Tredici (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tredici
Tredici serie TV.jpg
Titolo originale 13 Reasons Why
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2017 – in produzione
Formato serie TV
Genere teen drama
Stagioni 1
Episodi 13
Durata 49-61 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 16:9
Crediti
Ideatore Brian Yorkey
Soggetto 13 di Jay Asher
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivo Steve Golin, Selena Gomez, Kristel Laiblin, Tom McCarthy, Diana Son, Michael Sugar, Mandy Teefey, Joy Gorman Wettels, Brian Yorkey
Casa di produzione July Moon Productions, Kicked to the Curb Productions, Anonymous Content, Paramount Television
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 31 marzo 2017
Al in corso
Distributore Netflix
Distribuzione in italiano
Dal 31 marzo 2017
Al in corso
Distributore Netflix

Tredici (13 Reasons Why, reso graficamente come TH1RTEEN R3ASONS WHY) è una serie televisiva statunitense creata da Brian Yorkey e basata sul romanzo 13 dello scrittore Jay Asher​.

La prima stagione ha esordito il 31 marzo 2017 sul servizio di video on demand Netflix, in tutti i paesi in cui il servizio è disponibile. La serie è stata acclamata dalla critica, che ha lodato l'interpretazione del cast e l'approccio a temi delicati come il suicidio, il bullismo e la violenza sessuale,[1] anche se la rappresentazione grafica di tali temi ha generato dibattiti e controversie in numerosi paesi. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione, prevista per il 2018.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una ragazza liceale, Hannah Baker, si suicida. Qualche giorno dopo, un suo compagno di classe, Clay Jensen, trova un pacco sulle scale di casa: all'interno del pacco sono contenute sette audio cassette registrate da Hannah in cui la ragazza spiega i tredici motivi che l'hanno spinta a uccidersi, e Clay è uno di quelli. Per scoprire il suo ruolo all'interno della storia della ragazza, Clay comincia ad ascoltare le audio cassette, ma così facendo rischia di scoprire uno sconvolgente segreto che coinvolge Hannah e alcuni suoi compagni di scuola.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 13 2017 2017

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2011 gli Universal Studios acquistarono i diritti cinematografici del romanzo di Jay Asher con l'intenzione di realizzare un film interpretato da Selena Gomez nel ruolo di Hannah Baker.[3] Nell'ottobre 2015 venne annunciato che il romanzo sarebbe stato adattato in una serie televisiva per Netflix e che Gomez sarebbe stata produttrice esecutiva della serie.[4] La serie è prodotta da Anonymous Content e Paramount Television; Steve Golin, Tom McCarthy, Kristel Laiblin, Diana Son e Michael Sugar figurano tra i produttori esecutivi insieme a Gomez.[4][5]

Il 7 maggio 2017 Netflix annunciò di aver rinnovato la serie per una seconda stagione di 13 episodi, prevista per il 2018.[2]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2016 venne annunciato che Dylan Minnette e Katherine Langford sarebbero stati i protagonisti della serie nei ruoli di Clay Jensen e Hannah Baker.[6] Inoltre venne annunciato il resto del cast principale, composto da Brandon Flynn, Christian Navarro, Alisha Boe, Justin Prentice, Devin Druid, Miles Heizer e Ross Butler. Nello stesso mese entrarono nel cast Kate Walsh e Derek Luke nel ruolo della madre di Hannah e Mr. Porter.[7] A fine mese si aggiunse al cast Amy Hargreaves nel ruolo della madre di Clay.[8]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La riprese della serie si tennero nella contea di Marin, California, nell'estate del 2016.[9]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione di Tredici è stata interamente distribuita il 31 marzo 2017 su Netflix, in tutti i territori in cui il servizio è disponibile.[10] Nello stesso giorno è stato distribuito anche il documentario Tredici: oltre i perché, in cui i produttori, il cast della serie e alcuni psicologi discutono dei temi trattati nella serie come depressione, bullismo e violenza sessuale.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata accolta positivamente da parte della critica televisiva. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento del 85% basato su 39 recensioni, con un voto medio di 7.3 su 10 e un giudizio riassuntivo che recita: «Tredici completa il suo materiale d'origine con un avvincente sguardo al dolore adolescenziale la cui maturità narrativa contraddice la sua natura da young adult».[1]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha generato numerose controversie a causa della rappresentazione grafica del suicidio. Numerosi psicologi e consulenti scolastici hanno discusso riguardo i rischi di emulazione da parte dei giovani. Tali professionisti hanno criticato la serie affermando che "romanticizza il suicidio" e ispira gli adolescenti a immaginare cosa potrebbe accadere dopo la loro morte.[11] Il Washington Post ha riportato che numerose scuole in Florida hanno osservato un aumento nei suicidi e nei comportamenti autolesionisti da parte degli studenti e che alcuni di questi studenti hanno associato tali azioni a quanto visto in Tredici.[11] In seguito alla pubblicazione della serie, la National Association of School Psychologists (NASP) inviò ai suoi membri in tutto il paese delle linee guida su come parlare delle immagini rappresentate dalla serie.[11] In risposta alle critiche ricevute, Netflix decise di aggiungere un ulteriore avviso all'inizio del primo episodio, in aggiunta ai tre avvisi già presenti negli episodi contenenti forti immagini grafiche.[12]

