Soul bianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Soul bianco
Origini stilistiche blues, musica popolare, musica afro-americana
Origini culturali Stati Uniti e Gran Bretagna, anni sessanta
Strumenti tipici voce, chitarra folk, armonica a bocca
Popolarità Stati Uniti Stati Uniti, Regno Unito Regno Unito
Generi correlati
jazz, rhythm and blues, country, rock
Categorie correlate

Gruppi musicali soul bianco · Musicisti soul bianco · Album soul bianco · EP soul bianco · Singoli soul bianco · Album video soul bianco

Soul bianco, in inglese blue-eyed soul, è un termine generico usato per indicare la musica soul interpretata dai bianchi[1]. D'altra parte non si tratta di un stile specifico di musica, dato che questo termine è stato utilizzato, a partire dagli anni sessanta, per riferirsi a differenti artisti e gruppi musicali, quali:

Storia[modifica | modifica sorgente]

Tuttavia il soul bianco, come veniva chiamato negli anni sessanta e nei primi anni settanta, alludeva ai cantanti di etnia bianca il cui stile veniva fortemente influenzato dal R&B dell'epoca. All'inizio si riferiva ad artisti come Eric Burdon, Dusty Springfield e Van Morrison, per evolvere in seguito verso The Box Tops, David Bowie e Joe Cocker. In alcuni casi, tra cui si distinsero The Flaming Ember e The Rascals, alla radio venivano presentati come artisti di colore (molte volte di proposito, per non perdere gli ascolti della comunità nera, che rifiutava spesso questo genere di artisti)[senza fonte].

È a George Woods, noto presentatore radiofonico della importante stazione radio WDAS di Philadelphia specializzata nel genere, che viene attribuita la coniazione del termine blue-eyed soul[2], con cui descriveva la musica del duo bianco Righteous Brothers[3], assai apprezzata nel palinsesto delle radio rhythm and blues e che, in queste stazioni radio, aprì la strada ad altri cantanti bianchi dotati di una analoga vena soul[4]. In misura minore, questo termine si può applicare ad altri generi musicali derivati dal vero soul (come il dirty pop, l'urban soul o l'hip hop soul) così come ad artisti che si rifanno al soul e le cui composizioni hanno molto in comune con questo genere, come Justin Timberlake, Kelly Clarkson, JoJo ed altri.

Alcuni artisti Blue-eyed soul[modifica | modifica sorgente]

Prima generazione del soul bianco[modifica | modifica sorgente]

Seconda generazione del soul bianco[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Blue-eyed soul su Allmusic. URL consultato il 03-11-2009.
  2. ^ (EN) La nascita del blue-eyed soul. URL consultato il 03-11-2009.
  3. ^ (EN) The righteous Brothers. URL consultato il 03-11-2009.
  4. ^ (EN) Claude Hall, R&B stations open airplay gates to "Blue-eyed soulists" in Billboard, 9 ottobre 1965. URL consultato il 06-11-2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica