Jackson (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alcuni dei membri principali della famiglia Jackson. In alto da sinistra a destra: Jackie, Michael, Tito e Marlon. Al centro da sinistra a destra: Randy, La Toya e Rebbie. In basso: Janet. Nell'immagine mancano all'appello i loro genitori, Joe e Katherine, e il fratello Jermaine.

La famiglia Jackson è una famiglia afroamericana di Gary, Indiana famosa grazie ad alcuni suoi componenti divenuti famosi nel campo della musica pop come i Jackson 5, Michael Jackson e la sorella Janet Jackson.

Storia della famiglia Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Origini conosciute di Joe Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Mattie Daniel (Arkansas, 1864-1937), bisnonna di Joseph "Joe" Jackson, nacque dalla figlia bianca di un proprietario di piantagioni e da uno schiavo nero. Si sposò con Tom Daniel ed ebbe 17 figli. Una delle sue figlie era la nonna di Joseph, Gertrude Daniel (Arkansas, 1881- ).[1][2][3]

Samuel King e Nellie King ebbero 10 figli. Uno di questi era Samuel. Samuel " Sam" King (Arkansas, 1874- ) e Gertrude "Mama" King hanno avuto 13 figli. Una di loro era Crystal Lee (1907-East Chicago, 4 Novembre 1992) che era la madre di Joseph.[4]

July Gale (South Carolina, 18031908), il cui soprannome era "Jack", lavoratore nella piantagione della famiglia Gale, era uno sciamano della tribù Choctaw. Si sposò con una schiava, Gina Milam (Los Angeles 1831 c.- ), ed ebbe un figlio, Israel (Amite County, Mississippi, gennaio 1838–Amite County, 12 ottobre 1934), in seguito soprannominato "Nero" (Nerone) ma era anche chiamato "Jack-son" ("figlio di Jack").[1][5][6]

Nero ebbe 21 figli, 15 dei quali con Emeline Williams (Amite County, Mississippi 1852-Amite County 23 luglio 1932), un'indiana per 3/4, della tribù Choctaw. I loro due figli più piccoli erano gemelli. Uno di questi era Samuel Jackson (1893-Maricopa, Arizona 2 febbraio 1992).[1][7]

Samuel Jackson[8] era un insegnante e sposò una sua studentessa di 16 anni, Crystal Lee King. Ebbero 4 bambini. Il più grande dei quali era Joseph Walter Jackson, detto Joe, che nacque a Fountain Hill in Arkansas il 26 luglio 1928.[1][3][9]

Origini conosciute di Katherine Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Prince Albert Screws (Jernigan, Alabama 16 ottobre 1907-Kankakee County, Illinois 21 gennaio 1997), figlio di Prince Scruse e Julia Belle Jordan, sposò Martha "Mattie" Upshaw (Jernigan, Alabama 14 dicembre 1907-Los Angeles 29 aprile 1990), figlia di Daniel Upshaw e Jeanette Brown, ed ebbero 2 figlie, Hattie e Kattie.[10][1][11]

Kattie B. Screws nacque il 4 maggio 1930 a Clayton in Alabama. Quando aveva 4 anni, suo padre le cambiò il nome in Katherine Esther Scruse cambiando anche il proprio cognome in Scruse. Quindi, la famiglia si trasferì a Gary, nello stato dell'Indiana.[1][3][9]

Storia di Joe e Katherine Jackson e dei loro figli[modifica | modifica wikitesto]

Al divorzio dei propri genitori, il giovane Joe segue dapprima il padre ad East Chicago, poi decide di raggiungere la madre in Indiana. Dopo la scuola, Joseph diventa un boxeur e conosce Katherine Esther Scruse con la quale, dopo 6 mesi di fidanzamento, decide di convolare a nozze il 6 novembre 1949 andando a vivere insieme nella cittadina di Gary, Indiana in una casa di mattoni, con 2 camere da letto e un bagno, al 2300 di Jackson Street. Joe lavorerà come metalmeccanico, mentre sua moglie era allora commessa presso un supermercato Sears della stessa città. Joe e Katherine, tra il 1950 e il 1966, ebbero 10 figli, perdendone uno alla nascita, Brandon, fratello gemello di Marlon, e 5 di loro diventeranno poi famosi come i Jackson 5.[2][3]

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo straordinario raggiunto dai 5 figli nel 1969, la famiglia Jackson si trasferirà dalla piccola casa di Gary, Indiana ad una villa in California. Nel 1971 i Jackson si trasferiranno in una villa ancora più grande a Hayvenhurst, Encino, che diventerà la loro residenza permanente per anni[12].

Dagli anni '70 in poi, tutti i figli di Joe e Katherine hanno intrapreso una carriera nel mondo dello spettacolo: Jackie, Tito, Jermaine, Marlon, Michael e Randy come cantanti, musicisti e ballerini nei gruppi The Jackson 5 e in seguito The Jacksons, mentre Michael e Jermaine hanno realizzato anche album da soliti; Rebbie ha realizzato alcuni album come cantante solista; La Toya è diventata famosa come modella e cantante; Janet ha dubuttato prima come attrice e poi anche lei come cantante solista.[3][2]

Dal 1976 tutti i fratelli e le sorelle, con la sola esclusione di Jermaine, hanno partecipato ad alcuni show di varietà a Las Vegas e insieme hanno girato anche lo spettacolo televisivo The Jacksons andato in onda per una sola stagione tra il '76 e il '77.[3][2]

Dal 1979, con l'album Off the Wall, Michael Jackson iniziò una carriera solista di grande successo. Nel 1982 realizza l'album Thriller, che diventerà in breve tempo l'album più venduto nella storia della musica, il che lo porterà a realizzare ancora un paio di album coi fratelli per poi abbandonare del tutto il gruppo di famiglia nel 1984 per dedicarsi alla carriera solista.[3][2]

Nel 1985 Michael scrive la canzone benefica We Are the World ai quali cori partecipano, tra gli altri, anche i fratelli Jackie, Tito, Marlon, Randy e La Toya.[3][2]

Nel 1989 i fratelli realizzano l'album 2300 Jackson Street nella cui title track cantano per la prima volta insieme tutti i fratelli e le sorelle Jackson, con la sola esclusione di La Toya.[3]

Nel 1994 tutta la famiglia Jackson (nuovamente senza La Toya) partecipa al concerto Jacksons Family Honors a Las Vegas.[3]

Nel 2001 i Jacksons si riuniscono al Madison Square Garden di New York per celebrare i 30 anni di carriera solista di Michael nel concerto-evento Michael Jackson 30th Anniversary Celebration - The Solo Years.[3]

Morte di Michael Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Michael Jackson, avvenuta il 25 giugno 2009, tutta la famiglia Jackson ha partecipato alla cerimonia di commemorazione avvenuta allo Staples Center di Los Angeles il 7 luglio 2009 dove Jermaine Jackson si è esibito in Smile in onore alla memoria del fratello. In seguito alla morte del figlio, Katherine Jackson, divenuta tutrice legale dei tre nipoti e figli di Michael, si è trasferita insieme a loro, e ad altri familiari, in una nuova villa a Calabasas sempre in California[13] mentre Joe, separato di fatto, ma non legalmente, da Katherine, ha vissuto gli ultimi anni tra Las Vegas e New York, pare per paura dei terremoti in California.[14]

Morte di Joe Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 giugno 2018, Joe Jackson muore all'età di 89 anni, un mese prima del suo 90º compleanno, in un ospedale di Las Vegas per un tumore terminale al pancreas.[15][16]

Religione e controversie[modifica | modifica wikitesto]

La madre dei Jackson è una devota testimone di Geova, dei suoi figli solo Rebbie l'ha seguita in tale religione, mentre Michael e La Toya, inizialmente devoti anche loro a tale religione, hanno abbandonato tale fede negli anni. Michael Jackson decise di abbandonare la fede, rimanendo comunque un credente, a causa delle pressioni esercitate su di lui dalla sala del regno dei Testimoni, che criticavano il suo stile di vita e che sarebbero arrivati a chiedere a Jackson di distruggere il suo famoso video di Thriller nel 1983, prima che andasse in onda, perché lo ritenevano "satanico"[2]. Gli altri fratelli non hanno seguito la stessa strada. Jermaine si convertirà alla religione islamica negli anni 2000.[3]

Tra gli anni '50 e '60, durante l'infanzia di gran parte dei figli di Joe e Katherine, l'unica forma di educazione in famiglia era la Bibbia, i cui insegnamenti venivano seguiti rigorosamente dai genitori e pertanto i figli venivano spesso puniti dal padre, che a volte usava anche violenza verso di loro picchiandoli con una cinta e altri oggetti, come denuncerà lo stesso Michael Jackson anni dopo nella sua autobiografia, Moonwalk, pubblicata nel 1988, e in un'intervista con Oprah Winfrey mandata in diretta mondiale dal Neverland Ranch nel 1993[2]. Altri fratelli, come Jermaine Jackson, hanno sminuito invece la cosa difendendo il padre dichiarando che all'epoca era normale crescere i figli con punizioni anche corporali come schiaffi e lo stesso Joe si difenderà dicendo che all'epoca era una forma di educazione molto diffusa[3].

Joe Jackson ha più volte tradito la moglie Katherine, specialmente nel periodo in cui era manager dei Jackson 5, da una di queste relazioni extraconiugali nacque anche una figlia, Joh'Vonnie Jackson. Katherine avrebbe più volte chiesto il divorzio ma, essendo molto religiosa, e per non creare scandali nei media, ha sempre ritirato la richiesta continuando a convivere spesso col marito anche se separati di fatto.[14][17]

I genitori[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Walter Jackson, anche conosciuto come Joe Jackson (26 luglio 1928-27 giugno 2018), imprenditore e manager dei The Jackson 5, Janet Jackson, La Toya e, per un periodo, dei 3T
  • Katherine Esther Jackson, nata Kattie B. Screws poi Katherine Esther Scruse (4 maggio 1930), madre di tutti i fratelli e le sorelle Jackson, è apparsa in varie interviste televisive, documentari e programmi TV sui famosi figli

I fratelli Jackson[modifica | modifica wikitesto]

Fratellastri[modifica | modifica wikitesto]

  • Joh'Vonnie Jackson (30 Agosto 1974), figlia illegittima di Joe Jackson nata da una relazione extraconiugale con Cheryl Ann Terrell, ha realizzato alcune interviste e un libro intitolato Bastard Child[14][17]

Terza generazione[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo dei 3T, composto dai tre figli di Tito Jackson, da sinistra a destra: Taryll, TJ e Taj Jackson.

Alcuni dei componenti della terza generazione della famiglia Jackson, che hanno anche intrapreso una carriera nel mondo dello spettacolo, tra i quali figurano i 3 figli di Michael Jackson:

  • Taj, vero nome Tariano Adaryll Jackson (4 agosto 1973), figlio di Tito Jackson, membro dei 3T
  • Taryll, vero nome Taryll Adren Jackson (8 agosto 1975), figlio di Tito Jackson, membro dei 3T
  • TJ, vero nome Tito Joe Jackson (16 luglio 1978), figlio di Tito Jackson, membro dei 3T
  • Austin Brown (22 novembre 1985) uno dei tre figli di Rebbie Jackson, cantautore e produttore discografico
  • Prince Michael Jackson, detto Prince Jackson (13 febbraio 1997), primogenito di Michael Jackson, produttore cinematografico creatore della King's Son Productions
  • Paris Katherine Michael Jackson, detta Paris Jackson (3 aprile 1998), secondogenita di Michael Jackson, attrice e fotomodella
  • Prince Michael Jackson II, detto anche in passato Blanket e ora Bigi (22 febbraio 2002), terzogenito di Michael Jackson, apparso da bambino nel 2003 nei documentari Living With Michael Jackson e Michael Jackson: Private Home Movies

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Albero genealogico della famiglia Jackson:

Prince Albert Scruse (1907–1997)
Martha Bridges (1907–1990)
Samuel Jackson (1893–1993)
Crystal Lee King (1907–1992)
Sconosciuto
Hattie Mae Whitehead
Katherine Esther Jackson (n. 1930)
Joseph Walter "Joe" Jackson (n. 1928; m. 2018)
Cheryl Terrell
Lawrence Jackson
Luther Jackson
Lula Mae
Jackson
Verna Mae
Joh'Vonnie Jackson (b. 1974)
Nathaniel Brown
Maureen Reillette "Rebbie" Jackson (n. 1950)
Delores "Dee Dee" Martes
Toriano Adaryll "Tito" Jackson, Sr. (n. 1953)
La Toya Yvonne Jackson (n. 1956)
Deborah Jeanne "Debbie" Rowe (n. 1958)
Michael Joseph Jackson, Sr. (1958–2009)
Unknown
Janet Damita Jo Jackson (n. 1966)
Wissam Al Mana
Stacee Brown
Yashi Brown
Nathaniel Austin Brown
Prince Michael Joseph Jackson, Jr.
Paris-Michael Katherine Jackson
Prince Michael "Blanket" Jackson II
Eissa Al Mana
London Blue Salas
Toriano Adaryll "Taj" Jackson, Jr.
Taryll Adren Jackson
Tito Joe "TJ" Jackson
Brandon Jackson (n. 1957; m. 1957)
Marlon David Jackson, Sr.
Carol Ann Parker
Enid Spann
Sigmund Esco "Jackie" Jackson, Sr.
Emily Besselink
2 figli
4 figli
Valencia Jackson
Brittany Shauntee Jackson
Marlon David Jackson, Jr.
Sigmund Esco "Siggy" Jackson, Jr.
Brandy Jackson
River Jackson
Jaylen Jackson
Noah
Sophia
Phoenix
Savannah
Hazel Gordy
Jermaine La Jaune Jackson, Sr.
Margaret Maldonado
Alejandra Genevieve Oaziaza
Steven Randall "Randy" Jackson, Sr.
Eliza Shaffel
Jermaine La Jaune Jackson, Jr.
Autumn Joy Jackson
Jamie Jackson
Jeremy Jackson
Jamerny Jackson
Jaafar Jackson
Jermajesty Jackson
Genevieve Katherine Jackson
Steven Randall Jackson, Jr.
Stevanna Jackson
Dan Jackson
Donte Jackson

Gruppi musicali[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Family :: True Michael Jackson, su www.truemichaeljackson.com.
  2. ^ a b c d e f g h Michael Jackson, Moonwalk (autobiografia), Doubleday, Sperling & Kupfer, 1988, ISBN 978-0099547952.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m Jermaine Jackson, Michael: La vita del re del pop vista attraverso gli occhi di suo fratello Jermaine Jackson, Rizzoli, ISBN 978-8817053419.
  4. ^ (EN) Crystal Lee Jackson, su geni_family_tree.
  5. ^ Isreal Nero Jackson, su www.findagrave.com.
  6. ^ (EN) Israel Nero Jackson Sr (1838-1934) | WikiTree FREE Family Tree, su www.wikitree.com. URL consultato il 3 aprile 2018.
  7. ^ Emeline Williams Jackson, su www.findagrave.com.
  8. ^ (EN) Samuel Jackson, su geni_family_tree.
  9. ^ a b (EN) Michael Jackson — Ethnicity of Celebs | What Nationality Ancestry Race, su ethnicelebs.com, 26 giugno 2009.
  10. ^ RootsWeb's WorldConnect Project: laurelle smith 2011-05-04, su worldconnect.rootsweb.ancestry.com.
  11. ^ Martha “Mattie” Upshaw Scruse Bridges, su www.findagrave.com. URL consultato il 28 marzo 2018.
  12. ^ (EN) Andrew Goldman, The First "Neverland", in The Daily Beast, 26 giugno 2009.
  13. ^ (EN) Candace Taylor, Michael Jackson's Estate Buys in Calabasas for $10.75 Million, in Wall Street Journal, 20 giugno 2014.
  14. ^ a b c J. Randy Taraborrelli, Michael Jackson: The Magic, the Madness, the Whole Story, Pan, 4 giugno 2010, ISBN 978-0330515658.
  15. ^ Joe Jackson Dead at 89 After Battle With Pancreatic Cancer, in TMZ, 27 giugno 2018.
  16. ^ Lisa Respers France, Lisa Respers France, Joe Jackson, musical family patriarch, dead at 89, in CNN, 27 giugno 2018.
  17. ^ a b RYAN PARRY, Michael Jackson's half-sister says she was 'rejected by family', in Mail Online, 14 febbraio 2018.
  18. ^ Joel Cooper, Donald Fullilove e Mike Martinez, Jackson 5ive.
  19. ^ Lawrence-Hilton Jacobs, Angela Bassett e Holly Robinson Peete, The Jacksons: An American Dream.
  20. ^ The Jackson Family Honors, 22 febbraio 1994.
  21. ^ Jackie Jackson, Jermaine Jackson e Marlon Jackson, The Jacksons: A Family Dynasty.
  22. ^ T. J. Jackson, Taj Jackson e Taryll Jackson, The Jacksons: Next Generation.