Mindhunter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mindhunter
Mindhunter serie TV.jpg
Titolo originaleMindhunter
PaeseStati Uniti d'America
Anno2017 – in produzione
Formatoserie TV
Generethriller, drammatico
Stagioni2
Episodi19
Durata34-77 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto2,20:1
Crediti
IdeatoreJoe Penhall
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaErik Messerschmidt, Christopher Probst
ScenografiaSteve Arnold
CostumiJennifer Starzyk
ProduttoreJim Davidson
Produttore esecutivoDavid Fincher, Joshua Donen, Charlize Theron, Cean Chaffin
Casa di produzioneDenver and Delilah, Jen X Productions, Panic Pictures / No. 13
Prima visione
Distribuzione originale
Data13 ottobre 2017
DistributoreNetflix
Distribuzione in italiano
Data13 ottobre 2017
DistributoreNetflix

Mindhunter è una serie televisiva statunitense del 2017, basata sul libro Mindhunter: La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano (Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit), scritto da Mark Olshaker e John E. Douglas.[1]

La prima stagione, composta da 10 episodi, è stata distribuita da Netflix il 13 ottobre 2017.[2] Il 30 marzo 2017, Netflix aveva già rinnovato la serie per una seconda stagione, ancora prima del suo debutto,[3] distribuita dal 16 agosto 2019.[4]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 Holden Ford, negoziatore frustrato dell'FBI, trova un'improbabile collaborazione nel navigato agente Bill Tench del reparto scienze comportamentali e nella professoressa Wendy Carr, con cui inizia a studiare una nuova tipologia di assassino, il cosiddetto "serial killer" e un nuovo metodo di indagine ed identificazione del colpevole chiamato "profilazione", andando in varie prigioni degli Stati Uniti ad intervistare tutti i maggiori e famosi pluriomicidi che stanno scontando la loro pena.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Holden e Bill continuano ad intervistare vari criminali statunitensi con l'aiuto di Wendy e Gregg; tra il 1979 e il 1981, Atlanta è lo scenario di inquietanti omicidi seriali, che contano tra le vittime bambini afroamericani, e Holden e Bill cercheranno di scovare il colpevole.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Holden Ford (stagione 1-in corso), interpretato da Jonathan Groff, doppiato da Marco Vivio. Il personaggio è basato su John E. Douglas, ex agente speciale e scrittore del libro da cui è tratta la serie.
  • Bill Tench (stagione 1-in corso), interpretato da Holt McCallany, doppiato da Stefano Benassi. Il personaggio è basato su Robert Ressler.
  • Wendy Carr (stagione 1-in corso), interpretata da Anna Torv, doppiata da Chiara Colizzi. Il personaggio è basato sulla dottoressa Ann Wolbert Burgess.
  • Deborah "Debbie" Mitford (stagione 1), interpretata da Hannah Gross, doppiata da Rossa Caputo. Fidanzata di Ford laureata in sociologia all'università della Virginia.
  • Robert Shepard (stagione 1, ricorrente stagione 2), interpretato da Cotter Smith, doppiato da Marco Mete. Il capo dell'unità di Ford e Tench. All'inizio della seconda stagione andrà in pensione.
  • Nancy Tench (ricorrente stagione 1, stagioni 2-in corso), interpretata da Stacey Roca, doppiata da Franca D'Amato. La moglie di Bill.
  • Gregg Smith (ricorrente stagione 1, stagioni 2-in corso), interpretato da Joe Tuttle, doppiato da Francesco Pezzulli. Agente speciale recentemente assegnato al Behavioral Science Unit.
  • Ted Gunn (stagioni 2-in corso), interpretato da Michael Cerveris, doppiato da Gianluca Machelli. Il successore di Shepard come capo dell'unità.
  • Kay Mason (stagione 2), interpretata da Lauren Glazier, doppiata da Giuppy Izzo. Barista nonché nuovo interesse amoroso della dottoressa Carr.

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 10 2017 2017
Seconda stagione 9 2019 2019

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer della serie viene diffuso il 1º marzo 2017 attraverso il canale YouTube di Netflix.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie televisiva ha debuttato su Netflix in tutti i paesi in cui è disponibile a partire dal 13 ottobre 2017.[2][6]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata accolta positivamente dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes registra un indice di gradimento del 96% tra le recensioni professionali, con un voto medio di 7,9 su 10 basato su 26 critiche,[7] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 76 su 100 basato su 16 recensioni.[8]

La seconda stagione ha confermato i consensi della prima. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes registra un indice di gradimento del 100% tra le recensioni professionali, con un voto medio di 8,39 su 10 basato su 31 critiche[9], mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 84 su 100 basato su 9 recensioni.[10]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Joey Nolfi, Mindhunter trailer: David Fincher returns to Netflix with new drama, Entertainment Weekly, 1º marzo 2017. URL consultato il 1º marzo 2017.
  2. ^ a b (EN) Max Evry, Mindhunter Teaser Trailer: The David Fincher FBI profiler series, comingsoon.net, 1º marzo 2017. URL consultato il 1º marzo 2017.
  3. ^ Serie tv 2017: rinnovate e cancellate [aggiornato – MAGGIO 2017], su tvserial.it, 2 maggio 2017. URL consultato il 6 maggio 2017.
  4. ^ Marica Lancellotti, MINDHUNTER 2, NETFLIX SVELA LA DATA DI USCITA: SARÀ ISPIRATA AGLI OMICIDI DI ATLANTA, su Movieplayer.it, 13 luglio 2019. URL consultato il 13 luglio 2019.
  5. ^ Filmato audio Netflix Italia, MINDHUNTER - Teaser - Netflix [HD], su YouTube, 1º marzo 2017. URL consultato il 1º marzo 2017.
  6. ^ Filmato audio Netflix Italia, MINDHUNTER, su YouTube, 1º agosto 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  7. ^ (EN) Mindhunter: Season 1 - Rotten Tomatoes. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  8. ^ Mindhunter. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  9. ^ (EN) Mindhunter: Season 2. URL consultato il 21 agosto 2019.
  10. ^ Mindhunter. URL consultato il 21 agosto 2019.
  11. ^ (EN) Steve Pond, 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, thewrap.com, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.
  12. ^ (EN) 2017 NOMINEES, pressacademy.com. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  13. ^ (EN) Dave McNary, ‘Black Panther,’ ‘Walking Dead’ Rule Saturn Awards Nominations, Variety, 15 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  14. ^ (EN) Gregg Kilday, 'Call Me by Your Name' Leads Dorian Award Nominations, The Hollywood Reporter, 29 gennaio 2018. URL consultato il 28 maggio 2018.
  15. ^ (EN) Kristopher Tapley, ‘Wonder Woman,’ ‘Lost City of Z,’ ‘Big Little Lies’ Among USC Scripter Finalists, Variety, 16 gennaio 2018. URL consultato il 28 maggio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione