Amy Winehouse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amy Winehouse
Amy Winehouse f4962007 crop.jpg
Amy Winehouse il 29 giugno 2007 in concerto all'Eurockénnes de Belfort, in Francia.
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereContemporary R&B[1]
Neo soul[1]
Soul[1]
Jazz[1]
Periodo di attività musicale2002 – 2011
StrumentoVoce
Chitarra
EtichettaIsland Records
Album pubblicati4
Studio3
Live1
Gruppi e artisti correlatiDuffy - Adele - Lily Allen - Kelly Osbourne - Caro Emerald - Imany - Dionne Bromfield - Rebecca Ferguson
Logo ufficiale
[ amywinehouse.co.uk. Sito ufficiale]

« Tutto mi dà ispirazione... Tutto ciò che accade nella vita...[2] »

(Amy Jade Winehouse)

Amy Jade Winehouse (Londra, 14 settembre 1983Londra, 23 luglio 2011) è stata una cantautrice, stilista, produttrice discografica e chitarrista britannica.

Ha esordito nel mondo della musica pubblicando, nel 2003, per l'etichetta discografica Island, l'album Frank, che riscuote un buon successo di pubblico e critica. Il vero successo arriva nel 2007 con l'uscita del secondo album Back to Black che, trainato da singoli come Rehab, Love Is a Losing Game e l'omonima traccia Back to Black, ha scalato le classifiche mondiali ottenendo un successo che l'ha portata alla vittoria di cinque Grammy Awards[3][4].

Intanto, l'artista ha fatto spesso parlare di sé per gravi problemi legati a droga, alcol e disordini alimentari che l'hanno portata a ritardare la realizzazione del suo terzo album fino alla prematura morte, avvenuta nella sua casa, a Londra.[5] Assieme a Duffy e Adele, era considerata una delle esponenti della nuova generazione del soul bianco, della quale è ritenuta la precorritrice[6].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e adolescenza (1983-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Amy Jade Winehouse nasce il 14 settembre 1983 a Enfield, Middlesex, Inghilterra, un borough della Londra esterna, in una famiglia ebraica (il padre tassista e la madre farmacista).[7] Cresce nel vicino quartiere di Southgate, dove frequenta la Ashmole School. All'età di dieci anni fonda un gruppo rap amatoriale chiamato Sweet 'n' Sour [8] che descrive come la versione bianca ed ebraica delle Salt-n-Pepa[9]. A dodici anni frequenta la Sylvia Young Theatre School, severo istituto con regole altrettanto severe che la Winehouse stentava a rispettare (per esempio indossava gioielli seppur fosse vietato). Quando l'insegnante delle materie tradizionali comunicò ai genitori l'imminente bocciatura della figlia, questi le cambiarono scuola. Amy si forò un buco al naso da sola per mettersi un piercing.[10] Frequenta così la BRIT School a Selhurst, Croydon.

La Brit School, scuola frequentata da Amy Winehouse

Cresce ascoltando diversi generi di musica (dalle Salt-n-Pepa a Sarah Vaughan) e riceve la sua prima chitarra a tredici anni.[11] Nel 1999 la cantante entra alla National Youth Jazz Orchestra, nella quale canta per la prima volta come cantante professionista. Nel 2002 dopo che il suo amico e cantante soul Tyler James manda una sua demo a un talent scout, Winehouse firma con l'etichetta discografica Island/Universal.[12]

Frank e primi anni (2003-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Amy Winehouse durante un concerto al T in the Park nel 2004.[13]
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Frank (Amy Winehouse).

Il suo album di esordio, Frank, viene pubblicato il 20 ottobre 2003. Viene prodotto principalmente da Salaam Remi, con molte superficiali influenze jazz e, salvo due cover, ogni canzone è scritta (anche se non interamente) dalla Winehouse. L'album riceve molteplici critiche positive.[14] La sua voce viene paragonata a quella di Sarah Vaughan e Macy Gray.[15][16]

Sempre nel 2003 la cantante fa il suo esordio in tv alla trasmissione Later... with Jools Holland, cantando Stronger Than Me e Take the Box.[17] L'album arriva ad alti livelli nelle classifiche inglesi quando nel 2004 viene nominato ai BRIT Awards nelle categorie British Female Solo Artist e British Urban Act. Riceve due dischi di platino e vende in totale 1 milione e mezzo di copie.[18] In seguito, ancora nel 2004, vince l'Ivor Novello Award come Best Contemporary Song con il suo primo singolo Stronger Than Me.[19] Frank figura anche nella lista del Mercury Prize[20].

In questo periodo Winehouse scrive una canzone per il cantante Tyler James, intitolata Long Day, e contenuta nell'album di esordio di quest'ultimo (The Unlikely Lady)[21]. Dopo la pubblicazione, la cantante commenta di sentirsi soltanto per l'80% dietro l'album a causa dell'inclusione da parte della casa discografica di alcune canzoni che non le sono piaciute.[22] Dopo la pubblicazione del suo secondo album afferma: non riesco neanche più ad ascoltarlo, Frank. Anzi, non sono mai riuscita ad ascoltarlo. Suonarlo dal vivo mi piace, ma ascoltarlo è un'altra cosa.[23]

Back to Black e il successo mondiale (2006-2008)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Back to Black.

Il 27 ottobre 2006 viene pubblicato a livello mondiale l'album Back to Black, che in Inghilterra arriva alla vetta della UK Albums Chart in pochissime settimane.[24] Negli USA l'album raggiunge la posizione numero 7º ed è un esordio molto alto per un disco di una cantante inglese nella Billboard 200.[25]

Il singolo apripista ad aver anticipato l'uscita dell'album è Rehab, pubblicato il 23 ottobre 2006,[26] che diviene un tormentone mondiale. Questa canzone parla del suo rifiuto di disintossicarsi dall'alcol. Il secondo singolo a essere estratto dall'album è You Know I'm No Good, uscito l'8 gennaio 2007,[27] che non raggiungerà mai la prima posizione della classifica pur ricevendo un giudizio favorevole dalla critica.[28] Il terzo singolo è la title track dell'album che si intitola Back to Black e che viene pubblicato il 30 aprile 2007 riscuotendo il successo di Rehab, tanto da portare Winehouse alla vittoria della categoria Artist Choice presente negli MTV Europe Music Awards 2007, tenuti a Monaco di Baviera il 1º novembre 2007.[29] Il quarto singolo a essere stato pubblicato, il 13 agosto 2007, è Tears Dry on Their Own che viene trasmesso con regolarità nelle radio ma senza diventare un tormentone come Rehab o Back to Black.[30]

Il quinto singolo pubblicato il 10 dicembre 2007 è Love Is a Losing Game.[31] Considerata una delle sue canzoni migliori, ha vinto il premio Ivor Novello 2008 nella categoria miglior canzone ed è stata sottoposta come testo d'esame a Cambridge, in paragone con poemi di Sir Walter Raleigh.[32] Il 10 febbraio 2008 vince cinque Grammy Award: tre per la canzone Rehab nelle categorie "Record of the Year", "Song of the Year" e "Best Female Pop Vocal Performance", uno nella categoria "Best New Artist" e uno per l'album Back to Black nella categoria "Best Pop Vocal Album".[3] La cantante si aggiudica così tre dei quattro premi più importanti e si allinea alle altre quattro cantanti che abbiano ottenuto un numero così elevato di riconoscimenti in un solo anno: Lauryn Hill, Alicia Keys, Norah Jones e Beyoncé.

Dopo Back to Black (2008-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Amy Winehouse a San Paolo (in Brasile) durante il The Return of Amy Winehouse tour, il 15 gennaio 2011[33]

Continuando a cavalcare l'onda del successo di Back to Black, la cantante pubblica Just Friends, sesto e ultimo singolo estratto da Back to Black. Durante il 2008, Winehouse partecipa a Rock in Rio; al quale si presenta completamente senza voce: la cantante si giustifica del suo stato dicendo che ha avuto alcuni problemi respiratori.[34]

Il 27 giugno 2008, due giorni dopo l'uscita da una clinica nella quale era entrata per un enfisema polmonare[35], canta di fronte a oltre 46 000 spettatori giunti a Hyde Park a Londra per festeggiare i 90 anni di Nelson Mandela. La serata ha visto la presenza di artisti quali Annie Lennox, i Simple Minds, Joan Baez, Queen + Paul Rodgers e Zucchero.[36]

Sempre durante il 2008 esce una versione deluxe del suo primo in studio, Frank, che continua a ricevere critiche positive.[37]

Copertina dell'edizione Deluxe di Frank, pubblicato nel 2008

Dopo le vicende inerenti alla sua salute, affrontate all'inizio dell'estate 2008, Amy Winehouse rimane in cura per poter tornare a casa dei suoi genitori. Alcune foto che la ritraggono dopo il ricovero la mostrano decisamente migliorata rispetto a poche settimane prima. Nello stesso periodo proseguono i lavori per il nuovo album, e intorno alla metà dell'agosto 2008 il padre della cantante dichiara: "Molto materiale è pronto per il nuovo album e lei sta provvedendo alla sua riabilitazione per consentirne l'uscita sul mercato".[38]

