Billie Eilish

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Billie Eilish
Billie Eilish 2019 by Glenn Francis.jpg
Billie Eilish agli iHeartRadio Music Awards 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereIndie pop[1]
Elettropop[1]
Art pop[1]
Periodo di attività musicale2015 – in attività
Strumentovoce, ukulele, tastiera, chitarra
EtichettaDarkroom, Interscope Records
Album pubblicati2
Studio1
Live1
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Billie Eilish Pirate Baird O'Connell[2], semplicemente nota come Billie Eilish (IPA: aɪlɪʃ) (Los Angeles, 18 dicembre 2001), è una cantautrice statunitense.

È salita alla ribalta nel 2016 con il singolo Ocean Eyes, che è diventato virale su Spotify. Ad esso ha fatto seguito l'EP di debutto Don't Smile at Me, pubblicato nell'agosto 2017. Ad ottobre è stata nominata UpNext da Apple Music.[3] Nel 2019 viene pubblicato l'album in studio di debutto When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, che ha registrato un forte successo commerciale a livello globale ed è stato trainato dai singoli When the Party's Over, Bury a Friend e il numero uno nella Billboard Hot 100 Bad Guy, che ha reso Eilish la prima artista nata negli anni duemila ad aver registrato questo risultato.[4]

Nonostante la giovane età, Billie Eilish rientra tra le artiste più premiate del panorama musicale globale. Nel solo 2019 si è aggiudicata trentaquattro riconoscimenti, tra cui due American Music Awards, tre MTV Video Music Awards e due MTV Europe Music Awards. Oltretutto, nell'ambito dei Grammy Awards 2020, ottiene sei diverse candidature e si aggiudica cinque statuette di cui quattro nelle categorie principali di album dell'anno, registrazione dell'anno, canzone dell'anno e miglior artista esordiente. Così facendo, diventa la più giovane cantante di sempre e la prima artista donna in assoluto a riuscire nell'impresa.[5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 18 dicembre 2001 a Los Angeles, in California,[6] figlia di Maggie Baird e Patrick O'Connell, entrambi nel settore dello spettacolo.[7][8][9] Di origini irlandesi e scozzesi,[10] Eilish è cresciuta nel quartiere di Highland Park di Los Angeles.[6][11][12] Ha frequentato la scuola da casa e all'età di 8 anni si è unita al Los Angeles Children's Chorus.[13] All'età di 11 anni inizia a scrivere e cantare le sue canzoni, ispirandosi al fratello Finneas O'Connell, che già componeva brani con la sua band.[13]

2015–2017: Don't Smile at Me[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre del 2015 registra il primo brano, scritto inizialmente dal fratello Finneas per la band, ma poi re-inciso, Ocean Eyes; successivamente invia il brano all'insegnante di danza per la coreografia di un ballo.[13][14] Ocean Eyes viene pubblicato su Soundcloud tramite le etichette Darkroom e Interscope Records come singolo di debutto nel 2016; il video musicale esce il 24 marzo dello stesso anno. Più tardi pubblica il singolo Six Feet Under.[13][15]

(EN)

«The song is pure pop; a ballad about longing for reconciliation with an ex. I can imagine it becoming a major hit»

(IT)

«Il brano è pop puro; una ballata sul desiderio di riconciliazione con l'ex. Posso immaginare che diventi un grande successo»

(Chris DeVille di Stereogum)
Billie Eilish in concerto a Los Angeles nel 2017

Il 14 gennaio 2017 ha pubblicato un EP contenente quattro remix di Ocean Eyes.[16] Dopo il successo dei remix di Ocean Eyes, pubblica il singolo Bellyache il 14 febbraio 2017.[17], composto e prodotto dal fratello Finneas. Il video musicale diretto da Miles e AJ è stato pubblicato il 22 marzo 2017. Il 30 marzo viene pubblicato il brano Bored, ancora come parte della serie televisiva Tredici.[18] Il 30 giugno 2017 Eilish pubblica il singolo Watch,[19] e il mese successivo il brano Copycat, in contemporanea all'annuncio della pubblicazione suo EP di debutto, Don't Smile at Me. Ogni venerdì di luglio, la cantante aggiunse un brano all'EP,[20] fino all'11 agosto, quando il progetto venne pubblicato interamente dall'etichetta Interscope.[21] Successivamente, Billie ha collaborato con il rapper Vince Staples per il remix di Watch, intitolato &Burn.

Nel novembre 2017 viene annunciato il primo tour della cantante, il Where's My Mind Tour, con date in Europa e Nord America tra i mesi di febbraio e aprile 2018.[22]

2018–presente: When We All Fall Asleep, Where Do We Go? e successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito del Record Store Day di aprile 2018, vengono commercializzati il brano Party Favor in vinile e una cover acustica del brano Hotline Bling.[23] Pochi giorni dopo, incide il singolo Lovely con Khalid, parte della colonna sonora della serie televisiva Tredici.[24] Lovely riscuote molto successo a livello globale, ponendosi alle prime cinque posizioni delle classifiche in Australia e Nuova Zelanda.[25]

Il 18 luglio pubblica il singolo You Should See Me in a Crown,[26] a cui ha fatto seguito, il 17 ottobre dello stesso anno, When the Party's Over.[27] Quest'ultimo era stato eseguito per la prima volta dal vivo il 30 gennaio 2018 in un concerto ad Auckland, in Nuova Zelanda, per poi entrare a far stabilmente parte della scaletta del tour.[28] When the Party's Over si piazza alla quattordicesima posizione in Canada e alla ventunesima in Regno Unito.

Intanto ha inizio il secondo tour 1 by 1 Tour, con date in tutto il mondo[29] e la cantante ha anche aperto alcune date nordamericane dell'High as Hope Tour del gruppo musicale dei Florence and the Machine.[30] Dopo aver pubblicato il singolo Come Out and Play, utilizzato per la campagna pubblicitaria natalizia di Apple Share Your Gifts,[31] il 9 gennaio 2019 la cantante pubblica un nuovo singolo, When I Was Older, le cui sonorità sono ispirate dall'acclamato film messicano Roma, di Alfonso Cuarón.[32]

Billie Eilish al Pukkelpop Festival in Belgio nel 2019

Il 30 gennaio viene annunciato che l'album di debutto When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, contenente quattordici tracce, sarebbe stato pubblicato il 29 marzo 2019.[33] Parallelamente a questo annuncio, viene estratto il singolo Bury a Friend, accompagnato dal rispettivo videoclip musicale.[34] Oltre a Bury a Friend, sono stati inclusi nel disco i singoli You Should See Me in a Crown e When the Party's Over.[33] Il 4 marzo viene pubblicato un altro estratto, il singolo Wish You Were Gay.[35] Al momento della sua pubblicazione, When We All Fall Asleep, Where Do We Go? ottiene ampi consensi da parte di critica e pubblico, debuttando al primo posto della classifica degli album di diciotto Paesi nel mondo. Inoltre, tutte le tracce presenti nel disco, ad eccezione di Goodbye, riescono a debuttare nella Billboard Hot 100, la classifica dei singoli statunitense.[36]

Contemporaneamente viene pubblicato come quinto estratto Bad Guy e il rispettivo videoclip musicale.[37], che raggiunge la vetta di numerose classifiche internazionali tra cui Australia, Canada e Nuova Zelanda. A distanza di cinque mesi dalla pubblicazione del singolo, Bad Guy conquista anche il primo posto della Billboard Hot 100, declassando Old Town Road dopo diciannove settimane consecutive.[38]

Da aprile a novembre 2019 ha avuto luogo il When We All Fall Asleep Tour con date in Oceania, Nord America, America latina ed Europa.[39] Nell'ambito degli annuali MTV Video Music Awards, celebrati nell'agosto dello stesso anno, Billie riesce ad aggiudicarsi tre premi su dieci candidature complessive.[40] A settembre viene estratto come sesto singolo il brano All the Good Girls Go to Hell, per cui viene realizzato anche un videoclip musicale diretto da Rich Lee.[41] Qualche giorno dopo essersi aggiudicata due MTV Europe Music Awards nel mese di novembre, Billie annuncia la pubblicazione di un nuovo singolo, intitolato Everything I Wanted e messo in commercio a partire dal successivo 13 novembre.[42] Il 20 novembre viene annunciato che Billie si è aggiudicata sei candidature ai Grammy Award divenendo così la prima artista nella storia, nata in questo millennio, con così tante candidature tra cui album dell'anno e miglior album pop vocale con When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, canzone dell'anno con Bad Guy e miglior artista esordiente[43] Cinque giorni più tardi, agli American Music Awards 2019 la cantante riesce a portarsi a casa il premio come miglior nuova artista dell'anno e miglior artista alternativa[44] e il 26 novembre viene eletta donna dell'anno da Billboard.[45]

Il 4 dicembre, agli Apple Music Awards, ottiene i riconoscimenti come artista dell'anno e album dell'anno per When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, e cantautrice dell'anno insieme al fratello Finneas.[46] Il giorno successivo viene pubblicato il videoclip del brano Xanny, diretto dalla stessa Eilish che segna il suo debutto come regista.[47][48]

Il 14 gennaio 2020 invece viene annunciato che Billie avrebbe eseguito la colonna sonora per il venticinquesimo film di James Bond, No Time to Die, diventando la più giovane artista di sempre a cimentarsi nell'impresa.[49]

Stile musicale e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Avril Lavigne rappresenta la più grande influenza musicale per Billie Eilish.

Billie e Finneas compongono assieme i brani, dichiarando che "amano inventare cose e personaggi" e "realizzare canzoni fittizie".[50][51] Finneas ha dichiarato che quando scrive canzoni per sua sorella cerca «di aiutarla a raccontare qualsiasi storia lei stia cercando di esprimere» e usare un linguaggio che si adatti alla sua voce.[52]

Billie Eilish è cresciuta ascoltando Beatles, Green Day, Avril Lavigne e Justin Bieber[53]. Il suo genere preferito è l'hip hop, nonché la più grande ispirazione. Anche Tyler, The Creator e Childish Gambino sono risultati influenti sul suo stile musicale, altre influenze includono Earl Sweatshirt, Amy Winehouse e Lana Del Rey.[54] È stata paragonata dai media a Lorde e a Lana Del Rey, non accettando però alcun accostamento a quest'ultima.[55] Nel 2019, la cantante ha inoltre dichiarato di ammirare molto Ariana Grande per le sue abilità vocali.[56]

Il più importante punto di riferimento sul piano artistico di Billie Eilish è la cantante canadese Avril Lavigne.[57][58] Billie ha anche preso parte a un concerto della cantante a settembre 2019.[59] Commentando il conseguente incontro con la cantante, Billie Eilish ha voluto ringraziarla per averla ispirata.[60]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Billie Eilish in concerto nel 2019

Sul suo aspetto, ha affermato: «Sono molto diversa da tante persone e cerco di esserlo. Non mi piace affatto seguire le regole e la moda.[61][62] Se qualcuno inizia a indossare qualcosa in un certo modo, indosserò l'esatto contrario di quello. Ho sempre indossato quello che volevo e dicevo sempre quello che volevo dire.[63] Mi piace essere ricordata, quindi mi piace sembrare memorabile. Penso di aver dimostrato alle persone che sono più importante di quanto pensino. Sono un po' intimidatoria, quindi la gente mi ascolterà. Sono un po' spaventosa. Molte persone sono semplicemente terrorizzate da me.»[64][65]

Nel 2019, Billie è apparsa in un annuncio di Calvin Klein, in cui ha rivelato di usare dei vestiti larghi in modo da impedire alle persone di criticare il suo corpo.[66] Ritiene Rihanna un'ispirazione per questa scelta di stile, dopo aver definito la moda il suo «meccanismo di difesa».[67]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 novembre 2018, in seguito alla divulgazione di alcuni video che mostrano la cantante manifestare dei tic nervosi, attraverso Instagram dichiara di essere affetta dalla sindrome di Tourette e di esserne a conoscenza da quando era bambina.[68]

Sull'uso di droghe, in un'intervista al The Guardian: «Non ho mai fatto uso di droghe, non me ne sono mai innamorata, non ho mai fumato nulla nella mia vita, non lo trovo interessante».[69] È cresciuta vegetariana ed è vegana dal 2015; sostiene regolarmente il suo stile sui social media.[70]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Billie Eilish.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Artista principale[modifica | modifica wikitesto]

Artista d'apertura[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Billie Eilish, al 2020, conta 38 premi vinti su 88 candidature ricevute.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Billie Eilish, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Mark Savage, Billie Eilish: Is she pop's best new hope?, BBC News, 15 luglio 2017.
  3. ^ (EN) Allison Stubblebine, Billie Eilish Is Apple's New UpNext Artist: Exclusive, Billboard, 20 settembre 2017.
  4. ^ (EN) Matthew Strauss, Listen to Billie Eilish’s New Album WHEN WE ALL FALL ASLEEP, WHERE DO WE GO?, Pitchfork, 29 marzo 2019.
  5. ^ (EN) Sandra Gonzalez, Billie Eilish has a history-making night at the Grammys, CNN. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  6. ^ a b (EN) Billie Eilish on Apple Music, su Apple Music, iTunes (US). URL consultato il 7 giugno 2018.
  7. ^ (EN) A Day In The Life Of Billie Eilish, in LNWY. URL consultato il 7 giugno 2018.
  8. ^ (EN) The Groundlings, su The Groundlings Website. URL consultato il 7 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2018).
  9. ^ (EN) Scrumptious Mom Maggie Baird - October 2013 - scrumptiousmoms, in scrumptiousmoms, 1º ottobre 2013. URL consultato il 7 giugno 2018.
  10. ^ (EN) Ed Power, An Interview with Billie Eilish: Pop's Ferocious New Enigma, su Hotpress. URL consultato il 16 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Get to Know: Billie Eilish, MTV UK. URL consultato il 7 giugno 2018.
  12. ^ (EN) Mark Savage, Is Billie Eilish pop's best new hope?, in BBC News, 15 luglio 2017. URL consultato il 7 giugno 2018.
  13. ^ a b c d (EN) Meet Billie Eilish, Pop’s Next It Girl, in Vogue. URL consultato il 7 giugno 2018.
  14. ^ (EN) 15-Year-Old Pop Prodigy Billie Eilish Announces Debut EP & First-Ever Tour, Billboard. URL consultato il 7 giugno 2018.
  15. ^ (EN) Six Feet Under by Billie Eilish, iTunes (US), 17 novembre 2016. URL consultato il 7 giugno 2018.
  16. ^ (EN) Ocean Eyes (The Remixes) - EP by Billie Eilish, iTunes (US), 18 novembre 2016. URL consultato il 7 giugno 2018.
  17. ^ (EN) Billie Eilish's "Bellyache" Is Totally Psycho and Perfectly Pop, in Noisey, 24 febbraio 2017. URL consultato il 7 giugno 2018.
  18. ^ (EN) Billie Eilish – “Bored”, in Noiseporn. URL consultato il 7 giugno 2018.
  19. ^ (EN) BWW News Desk, Billie Eilish Releases New Single 'Watch' Today; Teases Debut EP. URL consultato il 7 giugno 2018.
  20. ^ popcrush.com, http://popcrush.com/billie-eilish-copycat-debut-ep-dont-smile-at-me/.
  21. ^ (EN) Billie Eilish releases lush debut EP "dont smile at me" - EARMILK, in EARMILK, 11 agosto 2017. URL consultato il 7 giugno 2018.
  22. ^ (EN) Billie Eilish announces 2018 Where's My Mind? headlining tour, AXS, 27 novembre 2017.
  23. ^ (EN) Party Favor/Hot Line Bling, Record Store Day.
  24. ^ (EN) Interscope Records Preps To Release "13 Reasons Why" Season 2 Soundtrack With Proceeds Going To Charity - Clizbeats.com, in Clizbeats.com, 10 maggio 2018. URL consultato il 7 giugno 2018.
  25. ^ (EN) Billie Eilish & Khalid - Lovely, Ultratop. URL consultato il 1º febbraio 2019.
  26. ^ (EN) Billie Eilish Drops Dramatic Track 'You Should See Me in a Crown': Listen, Billboard. URL consultato il 1º febbraio 2019. inserita nella playlist di FIFA 19.
  27. ^ (EN) Nicole Engelman, Billie Eilish Releases Haunting New Song 'When The Party's Over': Listen, Billboard, 17 ottobre 2018.
  28. ^ (EN) when the party's over, Genius. URL consultato il 1º febbraio 2019.
  29. ^ (EN) Randall Colbourn, Billie Eilish announces 2018 North American headlining tour, su Consequence of Sound, 23 luglio 2018.
  30. ^ (EN) Florence and the Machine and Billie Eilish, su Clture. URL consultato il 1º febbraio 2019.
  31. ^ Billie Eilish: ecco il nuovo, malinconico singolo “Come out and play”, rnbjunk.com. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  32. ^ (EN) Wandera Hussein, Stream Billie Eilish’s new song “When I Was Older”, The Fader, 9 gennaio 2019.
  33. ^ a b Billie Eilish, il suo primo disco uscirà a marzo: ecco la tracklist di “When We All Fall Asleep, Where Do We Go?”, MTV Italia, 31 gennaio 2019.
  34. ^ Billie Eilish, ecco il videoclip di Bury a Friend, RTL 102.5, 30 gennaio 2019.
  35. ^ Billie Eilish: ascolta il nuovo singolo "Wish You Were Gay", rockol.it, 4 marzo 2019. URL consultato il 15 marzo 2019.
  36. ^ (EN) Xander Zellner, Billie Eilish Earns First Hot 100 Top 10, Breaks Record For Most Simultaneous Hits Among Women, Billboard, 9 aprile 2019.
  37. ^ (EN) Lars Brandle, Billie Eilish's Debut LP 'When We All Fall Asleep, Where Do We Go?' Has Arrived: Stream It Now, Billboard, 29 marzo 2019.
  38. ^ (EN) Gary Trust, Billie Eilish's 'Bad Guy' Hits No. 1 on Billboard Hot 100, Dethroning Lil Nas X's 'Old Town Road' After Record 19 Weeks on Top, Billboard. URL consultato il 19 agosto 2019.
  39. ^ (EN) Shelby Reitman, Billie Eilish Announces When We All Fall Asleep World Tour, Billboard, 4 febbraio 2019.
  40. ^ (EN) Anna Lewis, Here’s why Billie Eilish wasn’t at the MTV VMAs last night, Cosmpolitan, 27 agosto 2019.
  41. ^ Billie Eilish ha pubblicato il videoclip di “All the Good Girls Go to Hell”, MTV Italia, 5 settembre 2019.
  42. ^ Billie Eilish, il nuovo singolo è ‘everything i wanted’, Rolling Stone Italia. URL consultato l'11 novembre 2019.
  43. ^ BILLIE EILISH: CON LE SUE NOMINATION AI GRAMMY AWARDS 2020 HA INFRANTO UN NUOVO RECORD, mtv. URL consultato il 21 novembre 2019.
  44. ^ BILLIE EILISH AGLI AMAS 2019 CON UNA MASCHERA D’APICOLTORE D’ALTA MODA!, mtv. URL consultato il 25 novembre 2019.
  45. ^ BILLIE EILISH È STATA ELETTA DONNA DELL’ANNO DA BILLBOARD, mtv. URL consultato il 27 novembre 2019.
  46. ^ (EN) Apple announces first ever Apple Music Awards, Apple. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  47. ^ Billie Eilish - xanny, www.youtube.com. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  48. ^ (EN) Koltan Greenwood, Billie Eilish makes directorial debut with eerily minimalist "xanny" video, su Alternative Press, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  49. ^ (IT) È di Billie Eilish la canzone guida del prossimo James Bond ‘No Time to Die’, su www.rollingstone.it. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  50. ^ (EN) Don't Wanna Be You: Billie Eilish Interviewed, su Clash Magazine. URL consultato il 12 luglio 2019.
  51. ^ (EN) Pop Newcomer Billie Eilish Wants to Make Sure You Never Forget Her, su PAPER, 16 marzo 2017. URL consultato il 12 luglio 2019.
  52. ^ (EN) Wholehearted Obsession: A Conversation with FINNEAS - Atwood Magazine, su atwoodmagazine.com, 27 aprile 2018. URL consultato il 12 luglio 2019.
  53. ^ (EN) Kaitlin Reilly, Billie Eilish Meeting Justin Bieber While Ariana Grande Performs Is Pure Art, su www.refinery29.com. URL consultato il 12 luglio 2019.
  54. ^ (EN) Elle Australia, 15-Year-Old Music Prodigy Billie Eilish On Influences, Inspiration And What She's Listening To RN, su www.elle.com.au. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  55. ^ (EN) PAPER, Billie Eilish Wants the Lana Del Rey Comparisons to Stop, su www.papermag.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  56. ^ (EN) Billie Eilish on Relating to Ariana Grande, su www.teenvogue.com. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  57. ^ Billie Eilish talking about Avril Lavigne Compilation. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  58. ^ Billie Eilish loves Avril Lavigne 😍. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  59. ^ Avril Lavigne su Instagram: "Thanks for coming to the #headabovewatertour rehearsals @billieeilish 🖤", su Instagram. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  60. ^ BILLIE EILISH su Instagram: "THANK YOU FOR MAKING ME WHAT I AM", su Instagram. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  61. ^ Billie, la popstar col broncio è la nuova it girl da seguire, su www.ilgazzettino.it. URL consultato il 25 aprile 2019.
  62. ^ Chi è Billie Eilish, la diciottenne da 18 milioni di follower, su Luxgallery, 17 aprile 2019. URL consultato il 25 aprile 2019.
  63. ^ (EN) Matt Stopera, I Just Want To Talk About The Clothes Billie Eilish Wears, su BuzzFeed. URL consultato il 25 aprile 2019.
  64. ^ (EN) Pop Newcomer Billie Eilish Wants to Make Sure You Never Forget Her, su PAPER, 16 marzo 2017. URL consultato il 25 aprile 2019.
  65. ^ Billie Eilish odia i suoi capelli blu, ma deve tenerseli per forza, su MTV Italia, 18 aprile 2019. URL consultato il 25 aprile 2019.
  66. ^ (EN) Condé Nast, Billie Eilish Wears Baggy Clothes So the World Doesn't Know "Everything" About Her, su Teen Vogue. URL consultato il 12 luglio 2019.
  67. ^ (EN) Frida Garza, Billie Eilish Says She Uses Fashion As a 'Defense Mechanism', su Jezebel. URL consultato il 12 luglio 2019.
  68. ^ (EN) Nicole Engelman, Billie Eilish Reveals She Has Tourette Syndrome After Compilation of Her Tics Emerges Online, Billboard, 27 novembre 2018.
  69. ^ (EN) Hannah Ewens, Billie Eilish: the pop icon who defines 21st-century teenage angst, in The Guardian, 29 marzo 2019. URL consultato il 25 aprile 2019.
  70. ^ (EN) Is Billie Eilish vegan?, su PopBuzz. URL consultato il 12 luglio 2019.
  71. ^ (EN) Post Malone, Ariana Grande, Billie Eilish dominate American Music Awards nominations, su https://ew.com/awards. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  72. ^ (EN) Apple announces first ever Apple Music Awards, su www.apple.com. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  73. ^ (EN) 2019 ASCAP Pop Music Awards, su www.ascap.com. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  74. ^ BILLIE EILISH È STATA ELETTA DONNA DELL’ANNO DA BILLBOARD, mtv. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  75. ^ VINDERE TIL DANISH MUSIC AWARDS 2019, http://www.ifpi.dk/. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  76. ^ (EN) Billie Eilish, su GRAMMY.com, 19 novembre 2019. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  77. ^ Youngest female at No.1 on UK albums chart, www.guinnessworldrecords.com. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  78. ^ LOS40 MUSIC AWARDS 2019, https://los40.com. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  79. ^ (EN) Favorite Movie Actor - Kids' Choice Awards: Full List of Winners, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  80. ^ De vann GAFFA-Priset 2019, https://gaffa.se/. URL consultato il 6 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19151246542344130590 · LCCN (ENno2017154277 · GND (DE1182709559 · WorldCat Identities (ENno2017-154277