Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

Anastacia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'album omonimo, vedi Anastacia (album).
Anastacia
Anastacia Resurrection Tour (London).jpg
Anastacia durante la tappa del Resurrection Tour 2015 a Londra
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop[1]
Rock[2]
Funk[3]
Contemporary R&B[2]
Soul bianco[4]
Dance pop[5]
Periodo di attività 1993 – in attività
Etichetta Sony (Epic/Daylight)
Mercury
BMG
Sony (Epic)
Album pubblicati 9
Studio 6
Live 1
Raccolte 2
Sito web
Anastacia new logo black 2016.png

Anastacia Lyn Newkirk, nota professionalmente come Anastacia (Chicago, 17 settembre 1968), è una cantautrice, compositrice, produttrice discografica, filantropa e stilista statunitense.

Tra gli artisti di maggior successo del terzo millennio,[6][7][8][9][10] dal suo esordio ha pubblicato sei album e due raccolte vendendo circa 85 milioni di dischi in tutto il mondo.[11][12] Possiede una voce considerata tra le più potenti e facilmente riconoscibili al mondo.[13] Ha molto successo in Europa, Oceania, Asia, Africa e Sud America mentre negli Stati Uniti, il suo paese natale, ha ottenuto un successo minore.[14] Non ha mai nascosto le sue battaglie personali con le gravi malattie che hanno rallentato la sua carriera.[15][16] Nel 2009 riceve il World Artist Award ai Women's World Awards come artista che ha influenzato il mondo con la sua musica.[17]

Per via del suo particolare timbro vocale è stata definita «la bianca dalla voce nera».[17][18] Ha collezionato 226 dischi tra oro e platino.[8][19][20] Definisce Sprock, un mix tra soul, pop e rock, il suo genere musicale.[21]

La firma di Anastacia

Anastacia ha iniziato la sua carriera nel 1983 come ballerina, facendo apparizioni regolari nel Club MTV fino al 1992. Nel 1990 inizia la sua carriera musicale come corista. Nel 1999 pubblica I'm Outta Love, il suo primo singolo, con cui raggiunge in poco tempo la vetta delle classifiche di tutto il mondo ed anticipa l'uscita dell'album d'esordio Not That Kind. L'anno successivo esce Freak of Nature, il secondo album, contenente le hit internazionali Paid My Dues, One Day in Your Life e Why'd You Lie to Me. Nel 2004 pubblica Anastacia, il suo album di maggior successo, anticipato dal singolo Left Outside Alone rimasto[che cosa? L'album o il singolo?] per 15 settimane al numero uno di tutte le classifiche europee. Nel 2005 pubblica il Greatest Hits Pieces of a Dream, lanciato dall'omonimo singolo.

Cambia casa discografica e ritorna nel 2008 con Heavy Rotation, che in un sondaggio della rivista musicale americana Billboard si aggiudica il decimo posto tra i migliori album del 2008. Nel 2012, a 4 anni di distanza dall'ultimo album, pubblica un album di cover rock maschili chiamato It's a Man's World. Nel 2014, dopo 6 anni dall'ultimo album di inediti, pubblica Resurrection che raggiunge la vetta di diversi paesi e sancisce il ritorno di Anastacia al suo genere rappresentativo, lo Sprock.[22] Il primo singolo estratto è la hit Stupid Little Things. Nel 2015 pubblica una seconda raccolta Ultimate Collection, trainata dai singoli Take This Chance ed Army of Me. Il 16 dicembre esce il suo primo album live A 4 App sulla piattaforma musicale Pledge Music.[23]

Combatte numerosi problemi di salute tra cui la malattia di Crohn e la tachicardia sopraventricolare. Nel corso della sua vita ha sconfitto due tumori al seno, uno nel 2003 ed uno nel 2013, a quest'ultimo riesce a sopravvivere grazie ad una doppia mastectomia[24] che la porta a subire altre dieci operazioni e cinque procedure ambulatoriali per riacquistare femminilità.[25]

Per il suo impegno e la sua dedizione nel campo della prevenzione, Anastacia è diventata la seconda donna al mondo ad aver vinto l'Humanitarian Award ai GQ Men Of The Year Awards nel 2013, prima di lei solamente Annie Lennox.[26]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

1968-1982: L'infanzia e l'adolescenza[modifica | modifica wikitesto]

Anastacia nasce a Chicago, Illinois, nel 1968.[13] All'inizio della sua carriera si dichiarò più giovane, temendo di essere troppo in là con gli anni per ottenere successo.[27] Seconda di tre figli, cresce in una famiglia di artisti: la madre Diane Hurley è un'attrice di Broadway di origini irlandesi e il padre Robert Newkirk, affetto da disturbo bipolare[28], di origini tedesche, è stato un cantante che si esibiva nei locali della East Coast.

La passione della madre per la letteratura russa la porta a chiamare la figlia "Anastacia" (dal greco "Anàstasis" che significa "colei che nascerà ancora" ovvero "resurrezione").[29] La sua infanzia ha un inizio difficile: il padre abbandona la famiglia e divorzia dalla moglie quando Anastacia era ancora una bambina.[30][31] A tredici anni scopre di essere affetta dalla malattia di Crohn[32], patologia cronica autoimmune che colpisce il tubo digerente, in particolare l'intestino, e la costringe a subire un'operazione dove i chirurghi rimossero parte dell'intestino della cantante lasciandole una grande cicatrice sull'addome.

Dopo l'operazione è costretta in sedia a rotelle per alcuni mesi e successivamente impara a camminare di nuovo. Nonostante l'invasiva soluzione chirurgica, deve fare i conti con questa malattia ogni giorno della sua vita.[13] I medici le dissero che la situazione avrebbe potuto influenzare la sua fertilità.[33]

In seguito ha rilasciato delle interviste a riguardo: «La mia malattia mi ha cambiata in molti modi. Influisce su tutto, dalla mia salute al mio lavoro, alle mie relazioni. Ciò che è vista come una maledizione da alcuni, è un dono per me, perché mi ha aiutata a scoprire chi sono realmente.».[34]

A quindici anni, con la madre, la sorella ed il fratello affetto da autismo, si trasferisce a New York nella West Side di Manhattan in un piccolo appartamento con una sola camera da letto.[35] La madre è scritturata per un musical a Broadway ma poco dopo è costretta ad abbandonare la sua carriera per seguire accuratamente il disturbo del figlio. Anastacia ha commentato: «Dopo il divorzio dei miei genitori, a quindici anni mi sono trasferita a Manhattan insieme a mia madre, mia sorella e mio fratello.[35] Sono cresciuta in una casa di artisti. Io e mia madre trascorrevamo la sera ascoltando tutte le canzoni di Elton John e Barbra Streisand e durante il giorno seguivo gli spostamenti di Diane in tutti i teatri di Broadway. Guardando quei volti con i miei occhi di adolescente vedevo solo gente stanca e disillusa dalla vita. Erano sostanzialmente tristi o, almeno, così mi sembravano. E all'inizio questa lugubre sensazione infranse ogni mio desiderio d'intraprendere una carriera artistica.»

Compagna di classe di River Phoenix, Christian Slater, Ricki Lake e Malcolm-Jamal Warner che la invita al ballo di fine anno[36], si diploma alla Professional Children School di Manhattan. Cresce ascoltando con la madre i CD di Elton John e Barbra Streisand.[37] I suoi vocalizzi e la sua voce fuori dal comune le valgono il soprannome di "freak of nature" (letteralmente "scherzo della natura", che diventerà il titolo del suo secondo album) datole dalla stessa Diane.[38]

Da bambina, affascinata dai fossili e dalle ossa, sviluppa un interesse per l'archeologia; successivamente, avvicinatasi alla psicologia, valuta una carriera come terapista per bambini e soltanto in seguito matura una passione per la musica, da lei definita la sua «terza scelta».[39] Prima di conoscere il successo lavora come insegnante di aerobica, poi come segretaria in diversi uffici, parrucchiera, commessa in un negozio di abbigliamento, cassiera, cameriera in un ristorante ed impiegata presso una pasticceria.[40]

A diciannove anni un produttore le dice che è troppo formosa per entrare nel business musicale: l'artista si sottopone ad una dieta a base di frutta e verdura, estremamente ricca di fibre che in poco tempo affliggono l'apparato digerente della cantante, causandole una grave ricaduta della malattia di Crohn. Anastacia è di nuovo ricoverata in ospedale, dove per tre settimane è alimentata attraverso un tubo inserito direttamente in una delle grosse vene del suo petto. Le vengono iniettate alte dosi di steroidi e gli effetti collaterali sono devastanti: perdita di capelli, acne, aumento di peso e gonfiore.[13]

1983-1997: I primi passi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 inizia la sua carriera come ballerina nel club newyorkese "1018", che frequenta assiduamente con la sorella, dove scopre la musica house e la danza freestyle[41]. Nel 1990 inizia la sua carriera musicale come cantante ai matrimoni e corista per la pop star Tiffany nell'album New Inside. Nel 1991 danza nel videoclip della canzone My Fallen Angel del performer domenicano Coro. Prima del successo di Coro, i due sono stati legati sentimentalmente per circa un anno e mezzo. La relazione termina quando la cantautrice rifiuta la proposta di matrimonio del performer, che successivamente dichiara la sua omosessualità.[42] Lo stesso anno viene scelta da Steven Spielberg per cantare al suo matrimonio con l'attrice Kate Capshaw.[43] In contemporanea a tutte queste attività, nelle ore notturne, inizia ad esibirsi nei nightclub e casinò insieme a delle band.

Arnold Schwarzenegger la ingaggia per cantare alla grande festa per il suo compleanno e le fa cantare sette volte la stessa canzone del gruppo musicale statunitense En Vogue.[44] Nel 1992 guadagna prominenza apparendo nello show di D.L. Hughley, dove si esibisce cantando il brano Get Here di Oleta Adams.[45]

Nel 1993 registra una canzone con David Morales intitolata "Forever Luv". Le case discografiche esitano a far firmare un contratto ad Anastacia, sia perché non sanno come trattare una ragazza bianca con la voce "nera", sia perché ella non si piega al volere dei produttori che le vogliono far cantare musica pop o hip hop per motivi commerciali: «Mi dicevano come mi dovevo vestire, come mi dovevo muovere, cosa dovevo pensare. La reazione di chi mi incontrava dopo aver ascoltato il provino era fantastica, tutti si aspettavano di avere davanti una ragazza di colore, e invece arrivavo io, piccolina, bianca e con gli occhiali. Non volevo altro che essere me stessa, cantare con la mia voce e vestire come volevo.»[46] I produttori trovano la sua voce inusuale e secondo loro non rientra in nessuna categoria musicale.[47]

Nonostante i rifiuti delle case discografiche, Anastacia continua per la sua strada. Nel 1994 canta come corista per Jamie Foxx nel suo album di debutto Peep This[48], e nel 1995 per Paula Abdul nel suo terzo album in studio Head over Heels[9]. Dal 1997 diventa una componente della band raggae The Kraze, ne fa parte fino al 1999. Sempre nel 1997 è una componente del coro gospel di Kurt Carr chiamato The Kurt Carr Singers dove lei è l'unica cantante bianca[49] e successivamente duetta con il compositore cubano Omar Sosa nelle canzoni Mi Negra, Tu Bombón e Tienes Un Solo.[50] Nello stesso anno trova lavoro come receptionist in un salone di bellezza a Beverly Hills dal quale viene licenziata pochi mesi dopo per il suo carattere troppo espansivo e la sua voce troppo invadente.[51]

1998-2000: L'esordio ed il successo mondiale con Not That Kind[modifica | modifica wikitesto]

L'anno fortunato sarà il 1998, quando la sua manager Lisa Braudé la spinge a presentarsi a The Cut, un programma di MTV per la ricerca di nuovi talenti condotto da Lisa Lopes. Partecipano 160 artisti giudicati da personalità come Pete Rock, David Foster e Faith Evans. Canta Not That Kind ed arriva seconda.[52]

La sua esibizione provoca reazioni importanti: Elton John la elogia, tra i due nasce un'amicizia, Michael Jackson rimane colpito dalla sua potenza vocale e le telefona per complimentarsi, incitandola a proseguire la sua carriera. Le chiede di poter duettare con lei e le propone di firmare un contratto con la sua casa discografica. I due diventano amici anche se Anastacia decide di non accettare le sue proposte.[1][53][54]

Dopo il programma, incontra i presidenti di tutte le major americane e nel marzo 1999 firma un contratto discografico con la Daylight Records (controllata dalla Epic e dalla Sony).[29] Un team di autori e produttori di primo livello, personalità illustri della scena del pop (Sam Watters, Louis Biancaniello, Ric Wake, Evan Rogers, Carl Sturken e Ray Ruffin) affianca la cantante per la creazione del suo primo album, che viene pubblicato il 16 giugno 2000, intitolato Not That Kind. Il primo singolo, I'm Outta Love, viene pubblicato il 29 febbraio 1999, ottiene un successo planetario trascinando sulla vetta delle classifiche anche l'album d'esordio.[1] Immediatamente il brano si posiziona al primo posto nelle classifiche di mezzo mondo, negli Stati Uniti esordisce alla seconda posizione nella top 10 della Billboard "Hot Dance Club Play".[55][56]

La sua voce viene paragonata a quelle di Tina Turner ed Aretha Franklin.[44][57] Molti pensano di star ascoltando la voce di una grassa donna nera,[58] ma all'uscita del videoclip del singolo rimangono colpiti in quanto 'avevano davanti a loro una minuta ragazza bianca e bionda'. Il consigliere delegato della Epic Records Jorg Hacker rivela: «Quando ho sentito per la prima volta I'm Outta Love ho pensato 'Wow, un'altra brava artista nera' poi mi hanno detto che si trattava di una donna bianca, e non riuscivo a crederci».[59] Anastacia in un'intervista per Billboard parla del successo del brano:«È ancora sbalorditivo per me realizzare che cosa è diventato universalmente, perché non era mio intento. La mia unica sensazione era quella di voler scrivere una canzone come It's Raining Men o I Will Survive, una di quelle che ti fa muovere e ti rende felice.».[59]

Tra il 2000 e il 2001 vengono estratti altri tre singoli dall'album: Not That Kind, Cowboys & Kisses e Made for Lovin' You. L'album ottiene il quintuplo disco di platino in Germania, il triplo disco di platino in Australia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Paesi Bassi e Svizzera, il doppio disco di platino in Francia, il disco di platino in Brasile, Austria, Slovenia, Belgio (Vallonia), Belgio (Fiandre), Danimarca, Norvegia ed il disco d'oro in Indonesia, Finlandia, Spagna e Svezia. In tutto il mondo riesce a vendere oltre cinque milioni di copie solo nell'anno di pubblicazione,[60] ed altri undici milioni nei quattro anni successivi.[61] L'enorme successo la porta ad intraprendere un tour promozionale negli stadi e parchi di tutto il mondo. L'album esce anche negli Stati Uniti il 27 marzo 2001 ma, nonostante il riscontro del singolo I'm Outta Love, Anastacia non ottiene un grande successo nel suo paese d'origine,[62] vendendo circa 300.000 copie.[63]

Nel giro di pochi mesi diventa famosa in tutto il mondo grazie alla sua voce potente che non corrisponde al suo aspetto, alla sua musica Funk/Dance/R&B.[64] Il 21 ottobre del 2000, a New York, duetta con Elton John al Madison Square Garden. Sul palco cantano Saturday Night's Alright for Fighting.

2001-2002: Freak of Nature[modifica | modifica wikitesto]

« Anastacia è una persona che verrà capita dal mondo. »
(Michael Jackson[65])

Nel 2001 partecipa, duettando con il tenore italiano Luciano Pavarotti in I Ask of You, all'ottava edizione dell'evento musicale benefico Pavarotti & Friends, svoltosi il 29 maggio per sostenere le popolazioni dell'Afghanistan.[66] Successivamente, in diverse interviste racconta quell'indimenticabile esperienza:«Ha cantato una mia canzone, proprio accanto a me. Credo sia stata l'esperienza più intensa di tutta la mia vita. Di fronte a tanta bravura però, ho iniziato ad avere dei dubbi sulla mia voce e lui mi ha detto che la mia voce non avrebbe mai potuto sbagliare.»[67]

Nel 2001, grazie alle vendite del proprio album d'esordio e del singolo I'm Outta Love, vince nella categoria World's Best Selling New Female Pop Artist un World Music Award[68] ed un MTV Europe Music Award nella categoria Best Pop.[69] Nello stesso anno si esibisce al concerto per il Premio Nobel per la pace, presentato da Meryl Streep e Liam Neeson, cantando Let It Be con Paul McCartney ed altre importanti personalità della musica.

Il 26 novembre 2001 pubblica il suo secondo album Freak of Nature, di grande successo anche grazie ai singoli Paid My Dues e One Day in Your Life che diventano delle importanti hit a livello mondiale e le fanno vendere oltre cinque milioni di copie nell'anno d'uscita dell'album e altri undici fino al 2014.[1][70] L'album raggiunge la top ten di quindici paesi e la ventisettesima posizione della Billboard 200. In seguito escono anche i singoli Why'd You Lie to Me e You'll Never Be Alone che ottengono un buon successo in Europa. Il 20 febbraio del 2002 si esibisce ai BRIT Awards duettando con i Jamiroquai con la hit di Donna Summer Bad Girls.

Anastacia inizia la promozione dell'album e ad ogni tappa vengono riscontrati disordini nelle città visitate dalla cantante a causa delle numerose folle di persone accorse a vederla.[71] Si esibisce a Sydney sulla baia Darling Harbour, presa d'assalto da oltre 5,000 ammiratori.[71] Canta quattro canzoni del suo repertorio.[71] Il 3 aprile visita l'Highpoint Shopping Centre di Melbourne reso inagibile da più di 4,000 persone in attesa della cantante.[71] Il 5 aprile visita il Queen Street Mall di Brisbane bloccato da 6,000 ammiratori accorsi per vederla.[71]

Nello stesso anno, la FIFA incarica la cantante di ideare la colonna sonora dei Mondiali di Calcio FIFA 2002 Corea - Giappone e nell'estate dello stesso anno esce il singolo Boom, scritto da Anastacia e Glen Ballard che diventa l'inno ufficiale dell'evento[72]. Joseph Blatter aggiunge al riguardo: «Sono convinto che questa canzone, eseguita da una delle icone femminili della musica del nostro tempo, creerà legami affettivi tra le squadre, i tifosi e la FIFA World Cup».[73] Anastacia esegue il brano nell'intervallo della finale tra Brasile e Germania all'International Stadium di Yokohama in Giappone.

Il 23 maggio 2002, nell'MGM Grand Las Vegas, partecipa a Divas di Las Vegas insieme a Mary J. Blige, Celine Dion, Shakira, Cher e le Dixie Chicks. Lo show è presentato da Ellen DeGeneres e trasmesso in diretta sul canale americano VH1.[74] Nella serata le cantanti ripropongono canzoni celebri di autori internazionali. Anastacia, si esibisce con One Day in Your Life, Jailhouse Rock di Elvis Presley e duetta con Céline Dion in You Shook Me All Night Long (cover dell'omonima canzone degli AC/DC).[75] Sempre nel 2002, appare nel The Royal Variety Show dove si esibisce con One Day in Your Life. Nello stesso periodo registra una pubblicità con Cyndi Lauper per la bevanda Dr Pepper.

2003: Il cancro al seno[modifica | modifica wikitesto]

« Sono una cantante che tocca milioni di persone, le mie parole e la mia conoscenza di quello che sto imparando dal cancro può aiutarne milioni. E se posso aiutarne milioni, oppure anche solo una persona, quella persona è più di nessuna. »
(Anastacia in un'intervista per la ABC.[76])

Nel 2003, in vista del suo tour mondiale che avrebbe toccato Giappone, Europa, Australia, Nuova Zelanda e Americhe,[77] scopre di essere stata colpita da un cancro al seno sinistro.[78]

A peggiorare la situazione, viene costretta ad affrontare la sua malattia nel modo più pubblico possibile.[79] Appena due giorni dopo aver scoperto il cancro, la notizia trapela ed in poco tempo fa il giro del mondo. La cantante è costretta ad assentarsi dal panorama musicale per curarsi.[44][79][80] Anastacia ha sempre sostenuto di aver avuto tutte le intenzioni di fare pubblica la malattia, ma solamente quando l'avrebbe ritenuto necessario per contribuire ad aumentare la consapevolezza nelle donne.[44][79]

Nonostante la diagnosi, Anastacia vuole portare a termine l'impegno preso in precedenza per registrare la colonna sonora del film Chicago, vincitore di sei premi Oscar,[81] tre Golden Globe[82] ed altri premi internazionali. La canzone si intitola Love Is a Crime e la cantante, fisicamente provata dai pesanti cicli di radioterapia che stava affrontando, riesce comunque a girarne il video la settimana prima dall'operazione.[1][83] Il brano esordisce alla prima posizione della Billboard "Club Play Chart".[84] Tuttavia il video non verrà mai pubblicato, in segno di rispetto per la difficile situazione che l'artista stava vivendo. Dopo le riprese, i dottori scoprono che il cancro è avanzato di stadio e si sta espandendo velocemente. Il 10 febbraio viene operata d'urgenza di lumpectomia, operazione durata sette ore per asportare le cellule tumorali.[83][85][86][87] Nei mesi successivi si sottopone ad altre sedute di radioterapia.[88] Durante la riabilitazione la sua voce si indebolisce, impedendole di registrare.[89][90] Con il passare dei mesi ritrova la giusta concentrazione per dedicarsi alla scrittura, anche se i sui riflessi rallentati la portano ad avere due incidenti stradali.[91] Successivamente crea la The Anastacia Fund, la sua fondazione nata per dare maggiore consapevolezza del cancro al seno tra le donne giovani.[92]

Il 29 novembre 2003 torna sulla scena musicale come protagonista del 46664 Nelson Mandela AIDS Day Concert cantando con i Queen e gli U2. Insieme a Brian May e David A. Stewart scrive Amandla (parola xhosa e zulu che significa "Forza"), la colonna sonora dell'evento organizzato da Nelson Mandela. Il concerto si è svolto al Green Point Stadium a Città del Capo, Sud Africa.[93][94]

2004: Anastacia ed il Live at Last Tour[modifica | modifica wikitesto]

Anastacia durante la tappa del Live at Last Tour 2004 alla Stockholm Globe Arena di Stoccolma, Svezia.

Nel settembre 2003 si trasferisce a Los Angeles dove inizia a dare vita al sul terzo album, lavorando con produttori del calibro di Glen Ballard, Dallas Austin e Dave Stewart. L'album intitolato semplicemente Anastacia, contiene due tracce in memoria della malattia: Where Do I Belong e Heavy on My Heart registrata anche in lingua francese con il titolo Trop Lourd dans Mon Coeur.[95] Viene pubblicato il 29 marzo del 2004 e giunge alla vetta delle classifiche mondiali vendendo 6 milioni di copie solamente nei primi nove mesi d'uscita.[61] Si posiziona alla numero uno in Australia[96], Austria[97], Belgio[98], Danimarca[99], Paesi Bassi[100], Germania[101], Norvegia[102], Polonia[103], Spagna, Svezia[104], Svizzera[105], Regno Unito[106] ed altri paesi europei.

La Sony Music di fronte al notevole successo commenta: «Album come questo sono molto rari, trascendono qualsiasi spiegazione. La musica è avvincente, coinvolgente o addirittura epocale, ma la costante sincerità ed i sentimenti toccanti che fanno da finestra all'anima dell'artista, sono ciò che lo distinguono da tutti gli altri».[107]

Quest'album sancisce la nascita di un nuovo stile che riassume il suo genere musicale, un mix tra soul, pop e rock che la cantante ribattezzerà Sprock.[1] Il primo singolo, pubblicato a marzo, è Left Outside Alone. Ha un grande successo in tutto il mondo e raggiunge la vetta delle classifiche di diversi Paesi europei e non, tra cui Australia[108], Austria[109], Finlandia[110], Italia[111], Spagna[112] e Svizzera[113][114]. Diventa una delle canzoni più di successo del 2004, complessivamente rimane per quindici settimane consecutive al primo posto nella classifica europea delle canzoni più vendute e 323 settimane in altre posizioni.[115]

Successivamente escono i singoli Sick and Tired, che replica il successo del precedente, Welcome to My Truth, e la ballata Heavy on My Heart, i cui profitti sono stati devoluti alla The Anastacia Fund.

Il video del terzo singolo Welcome to My Truth, ma soprattutto la canzone Left Outside Alone, sono dedicati al difficile rapporto con il padre, che ha abbandonato la famiglia quando Anastacia era ancora piccola.[116]

Diventa rapidamente il suo album di maggior successo fino ad oggi ma a differenza dei suoi primi due lavori, quest'ultimo non viene rilasciato in patria, pur avendo programmato tre date di pubblicazione. Al contrario dell'album, il singolo Left Outside Alone fa una sporadica apparizione nella classifica americana Adult Contemporary, mentre il remix della canzone, raggiunge la quinta posizione della classifica Hot Dance Club Play.[117]

Nel giugno 2004 l'azienda Apple pubblica a livello mondiale l'iTunes Store ed i brani dell'artista sono quelli più venduti durante la prima settimana di attività dello store.[118]

Il 25 settembre 2004 parte da Rotterdam il tour promozionale dedicato all'album, il Live at Last Tour che tiene impegnata la cantante fino al 6 aprile 2005.

2005-2007: L'Encore Tour e il primo Greatest Hits[modifica | modifica wikitesto]

A causa del grande interesse per lo spettacolo, il Live at Last Tour tour viene esteso e rinominato Encore Tour (in italiano bis) che la tiene impegnata fino al 14 agosto 2005. Complessivamente vende in tutta Europa oltre 800.000 biglietti[119].

Il 4 novembre 2005 pubblica la sua prima raccolta di successi, Pieces of a Dream, in cui sono raccolti tutti i suoi successi più quattro inediti.[120]

Il primo singolo dell'album prende il nome da quest'ultimo, Pieces of a Dream, e raggiunge la vetta di molti paesi. Il secondo brano estratto è il duetto con Eros Ramazzotti, I Belong to You (Il ritmo della passione) (registrata anche in lingua spagnola). La canzone diventa un grande successo, raggiunge la vetta di molte classifiche europee, tra cui l'Italia, la Svizzera, la Germania e l'Ungheria.[121] Il brano viene accolto positivamente dalla critica e dal pubblico. Viene definita una delle più belle ballate d'amore di sempre, la BBC commenta riguardo Anastacia: "La canzone rivela un lato setoso della voce di Anastacia che si contraddistingue dalla forte tonalità che conosciamo, e con un tipo di eccesso polmonare da far vergognare anche Céline Dion"[122] Nel Greatest Hits è presente anche il duetto con Ben Moody, Everything Burns, colonna sonora del film I Fantastici Quattro per la regia di Tim Story e distribuito dalla 20th Century Fox.

Il 17 febbraio 2006, in occasione dei XX Giochi olimpici invernali di Torino, Anastacia si esibisce in concerto al Medals Plaza, registrando il tutto esaurito e guadagnandosi il primo posto nel record di vendite.[123] Dopo di lei Whitney Houston e Lou Reed.[123][124] Il 27 marzo del 2006 viene stampato il DVD del Live at Last Tour, chiamato Live at Last. Contiene le riprese effettuate tra il 24 e il 26 ottobre del 2004 al Velodrom di Berlino e all'Olympiahalle a Monaco di Baviera, dei video extra di alcune sue canzoni e un documentario del tour.[125] Il 4 giugno del 2006 è in concerto al Rock in Rio.[126][127]

Alla fine del 2007 inizia ad avere delle forti palpitazioni che credeva fossero semplici attacchi di panico, ma presto le viene diagnosticata una tachicardia sopraventricolare[13]. Non riuscendo a gestire lo sbalzo del cuore, in svariate occasioni perde i sensi dietro le quinte.[128] Rifiuta la chirurgia a cuore aperto e sceglie di sottoporsi a vita ad un trattamento per monitorare la malattia. Sempre in questo periodo lascia la sua casa discografica e firma un contratto con la Mercury Records della Universal Music Group, terminando il rapporto lavorativo con la Sony BMG durato dieci anni. Durante un'intervista allo show inglese "This Morning", parla di questa sua scelta, dicendo che la chiave del cambiamento è stato il trasferimento del suo storico manager David Massey dalla Sony BMG alla Mercury Records.

2008-2011: Heavy Rotation e le collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Anastacia sul red carpet dei Women's World Awards 2009 a Vienna, Austria.

Nella primavera del 2008 iniziano le registrazioni del quarto album in studio, Heavy Rotation, in collaborazione con artisti come Ne-Yo, The Heavyweights, Lester Mendez, JR Rotem e Rodney Jerkins, lavoro che giunge a termine nel mese di agosto.[129] Il 29 agosto viene pubblicato il primo singolo I Can Feel You, il quale, nonostante la larga promozione, non ottiene il successo dei precedenti. L'album viene pubblicato il 27 ottobre 2008 in tutto il mondo esclusi gli Stati Uniti dove viene pubblicato solo in versione digitale il 17 febbraio 2009. Il successo di Heavy Rotation resta lontanissimo dal precedente Anastacia: vende infatti circa 300.000 copie nei primi tre mesi di uscita.[130] In seguito vengono pubblicati il singolo Absolutely Positively e il singolo promozionale Defeated.

Il 5 marzo 2009 riceve durante la cerimonia dei Women's World Award, tenutasi a Vienna, uno dei premi più prestigiosi del panorama musicale, il World Artist Award come donna che ha influenzato il mondo con la sua musica.

Il 5 giugno 2009 parte da San Pietroburgo l'Heavy Rotation Tour. Al contrario dell'album, il tour ottiene un grande successo con oltre 250.000 biglietti venduti per 35 date. Nonostante il poco riscontro sul mercato musicale, l'album viene apprezzato dal pubblico ed eletto dai lettori di Billboard il decimo miglior album del 2008.

Il 25 ottobre 2009 la band inglese Ben's Brother pubblica il singolo Stalemate, che vede la partecipazione di Anastacia. Il video per questo singolo è stato girato il 22 settembre 2009 a Londra. I Ben's Brother ed Anastacia presentano la canzone live per la prima volta il 28 ottobre 2009 nella trasmissione This Morning e successivamente il 2 novembre allo O2 Shepherd's Bush Empire di Londra.

Anastacia chiude il 2009 con l'Here Come the Girls Tour, una serie di concerti-musical prodotto da Steven Howard; oltre ad Anastacia, il progetto vede presenti anche le due cantanti inglesi Chaka Khan e Lulu. Il tour, ristretto al solo Regno Unito, tocca numerose città, tra il 21 novembre e il 21 dicembre 2009. Le tre interpreti si esibiscono in famose hit britanniche degli anni sessanta e non solo.

Anastacia durante la tappa dell'Heavy Rotation Tour 2009 alla Sibamac Arena di Bratislava, Slovacchia.

Nella primavera dello stesso anno è uno dei giudici insieme a Chucky Klapow, Duncan James, Tamzin Outhwaite ed Emma Bunton, al talent show inglese ispirato al programma televisivo americano Glee, Don't Stop Believing.[131]

L'11 giugno 2010 viene pubblicato il singolo Safety interpretato da Dima Bilan in duetto con Anastacia, presentato in anteprima durante i Muz-TV Awards in Russia. Il video della canzone è stato interamente girato in Russia.[132]

Nel luglio del 2010 lascia la Universal.[133] Il 17 settembre 2010, in occasione del suo quarantaduesimo compleanno, pubblica un nuovo duetto, Burning Star, in collaborazione con la cantante belga Natalia, per promuovere la serie di concerti Natalia Meets Anastacia che si è svolta nel gennaio 2011.[134] La location degli spettacoli è lo Sportpaleis di Anversa. Vengono programmate quattro date ed in meno di 12 ore vengono venduti più di 20 000 biglietti.[135] Registrano il tutto esaurito in poco tempo ed aggiungono due date supplementari per soddisfare il pubblico.[135]

Il 13 novembre dello stesso anno si esibisce nella Repubblica Turca di Cipro del Nord: in occasione del suo arrivo vengono sventati diversi attacchi terroristici nei suoi confronti.[136] L'evento ha generato molte polemiche ed Anastacia era nel mirino delle pressioni dei greco-ciprioti che pensavano che la sua performance avrebbe prestato la legittimità politica alla Repubblica Turca di Cipro del Nord (Questione di Cipro).[137][138] Prima dell'inizio del concerto si è verificato un tentativo di sabotaggio.[137]

Nel febbraio del 2011 è ospite al concerto di Gigi D'Alessio nel Radio City Music Hall, a New York[139]

2012-2013: It's A Man's World e il secondo cancro al seno[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2012 è giudice nell'edizione inglese di The X Factor durante le audizioni a Glasgow.[140]

L'8 luglio si esibisce durante il White Nights Festival a San Pietroburgo, in Russia, canta alcuni dei suoi grandi successi e dopo sei anni torna sul palco insieme ad Eros Ramazzotti cantando I Belong to You (Il ritmo della passione).[141][142][143] Il 17 settembre viene annunciata la sua nuova casa discografica, la BMG Rights Management, e che il contratto prevede l'uscita di un album di cover rock maschili prevista per il 9 novembre 2012 dal titolo It's a Man's World e un album di inediti[144][145]

L'album di cover viene pubblicato solo in Austria, Belgio, Germania, Paesi Bassi e Svizzera,[144] mentre nel resto del mondo solo in formato digitale.[146] I brani da reinterpretare sono scelti da Anastacia e dal produttore statunitense Glen Ballard. Dall'album vengono estratti il singolo Best of You, il cui video è stato girato a Barcellona[147] e il singolo promozionale Dream On.[148] Il 16 dicembre 2012 la cantante entra a far parte della Munich Olympic Walk Of Stars tra le leggende della musica.[149][150] Per la promozione dell'ultimo album prede parte al Night of the Proms. Un tour-festival che si svolge in tutto il nord Europa nei mesi di settembre, novembre e dicembre.[151] Nella primavera del 2013 è prevista la partenza del suo tour in supporto dell'album di cover, il It's a Man's World Tour.[152][153]

Il 28 febbraio 2013, tramite un comunicato sul proprio sito, Anastacia annulla tutte le date del tour e gli impegni previsti a causa di una diagnosi che confermò un secondo cancro al seno, questa volta il destro.[154] La cantante subisce una delicata operazione durata dieci ore, seguita da una lunga riabilitazione.[155] La somministrazione di forti antidolorifici porta la cantante a un breve periodo di depressione.[156]

Il 20 luglio 2013, dopo quasi un anno di assenza, Anastacia annuncia di essere guarita per la seconda volta.[157][158] Nell'ottobre dello stesso anno, in occasione del mese della lotta contro il cancro, la cantante annuncia di essersi sottoposta ad una doppia mastectomia.[159]

Il 7 novembre 2013 fa la sua prima apparizione pubblica al GQ Men Of The Year Awards, dove le viene consegnato l'Humanitarian Award per l'impegno con la sua fondazione The Anastacia Fund. Diventa la seconda donna al mondo ad aver ricevuto il premio, dopo Annie Lennox.[160][161][162] Durante la cerimonia si esibisce con Paid My Dues e Left Outside Alone.

2014-: Il ritorno con Resurrection e il secondo greatest hits[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2014 la cantante annuncia il titolo del suo nuovo album, Resurrection.

Il 4 aprile 2014 l'artista pubblica il singolo Stupid Little Things, che anticipa l'uscita del nuovo album.[163] Il brano viene accolto positivamente dalla critica musicale e dal pubblico.[164][165][166]

Anastacia durante la tappa del Resurrection World Tour 2015 a Sydney, Australia.

Il 22 agosto 2014 si esibisce dando il via alla notte del Manchester Pride, uno degli eventi più importanti al mondo nel supporto della comunità LGBT.[167][168][169] Successivamente diventa un giudice del talent show Rising Star nella versione tedesca.[170][171][172]

Il 1º settembre 2014 viene pubblicato il secondo singolo della cantante, Staring at the Sun lanciato in tutta Europa esclusa l'Italia. Il brano riscuote un discreto successo in molti paesi. Il 5 settembre 2014, solamente in Italia viene pubblicata la ballata Lifeline. Ad ottobre 2014, da Bruxelles, prende il via il Resurrection Tour,[173] che tiene impegnata l'artista fino al 28 agosto 2015.[174]

Dal 17 al 31 agosto il museo ceco Bohemian Crystal Touch presenta l'opera d'arte dedicata all'artista durante l'Expo 2015 di Milano nel padiglione della Repubblica Ceca.[175]

Il 27 luglio 2015, mentre la cantante è ancora impegnata nel tour, viene ufficializzata la notizia del suo ritorno alla Sony.[176][177][178] Nella stessa occasione è annunciata l'uscita di un nuovo greatest hits dal titolo Ultimate Collection, contenente 17 dei brani più celebri dell'artista più due inediti: Army of Me e Take This Chance. La pubblicazione è prevista per il 6 novembre 2015 con un tour mondiale a seguire.[179][180][181][182]

Il 28 settembre 2015 viene presentato in anteprima sulla BBC Radio 2, Take This Chance, primo estratto da Ultimate Collection; il brano ottiene ottimi riscontri a livello internazionale.[183]

Il 6 novembre viene pubblicato Ultimate Collection e l'artista inizia la promozione a partire dal Regno Unito dove, per la sesta volta nella sua carriera, entra nella top 10 degli album più venduti della settimana piazzandosi al settimo posto; il disco scala le classifiche in molti paesi.[184] Entra nella top 30 anche in Italia, dove esordisce al ventisettesimo posto tra gli album più venduti della settimana.[185] Il 17 novembre 2015 vengono pubblicate le prime 24 date europee (poi diventate 60[186]) dell'Ultimate Collection World Tour in partenza il 3 aprile 2016.[187][188][189] Pochi giorni dopo viene aggiunta una data a Parigi in seguito agli attentati del 13 novembre 2015.[190][191] Il 4 dicembre 2015 viene pubblicato il brano Who's Loving You del gruppo spagnolo Auryn che vede la collaborazione di Anastacia.[192][193] La canzone è inclusa nell'album della boy band Ghost Town ed il 6 dicembre viene riprodotta simultaneamente, dalla radio 40 Global Show, in 11 paesi: Argentina, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Spagna, Guatemala, Messico, Panama, Paraguay e Repubblica Dominicana.[194][195]

Durante la seconda settimana del gennaio 2016, subisce alcuni interventi per concludere il percorso della sua doppia mastectomia.[196]

Il 24 gennaio 2016 la Warner Music Messico annuncia l'imminente pubblicazione del video musicale del duetto Who's Loving You.[197]

Il 3 aprile 2016 prende il via da Padova l'Ultimate Collection World Tour che vedrà impegnata la cantante fino ad agosto 2016.[198] Dopo pochi concerti si trova costretta a rimandare quattro date, due in Svizzera e due in Germania, a causa di un'infezione alle vie respiratorie.[199][200][201][202][203]

Nell'agosto 2016, durante le prove per la seconda puntata del programma di danza britannico Strictly Come Dancing, è vittima di un infortunio riguardante lo strappo di una delle cicatrici sotto l'ascella destra lasciatole dalla mastectomia.[204][205][206] Nonostante la limitazione, si esibisce ugualmente peggiorando la ferita, ma continua a gareggiare con le dovute precauzioni.[207][208][209]

Il 19 ottobre 2016 annuncia l'uscita del suo primo album live per il 16 dicembre sulla piattaforma musicale Pledge music.[23]

Il 30 ottobre, alla sesta puntata, viene eliminata dalla trasmissione britannica per un Jive poco apprezzato ed il 31 ottobre annuncia le prime date, nel Regno Unito, del proseguimento dell'Ultimate Collection Tour 2017.[210][211] Successivamente vengono aggiunte altre date nel resto del mondo.

Il 19 novembre 2016, a Londra, è ospite della settima edizione del The Global Gift Gala. Durante la serata le viene consegnato dall'attrice Eva Longoria il premio The Global Gift Our Heroes Award in riconoscimento del suo impegno filantropico e dei suoi successi professionali che le hanno conferito lo status di eroina dei nostri tempi.[212][213][214][215]

Il 16 dicembre esce il suo primo album live sulla piattaforma musicale PledgeMusic.[23] Si intitola A 4 App in quanto contenente esclusivamente 10 dei brani votati sulla sua App e poi eseguiti live durante l'Ultimate Collection World Tour 2016.[216]

Abilità artistica[modifica | modifica wikitesto]

Voce[modifica | modifica wikitesto]

Definita «un miracolo» da MTV Asia, in quanto tipicamente appartenente a persone afroamericane,[217] la voce di Anastacia è considerata una delle più potenti al mondo.[13]

Soprannominata "La bianca dalla voce nera" e "The little lady with the big voice", sin dal primo ascolto viene paragonata ad artisti del calibro di Tina Turner, Chaka Khan ed Aretha Franklin.[44][218][219]

Quando nel 1999 gira per la prima volta in radio la sua voce, le viene attribuita l'immagine di una grassa donna nera.[220] Alla pubblicazione del videoclip della hit I'm Outta Love, il mondo rimane esterrefatto in quanto "avevano davanti ai loro occhi una piccola donna bianca e bionda".[221]

Dotata di una potente voce di petto, molti esperti attribuiscono alla cantante la vocalità di un soprano drammatico.[222] Tuttavia, per la sua abilità inusuale nel toccare note molto gravi e note molto acute, rimane difficile identificare la sua effettiva estensione vocale.[222][223]

Nel 2000, il produttore musicale statunitense Ric Wake afferma che Anastacia sarebbe diventata una grande star perché in possesso di una voce che "una volta ascoltata è impossibile da dimenticare".[224] Il New York Times la descrive come "un'artista carismatica ed un fenomeno vocale".[217]

Christa D'Souza del quotidiano australiano The Age, dopo aver intervistato la cantante, scrive: «Alcuni artisti preferiscono mantenere un basso profilo quando sono fuori servizio. Tengono gli occhi bassi e parlano con toni tenui in luoghi pubblici, in modo da non attirare troppa attenzione. Anastacia non è così. Ha una voce che è un incrocio tra una sirena e la drag queen Ru Paul» e prosegue «Che sorpresa, poi, quando la porta della sua suite si spalanca per rivelare che la proprietaria di questa voce è una piccola cosetta, poco più di 150 centimetri di altezza».[225]

Tra le sue estimatrici, anche la collega Mariah Carey.[226]

Anastacia ha sempre dichiarato di non aver mai preso lezioni di canto ma di aver solamente dovuto imparare a dosare il suono della sua voce.[227]

Stesura e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Quasi tutti i brani da lei cantati sono scritti di suo pugno. Il suo stile di scrittura è dettato dalla sua "filosofia di vita", nata dalla malattia che l'ha colpita da bambina, la malattia di Crohn. I medici, consigliandole di esternare ciò che provava, ai fini di ostacolare la malattia, posero in lei una personalità forte che necessitava di esprimersi tramite canzoni e testi.[116]

« Quella che per alcuni è considerata come una maledizione per me è stato un bene, perché mi ha aiutata a controllare le mie emozioni e capire come comportarmi e reagire alle situazioni contingenti.[116] »

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Le tematiche riscontrate nei suoi testi sono dei racconti di forza ed indipendenza esclusivamente autobiografici.[228] Esperienze positive e negative vissute dall'artista che si fa portavoce di ottimismo e passionalità.[229] Le parole utilizzate rispecchiano le variegate sfaccettature della cantautrice che vanno a creare dei testi personali ma contemporaneamente ispirazionali.[230]

Un'immagine ricorrente nella simbologia di Anastacia è quella della croce Ankh,[231] un antico simbolo sacro.[232]

Influenze e stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

In diverse interviste Anastacia afferma di non essere stata specificatamente influenzata da degli artisti in particolare, la sua musica rappresenta il suo personale modo di vivere liberamente la vita, esprimendo se stessa, senza preoccuparsi dei possibili riscontri.[233] Tuttavia durante la sua infanzia ed adolescenza molti sono i suoni che vengono a sua conoscenza. Da bambina impara a memoria, insieme alla sorella, tutto il musical rock Hair, che puntualmente recitano nel salotto di casa.[234] Durante l'adolescenza rimane colpita da molte sonorità che si distanziano nettamente dal clima di Broadway nel quale lavorava la madre. L'album omonimo del cantautore statunitense Prince diventa un punto di riferimento per l'artista che lo descrive "rilassante ed intriso di tristezza".[234] Vivendo a New York durante i suoi 20 anni, è stata influenzata da molta musica latina, specialmente dalla cantante brasiliana Astrud Gilberto, una delle artiste di Bossa nova che ha continuato ad ascoltare nel corso degli anni.[234] Durante i primi anni di carriera, iniziando a viaggiare, si inbatte in musica di altre nazionalità. Pur non capendo il significato dei testi, rimane stupita dalla potenza della melodia. Tra questi anche il cantautore italiano Pino Daniele.[234] Invece, sono stati fondamentali durante tutta la sua vita, Elton John e Barbra Streisand, forse gli unici due artisti per i quali nutre totale ammirazione non solo nel campo artistico.[38][234][235]

Anastacia ha iniziato la sua carriera con uno stile soul-gospel,[38][235] evolutosi poi in un pop-soul e maturatosi negli anni in un genere più rock, ma allo stesso tempo anche soul e pop.[236] La miscela di questi tre generi, è stata definita dalla cantante con la parola Sprock, un misto tra soul, pop e rock.[38]

Nel suo primo album molte sono le sfumature che contraddistinguono lo stile musicale. Nonostante sia il lavoro d'esordio, ci si trova davanti ad un genere difficile da catalogare, come per ogni fatica discografica dell'artista negli anni successivi.[237] Un misto di ballate e di "groove neri", influenze dal funk e sapori rock mescolati al classico stile Motown con sprazzi di dance anni '70 e pop del 2000.[238]

Il secondo album non si distanzia molto dal precedente. Rimane fedele alla miscela di funk, soul, pop e rock con l'aggiunta, in alcuni casi, di suoni più esotici caratterizzati da chitarre acustiche, trombe e violini.[239]

Nel suo terzo album, nuove ispirazioni le vengono dalla battaglia contro il cancro che l'ha accompagnata durante tutta l'incisione. Matthew Chisling di Allmusic ha così commentato il lavoro della cantante: «L'album Anastacia è stato scritto, registrato e prodotto durante la diagnosi e la lotta contro il cancro al seno, che l'ha aiutata a creare un lavoro più personale e doloroso che si sposa perfettamente con la sua voce unica. Tutto ciò si può riscontrare bene nei pezzi Left Outside Alone, in cui rimprovera l'ascoltatore con grida di frustrazione in un sound pop rock, e Heavy on My Heart, una ballata lavata nel dolore, nell'amore, e in suoni roboanti».[240] Abbandona lo stile spensierato dei lavori precedenti e si dedica ad una ricerca sperimentale capace di poter esternare la sua crescita artistica. Nasce lo sprock che vede alternarsi anche parentesi hard rock ed R&B.

Nel quinto album in studio, Heavy Rotation, lo stile riporta vagamente al suo esordio ma molto più "antiquato" e meno vigoroso.[129][241] Spicca l'R&B con accenni di techno pur mantenendo una base fedele di funk-pop coronata dal soul.[242]

Per il primo album di cover, It's a Man's World, Anastacia ritorna sui suoi passi e riabbraccia il rock. L'album è composto infatti da sole cover di canzoni rock maschili, tra cui: Best of You dei Foo Fighters, Sweet Child O' Mine dei Guns N' Roses, Dream On degli Aerosmith e Back in Black degli AC/DC. Band fondamentali nel percorso artistico dell'autrice che sente il bisogno di reinterpretare per ritrovare la sua strada discografica.[243]

Il sesto album in studio, Resurrection, scritto e composto durante il secondo cancro, si riavvale della presenza dello sprock e sancisce la rinascita spirituale dell'artista.[244] Un secondo capitolo dell'album Anastacia, che se precedentamente dipingeva una ragazza apparentemente aggressiva ora descrive una donna matura e consapevole. Forti sono anche le influenze funk che da sempre appartengono alla sua musica.[245]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È cresciuta senza padre, col quale non ha mai voluto riprendere i rapporti.[246] Dal 2007 al 2010 è stata sposata con Wayne Newton.[247]

È sostenitrice dei diritti gay e favorevole all'adozione ed al matrimonio tra persone dello stesso sesso.[248] È vista da sempre come icona del pubblico omosessuale.[249][250] Non è legata a nessuna religione in particolare.[251]

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Ha aderito a molte iniziative di solidarietà e di beneficenza,[8][252][253] tra cui l'ottava edizione dell'evento musicale benefico Pavarotti & Friends,[66][252] il concerto benefico per l'attentato alle torri gemelle United We Stand: What More Can I Give[253] e il Life Ball a Vienna, il più grande evento annuale di beneficenza d'Europa contro l'AIDS.[254][255]

Ha partecipato, insieme ad Annie Lennox, Madonna, Celine Dion ed altre 20 cantanti, alla realizzazione della canzone Sing.[256][257] Il brano, pubblicato il 1º dicembre 2007 (Giornata mondiale contro l'AIDS) diventa una campagna contro il virus HIV.[258][259]

Da quando le è stato diagnosticato un cancro al seno nel gennaio 2003, Anastacia ha deciso di focalizzare le sue energie nella raccolta di fondi per la ricerca sul cancro e nella sensibilizzazione rivolta alle donne colpite dalla malattia.[260] Sopravvissuta alla malattia, fonda la The Anastacia Fund in collaborazione con la The Breast Cancer Research Foundation.[260]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni duemila collabora con Dolce & Gabbana per la creazione dei suoi occhiali da vista, abiti di scena ed orologi.[261]

Dopo aver riscosso successo nel mondo della musica, prende una pausa ed inizia ad occuparsi di moda, lanciando una collezione di abiti da lei disegnati.[70] Ha inoltre lanciato in commercio un profumo, chiamato Resurrection, e altri prodotti di bellezza.[262]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Anastacia.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Ally McBeal - serie TV, episodi 4x16-4x21 (2001)
  • MTV - A Cut - 5 episodi (2005)
  • Don't Stop Believing - talent show (2010)
  • Rising Star - talent show (2014)
  • Strictly Come Dancing (2016)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Categoria Risultato
2000 MTV Europe Music Awards Miglior rivelazione Candidatura
2000 Italian Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2000 Goldene Europa Awards Miglior artista dell'anno Candidatura
2000 Goldene Europa Awards Miglior artista esordiente Vinto
2000 M6 Awards Miglior artista femminile per I'm Outta Love Vinto
2001 World Music Awards Artista femminile pop con più vendite nel mondo Vinto
2001 Austrian Amadeus Music Awards Miglior artista internazionale Vinto
2001 Danish Music Awards Miglior artista internazionale esordiente Vinto
2001 Echo Music Awards Miglior artista Pop/Rock internazionale dell'anno Candidatura
2001 Echo Music Awards Miglior artista internazionale esordiente Vinto
2001 Italian Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2001 MTV Europe Music Awards Miglior artista Pop Vinto
2001 NRJ Music Awards Miglior rivelazione dell'anno Vinto
2001 NRJ Music Awards Miglior canzone internazionale dell'anno per I'm Outta Love Vinto
2001 TMF Awards Miglior singolo per I'm Outta Love Vinto
2001 TMF Awards Artista più promettente Vinto
2001 Edison Music Awards Miglior artista internazionale esordiente Vinto
2002 Bambi Awards Miglior artista esordiente Vinto
2002 BRIT Awards Miglior artista femminile internazionale Candidatura
2002 Golden Camera Awards Miglior artista Pop internazionale Vinto
2002 MTV Europe Music Awards Miglior artista Pop Candidatura
2002 Swedish Hit Music Awards Miglior artista dell'anno Candidatura
2002 Swedish Hit Music Awards Miglior canzone dell'anno per Paid My Dues Candidatura
2002 Swedish Hit Music Awards Artista straniera più trasmessa Vinto
2002 Edison Music Awards Miglior artista femminile Vinto
2002 TMF Awards Miglior cantante femminile internazionale Vinto
2002 VIVA Comet Awards Miglior artista internazionale Vinto
2002 Italian Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2003 Echo Music Awards Miglior artista Pop/Rock internazionale dell'anno Candidatura
2004 Maxim Magazine Awards Donna dell'anno Vinto
2004 MTV Europe Music Awards Miglior artista femminile Candidatura
2004 MTV Europe Music Awards Miglior artista Pop Candidatura
2004 MTV Europe Music Awards Miglior canzone per Left Outside Alone Candidatura
2004 Noordzee FM Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2004 Nordic Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2004 TMF Awards Miglior cantante femminile internazionale Vinto
2004 TMF Awards Miglior artista Pop internazionale Vinto
2004 VIVA Comet Awards Miglior artista internazionale Candidatura
2004 Rockbjörnen Miglior artista straniero dell'anno Vinto
2004 Rockbjörnen Miglior album straniero dell'anno per Anastacia Vinto
2005 BRIT Awards Miglior artista solista femminile Candidatura
2005 APRA Music Awards Brano musicale più eseguito per Left Outside Alone Candidatura
2005 Diva Entertainment Awards Album musicale con più successo per Anastacia Vinto
2005 Echo Music Awards Miglior artista Pop/Rock internazionale dell'anno Vinto
2005 NRJ Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2005 NRJ Music Awards Miglior artista Pop Vinto
2005 NRJ Music Awards Miglior canzone per Left Outside Alone Vinto
2005 Marie Claire Awards Donna dell'anno Vinto
2005 TMF Awards Miglior cantante femminile internazionale Vinto
2009 Women's World Award World Artist Award Vinto
2013 GQ Men Of The Year Awards Humanitarian Award Vinto
2014 Radio Regenbogen Awards Humanitarian Award Vinto
2016 Global Gift Global Gift Our Heroes Award per l'impegno filantropico della The Anastacia Fund Vinto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Biografia di Anastacia, su MTV.it. URL consultato il 5 giugno 2012.
  2. ^ a b Anastacia, Anastacia, su theguardian.com.
  3. ^ Artists & Music, su billboard.com.
  4. ^ Anastacia "Not That Kind" (Epic), su nytimes.com/.
  5. ^ (EN) Anastacia, su AllMusic, All Media Network.
  6. ^ Anastacia, Universal Music.
  7. ^ Emily McWilliams, 15 Women Who Changed The Music Industry, Diply.com, 13 agosto 2015. URL consultato il 31 agosto 2015.
  8. ^ a b c Biografia di Anastacia, su temi.repubblica.it.
  9. ^ a b (EN) Anastacia, su discogs.com.
  10. ^ (EN) Anastacia booking, su entertainmentbookingagency.com.
  11. ^ Vendite dischi complessive di Anastacia, anastaciacomeback.blogspot.it. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  12. ^ (EN) Certificazioni di Anastacia in Australia, ARIA Charts. URL consultato il 5 giugno 2012.
  13. ^ a b c d e f (EN) Hilary Freeman, My health issues could easily have killed me, says Anastacia... but I refuse to be scarred for life, dailymail.co.uk, 29 giugno 2009.
  14. ^ (EN) Jack White, Anastacia interview: "I don't go for the negative, I go for the reality", in 16 novembre 2016, Official Charts.
  15. ^ Miles Holder, Anastacia discusses breast cancer and the road to a FAULTless recovery in FAULT Magazine Issue 24, FAULT MAgazine, 21 novembre 2016.
  16. ^ (EN) PETER OVERTON, The amazing Anastacia, Sixty Minutes, 25 settembre 2005.
  17. ^ a b Woman’s World Awards 09 Vienna: le vincitrici, pourfemme.it. URL consultato il 5 giugno 2012.
  18. ^ Whatever happened to Anastacia the singer opens up about health battles that have plagued her career, su news.com.
  19. ^ Anastacia, su octagonlive.come.
  20. ^ Anastacia chooses BMG to RELEASE NEXT TWO ALBUMS, recordoftheday.com.
  21. ^ Fernando Iñiguez, Anastacia registra el término 'Sprock' para definir su música, in 6 aprile 2004, El Paìs.
  22. ^ Anastacia - Resurrection, su ultratop.be.
  23. ^ a b c (EN) New Album - Pre-order the new album from Anastacia now on signed formats, alongside exclusive experiences and new merchandise., pledgemusic.com, 19 ottobre 2016. URL consultato il 19 ottobre 2016.
  24. ^ (EN) Anastacia undergoes double mastectomy after being diagnosed with breast cancer for the second time, Daily Mail. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  25. ^ (EN) Anastacia: I had nine operations 'to be here and look female', in 13 ottobre 2016, Daily Mail. URL consultato il 16 ottobre 2016.
  26. ^ (EN) Anastacia makes first public appearance after double mastectomy... to accept award for raising breast cancer awareness, Daily Mail. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  27. ^ (EN) Rebecca Davison, 'I realised I needed to stop': Anastacia, 47, admits she went 'crazy for Botox' and reveals why she lied about her age for years, dailymail.co.uk, 25 novembre 2015.
  28. ^ Interview, scotsman.com. URL consultato il 26 maggio 2014.
  29. ^ a b Anastacia, su digilander.libero.it.
  30. ^ Anastacia refuses to see father, Breaking News, 9 settembre 2004.
  31. ^ Anastacia and Shawn Newkirk, The Sunday Times, 7 novembre 2004.
  32. ^ The trials of Anastacia, thesundaytimes.co.uk. URL consultato il 26 maggio 2014.
  33. ^ (EN) How Crohn's disease has helped Anastacia reach the top, Daily Mail, 10 aprile 2002.
  34. ^ Biografia di Anastacia su musictory, Musictory. URL consultato il 5 giugno 2012.
  35. ^ a b (EN) Candice Pires, Singer-songwriter Anastacia and Shawn Newkirk on their unique relationship, su theguardian.com, The Guardian, 27 aprile 2014. URL consultato il 27 giugno 2015.
  36. ^ Anastacia Fun Facts, su freakyenough.com.
  37. ^ Biografia su sing365, Sing365. URL consultato il 5 giugno 2012c.
  38. ^ a b c d (EN) Why is She famous, Askmen. URL consultato il 5 giugno 2012.
  39. ^ Anastacia: Music was my third choice, su breakingnews.ie.
  40. ^ Anastacia, da segretaria a icona del pop, su repubblica.it.
  41. ^ (EN) Biografia di Anastacia, su MTV.com. URL consultato il 26 maggio 2014.
  42. ^ (EN) RuPaul, Episode 23: Resurrection with Anastacia, rupaulpodcast.com, 11 febbraio 2015.
  43. ^ Anastacia: I used to be a wedding singer, su thefreelibrary.com.
  44. ^ a b c d e (EN) Siobhan Grogan, 'I don't fear death', su theguardian.com, The Guardian, 15 marzo 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  45. ^ (EN) Shortly about Anastacia, Groovymid. URL consultato il 5 giugno 2012.
  46. ^ Felice di piacervi ma che fatica arrivare in cima, su repubblica.it.
  47. ^ (HU) Az Arany Zsiráf- gála sztárvendége, zene.net.
  48. ^ (EN) Jamie Foxx – Peep This, su discogs.com. URL consultato il 26 maggio 2014.
  49. ^ anastacia-archive.de, http://www.anastacia-archive.de/cds/ .
  50. ^ (EN) Omar Sosa - Spirit of the Roots CD, su cduniverse.com.
  51. ^ Christa D'Souza, The highs and lows of a five foot diva, The Telegraph, 27 febbraio 2002.
  52. ^ Testi Anastacia, Airdave. URL consultato il 5 giugno 2012.
  53. ^ Now Hear This: Anastacia, abcnews.go.com.
  54. ^ roma.repubblica.it, http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/10/26/news/anastacia-99022067/ .
  55. ^ (EN) I'm Outta Love chart history, Billboard. URL consultato il 5 giugno 2012.
  56. ^ addictradio.net, http://www.addictradio.net/es/artist/anastacia .
  57. ^ roma.repubblica.it, http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/01/10/news/anastacia-104618670/ .
  58. ^ (EN) Mike Zwerin, A Few Good Sounds for Summer, The New York Times, 5 luglio 2000.
  59. ^ a b Billboard, books.google.it, 14 ottobre 2000.
  60. ^ Anastacia: discografia e testi, Musical Store. URL consultato il 5 giugno 2012.
  61. ^ a b (EN) Certificazione su IFPI → digitare Anastacia nella barra di ricerca, IFPI. URL consultato il 5 giugno 2012.
  62. ^ (EN) Anastacia Billboard chart history, Billboard. URL consultato il 5 giugno 2012.
  63. ^ (EN) Ask Billboard, su billboard.com. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  64. ^ Anastacia la nuova star bianca dalla voce nera, Rockol. URL consultato il 5 giugno 2012.
  65. ^ (EN) Laura Mitchell, My Positive Life:Anastacia, blog.positiveluxury.com, 13 aprile 2016.
  66. ^ a b Adele de Gennaro, Il 29 maggio su Raiuno Milly Carlucci presenta in diretta il concerto di beneficenza organizzato da Luciano Pavarotti., FIMI, 8 maggio 2001. URL consultato il 5 giugno 2012.
  67. ^ La 'Resurrection' di Anastacia a Milano, ansa.it. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  68. ^ (EN) Picture gallery: World Music Awards, news.bbc.co.uk, 3 maggio 2001.
  69. ^ (EN) MUSIC AWARD WINNERS, philbrodieband.com. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  70. ^ a b (EN) Athletes & Personality: Anastacia, Octagon. URL consultato il 5 giugno 2012.
  71. ^ a b c d e Anthony Stavrinos, Anastacia to kick off world tour next year, in 15 aprile 2002, theage.com.au.
  72. ^ Anastacia to Give Special Encore Performance of 'Boom,' the Official Song of The 2002 FIFA World Cup(TM), During Half Time of the 2002 FIFA World Cup Final Match on June 30th in Yokohama, Japan prnewswire.com
  73. ^ (EN) Anastacia to perform International Official Song of the 2002 FIFA World Cup Korea / Japan(TM), FIFA, 27 novembre 2001.
  74. ^ (EN) For The Record: Quick News On Nas, Justin Timberlake, Stone Cold Steve Austin, Billy Corgan, Steve-O, Slash & More, MTV, 10 ottobre 2002. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  75. ^ You Shook Me All Night Long, Celine Dion feat. Anastacia live at Divas Las Vegas → Canale ufficiale, non rimuovere, CelinDionVevo. URL consultato il 5 giugno 2012.
  76. ^ (EN) Pop Star Anastacia Battles Cancer, abcnews.go.com, 2 maggio 2004.
  77. ^ (EN) Anthony Stavrinos, Anastacia to kick off world tour next year, in 15 aprile 2002, theage.com.au.
  78. ^ (FR) Anastacia atteinte d'un cancer du sein, L'Obs Monde, 22 gennaio 2003.
  79. ^ a b c (EN) ADRIAN THRILLS, Anastacia's cancer battle, London Evening, 19 marzo 2004.
  80. ^ (EN) Michelle Tauber, A New Verse, People, 28 aprile 2003.
  81. ^ (EN) The 75th Academy Awards (2003), Oscars. URL consultato il 5 giugno 2012.
  82. ^ (EN) HFPA: Chicago Awards, Golden Globes. URL consultato il 5 giugno 2012.
  83. ^ a b (EN) mtv.com, http://www.mtv.com/news/1459603/anastacia-diagnosed-with-breast-cancer/ .
  84. ^ (EN) Anastacia, Billboard.
  85. ^ millionaire.it, http://millionaire.it/cosi-ho-vinto-la-mia-battaglia-piu-difficile/ .
  86. ^ (EN) billboard.com, http://www.billboard.com/articles/news/72122/anastacia-recovering-from-cancer-surgery .
  87. ^ (EN) news.bbc.co.uk, http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/2817287.stm .
  88. ^ (EN) Richard Barber, Strictly star Anastacia on why illness doesn't have to define you, in 9 ottobre 2016, Daily Mail.
  89. ^ (EN) Anastacia raises breast cancer awareness and importance of Mammography!, trialx.com.
  90. ^ (EN) Celebrities with cancer - victims and survivors, sofeminine.co.uk.
  91. ^ (EN) Judith Woods, She's a survivor, The Telegraph, 17 aprile 2004.
  92. ^ (EN) thesundaytimes.co.uk, http://www.thesundaytimes.co.uk/sto/style/article152070.ece .
  93. ^ (EN) news.bbc.co.uk, http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/4042981.stm .
  94. ^ (EN) cbsnews.com, http://www.cbsnews.com/news/bono-we-can-do-more-about-aids/ .
  95. ^ Anastacia – Heavy On My Heart, Discogs.
  96. ^ Anastacia – Anastacia, Australian Recording Industry Association. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  97. ^ (DE) Anastacia – Anastacia, IFPI Austria. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  98. ^ (NL) Anastacia – Anastacia, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  99. ^ Anastacia – Anastacia, IFPI Denmark. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  100. ^ (NL) Anastacia – Anastacia, MegaCharts. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  101. ^ (DE) Anastacia: Anastacia (2004), Media Control. PhonoNet GmbH. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  102. ^ Anastacia – Anastacia, su Verdens Gang, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  103. ^ Oficjalna lista sprzedaży, OLiS, 19 aprile 2004. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  104. ^ Anastacia – Anastacia, Swedish Recording Industry Association. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  105. ^ Anastacia – Anastacia, Media Control. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  106. ^ Chart Stats – Anastacia – Anastacia, The Official Charts Company. Chart Stats. URL consultato il 30 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  107. ^ (EN) Anastacia's official biography, anaonoprah.freakyenough.com.
  108. ^ Classifica Australia, australian-charts.com. URL consultato il giugno 2011.
  109. ^ Classifica Austria, austriancharts.at. URL consultato il giugno 2011.
  110. ^ Classifica Finlandia, finnishcharts.com. URL consultato il giugno 2011.
  111. ^ Classifica Italia, italiancharts.com. URL consultato il giugno 2011.
  112. ^ Anastacia charts Classifica Spagna , mariah-charts.com. URL consultato il giugno 2011.
  113. ^ Classifica Svizzera, hitparade.ch. URL consultato il giugno 2011.
  114. ^ (EN) Andamento di Left Outside Alone nelle classifiche mondiali, italiancharts. URL consultato il 5 giugno 2012.
  115. ^ (EN) acharts.us, http://acharts.us/performer/anastacia .
  116. ^ a b c Anastacia la regina dello sprock, Genova, Lo Vecchio, 2005.
  117. ^ Anastacia Billboard Singles, All Music.
  118. ^ iTunes Music Store in Europa vende 800.000 canzoni nella sua prima settimana, Apple, 23 giugno 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  119. ^ Anastacia Live At Last, rockrol.it. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  120. ^ (EN) Sharon Mawer, Pieces of a Dream - Anastacia, allmusic.com.
  121. ^ (EN) I Belong to You nelle classifiche mondiali, swisscharts. URL consultato il 5 giugno 2012.
  122. ^ (EN) Anastacia I belong yo tou Review, bbc.co.uk.
  123. ^ a b setlist.fm, http://www.setlist.fm/setlist/anastacia/2006/piazza-castello-turin-italy-3c38947.html .
  124. ^ La pop star Anastacia diventa ambasciatrice di Torino nel mondo, regione.piemonte.it.
  125. ^ (EN) Anastacia - Live At Last (2005), lovefilm. URL consultato il 5 giugno 2012.
  126. ^ (EN) setlist.fm, http://www.setlist.fm/setlist/anastacia/2006/parque-da-bela-vista-lisbon-portugal-3d265ff.html .
  127. ^ (PT) tenhomaisdiscosqueamigos.com, http://www.tenhomaisdiscosqueamigos.com/2010/08/17/especial-rock-in-rio/ .
  128. ^ Anna Francis, The heartbreaking story of Strictly Come Dancing star Anastacia Read more at http://www.celebsnow.co.uk/celebrity-news/heartbreaking-story-strictly-come-dancing-star-anastacia-581789#1JpZJrH26JgmouBX.99, CelebsNow, 10 ottobre 2016.
  129. ^ a b (EN) Anastacia - Heavy Rotation Album Review, Music Lovers Group, 29 ottobre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  130. ^ Anastacia: vendute 266 mila copie di Heavy Rotation, rnbjunk, 15 febbraio 2009. URL consultato il 9 giugno 2012.
  131. ^ (EN) Carrie Dunn, Don't Stop Believing: like Glee without the budget, su theguardian.com, The Guardian, 19 luglio 2010. URL consultato il 27 giugno 2015.
  132. ^ Anastacia & Dima Bilan – Safety (nuovo singolo), rnbjunk, 11 giugno 2010. URL consultato il 5 giugno 2012.
  133. ^ Biografia di Anastacia su Fullsong.it, Fullsong, 19 novembre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  134. ^ Natalia ft. Anastacia – Burning Star (nuova canzone), rnbjunk, 18 settembre 2010. URL consultato il 5 giugno 2012.
  135. ^ a b nataliameets.be, http://www.nataliameets.be/ .
  136. ^ Kibris Postasi, http://www.kibrispostasi.com/index.php/cat/35/news/41894/PageName/KIBRIS_HABERLERI. URL consultato il 9 luglio 2012.
  137. ^ a b Anastacia first world famous celebrity to perform in KKTC, Todays Zaman. URL consultato il 9 luglio 2012.
  138. ^ Keep Talking Greece, http://www.keeptalkinggreece.com/2010/11/12/anastacia-to-perform-in-northern-cyprus-tomorrow/. URL consultato il 9 luglio 2012.
  139. ^ . «Tu vuò fa' l'americano», Gigi D'Alessio a New York per un omaggio a Carosone. Grande attesa per lo show al famoso Radio City Hall, molti gli ospiti tra cui Liza Minnelli, Anastacia e Stallone, corrieredelmezzogiorno, 8 febbraio 2011. URL consultato il 5 giugno 2012.
  140. ^ (EN) Anastacia set for guest 'X Factor' slot, BreakingNews.ie. URL consultato il 17 luglio 2012.
  141. ^ (EN) Anastacia to perform at White Nights Festival, mtv. URL consultato il 17 luglio 2012.
  142. ^ (EN) Anastacia to Perform At White Nights Festival, Female First, 3 luglio 2012.
  143. ^ (EN) Anastacia auf dem White Nights Festival, saw-musikwelt.de, 3 luglio 2012.
  144. ^ a b (EN) musicweek.com, anastacia signs to bmg masters model, musicweek.com. URL consultato il 17 settembre 2012.
  145. ^ (EN) digitalspy.co.uk, Anastacia announces two new albums signs with bmg masters, digitalspy.co.uk. URL consultato il 19 settembre 2012.
  146. ^ (EN) Anastacia reveals tracklisting for 'It's a Man's World' covers album, digitalspy.com. URL consultato il 30 novembre 2012.
  147. ^ nuovecanzoni.it, Anastacia Best of You video ufficiale, nuovecanzoni.com. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  148. ^ (EN) Dream On - Single by Anastacia on Apple Music, itunes.apple.com. URL consultato il 4 marzo 2017.
  149. ^ Anastacia, the female megastar has been immortalised in the Munich Walk of Stars., olympiapark.de.
  150. ^ Munich Olympic Walk of Stars, olympiapark.de.
  151. ^ (DE) Anastacia naar Night Of The Proms, http://www.nu.nl. URL consultato il 30 novembre 2012.
  152. ^ L’It’s a Man’s World Tour 2013′ di Anastacia approda ad aprile in Italia, cubemagazine.it. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  153. ^ Concerti, Anastacia: due date a Padova e Milano in aprile, rockrol.it. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  154. ^ Anastacia è stata colpita dal cancro al seno per la seconda volta - Elle
  155. ^ Charlotte Pearson Methven, 'My mastectomy was a choice for life’: Anastacia on how her second battle with cancer has made her mightier than ever, Daily Mail, 17 ottobre 2015. URL consultato il 18 ottobre 2015.
  156. ^ Anastacia suffered depression after breast cancer surgery, Express, 8 aprile 2014.
  157. ^ Anastacia Is Cancer-Free For A Second Time!!!, perezhilton.com.
  158. ^ Anastacia beats breast cancer for second time, digitalspy.co.uk.
  159. ^ eveningtimes.co.uk, http://www.eveningtimes.co.uk/news/u/double-mastectomy-for-anastacia.1380627330 .
  160. ^ Anastacia makes first public appearance since undergoing double mastectomy, hellomagazine.com.
  161. ^ Anastacia back on stage with GQ, gq-magazin.de.
  162. ^ Anastacia makes first public appearance after double mastectomy... to accept award for raising breast cancer awareness, dailymail.co.uk.
  163. ^ Anastacia guarita dal cancro, leggo.it. URL consultato il 30 luglio 2013.
  164. ^ Recensione Directlyrics, directlyrics.com. URL consultato il 25 maggio 2014.
  165. ^ Recensione PopJustice, popjustice.com. URL consultato il 25 maggio 2014.
  166. ^ Recensione MTV, buzzworthy.mtv.com. URL consultato il 25 maggio 2014.
  167. ^ Anastacia arrives in the city ahead of opening Manchester Pride festival, Manchester Evening News, 21 agosto 2014.
  168. ^ Dianne Bourne, Review: Anastacia @ Manchester Pride, Manchester Evening News, 22 agosto 2014.
  169. ^ Manchester Pride, manchesterpride.com.
  170. ^ Rising Star 2014: Jurorin Anastacia paukt Vokabeln, RTL.de, 20 agosto 2014.
  171. ^ Tatiana Taras, ANASTACIA DANS LE JURY DE RISING STAR?, Closer, 5 luglio 2014.
  172. ^ Anastacia ist Teil der "Rising Star"-Promi-Jury 2014, RTL.de, 17 luglio 2014.
  173. ^ Anastacia Live, anastacia.com. URL consultato il 1º novembre 2014.
  174. ^ AnastaciaFanily, twitter.com. URL consultato il 24 aprile 2015.
  175. ^ Un po' di Anastacia all'Expo, sprock-anastacia.blogspot.it, 17 agosto 2015. URL consultato il 1º settembre 2015.
  176. ^ (ES) Anastacia lanza disco con sus hits, MTV.es, 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  177. ^ (PL) Anastacia szykuje dla każdego coś miłego, dziennik.pl, 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  178. ^ (EN) Lewis Corner, Anastacia announces her Ultimate Collection, Digital Spy, 27 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  179. ^ (EN) Emma Walker, Pop legend Anastacia is releasing an Ultimate Collection, Reveal, 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  180. ^ (RO) Anastacia anunță un album-colecție, Suceava News, 4 agosto 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  181. ^ (BG) Anastacia пуска колекция с най-добрите си хитове, Radio FM +, 10 agosto 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  182. ^ (PT) Anastacia anuncia lançamento de coletânea com seus maiores sucessos, Vagalume (Brasile), 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  183. ^ (EN) Anastacia Worldwide iTunes/Spotify Performance, Kworb, 10 ottobre 2015. URL consultato il 10 ottobre 2015.
  184. ^ (EN) Anastacia Worldwide iTunes/Spotify Performance, Kworb, 7 novembre 2015. URL consultato il 7 novembre 2015.
  185. ^ (EN) Anastacia Worldwide iTunes/Spotify Performance, Kworb, 6 novembre 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  186. ^ (EN) Anastacia Tour Dates, seatgeek.com. URL consultato il 4 marzo 2017.
  187. ^ Anastacia, raccolta con 15 anni di hit e tour Europa, Ansa, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  188. ^ (EN) Anastacia announces UK tour supporting Ultimate Collection, GigWise, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  189. ^ (NL) Anastacia naar TivoliVredenburg en Ancienne Belgique, Podium Info, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  190. ^ (FR) Anastacia • The Ultimate Collection Tour, Charts in France, 24 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  191. ^ (FR) ANNONCE / Anastacia de retour à Paris pour un concert placé sous le signe du charme !, Info Concert, 24 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  192. ^ (ES) Auryn Colaborará con Anastacia en Ghost Town, El Mundo, 16 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  193. ^ (ES) Anastacia anuncia fecha en Barcelona, Jenesaispop, 16 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  194. ^ (ES) Auryn presentarán su nuevo disco el 16 de enero en el Palacio Vistalegre de Madrid, Telecinco, 17 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  195. ^ (ES) Electric, lo nuevo de Auryn que pone «los pelos de punta», ABC.es, 4 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  196. ^ IL RECUPERO DI ANASTACIA E NUOVA MUSICA, sprock-anastacia, 14 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  197. ^ (ES) AURYN, Warner Music Mexico, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  198. ^ Anastacia, il tour europeo inizia da Padova., in 4 aprile 2016, SkyTG24. URL consultato l'8 aprile 2016.
  199. ^ Anastacia postpones concerts due to throat infection, in 11 aprile 2016, Music News. URL consultato il 13 aprile 2016.
  200. ^ Rachenentzündung! Anastacia sagt Konzert in Zürich ab, in 11 aprile 2016, Blick. URL consultato il 13 aprile 2016.
  201. ^ Breaking News U.S. - Anastacia Postpones Concerts Due To Throat Infection, in 11 aprile 2016, GCONEW. URL consultato il 13 aprile 2016.
  202. ^ Anastacia postpones concerts due to throat infection, in 11 aprile 2016, Belfast Telegraph. URL consultato il 13 aprile 2016.
  203. ^ Anastacia Cancels Two Shows, in 11 aprile 2016, MUZWAVE. URL consultato il 13 aprile 2016.
  204. ^ Becky Freeth, Anastacia PULLS OUT of Strictly routine after ripping mastectomy scars... as show cancels dance-off for the first time in history, in 2 ottobre 2016, Daily Mail. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  205. ^ Anna Lewis, Anastacia forced to pull out of Strictly performance after ripping her mastectomy scars, in 3 ottobre 2016, Cosmopolitan. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  206. ^ Danny Walker, Strictly Come Dancing in CRISIS following viewer backlash over Melvin Odoom's exit with many fans calling 'racism' and 'fix', in 3 ottobre 2016, Mirror. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  207. ^ Strictly Come Dancing: Anastacia injury forces her out of dance-off, in 3 ottobre 2016, BBC NEWS. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  208. ^ Ashley Percival, Strictly Come Dancing’s Anastacia Deserves Only Our Respect And Admiration, Not This Backlash, in 5 ottobre 2016, The Huffington Post. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  209. ^ Press Association, BBC confirms Anastacia is well enough to dance this weekend, in 4 ottobre 2016, Telegraph. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  210. ^ Pip Ellwood-Hughes, Anastacia announces The Ultimate Collection UK tour for 2017, in 31 ottobre 2016, Entertainment Focus. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  211. ^ Daniel Falconer, Anastacia returning to the UK with The Ultimate Collection Tour, in 31 ottobre 2016, Female First. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  212. ^ Tom Powell, Global Gift Gala 2016: Eva Longoria stars as host of celebrities gather in London for charity, in 21 novembre 2016, Evening Standard. URL consultato il 21 novembre 2016.
  213. ^ Generous celebs join Eva Longoria at the Global Gift Gala, in 19 novembre 2016, Irish Examiner. URL consultato il 21 novembre 2016.
  214. ^ Michelle Higgins, Victoria Beckham and Eva Longoria lead host of celebs on red carpet for Global Gift Gala, in 19 novembre 2016, The Sun. URL consultato il 21 novembre 2016.
  215. ^ Ellie Genower, Taking the plunge together! Victoria Beckham and Eva Longoria cut chic figures in low cut ensembles as they co-host Global Gift Gala, in 19 novembre 2016, Daily Mail. URL consultato il 21 novembre 2016.
  216. ^ NEWS» DETTAGLI SULLA RACCOLTA LIVE "A4APP", sprock-anastacia.blogspot.it, 4 novembre 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  217. ^ a b (EN) DANA PURGARU, Anastacia to perform in Romania again, on June 29, Nine O'Clock, 15 febbraio 2015.
  218. ^ FELICE LIPERI, Anastacia, in 10 gennaio 2015, The Guardian.
  219. ^ Carlo Tomeo, La grande “Resurrection” della brava Anastacia: la recensione, in 26 maggio 2014, Italia Post.
  220. ^ (EN) Mike Zwerin, A Few Good Sounds for Summer, in The New York Times, 5 luglio 2000.
  221. ^ (EN) Lindsey Zahuranec, Anastacia's got style and a voice to back it, in The Daily Collegian, 11 novembre 2004.
  222. ^ a b (RO) DANA PURGARU, Anastacia to perform in Romania again, on June 29, in 15 febbraio 2015, Nine O'Clock.
  223. ^ (EN) Elle Cato, Twitter, in 21 marzo 2015.
  224. ^ (RO) Anastacia 2000 EPK, in 2000, Epic/Daylight.
  225. ^ (RO) Christa D'Souza, Anastacia's no princess, The Age, 19 maggio 2002.
  226. ^ (EN) What Celebrities Say About Mariah, Australia's Dope Music Magazine, 2002.
  227. ^ (HU) Anastacia Az Arany Zsiráf- gála sztárvendége, in 5 marzo 2001, Zene.net.
  228. ^ Sergio Spada, Anastacia - La nuova guerriera del Soul Rock, Suono, 10 giugno 2004. URL consultato il 18 marzo 2016.
  229. ^ Anastacia, tempo di "Resurrection": "Cantare aiuta a metterti alle spalle i momenti bui", La Repubblica, 17 marzo 2014. URL consultato il 18 marzo 2016.
  230. ^ (EN) Anastacia proud of inspiring music, Sunday World. URL consultato il 18 marzo 2016.
  231. ^ Anastacia, Chicago Tribune.
  232. ^ Anastacia Tattoos, Celebrities Tattooed - Best & Worst of Famous Celebrity Ink & Tattoos, 9 dicembre 2014.
  233. ^ (EN) Thodoris Kolliopoulos, Anastacia: “I knew what the title of my latest album means in your language beforehand”, tralala.gr, 11 giugno 2016.
  234. ^ a b c d e (EN) Caroline Rees, Singer Anastacia: My six best albums, Express, 22 gennaio 2016.
  235. ^ a b (EN) Louis Pattison, Anastacia : Freak Of Nature NYC songstress with inauspicious follow-up..., NME, 7 gennaio 2002. URL consultato il 5 giugno 2012.
  236. ^ (EN) Peter Naldrett, A Commercial Triumph, Music Critic, 26 giugno 2004. URL consultato il 5 giugno 2012.
  237. ^ (EN) William Ruhlmann, Anastacia Not That Kind, All Music, 27 marzo 2000.
  238. ^ Anastacia Not That Kind, Debaser, 4 novembre 2008.
  239. ^ (EN) Jose F. Promis, Anastacia Freak of Nature, All Music, 11 dicembre 2001.
  240. ^ (EN) Matthew Chisling, Anastacia - Anastacia, allmusic.com.
  241. ^ (EN) Long may it continue – even, dare we say it, in heavy rotation., BBC autore=Sophie Bruce, 29 ottobre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  242. ^ (EN) Jon O'Brien, Anastacia Heavy Rotation, All Music, 27 ottobre 2008.
  243. ^ Anastacia - l'intervista su XL in edicola, La Repubblica, dicembre 2012.
  244. ^ Paul Leake, Anastacia ‘Resurrection’ review: the evolution of sprock ‘n’ roll, Click Music.
  245. ^ (EN) Todd 'ToddStar' Jolicoeur, CD REVIEW: ANASTACIA – Resurrection, 100PercentRockMagazine, 21 giugno 2014.
  246. ^ (EN) Anastacia Refused Father Support During Cancer Battle, hub.contactmusic.com, 27 luglio 2004.
  247. ^ Anastacia chiede il divorzio, excite, 30 aprile 2010.
  248. ^ Matteo Marcon, Anastacia a Piazzola: "Ho ancora paura del palco", in 24 luglio 2015, Il Mattino di Padova.
  249. ^ (EN) Anastacia started Manchester Pride 2014 on a high!!!, in 26 agosto 2014, The Gay UK.
  250. ^ (EN) Diva and gay icon Anastacia, in 11 ottobre 2012, Pop and On.
  251. ^ (EN) RuPaul, Episode 23: Resurrection with Anastacia, RuPaul: What's The Tee?, 11 febbraio 2015.
  252. ^ a b Pavarotti & Friends Sing For Refugees, Billboard, 30 maggio 2001.
  253. ^ a b (EN) Jackson completes charity single, bbc. URL consultato il 17 luglio 2012.
  254. ^ Life Ball 2006 - Aids Charity Event, Wien Konkret, 20 maggio 2006.
  255. ^ Life Ball, Life Ball.
  256. ^ Darryl Chamberlain, Aids fight inspires singer Lennox, BBC News, 5 ottobre 2007.
  257. ^ Annie Lennox SONGS OF MASS DESTRUCTION, rockrol.it. URL consultato il 17 luglio 2012.
  258. ^ About SING, annielennox.com.
  259. ^ SING Anniversary Messages From Some Of The Choir Of 23, annielennox.com.
  260. ^ a b The Anastacia Fund, legacy.bcrfcure.org. URL consultato il 3 novembre 2014.
  261. ^ Filippo Simone, Divi e Vip festeggiano a Milano la nuova collezione del solido duo di stilisti, Gossip.it, 4 dicembre 2001.
  262. ^ Anastacia dive del soul con il suo profumo sensuale, al-femminile.com. URL consultato il 5 giugno 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN67613587 · LCCN: (ENno2002063814 · ISNI: (EN0000 0000 6655 0962 · GND: (DE131943197 · BNF: (FRcb14032796m (data)
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 8 novembre 2011 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue