Billboard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Billboard
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua inglese
Periodicità settimanale
Formato magazine
Fondazione 1936
Sede Cincinnati
Editore Prometheus Global Media
ISSN 0006-2510 (WC · ACNP)
Sito web www.billboard.com
 

Billboard è una rivista settimanale statunitense dedicata alla musica. Contiene alcune sezioni dedicate alle classifiche, considerate tra le più precise e dettagliate al mondo. La più famosa di queste è la Billboard Hot 100, che include le cento singoli più ascoltate negli Stati Uniti a cui fanno seguito la Billboard Hot Latin 100, che include le cento canzoni più ascoltate nei paesi latino-americani, e la Hot Dance Club Play, che include le canzoni più popolari nelle discoteche e nei club. Un'altra importante classifica è la Billboard 200, che cataloga i duecento album più venduti negli USA.

In totale le classifiche stilate da Billboard raggiungono le novanta unità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo magazine di Billboard fu pubblicato a Cincinnati, in Ohio, il 1° novembre 1894 da William Donaldson e James Hennegan. Gli avvisi affissi erano conosciuti sotto il nome di Billboard Advertising. All'epoca, le pubblicità e i manifesti erano rilasciati su carta, mezzo principale usato per le pubblicità. Donaldson gestì l'editoriale e la pubblicità, mentre Hennegan la produzione delle riviste. Il magazine era lungo solo otto pagine e figuravano titoli come "The Bill Room Gossip" (Gossip sulla stanza di Bill) e "The Indefatigable and Tireless Industry of the Bill Poster" (Poster dell'inesauribile e instancabile industria di Bill." Nel 1897, il titolo del magazine è stato cambiato in The Billboard.

Dopo una breve partenza sulle editoriali, Donaldson, nel 1900, riacquisì l'interesse di Hennegan per 500$, salvandolo anche dal fallimento. Quel maggio, Donaldson cambiò ls rivista da mensile a settimanale, con una maggiore enfasi sulle ultime notizie. Di seguito migliorò ulteriormente la qualità editoriale, aprendo nuovi uffici a New York, Chicago, San Francisco, Londra e Parigi. Ha anche rivisto il genere dell'intrattenimento all'aperto, come fiere, carnevali, circhi, vaudeville e burlesque. Nel 1900, ci fu l'introduzione di una sezione dedicata ai circhi, mentre nel 1901 quella sugli eventi all'aperto. Billboard rivisitato anche argomenti quali regolamentazione, mancanza di professionalità, economia e nuovi spettacoli. La rivista ora includeva sezioni quali "stage gossip" (la vita privata degli intrattenitori), "tent show" (spettacoli itinerari) e una sua sottosezione chiamata "Freaks to order" (Spaventi da ordinare). Secondo il The Seattle Times, Donaldson ha pubblicato alcuni articoli contro la censura, lodando delle produzioni che a detta loro sarebbero state di "buon gusto che combattono la stampa scandalistica". Il 4 gennaio 1936 la rivista Billboard pubblicò la sua prima classifica (ancora esterna alla musica)[non chiaro] e il 20 luglio 1940 la prima Music Popularity Chart, classifica dedicata alle canzoni più ascoltate. La Billboard Hot 100 venne pubblicata per la prima volta nel 1958, come combinazione tra vendite del singolo discografico e passaggi radio.

Classifiche Billboard[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Classifiche musicali pubblicate da Billboard

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]