posizioni principali sulla classifica di Billboard "Top Pop Catalog Albums". Inoltre, per la prima volta in assoluto, tutte le prime 10 posizioni della classifica di Billboard "Catalog Album Chart" furono occupate da un solo artista dato che Jackson occupava ogni posizione. Nella classifica "Top Digital Albums", egli occupò un record di sei posizioni tra i primi 10, compresi i primi quattro. Jackson ha inoltre infranto un altro record piazzando 25 sue canzoni (21 successi da solista e quattro con i suoi fratelli) su 75 totali nella classifica "Hot Digital Songs". Le sole vendite della canzone Thriller incrementarono del 3.551%.[42][43][44] Gli album di Michael Jackson conquistarono le prime 15 posizioni nei primi 50 download di album di Amazon.com. Lo stesso accadde su iTunes, dove gli album dell'artista occuparono sette delle prime dieci posizioni del sito. Sul rivenditore europeo di musica online Play.com le vendite dei 10 album più popolari di Jackson aumentarono del 7.860%.[45] Con quasi 9 milioni di album venduti nei soli Stati Uniti e oltre 30 milioni nel mondo, nel solo 2009, Jackson diventò l'artista più venduto dell'anno.[46][47]

Le veglie dei fans[modifica | modifica wikitesto]

La stella di Jackson sulla Walk of Fame a Hollywood ricoperta di doni e tributi di fans e ammiratori nei giorni successivi al suo decesso.
Omaggi floreali e doni di fans e conoscenti fuori dalla casa natale di Michael Jackson a Gary, Indiana, un mese dopo la sua morte, il 25 luglio 2009.

In tutto il mondo si svolsero veglie spontanee di fans come nella Hollywood Walk of Fame, dove la stella di Jackson venne in poche ore circondata da fiori, candele e messaggi di centinaia di fans[48]. Centinaia di altri messaggi, fiori e candele vennero depositate dai suoi fans anche fuori dalle storiche abitazioni di Jackson a Gary fuori dalla sua casa natale; a Los Olivos fuori dai cancelli del Neverland Ranch, sua residenza storica; fuori dalla villa di Encino, dove Jackson aveva abitato con la sua famiglia tra la fine degli anni '70 e i primi anni '80; fuori dalla villa di Las Vegas, sua residenza per qualche anno; e infine fuori dalla villa di Hombly Hills, sua ultima dimora a Los Angeles.[48] Altre veglie spontanee si ebbero ad Harlem fuori dallo storico Apollo Theater, dove Jackson aveva debuttato coi Jackson 5, a Parigi fuori dalla cattedrale di Notre Dame e sotto la Torre Eiffel[49], in Russia e in Cina fuori dalle ambasciate americane[48] e anche in Italia dove le principali veglie si tennero a Milano in Piazza Castello, a Roma a Piazza Navona e a Napoli in Piazza Dante.[50][51][52]

Omaggi dei fan a Michael Jackson il 25 giugno 2009 (giorno della morte del cantante), davanti alla casa di Las Vegas, dove Jackson visse per un certo periodo insieme con la sua famiglia

Le reazioni e i messaggi dei VIP[modifica | modifica wikitesto]

Moltissimi i personaggi del mondo dello spettacolo che hanno reso tributo a Jackson con messaggi e dichiarazioni, tra questi:

L'ex moglie del cantante, e figlia di Elvis Presley, Lisa Marie Presley, ha dichiarato in una lunga lettera sul suo MySpace: "Qualsiasi esperienza insana o qualsiasi parola abbia mai provato nei suoi confronti nel passato è appena morta dentro di me insieme con lui. Era una persona straordinaria e sono fortunata di essermi potuta avvicinare a lui tanto quanto ho fatto, e di avere avuto le tante esperienze e gli anni insieme con lui. Spero disperatamente che possa essere sollevato dal suo dolore, dalla pressione e dal tumulto. Merita di essere libero da tutto quello e spero che sia, o sarà, in un posto migliore."[51]

Quincy Jones, che aveva lavorato come produttore sugli album di Jackson Off the Wall, Thriller e Bad, ha dichiarato a MSNBC: "Sono assolutamente devastato da questa tragica e inaspettata notizia. Michael Jackson aveva tutto - talento, grazia, professionalità e dedizione. Ho perso il mio fratellino oggi e parte della mia anima è andata con lui".[53]

Elizabeth Taylor, attrice britannica e grande amica di Jackson, ha dichiarato sul suo Twitter: "Il mio cuore, la mia mente, sono in frantumi. Ho amato Michael con tutta l’anima e non riesco a immaginare la mia vita senza di lui. Avevamo così tanto in comune e ci siamo divertiti tanto assieme. Vivrà per sempre nel mio cuore ma non sarà mai abbastanza. La mia vita sarà così vuota. Nessuno ha mai capito quanto ci siamo amati. L’amore più puro e generoso che abbia mai conosciuto. Oh, Dio se mi mancherà! E ora mi trovo qui a stringere tra le mani una sua foto che Michael mi aveva regalato con una dedica, che recita: "Per il mio vero amore, Elizabeth, ti amo per sempre." e io amerò LUI per sempre“.[54][55]

Diana Ross, cantante statunitense e altra sua grande amica, ha dichiarato inizialmente: "Non riesco a smettere di piangere, questo è tutto troppo improvviso e scioccante, non riesco a immaginarlo, mi fa male il cuore, sono in preghiera per i suoi figli e la sua famiglia"[56]. E in seguito, in una lettera alla famiglia: "Michael era un mio amore personale, una parte preziosa del mio mondo, parte del tessuto della mia vita in un modo in cui non riesco a trovare le parole per esprimere. Michael voleva che io fossi lì per i suoi figli, e ci sarò se loro avessero bisogno di me. Invio il mio amore e le mie condoglianze alla famiglia Jackson".[57]

Paul McCartney ha dichiarato a Reuters: "È così triste e scioccante. Mi sento privilegiato ad aver frequentato e lavorato con Michael. Era un eterno ragazzo di grande talento con un'anima gentile. La sua musica sarà ricordata per sempre."[48]

Steven Spielberg ha dichiarato a Entertainment Weekly: "Proprio come non ci sarà mai un altro Fred Astaire o Chuck Berry o Elvis Presley, non ci sarà mai nessuno paragonabile a Michael Jackson. Il suo talento, la sua meraviglia e il suo mistero lo rendono leggenda".[48]

Martin Scorsese ha dichiarato a MTV.com: "È stato meraviglioso lavorare con lui, un professionista assoluto in ogni momento, e - non c'è bisogno di ribadirlo - un vero artista. Ci vorrà un po' di tempo prima di abituarmi all'idea che non è più con noi".[53]

Madonna ha dichiarato: "Non riesco a smettere di piangere per la triste notizia. Ho sempre ammirato Michael Jackson - il mondo ha perso uno dei suoi grandi ma la sua musica vivrà per sempre. Il mio cuore va ai suoi tre figli e agli altri membri della sua famiglia. Che Dio vi benedica." e in seguito ha reso tributo all'artista durante il suo tour e con un lungo discorso agli MTV Video Music Awards 2009.[53]

Madonna rende omaggio a Michael Jackson durante una tappa dello Sticky & Sweet Tour a Madrid, Spagna il 23 luglio 2009.

Justin Timberlake ha dichiarato: "Non riesco a trovare le parole in questo momento per esprimere quanto profondamente mi rattrista la morte di Michael: abbiamo perso un genio e un vero ambasciatore non solo della musica pop, ma di tutta la musica. È stato fonte di ispirazione per più generazioni e conserverò sempre i momenti che ho condiviso con lui sul palco e tutte le cose che ho imparato sulla musica da lui e il tempo trascorso insieme. Il mio cuore va alla sua famiglia e ai suoi cari".[53]

Slash ha dichiarato: "Davvero tristi notizie su Michael: era un talento venuto dall'alto".[53]

Cher ha dichiarato: "Sto avendo un milione di reazioni diverse che non mi aspettavo di sentire, era un grande cantante - Dio ti dà certi doni e questo bambino era solo un bambino straordinario toccato da questa abilità. Riusciva a cantare come nessun altro ed è stato in grado di connettersi con le persone".[53]

Celine Dion ha dichiarato: "Sono scioccata, sono sopraffatta da questa tragedia. Michael Jackson è stato un idolo per me per tutta la mia vita. Non era solo una persona di talento ma era unico - un genio, è una tale perdita: sembra come quando morì Kennedy, quando morì Elvis. La mia solidarietà va alla famiglia: è una grande perdita".[53]

Molte anche le dichiarazioni di personaggi politici internazionali, tra i quali:

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha commentato pubblicamente la morte di Michael Jackson, dichiarando all'Associated Press: "Sono cresciuto con la sua musica. Passerà alla storia come uno dei nostri più grandi intrattenitori. Sono contento di vedere che viene ricordato principalmente per la grande gioia che ha portato a molte persone attraverso i suoi doni straordinari come intrattenitore". Obama ha inoltre inviato personalmente una lettera di condoglianze alla famiglia Jackson, il cui contenuto non è stato rivelato.[58]

L'ex presidente del Sud Africa, Nelson Mandela, in una lettera inviata alla famiglia Jackson, ha dichiarato: "Ci siamo affezionati a lui e lui è diventato un membro stretto della nostra famiglia. Abbiamo avuto una grande ammirazione per il suo talento che è stato in grado di trionfare sulla tragedia in molte occasioni della sua vita. Michael era un gigante e una leggenda nell'industria musicale e piangiamo con milioni di fan in tutto il mondo. Piangiamo anche con la sua famiglia e i suoi amici per la perdita di un caro amico. Ci mancherà e i ricordi che abbiamo di lui ci saranno cari a lungo".[59]

L'allora governatore della California e attore Arnold Schwarzenegger ha dichiarato: "Oggi il mondo ha perso una delle figure più influenti e iconiche dell'industria musicale: dalle sue performance con i Jackson 5, alla premiere del "moonwalk" e "Thriller", Michael era un fenomeno pop che non smetteva mai di spingere l'involucro della creatività. Michael è stato indubbiamente un grande intrattenitore e la sua popolarità ha attraversato generazioni e il mondo. Maria e io ci uniamo a tutti i californiani nell'esprimere il nostro shock e tristezza per la sua morte e il nostro cuore va alla famiglia Jackson, ai figli di Michael e ai suoi fan in tutto il mondo".[56]

Il presidente Hugo Chávez, in Venezuela, ha definito la morte della star una "notizia triste", anche se ha criticato i media per avergli prestato così tanta attenzione. L'ex presidente della Corea del Sud, Kim Dae-jung, che aveva incontrato Jackson, ha dichiarato: "Abbiamo perso un eroe del mondo".[48]

L'ex first lady filippina, Imelda Marcos, ha dichiarato che ha pianto sentendo la notizia e ha inoltre dichiarato: "Michael Jackson ha arricchito le nostre vite, ci ha reso felici, le accuse, la persecuzione gli hanno causato tanta angoscia finanziaria e mentale. È stato assolto in tribunale, ma la battaglia gli ha tolto la vita. C'è probabilmente una lezione qui per tutti noi".[48]

Esibizioni in suo tributo e monumenti eretti in suo onore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte dell'artista vi furono molti tributi da parte di personaggi del mondo dello spettacolo e vennero inaugurate anche alcune statue e placche per commemorare la scomparsa di Jackson.

Canzoni e concerti tributo[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 luglio 2009 il rapper The Game ha realizzato una canzone in tributo a Jackson, intitolata Better on the Other Side, prodotta da DJ Khalil e con le voci di P. Diddy, Chris Brown, Polow da Don, Mario Winans, Usher e Boyz II Men.[60]

Il 28 luglio 2009 la sorella di Jackson, La Toya, ha pubblicato la canzone Home, un singolo di beneficenza in onore di suo fratello. Tutti i proventi sono stati donati a una delle organizzazioni benefiche preferite di Michael.[61]

L'8 marzo 2010 il cantante inglese Robbie Williams pubblica il brano Morning Sun, scritto dopo la morte di Jackson e ispirato dalla tragedia.[62]

Molti furono gli artisti che stravolsero le scalette dei loro tour per aggiungere canzoni di Jackson: il 30 giugno 2009 gli U2, durante il tour U2 360° a Barcellona, dedicarono la canzone Angel of Harlem a Jackson e Bono ha cantato i versi di Man In The Mirror e Don't Stop 'til You Get Enough alla fine della canzone; al Sonisphere Festival del 4 luglio i Metallica hanno eseguito Beat It; Madonna durante lo Steaky & Sweet Tour aggiunse un medley di canzoni di Jackson mentre un suo ballerino appariva sul palco vestito come Jackson in Billie Jean; Diana Ross interpretò invece You Are Not Alone nel suo tour; Beyoncé dedicò la canzone Halo a Michael Jackson, cambiandone il testo, durante il suo tour nel luglio 2009.[63]

Il primo importante tributo musicale si tenne alla cerimonia di premiazione annuale dei BET Awards 2009, trasmessa tre giorni dopo la morte di Jackson, il 28 giugno 2009, che ha visto degli artisti esibirsi su alcune delle canzoni di Jackson. Joe Jackson e Al Sharpton erano tra il pubblico, e Janet Jackson ha parlato brevemente a nome della famiglia. Il 13 settembre 2009 invece agli MTV Video Music Awards 2009, la serata venne aperta da un discorso di Madonna che onorava l'artista scomparso subito dopo seguita da delle performance di alcuni ballerini che, vestiti come Jackson, ballavano all'unisono con le immagini trasmesse dagli schermi giganti. Alla fine della performance, Janet Jackson, sorella di Michael, apparve sul palco infrangendo uno specchio ed esibendosi con Scream assieme ad alcuni coreografi che avevano lavorato come ballerini per il fratello.[64]

