Mariah Carey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mariah Carey
Mariah-carey-2016-vh1-s-divas-holiday-unsilent-night-in-new-york-1 thumbnail.jpg
Mariah Carey nel 2016
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Contemporary R&B[1]
Pop[1]
Hip hop soul[1]
Soul[1]
Gospel[1]
Periodo di attività 1990 – in attività
Strumento Voce
Etichetta Columbia (1988-2000)
Virgin (2000-2001)
Island (2002-2014)
Epic (2015-presente)
Album pubblicati 22
Studio 14
Live 1
Raccolte 7
Sito web
Mariah-Logo.png

Mariah Carey (Huntington, 27 marzo 1970) è una cantautrice, attrice e produttrice discografica statunitense.

Popolare in tutto il mondo sin dagli anni novanta, con oltre 200 milioni di dischi venduti, è nel novero degli artisti di maggior successo nella storia della musica.[2][3][4][5]

Ha passato il maggior numero di settimane al primo posto negli Stati Uniti (16) con il singolo One Sweet Day.[6] Sempre negli Stati Uniti, con il singolo Touch My Body nel 2008, ha raggiunto il primato di 18 singoli al numero 1 in classifica, precedentemente detenuto da Elvis Presley, diventando l'artista solista con più numeri 1.[7][8]

Tra i suoi maggiori successi la cover di Without You (1994), ma anche brani in cui figura come autrice e produttrice come Hero (1993), Fantasy, One Sweet Day un duetto coi Boyz II Men, entrambi pubblicati nel 1995, My All (1998) , We Belong Together (2005) , Obsessed (2009) e Beautiful (2013) , la quale le permette di raggiungere il podio della Hot R&B Songs, che non raggiungeva dal 2008 . Degni di nota anche il singolo natalizio All I Want for Christmas Is You e I Want to Know What Love Is, canzone più venduta di sempre in Brasile[9], ma anche i brani Endless Love, in coppia con Luther Vandross ed I Know What You Want, entrata nella cultura di massa come una delle canzoni più conosciute di sempre[10].Ad ogni modo, ogni suo singolo di lancio, è stato certificato almeno disco di platino sul suolo Americano.

Va inoltre menzionato come sia considerata la maggiore causa dell'ascesa della HipHop Music: con Fantasy ha cambiato il mondo della musica, dando il via alle collaborazioni tra cantanti e rapper, ad oggi le più comuni nell'industria musicale, venendo spesso definita come la cantante che ha cambiato la Pop Music[11][12][13]

È la cantante in assoluto con più dischi venduti negli anni novanta, con 467 settimane nella Billboard Hot 100 e 21 hit certificate[14] (superando Madonna e le sue 355 settimane in classifica).[15] I suoi album in studio, dal 1990 ad oggi, hanno sempre toccato la top 5 della Billboard 200,[16] mentre i suoi singoli ufficiali sono tutti entrati nella Billboard Hot 100.[17] È stata inoltre una delle prime voci R&B a collaborare con esponenti dell'Hip hop, dando il la ad un sodalizio divenuto sempre più frequente.[18][19][20] Nel 2005 ha inoltre realizzato sia l'album, sia il singolo più venduti di quell'anno negli Stati Uniti, rispettivamente The Emancipation of Mimi e We Belong Together.

Per la sua eccellente estensione vocale, è stata soprannominata Queen of Melisma[21] e SongBird Supreme.[22][23][24] Nel 2014 è stata eletta dal settimanale TIME la cantante più popolare di sempre,[25] mentre nel 2015 è stata insignita di una stella sulla Walk of Fame.

Oltre ai suoi successi commerciali, Mariah Carey ha ottenuto cinque Grammy Awards[26]; 18 World Music Awards (diventato record nel 2006 come la donna che ne possiede di più), un Premio Oscar per la migliore canzone con When You Believe e ben 89 nomination ai Billboard Music Awards, di cui 31 vinti. È stata inoltre nominata Best Selling Female Artist of Millennium.[27]

Biografia e carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey nel 1990

Mariah Carey è terzogenita di Patricia Hickey, cantante lirica di origini irlandesi, e di Alfred Roy Carey, ingegnere aerospaziale di origini venezuelane.[28] Il suo nome deriva dalla canzone (And They Call the Wind) Mariah, dal musical Paint Your Wagon.[29]

Il cognome Carey è stato adottato dal nonno venezuelano, Francisco Núñez, dopo essere emigrato a New York.[30] Mariah Carey ha una sorella di nome Alison e un fratello di nome Morgan, che hanno entrambi circa dieci anni più di lei.

Trattandosi di una famiglia multietnica, i Carey si sono trovati alle prese con calunnie razziali, avversità e a volte perfino con episodi di violenza e conseguentemente a ciò furono costretti a trasferirsi in varie zone dello stato di New York. Successivamente i genitori di Mariah, quando lei aveva solo tre anni, divorziarono.[31]

Dopo il divorzio, Mariah ebbe pochi contatti con suo padre mentre fu la stessa madre Patricia a istruirla nel canto, dopo che la piccola l'aveva imitata nel cantare in italiano una celebre opera di Giuseppe Verdi, Rigoletto.[32] Mariah Carey si esibì per la prima volta in pubblico alle elementari, e iniziò a scrivere canzoni proprie alle medie. Mariah si diplomò alla Harborfields High School a Greenlawn (New York), anche se era spesso assente perché impegnata a registrare demo in alcuni studi di registrazione locali. La sua fama nella scena musicale di Long Island le diede l'opportunità di lavorare con musicisti come Gavin Christopher e Ben Margulies, con cui scrisse materiale per il suo demo. Dopo essersi trasferita a New York, Mariah cominciò a svolgere numerosi lavori per pagarsi l'affitto e completare le 500 ore di scuola di bellezza.[33] Diventò cantante di supporto per la portoricana Brenda K. Starr.

Nel 1988 Carey incontrò a una festa il capo della Columbia Records Tommy Mottola, e Brenda Starr gli consegnò il demo della collega. Mottola ascoltò il nastro, e apprezzò le canzoni. Cercò di rintracciare Mariah, ma lei se n'era già andata. Tuttavia Mottola la rintracciò e la convinse a firmare un contratto.[34]

1990 - 1992: I primi successi: Mariah Carey e Emotions[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey fu coautrice di molti brani del suo album di debutto omonimo, pubblicato nel 1990 dalla Columbia Records. Il disco debuttò alla posizione numero ottanta della Billboard 200.[35] Dopo un solo mese l'album raggiunge la top 10 (6º posto in salita dal 13°),[36] arrivando successivamente alla numero uno (confermandola per undici settimane consecutive).[37][38][39][40][41] Divenne un grandissimo successo, nel 1991 fu l'album più venduto con oltre 4 milioni di copie negli Stati Uniti d'America.[42] Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 9× Platino (Stati Uniti),[43] 7× Platino (Canada)[44] e Platino (Regno Unito).[45] Inoltre tutti i 4 singoli pubblicati in America del Nord Vision of Love, Love Takes Time, Someday e I Don't Wanna Cry raggiunsero la massima posizione nella Billboard Hot 100.[46] La cantante divenne subito una delle dive più celebri negli Stati Uniti d'America. I critici stimarono molto l'album, e Mariah vinse due Grammy Awards come miglior artista esordiente e miglior cantante pop femminile, grazie al singolo d'esordio Vision of Love.[47]

Nel 1991 pubblica il suo secondo disco: Emotions dove, a differenza dell'album di debutto, Mottola accettò che Mariah producesse i propri pezzi. Per la produzione dell'album collaborò con Walter Afanasieff e il gruppo C&C Music Factory. Il disco debuttò alla posizione numero quattro della Billboard 200.[48] La settimana successiva rimase al 4º posto[49] e trascorse tre mesi nei primi dieci posti.[50] L'album raggiunse la top 10 in numerosi stati: Australia,[51] Nuova Zelanda,[52] Norvegia,[53] Paesi Bassi,[54] Canada,[55] Giappone[56] e Regno Unito[57] decretandone il successo. Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 4× Platino (Stati Uniti)[58] e (Canada)[59] e Platino (Regno Unito).[60] Dall'album vengono estratti tre singoli: Emotions, che raggiunge il primato nella Billboard Hot 100 (confermandolo per tre settimane consecutive),[61][62][63] Can't Let Go e Make It Happen che si posizionano, nella stessa classifica, rispettivamente al 2°[64] e 5º posto.[65] Nel 1992, sulla scia del successo dei suoi precedenti album, pubblica il suo primo extended play (EP) e finora unico album live MTV Unplugged. Il disco debuttò alla posizione numero otto della Billboard 200.[66] L'EP rimase due mesi nei primi dieci posti[67] e raggiunse come posizione massima la terza.[68] Il disco raggiunge la posizione numero uno in Nuova Zelanda.[69] e nei Paesi Bassi[70] Ad oggi l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 3× Platino (Stati Uniti),[71] 2× Platino (Paesi Bassi)[72] e Platino (Canada).[73] Oltre alle versioni acustiche di alcune sue prime canzoni, Mariah Carey eseguì dal vivo anche una cover dei The Jackson 5, I'll be There, insieme a Trey Lorenz. Pubblicato come singolo, questo duetto arrivò al primo posto (confermandolo per un mese intero) in classifica negli Stati Uniti d'America.[74] Dall'album viene estratto un secondo singolo dal titolo If It's Over, inizialmente scritto per l'album precedente, che entrò esclusivamente nella classifica dei Paesi Bassi.[75]

1993 - 1996: I successi mondiali: Music Box, Merry Christmas e Daydream[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey al Madison Square Garden nel 1995

Mariah, legata sentimentalmente a Tommy Mottola sin dai tempi delle prime registrazioni, lo sposò nel giugno del 1993.[76]

Babyface, Robert Clivilles e David Cole furono chiamati per la realizzazione di Music Box, il terzo album di Mariah, pubblicato alla fine dello stesso anno.[77] Il disco debuttò alla posizione numero due della Billboard 200.[78] La settimana successiva rimase al 2º posto[79] e trascorse più di cinque mesi nei primi dieci posti.[80] Nella sua 15ª settimana di presenza, l'album raggiunge il primo posto nella Billboard 200[81] e vi rimane per un totale di otto settimane(non consecutive).[82][83] L'album raggiunse il primato in molti stati: Australia,[84] Paesi Bassi,[85] Regno Unito,[86] Austria,[87] Francia,[88] Germania[89] e Svizzera.[90] Inoltre è attualmente l'ottavo album più venduto di un artista non-giapponese nel medesimo Stato con una vendita pari a più di due milioni di copie.[91] Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: Diamante (Stati Uniti[92] e Francia[93]), 11× Platino (Australia)[94] e 7× Platino (Canada).[95] Music Box è tuttora l'album più venduto di Mariah Carey con ben 32 milioni di copie vendute nel mondo, ed è l'album femminile più venduto di tutti tempi.[96] Il primo singolo estratto fu Dreamlover che rimase per due mesi al 1º posto nella Billboard Hot 100.[97][98] Successivamente furono pubblicate due ballate: Hero che giunse alla massima posizione (detenendola per un mese)[99] nella classifica statunitense e la reinterpretazione Without You, che si fermò sul gradino più basso del podio negli Stati Uniti[100] ma nel resto del mondo fu il singolo di maggior successo della cantante. Il brano raggiunse, infatti, la 1ª posizione in Nuova Zelanda,[101] Paesi Bassi,[102] Svizzera,[103] Svezia,[104] Austria,[105] Germania,[106] Irlanda[107] e Regno Unito.[108] Anytime You Need a Friend fu l'ultimo singolo tratto dall'album, debuttò alla posizione numero quarantacinque della Billboard Hot 100[109] e raggiunse come massima posizione la 12ª (diventando il primo singolo di Mariah Carey a non entrare almeno nei primi cinque posti).[110]

Dopo il successo mondiale del precedente album, Mariah duettò con Luther Vandross nella reinterpretazione Endless Love che si posizionò al secondo posto della Billboard Hot 100[111] e raggiunse la vetta (mantenendola per cinque settimane consecutive) in Nuova Zelanda.[112] Nel novembre del 1994, Carey pubblicò l'album Merry Christmas. Il disco debuttò alla posizione numero trenta della Billboard 200.[113] Nella sua terza settimana di presenza consecutiva, l'album è entrato nella top ten (7º posto in salita dal 13°)[114] ma non superò mai la terza posizione.[115] L'album raggiunse la prima posizione in Giappone[116] ed è tuttora il quarto album più venduto di un'artista non giapponese nello stesso Stato.[117] Ad oggi il disco, oltre ad avere ottenuto numerose certificazioni, ha venduto più di quindici milioni di copie nel mondo divenendo così il disco natalizio più venduto di tutti i tempi.[118][119][120][121][122][123][124] Dall'album vengono estratti due singoli: All I Want for Christmas Is You che è attualmente la 1ª hit natalizia più venduta (del secolo scorso) nell'era digitale[125] e la reinterpretazione Joy to the World che entrò esclusivamente nella classifica australiana.[126] Il 3 ottobre 1995 pubblica il suo quarto disco: Daydream[127] dove, a differenza del precedente album, vi era l'utilizzo di un mix tra R&B moderno ed hip hop. Il disco debuttò alla posizione numero uno della Billboard 200.[128] La settimana successiva rimase al 1º posto[129] e trascorse ventinove settimane nei primi dieci posti (tra cui sei al primo posto).[130][131] L'album raggiunse il primato in molti stati: Australia,[132] Paesi Bassi,[133] Nuova Zelanda,[134] Germania,[135] Giappone,[136] Portogallo,[137] Regno Unito[138] e Svizzera.[139] Inoltre, è attualmente il terzo album più venduto di un artista non-giapponese nel medesimo Stato con una vendita pari a più di due milioni di copie.[140] Ad oggi l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: Diamante (Stati Uniti),[141] 7× Platino (Canada)[142] e 2× Platino (Francia[143] e Regno Unito[144]) ed ha venduto nel mondo più di 25 milioni di copie.[145] Il primo singolo estratto fu Fantasy che debuttò direttamente al primo posto nella Billboard Hot 100[146] e divenne la seconda canzone (la prima per una donna) ad entrare alla numero uno nello stesso Stato. Successivamente furono pubblicati: One Sweet Day un duetto coi Boyz II Men che rimase in vetta per sedici settimane nella classifica statunitense (dal 2 dicembre 1995[147] al 16 marzo 1996[148]), stabilendo un record ancora imbattuto, Always Be My Baby che raggiunse il primato nella medesima classifica (detenendolo per due settimane consecutive)[149][150] e la reinterpretazione Open Arms che vendette oltre centomila copie nel Regno Unito.[151]

1997 - 2000: La svolta con Butterfly e Rainbow[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey e Mottola si separarono nel 1997.[152] Benché l'immagine pubblica del matrimonio apparisse tranquilla, la cantante spiegò che in realtà il rapporto con il manager era divenuto burrascoso e il divorzio avvenne nel 1998.

Nel settembre del 1997, durante le pratiche di separazione da Mottola, Carey pubblicò il suo sesto album dal titolo: Butterfly. Il disco debuttò direttamente al primo posto della Billboard 200.[153] L'album trascorse tre mesi nei primi dieci posti[154] e cinquantacinque settimane nei primi duecento.[155] Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 5× Platino (Stati Uniti),[156] 2× Platino (Canada[157] e Australia[158]) e Platino (Giappone).[159] Dall'album furono estratti ben cinque singoli: Honey, Butterfly, The Roof (Back in Time), Breakdown e My All. Di questi, Honey[160][161][162] e My All[163] furono gli unici a raggiungere il primo posto nella Billboard Hot 100. La critica accolse l'album come uno dei migliori se non il migliore in assoluto della Carey.[164][165][166] Durante la produzione di Butterfly, Mariah si legò sentimentalmente a Derek Jeter, della squadra di baseball New York Yankees, ma a loro relazione terminò l'anno successivo.[167]

Mariah Carey nel 1998

Nel 1998 fu pubblicata la sua prima raccolta di successi #1's, che includeva i tredici singoli arrivati, sino ad ora, al primo posto nella classifica statunitense e quattro inediti. Il disco debuttò alla posizione numero quattro della Billboard 200.[168] La raccolta rimase un mese e mezzo nei primi dieci posti[169] e rientrò due volte in classifica.[170][171] Inoltre è attualmente il primo album più venduto di un artista non-giapponese nel medesimo Stato con una vendita pari a più di tre milioni di copie.[172] Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 5× Platino (Stati Uniti),[173] 3× Platino (Canada)[174] e 2× Platino (Francia)[175] ed ha venduto oltre 17 milioni di copie nel mondo.[176] Dalla raccolta furono estratti tutti e quattro gli inediti presenti: Sweetheart (featuring Jermaine Dupri), When You Believe (featuring Whitney Houston), I Still Believe e Theme from Mahogany (Do You Know Where You're Going To). Di questi, When You Believe, vincitrice di un Oscar e colonna sonora de Il principe d'Egitto, fu l'unico a raggiungere il successo mondiale mentre I Still Believe fu l'unico a raggiungere i primi dieci posti nella Billboard Hot 100, fermandosi al 4°.[177][178] Nello stesso anno prese parte al programma televisivo di beneficenza VH1 Divas, assieme ad Aretha Franklin, Céline Dion, Gloria Estefan e Shania Twain. Grazie al comportamento da prima donna tenuto durante lo show, molti pensarono che Mariah fosse una diva.[179]

Nel 1999 pubblica il suo settimo disco: Rainbow. Per l'elaborazione dell'album collaborò con diversi produttori di musica hip-hop e R & B come Jay-Z, P. Diddy, Terry Lewis, Usher, Snoop Dogg, Missy Elliott, Jermaine Dupri e Brian Michael Cox. Il disco debuttò alla posizione numero due della Billboard 200.[180] La settimana successiva rimase al 2º posto[181] e trascorse un mese e mezzo nei primi dieci posti.[182] L'album raggiunse la top 10 in numerosi stati: Australia,[183] Paesi Bassi,[184] Canada,[185] Giappone,[186] Regno Unito,[187] Svizzera,[188] Austria,[189] Germania,[190] Belgio (Vallonia)[191] e il primo posto in Francia,[192] decretandone il successo mondiale. Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 3× Platino (Stati Uniti)[193] e 2× Platino(Canada).[194] Dall'album vengono estratti cinque inediti (di cui quattro duetti): Heartbreaker (featuring Jay-Z), Thank God I Found You (featuring 98 Degrees & Joe), Can't Take That Away (Mariah's Theme), Crybaby (featuring Snoop Dogg) e Against All Odds (Take a Look at Me Now) (featuring Westlife). I duetti con Jay-Z[195][196] e 98 Degress & Joe[197] raggiunsero il primato nella Billboard Hot 100, quello con Snoop Dogg si fermò al 28º posto[198] mentre la reinterpretazione Against All Odds (Take a Look at Me Now) debuttò al primo posto nel Regno Unito (rimanendovi per due settimane consecutive)[199][200] e vendendo oltre 370.000 copie.[201]

2001 - 2004: Gli anni della crisi emotiva, Glitter e Charmbracelet[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ricevuto il premio, dalla rivista Billboard, come artista del decennio e il World Music Award come artista femminile del millennio,[202] Carey rescisse il contratto con la Columbia Records e ne firmò un altro da 80 milioni di dollari con la Virgin Records.[203] Nel luglio del 2001 molte fonti riportarono che la cantante fosse alle prese con l'esaurimento fisico ed emozionale a causa del fatto che lavorasse, a suo dire, troppo.[204] Pochi mesi dopo, in un'intervista, Mariah tornò a lamentarsi, dichiarando che continuava a sovvracaricarsi di lavoro e che non riceveva l'aiuto di nessuno, nemmeno di un assistente personale.[205] Durante un'apparizione al programma Total Request Live, Mariah cominciò a distribuire ghiaccioli al pubblico e si spogliò.[206] Successivamente fu condotta in un ospedale psichiatrico di Los Angeles mentre Cindi Berger, portavoce della Carey, annunciò che la star avrebbe dovuto cancellare le prime interviste tv per il lancio del nuovo disco, a data da destinarsi.[207]

Mariah Carey in Florida nel 2006

L'11 settembre 2001, nonostante le sue condizioni di salute fossero precarie, pubblicò il suo ottavo album, intitolato Glitter. L'album, ispirato dalla musica degli anni ottanta, debuttò al settimo posto nella Billboard 200[208] e resistette solo tre mesi nei primi duecento.[209] In Europa, l'album riuscì a raggiungere la top 10 in molti stati: Germania,[210] Svizzera,[211] Francia,[212] Belgio (Fiandre),[213] Italia,[214] Regno Unito[215] e il primato in Giappone[216] ma le vendite non raggiunsero quelle dei dischi precedenti. Il disco ottenne solo tre certificazioni: Platino (Stati Uniti)[217] e Oro (Francia[218] e Svizzera[219]). Anche il film dello stesso titolo ebbe risultati molto negativi. Il film avendo come budget ventidue milioni,[220] ne incassò solo cinque.[221] Inoltre, la cantante fu premiata ai Razzie Awards come peggior attrice protagonista.[222] Loverboy (featuring Cameo & Ludacris), primo singolo estratto dall'album, raggiunse il secondo posto della Billboard Hot 100 (mantenendolo per due settimane consecutive),[223][224] nonostante la scarsa promozione radiofonica, poiché la sua casa discografica svendette il brano. Don't Stop (Funkin' 4 Jamaica) (featuring Mystikal), Never Too Far e Reflections (Care Enough), gli altri tre singoli estratti dall'album, raggiunsero scarsissimi risultati di vendita, solo Never Too Far riuscì a raggiungere i primi cento posti nella Billboard Hot 100, fermandosi all'81°.[225]

Archiviato Glitter, la Columbia pubblicò Greatest Hits, che entrò nei primi dieci posti in Danimarca,[226] Giappone[227] e Regno Unito,[228] nonostante l'album non contenesse alcun inedito. Ad oggi, la raccolta ha ottenuto numerose certificazioni sia Platino (Brasile,[229] Irlanda,[230] Regno Unito[231] e Stati Uniti[232]) che Oro (Australia,[233] Hong Kong[234] e Francia[235]). Il 7 gennaio 2002, la Virgin liquidò il contratto con Carey per 28 milioni di dollari, danneggiando la sua immagine.[236] La cantante cercò immediatamente un nuovo contratto con la Arista Records, ma alcune fonti affermarono che Whitney Houston, artista di punta dell'etichetta discografica, avrebbe minacciato di andarsene se avessero accettato di stipulare un contratto con Mariah, allora tale proposta non venne nemmeno presa in considerazione.[237] Nel maggio stesso anno, firmò un contratto da 20 milioni di dollari con la Island Records e fondò l'etichetta MonarC.[238] In quel periodo, giunse però anche un duro colpo: suo padre morì di cancro.[239]

Dopo aver preso parte nel cast del film WiseGirls,[240] Carey pubblicò il suo nono album: Charmbracelet. L'album debuttò al terzo posto nella Billboard 200[241] e resistette poco più di cinque mesi nei primi duecento.[242] L'album raggiunse la top 10 solo in Svizzera[243] e Giappone.[244] Ad oggi, l'album ha ottenuto una sola certificazione Platino (Stati Uniti),[245] mentre molte Oro (Svizzera,[246] Brasile,[247] Canada,[248] Francia,[249] Hong Kong[250] e Regno Unito[251]) e ha venduto oltre 4 milioni di copie nel mondo.[252] Through the Rain, primo singolo estratto dall'album, si fermò all'81º posto nella Billboard Hot 100[253] mentre raggiunse i primi dieci posti in Italia,[254] Paesi Bassi,[255] Svizzera,[256] Svezia[257] e Canada.[258] Dall'album furono estratti altri due singoli: Boy (I Need You) (featuring Cam'Ron) e la cover Bringin' on the Heartbreak, ma entrambi non entrarono nella Billborad Hot 100. Nel 2003, prese parte al brano I Know What You Want in duetto con Busta Rhymes e contenuto nell'album di quest'ultimo, It Ain't Safe No More. Il singolo fu un successo e raggiunse il terzo posto nella Billboard Hot 100 (detenendolo per tre settimane consecutive).[259][260][261] Alla fine dello stesso anno, la Columbia e la Island pubblicarono il primo e finora unico album di remix della cantante, The Remixes. Il disco debuttò al 26º posto nella Billboard 200[262] e vendette quasi duecentomila copie.[263] Durante il Charmbracelet World Tour, Mariah ricevette lo Chopard Diamond Award per aver venduto più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo.[264]

2005 - 2008: Il ritorno al successo con The Emancipation of Mimi e E=MC²[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey durante un concerto nel 2005

Il primo aprile 2005 uscì il decimo album in studio della cantante, The Emancipation of Mimi, che conteneva collaborazioni con produttori come The Neptunes, Kanye West e Jermaine Dupri.[265] Il disco debuttò direttamente al primo posto della Billboard 200 (ciò non accadeva da Butterfly), vendendo 404.000 copie nella sua prima settimana di vendita.[266] L'album trascorse oltre otto mesi nei primi dieci posti[267] e settantaquattro settimane nei primi duecento,[268] grazie alla Ultra Platinum Edition dell'album uscita il 15 novembre.[269] Nello stesso anno, l'album diventa il più venduto negli Stati Uniti con una vendita pari a quasi cinque milioni.[270][271] L'album raggiunse la top 10 in numerosi stati: Australia,[272] Paesi Bassi,[273] Canada,[274] Giappone,[275] Regno Unito,[276] Svizzera,[277] Danimarca[278] e Francia.[279] Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: 6× Platino (Stati Uniti),[280] 3× Platino (Canada)[281] e 2× Platino (Regno Unito)[282] ed ha venduto 12 milioni di copie nel mondo.[283] It's Like That, primo singolo estratto dall'album, raggiunse la 16ª posizione nella Billboard Hot 100[284] e il primato in Giappone.[285] We Belong Together segnò il ritorno di Mariah alla numero uno negli Stati Uniti,[286] il brano rimase al primo posto per 14 settimane consecutive ed è diventato il singolo di maggior successo del 2005 nello stesso Stato.[287] Successivamente fu pubblicato Shake It Off che rese Mariah Carey l'unica artista femminile ad occupare nella stessa settimana le prime due posizioni della classifica Billboard.[288][289] Get Your Number (featuring Jermaine Dupri) fu l'ultimo singolo estratto dalla versione standard dell'album. Il 2 luglio dello stesso anno partecipò al Live 8.[290]

Don't Forget About Us, primo singolo estratto della Ultra Platinum Edition dell'album, divenne la sua diciassettesima numero uno negli Stati Uniti[291]; così Mariah Carey, insieme ad Elvis Presley, fu l'artista solista ad aver piazzato il maggior numero di singoli alla prima posizione nel medesimo Stato.[292] Il singolo raggiunse il primato anche in Finlandia.[293] L'ultimo singolo estratto fu Say Somethin' (featuring Snoop Dogg) che raggiunse il 79º posto nella Billboard Hot 100.[294]

Ai Grammy Awards del 2006, Carey riceve 12 candidature,[295] vincendone tre: Miglior Album contemporaneo R&B per The Emancipation of Mimi e Miglior canzone R&B/Miglior performance vocale femminile R&B per We Belong Together.[296]

E=MC², l'undicesimo album in studio della Carey, uscì l'11 aprile 2008 in Italia ed il 15 dello stesso mese nel resto del mondo.[297] E=MC², la cui formula, oltre a riprendere chiaramente quella di Albert Einstein, sta per «Emancipazione = Mariah Carey al quadrato», ovvero la continuazione dell'album precedente, The Emancipation of Mimi. Il disco debuttò direttamente al primo posto (detenendolo per due settimane consecutive) nella Billboard 200[298][299] e vendette 463.000 copie nella sua prima settimana di vendita,[300] diventando l'album con più vendite nella settimana di apertura di tutta la carriera della Carey.[301] L'album rimase per ventisette settimane nella Billboard 200.[302] e divenne il ventiduesimo album più venduto negli Stati Uniti[303] L'album raggiunse i primi dieci posti in molti stati: Australia,[304] Giappone,[305] Regno Unito,[306] Svizzera,[307] Italia,[308] Francia,[309] Austria,[310] Nuova Zelanda,[311] Germania[312] e segnò il ritorno, per un album di Mariah, al primo posto in Canada.[313] Ad oggi, l'album ha ottenuto molte certificazioni, tra le quali: Platino (Stati Uniti[314] e Canada[315]), Oro (Australia,[316] Brasile,[317] Giappone,[318] Filippine,[319] Russia[320] e Regno Unito[321]) ed ha venduto oltre due milioni di copie nel mondo.[322] Touch My Body, primo singolo estratto dall'album, arrivò al primo posto della Billboard Hot 100,[323] diventando così la sua 18ª numero uno negli Stati Uniti, superando, pertanto, Elvis Presley che aveva concluso i suoi primi posti con il brano Suspicious Minds.[324] Il singolo ottenne un discreto successo in tutto il mondo, in particolare in Italia, dove rimase cinque settimane consecutive nei primi dieci posti[325] e venne certificato Platino per le ventimila copie vendute.[326] Il 30 aprile 2008, Mariah Carey ha sposato il cantante rap e attore Nick Cannon, in un matrimonio celebratosi alle Bahamas.[327] Bye Bye, I'll Be Lovin' U Long Time e I Stay in Love furono gli altri tre singoli estratti dall'album. Bye Bye raggiunse la posizione numero sette in Nuova Zelanda[328] e la diciannovesima nella Billboard Hot 100[329] mentre I'll Be Lovin' U Long Time il cinquantottesimo posto nelle medesima classifica.[330]

Il 24 ottobre viene pubblicata la terza raccolta della cantante, la prima che racchiude le canzoni d'amore, intitolata The Ballads (LoveSongs nel Regno Unito).[331][332] La raccolta debuttò alla 56ª posizione nella classifica FIMI[333] e venne certificata disco d'oro in Irlanda.[334]

2009: Memoirs of an Imperfect Angel[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 gennaio 2009, Carey ha eseguito la canzone Hero alla Neighborhood Inaugural Ball durante la cerimonia per l'insediamento di Barack Obama, ma accortasi di non essere seduta al tavolo riservato alla famiglia Obama, lasciò l'evento.[335][336] Il 7 luglio, Mariah si esibì, insieme a Trey Lorenz, con il brano I'll Be There alla cerimonia in memoria di Michael Jackson a Los Angeles.[337] Poco dopo, si scusò tramite Twitter con i suoi fan di non aver eseguito al meglio il brano per via dell'emozione causata dall'avere la bara di Michael a pochi passi da lei.[338] Inoltre, prese parte al brano My Love in duetto con The-Dream e contenuto nell'album di quest'ultimo, Love vs. Money. Il singolo raggiunse l'82ª posizione nella Billboard Hot 100.[339]

Mariah Carey durante l'Angels Advocate Tour

Nei primi mesi del 2009, il cantautore The-Dream aveva dichiarato che lui e Carey stessero lavorando al dodicesimo album dell'artista.[340] Il 21 maggio 2009 la cantante ne annunciò il titolo: Memoirs of an Imperfect Angel.[341] L'album, più volte rimandato, debuttò al terzo posto nella Billboard 200,[342] vendendo 168.000 copie nella sua prima settimana di vendita.[343] La settimana successiva scese al 7º posto[344] mentre nella sua terza settimana consecutiva di presenza calò al decimo posto,[345] trascorrendo solo tre settimane nella top 10.[346] L'album raggiunse i primi dieci posti in molti stati: Australia,[347] Francia,[348] Danimarca,[349] Giappone[350] e Canada,[351] vendendo oltre un milione di copie nel mondo.[352]

Obsessed fu il primo singolo estratto dall'album, che ne anticipò l'uscita.[353] Il singolo raggiunse i primi dieci posti in Italia,[354] Francia[355] e Stati Uniti,[356] dove venne certificato Platino per avere venduto un milione di copie.[357] Il secondo singolo estratto dall'album fu I Want to Know What Love Is, cover della canzone del 1984 dei Foreigner, che raggiunse buoni risultati di vendita in Francia,[358] Giappone[359] e Brasile,[360] dove rimase per ventisette settimane in vetta alla classifica ufficiale dell'airplay. La canzone venne inoltre cantata dal vivo al talent show italiano X-Factor, segnando il ritorno di Carey in Italia dopo sei anni.[361] Successivamente venne pubblicato H.A.T.E.U., nel contempo Mariah fu occupata con l'Angels Advocate Tour.[362]

Conflitto con Eminem[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, la canzone Obsessed venne dedicata a un presunto stalker, ossessionato da lei, che la seguiva e minacciava. Secondo alcune voci, l'uomo misterioso del brano sembrava essere il rapper statunitense Eminem, che la minacciava dicendole che avrebbe svelato tutto sulla relazione avvenuta nel 2002 tra i due.[363] In seguito, il marito della Carey, Nick Cannon, dichiarò che la canzone non era assolutamente rivolta ad Eminem.[364] Ad ogni modo, il rapper, noto per le sue numerose rivalità con altri artisti, verso la fine del luglio 2009 fece una canzone di risposta intitolata The Warning (che si propagò su internet con il titolo Mariah Carey Diss).[365] La canzone contiene parti della voce della Carey, che, secondo Eminem, furono registrate quando i due erano usciti insieme.[366] Molti artisti, tra cui Busta Rhymes, si schierarono dalla parte della cantante.[367]

Eminem scrisse diverse canzoni con riferimenti a MariahCarey (tra le quali Jimmy Crack Corn, Bagpipes From Baghdad e Superman) citando relazioni sessuali avvenute non solo con lui ma anche con altri uomini.[368] Mentre veniva pubblicata Superman nel 2003, Carey pubblicò una canzone intitolata Clown, contenuta nel suo album Charmbracelet, rivolta al rapper di Detroit.[369] Mariah, in seguito, dichiarò che i due si videro una volta ma non ci fu nessuna relazione sessuale o qualcosa di intimo.[370]

2010 - 2011: Merry Christmas II You e maternità[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey durante un concerto nel 2010

Il 26 gennaio 2010 fu pubblicata (esclusivamente negli Stati Uniti) la quarta raccolta della cantante intitolata Playlist: The Very Best of Mariah Carey.[371] A partire dallo stesso giorno, vengono trasmessi dalle radio statunitensi due singoli, pubblicati in versione remix, Up Out My Face (featuring Nicki Minaj) che debuttò alla 100ª posizione nella Billboard Hot 100.[372] e Angels Cry (featuring Ne-Yo) Mariah, dopo la pubblicazione dei due singoli, affermò che avrebbero dovuto far parte di un album di remix, Angels Advocate, la cui pubblicazione fu cancellata per via delle non esaltanti vendite di Memoirs of an Imperfect Angel.[373]

Alla fine dello stesso mese, Mariah prese parte, insieme ad altri artisti, a un singolo di beneficenza in favore dei terremotati di Haiti che consisteva nella reinterpretazione della canzone Everybody Hurts, dei REM, che raggiunse il primo posto nel Regno Unito (detenendolo per due settimane consecutive).[374][375] Il 9 febbraio 2010 è stato pubblicato su iTunes (esclusivamente in Canada e Stati Uniti), 100%, registrato inizialmente per la colonna sonora del film Precious, è stato poi inserito nella compilation AT&T Team USA Soundtrack per le olimpiadi invernali 2010 di Vancouver.[376] Precious, dove Mariah interpretava il ruolo di un'assistente sociale, ricevette nove candidature ai NAACP Image Award, vincendone sei: Miglior Film, Miglior Attrice (Gabourey Sidibe), Miglior Film Indipendente, Migliore Regia, Miglior Sceneggiatura (Lee Daniels) e Miglior Attrice Non Protagonista (Mo'Nique).[377]

A inizio settembre, Mariah rivela che il suo tredicesimo album tratterà (per la seconda volta) del Natale e uscirà il 2 novembre 2010.[378] L'album natalizio, intitolato Merry Christmas II You, debuttò al quarto posto nella Billboard 200,[379] vendendo 55.000 copie nella sua prima settimana di vendita.[380] Il disco entrò in svariate classifiche nel mondo e ricevette il disco d'oro per aver superato le 500.000 copie vendute negli Stati Uniti.[381] Il primo singolo estratto fu Oh Santa! che debuttò al centesimo posto nella Billboard Hot 100[382] mentre il secondo fu Auld Lang Syne (The New Year's Anthem).

Il 28 ottobre 2010, Mariah Carey annunciò di aspettare un bambino e di esserne molto contenta, anche perché due anni prima ebbe un aborto spontaneo.[383] Rivelò, inoltre, che lei e il marito non desideravano conoscere il sesso del nascituro[384] e che era stato concepito naturalmente.[385] Due mesi dopo, Nick Cannon annunciò entusiasta alla radio che la moglie era in attesa di due gemelli.[386] I primi ad essere venuti a conoscenza della gravidanza di Mariah Carey sono stati il presidente Barack Obama e la first lady Michelle Obama, poiché la cantante si trovava a Washington per un concerto.[387] I bambini, un maschio e una femmina, sono venuti alla luce il 30 aprile 2011, il giorno del terzo anniversario di matrimonio di Mariah Carey e Nick Cannon,[388] e sono stati chiamati Moroccan Scott Cannon (poiché la proposta di matrimonio tra i due è avvenuta in una stanza dell'appartamento di Mariah Carey chiamata "Moroccan Room" per l'arredamento ispirato al Marocco, e Scott è il secondo nome di Nick Cannon), e Monroe Cannon (poiché Marilyn Monroe è l'attrice preferita della Carey).[389]

Dopo la nascita dei bambini, Nick Cannon ha affermato che la moglie stesse già lavorando al suo quattordicesimo album.[390] Mariah è tornata ufficialmente al lavoro a fine luglio presentando sul canale Home Shopping Network la sua ultima collezione di profumi, ma non ha rivelato nessun dettaglio riguardo al suo nuovo lavoro.[391]

Nell'ottobre 2011, Carey annunciò di aver inciso nuovamente il brano All I Want for Christmas Is You in duetto con Justin Bieber per l'album di quest'ultimo Under the Mistletoe.[392][393]

Il 21 ottobre 2011, in un'intervista preregistrata con Barbara Walters per il programma 20/20 della ABC, sono stati mostrati per la prima volta i gemelli Moroccan e Monroe.[394]

Il 21 novembre 2011 Carey pubblicò il singolo When Christmas Comes, in duetto con John Legend. Si tratta di una nuova versione dell'inedito contenuto nell'album natalizio Merry Christmas II You.[395][396]

2012 - 2014: Me. I Am Mariah... The Elusive Chanteuse[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 agosto 2012, Mariah Carey pubblica il brano Triumphant (Get 'Em) featuring Rick Ross e Meek Mill come singolo che anticipa il quattordicesimo album di inediti. La canzone è scritta e prodotta dalla Carey insieme agli storici collaboratori Jermaine Dupri e Bryan Michael Cox.[397][398] Anche se il suond mid-tempo è accattivante, il brano non riceve il successo sperato, causa forse della scarsa presenza della cantante all'interno della traccia che lascia il posto ai due cantanti rap. È distribuito successivamente come album a sé in versione digitale, con l'arricchimento di 15 remixes.

La cantante ad American Idol nel 2013.

Il 23 luglio 2012 viene annunciata ufficialmente, dopo varie speculazioni, la partecipazione di Mariah Carey come giudice nella successiva edizione di American Idol. Si dice che Carey abbia firmato un contratto con la FOX di ben 18 milioni di dollari, il compenso più alto mai ricevuto per un giudice di un talent show, superando Jennifer Lopez (15 milioni) e Britney Spears (16 milioni).[399]

Il 19 febbraio 2013 viene pubblicato il brano Almost Home, scritto ed interpretato da Mariah Carey ed incluso nella colonna sonora del film Il grande e potente Oz.[400] Il 7 maggio 2013 pubblica #Beautiful in collaborazione con il rapper Miguel, singolo che anticipa il nuovo album.[401][402] Con questo pezzo, Carey ritorna a far parlare di sé, anche se non arriva alla posizione numero uno il brano riceve comunque il disco di platino. È prevista anche una versione "spanglish" cantata in inglese e spagnolo, "#Hermosa", e una serie di remix dance e urban. Successivamente annuncia un tour mondiale che partirà nell'autunno dello stesso anno.[403] L'11 novembre 2013 la cantante pubblica in anteprima sulla propria pagina Facebook il singolo The Art of Letting Go, brano che doveva dare il titolo al quattordicesimo album in studio di Mariah Carey.[404] Nonostante sia elogiato dalla critica il singolo non viene pubblicizzato e finisce presto nel dimenticatoio, escludendo anche un eventuale videoclip. Il 12 febbraio 2014 pubblica You're Mine (Eternal) ballata romantica nel classico stile Carey, una regalo ai fan per l'imminente giorno di San Valentino. Il singolo ha inizialmente un buon riscontro.

Dopo quasi 2 anni di continue posticipazioni, viene annunciata l'uscita del quattordicesimo album della cantante Me. I Am Mariah... The Elusive Chanteuse il 27 maggio 2014.

La casa discografica non pubblicizza molto l'album che non riesce a decollare così come i suoi singoli, nonostante esca un terzo singolo You Don't Know What You Do feat Wale che non fa la differenza; Me. I Am Mariah però è molto apprezzato dalla critica che valorizza la qualità della sua musica che ha un sound R&B più maturo. La testata giornalistica TIME scrive che Make It Look Good in collaborazione con Stevie Wonder è tra le migliori canzoni del 2014.

Nell'Agosto del 2014 Mariah Carey conferma la separazione con il marito Nick Cannon preceduta da vari pettegolezzi da parte di testate giornalistiche. Nello stesso anno parte per un tour in Asia intitolato The Elusive Chanteuse Show iniziata precisamente il 4 ottobre 2014 fino al 16 novembre 2014. Nonostante il sold out in molte tappe, inizialmente l'apertura del nuovo tour non comincia nei migliore dei modi, specie la prima data a Tokyo, dove Mariah rileva delle difficoltà vocali e darà il via a varie critiche e video virali sul web su una Diva che probabilmente ha perso la sua splendente voce di un tempo. Per i concerti successivi sembra avere una leggera ripresa e anche le corde vocali di Mariah appaiono rigenerate e con più vitalità.

Nel dicembre stesso il Beacon Theater di New York apre cinque concerti natalizi esclusivi dove Mariah ne uscirà vittoriosa dopo le imbarazzanti performance del tour precedente: la voce torna rigogliosa e l'atmosfera dicono gli spettatori è davvero magica; anche Lady Gaga è presente a una serata e immortalano il momento con un selfie dietro le quinte.

2015: #1 to Infinity e la Residenza a Las Vegas[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio del nuovo anno si presenta in maniera negativa per Mariah. Il 3 febbraio segna un momento disastroso per la cantante quando, durante un concerto in Giamaica, Mariah scorda le parole sulle note di Fantasy Remix, rivelando che stava usando un lip-sync e non una canzone dal vivo.[405]

Settimane prima della tappa in Giamaica, Mariah è stata ospite al programma televisivo The Ellen DeGeneres Show, annunciando ufficialmente che sarebbe stata nella sua nuova residenza a Las Vegas, e che lì avrebbe tenuto dei concerti al Colosseum Cesar Palace il 6 maggio fino al 26 giugno. Il 20 luglio, durante l'ultima fase della residenza, partecipa la cantante Katy Perry, che si definisce grande fan di Carey. La residenza ha riscosso un grande successo, tanto che Mariah è stata nominata migliore intrattenitrice del 2015 ai World Music Awards (oltre ad altre tre candidature).

Mariah Carey, in seguito cambia casa discografica, tornando alla Sony Columbia, che l'aveva lanciata a inizio carriera facendola conoscere in tutto il mondo, e nel mese di aprile annuncia una nuova raccolta delle sue numero uno mettendo in atto uno strategico modo di pubblicare la cover: più utenti condividevano il link del sito ufficiale con la tag #RevelMariah più la percentuale della nuova immagine aumentava così da poter vedere in diretta la rivelazione della copertina dove si vedrà una Mariah in gran forma come se fosse un sequel della prima raccolta delle sue hit #1's uscita nel 1998.

Il 27 aprile 2015 esce il nuovo singolo Infinity, che anticipa l'album #1 to Infinity, uscito per la fine di maggio e che raccoglie le sue 18 Hits che sono state in vetta alla classifica Billboard Hot 100.

Il 18 maggio Mariah dopo tanti anni è stata invitata alla serata Billboard Music Awards cantando dal vivo un medley tra Vision of Love e Infinity. Il 20 maggio esce ufficialmente l'album #1 To Infinity e appare a sorpresa al programma televisivo di Ellen.

Nell'autunno 2015 Mariah realizza un film A Christmas Melody che la vede nei panni di regista per la prima volta, nel frattempo esce un libro illustrato per l'infanzia intitolato All I Want For Christmas Is You della casa Penguin Random House e iniziano i preparativi per il concerto natalizio al Beacon Theater di New York[senza fonte] per il secondo anno.

Durante il 2015 è impegnata tra la promozione della nuova raccolta e la residenza a Las Vegas.

2016-2017 : The Sweet Sweet Fantasy Tour, Mariah's World ed altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016, torna ad esibirsi in tutta Europa ed in Africa con lo The Sweet Sweet Fantasy Tour . Il Tour ottiene risultati di partecipazione molto alti, superiori al 90% per concerto. In Italia si esibisce al Forum di Assago.

Durante il tour si mostra visibilmente molto dimagrita rispetto l'anno precedente, in vista del terzo matrimonio con James Packer.

Il 14 maggio 2016 viene premiata in occasione dei GLAAD Media Awards per il suo impegno nella cominità LGBT, da sempre dimostrata dall'artista.

Torna tra agosto e settembre per un'altra Leg a Las Vegas, al Colosseum del Caesars Palace.

A Settembre 2016 prende parte ad un cameo nella trasmissione televisiva The Rap Game

Il 30 settembre 2016 prende parte alla canzone Infamous, contenuta nella colonna sonora della stagione 2016 di Empire (serie televisiva 2015), collaborando con Jussie Smollett . Il brano, definito come un'elegante ballata RnB, con intrecci Soul. Sebbene la canzone non abbia né un video ufficiale, né promozione, né sia considerato un singolo da parte degli artisti partecipanti, riesce ad entrare in svariate classifiche in tutto il mondo. Sempre in Empire , appare in una puntata come attrice speciale.

Nell'ottobre e novembre 2016 avrebbe dovuto tenere una serie di concerti in Sudamerica, poi annullati a causa di una cattiva gestione da parte degli sponsor.[senza fonte]

Dal 4 dicembre 2016 è protagonista di un documentario sulla sua vita su E!, dal titolo Mariah's World.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey è stata sposata con Tommy Mottola, allora presidente Sony, dal 1993 al 1997. Si sposa per la seconda volta con il rapper e produttore Nick Cannon, nel 2008. Nel 2011 due hanno due gemelli (un maschio ed una femmina): Monroe e Moroccan. Divorziano nel dicembre del 2014, rimanendo comunque in buoni rapporti. Il divorzio viene finalizzato nell'ottobre 2016.[406] Dal gennaio all'ottobre del 2016 è stata fidanzata ufficialmente col magnate James Packer.[407]

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey e Robert De Niro al Tribeca Film Festival per la prima di Tennesse (2008)

Mariah Carey iniziò a prendere lezioni professionali di teatro nel 1997, e già dall'anno successivo fece diverse audizioni per vari ruoli nei film. Ha fatto il suo debutto cinematografico come cantante d'opera nel film Lo scapolo d'oro (1999), insieme a Chris O'Donnell e Renée Zellweger. Il primo ruolo da protagonista lo ebbe nel film Glitter (2001), nel quale interpreta una cantante che negli anni ottanta irrompe nell'industria della musica dopo aver incontrato Max Beesley, un disc-jockey. Il film fu un fallimento ai botteghini, tanto che Carey si guadagnò un Razzie Award come "peggior attrice protagonista" per la sua interpretazione nel film. Successivamente la cantante dichiarò che: "il film era nato come qualcosa di sostanzioso, ma ha finito per orientarsi a 10 anni prima. Ha perso un sacco di grinta".[408]

Mariah, Mira Sorvino e Melora Walters furono co-protagoniste nel film indipendente Scelte d'onore (2002). Interpretarono tre cameriere di un ristorante mafioso. Il produttore di WiseGirls, Anthony Esposito, reclutò Carey per il film The Science Sweet (2006), che trattava di una donna pugile sconosciuta che divenne famosa grazie a un manager di pugili. Il film però non entrò mai in produzione.[409] Inoltre apparve, come tanti altri cantanti, nel film indipendente prodotto da Damon Dash Death of a Dynasty (2003) e State Property 2 (2005). La sua carriera televisiva invece si limitò nella comparsa di un episodio nel gennaio 2002 di Ally McBeal. Carey appare in un cameo nel film Zohan - Tutte le donne vengono al pettine (2008).[410]

Nel 2006 si iscrisse al cast del film indipendente Tennessee (2008), interpretando il ruolo di una cantante che fugge dal marito e insieme ai due fratelli parte per un viaggio alla ricerca del loro padre scomparso ormai da tempo.[411] Apparve poi in Precious (2009), un film basato sul romanzo Push (1996). In questo film interpreta il ruolo di un'assistente sociale.[412] Il film ha ottenuto dei premi sia al Sundance Film Festival che al Toronto International Film Festival, dove ha anche ricevuto prestigiosi riconoscimenti. Nel maggio 2010, Carey ha dovuto abbandonare la registrazione del programma For Colored Girls Who Have Considered Suicide When the Rainbow is Enuf per motivi medici.[413] Ha partecipato nel 2012 alle riprese del film The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca, interpretando il ruolo della madre del protagonista.

In occasione del Natale 2015 diventa regista di un film natalizio di successo.

Abilità[modifica | modifica wikitesto]

Mariah disse in un'intervista che fin da giovane fu influenzata da musica R&B e da artisti soul come Billie Holiday, Sarah Vaughan, Gladys Knight e Aretha Franklin[414]. La sua musica è influenzata molto dal gospel, avendo lei frequentato una chiesa episcopale, e i suoi cantanti gospel preferiti sono le Clark Sister, Shirley Caesar e Edwin Hawkins. Quando poi tentò di aggiungere del ritmo Hip hop alla sua musica si pensò immediatamente che cercò di fare musica del genere che andava di più in quegli anni; ma lei in seguito dichiara che: "La gente non capisce nulla, io con questa musica ci sono nata". Ha mostrato poi interesse per rapper tali come gli Sugarhill Gang, Eric B. & Rakim, Wu-Tang Clan, The Notorious B.I.G. e il duo Mobb Deep, con i quali ha collaborato nella canzone "The Roof (Back In Time)" (1998). La Carey, grazie al suo genere di canzoni e con il successo che aumentava nel tempo, fu paragonata ad artiste come Whitney Houston e Céline Dion, che vennero in seguito definite da Garry Mullholand le "principesse dei lamenti"[415]. A differenza, però, della Houston o della Dion, Carey ha sempre scritto o co-scritto le sue canzoni. Infatti viene sempre menzionata nella scrittura dei suoi singoli. Frattanto Carey venne anche accusata due volte di plagio, ma ogni volta la corte non la considerò perseguibile[416].

Voce[modifica | modifica wikitesto]

Arrivò prima in un conto alla rovescia di MTV (2003) e di Blender sulle ventidue più grandi voci della storia, votata da vari fan, critici musicali e da votanti online del sondaggio. Riguardo alla classifica, la cantante disse: "Certo è un complimento enorme, ma io non mi sento così!"[417]. In seguito, riguardo alla sua voce la cantante dichiarò:

"Ho dei noduli alle corde vocali. Mia madre dice che li ho avuti fin da quando ero bambina. Per questo ho un registro acuto [...]; ma l'unica cosa che realmente influisce sulla mia voce è il sonno. A volte se sono esausta non posso raggiungere note davvero alte"[418]; "I miei dottori mi hanno mostrato le mie corde vocali e mi hanno spiegato il perché posso raggiungere note così alte. Uso una parte delle corde, l'apice, che molti non possono o non riescono a utilizzare. La mia voce naturale è bassa, è roca. La mia voce normale può essere alta solo se sono riposata[...]"[419]


La sua ampia estensione vocale le permette di avere basse note fino alle alte da soprano leggero e secondo alcuni critici musicali, come Jim Faber del New York Daily News, lei può raggiungere tutte le ottave tra quei tipi di voce e possiede l'agilità di muoversi tra quei ruoli con rapidità e disinvoltura[420].

Tema e stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

L'amore è l'elemento principale della maggior parte delle canzoni della Carey, anche se la cantante scrisse canzoni sul razzismo, la fame nel Mondo, la morte, l'alienazione e la spiritualità. Lei disse che la maggior parte delle sue produzioni erano autobiografiche, anche se la rivista TIME scrisse: "Se solo la musica di Mariah Carey non avesse il dramma della sua vita, non sarebbe Mariah Carey, la sua vita è piena di passione e conflitti[421]. La cosa non venne detta solo dal TIME, ma anche, per esempio, dalla rivista Rolling Stone, che disse: "Carey ha un notevole dono vocale, le sue canzoni sono sempre state molto espressive"[422].

Il suono delle canzoni di Mariah Carey fa uso di drum machine, tastiere e sintetizzatori. Molte delle sue canzoni contengono parti strumentali anche con il pianoforte. Carey compone i suoi arrangiamenti al pianoforte. Molti arrangiamenti si ispirarono a Stevie Wonder, pianista soul molto ammirato dalla Carey, ma anche a Michael Jackson. Una volta, però, la cantante dichiarò: "La mia voce è il mio strumento; lo è sempre stato"[423].

Mariah Carey iniziò a fare dei remix di alcuni suoi pezzi, aggiungendo nuove intere parti registrate appositamente per la versione remixata della canzone. Il disc jockey David Morales ha collaborato diverse volte con la cantante, a partire da "Dreamlover" (1993). Da "Fantasy" (1995) in poi, Carey ingaggiò produttori hip-hop, per riconcepire le composizioni del suo album. Ci furono vari remix di Fantasy, ma ne vennero accreditati due: uno fatto da Morales, e un altro prodotto da Sean Combs, nel quale ci fu una partecipazione canora del defunto rapper Ol' Dirty Bastard. Dell'ultima versione ne venne girato anche un video. Carey continuò poi a ingaggiare vari produttori per i suoi remix tali come Morales, Jermaine Dupri, Junior Vasquez e DJ Clue, chiamando molte volte degli ospiti canori per la nuova versione della canzone[424].

Popolarità[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey nel 2009

Lo stile di canto di Mariah Carey ha avuto un notevole impatto sulla musica popolare. Il critico musicale G. Brown del The Denver Post disse che: "Bene o male, l'estensione di cinque ottave e lo stile melismatico di Carey hanno influenzato una generazione di cantanti pop."[425] Secondo Rolling Stone: "La sua padronanza del melisma, le svolazzanti stringhe di note che decorano canzoni come Vision of Love, hanno ispirato l'intera scuola di canto di American Idol e, virtualmente, ogni altra cantante femminile R&B."[426] Carey è famosa anche per aver istituito l'R&B e l'Hip-hop dentro il mainstream della cultura popolare, e per aver popolarizzato il rap come parte integrante delle sue canzone del dopo-1995. La musica di Mariah ha influenzato artisti come Beyoncé, Britney Spears, Christina Aguilera, gli 'N Sync, Nicki Minaj, Usher e quasi tutti gli artisti R&B contemporanei. La cantante Beyoncé dice di aver incominciato a cantare dopo aver sentito Vision of Love, il singolo di debutto della Carey.[427]

Ritenuta da Billboard l'artista femminile di maggior successo degli anni novanta,[428] nel corso della sua carriera Carey ha vinto cinque Grammy Awards, nove American Music Awards e un premio come World's Best Selling Female Artist of the Millennium.[3] Sempre tra le artiste di sesso femminile, è quella con il maggior numero di dischi venduti negli USA (oltre 60 milioni).[429] In Giappone, ha la top-4 degli album più venduti di tutti i tempi da un artista non asiatico.[430][431]

Carey ha passato un totale di 89 settimane al numero uno nel mondo, diventando l'artista con il maggior numero di settimane alla uno nella storia della musica.[432] Carey ha 18 numero uno[433]; è il maggior numero di numero uno per un cantante solista, battendo Elvis Presley(15).[434] Nel 1994 pubblica l'album Merry Christmas che, avendo venduto oltre 15 milioni di copie, diventa l'album natalizio più venduto al mondo.[435][436] L'album contiene il singolo di alto successo All I Want for Christmas Is You, che divenne l'unico singolo natalizio e l'unica suoneria a essere certificata cinque volte platino negli Stati Uniti.[437][438] In Giappone, #1's è divenuto l'album con il maggior numero di vendite di tutti i tempi da un cantante non asiatico, avendo venduto 3.000.000 copie.[senza fonte] Il suo singolo One Sweet Day, che è un duetto con la band Boyz II Men, passò 16 settimane alla numero uno della Hot 100.[6] We Belong Together fu considerata la canzone di più successo negli anni 2000. I Want to Know What Love Is invece, ha passato 27 settimane (quasi otto mesi) al numero uno delle classifiche brasiliane. Inoltre, Carey è l'artista con più debutti al numero uno negli Stati Uniti, con Fantasy, One Sweet Day e Honey.[senza fonte]

Filantropia e altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Mariah Carey è una filantropa che ha donato tempo e soldi ad associazioni come la Fresh Air Fund, alla quale si iscrisse agli inizi degli anni novanta. È anche la cofondatrice di un campo situato a Fishkill, nello stato di New York; il campo permette alla gioventù della città di abbracciare le arti e li introduce nel mondo del lavoro. Il campo venne chiamato Camp Mariah grazie alla sua generosità, al suo supporto, e alle sue attenzioni date alla Fresh Air per i bambini.[439] Carey è anche nota per il suo lavoro con la fondazione Make-A-Wish Foundation, con la quale aiuta bimbi malati; venne anche premiata dalla fondazione per la sua incredibile generosità.[440] La cantante ha anche contribuito ad aiutare il reparto di ostetricia al Cornel Medical Center di New York. Inoltre parte delle vendite dell'album live MTV Unplugged furono donate a varie associazioni di beneficenza. La sua canzone "Love Story" poteva essere scaricata gratis dai clienti di ristoranti partecipi insieme a lei con associazioni beneficiarie.[441]

Uno dei maggiori concerti di beneficenza di Carey fu lo speciale Divas Live (1998) a VH1, insieme ad altre cantanti per supportare la fondazione Save the Music. Al decimo evento di gala della fondazione, Carey fu onorata dalla fondazione stessa per averla sostenuta fin dall'inizio.[442] Oltre a vari concerti beneficiari, Carey girò un documentario intitolato At Home for the Holidays sulla vita di bambini disagiati o adottati, che andò in onda sulla CBS. Nel 2005, invece, cantò per il Live 8 Londra e a un concerto per gli sfollati dell'uragano Katrina. Nel 2008, come parte delle Artists Stand Up to Cancer, scrisse e cantò una parte della canzone "Just Stand Up!", per migliorare le ricerche contro il cancro.[443] Nel 2010, come parte degli Helping Haiti, partecipò alla canzone "Everybody Hurts", per la donazione di denaro agli sfollati di Haiti.

Mariah Carey non ebbe offerte per la promozione di prodotti commerciali fino al 2006, anno in cui fu ingaggiata per la pubblicità dei computer Intel Centrino e creò una linea di gioielli e vestiti per ragazzi.[444][445] In collaborazione con Pepsi e Motorola, Carey registrò una serie di suonerie esclusive, come per esempio "Time of Your Life". Dal 2007 Carey mise in commercio diverse serie di profumi tra i quali M by Mariah Carey, Luscious Pink, Forever e Lollipop Bling. Ha anche messo in commercio una linea di champagne rosé chiamato Angel Champagne.[446]

A partire dal 2010, Mariah presenta sul canale Home Shopping Network le sue collezioni di gioielli, abiti, scarpe, profumi e accessori,[447] e da novembre 2011 è diventata la nuova ambasciatrice di Jenny Craig, avendo perso 14 kg dopo la nascita dei suoi gemelli ad aprile 2011.[448]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Mariah Carey.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

In collaborazione[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Lista di premi e riconoscimenti di Mariah Carey[449]:

1990

1991

1992

  • American Music Award
    • Miglior Artista Femminile Soul/R&B
  • Billboard
    • Miglior Album Femminile, Emotions
    • Miglior Singolo Femminile
    • Miglior Artista Femminile con Singoli tra i primi 100
  • BMI, Pop
    • Compositrice dell'Anno

1993

1994

1995

  • American Music Award
    • Miglior Artista Pop/Rock Femminile
  • Archer Awards
    • Miglior Artista
    • Miglior Album, Daydream
    • Miglior Singolo, "Fantasy"
    • Miglior Cantante Donna
  • Blockbuster
    • Miglior Artista Pop Femminile
  • BMI, Pop
  • Echo Preis Awards
    • Miglior Artista Internazionale
  • Smash Hits Award
    • Miglior Cantante Solista Femminile
  • Top 10 Magazine Awards (Australia)
    • Supertip Singer
  • World Music Award
    • Artista Pop dell'Anno
    • Artista USA dell'Anno
    • Artista Internazionale dell'Anno

1996

  • American Music Awards
    • Miglior Artista Pop/Rock Femminile
    • Miglior Artista Soul/R&B Femminile
  • Billboard
    • Miglior Artista con Singoli tra i primi 100
    • Premio Speciale per 16 settimane al numero uno in classifica, "One Sweet Day"
    • Miglior Singolo in Radio, "Always Be My Baby"
    • Hot Adult Contemporary Artist of the Year
  • Blockbuster
  • BMI, Pop
  • Disco d'Oro (Giappone)
    • Artista Internazionale dell'Anno
    • Album Pop Internazionale dell'Anno (Daydream)
  • IFPI, Dischi di Platino (Europa)
    • "Merry Christmas"
    • "Daydream" (tre premi)
  • National Dance Music Award
    • Artista Dance dell'Anno
    • Brano Dance dell'Anno, "Fantasy"
  • TMF Awards (Paesi Bassi)
    • Miglior Cantante Donna Internazionale
  • Winter Music Conference National Dance Music Awards
    • Miglior Singolo ("Fantasy")
    • Miglior Singolo Femminile di Musica Moderna ("One Sweet Day")
    • Artista Dance dell'Anno
    • Brano Dance dell'Anno ("Fantasy")
  • World Music Award
    • Artista R&B Femminile dell'Anno
    • Artista Femminile Internazionale dell'Anno
    • Artista Pop Internazionale dell'Anno
    • Artista Femminile USA dell'Anno

1997

  • ASCAP, Pop
    • "One Sweet Day"
    • "Fantasy"
    • "Forever"
    • "Always Be My Baby"
  • BMI, Pop
    • "Always Be My Baby"
    • "Fantasy"
    • "One Sweet Day"
    • "Forever"
  • Blockbuster
  • IFPI, Dischi di Platino (Europa)
    • "Butterfly"
  • VH1
    • Artista dell'Anno

1998

  • American Music Award
    • Miglior Artista Soul/R&B Femminile
  • Billboard
    • Premio Speciale per il maggior numero di singoli al primo posto in classifica, eseguiti da un'artista femminile
  • BMI, Pop
    • "Always Be My Baby" (secondo premio)
  • Entertainer of the Year
    • Miglior Carriera Musicale
  • IFPI, Dischi di Platino (Europa)
    • #1s
  • International Achievement in Arts Award
    • Artista dell'Anno
  • Disco d'Oro (Giappone)
    • Album Pop Internazionale dell'Anno (Butterfly)
  • Long Island Music Award
    • Miglior Cantante Donna
  • Soul Train Lady of Soul Awards
    • Premio Aretha Franklin, Artista dell'Anno
  • World Music Award
    • Miglior Artista R&B Femminile
    • Legend Award, Miglior Artista degli Anni 1990

1999

  • Billboard
    • Artista del Decennio
  • Blockbuster
    • Miglior Artista Pop Femminile, #1's
  • Broadcast Film Critics Association Award
    • Miglior Canzone tratta da un Film, "When You Believe"
  • BMI, Pop
    • Compositrice Pop dell'Anno
    • "Butterfly"
    • "My All"
    • "Honey"
  • Congressional Award Foundation
    • Premio Umanitario Howard
    • Premio Horizon
  • IFPI, Dischi di Platino (Europa)
    • Rainbow
  • NAACP
  • NABOB
    • Artista dell'Anno
  • Oscar

2000

  • American Music Award
    • Premio Speciale, per riconoscimenti rari, straordinari e memorabili
  • NRJ
    • Miglior Artista Femminile Internazionale
  • Blockbuster
    • Miglior Artista R&B Femminile
  • DMX
    • Ultimate Diva
  • VH1
    • Artista dell'Anno
  • World Music Award
    • Miglior Artista R&B Femminile
    • Miglior Artista Femminile del Millennio

2001

  • BMI
  • Make-A-Wish Foundation's 2000 Chris Grecius Award, Benefattrice dell'Anno
  • Radio Music Award
    • Miglior Artista (1993-2001)
  • La rivista People l'ha annoverata tra le "25 Persone Più Intriganti del 2001".

2002

  • Billboard
    • Miglior Singolo R&B/Hip-Hop — vendite "Loverboy"
  • Mariah Carey è diventata diciannovesima tra le artiste più sexy di sempre, secondo VH1.

2003

2004

  • Classifica Femminile
    • Artista del 2004 Vestita Meglio
  • Groovevolt
    • Miglior Album Femminile, Charmbracelet
    • Miglior Brano Pop Femminile — "Through the Rain"
    • Miglior Brano Pop non pubblicato come Singolo, "My Saving Grace"
    • Miglior Collaborazione Hip Hop, "I Know What You Want" (con Busta Rhymes)
  • MTV Asia Award
    • Miglior Carriera

2005

  • Riconoscimenti alla Carriera, Edizione 2005
    • Riconoscimenti Eccezionali
  • American Heroes Award, contributi Fresh Air Fund
  • American Music Awards
    • Miglior Artista Soul/R&B Femminile
  • Billboard
    • Artista Femminile dell'Anno
    • Artista Femminile Hip Hop/R&B dell'Anno
    • Rhythmic Top 40 Title of the Year: "We Belong Together"
    • Hot 100 song of the Year for "We Belong Together"
    • Hot 100 Airplay of the Year for "We Belong Together"
      • è l'artista femminile che ha ottenuto più riconoscimenti da Billboard (23).
  • BAMBI
    • Miglior Artista Pop Internazionale
  • Shangay Music Awards (Spagna)
    • Artista Internazionale dell'Anno
  • Capital FM Awards
    • Contributi Eccezionali alla Musica (Artista Femminile di Maggior Successo di Sempre)
  • Groovevolt
  • KISS 100
    • Miglior Artista Femminile
  • MTV India Award
    • Artista Pop Femminile dell'Anno
  • MTV Video Music Awards (Giappone)
    • Icona Videografica Internazionale
  • Radio Music Awards
    • Artista dell'Anno/Migliori Brani Urban/Ritmici
    • Canzone dell'Anno/Migliori Risultati in Radio: "We Belong Together"
    • Canzone dell'Anno/Miglior Brano Urban/Ritmico: "We Belong Together"
    • Radio Legend Award
  • Soul Train Lady of Soul Awards
  • Teen Choice Awards
    • Miglior Artista R&B
    • Miglior Canzone Romantica, "We Belong Together"
  • Teen People Awards
    • Artista dell'Anno
  • The Reign Award
  • Vibe Awards
    • Artista dell'Anno
    • Album dell'Anno, The Emancipation of Mimi
    • Miglior Canzone Soul/R&B, "We Belong Together"
    • Voce R&B dell'Anno
  • World Music Awards
    • Miglior Artista Pop Femminile
    • Miglior Artista R&B
    • Miglior Singolo, "We Belong Together"
    • Artista Femminile dell'Anno
      • è l'artista che ha ottenuto più riconoscimenti ai WMA (16)
  • IFPI, Dischi di Platino (Europa)
  • The Emancipation Of Mimi
  • XM Nation Music Award
    • Miglior Rilancio

2006

  • ASCAP Awards
    • "Canzone dell'anno" per "We Belong Together" (insieme a "Boulevard of Broken Dreams" dei Green Day)
  • Billboard R&B/Hip-Hop Awards
    • Miglior Album R&B/Hip-Hop: Mariah Carey, "The Emancipation Of Mimi" (Island/IDJMG)
    • Miglior Artista R&B/Hip-Hop: Mariah Carey (Island/IDJMG)
    • Miglior Artista Femmina R&B/Hip-Hop: Mariah Carey (Island/DJMG)
    • Miglior Scrittrice di Canzoni R&B/Hip-Hop: Mariah Carey (Island/IDJMG)
    • Miglior Scrittrice di Album R&B/Hip-Hop Mariah Carey (Island/IDJMG)
  • BMI Urban Awards
    • Canzone dell'anno: "We Belong Together"
    • Scrittrice dell'anno
    • Canzone dell'anno che ha piazzato tre canzoni nella lista 'più ascoltati': "Don't Forget About Us", Shake It Off" e "We Belong Together".
    • Billboard numero 1: "We Belong Together"
  • CHV Thailand Video Music Awards
    • Miglior artista femmina internazionale
  • Gillette Venus Awards
    • Migliori Gambe
  • Grammy Award
    • Miglior Album R&B Contemporaneo: The Emancipation of Mimi
    • Miglior canzone R&B: We Belong Together
    • Miglior performance vocale R&B: "We Belong Together"
  • WPGC Music Awards
    • Migliore Voce Femminile
    • Miglior Canzone lenta (We Belong Together)
    • Miglior Album(The Emancipation Of Mimi)
    • Miglior Canzone (We Belong Together)
  • Groovevolt Music Awards
    • Album dell'anno: The Emancipation of Mimi
    • Canzone dell'anno: "We Belong Together"
    • Miglior Album Pop: The Emancipation of Mimi
    • Miglior performance femminile: "We Belong Together"
    • Miglior inedito: "Circles"
    • Miglior Canzone R&B Femminile: "We Belong Together"
  • NAACP Image Award
    • Miglior Album: The Emancipation of Mimi
  • TRL Awards
    • Prima donna TRL.
  • Soul Train Music Awards
    • Best R&B/Soul Album; Female for The Emancipation of Mimi
    • Best R&B/Soul Single; Female for "We Belong Together.
  • Make-a-Wish Foundation Award
    • Wish Icon Award per la sua "straordinaria generosità".

2007

  • BMI Pop Award
    • "Shake It Off"
    • "Don't Forget About Us"
  • VH1 Awards
    • Award per il contributo dato alla fondazione VH1 Save The Music
  • Operation Smile Award
    • ambasciatrice di sorrisi 2007

2008

  • American Music Awards
    • Premio per aver messo 18 singoli alla numero 1 per più settimane sulla Billboard Hot 100
  • Basenotes Award
    • Miglior profumo femminile, M by Mariah Carey
  • BET Awards
    • Miglior Video, "Touch My Body"
  • World Music Awards
    • Premio per aver messo 18 singoli alla numero 1 per più settimane sulla Billboard Hot 100

2009

  • Virgin Media Records
  • 21st Annual Palm Springs International Film Festival
    • Miglior Attrice non protagonista - Precious
  • Capri Awards
    • Attrice dell'anno - "Precious"

2010

Successi e record principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1999, Mariah ha ricevuto il premio come "Artista del Decennio" ai Billboard Music Award, che la incorona l'artista di maggior successo degli anni novanta.
  • Mariah ha ricevuto il "Legend World Music Award" nel 1998 per le vendite dei suoi dischi.[449]
  • Mariah è l'artista che detiene il record di più anni consecutivi con un singolo al numero 1 nelle classifiche mondiali; è l'unica artista ad avere avuto almeno un singolo al numero 1 nelle classifiche mondiali per ogni anno degli anni novanta.[450]
  • Mariah è l'unica artista ad avere avuto ogni singolo di debutto da ogni suo album al vertice delle classifiche negli anni novanta. La sua serie positiva è stata interrotta nel 2001 quando Loverboy, il primo singolo da Glitter, raggiunse la numero 2.[450]
  • Mariah è stata la prima artista femminile ad aver avuto un singolo a debuttare alla posizione numero 1 (Fantasy).
  • Mariah è la prima (e unica) artista ad avere ottenuto la prima posizione con i suoi primi singoli (Vision of Love, Love Takes Time, Someday, I Don't Wanna Cry e Emotions). In seguito ha ottenuto altri 5 singoli al primo posto consecutivi (Fantasy, One Sweet Day, Always Be My Baby, Honey, e My All); è stata l'unica artista ad aver ottenuto questo risultato.
  • Mariah è l'unica artista della storia ad aver avuto nelle stessa settimana un singolo alla numero 1 e uno alla numero 2: i singoli in questione sono We Belong Together e Shake It Off.[451]
  • Mariah è una dei 3 artisti (l'unica donna) ad aver ricevuto un American Music Award per Meriti Speciali (gli altri due sono Michael Jackson e Prince).[449]
  • Mariah è l'unica artista femminile ad aver ottenuto 12 album consecutivi certificati dalla RIAA per aver venduto almeno 3 milioni di copie.
  • Il video di Heartbreaker è costato 2,5 milioni di dollari ed è l'ottavo più costoso nella storia.[452]
  • Negli Stati Uniti, Mariah Carey, Adele, Aretha Franklin, Madonna, Norah Jones, Britney Spears, Céline Dion, Whitney Houston, Shania Twain e le Dixie Chicks sono le uniche artiste donna premiate con dischi di Diamante (più di 10 milioni di copie vendute).
  • Con soli 15 anni nell'industria musicale Mariah le seguenti certificazioni RIAA: album - 76 certificazioni (ad aprile 2005); singoli - 34 certificazioni (ad aprile 2005); totale: 110 certificazioni.[453]
  • Certificazioni RIAA: 10 oro, 12 platino, 13 multi-platino, 5 diamante per gli album; 24 oro, 10 platino, 2 multi-platino per i singoli.
  • Mariah Carey ha 10 album al primo posto nella Billboard 200 (4 debutti al No. 1) superando Madonna (7), Janet Jackson (6) e Barbra Streisand (8).
  • Mariah è la prima artista femminile ad aver vinto il Diamond Award ai World Music Awards. La stessa manifestazione ha proclamato Mariah la cantante ad aver venduto il maggior numero di dischi negli anni novanta. Mariah detiene anche il record per aver ricevuto il maggior numero dei World Music Award (18).[449]
  • Il brano I Want To Know What Love Is è rimasta alla numero uno della classifica brasiliana per 27 settimane: la cantante ha successivamente ringraziato ufficialmente i Brasiliani con un messaggio in portoghese lasciato sul suo sito ufficiale.[454]

Profumi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 - M
  • 2008 - M by Mariah Carey Gold Deluxe Edition
  • 2008 - Luscious Pink
  • 2009 - M Ultra Pink
  • 2009 - Luscious Pink Deluxe Edition Parfum
  • 2009 - Forever
  • 2010 - Lollipop Bling Honey
  • 2010 - Lollipop Bling Mine Again
  • 2010 - Lollipop Bling Ribbon
  • 2011 - Lollipop Bling that Chick
  • 2011 - Lollipop Splash Inseparable
  • 2011 - Lollipop Splash Never Forget You
  • 2011 - Lollipop Splash Vision of Love

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Mariah Carey, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Kat Brown, Mariah Carey to get star on Hollywood Walk of Fame, The Daily Telegraph, 28 luglio 2015. URL consultato il 4 aprile 2016.
  3. ^ a b (EN) Mariah Carey, MTV. URL consultato il 4 aprile 2016.
  4. ^ (EN) Michael Idato, Mariah Carey: the passionate and elusive singer reveals her new album, The Sydney Morning Herald, 4 maggio 2014. URL consultato il 4 aprile 2016.
  5. ^ (EN) Julie Jackson, Mariah Carey to hold solo concert in October, The Korea Herald, 7 agosto 2014. URL consultato il 4 aprile 2016.
  6. ^ a b (EN) Gary Trust, Most Weeks at No. 1 on Billboard Hot 100 By Title, Billboard, 12 novembre 2015. URL consultato il 5 aprile 2016.
  7. ^ Mariah Carey raggiunge la 18ma number 1 nella Billboard 100, ibtimes.com.
  8. ^ (EN) Jody Rosen, Bigger Than Elvis, in Slate, 29 aprile 2008. URL consultato il 13 settembre 2016.
  9. ^ Mariah Carey - Brasil Charts, su www.mariah-charts.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  10. ^ "I Know What You Want" wins three ASCAP Awards | The Mariah Carey Archives, su www.mcarchives.com. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  11. ^ (EN) TriniTrent, The Diva Definition: 10 Ways Mariah Carey Changed Music, in Trini Trent - Thoughts From Under The Mango Tree, 22 marzo 2013. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  12. ^ The Diva Definition: 10 Ways Mariah Carey Changed Music, su prince.org. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  13. ^ 18 Times Mariah Carey Totally Dominated The Music Industry, in BuzzFeed. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  14. ^ Who ruled the 90's? The 100 biggest artists of the decade in the USA, rateyourmusic.com. URL consultato il 13 settembre 2016.
  15. ^ Who ruled the 90's? The 100 biggest artists of the decade in the USA, rateyourmusic.com. URL consultato il 13 settembre 2016.
  16. ^ Mariah Carey - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  17. ^ Mariah Carey - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  18. ^ Twenty years ago, Mariah Carey had a “Fantasy” that changed pop music forever – EST. 1997, su est1997.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  19. ^ ‘Fantasy’ 20 Years Later: How One of Mariah Carey’s Biggest Singles Became the Future of Pop Music, etonline.com. URL consultato il 12 settembre 2016.
  20. ^ (EN) TriniTrent, The Diva Definition: 10 Ways Mariah Carey Changed Music, trinitrent.com, 22 marzo 2013. URL consultato il 12 settembre 2016.
  21. ^ Mariah Carey (2002), su Rolling Stone. URL consultato il 13 settembre 2016.
  22. ^ Sheena McKenzie, for CNN and Nischelle Turner CNN, The evolution of Mariah Carey: From wide-eyed teen to songbird supreme, su CNN. URL consultato il 13 settembre 2016.
  23. ^ Songbird supreme | The Mariah Carey Archives, su www.mcarchives.com. URL consultato il 13 settembre 2016.
  24. ^ Songbird supreme Mariah Carey sparkles in Sydney, news.com.au. URL consultato il 13 settembre 2016.
  25. ^ (EN) Rachel McGrath, Mariah Carey Named Most Successful Singer Of All-Time, Beating Paul McCartney, Elvis Presley And Whitney Houston, in The Huffington Post, 1º settembre 2014. URL consultato il 24 marzo 2016.
  26. ^ (EN) Mariah Carey, AllMusic. URL consultato il 5 aprile 2016.
  27. ^ Mariah Carey consegna Artist of The Millennium Award ai World Music Awards, youtube.com.
  28. ^ Biografia di Mariah Carey (1), musicalstore.it.
  29. ^ Biografia di Mariah Carey (2), windoweb.it.
  30. ^ Nickson, Chris, Mariah Carey revisited, New York, St. Martin's Griffin, 1998, ISBN 978-0-312-19512-0.
  31. ^ Informazioni su Mariah Carey, dada.it.
  32. ^ La madre di Mariah Carey le insegnò a cantare, books.google.com.
  33. ^ Biografia non-autorizzata di Mariah Carey, books.google.com.
  34. ^ Mariah Carey firma un contratto con la Columbia Records, grandivincenti.blogspot.com.
  35. ^ Mariah Carey debutta alla posizione numero ottanta negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  36. ^ Mariah Carey in salita dal 13º al 6º, billboard.com.
  37. ^ Mariah Carey al primo posto (1), billboard.com.
  38. ^ Mariah Carey al primo posto (2), billboard.com.
  39. ^ Mariah Carey al primo posto (3), billboard.com.
  40. ^ Mariah Carey al primo posto (4), billboard.com.
  41. ^ Mariah Carey al primo posto (5), billboard.com.
  42. ^ Mariah Carey album più venduto negli Stati Uniti nel 1991, web.archive.org.
  43. ^ L'album di debutto della Carey vende oltre nove milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  44. ^ L'album di debutto della Carey vende oltre settecentomila copie in Canada, cria.ca.
  45. ^ L'album di debutto della Carey vende oltre trecentomila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  46. ^ Vision Of Love,Love Takes Time,Someday e I Don't Wanna Cry 1° negli Stati Uniti, billboard.com.
  47. ^ Mariah Carey vince due Grammy Award, allmusic.com.
  48. ^ Emotions debutta alla posizione numero quattro negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  49. ^ Emotions alla posizione numero quattro negli Stati Uniti d'America per la seconda settimana, billboard.com.
  50. ^ Emotions tre mesi nei primi dieci posti della Billboard 200, billboard.com.
  51. ^ Emotions della Carey ottavo in Australia, australian-charts.com.
  52. ^ Emotions della Carey sesto in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  53. ^ Emotions della Carey ottavo in Norvegia, norwegiancharts.com.
  54. ^ Emotions della Carey nono nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  55. ^ Emotions della Carey quinto in Canada, collectionscanada.gc.ca.
  56. ^ Emotions della Carey terzo in Giappone (PDF), riaj.or.jp.
  57. ^ Emotions della Carey quarto nel Regno Unito, theofficialcharts.com.
  58. ^ Emotions della Carey vende oltre quattro milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  59. ^ Emotions della Carey vende oltre quattrocentomila copie in Canada, cria.ca.
  60. ^ Emotions della Carey vende oltre trecentomila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  61. ^ Emotions primo per la prima settimana, billboard.com.
  62. ^ Emotions primo per la seconda settimana consecutiva, billboard.com.
  63. ^ Emotions primo per la terza settimana consecutiva, billboard.com.
  64. ^ Can't Let Go seconda (posizione massima) nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  65. ^ Make It Happen quinta (posizione massima) nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  66. ^ MTV Unplugged debutta alla posizione numero otto negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  67. ^ MTV Unplugged due mesi nei primi dieci posti della Billboard 200, billboard.com.
  68. ^ MTV Unplugged raggiunge la posizione numero tre negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  69. ^ MTV Unplugged della Carey 1° in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  70. ^ MTV Unplugged della Carey 1° nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  71. ^ MTV Unplugged della Carey vende oltre tre milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  72. ^ MTV Unplugged della Carey certificato 2× Platino nei Paesi Bassi, nvpi.nl.
  73. ^ MTV Unplugged della Carey vende oltre centomila copie in Canada, cria.ca.
  74. ^ I'll Be There 1° nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  75. ^ If It's Over (Unplugged) nella classifica dei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  76. ^ Mariah Carey sposa Mottola nel 1993, mtv.it.
  77. ^ Music Box di Mariah Carey esce il 31 agosto 1993, rockol.it.
  78. ^ Music Box debutta alla posizione numero due negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  79. ^ Music Box alla posizione numero due negli Stati Uniti d'America per la seconda settimana, billboard.com.
  80. ^ Music Box più di cinque mesi nei primi dieci posti della Billboard 200, billboard.com.
  81. ^ Music Box al 1º posto della Billboard 200, billboard.com.
  82. ^ Music Box al 1º posto della Billboard 200 per otto settimane (non consecutive) (1), billboard.com.
  83. ^ Music Box al 1º posto della Billboard 200 per otto settimane (non consecutive) (2), billboard.com.
  84. ^ Music Box della Carey primo (per 18 settimane) in Australia, australian-charts.com.
  85. ^ Music Box della Carey primo (per 12 settimane) nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  86. ^ Music Box della Carey primo (per una settimana) nel Regno Unito, theofficialcharts.com.
  87. ^ Music Box della Carey primo (per 11 settimane) in Austria, austriancharts.at.
  88. ^ Music Box della Carey primo in Francia, chartsinfrance.net.
  89. ^ Music Box della Carey primo (primo per undici settimane) in Germania, officialcharts.de.
  90. ^ Music Box della Carey primo (per una settimana) in Svizzera, hitparade.ch.
  91. ^ Music Box della Carey vende oltre due milioni di copie in Giappone, wayback.archive.org.
  92. ^ L'album Music Box della Carey vende oltre dieci milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  93. ^ L'album Music Box della Carey vende oltre un milione in Francia, disqueenfrance.com.
  94. ^ L'album Musix Box della Carey vende oltre settecentomila copie in Australia (PDF), pandora.nla.gov.au.
  95. ^ L'album Music Box della Carey vende oltre settecentomila copie in Canada, cria.ca.
  96. ^ L'album Music Box della Carey vende oltre 32 milioni di copie nel mondo, soulculture.co.uk.
  97. ^ Dreamlover 1° nella Billboard Hot 100 (1), billboard.com.
  98. ^ Dreamlover 1° nella Billboard Hot 100 (2), billboard.com.
  99. ^ Hero 1° (per un mese) nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  100. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 3° nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  101. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per una settimana) in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  102. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per cinque settimane) nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  103. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per dieci settimane) in Svizzera, hitparade.ch.
  104. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per due mesi) in Svezia, swedishcharts.com.
  105. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per due mesi) in Austria, austriancharts.at.
  106. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per un mese) in Germania, officialcharts.de.
  107. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° in Irlanda, irishcharts.ie.
  108. ^ Without You (cover di Mariah Carey) 1° (per un mese) nel Regno Unito, chartstats.com. (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  109. ^ Anytime You Need a Friend debutta al 45º posto nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  110. ^ Anytime You Need a Friend al 12º posto (per tre settimane consecutive) nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  111. ^ Endless Love al 2º posto nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  112. ^ Endless Love al 1º posto (per cinque settimane consecutive) in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  113. ^ Merry Christmas debutta al trentesimo posto, billboard.com.
  114. ^ Merry Christmas raggiunge la top ten, billboard.com.
  115. ^ Merry Christmas al 3º posto, billboard.com.
  116. ^ Merry Christmas al 1º posto nella classifica in Giappone (PDF), riaj.or.jp.
  117. ^ Merry Christmas della Carey vende oltre due milioni e mezzo di copie in Giappone, books.google.com.
  118. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (1), prnewswire.com.
  119. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (2), telegraph.co.uk.
  120. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (3), newyorker.com.
  121. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (4), thenational.ae.
  122. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (5), independent.co.uk.
  123. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (6), rap-up.com.
  124. ^ Merry Christmas album natalizio più venduto (7), ibs.it.
  125. ^ All I Want for Christmas Is You al primo posto delle hit natalizie vendute nell'era digitale, new.music.yahoo.com.
  126. ^ Joy to the World (cover di Mariah Carey) 33° (per due settimane) in Australia, australian-charts.com.
  127. ^ Daydream di Mariah Carey esce il 3 ottobre 1995, indonesiaindonesia.com.
  128. ^ Daydream debutta alla posizione numero uno negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  129. ^ Daydream alla posizione numero uno negli Stati Uniti d'America per la seconda settimana, billboard.com.
  130. ^ Daydream ventinove settimane nei primi dieci posti (sei al primo) della Billboard 200 (1), billboard.com.
  131. ^ Daydream ventinove settimane (sei al primo) nei primi dieci posti della Billboard 200 (2), books.google.com.
  132. ^ Daydream della Carey primo (per una settimana) in Australia, australian-charts.com.
  133. ^ Daydream della Carey primo (per una settimana) nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  134. ^ Daydream della Carey primo (per una settimana) in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  135. ^ Daydream della Carey primo (per una settimana) in Germania, officialcharts.de.
  136. ^ Daydream della Carey primo in Giappone, oricon.co.jp.
  137. ^ Daydream della Carey primo in Portogallo, books.google.fr.
  138. ^ Daydream della Carey primo (per una settimana) nel Regno Unito, theofficialcharts.com.
  139. ^ Daydream della Carey primo (per una settimana) in Svizzera, hitparade.ch.
  140. ^ Daydream della Carey vende oltre due milioni di copie in Giappone, web.archive.org.
  141. ^ L'album Daydream della Carey vende oltre dieci milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  142. ^ L'album Daydream della Carey vende oltre settecentomila copie in Canada, cria.ca.
  143. ^ L'album Daydream della Carey vende oltre duecentomila copie in Francia, infodisc.fr.
  144. ^ L'album Daydream della Carey vende oltre seicentomila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  145. ^ L'album Daydream della Carey vende oltre 25 milioni di copie nel mondo, undercover.fm.
  146. ^ Fantasy direttamente al 1º posto nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  147. ^ One Sweet Day debutta al 1º posto nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  148. ^ One Sweet Day al 1º posto (per la sedicesima settimana consecutiva) nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  149. ^ Always Be My Baby al 1º posto nella Billboard Hot 100 (1), billboard.com.
  150. ^ Always Be My Baby al 1º posto nella Billboard Hot 100 (2), billboard.com.
  151. ^ Open Arms (cover di Mariah Carey) vende oltre centomila copie nel Regno Unito), mtv.co.uk.
  152. ^ Mariah Carey si separa da Mottola, news.softpedia.com.
  153. ^ Butterfly debutta al primo posto, billboard.com.
  154. ^ Butterfly dodici settimane nei primi dieci posti, billboard.com.
  155. ^ Butterfly cinquantacinque settimane nei primi duecento posti, billboard.com.
  156. ^ Butterfly della Carey vende oltre cinque milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  157. ^ Butterfly della Carey vende oltre duecentomila copie in Canada, cria.ca.
  158. ^ Butterfly della Carey vende oltre centomila copie in Australia, aria.com.au.
  159. ^ Butterfly della Carey vende oltre un milione di copie in Giappone, riaj.or.jp.
  160. ^ Honey al primo posto nella Billboard Hot 100 (1), billboard.com.
  161. ^ Honey al primo posto nella Billboard Hot 100 (2), billboard.com.
  162. ^ Honey al primo posto nella Billboard Hot 100 (3), billboard.com.
  163. ^ My All al primo posto nella Billboard Hot 100 (1), billboard.com.
  164. ^ Butterfly riceve consensi da AllMusic, allmusic.com.
  165. ^ Butterfly riceve consensi da Slant Magazine, slantmagazine.com.
  166. ^ Butterfly riceve consensi dal New York Times, nytimes.com.
  167. ^ Dura solo un anno la storia tra Mariah Carey e Derek Jeter, proxy.espn.go.com.
  168. ^ #1's debutta alla posizione numero quattro negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  169. ^ #1's un mese e mezzo nei primi dieci posti della Billboard 200, billboard.com.
  170. ^ #1's rientra al 177° negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  171. ^ #1's rientra al 193° negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  172. ^ #1's della Carey vende oltre tre milioni di copie in Giappone, web.archive.org.
  173. ^ #1's della Carey vende oltre cinque milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  174. ^ #1's della Carey vende oltre trecentomila copie in Canada, cria.ca.
  175. ^ #1's della Carey vende oltre duecentomila copie in Francia, disqueenfrance.com.
  176. ^ #1's della Carey vende oltre 17 milioni di copie nel mondo, store.livenation.com.
  177. ^ I Still Believe della Carey al quarto posto (1), billboard.com.
  178. ^ I Still Believe della Carey al quarto posto (2), billboard.com.
  179. ^ Mariah Carey considerata una diva da molti siti internet, music.yahoo.com.
  180. ^ Rainbow debutta alla posizione numero due negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  181. ^ Rainbow alla posizione numero due negli Stati Uniti d'America per la seconda settimana, billboard.com.
  182. ^ Rainbow un mese e mezzo nei primi dieci posti della Billboard 200, billboard.com.
  183. ^ Rainbow della Carey quarto in Australia, australian-charts.com.
  184. ^ Rainbow della Carey quarto nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  185. ^ Rainbow della Carey secondo in Canada, billboard.com.
  186. ^ Rainbow della Carey secondo in Giappone (PDF), riaj.or.jp.
  187. ^ Rainbow della Carey ottavo nel Regno Unito, theofficialcharts.com.
  188. ^ Rainbow della Carey secondo in Svizzera, hitparade.ch.
  189. ^ Rainbow della Carey quarto in Austria, austriancharts.at.
  190. ^ Rainbow della Carey terzo in Germania, officialcharts.de.
  191. ^ Rainbow della Carey quinto in Belgio (Vallonia), ultratop.be.
  192. ^ Rainbow della Carey primo (per una settimane) in Francia, lescharts.com.
  193. ^ Rainbow della Carey vende oltre tre milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  194. ^ Rainbow della Carey vende oltre duecentomila copie in Canada, cria.ca.
  195. ^ Heartbreaker alla posizione numero uno negli Stati Uniti d'America per la prima settimana, billboard.com.
  196. ^ Heartbreaker alla posizione numero uno negli Stati Uniti d'America per la seconda settimana, billboard.com.
  197. ^ Thank God I Found You alla posizione numero uno negli Stati Uniti d'America, allmusic.com.
  198. ^ Crybaby alla posizione numero ventotto negli Stati Uniti d'America, billboard.com.
  199. ^ Against All Odds (Take a Look at Me Now) alla posizione numero uno nel Regno Unito (1), chartstats.com. (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2012).
  200. ^ Against All Odds (Take a Look at Me Now) alla posizione numero uno nel Regno Unito (2), chartstats.com. (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  201. ^ Against All Odds (Take a Look at Me Now) (cover Mariah Carey) vende oltre trecentomila copie nel Regno Unito, mtv.co.uk.
  202. ^ Mariah Carey vince il World Music Award nel 2000, web.archive.org.
  203. ^ Mariah Carey firma un contratto con la Virgin Records, cbc.ca.
  204. ^ Mariah Carey si lamenta del troppo lavoro a suo carico, foxnews.com.
  205. ^ Mariah Carey continua a lamentarsi circa le sue condizioni lavorative, usatoday30.usatoday.com.
  206. ^ Mariah Carey,spettacolo imbarazzante durante TRL, imdb.com.
  207. ^ Mariah Carey in ospedale psichiatrico, archiviostorico.corriere.it. (archiviato dall'url originale il ).
  208. ^ Glitter debutta al settimo posto nella Billboard 200, billboard.com.
  209. ^ Glitter della Carey tre mesi nei primi duecento album più venduti negli Stati Uniti, billboard.com.
  210. ^ Glitter della Carey settimo in Germania, officialcharts.de.
  211. ^ Glitter della Carey decimo in Svizzera, hitparade.ch.
  212. ^ Glitter della Carey quinto in Francia, lescharts.com.
  213. ^ Glitter della Carey decimo in Belgio (Fiandre), ultratop.be.
  214. ^ Glitter della Carey quinto in Italia, italiancharts.com.
  215. ^ Glitter della Carey decimo nel Regno Unito, chartstats.com.
  216. ^ Glitter della Carey primo in Giappone, oricon.co.jp.
  217. ^ Glitter vende oltre un milione negli Stati Uniti, riaa.com.
  218. ^ Glitter vende oltre cinquantamila copie in Francia, infodisc.fr.
  219. ^ Glitter vende oltre venticinquemila copie in Svizzera, infodisc.fr.
  220. ^ Glitter,ventidue milioni spesi per la produzione del film, boxofficemojo.com.
  221. ^ Glitter incassa solo cinque milioni, boxofficemojo.com.
  222. ^ Mariah premiata come peggior attrice protagonista ai Razzie Awards, associatedcontent.com.
  223. ^ Loverboy della Carey al 2º posto nella Billboard Hot 100 (1), billboard.com.
  224. ^ Loverboy della Carey al 2º posto nella Billboard Hot 100 (2), billboard.com.
  225. ^ Never Too Far della Carey all'81º posto nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  226. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) al decimo posto in Danimarca, danishcharts.com.
  227. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) al terzo posto in Giappone, oricon.co.jp.
  228. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) al settimo posto nel Regno Unito, chartstats.com.
  229. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) vende oltre quarantamila copie in Brasile, abpd.org.br.
  230. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) vende oltre quindicimila copie in Irlanda, irishcharts.ie.
  231. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) vende oltre trecentomila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  232. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) vende oltre un milione di copie negli Stati Uniti, riaa.com.
  233. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) vende trentacinquemila copie in Australia, aria.com.au.
  234. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) certificato oro in Hong Kong, ifpihk.org.
  235. ^ Greatest Hits (Mariah Carey) vende oltre cinquantamila copie in Francia, disqueenfrance.com.
  236. ^ Mariah Carey licenziata dalla Virgin Records, rockol.it.
  237. ^ Whitney Houston blocca il nuovo contratto di Mariah Carey con la Arista, rockol.it.
  238. ^ Mariah Carey firma contratto con la Island Records, glitteringtk.altervista.org.
  239. ^ Padre di Mariah Carey muore di cancro, popdirt.com.
  240. ^ Wisegirls - Scelte d'onore,la seconda prova cinematografica di Mariah Carey, cinema-tv.corriere.it.
  241. ^ Charmbracelet debutta al terzo posto nella Billboard 200, billboard.com.
  242. ^ Charmbracelet della Carey ventidue settimane nei primi duecento album più venduti negli Stati Uniti, billboard.com.
  243. ^ Charmbracelet al nono posto in Svizzera, swisscharts.com.
  244. ^ Charmbracelet al quarto posto in Giappone, oricon.co.jp.
  245. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre un milione di copie negli Stati Uniti, riaa.com.
  246. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre ventimila copie in Svizzera, swisscharts.com.
  247. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre ventimila copie in Brasile, abpd.org.br.
  248. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre cinquantamila copie in Canada, musiccanada.com.
  249. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre cinquantamila copie in Francia, disqueenfrance.com.
  250. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) certificato disco d'oro, ifpihk.org.
  251. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre sessantamila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  252. ^ Charmbracelet (Mariah Carey) vende oltre quattro milioni di copie nel mondo, store.livenation.com.
  253. ^ Through the Rain (Mariah Carey) all'81º posto della Billboard Hot 100, billboard.com.
  254. ^ Through the Rain (Mariah Carey) settimo in Italia, italiancharts.com.
  255. ^ Through the Rain (Mariah Carey) nono nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  256. ^ Through the Rain (Mariah Carey) settimo in Svizzera, hitparade.ch.
  257. ^ Through the Rain (Mariah Carey) settimo in Svezia, swedishcharts.com.
  258. ^ Through the Rain (Mariah Carey) quinto in Canada, allmusic.com.
  259. ^ I Know What You Want (Busta Rhymes & Mariah Carey) terzo negli Stati Uniti (1), billboard.com.
  260. ^ I Know What You Want (Busta Rhymes & Mariah Carey) terzo negli Stati Uniti (2), billboard.com.
  261. ^ I Know What You Want (Busta Rhymes & Mariah Carey) terzo negli Stati Uniti (3), billboard.com.
  262. ^ The Remixes (Mariah Carey) al ventiseiesimo posto negli Stati Uniti, billboard.com.
  263. ^ The Remixes (Mariah Carey) vende quasi duecentomila copie negli Stati Uniti, billboard.com.
  264. ^ Mariah Carey riceve il Diamond Award per avere venduto più di cento milioni di dischi nel mondo, worldmusicawards.com.
  265. ^ Il 1º aprile (data italiana) esce The Emancipation of Mimi, universalmusic.it.
  266. ^ The Emancipation of Mimi debutta al primo posto, billboard.com.
  267. ^ The Emancipation of Mimi oltre otto mesi nei primi dieci posti, billboard.com.
  268. ^ The Emancipation of Mimi settantaquattro settimane nei primi duecento posti, billboard.com.
  269. ^ The Emancipation of Mimi (Special Edition) esce il 15 novembre 2005, mtv.com.
  270. ^ The Emancipation of Mimi album più venduto negli Stati Uniti d'America nel 2005 (1), it.eonline.com.
  271. ^ The Emancipation of Mimi album più venduto negli Stati Uniti d'America nel 2005 (2), popwatch.ew.com.
  272. ^ The Emancipation of Mimi della Carey sesto in Australia, australian-charts.com.
  273. ^ The Emancipation of Mimi della Carey ottavo nei Paesi Bassi, dutchcharts.nl.
  274. ^ The Emancipation of Mimi della Carey secondo in Canada, billboard.com.
  275. ^ The Emancipation of Mimi della Carey secondo in Giappone, oricon.co.jp.
  276. ^ The Emancipation of Mimi della Carey settimo nel Regno Unito, theofficialcharts.com.
  277. ^ The Emancipation of Mimi della Carey nono in Svizzera, hitparade.ch.
  278. ^ The Emancipation of Mimi della Carey secondo in Danimarca, danishcharts.com.
  279. ^ The Emancipation of Mimi della Carey quarto in Francia, lescharts.com.
  280. ^ The Emancipation of Mimi della Carey vende oltre sei milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  281. ^ The Emancipation of Mimi della Carey vende oltre trecentomila copie in Canada, cria.ca.
  282. ^ The Emancipation of Mimi della Carey vende oltre seicentomila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  283. ^ The Emancipation of Mimi vende oltre dodici milioni di copie nel mondo, telegraph.co.uk.
  284. ^ It's Like That della Carey sedicesimo negli Stati Uniti, billboard.com.
  285. ^ It's Like That della Carey primo in Giappone, oricon.co.jp.
  286. ^ We Belong Together della Carey primo negli Stati Uniti, billboard.com.
  287. ^ We Belong Together della Carey singolo più scaricato del 2005 negli Stati Uniti, billboard.biz.
  288. ^ Mariah Carey, unica donna ad avere mai avuto due singoli nelle prime due posizione della Billboard Hot 100 (1), billboard.com.
  289. ^ Mariah Carey, unica donna ad avere mai avuto due singoli nelle prime due posizione della Billboard Hot 100 (2), billboard.com.
  290. ^ Mariah Carey al Live 8, thelive8concert.com.
  291. ^ Mariah Carey 17ª numero uno nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  292. ^ Mariah Carey pari merito con Elvis Presley in quanto primi posti in America, seattlepi.com.
  293. ^ Don't Forget About Us al primo posto in Finlandia, finnishcharts.com.
  294. ^ Say Somethin' al settantanovesimo posto nella classifica degli Stati Uniti, billboard.com.
  295. ^ Mariah Carey riceve otto nomination ai Grammy Awards nel 2006, usatoday.com.
  296. ^ Mariah Carey vince tre Grammy nel 2006, metrolyrics.com.
  297. ^ L'11 aprile (data italiana) esce E=MC², tgcom.mediaset.it.
  298. ^ E=MC² di Mariah Carey al primo posto nella Billboard 200 (1), billboard.com.
  299. ^ E=MC² di Mariah Carey al primo posto nella Billboard 200 (2), billboard.com.
  300. ^ E=MC² della Carey vende 463.000 copie nella sua prima settimana di vendita, billboard.com.
  301. ^ E=MC² album più venduto della Carey nella sua prima settimana di vendita, mtv.com.
  302. ^ E=MC² ventisette settimane nei primi duecento posti, billboard.com.
  303. ^ E=MC² della Carey ventiduesimo album più venduto negli Stati Uniti nel 2008, login.vnuemedia.com.
  304. ^ E=MC² della Carey secondo in Australia, australian-charts.com.
  305. ^ E=MC² della Carey settimo in Giappone, oricon.co.jp.
  306. ^ E=MC² della Carey terzo nel Regno Unito, theofficialcharts.com.
  307. ^ E=MC² della Carey quinto in Svizzera, hitparade.ch.
  308. ^ E=MC² della Carey nono in Italia, italiancharts.com.
  309. ^ E=MC² della Carey sesto in Francia, lescharts.com.
  310. ^ E=MC² della Carey ottavo in Austria, austriancharts.at.
  311. ^ E=MC² della Carey decimo in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  312. ^ E=MC² della Carey settimo in Germania, officialcharts.de.
  313. ^ E=MC² della Carey primo in Canada, jam.canoe.ca.
  314. ^ E=MC² della Carey vende oltre un milioni negli Stati Uniti d'America, riaa.com.
  315. ^ E=MC² della Carey vende oltre centomila copie in Canada, cria.ca.
  316. ^ E=MC² della Carey vende oltre trentacinquemila copie in Australia, aria.com.au.
  317. ^ E=MC² della Carey vende oltre ventimila copie in Brasile, abpd.org.br.
  318. ^ E=MC² della Carey vende oltre centomila copie in Giappone, riaj.or.jp.
  319. ^ E=MC² della Carey vende oltre quindicimila copie nelle Filippine, pep.ph.
  320. ^ E=MC² della Carey vende oltre cinquemila copie in Russia, 2m-online.ru.
  321. ^ E=MC² della Carey vende oltre centomila copie nel Regno Unito, bpi.co.uk.
  322. ^ E=MC² vende oltre due milioni di copie nel mondo, chartsinfrance.net.
  323. ^ Touch My Body al primo posto nella Billboard Hot 100, billboard.com.
  324. ^ Mariah Carey con diciotto primi posti supera Elvis Presley fermo a diciassette primi posti, nydailynews.com.
  325. ^ Touch My Body cinque settimane nei primi dieci posti in Italia, italiancharts.com.
  326. ^ Touch My Body di Mariah Carey certificato platino in Italia (PDF), musicaedischi.it.
  327. ^ Mariah Carey sposa Nick Cannon, liquida.it.
  328. ^ Bye Bye di Mariah Carey 7° in Nuova Zelanda, charts.org.nz.
  329. ^ Bye Bye di Mariah Carey 19° negli Stati Uniti, billboard.com.
  330. ^ I'll Be Lovin' U Long Time di Mariah Carey 58° negli Stati Uniti, billboard.com.
  331. ^ The Ballads di Mariah Carey esce il 24 ottobre (data italiana) 2008, music-flash.blogspot.com.
  332. ^ The Ballads uscirà col nome di LoveSongs nel Regno Unito, hmv.com.
  333. ^ The Ballads di Mariah Carey alla cinquantaseiesima posizione in Italia, fimi.it.
  334. ^ The Ballads di Mariah Carey certificato disco d'oro in Irlanda, irishcharts.ie.
  335. ^ Mariah Carey lasci l'evento dedicato a Barack Obama (1), vivianamusumeciblog.wordpress.com.
  336. ^ Mariah Carey lasci l'evento dedicato a Barack Obama (2), mtv.it.
  337. ^ Mariah Carey si esibirà al funerale di Michael Jackson, airdave.it.
  338. ^ Mariah Carey si scusa su Twitter per la sua esibizione al funerale di Michael Jackson, gossipblog.it.
  339. ^ My Love (The-Dream & Mariah Carey) all'ottantaduesimo nella classifica degli Stati Uniti, billboard.com.
  340. ^ The-Dream collaborerà all'elaborazione del nuovo album di Mariah Carey, rnbjunk.com.
  341. ^ Mariah Carey rivela su Twitter il titolo del suo dodicesimo album, teamworld.it.
  342. ^ Memoirs of an Imperfect Angel terzo negli Stati Uniti, billboard.com.
  343. ^ Memoirs of an Imperfect Angel vende 168 000 copie nella sua prima settimana di vendita, billboard.com.
  344. ^ Memoirs of an Imperfect Angel settimo negli Stati Uniti, billboard.com.
  345. ^ Memoirs of an Imperfect Angel decimo negli Stati Uniti, billboard.com.
  346. ^ Memoirs of an Imperfect Angel tre settimane consecutive nei primi dieci posti negli Stati Uniti, billboard.com.
  347. ^ Memoirs of an Imperfect Angel sesto in Australia, australian-charts.com.
  348. ^ Memoirs of an Imperfect Angel decimo in Francia, lescharts.com.
  349. ^ Memoirs of an Imperfect Angel quinto in Danimarca, danishcharts.com.
  350. ^ Memoirs of an Imperfect Angel nono in Giappone, oricon.co.jp.
  351. ^ Memoirs of an Imperfect Angel quinto in Canada, billboard.com.
  352. ^ Memoirs of an Imperfect Angel vende oltre un milione di copie nel mondo, mariahcareyitalia.blogspot.com.
  353. ^ Obsessed anticiperà l'uscita dell'album Memoirs of an Imperfect Angel, mariahcarey.com.
  354. ^ Obsessed sesto in Italia, italiancharts.com.
  355. ^ Obsessed ottavo in Francia, lescharts.com.
  356. ^ Obsessed settimo negli Stati Uniti, billboard.com.
  357. ^ Obsessed certificato Platino negli Stati Uniti, riaa.com.
  358. ^ I Want to Know What Love Is sesto in Francia, lescharts.com.
  359. ^ I Want to Know What Love Is terzo in Giappone, billboard.com.
  360. ^ I Want to Know What Love Is primo (per 27 settimane) nella classifica ufficiale airplay in Brasile, mariahjournal.com.
  361. ^ X Factor 3: questa sera la decima puntata con Mariah Carey super-ospite!, tvblog.it.
  362. ^ Mariah Carey occupata con i concerti dell'Angels Advocate Tour, pollstar.com.
  363. ^ Mariah Carey contro Eminem in Obsessed, sologossip.com.
  364. ^ Obsessed non è rivolta ad Eminem, rnbjunk.com.
  365. ^ Eminem risponde a Mariah Carey, qnm.it.
  366. ^ Eminem parla di The Warming (Mariah Carey Diss), mtv.com.
  367. ^ Busta Rhymes dalla parte di Mariah Carey, rnbjunk.com.
  368. ^ Eminem pubblica nuove canzoni contro Mariah Carey, people.com.
  369. ^ Clown di Mariah Carey rivolta ad Eminem, rap.about.com.
  370. ^ Mariah Carey afferma di non avere mai fatto sesso con Eminem, news.softpedia.com.
  371. ^ Playlist: The Very Best of Mariah Carey esce il 26 gennaio 2010 negli Stati Uniti, rnbjunk.com.
  372. ^ Up Out My Face (Mariah Carey & Nicki Minaj al 100º posto negli Stati Uniti, acharts.us.
  373. ^ Angels Advocate (seguito di Memoirs of an Imperfect Angel) non verrà pubblicato, digitalspy.co.uk.
  374. ^ Helping Haiti con Everybody Hurts primi nel Regno Unito (1), chartstats.com.
  375. ^ Helping Haiti con Everybody Hurts primi nel Regno Unito (2), chartstats.com. (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2012).
  376. ^ 100% (Mariah Carey) sarà utilizzato come brano alle olimpiadi invernali 2010, mariahcarey.com.
  377. ^ Sei statuette vinte da Precious agli NAACP Image Awards, cinefestival.blogosfere.it.
  378. ^ Il secondo album dedicato alle feste natalizia sarà pubblicato ufficialmente il 2 novembre 2010, rnbjunk.com.
  379. ^ Merry Christmas II You debutta al quarto posto negli Stati Uniti, billboard.com.
  380. ^ Merry Christmas II You vende oltre cinquantamila copie nella sua prima settimana di vendita, billboard.com.
  381. ^ Merry Christmas II You certificato disco d'oro negli Stati Uniti, riaa.com.
  382. ^ Oh Santa! entra nella Billboard Hot 100, acharts.us.
  383. ^ Mariah Carey ufficializza la sua gravidanza, qn.quotidiano.net.
  384. ^ Mariah Carey e Nick Cannon non desiderano sapere il sesso del nascituro, musica.virgilio.it.
  385. ^ Mariah Carey aspetta un bambino concepito naturalmente, blogdonna.it.
  386. ^ Mariah Carey aspetta due gemelli, tgcom.mediaset.it.
  387. ^ Mariah Carey a Obama: «Sì, aspetto due gemelli», vanityfair.it.
  388. ^ Mariah Carey è finalmente mamma!, forbiciate.com.
  389. ^ Mariah Carey svela i nomi dei due gemelli, mariahcarey.com.
  390. ^ Il nuovo album di Mariah previsto per la fine del 2011, jungleplanet.it.
  391. ^ Mariah Carey torna in televisione dopo la gravidenza, jungleplanet.it.
  392. ^ Mariah Carey duetta con Justin Bieber (1), mtv.com.
  393. ^ Mariah Carey duetta con Justin Bieber (2), rap-up.com.
  394. ^ Mariah Carey mostrerà, per la prima volta in televisione, i suoi gemelli il 21 ottobre 2011, mariahcarey.com.
  395. ^ Amazon.com: When Christmas Comes: Mariah Carey: MP3 Downloads
  396. ^ iTunes - Music - When Christmas Comes - Single by Mariah Carey & John Legend
  397. ^ News | Mariah Carey
  398. ^ Rap-Up.com || Mariah Carey Taps Rick Ross and Meek Mill for New Single ‘Triumphant'
  399. ^ Mariah Carey joins ‘Idol' as a judge | FOX13Now.com – Salt Lake City, Utah News & Weather from KSTU Television FOX 13
  400. ^ Mariah Carey's new single 'Almost Home': Hear it here | The Music Mix | EW.com
  401. ^ Miguel Recalls When He 'Fell In Love' With Mariah Carey - Music, Celebrity, Artist News | MTV.com
  402. ^ Mariah Carey: il nuovo album arriverà a metà estate
  403. ^ Mariah Carey: tour internazionale in arrivo
  404. ^ Rap-Up.com || New Music: Mariah Carey – ‘The Art of Letting Go'
  405. ^ Mariah Carey: figuraccia in Giamaica, su 105.
  406. ^ Mariah Carey, divorzio ufficiale da Nick Cannon, gossipblog.it, 2 novembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2016.
  407. ^ Mariah Carey spende troppo, matrimonio addio, repubblica.it, 29 ottobre 2016. URL consultato il 2 novembre 2016.
  408. ^ (EN) USA Today - Mariah Carey, 'standing again', usatoday.com. URL consultato il 4 settembre 2010.
  409. ^ (EN) Nonostante 'Glitter', la carriera cinematografica della Carey potrebbe ancora fare scintille, MTV.com, 20 febbraio 2002. URL consultato il 27 agosto 2010.
  410. ^ (EN) Mike Sampson, Mariah e Sandler?, JoBlo.com, 11 giugno 2007. URL consultato il 27 agosto 2007.
  411. ^ (EN) Sito ufficiale Tennessee, tennesseethefilm.com. URL consultato il 27 agosto 2010.
  412. ^ (EN) Wilson Morales, Film di Lee Daniels Rinominato 'PRECIOUS', su Black Voices, AOL, 27 agosto 2010. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  413. ^ (EN) Mariah Carey termine le riprese del film per motivi medici, Us. URL consultato il 27 agosto 2010.
  414. ^ (EN) Mariah Carey, Rolling Stone. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  415. ^ Garry Mulholland, The Illustrated Encyclopedia of Music, UK, Flame Tree Publishing. ISBN 1-904041-70-1, 2003, p. 57.
  416. ^ (EN) Roger Friedman, Mariah Carey Accused of Plagiarism, in Fox News, 10 agosto 2004. URL consultato il 4 settembre 2010.
  417. ^ (EN) Princess Positive is taking care of the inner Mariah, The Sydney Morning Herald, 1º aprile 2003. URL consultato il 12 marzo 2006.
  418. ^ (EN) Mariah Carey wants a voice machine like Stephen Hawking; Showbiz Spy – celebrity news, rumors & gossip, Showbiz Spy, 3 marzo 2008. URL consultato il 20 luglio 2010.
  419. ^ (EN) Higher and Higher, Mariah Daily Journal.
  420. ^ (EN) Jim Faber, Più di una 'MIMI' urlante, nydailynews.com. URL consultato il 28 agosto 2010.
  421. ^ (EN) Christopher John Farley, Principesse del Pop crescono, TIME, 25 settembre 1995. URL consultato il 28 agosto 2010.
  422. ^ Rolling Stone Magazine su Mariah Carey, rollingstone.com.
  423. ^ Mariah Carey savors a charmed year, Yahoo! Music, novembre 2005. URL consultato il 28 agosto 2010.
  424. ^ (EN) Mariah: Remixes, Reunions and Russia, Mtv.com.
  425. ^ (EN) G. Brown, Careyed away the singer with fantastic vocal range belts out songs with technical precision and too little feeling, in The Denver Post, 29 agosto 2003. URL consultato il 25 luglio 2010.
  426. ^ (EN) 100 Greatest Singers of All Time – Mariah Carey, in Rolling Stone. URL consultato il 25 luglio 2010.
  427. ^ (EN) Mariah Carey's record-breaking career, The New Yorker. URL consultato il 4 settembre 2010.
  428. ^ (EN) Mariah Carey - Biography, Billboard. URL consultato il 5 aprile 2016.
  429. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 5 aprile 2016).
  430. ^ (EN) Mariah Carey revisited: her story, books.google.com. URL consultato il 4 settembre 2010.
  431. ^ (EN) Billboard Magazine 1996, books.google.com. URL consultato il 4 settembre 2010.
  432. ^ (EN) The Emancipation of Mimi – Mariah Carey, billboard.com. URL consultato il 4 settembre 2010.
  433. ^ Mariah Carey interview for Precious - Telegraph
  434. ^ Mariah, Madonna Make Billboard Chart History | Billboard.com
  435. ^ (EN) Old chestnuts roasting: ghosts of Christmas music past – Features, Music, su The Independent, 11 dicembre 2007. URL consultato il 21 luglio 2010.
  436. ^ (EN) Mariah Carey's 'All I Want For Christmas Is You' Is World's First Double..., Prnewswire.com. URL consultato il 21 luglio 2010.
  437. ^ (EN) PR Newswire, Mariah Carey's 'All I Want For Christmas Is You' Is World's First Double Platinum Holiday Ringtone, TheStreet, 17 dicembre 2009. URL consultato il 29 giugno 2010.
  438. ^ (EN) "All I Want For Christmas Is You" Is World's First Double Platinum Holiday Ringtone, February-sky.org. URL consultato il 29 giugno 2010.
  439. ^ (EN) Fresh Air Fund Summer Programs: Summer Camping, Fresh Air Fund. URL consultato il 17 marzo 2006.
  440. ^ (EN) Mariah Receives Wish Icon Award, MariahCarey.com, 20 novembre 2006. URL consultato il 21 novembre 2006.
  441. ^ (EN) Hunger to Hope, fromhungertohope.com. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  442. ^ (EN) Roger Friedman, Mariah Carey Back: Diva Readies for Dec. 4 Release, Fox News, 21 settembre 2007.
  443. ^ (EN) Just stand up - Star-studded charitable single sets pace for stand up to cancer fundraising campaign, Standup2cancer.org. URL consultato il 20 ottobre 2009.
  444. ^ (EN) Michael Paoletta, The branding of Mimi, Billboard, 10 luglio 2006. URL consultato il 28 agosto 2010.
  445. ^ (EN) Gina Serpe, Mariah Pulls a J.Lo, E! Online, 3 marzo 2006. URL consultato il 12 marzo 2006.
  446. ^ (EN) Line Champagne, nydailynews.com. URL consultato il 4 settembre 2010.
  447. ^ Mariah Carey; Mariah Carey Jewelry, Shoes and Fragrances, su Home Shopping Network, HSN Inc., 3 marzo 2011. URL consultato il 19 agosto 2011.
  448. ^ Sarah Danner, Snug as a Bug In a Rug! Mariah's 'Dembabies' Moroccan and Monroe Look Comfy and Cosy in Their Carriers, in Daily Mail, Daily Mail and General Trust, 30 marzo 2008. URL consultato il 6 agosto 2011.
  449. ^ a b c d (EN) Mariah Carey - Awards, Mariah Daily Journal. URL consultato il 4.09.10.
  450. ^ a b (EN) Mariah Carey - Chart history, Billboard.com. URL consultato il 4.09.10.
  451. ^ (EN) Chart Date 2005-09-10, Billboard.com, 10.09.2005. URL consultato il 04.09.10.
  452. ^ (EN) The Most Expensive Music Videos Ever Made - Mariah Carey - Heartbreaker., MSN. Music, 16.10.2009. URL consultato il 04.09.10.
  453. ^ (EN) Certificazioni Mariah Carey, riaa.com. URL consultato il 4 settembre 2010.
  454. ^ (EN) Mariah Carey, Ringraziamento in portoghese, mariahcarey.com. URL consultato il 4 settembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Marc Shapiro, Mariah Carey, ECW Press, 2001, ISBN 1-55022-444-1.
  • (EN) Phil Hardy, The Faber Companion to 20th Century Popular Music: Fully Revised Third Edition, Faber and Faber Limited, 2001, ISBN 0-571-19608-X.
  • (EN) Garry Mulholland, The Illustrated Encyclopedia of Music, Flame Tree Publishing, 2003, ISBN 1-904041-70-1.
  • Guinness Rockopedia, Guinness Publishing Ltd, 1998, ISBN 0-85112-072-5.
  • (EN) Colin Larkin, The Encyclopedia of Popular Music Volume II: 3rd Edition, Muze UK Ltd, 1998, ISBN 0-333-74134-X.
  • (EN) Lucy O'Brien, She Bop II: The Definitive History of Women in Rock, Pop and Soul, Continuum, 2002, ISBN 0-8264-5776-2.
  • (EN) Fred Bronson, Fred Bronson's Billboard Book of Number 1 Hits, 5th Edition, ISBN 0-8230-7677-6.
  • (EN) Joel Whitburn, Joel Whitburn Presents the Billboard Hot 100 Charts: The Sixties, ISBN 0-89820-074-1.
  • (EN) Joel Whitburn, Joel Whitburn Presents the Billboard Hot 100 Charts: The Nineties, ISBN 0-89820-137-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Grammy Award al miglior artista esordiente Successore
Milli Vanilli 1991 Marc Cohn
Predecessore Billboard Artista del Decennio Successore
1999 Eminem
Controllo di autorità VIAF: (EN49411392 · LCCN: (ENn91112415 · ISNI: (EN0000 0001 1472 2280 · GND: (DE119293161 · BNF: (FRcb13933084b (data) · NLA: (EN36589791