L'8 ottobre, Winehouse, si esibisce al CityBurlesque, un bar di Londra, dimostrandosi sobria al pubblico ed eseguendo due cover: Fly Me to the Moon e Embraceable You.[39][40] Nel novembre 2010 la cantante annuncia un suo ritorno sulle scene musicali, con concerti previsti in Brasile, Italia, Serbia, Turchia e Romania. Il 2 novembre 2010 Viene pubblicato un brano della Winehouse in collaborazione con Quincy Jones intitolato It's My Party, contenuta in Soul Bossa Nostra, album di quest'ultimo.[41]

Amy Winehouse il 29 giugno 2007 in concerto all'eurockéennes de belfort (Francia) [42]

Lioness: Hidden Treasures e At The BBC: il successo postumo (2011 - 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lioness: Hidden Treasures e Amy Winehouse at The BBC.

La morte della cantante è sopraggiunta prima della pubblicazione del suo terzo disco, pubblicato postumo soltanto il 5 dicembre 2011 dalla Universal.[43] Il disco contiene, oltre a brani inediti, anche demo di vecchia data rimasti fino allora inediti. Le produzioni sono del suo storico produttore Salaam Remi e di Mark Ronson.[44] Prima della pubblicazione dell'album, il 5 dicembre 2011 venne pubblicato attraverso il canale YouTube della cantante un video intitolato Amy Winehouse - Hidden Treasures Story, nel quale i produttori descrivono l'album.[45]

I produttori Salaam Remi e Mark Ronson hanno collaborato, compilando l'album con il consenso della famiglia Winehouse. Hanno lavorato insieme per ascoltare di nuovo migliaia di ore della voce di Winehouse. Salaam Remi commentando il progetto ha detto:

« Quando ho ascoltato di nuovo i nastri di registrazione ho sentito alcune delle conversazioni con Amy che c'erano in mezzo. Era molto emotiva. È stata dura, ma è stata anche una cosa incredibile. Amy era una ragazza di talento. Credo che lei abbia lasciato qualcosa che va oltre i suoi anni. Ha messo un corpo di lavoro insieme che potrà ispirare una generazione non ancora nata. »

Anticipato dal singolo Our Day Will Come, il disco ha ottenuto un ottimo successo di vendite, raggiungendo la vetta di diverse classifiche come quelle di Svizzera, Austria, Paesi Bassi, Portogallo[43] e Regno Unito.[46] Inoltre il disco si classifica con un ottimo punteggio all'interno delle classifiche di fine anno di Germania, Regno Unito e Paesi Bassi.[47]

Mark Ronson, uno dei due produttori dell'album Lioness: Hidden Treasures.[48]

Durante marzo 2012, viene pubblicato per il mercato francese l'EP Rehab, in formato disco in vinile. L'8 maggio 2012 viene pubblicato un album in memoria della cantante intitolato Amy's Jukebox. The Music That Inspired Amy Winehouse, il quale racchiude al suo interno canzoni di Frank Sinatra, e altri cantanti jazz; successivamente è stato confermato che tutti gli incassi saranno devoluti alla Amy Winehouse Foundation[49]. A luglio viene pubblicato un altro singolo, Cherry Wine, in collaborazione con il rapper e amico Nas, e contenuto nel decimo album di quest'ultimo, Life Is Good.[50][51]

Durante il 2012, Winehouse viene classificata al numero 26 su VH1 100 nella categoria Greatest Women In Music.[52] Il 21 settembre 2012 viene annunciato sul canale Facebook della cantante l'uscita di un album live (il secondo della cantante) intitolato Amy Winehouse at The BBC che è stato pubblicato il 12 novembre dello stesso anno. Successivamente è stata annunciata l'uscita di un Boxset composto da quattro dischi, Amy Winehouse at The BBC (boxset),[53] uscito il 19 novembre 2012. Sempre il 21 settembre viene pubblicato un video promozionale del boxset su YouTube.[54][55]