Un'immagine di Michael Jackson è stata mostrata nel segmento "In Memoriam" della 82ª Edizione della cerimonia degli Academy Awards.[65]

Un altro importante tributo si tenne il 31 gennaio 2010 ai Grammy Awards 2010 dove Carrie Underwood, Jennifer Hudson, Céline Dion, Smokey Robinson e Usher si esibirono in Earth Song accompagnati sullo sfondo da delle immagini in 3D che Jackson aveva creato per accompagnare la canzone durante i concerti This Is It che non ebbero mai luogo. Alla serata Jackson ricevette un premio postumo consegnato da Lionel Richie ai suoi figli Prince e Paris.[66][67]

Il concerto tributo principale, chiamato Michael Forever, si tenne l'8 ottobre 2011 invece al Millennium Stadium a Cardiff, la capitale del Galles, con la partecipazione di quasi tutta la famiglia Jackson e l'esibizione di diversi artisti tra i quali Christina Aguilera, Beyoncé, 3T, Alien Ant Farm, Cee Lo Green, Craig David, Ne-Yo, Jamie Foxx, Gladys Knight, La Toya Jackson, Leona Lewis e Smokey Robinson.[68]

Statue e monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Ci furono alcune città che dedicarono anche una statua a Jackson; il giorno dopo la morte di Jackson, il sindaco di Rio de Janeiro annunciò che la città avrebbe eretto una statua in suo onore nella favela di Dona Marta. Jackson ha visitato la comunità nel 1996 dove ha filmato un video musicale per They Don't Care About Us. Il sindaco ha detto che Jackson ha contribuito a trasformare la comunità in "un modello per lo sviluppo sociale".[69]

Il 25 giugno 2010, il primo anniversario della morte di Jackson, venne eretto un monumento in granito fuori dalla sua casa natale di Gary, Indiana. Il monumento, del peso di 500 libbre, alto 8 piedi, largo 5 piedi e 1,25 piedi di spessore, è realizzato in granito nero di qualità premium estratto dalle cave di granito di proprietà di Stone Plans e realizzato utilizzando una tecnologia di incisione laser all'avanguardia. Sul davanti vi è una silhouette di Michael Jackson in una classica posa sulle punte sullo sfondo di una luna piena. Sul retro del monumento vi è invece un collage di immagini che lo ritraggono dalla sua infanzia verso la celebrità. Questo tributo commemorativo unico è il culmine di un intenso lavoro di squadra creativo di 48 ore che ha coinvolto oltre 350 ore di lavoro.[70][71] Il monumento è misteriosamente sparito nel dicembre 2018, pare perché fatto rimuovere dalla sorella di Michael Jackson, Janet, per girarci un videoclip.[72]

Ben tre diverse statue vennero erette in suo onore in Cina rispettivamente a Pechino (Beijing), a Canton (Guangzhou) inaugurata nel 2011 e realizzata con le donazioni dei fan cinesi, e un’ulteriore a Hong Kong, commissionata dal cantante Alex To, che conobbe Michael Jackson nel 1987 proprio a Hong Kong, e che si trova nel quartiere occidentale di Tuen Mun nel Shan Yuan Temple.[73][74]

Una statua venne eretta anche a Ekaterinburg, Russia, il 25 giugno 2011. Mentre due delle statue utilizzate da Jackson come promozione per l'album HIStory nel 1995 vennero restaurate ed erette rispettivamente una a Best nei Paesi Bassi e una a Johannesburg, in Sudafrica, nel parco per bambini Santarama Miniland.

Un'altra statua di Jackson venne commissionata dal magnate degli affari Mohamed Al-Fayed ed esposta al di fuori del campo del Fulham Football Club, di cui Al-Fayed era presidente nel 2011. Grande fan e amico di Jackson, Al-Fayed è stato riempito di critiche quando la statua è stata esposta, principalmente perché, anche ai fans dell'artista, sembrava rigida e costipata. Quando il nuovo presidente del Fulham, Sahid Khan, è entrato in carica, ha pertanto rimosso la statua che è stata collocata al National Football Museum di Manchester nel maggio 2014.[75]

Un'altra statua è stata eretta in suo onore al Landesbahnpark a Mistelbach, in Austria, inaugurata l'11 maggio 2013 e scolpita dallo scultore ceco Daniel Kartakova, e che ha sostituito un precedente busto in bronzo della superstar che non era stato ritenuto all'altezza dai suoi fans.[76]

Una statua è stata eretta anche in Italia al Rainbow MagicLand, a Valmontone, Roma, per il 55º anniversario della nascita di Jackson, il 29 agosto 2013.[73]

Un'altra statua raffigurante l'artista, realizzata inizialmente per la promozione dell'album HIStory, è stata inaugurata il 22 giugno 2019 a EuroPark Idroscalo a Milano, in Italia, per celebrare il decennale dalla scomparsa del cantante.[77]

Il testamento e messa in dubbio dell'autenticità[modifica | modifica wikitesto]

Un'immagine di John Gregory Branca, ex avvocato di Michael Jackson e nominato dall'artista suo co-esecutore testamentario.

Secondo l'ultimo testamento, redatto nel 2002, Jackson affidò i suoi tre figli alla madre, Katherine Esther Jackson, allora settantanovenne e, a quanto emerse dal documento presentato in tribunale a Los Angeles, l'artista nominò la collega e amica Diana Ross come tutrice, qualora sua madre non fosse in grado di prendersi cura dei tre ragazzi mentre nominò come co-esecutori testamentari il suo ex avvocato John Branca, l'amico di famiglia e produttore John McClain e il contabile Barry Siegel. Quest'ultimo rifiutò la carica lasciando le redini di quella che sarebbe diventata "The Estate of Michael Jackson" in mano a Branca e McClain.[78]

Alcuni familiari dell'artista hanno messo in dubbio l'autenticità del testamento, definendolo un "fake", un falso e fraudolento, dichiarando che lo stesso giorno in cui il testamento risulta firmato da Jackson a Los Angeles, Michael Jackson si trovava in realtà a New York a una conferenza stampa contro il razzismo nelle case discografiche presenziata dal Reverendo Al Sharpton, che ha confermato che Jackson si trovava con lui in tale occasione. Anche vari filmati e fotografie di Jackson alla conferenza lo confermano. I fratelli di Jackson hanno detto che il cantante era a New York il 7 luglio, il giorno in cui l'ultimo testamento era datato e segnato come firmato a Los Angeles. Altri hanno confermato che il Re del Pop si trovava nella Grande Mela quel giorno. Ma secondo la legge della California, questo non è qualcosa che renderebbe invalido il testamento, poiché è possibile che il documento fosse semplicemente errato. Il testamento è stato ufficializzato nel 2009 e la sezione 8270 del codice probatorio della California prevede un periodo di 120 giorni per presentare una petizione al tribunale per revocare l'omologazione dell'ultima volontà. Quel periodo è però passato senza che i familiari inizialmente si opponessero.[79]

Le teorie alternative sulla morte e le leggende metropolitane[modifica | modifica wikitesto]

Come accaduto successivamente alla morte di molti altri personaggi famosi, le circostanze, ritenute sospette, hanno dato origine a teorie alternative rispetto alla versione ufficiale dei fatti, a illazioni e a teorie del complotto; la principale teoria era incentrata su un presunto complotto ordito per uccidere Jackson che sarebbe stato organizzato dai vertici della Sony Music, tra cui vennero chiamati in causa l'ex presidente Tommy Mottola, l'ex avvocato di Jackson, John Branca, la Colony Capital con la complicità della AEG, che avrebbero assoldato il medico Conrad Murray per compiere l'atto, con lo scopo di guadagnare miliardi di dollari dalle vendite degli album e dallo sfruttamento dell'immagine dell'artista che la sua morte avrebbe generato.[80] A tal proposito anche alcuni familiari di Jackson tra cui suo padre Joe Jackson, la sorella La Toya e la figlia di Jackson, Paris, hanno dichiarato alla stampa che ritenevano che la morte del loro familiare fosse stata in realtà un omicidio premeditato e che dietro alla morte ci fosse un piano ben ordito.[81][82][83][84][85][86][87]

In seguito sono incominciati a circolare sul web anche video e immagini che parlavano di come Jackson avesse potuto escogitare la sua presunta finta morte.[88][89][90]

Il funerale pubblico e quello privato[modifica | modifica wikitesto]

Durante i funerali di Michael Jackson, svoltisi il 7 luglio 2009 allo Staples Center di Los Angeles, molti artisti hanno cantato canzoni di Jackson come omaggio alla sua memoria, tra cui Mariah Caray che ha eseguito I'll Be There

Una commemorazione pubblica si svolse il 7 luglio 2009 presso lo Staples Center di Los Angeles, dove la pop star aveva provato per i concerti londinesi fino alla sera prima della sua morte.[91]

Tra i cantanti che si esibirono o presero parte vi furono Smokey Robinson, che lesse una lettera di condoglianze firmata da Nelson Mandela, Lionel Richie, Stevie Wonder, Mariah Carey, Queen Latifah, Jennifer Hudson, John Mayer e Usher. Altri personaggi dello spettacolo e della politica tennero invece dei discorsi, come i figli di Martin Luther King, Martin Luther King III e Bernice A. King, le star dell'NBA, Magic Johnson e Kobe Bryant, l'attrice Brooke Shields, che raccontò dell'amicizia con Jackson e lesse un passaggio da uno dei libri preferiti dall'artista, Il piccolo principe, il Rev. Al Sharpton e il presidente della Motown, Berry Gordy, che definì Jackson "Il più grande intrattenitore che sia mai vissuto".[91]

Tra gli invitati che diedero invece forfait vi furono l'ex moglie di Jackson e madre di due dei suoi tre figli, Debbie Rowe, che dichiarò di non presenziare al memorial perché sperava di non essere una distrazione per i media. Anche Elizabeth Taylor, Diana Ross, Liza Minelli e Quincy Jones, tra i più cari amici di Jackson, rifiutarono l'invito perché si dissero "devastati" dalla perdita e dichiararono che volevano vivere il loro lutto in forma privata. Alla cerimonia presenziò tutta la famiglia Jackson, inclusi i tre figli di Michael Jackson, che per la prima volta vennero mostrati in pubblico senza maschere. La cerimonia fu trasmessa in diretta in tutto il mondo e in streaming sul web e si stima sia stata vista dai circa 2,5 ai 3 miliardi di persone, divenendo l'evento mediatico più seguito della storia.[91][92]

Il sarcofago, in cui la bara d'oro di Michael Jackson è stata tumulata il 3 settembre 2009, all'interno del Holly Terrace nel Great Mausoleum al Forest Lawn Memorial Park di Glendale, Los Angeles.

Il 3 settembre 2009 si svolse una commemorazione in forma privata al Forest Lawn Memorial Park di Glendale, dove la salma di Michael Jackson è stata tumulata all'interno di una bara "Promethean" placcata in oro con interni in velluto blu e rifiniture a specchio lucidate a mano.[93], che in seguito venne deposta in un grande sarcofago in marmo. La tomba si trova nella cappella mortuaria del Great Mausoleum, all'interno della Holly Terrace, struttura ispirata al Cimitero Monumentale di Staglieno di Genova[94][95][96], ed è circondata da vetrate colorate rappresentanti l'Ascensione di Gesù.[97]

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Durante le indagini si scoprì che dopo la somministrazione del Propofol, Murray era al telefono e stava utilizzando due cellulari[98], di cui non si servì per chiamare i soccorsi, ma per effettuare varie chiamate e invii di mail tra cui una per tranquillizzare un funzionario della Lloyd's Insurance, l'assicurazione dei concerti londinesi, riguardo alle condizioni di salute di Jackson; dai tabulati presentati al processo, però, si evince che la mail fu spedita quando il cantante era già morto[99]. I soccorsi vennero chiamati più di un'ora dopo, alle ore 12.21, dalla guardia del corpo di Jackson, Alvarez,[100] come testimoniò anche il paramedico che ricevette la telefonata[101]. I paramedici del Los Angeles Fire Department giunsero alle 12.28. Il tempestivo trasferimento alla clinica dell'UCLA Medical Center, la clinica ospedaliera dell'Università della California non bastò, i tentativi di rianimazione fallirono e Jackson venne dichiarato morto alle ore 14.26[102]. L'autopsia stabilì che la sua morte avvenne per una somministrazione eccessiva di Propofol.[103]. Le immagini video delle prove dei concerti che la star avrebbe dovuto tenere a Londra, svoltesi allo Staples Center, mostravano un Jackson all'apparenza in ottima forma ma in realtà non era così come si deduce dal referto autoptico[104] e dalle mail che si scambiarono il regista Kenny Ortega e il presidente della AEG Live, la società promotrice dei concerti, Randy Phillips: Jackson non stava bene emotivamente e fisicamente[105]

Gli esami tossicologici rileveranno che non vi erano sostanze nell'organismo di Jackson a parte quelle somministrate dal Dott. Murray quella notte, né alcool o droghe di alcun genere e nessuna pillola nel suo stomaco, contrariamente a ciò che i media riportarono, i quali spesso lo dipingono erroneamente come un farmaco-dipendente[106]. Alcuni medici che hanno conosciuto la star hanno dichiarato che in realtà lui aveva paura dei farmaci[107]. Il caso non fu classificato immediatamente come "omicidio", la scena del crimine non fu sigillata e ciò sollevò preoccupazioni da parte di alcuni osservatori riguardo a possibili contaminazioni di quest'ultima. La polizia fu messa sotto accusa per questo[108].

Murray durante le indagini mentì ripetutamente e si contraddisse più volte, non si mostrò mai pentito per quello che aveva fatto, arrivando persino a incolpare lo stesso Jackson della sua morte.[109]

Il processo contro Conrad Murray[modifica | modifica wikitesto]

Da elementi discussi al processo che lo vedeva imputato per omicidio colposo, si scoprì che Conrad Murray fu assunto dalla AEG Live e che all'epoca dell'assunzione era oberato di debiti.[110]. Il rapporto tra il medico e la società promotrice dei concerti è comprovato da un contratto, discusso in aula, dal quale si evince che l'assunzione del dottore fu su richiesta di Michael Jackson ma di competenza della AEG Live.[111] Egli tuttavia sostenne che non ricevette mai una copia dello stesso firmata da Michael Jackson per accettazione; esiste solo una copia firmata dal dottor Murray la sera prima del decesso di Jackson. In quel contratto si legge che il medico doveva "[...] occuparsi delle necessità mediche dell'artista, riuscire a curarlo in caso di emergenza e provvedere ogni altro trattamento medico richiesto da AEG Live"[112]. A proposito di dei trattamenti, durante le udienze preliminari del processo emerse dalla testimonianza del farmacista Lopez, al quale si rivolgeva Murray per ordinare il Propofol e altri medicinali, che il medico richiese anche degli energizzanti, dicendogli che erano per se stesso e Lopez gli procurò dell'ECA (Efedrina, Caffeina, Aspirina),[113], ma dell'efedrina è stata invece ritrovata nell'organismo di Jackson[114]. Tale sostanza è controindicata per chi soffre d'insonnia in quanto la provoca o l'accentua, e causa anche ansia, anoressia e febbre[115]. Murray, probabilmente, somministrava al cantante ECA di giorno come energizzante e Propofol e benzodiazepine di notte per farlo dormire[116]. Jackson era stato oggetto di somministrazioni di questo tipo per quasi tre mesi[117].

Un'ampolla dell'anestetico Propofol, lo stesso anestetico somministrato a Michael Jackson dal medico Murray che ha provocato l'intossicazione e la morte dell'artista.

Durante il processo il Dott. Steven Shafer, esperto di Propofol, dimostrò scientificamente l'impossibilità dell'auto-somministrazione dell'anestetico da parte del cantante[118] e dichiarò che la semplice ingestione di tale sostanza non produce alcun effetto sull'essere umano[119].

L'assistente del coroner Elissa Fleak testimoniò che nella stanza dove il cantante è deceduto c'era il camino acceso nonostante fosse il 25 giugno e pare che non fosse la sua stanza da letto abituale.[120] Questo particolare può far pensare che la temperatura più calda della stanza abbia rallentato il processo di rigor mortis e che forse il decesso potrebbe essersi verificato alcune ore prima, durante la notte; il medico legale, il Dott. Rogers, non fu infatti in grado di stabilire con precisione l'ora del decesso che pertanto non è riportata sul referto autoptico.

Non fu possibile stabilire chi fosse effettivamente nella villa di Holmby Hills la notte del decesso in quanto i video relativi alle registrazioni delle telecamere non sono stati conservati. Il procuratore David Walgren, durante la Status Conference del 16 marzo 2011, affermò che l'accusa stava ancora cercando di contattare il dipartimento di polizia di Los Angeles e la società del sistema di sicurezza per sapere se fossero disponibili altre registrazioni oltre a quelle che gli erano state recapitate, riguardanti l'esterno della villa e le porte di ingresso. Durante il processo Murray, dalla testimonianza del signor Alexander Suppal, uno specialista in sorveglianza della polizia di Los Angeles, risultò che nessuno gli ordinò di scaricare altri filmati dalle telecamere di sorveglianza della villa, oltre a quelli di pochi minuti relativi all'arrivo di Murray e poi dell'artista alla casa la notte del 25 giugno 2009. Suppal dichiarò che fu il detective Martinez a prendere la decisione di scaricare solo quei filmati[121].

Il procuratore Walgren durante il controinterrogatorio del dottor White, l'esperto di Propofol testimone per la difesa, lo portò a dire che, considerate le quantità di Lorazepam e Propofol risultanti nell'organismo della star, non avrebbe senso pensare che Murray volesse continuare a sedare un Michael Jackson già sedato: ciò sarebbe spiegabile solo nel caso in cui il medico avesse voluto fargli del male volontariamente.[122] e lo ha ribadito anche nella sua arringa finale: "...Murray ha voluto mettere KO Michael Jackson, se si vuole credere che non fosse già KO!"[123]. Anche dall'ultima testimonianza del dottor Steven Shafer, esperto di Propofol per l'accusa, è emerso che in base a studi effettuati nel 2002, le quantità di Propofol e benzodiazepine somministrate da Murray a Jackson erano maggiori di quelle che Shafer stesso aveva inizialmente ipotizzato[124]. Infine nel Memorandum del procuratore leggiamo: "Il modo in cui il crimine è stato eseguito indica pianificazione, sofisticazione o professionismo (...) Le prove mostrano senza ombra di dubbio che l'imputato sapeva che ciò che stava facendo era sbagliato (...) L'imputato si è approfittato di una posizione di fiducia o confidenza per commettere il crimine..."[125].

Tutto ciò gli costò la massima pena prevista per questo genere di reato nello Stato della California: infatti il giudice Pastor decise di infliggerla in quanto definì le pratiche che Murray esercitava su Jackson "pazzia medica", "esperimenti in medicina che non possono essere tollerati" e ritenne che l'aspetto più intollerante del comportamento di Murray in tutta questa vicenda fu la totale mancanza di senso di colpa e rimorso per quanto accaduto.[126]

Il processo contro la AEG Live[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Jackson ha mosso in seguito una causa civile contro la AEG Live, in quanto la riteneva responsabile di frode, negligenza, inflizione di stress emotivo e cospirazione civile, elementi che avrebbero condotto, secondo i familiari di Jackson, alla morte dell'artista.[127] Nel corso del processo i legali dei Jackson avevano descritto ai giurati la AEG come un'agenzia di entertainment fredda e calcolatrice che non si era accorta di quanto Murray fosse disperato finanziariamente concludendo che avessero spinto il medico a tenere Jackson in piedi a tutti i costi per i concerti anche se il cantante era in quel periodo fragile di salute e paralizzato dalla paura. Tra i testimoni, il primogenito di Michael, Prince, aveva evocato le parole del padre durante la loro ultima conversazione: "Mi uccideranno". AEG aveva tentato di rivoltare i fatti asserendo che era stato Jackson ad assumere Murray e che il cantante era un tossicodipendente all'ultimo stadio che aveva già chiesto anestetici per dormire durante tour precedenti. Il 2 ottobre 2013, dopo cinque mesi di dibattito e tre giorni in camera di consiglio, la giuria al processo civile contro AEG ha stabilito che i promoter della serie di concerti mai realizzata This is It hanno sì assunto Conrad Murray come medico personale del cantante, ma che Murray non era incompetente a esercitare la professione, giudicando la società non responsabile della morte dell'artista. In seguito i giudici hanno respinto e negato il ricorso in appello da parte della famiglia Jackson.[128][129][130]

Conclusioni[modifica | modifica wikitesto]

Le varie informazioni ottenute dalle indagini e dai processi hanno destato dei sospetti in merito al fatto che la morte della star potrebbe non trattarsi di omicidio colposo, ma qualcosa di più, come sostenuto anche da alcuni familiari dell'artista[131][132][133]. Le indagini, però, furono rivolte solo verso Murray, lasciando in sospeso numerosi interrogativi al riguardo. Inoltre i discografici della Sony, i manager della star[134] e la stessa AEG Live avrebbero effettuato cospicui finanziamenti alle carriere di alcune figure istituzionali che, visto il loro ruolo, sarebbero potute essere personaggi chiave per risolvere i misteri dell'omicidio in questione. Ciò ha sollevato ulteriori sospetti in merito[135].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zillow, Home Where Michael Jackson Died Listed for Sale in Los Angeles, in Forbes, 21 marzo 2012.
  2. ^ (EN) Corina Knoll, Jackson trial: Dr. Murray's salary was on AEG's books, in Los Angeles Times, 16 maggio 2013.
  3. ^ By Alan Duke CNN, AEG lawyer testifies in Michael Jackson death trial - CNN.com, su CNN, 7 agosto 2013.
  4. ^ a b (EN) Sean Michaels, Michael Jackson autopsy reveals he was 'fairly healthy', in The Guardian, 2 ottobre 2009.
  5. ^ Michael Jackson, 4 anni di carcere al medico, in Ansa. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  6. ^ Colony Capital Buys Michael Jackson's Loan, Neverland Foreclosure Averted, in huffingtonpost.com, 13 maggio 2008. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2015).
  7. ^ Defense witness describes a confident Michael Jackson, in Los Angeles Times, 26 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  8. ^ Michael Jackson: King of Pop was terrified of his manager, in Examiner.com, 27 agosto 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  9. ^ a b June in the news, in Junepress, 25 giugno 2010. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2012).
  10. ^ Michael Jackson's This Is It (2009), in The New York Times. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  11. ^ (EN) By Alastair Jamieson, Michael Jackson fans face huge price rises for London concert tickets, in Telegraph.co.uk, 12 marzo 2009.
  12. ^ Michael Jackson 'angry' at 50 London shows being booked, in NME First for music news, 2 giugno 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  13. ^ Michael Jackson: Paul Gongaware CEO of AEG talks Conrad Murray, Prince, in Examiner.com, 28 settembre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  14. ^ (EN) BBC NEWS | Entertainment | Jackson delays opening tour dates, su news.bbc.co.uk, 20 maggio 2009.
  15. ^ Randy Phillips and Kenny Ortega This is it conference on May 20th, 2009 sub ita, in Firstpost, 20 maggio 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  16. ^ State's first witness: 'Jackson was frail', in HLN In Session, 10 ottobre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2014).
  17. ^ a b c Doubts surfaced early on Michael Jackson, in Los Angeles Times, 2 settembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  18. ^ Doctor describes a fearful Jackson, desperate for sleep, in Los Angeles Times, 24 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  19. ^ a b Jackson wrongful death (PDF), su probatelitigation.typepad.com, 15 settembre 2010. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  20. ^ a b 'I am asleep' Jackson heard in slurring audio, in USA Today, 5 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  21. ^ AEG contract (PDF), in Radaronline. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2011).
  22. ^ AEG drops Michael Jackson insurance claim, in CNN, 11 settembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  23. ^ Michael Jackson, il promoter AEG convinto di poter recuperare l'investimento, in Rockol.it, 6 luglio 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  24. ^ Bravado is Exclusive Merchandiser for Michael Jackson, in Bravado, 31 agosto 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2012).
  25. ^ Kenny Ortega Discusses 'Michael Jackson's This Is It', in About.com. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  26. ^ Judge delays ruling on access to Jackson footage, in Fox News, 16 giugno 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  27. ^ The people of State of California V. Conrad Murray (PDF) [collegamento interrotto], in Superior Court Los Angeles, 19 luglio 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  28. ^ AEG-Live Backtracks Over Michael Jackson Funeral Tickets Offers Giveaway, in Singersroom. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  29. ^ MJ-Lloyds (PDF) [collegamento interrotto], in Radaronline, 6 giugno 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  30. ^ AEG ends legal dispute with Lloyds over This Is It policy, in The CMU website, 11 settembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  31. ^ By Alan Duke CNN, Michael Jackson days before death: 'God keeps talking to me' - CNN.com, su CNN, 9 maggio 2013.
  32. ^ Michael Jackson affidavit in its entirety, in examiner.com, 25 agosto 2009. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  33. ^ (EN) Matthew Perpetua, Michael Jackson’s Bodyguard Says Murray Told Him to Hide Evidence, su Rolling Stone, 6 gennaio 2011.
  34. ^ (EN) Associated Press, Michael Jackson death trial: doctor told me to hide medicine – bodyguard, in The Guardian, 29 settembre 2011.
  35. ^ (EN) By Alan Duke CNN, Michael Jackson's death was a homicide, coroner rules - CNN.com, su edition.cnn.com, 28 agosto 2009.
  36. ^ (EN) Daniel Kreps, Michael Jackson Autopsy Reveals Star Was Healthy Prior to Death, su Rolling Stone, 1º ottobre 2009.
  37. ^ Alan Duke, Autopsy reveals Michael Jackson's secrets, in CNN, 7 maggio 2013.
  38. ^ M. G. Siegler, The Web Collapses Under The Weight Of Michael Jackson's Death | TechCrunch, su techcrunch.com, 25 giugno 2009.
  39. ^ a b (EN) The Death of Michael Jackson Impacts the Internet (June 25, 2009) : HistoryofInformation.com, su www.historyofinformation.com, 25 giugno 2009.
  40. ^ (EN) By Linnie Rawlinson and Nick Hunt CNN, Jackson dies, almost takes Internet with him - CNN.com, su edition.cnn.com, 26 giugno 2009.
  41. ^ (EN) By Emma Barnett, Technology and Digital Media Correspondent, How did Michael Jackson's death affect the internet's performance?, in Telegraph.co.uk, 26 giugno 2009.
  42. ^ Keith Caulfield, Michael Jackson Breaks Billboard Charts Records, in Billboard, 30 giugno 2009.
  43. ^ Remembering Michael Jackson: King Of Charts, in Billboard, 8 luglio 2009.
  44. ^ I dischi di Michael Jackson in testa alla classifica americana: tre album ai primi tre posti | TV Sorrisi e Canzoni, in TV Sorrisi e Canzoni, 3 luglio 2009. URL consultato l'11 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2018).
  45. ^ (EN) By Mairi Mackay CNN, Michael Jackson album sales soar - CNN.com, su edition.cnn.com, 26 giugno 2009.
  46. ^ (EN) GIL KAUFMAN, Michael Jackson's Posthumous Global Record Sales Reach 9 Million, in MTV News, 16 luglio 2009.
  47. ^ (EN) JOSH GROSSBERG, Death Becomes Michael Jackson, Beats Taylor Swift as Biggest Seller of '09, in E! Online, 6 gennaio 2010.
  48. ^ a b c d e f g (EN) Sharon Otterman, Around the World, Shock and Grief Over Jackson, in The New York Times, 26 giugno 2009.
  49. ^ In Francia un luogo di culto dedicato a Michael Jackson - Il Sole 24 ORE, su www.ilsole24ore.com, 14 ottobre 2010.
  50. ^ Roma, veglia funebre per Michael Jackson a piazza Navona - Corriere Roma, su roma.corriere.it, 29 giugno 2009.
  51. ^ a b TC&C, Musicalnews.com: Michael Jackson, le veglie dei fans in Italia ed il messaggio di Lisa Marie Presley, su www.musicalnews.com, 29 giugno 2009. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2018).
  52. ^ Laura Carcano, Michael Jackson e l'omaggio dei fan di tutto il mondo | Donna Moderna, in Donna Moderna, 30 giugno 2009.
  53. ^ a b c d e f g (EN) David Batty e agencies, Michael Jackson tributes pour in, in The Guardian, 26 giugno 2009.
  54. ^ (EN) Meagan Morris, Elizabeth Taylor friendship with MJ, in SheKnows, 24 marzo 2011.
  55. ^ DANIEL BATES, Intimate secrets of Elizabeth Taylor and Michael Jackson revealed, in Mail Online, 9 agosto 2016.
  56. ^ a b Daniel Kreps, Music World Mourns Michael Jackson's Death, in Rolling Stone, 25 giugno 2009.
  57. ^ (EN) SHEILA MARIKAR, Jackson's Memorial: Who Bailed and Why, su ABC News, 8 luglio 2009.
  58. ^ (EN) Daniel Kreps, Obama on Michael Jackson: "One of Our Greatest Entertainers", in Rolling Stone, 2 luglio 2009.
  59. ^ Jason Gregory, Nelson Mandela: 'Michael Jackson Was Part Of Our Family', su www.gigwise.com, 7 luglio 2009.
  60. ^ (EN) Denise Quan, The Game talks about Michael Jackson tribute, su edition.cnn.com, 3 luglio 2009.
  61. ^ La Toya Jackson: "Home" è la canzone che dedica al fratello Michael, in Soundsblog.it, 15 luglio 2009.
  62. ^ ROBBIE WILLIAMS su "Morning sun", brano scritto pensando a Michael Jackson. URL consultato il 12 novembre 2018.
  63. ^ (EN) Beyonce Pays Tribute To Michael Jackson | MTV UK, in MTV.com, 7 luglio 2009.
  64. ^ (EN) Daniel Kreps, Janet Jackson Honors Michael With Dance Tribute at VMAs, in Rolling Stone, 14 settembre 2009.
  65. ^ (EN) Larry Carroll, Farrah Fawcett Oscars 'In Memoriam' Omission Was Intentional, in MTV News, 9 marzo 2010.
    «Those playing along at home, however, might point to the fact that Michael Jackson was featured prominently during the "In Memoriam" clip, but will hardly be remembered first and foremost as a movie star.».
  66. ^ (EN) Sean Michaels, Michael Jackson 3D tribute to be shown at Grammys, su the Guardian, 21 gennaio 2010.
  67. ^ (EN) Anita Singh, Grammy Awards 2010: Prince Michael and Paris in emotional Michael Jackson tribute, in The Telegraph, 1º febbraio 2010.
  68. ^ Michael Jackson Tribute Concert Kicks Off in Wales, in Billboard, 8 ottobre 2011.
  69. ^ (EN) Reuters Editorial, Michael Jackson's music had impact around the globe, in U.S., 3 luglio 2009.
    «Less than a day after Michael Jackson’s death, the mayor of Rio de Janeiro, Brazil, announced that the city would erect a statue of the singer in Dona Marta, a favela that was once notorious for drug dealing and is now a model for social development. The change was spurred partly by Jackson’s 1996 visit to film the video for “They Don’t Care About Us.”[...]“This process to make Dona Marta better started with Michael Jackson,” Silva says. “Now it’s a safe favela. There are no drug dealers anymore, and there’s a massive social project. But all the attention started with Michael Jackson.”».
  70. ^ Tribute to Michael Jackson, su www.store.stoneplans.com.
  71. ^ (EN) Lance Longwell, Things To Do In Northwest Indiana, su Travel Addicts, 31 agosto 2014.
  72. ^ (EN) Janet Jackson accused of removing a monument to her brother Michael from his childhood home, su expressdigest.com, 28 dicembre 2018.
  73. ^ a b (EN) The World Remembers Michael Jackson, su The World Remembers, 28 luglio 2013.
  74. ^ Marcello Colasanti, La statua di Michael Jackson a Pechino (Beijing). – CURIOSITA’ DI VIAGGIO, in IL GIORNALE DEL RICCIO, 20 aprile 2018.
  75. ^ (EN) 10 Interesting MJ Statues You Won't Believe, su Michael Jackson World Network, 14 gennaio 2015.
  76. ^ (EN) The World Remembers Michael Jackson Michael Jackson memorials and tributes around the world, su The World Remembers, 14 agosto 2013.
  77. ^ Michael Jackson Italian Memorial Place: inaugurazione della statua con flash mob, su mentelocale.it, 17 giugno 2019.
  78. ^ (EN) Michael Jackson's Will, su www.nytimes.com. URL consultato l'8 giugno 2017.
  79. ^ (EN) Zack O'Malley Greenburg, The Scandalously Boring Truth About Michael Jackson's Will, su Forbes, 17 agosto 2012.
  80. ^ (EN) Tim Grierson, Randy Quaid Sounds Serious About This ‘Star Whackers’ Movie, in yahoo.com, 29 marzo 2011.
    «Randy Quaid[...] and his wife Evi fled to Canada last year, believing they were targets of "star whackers," who (they insisted) had killed celebrities like Michael Jackson and Heath Ledger.».
  81. ^ (EN) Alan Duke, Joe Jackson: Dr. Murray 'a fall guy' in Michael's death, in CNN.com, 9 febbraio 2010.
  82. ^ (EN) Daniel Kreps, Joe Jackson Hints at Michael Jackson Murder Conspiracy, Calls Murray “Fall Guy”, in Rolling Stone, 9 febbraio 2010.
  83. ^ Rockol.com s.r.l., √ La Toya insoddisfatta: 'Per Michael Jackson si tratta di omicidio premeditato', in Rockol, 4 febbraio 2010.
  84. ^ Rockol.com s.r.l., √ Secondo anniversario. La Toya: 'Michael Jackson temeva d'essere ucciso', in Rockol, 24 giugno 2011.
  85. ^ (EN) Sean Michaels, Michael Jackson was murdered, says his sister La Toya, su the Guardian, 23 giugno 2011.
  86. ^ (EN) Harriet Alexander, Paris Jackson says she believes Michael Jackson was murdered in first interview since her father's death, in The Telegraph, 25 gennaio 2017.
  87. ^ (EN) Michael Jackson's daughter says her father 'was murdered', in The Independent, 25 gennaio 2017.
  88. ^ 'Michael Jackson è vivo!', su Repubblica Tv - la Repubblica.it, 27 agosto 2009.
  89. ^ «Michael Jackson è vivo e si nasconde dietro alla faccia di un ustionato» - Corriere della Sera, su www.corriere.it, 11 maggio 2010.
  90. ^ "Micheal Jackson è ancora vivo". la prova nel selfie in auto della figlia / Guarda, in liberoquotidiano.it, 4 settembre 2016.
  91. ^ a b c (EN) Randal C. Archibold, At Jackson Memorial, Music and Mourning, in The New York Times, 7 luglio 2009.
  92. ^ Around the world, a shared moment of 'missing Michael', in latimes.com, 8 luglio 2009. URL consultato il 5 aprile 2016.
  93. ^ (EN) Michael Jackson to be buried in gold plated coffin, in The Telegraph, 3 luglio 2009.
  94. ^ La morte il 25 giugno - Jackson, il giorno del funerale Nella “Staglieno” di Los Angeles (XML), in Il Secolo XIX, 3 settembre 2009. URL consultato il 28 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2018).
  95. ^ (EN) Family Viewed Michael Jackson in Open Casket, in PEOPLE.com, 9 luglio 2009.
  96. ^ Michael Jackson: questa sera la sepoltura a Forest Lawn, in Rockol.it, 3 settembre 2009. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  97. ^ Michael Jackson FAQ, su Adventures in Grave Hunting by Lisa Burks.
  98. ^ Conrad Murray trial: In-depth look at Michael Jackson death from UCLA doctors, in ABC, 3 ottobre 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  99. ^ 'I am asleep' Jackson heard in slurring audio, in USA Today, 5 ottobre 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  100. ^ Conrad Murray trial: Michael Jackson's bodyguard, Alberto Alvarez, says doctor told him to grab vials, in ontheredcarpet.com, 29 settembre 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2012).
  101. ^ Conrad Murray Told Medics That He Was Treating MJ for Dehydration, in abc news, 30 settembre 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  102. ^ Michael Jackson affidavit in its entirety, in examiner.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  103. ^ vedere referto autoptico pg 12/1
  104. ^ vedere referto autoptico pag 1-2-3
  105. ^ E-mails show promoter's doubts before Michael Jackson's death, in CNN, 4 settembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  106. ^ Jackson investigator's errors, in Stuff.co.nz, 8 ottobre 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  107. ^ Doctor says Michael Jackson was afraid of medication (Video), in Examiner.com, 3 ottobre 2011. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  108. ^ LAPD in trouble for not properly sealing scene after Michael Jackson died, in Celebitchy.com, 3 luglio 2009. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  109. ^ Conrad's contradictions, in HLN In Session, 1º ottobre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  110. ^ Conrad Murray Had Huge Debts, Found Financial Lifeline In Jackson, in huffingtonpost.com, 31 luglio 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  111. ^ Conrad Murray on trial in Michael Jackson death, in dalje.com. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  112. ^ jackson wrongful death (PDF), in probatelitigation.typepad.com, 15 settembre 2010. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  113. ^ Michael Jackson hearing: Pharmacist sent large amounts of anesthetic to Dr. Conrad Murray, in Los Angeles Times Local, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  114. ^ Jackson investigator's errors, in Stuff.co.nz, 10 agosto 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  115. ^ ECA STACK - EFEDRINA, in BBZONE. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  116. ^ Michael Jackson affidavit in its entirety, in Examiner.com, 25 agosto 2009. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  117. ^ Michael Jackson's doctor should have said no, says expert, in Guardian, 20 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  118. ^ Jurors Get Crash Course in Propofol at Conrad Murray Trial, in Fox News, 19 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  119. ^ Expert to testify on at-home propofol for Michael Jackson, in Los Angeles Times, 12 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  120. ^ vedere pagina "Scene description" allegato al referto autoptico
  121. ^ Procès du Dr Murray Jour 16 [collegamento interrotto], in Le Post archives, 26 ottobre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  122. ^ Murray remains silent as testimony ends in Jackson death trial, in CNN, 1º novembre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  123. ^ Conrad Murray trial closing arguments, pt 1, in Wral.com, 3 novembre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  124. ^ Jury considers fate of Michael Jackson's doctor [collegamento interrotto], in Team O.S.M, 4 novembre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  125. ^ Sentencing Memorandum (PDF), in Los Angeles Superior Court, 23 novembre 2011. URL consultato l'11 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  126. ^ Michael Jackson, 4 anni di carcere al medico, in Ansa.it Mondo. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  127. ^ Katherine Jackson vs AEG LIVE complaint (PDF), in Higher Legal. URL consultato l'11 dicembre 2012.
  128. ^ Usa: famiglia Jackson perde causa miliardaria contro Aeg, in Repubblica.it, 3 ottobre 2013.
  129. ^ La Corte: AEG non è responsabile per la morte di Jackson, in Il Tempo, 3 ottobre 2013.
  130. ^ Laura, JACKSON v. AEG: La Corte d’Appello nega nuovo processo, su www.truth4mj.it. URL consultato l'11 novembre 2018.
  131. ^ (EN) Sean Michaels, Michael Jackson was murdered, says his sister La Toya, in The Guardian, 23 giugno 2011.
  132. ^ Alex Dobuzinskis, Jackson's dad suspects "foul play" in death, in Reuters, 10 luglio 2009.
  133. ^ (EN) Joe and LaToya Jackson say foul play led to Michael’s death, in St. Louis American, 13 luglio 2009.
  134. ^ per esempio l'esecutore testamentario John Branca dello studio legale Zeffrin. Per approfondimenti sul testamento vedere Gli ultimi concerti previsti a Londra e la morte improvvisa (2009)di Michael Jackson
  135. ^ Campaign Finance:COOLEY FOR ATTORNEY GENERAL 2010, STEVE, in California Secretary of State Debra Bowen. URL consultato l'11 dicembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]