Asif Kapadia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Asif Kapadia nel 2015.
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior documentario 2016

Asif Kapadia (Londra, 1972) è un regista inglese di origine indiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera di regista inizia nel 1994 con il cortometraggio Indian Tales. Nel 1996 gira i film Waiting room e Wild west, e nel 1997 produce il cortometraggio The Sheep Thief con il quale vince il secondo premio della sezione "Cinefoundation" al Festival di Cannes nel 1998.

Il successo arriva nel 2002 con il film The Warrior che viene nominato per tre BAFTA Awards nel 2003, e vince un "Alexander Korda Award" come miglior film emergente inglese dell'anno, e un "Carl Foreman Award" per lo speciale lavoro cinematografico eseguito da un regista nei suoi primi film. Il film vince anche "l'Evening Standard British Film Award", Sutherland Trophy per il miglior film originale e creativo al London Film Festival, il "Grand Prix" al "Dinard Film Festival", il "Douglas Hickox Award" come miglior film in debutto, e il "Technical Achievement Award".

Nel 2006 esce il film L'incubo di Joanna Mills con Sarah Michelle Gellar e Sam Shepard, e nel 2007 esce il film Far North che viene presentato al Festival del cinema di Venezia.

Nel 2010 ha diretto il film documentario sulla carriera di Ayrton Senna, premiato al Sundance Film Festival negli Stati Uniti[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Indian Tales (1994)
  • The Waiting Room (1996)
  • Wild West (1996)
  • The Sheep Thief (1997)
  • Uneternal City (2008) - film a episodi
  • Trancity (2008)
  • My World (2008)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ayrton Senna, in dvd il film di Kapadia: “Tensione, dramma e tragedia”, F1WEB.it, 6 aprile 2011. URL consultato il 04 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5182796 · ISNI: (EN0000 0000 7843 8599 · LCCN: (ENn2008005615 · GND: (DE137499957 · BNF: (FRcb14611894k (data)