In questo periodo, dopo che a luglio 2012 Mitch Winehouse aveva dichiarato che probabilmente ci sarà uno o due altri album postumi[56] vengono riconfermate vecchie voci sul nuovo album della cantante tra le quali (secondo il Daily Telegraph) risulta essere presente molto materiale in formato demo e anche un duetto con il rapper Cee Lo Green, che a quanto pare sarebbe stato registrato nell'isola di Santa Lucia.[57] Alla fine del 2012 la cantante riceve una nomination ai Grammy Award nella categoria Best Rap/Sung Collaboration.[58]

A gennaio 2013 Amy Winehouse riceve una nomination ai BRIT Award, nella categoria British Female Solo Artist.[59] La sua nomination è la prima nomination postuma nella storia dei Brit.[60]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Amy Winehouse a Berlino durante il Back to Black Tour, il 24 gennaio 2007

La cantante perde quattro taglie tra la pubblicazione del primo e del secondo album. Dichiara alla stampa britannica, interessata al fatto, che è stato a causa dei commenti che facevano sul suo peso.[61] Nell'ottobre 2006, la cantante ammette di aver sofferto di disordini alimentari: "un po' di anoressia, un po' di bulimia. Non sono del tutto a posto ma credo che nessuna donna lo sia".[62]

Nei mesi seguenti è presente sui tabloid britannici per problemi legati all'alcool, tra cui un'esibizione in stato di ubriachezza al The Charlotte Church Show,[63] e l'interruzione del discorso del leader degli U2, Bono, durante un intervento di ringraziamento ai Q Awards. Le vengono chieste opinioni sulla violenza e l'alcool e risponde «mi diverto molto certe notti ma poi esagero e rovino la serata col mio ragazzo. Sono veramente un'ubriacona». Il 16 novembre 2006 appare al Never Mind The Buzzcocks visibilmente alterata e fa commenti sul presentatore Simon Amstell.

Amy Winehouse in concerto a Boston il 7 maggio 2007.

Il 14 febbraio 2007, agli Elle Style Awards, la cantante viene vista con dei tagli e cicatrici su di un braccio; il portavoce della Winehouse attribuisce la colpa ad una caduta per strada.[64] Le speculazioni sui problemi con l'alcool continuano quando vengono pubblicate delle foto che la ritraggono al reparto alcolici di un supermercato locale e in un pub a Camden Town con il comico Noel Fielding e il presentatore Alex Zane.[65]

Nell'aprile 2007 il quotidiano The Sun pubblica la notizia del fidanzamento della cantante con Blake Fielder-Civil.[66] I due si sposano il 18 maggio 2007, a Miami Beach in Florida.[67] Il 1º novembre 2007, in occasione degli MTV Europe Music Awards, per due volte la cantante inglese sale sul palco in apparente stato confusionale: al ritiro del premio Artist Choice Award, consegnatole da Michael Stipe, non pronuncia il tradizionale discorso di ringraziamento ai fan, mostrandosi invece immobile e spaesata; poco dopo, chiamata a esibirsi, canta con qualche difficoltà.

Il 21 gennaio 2008 comincia a circolare un video dove la cantante fuma crack e ammette di avere preso «sei valium per calmarsi». Lo scoop è del giornale The Sun. Il video ha cominciato a girare su YouTube e sulle altre piattaforme di condivisione video[68]. A gennaio 2009, la Winehouse torna a far parlare di sé dopo il salvataggio in mare di Louise Williams, una donna di 39 anni che stava partecipando ad una lezione di vela sulle coste dell'isola di St. Lucia, località nella quale la cantante era in vacanza. Dopo che un'onda ha travolto la donna, facendola cadere dalla barca, la Winehouse si è immediatamente buttata in acqua saltando da una piccola scogliera per andarle in soccorso. Successivamente portata a riva, la Williams non ha riportato gravi conseguenze.[69]

Il 6 agosto 2009 è stato ufficializzato il divorzio dal marito[70].[71] Il 16 novembre 2009 è ricorsa alla chirurgia estetica per aumentarsi di una taglia il seno[72].

Il chitarrista dei Rolling Stones Keith Richards ha dato consigli alla Winehouse e a Pete Doherty per smettere di drogarsi nell'ottobre 2010, dopo averle già detto nel marzo 2008 di non permettere che la droga stroncasse la sua vita e la sua carriera[73]. Nel 2010, dopo che il produttore Mark Ronson in una trasmissione televisiva ha detto che era stato lui a preparare le demo di Back to Black e Rehab la cantante, particolarmente infastidita dal commento, scrive su Twitter: Ronson, tu per me sei morto. Ho scritto un album e tu ti sei preso metà dei crediti, fatti una carriera...[74] Successivamente il produttore si scusa con la cantante di quanto detto; ma la cantante replica il fatto che non vuole più collaborare con lui.[74] Nel 2010, Winehouse fa domanda per l'adozione di una bambina caraibica. La richiesta viene accolta, ma la bambina non andrà mai a vivere con Winehouse poiché il periodo in cui si doveva trasferire coincide con quello nel quale Winehouse viene trovata senza vita.[75]

Amy Winehouse ad Isle of Wight Festival, il 9 giugno 2007.[76]

Il 18 giugno 2011, in occasione dell'apertura del nuovo tour europeo annuale, Amy canta visibilmente ubriaca davanti al pubblico di Belgrado (Serbia). A seguito di quest'ultima esibizione vengono cancellate due date europee[77] ma poco tempo dopo verrà annullato l'intero tour europeo.[78] A seguito della performance, Winehouse, accusa le guardie del corpo di averla forzata nel salire sul palco e di averle impedito di scendere.[79]

In questo periodo Winehouse viene denunciata dalla nuova compagna dell'ex marito Blake Fielder-Civil, per stalking nei confronti dei Blake. La nuova compagna dell'ex marito, Sarah Aspin, ha conosciuto Fielder-Civil in riabilitazione nel 2009. I due hanno avuto dei figli, ma la donna si è sempre dichiarata preoccupata che il compagno non riuscisse ad uscire dal ricordo della Winehouse.[80] Il 20 luglio 2011, tre giorni prima della sua morte, appare all'iTunes Festival London durante l'esibizione con Dionne Bromfield[81]: questa è la sua ultima apparizione in pubblico.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Alle 15:53 del 23 luglio 2011, la cantante viene trovata morta nel letto della sua casa al numero 30 di Camden Square. Il personale sanitario delle due ambulanze accorse immediatamente sul posto non poté che constatarne il decesso: l'autopsia eseguita il 25 luglio non ha chiarito le cause. Dopo ulteriori esami tossicologici e istologici, il 24 agosto 2011 un portavoce della famiglia rende noto che «Le analisi non hanno rilevato tracce di sostanze stupefacenti, solo tracce di alcol, ma non in misura tale da poter stabilire se e fino a che punto l'alcol abbia influito sulla sua morte».[82].

Foto e fiori davanti a casa di Amy Winehouse la sera del 23 luglio 2011

Subito dopo la notizia migliaia sono i messaggi di cordoglio da parte dei fan della cantante lasciati nei vari social network e davanti alla sua casa. Il cantante jazz Tony Bennett ha dichiarato: Era in difficoltà in quel momento perché aveva un paio di impegni, e lei non riusciva a tenere il passo. Ma ciò di cui la gente non si rendeva conto in quel momento è che lei sapeva, sapeva che era in un sacco di guai, che non stava vivendo. E non era la droga. Era alcool verso la fine... è stata una cosa triste perché lei era l'unica cantante che cantava davvero, quello che io chiamo il "modo giusto", perché era una grande cantante jazz... Era davvero una grande cantante jazz, una cantante jazz vera...[83]

Amy Winehouse non aveva ancora compiuto 28 anni ed è dunque andata ad aggiungersi a quella cerchia di artisti colpiti dalla cosiddetta maledizione del 27, in quanto morti proprio a quell'età. Le esequie sono state celebrate il 26 luglio con rito ebraico al Golders Green Crematorium, situato a nord di Londra e le ceneri, dopo essere state unite a quelle della nonna Cynthia,[84] morta di cancro polmonare nel 2006 e adorata dalla cantante, sono state disperse allo Edgwarebury Jewish Cemetery, il cimitero ebraico situato a Edgware, nel quartiere di Barnet, alla presenza di genitori, parenti, amici,[85] del produttore e cantante Mark Ronson e della cantante Kelly Osbourne[86].

Fiori e foto in omaggio alla cantante (27 luglio 2011).

Il 27 ottobre 2011 sono stati resi noti gli esiti degli esami tossicologici, che hanno rivelato la presenza di alcol nel sangue cinque volte superiore al limite consentito per la guida. Viene reso noto che la morte è stata causata da uno shock chiamato "stop and go", ovvero dall'assunzione di una massiccia dose di alcol dopo un lungo periodo di astinenza.[87]

Controversie e indagini successive sulla morte[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le informazioni riportate dal The Sun, l'inchiesta condotta dal vice coroner Suzanne Greenaway sarebbe illegale. Si pensava che la morte fosse stata causata da uno shock chiamato "stop and go". All'inizio del 2012 si prese atto che Greenaway era stata nominata vice coroner dal dottor Andrew Scott Reid, suo coniuge, senza superare tutti i requisiti adatti per svolgere l'indagine. Oltre all'indagine principale, ci sarebbero più di altre trenta indagini sulla morte della cantante, che potrebbero essere tutte invalidate.

Andrew Scott Reid ha ammesso la falsità delle sue azioni: A novembre è divenuto chiaro che ho fatto un errore nel processo di nomina. Sebbene confidi nel fatto che le inchieste sono state fatte correttamente, mi scuso se ciò può aver provocato preoccupazioni[88]. Il padre di Amy, Mitch Winehouse, ha scritto tramite Twitter che farà ogni sforzo immaginabile per trovare la verità sulla faccenda.[89]

Un altro incidente relativo alle indagini è quello dello smarrimento di alcuni documenti relativi alle cause del decesso. La polizia londinese ha inviato alcuni documenti ad un indirizzo sbagliato.[90] Un portavoce di Scotland Yard ha commentato l'evento dicendo che: "La polizia è stata informata che del materiale relativo ad un'inchiesta potrebbe essere stato consegnato ad un indirizzo non corretto. Al momento sono in atto indagini per stabilire le circostanze di questa faccenda".[91]

L'8 gennaio 2013 viene detto che la cantante probabilmente è morta per un'intossicazione da alcol che le ha bloccato la respirazione[92]. Il dottor Shirley Radcliffe, incaricato di indagare sul caso Winehouse, ha detto È stato un atto volontario che ha avuto una svolta inaspettata, non era nelle sue intenzioni il suicidio.[93][94]

Il 25 giugno successivo, il fratello di Amy Winehouse dichiara che la cantante non è morta per via dell'alcol ma perché soffriva di bulimia fin dall'adolescenza. Infatti viene ribadito che l'ipotesi formulata a gennaio dello stesso anno rimane solamente un'ipotesi, niente di più.[95][96][97]

Eventi successivi alla sua morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel giorno del primo anniversario della morte di Amy Winehouse, l'ex marito Blake Fielder-Civil trova delle lettere e degli sms spediti dalla cantante prima della sua morte. Poche ore dopo, Blake viene ricoverato per aver tentato il suicidio con un cocktail di farmaci. Successivamente esce dal coma.[98][99][100] Già nel 2008, Fielder-Civil aveva dichiarato «Ho portato mia moglie giù per una strada che non avrebbe mai dovuto percorrere»[101]

Amy Winehouse in concerto a Berlino.

Il 21 settembre 2012, le ceneri di Amy Winehouse trovano la loro collocazione definitiva; dopo essere rimaste per molto tempo a casa del padre della cantante, le ceneri sono state unite a quelle della nonna Cynthia e sono state disperse all'Edgwarebury Jewish Cemetery. Nel cimitero è stato eretto un sepolcro di marmo nero, con scritte in color rosa[102], dove sono stati scritti il suo nome e quello della nonna; in basso è raffigurato un libro dove vi sono incisi, tra gli altri, il nome di Salaam Remi, quello di Mark Ronson e quello di Dionne Bromfield.[103]

Successivamente Blake Fielder-Civil viene fotografato nel cimitero, che depone dei fiori sulla tomba della cantante. Il padre di Blake all'inizio di ottobre aveva dichiarato: Blake non ha ancora elaborato il lutto; non c'è dubbio che ci saranno un sacco di lacrime, è stato devastato quando è morta e vuole essere vicino a lei e al suo luogo di riposo.[104]

Ad inizio 2013 viene confermato che Amy Winehouse sarà inserita nella Walk of Fame di Londra.[105] Il 30 ottobre 2013 viene lanciato online uno store interamente dedicato alla cantante. Nel sito sono presenti tutti gli album, gli EP e vari gadget (borse, diari, abiti, spille e altro).[106]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua vita Amy Winehouse ha donato dei soldi a molti enti di beneficenza, in particolare quelli riguardanti i bambini. Anche se questo lato della sua personalità non è mai stato ben noto al grande pubblico, sia nella comunità artistica che nella comunità caritatistica era conosciuta per la sua generosità ed è stata anche conosciuta come un "soft touch". "Chiedi a Amy e lei lo farà" era una frase comune tra la comunità di carità nei riguardi della Winehouse.

Amy Winehouse ad Eurocknèes nel 2007.

Altre attività benefiche[modifica | modifica wikitesto]