In Australia headspace, un servizio di assistenza per la salute mentale per i giovani tra i 12 e i 25 anni, diramò nell'aprile 2017 un comunicato riguardante i contenuti grafici di Tredici dopo l'aumento di chiamate ricevute in seguito alla pubblicazione della serie.[13] In Canada una scuola elementare di Edmonton mandò un avviso ai genitori degli alunni dell'ultimo anno affinché consigliassero i figli di non parlare della serie televisiva a scuola, citando preoccupazione per i temi trattati dalla serie come il suicidio, la violenza sessuale, lo spargimento di sangue, la volgarità e l'abuso di alcol e droga.[14] In Nuova Zelanda, uno dei paesi con il più alto tasso di suicidi tra gli adolescenti, l'Office of Film & Literature Classification creò un divieto ad-hoc per la serie, "RP18", vietando la visione di Tredici ai minori senza la supervisione di un adulto.[15]

In risposta alle critiche Selena Gomez, produttrice esecutiva della serie, affermò: "Siamo rimasti fedeli al libro e a quanto creato da Jay Asher, una storia tremendamente tragica, complicata e ricca di suspense, [...] Volevamo renderle giustizia e sì, le reazioni negative sarebbero arrivate in qualsiasi caso. Non è un argomento facile da affrontare, ma sono felice della risonanza avuta dallo show".[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) 13 Reasons Why: Season 1, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 1° maggio 2017.
  2. ^ a b (EN) Lesley Goldberg, '13 Reasons Why' Officially Renewed for Season 2 at Netflix, su The Hollywood Reporter, 7 maggio 2017. URL consultato il 7 maggio 2017.
  3. ^ (EN) Mike Fleming, Jr., Universal Acquires '13 Reasons Why' As Selena Gomez Vehicle, su Deadline.com, 8 febbraio 2011. URL consultato il 2 marzo 2017.
  4. ^ a b (EN) Megan Daley, Selena Gomez's '13 Reasons Why' gets straight-to-series order from Netflix, su Entertainment Weekly, 29 ottobre 2015. URL consultato il 2 marzo 2017.
  5. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Spotlight’s Tom McCarthy To Direct & Produce Selena Gomez’s Netflix Series ‘13 Reasons Why’ From Paramount TV, su Deadline.com, 25 febbraio 2016. URL consultato il 2 marzo 2017.
  6. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘13 Reasons Why’ Netflix Series: Dylan Minnette & Katherine Langford Lead Cast, su Deadline.com, 8 giugno 2016. URL consultato il 2 marzo 2017.
  7. ^ (EN) Nellie Andreeva, ’13 Reasons Why’: Kate Walsh To Co-Star In Netflix Series, Derek Luke Also Cast, su Deadline.com, 10 giugno 2016. URL consultato il 2 marzo 2017.
  8. ^ (EN) Denise Petski, ‘13 Reasons Why’ Casts Amy Hargreaves; Frances Conroy In ‘The Mist’, su Deadline.com, 23 giugno 2016. URL consultato il 2 marzo 2017.
  9. ^ (EN) Janis Mara, Selena Gomez-produced Netflix series shooting in Marin brings economic benefits, su Mercury News, 24 giugno 2016. URL consultato il 2 marzo 2017.
  10. ^ (EN) Spencer Perry, Netflix’s 13 Reasons Why premiere date announced, su ComingSoon.net, 25 gennaio 2017. URL consultato il 2 marzo 2017.
  11. ^ a b c (EN) Moriah Balingit, Educators and school psychologists raise alarms about ‘13 Reasons Why’, su The Washington Post, 2 maggio 2017. URL consultato il 5 maggio 2017.
  12. ^ (EN) Brian Porreca, Netflix Adds Warnings to '13 Reasons Why' Following Criticism, su The Hollywood Reporter, 1° maggio 2017. URL consultato il 5 maggio 2017.
  13. ^ (EN) 13 Reasons Why: Headspace issues warning over new Netflix show, su Cockburn Gazette, 18 aprile 2017. URL consultato il 5 maggio 2017.
  14. ^ (EN) Michelle Bellefontaine, Principal orders Edmonton students not to talk about 13 Reasons Why at school, su CBC News, 28 aprile 2017. URL consultato il 5 maggio 2017.
  15. ^ (EN) Beatrice Pagan, Tredici: in Nuova Zelanda la serie di Netflix sarà vietata ai minori di 18 anni, su BadTV.it, 29 aprile 2017. URL consultato il 5 maggio 2017.
  16. ^ (EN) Kayleigh Roberts, Selena Gomez Responds to '13 Reasons Why' Backlash, su Elle, 29 aprile 2017. URL consultato il 5 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione