Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

Anastacia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'album omonimo, vedi Anastacia (album).
Anastacia
Anastacia durante il Resurrection World Tour nel 2015.
Anastacia durante il Resurrection World Tour nel 2015.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop[1]
Rock[2]
Funk[3]
Contemporary R&B[2]
Soul bianco[4]
Dance pop[5]
Periodo di attività 1998 – in attività
Etichetta Sony (Epic/Daylight)
Mercury
BMG
Sony (Epic)
Album pubblicati 8
Studio 6
Raccolte 2
Sito web
Anastacia new logo black 2016.png
(EN)

« I'm a fighter by nature and nothing will ever change that. »

(IT)

« Sono una combattente per natura e niente potrà mai cambiare questo. »

(Anastacia in un'intervista per la BBC.[6])

Anastacia Lyn Newkirk (Chicago, 17 settembre 1968) è una cantautrice, compositrice, produttrice discografica, filantropa e stilista statunitense, semplicemente conosciuta come Anastacia. Consacrata tra gli artisti di maggior successo del nuovo millennio, il suo nome figura tra i più grandi dell'industria musicale odierna[7] Mondialmente conosciuta per la sua potente voce e la sua piccola statura (157 cm), è stata soprannominata The little lady with the big voice (La piccola signora dalla grande voce)[8][9].

Dal suo esordio ha pubblicato sei album e due raccolte, vendendo circa 85 milioni di dischi in tutto il mondo.[10][11][12] La sua carriera è reputata una delle più importanti del nuovo millennio.[13][14][15][16] Possiede una voce considerata tra le più potenti e facilmente riconoscibili al mondo.[17] Ha molto successo in Europa, Oceania, Asia, Africa e Sud America, mentre nel suo paese natale, gli Stati Uniti, ha ottenuto un successo minore. Ritenuta una delle ultime icone globali del panorama musicale ed un modello da seguire per tutte le donne, non ha mai mostrato vergogna nel rendere pubbliche le sue battaglie personali con le gravi malattie che hanno rallentato la sua carriera.[18][19] Nel 2009 riceve il World Artist Award ai Women's World Awards come artista che ha influenzato il mondo con la sua musica.[20]

È la prima donna bianca nella storia della musica ad essere definita «la bianca dalla voce nera».[20][21][22] Il 13 agosto 2015, Diply, sito web di informazione tra i più visitati al mondo,[23] inserisce la cantautrice all'ottavo posto nella classifica delle donne che grazie alla loro voce, alle loro parole ed ai loro testi, hanno rivoluzionato l'industria musicale, diventando icone e ispirando gli altri.[24] Continua ad essere un talento che non rientra in nessun tipo di categoria.[25] Ha dominato la classifica del Music Control in Europa per tutta la sua carriera[26] ed ha collezionato 226 dischi tra oro e platino.[26][27][28] Nel 2004 crea, a proprio piacimento, un genere musicale per differenziarsi dalla massa.[29][30][31] Inventa la parola Sprock, un mix tra soul, pop e rock[32] che le vale il titolo di Regina dello Sprock.[33][34][35] Il New York Times la descrive come "un'artista carismatica ed un fenomeno vocale".[36] Il 13 novembre 2010 diventa la prima artista internazionale della storia a riuscire ad esibirsi nella Repubblica Turca di Cipro del Nord nonostante le pressioni della lobby Greco-Cipriota.[37][38] Si caratterizza per indossare occhiali dalle lenti colorate nonostante si sia sottoposta, nell'agosto del 2005, ad un intervento chirurgico.[39][40]

La firma di Anastacia

Anastacia ha iniziato la sua carriera nel 1983 come ballerina, facendo apparizioni regolari nel Club MTV fino al 1992. Nel 1990, inizia la sua carriera musicale come corista. Nel 1999 pubblica il suo primo singolo, I'm Outta Love, con cui raggiunge in poco tempo la vetta delle classifiche di tutto il mondo ed anticipa l'uscita dell'album d'esordio Not That Kind. L'anno successivo esce il secondo album, Freak of Nature, contenente le hit internazionali Paid My Dues, One Day in Your Life e Why'd You Lie to Me. Nel 2004 pubblica Anastacia, il suo album di maggior successo, anticipato dal singolo Left Outside Alone rimasto per 15 settimane al numero uno di tutte le classifiche europee. Nel 2005 pubblica il Greatest Hits Pieces of a Dream, lanciato dall'omonimo singolo.

Cambia casa discografica e ritorna nel 2008 con Heavy Rotation, che si aggiudica il decimo posto tra i migliori album del 2008 in un sondaggio della rivista musicale americana Billboard.[41] A 4 anni di distanza dall'ultimo album, pubblica nel 2012 un album di cover rock maschili chiamato It's a Man's World. Dopo 6 anni dall'ultimo album di inediti, nel 2014 pubblica Resurrection che raggiunge la vetta di diversi paesi e sancisce il ritorno di Anastacia al suo genere rappresentativo, lo Sprock.[42] Il primo singolo estratto è la hit Stupid Little Things. Nel 2015 pubblica una seconda raccolta Ultimate Collection, trainata dai singoli Take This Chance ed Army of Me.

Combatte numerosi problemi di salute tra cui la malattia di Crohn e la tachicardia sopraventricolare. Nel corso della sua vita ha sconfitto due tumori al seno, uno nel 2003 ed uno nel 2013 al quale riesce a sopravvivere grazie ad una doppia mastectomia.[43][44]

Per il suo impegno e la sua dedizione nel campo della prevenzione, Anastacia è diventata la seconda donna al mondo ad aver vinto l'Humanitarian Award ai GQ Men Of The Year Awards nel 2013, prima di lei solamente Annie Lennox.[45]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

1968-1982: L'infanzia e l'adolescenza[modifica | modifica wikitesto]

Anastacia nasce a Chicago, Illinois, nel 1968[46] (sebbene fino al 2008 la sua casa discografica la costringe a mentire sulla sua età, sostenendo di essere nata nel 1972[46], poiché la ritenevano troppo grande agli esordi per ottenere successo). Seconda di tre figli, cresce in una famiglia di artisti: la madre Diane Hurley è un'attrice di Broadway di origini irlandesi, mentre il padre Robert Newkirk (affetto da disturbo bipolare)[47], di origini tedesche, è stato un cantante che si esibiva nei locali della East Coast.

La passione della madre per la letteratura russa e per la Gran Duchessa Anastasia Romanov la portano a chiamare la figlia "Anastacia" (dal greco "Anàstasis" che significa "colei che nascerà ancora" ovvero "resurrezione").[48]. La sua infanzia ha un inizio difficile: il padre abbandona la famiglia e divorzia dalla moglie quando Anastacia era ancora una bambina.[49][50] A tredici anni scopre di essere affetta dalla malattia di Crohn[51], patologia cronica autoimmune che colpisce il tubo digerente, in particolare l'intestino, e la costringe a subire un'operazione dove i chirurghi rimossero parte dell'intestino della cantante lasciandole una grande cicatrice sull'addome.

Dopo l'operazione è costretta in sedia a rotelle per alcuni mesi e successivamente impara a camminare di nuovo.[52] I medici le dissero che questa situazione avrebbe potuto influenzare la sua fertilitá.[53]

In seguito ha rilasciato delle interviste in cui ha parlato anche del Crohn: «La mia malattia mi ha cambiata in molti modi. Influisce su tutto, dalla mia salute al mio lavoro, alle mie relazioni. Ciò che è vista come una maledizione da alcuni, è un dono per me, perché mi ha aiutata a scoprire chi sono realmente.».[54]

A quindici anni si trasferisce con la madre, la sorella ed il fratello (affetto da autismo), a New York, nella West Side di Manhattan in un piccolo appartamento con una sola camera da letto.[55] La madre è scritturata per un musical a Broadway ma poco dopo è costretta ad abbandonare la sua carriera per seguire accuratamente il disturbo del figlio. Anastacia ha commentato: «Dopo il divorzio dei miei genitori, a quindici anni mi sono trasferita a Manhattan insieme a mia madre, mia sorella e mio fratello.[55] Sono cresciuta in una casa di artisti. Io e mia madre trascorrevano la sera ascoltando tutte le canzoni di Elton John e Barbra Streisand e durante il giorno seguivo gli spostamenti di Diane in tutti i teatri di Broadway. Guardando quei volti con i miei occhi di adolescente vedevo solo gente stanca e disillusa dalla vita. Erano sostanzialmente tristi o, almeno, così mi sembravano. E all'inizio questa lugubre sensazione infranse ogni mio desiderio d'intraprendere una carriera artistica.»[56]

Compagna di classe di River Phoenix, Christian Slater, Ricki Lake e Malcolm-Jamal Warner (che la invita al ballo di fine anno[57]),[58] si diploma alla Professional Children School di Manhattan. Cresce ascoltando con la madre i CD di Elton John e Barbra Streisand.[59] I suoi vocalizzi e la sua voce fuori dal comune le valgono il soprannome di "freak of nature" (letteralmente "scherzo della natura", che diventerà il titolo del suo secondo album) datole dalla stessa Diane.[60] Nonostante il talento, Anastacia non ha mai pensato di poter intraprendere un percorso musicale. Inizialmente, affascinata dai fossili e dalle ossa, studia per diventare archeologa e si diverte ad esaminare insetti morti.[61] Ma la scarsa passione per la matematica e la biologia la portano a voler iniziare a studiare psicologia per poter diventare una terapista per bambini, la sua più grande passione.[61]

Prima di conoscere il successo, lavora come insegnante di aerobica, poi come segretaria in diversi uffici, parrucchiera, commessa in un negozio di abbigliamento, cassiera, cameriera in un ristorante ed impiegata al forno Paris Croissant, all'angolo della 57ª e Broadway a New York: «Mi ricordo che alla fine della settimana, dato che a casa eravamo davvero senza una lira, tornavo con i croissant invenduti, li mettevo nel freezer e li mangiavamo nei giorni seguenti. Erano il miglior cibo che potevamo permetterci e per un anno andammo avanti così. Diventammo tutti molto grassi a furia di mangiare croissant.».[62]

A diciannove anni, un produttore le dice che è troppo formosa per entrare nel business musicale e si sottopone ad una dieta a base di frutta e verdura, estremamente ricca di fibre che in poco tempo affliggono l'apparato digerente della cantante, causandole una grave ricaduta della malattia di Crohn. Anastacia è di nuovo ricoverata in ospedale, dove per tre settimane è alimentata attraverso un tubo inserito direttamente in una delle grosse vene del suo petto. Le vengono iniettate alte dosi di steroidi e gli effetti collaterali sono devastanti: perdita di capelli, acne, aumento di peso e gonfiore.[63] Nonostante i suoi problemi di salute continua a rincorrere le sue ambizioni.

1983-1997: I primi passi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 inizia la sua carriera come ballerina nel club newyorkese "1018", che frequenta assiduamente con la sorella, dove scopre la musica house e la danza freestyle[64]. Da lì accede all'MTV Club, che la porta a ballare in alcuni videoclip nel 1988 (Everybody Get Up e Twist and Shout delle Salt-n-Pepa)[65]. Nel 1990 inizia la sua carriera musicale come cantante ai matrimoni e corista per la pop star Tiffany nell'album New Inside. Nel 1991 è apparsa nel videoclip della canzone My Fallen Angel del cantante/attore domenicano Coro. Lo stesso anno viene scelta da Steven Spielberg per cantare al suo matrimonio con l'attrice Kate Capshaw.[66] In contemporanea a tutte queste attività, nelle ore notturne, inizia ad esibirsi nei nightclub e casinò insieme a delle band.

Arnold Schwarzenegger la ingaggia per cantare alla grande festa per il suo compleanno e le fa cantare sette volte la stessa canzone del gruppo musicale statunitense En Vogue.[67] Nel 1992 guadagna prominenza apparendo nello show di D.L. Hughley, dove si esibisce cantando il brano Get Here di Oleta Adams.[68]

Nel 1993 si reca a Los Angeles per incidere il brano One More Chance (che verrà poi incluso nel suo album di debutto Not That Kind) per il produttore O.G. Pierce, ma non le viene proposto alcun contratto discografico, e torna a New York piuttosto pessimista riguardo alle sue possibilità nel mondo della musica.[69] Nello stesso anno registra una canzone con David Morales intitolata "Forever Luv". Le case discografiche esitano a far firmare un contratto ad Anastacia, sia perché non sanno come trattare una ragazza bianca con la voce "nera", sia perché ella non si piega al volere dei produttori che le vogliono far cantare musica pop o hip hop per motivi commerciali: «Mi dicevano come mi dovevo vestire, come mi dovevo muovere, cosa dovevo pensare. La reazione di chi mi incontrava dopo aver ascoltato il provino era fantastica, tutti si aspettavano di avere davanti una ragazza di colore, e invece arrivavo io, piccolina, bianca e con gli occhiali. Non volevo altro che essere me stessa, cantare con la mia voce e vestire come volevo.»[70] I produttori trovano la sua voce inusuale e secondo loro non rientra in nessuna categoria musicale.[71]

Nonostante i rifiuti delle case discografiche, Anastacia continua per la sua strada. Nel 1994 canta come corista per Jamie Foxx nel suo album di debutto Peep This[72], e nel 1995 per Paula Abdul nel suo terzo album in studio Head over Heels[14]. Dal 1997 diventa una componente della band raggae The Kraze, ne fa parte fino al 1999. Sempre nel 1997 è una componente del coro gospel di Kurt Carr chiamato The Kurt Carr Singers dove lei è l'unica cantante bianca[73] e successivamente duetta con il compositore cubano Omar Sosa nelle canzoni Mi Negra, Tu Bombón e Tienes Un Solo.[74] Nello stesso anno trova lavoro come receptionist in un salone di bellezza a Beverly Hills dal quale viene licenziata pochi mesi dopo per il suo carattere troppo espansivo e la sua voce troppo invadente.[75]

1998-2001: L'esordio ed il successo mondiale con Not That Kind[modifica | modifica wikitesto]

« La prima volta che ho sentito la voce di Anastacia ero un po' spiazzata, perché lei è così piccolina di statura mentre la sua voce era così grande, così potente, tutta quella potenza proveniva da lei... È stato fantastico. »
(Lisa "Left Eye" Lopes nel 2000 in un'intervista per la Epic/Daylight[76])

L'anno fortunato sarà il 1998, quando la sua manager Lisa Braudé la spinge a presentarsi a The Cut, un programma di MTV per la ricerca di nuovi talenti condotto da Lisa "Left Eye" Lopes. Partecipano 160 artisti giudicati da personalità come Pete Rock, David Foster e Faith Evans. Canta Not That Kind ed arriva seconda.[77]

La sua esibizione scatena un entusiasmo di massa immediato. Elton John la elogia, tra i due nasce una profonda amicizia, Michael Jackson rimane abbagliato dalla sua grandiosa potenza vocale e le telefona a casa la sera stessa per complimentarsi personalmente, incitandola a proseguire la sua carriera ed a fare solo cose che l'avrebbero resa orgogliosa. Le chiede di poter duettare con lei e le propone di firmare un contratto con la sua casa discografica la "MJJ Productions" perché come ammesso da Jackson, aveva capito di trovarsi davanti ad un talento che tutto il mondo avrebbe accolto, come in seguito accaduto. Dopo la telefonata diventano molto amici anche se Anastacia decide di non accettare le sue proposte.[1][48][78][79][80][81]

Il rifiuto all'omologazione

Durante i tanti anni di gavetta Anastacia ha sempre rifiutato di sottostare alle regole dell'industria discografica. I produttori hanno cercato di imporle uno stile musicale e personale che puntualmente veniva declinato dalla cantautrice. Dopo aver firmato il contratto discografico che l'avrebbe lanciata in tutto il mondo, Anastacia viene invitata a ricevere lezioni di Media Training per correggere alcuni atteggiamenti che secondo la casa discografica non sarebbero stati adatti per affrontare un'intervista. "Mi hanno mandata a fare Media Training, che ho totalmente deriso nella prima ora e me ne sono andata. Ero come, sai, il momento in cui mi dici che mi devo porre in questo modo perché influenzerà la mia intervista, stai esagerado. Non possono cambiare chi sono o come le mie spalle necessitano di essere arrotondate. Se hanno intenzione di giudicare la mia intervista sul fatto che non sono correttamente in posa per loro, in tal caso non la stanno nemmeno cogliendo. Questo non ha senso per me. Se un terapeuta sul linguaggio del corpo mi stesse intervistando, allora è qualcosa. Oltre a questo, la formazione dei media non è cosa per me. Credo che ora avrei potuto dare un corso io, considerando tutte le interviste che ho fatto."[82]

(Aidin Vaziri del San Francisco Gate, Stati Uniti 2002)[83]

Dopo il programma, incontra i presidenti di tutte le major americane e nel marzo 1999 firma un contratto discografico con la Daylight Records (controllata dalla Epic e dalla Sony).[48] Un team di autori e produttori di primo livello, personalità illustri della scena del pop (Sam Watters, Louis Biancaniello, Ric Wake, Evan Rogers, Carl Sturken e Ray Ruffin) affianca la cantante per la creazione del suo primo album, che viene pubblicato il 16 giugno 2000, intitolato Not That Kind. Il primo singolo, I'm Outta Love, viene pubblicato il 29 febbraio 1999, ottiene un successo planetario trascinando sulla vetta delle classifiche anche l'album d'esordio.[1] Immediatamente il brano si posiziona al primo posto nelle classifiche di mezzo mondo, negli Stati Uniti esordisce alla seconda posizione nella top 10 della Billboard "Hot Dance Club Play".[84][85] Diventa il brano più venduto del 2000 e a distanza di anni viene considerato uno dei più grandi brani dance di tutti i tempi.[86]

La sua voce prorompente viene paragonata a quelle di Tina Turner ed Aretha Franklin.[67][87] Tutto il mondo pensava di star ascoltando una potente voce di una grassa donna nera,[88] ma all'uscita del videoclip del singolo rimangono tutti esterrefatti in quanto 'avevano davanti a loro una minuta ragazza bianca e bionda'. Il consigliere delegato della Epic Records Jorg Hacker rivela: «Quando ho sentito per la prima volta I'm Outta Love ho pensato 'Wow, un'altra brava artista nera' poi mi hanno detto che si trattava di una donna bianca, e non riuscivo a crederci».[89] Anastacia in un'intervista per Billboard parla del successo del brano:«È ancora sbalorditivo per me realizzare che cosa è diventato universalmente, perché non era mio intento. La mia unica sensazione era quella di voler scrivere una canzone come It's Raining Men o I Will Survive, una di quelle che ti fa muovere e ti rende felice.».[89]

Tra il 2000 e il 2001 vengono estratti altri tre singoli dall'album: Not That Kind, Cowboys & Kisses e Made for Lovin' You. L'album ottiene il quintuplo disco di platino in Germania, il triplo disco di platino in Australia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Paesi Bassi e Svizzera, il doppio disco di platino in Francia, il disco di platino in Brasile, Austria, Slovenia, Belgio (Vallonia), Belgio (Fiandre), Danimarca, Norvegia ed il disco d'oro in Indonesia, Finlandia, Spagna e Svezia. In tutto il mondo riesce a vendere oltre cinque milioni di copie solo nell'anno di pubblicazione,[90] ed altri undici milioni nei quattro anni successivi.[91] L'enorme successo la porta ad intraprendere un tour promozionale negli stadi e parchi di tutto il mondo. L'album esce anche negli Stati Uniti il 27 marzo 2001 ma, nonostante il riscontro del singolo I'm Outta Love, Anastacia non ottiene un grande successo nel suo paese d'origine,[92] vendendo circa 300.000 copie.[93]

Nel giro di pochi mesi diventa in tutto il mondo una grande icona grazie alla sua voce potente e magnetica che non corrisponde al suo aspetto, alla sua musica Funk/Dance/R&B e al suo look stravagante.[94] Il 21 ottobre del 2000, a New York, duetta con Elton John al Madison Square Garden. La manager della cantante ricevette una telefonata dal musicista che chiese espressamente di voler duettare con Anastacia. Sul palco cantano Saturday Night's Alright for Fighting ed a fine esibizione, Elton compie lo storico gesto:«Avevamo appena finito la canzone e lui si avvicinò a me. Invece di baciarmi la mano, si lasciò cadere in ginocchio e mi baciò l'ombelico. È stato un momento così impressionante che non sapevo come reagire. Rimasi lì a pensare, 'Ora devo baciare io il suo ombelico?'. È stato un momento così speciale per me perché mia mamma è sempre stata una grande fan di Elton John e sono cresciuta con la sua musica. Ora lui è un amico e spesso sono ospite a casa sua. Rimango nella sua camera da letto 'principessa', circondata da tutti quei gattini di porcellana. Faccio i sogni più incredibili nel suo grande letto a baldacchino. Non c'è inizio migliore per una giornata che svegliarsi in quel letto e Elton ti porta una tazza di tè per colazione.»[95]

2001-2002: Freak of Nature[modifica | modifica wikitesto]

« Anastacia è una persona che verrà capita dal mondo. »
(Michael Jackson[96])

Nel 2001 partecipa, duettando con il tenore italiano Luciano Pavarotti in I Ask of You, all'ottava edizione dell'evento musicale benefico Pavarotti & Friends, svoltosi il 29 maggio per sostenere le popolazioni dell'Afghanistan.[97] Successivamente, in diverse interviste racconta quell'indimenticabile esperienza:«Ha cantato una mia canzone, proprio accanto a me. Credo sia stata l'esperienza più intensa di tutta la mia vita. Di fronte a tanta bravura però, ho iniziato ad avere dei dubbi sulla mia voce e lui mi ha detto che la mia voce non avrebbe mai potuto sbagliare.»[98]

Nel 2001, grazie alle vendite del proprio album d'esordio e del singolo I'm Outta Love, vince nella categoria World's Best Selling New Female Pop Artist un World Music Award[99] ed un MTV Europe Music Award nella categoria Best Pop.[100] Nello stesso anno si esibisce al concerto per il Premio Nobel per la pace, presentato da Meryl Streep e Liam Neeson, cantando Let It Be con Paul McCartney ed altre importanti personalità della musica.

Il 26 novembre 2001 pubblica il suo secondo album Freak of Nature, di grande successo anche grazie ai singoli Paid My Dues e One Day in Your Life che diventano delle importanti hit a livello mondiale e le fanno vendere oltre cinque milioni di copie nell'anno d'uscita dell'album e altri undici fino al 2014.[1][101] L'album raggiunge la top ten di quindici paesi e la ventisettesima posizione della Billboard 200. In seguito escono anche i singoli Why'd You Lie to Me e You'll Never Be Alone che ottengono un buon successo in Europa. Il 20 febbraio del 2002 si esibisce ai BRIT Awards duettando con i Jamiroquai con la hit di Donna Summer Bad Girls.

Anastacia inizia la promozione dell'album e ad ogni tappa vengono riscontrati disordini nelle città visitate dalla cantante a causa delle numerose folle di persone accorse a vederla.[102] Si esibisce a Sydney sulla baia Darling Harbour, presa d'assalto da oltre 5,000 ammiratori.[102] Canta quattro canzoni del suo repertorio.[102] Il 3 aprile visita l'Highpoint Shopping Centre di Melbourne reso inagibile da più di 4,000 persone in attesa della cantante.[102] Il 5 aprile visita il Queen Street Mall di Brisbane bloccato da 6,000 ammiratori accorsi per vederla.[102]

Nello stesso anno, la FIFA incarica la cantante di ideare la colonna sonora dei Mondiali di Calcio FIFA 2002 Corea - Giappone e nell'estate dello stesso anno esce il singolo Boom, scritto da Anastacia e Glen Ballard che diventa l'inno ufficiale dell'evento. Joseph Blatter aggiunge al riguardo: «Sono convinto che questa canzone, eseguita da una delle icone femminili della musica del nostro tempo, creerà legami affettivi tra le squadre, i tifosi e la FIFA World Cup».[103] La cantante esegue il brano dal vivo il 30 giugno 2002, con oltre 1 miliardo di telespettatori in ascolto[104], nell'intervallo della finale tra Brasile e Germania all'International Stadium di Yokohama in Giappone.

Il 23 maggio 2002, nell'MGM Grand Las Vegas, partecipa a Divas di Las Vegas insieme a Mary J. Blige, Celine Dion, Shakira, Cher e le Dixie Chicks. Lo show è presentato da Ellen DeGeneres e trasmesso in diretta sul canale americano VH1.[105] Nella serata le cantanti ripropongono canzoni celebri di autori internazionali. Anastacia, si esibisce con One Day in Your Life, Jailhouse Rock di Elvis Presley e duetta con Celine Dion in You Shook Me All Night Long (cover dell'omonima canzone degli AC/DC).[106] Sempre nel 2002, appare nel The Royal Variety Show dove si esibisce con One Day in Your Life. Nello stesso periodo registra una pubblicità con Cyndi Lauper per la bevanda Dr Pepper.

2003: Il cancro al seno[modifica | modifica wikitesto]

« Sono una cantante che tocca milioni di persone, le mie parole e la mia conoscenza di quello che sto imparando dal cancro può aiutarne milioni. E se posso aiutarne milioni, oppure anche solo una persona, quella persona è più di nessuna. »
(Anastacia in un'intervista per la ABC.[107])
Il video-diario infernale

Anastacia si dimostra ancora una volta una donna coraggiosa decidendo di filmare la sua agonia durante il ricovero. L'attenzione sulla sua malattia è talmente imbarazzante che la stessa artista si trova nella posizione di dover dare spiegazioni più accurate riguardo il suo calvario. Il filmato mostra "scene sorprendentemente intime di una giovane donna vulnerabile, determinata a sopravvivere".[108]Le telecamere registrano i momenti prima dell'intervento, le 7 ore di operazione (mai pubblicate) ed il successivo recupero che si dimostra straziante a causa del rifiuto di alcuni medicinali che l'organismo della cantautrice non riesce ad assimilare.[109] Completata la guarigione, le riprese vengono pubblicate sottoforma di documentario dal canale americano ABC durante un'edizione speciale della trasmissione 20/20 andata in onda il 2 maggio 2003.[110] La voce narrante è quella della giornalista Deborah Roberts, che riesce ad avere in studio anche l'artista per una intervista.

Nel 2003, in vista del suo tour mondiale che avrebbe toccato Giappone, Europa, Australia, Nuova Zelanda e Americhe,[111] decide di sottoporsi ad una mastoplastica riduttiva a causa dei forti dolori alla schiena dovuti al peso eccessivo del suo seno formoso, ad una sciatica e a due ernie del disco.[112] Durante una mammografia, scopre di essere stata colpita da un cancro al seno sinistro.[113]

A peggiorare la situazione, viene costretta ad affrontare la sua malattia nel modo più pubblico possibile.[114] Appena due giorni dopo aver scoperto il cancro, la notizia trapela, forse da un dipendente dell'ospedale, ed in poco tempo fa il giro del mondo. La cantante all'apice del successo mondiale è costretta ad assentarsi dal panorama musicale per curarsi.[67][114][115] Anastacia ha sempre sostenuto di aver avuto tutte le intenzioni di fare pubblica la malattia, ma solamente quando l'avrebbe ritenuto necessario per contribuire ad aumentare la consapevolezza nelle donne.[67][114]

È stato uno shock, essere invitata a fornire una dichiarazione ai media prima che avesse avuto l'opportunità di raccontare ciò che stava succedendo alla maggior parte dei suoi amici, compreso Elton John che la chiamò non appena letta la notizia.[67][114][116] «È stato come, beh, fammi pensare a cosa voglio dire allo sporco bastardo che ha rivelato il mio terribile segreto [...] Sono stata ferita. Non ho mai saputo chi l'ha fatto e mi ha afflitta un po'. Stavo ancora più male perché non ho avuto modo di chiamare, in sette minuti, tutti i miei amici che avrebbero potuto potenzialmente aver visto questa notizia. Un sacco di miei conoscenti hanno finito per chiamarmi e ridendo dicevano: 'Ho sentito la merda più pazza in televisione!'. Ed ho avuto il momento più difficile a mettere la parola cancro ed il mio nome nella stessa frase».[114][117]

Nonostante la diagnosi, Anastacia vuole portare a termine l'impegno preso in precedenza per registrare la colonna sonora del film Chicago, vincitore di sei premi Oscar,[118] tre Golden Globe[119] ed altri premi internazionali. La canzone si intitola Love Is a Crime e la cantante, fisicamente provata dai pesanti cicli di radioterapia che stava affrontando e con 40 °C di febbre, riesce comunque a girarne il video la settimana prima dall'operazione.[1][120] Il brano esordisce alla prima posizione della Billboard "Club Play Chart".[121] Tuttavia il video non verrà mai pubblicato mondialmente in rispetto della difficile situazione che l'artista stava vivendo. Il 10 febbraio subisce un'operazione durata sette ore per asportare le cellule tumorali.[120][122][123][124] Durante la riabilitazione, la sua voce si indebolisce perdendo completamente potenza impedendole di registrare.[125][126] In questo periodo la cantautrice si dedica ad un'intensa fase di scrittura. Successivamente crea la The Anastacia Fund, la sua fondazione nata per dare maggiore consapevolezza del cancro al seno tra le donne giovani.[127]

Il 29 novembre 2003 torna sulla scena musicale mondiale come protagonista del 46664 Nelson Mandela AIDS Day Concert cantando con i Queen e gli U2. Insieme a Brian May e Dave Stewart scrive Amandla (parola xhosa e zulu che significa "Forza"), la colonna sonora dell'evento organizzato da Nelson Mandela. Il concerto si è svolto al Green Point Stadium a Città del Capo, Sud Africa.[128][129]

2004: Anastacia ed il Live at Last Tour[modifica | modifica wikitesto]

« Lei invia un messaggio positivo per la gente, è tornata di nuovo con l'album al numero uno e con il singolo al numero uno. »
(Elton John.[130])
Anastacia durante la tappa del Live at Last Tour 2004 alla Stockholm Globe Arena di Stoccolma, Svezia.
L'album Anastacia per il mercato di Hong Kong.

Nel settembre 2003 si trasferisce a Los Angeles dove inizia a dare vita al sul terzo album, lavorando con produttori del calibro di Glen Ballard, Dallas Austin e Dave Stewart. L'album intitolato semplicemente Anastacia, contiene due tracce in memoria della malattia: Where Do I Belong e Heavy on My Heart registrata anche in lingua francese con il titolo Trop Lourd dans Mon Coeur.[131] Viene pubblicato il 29 marzo del 2004 e giunge alla vetta delle classifiche mondiali vendendo 6 milioni di copie solamente nei primi nove mesi d'uscita.[91] Si posiziona alla numero uno in Australia[132], Austria[133], Belgio[134], Danimarca[135], Paesi Bassi[136], Germania[137], Grecia[138], Norvegia[139], Polonia[140], Spagna, Svezia[141], Svizzera[142], Regno Unito[143] ed altri paesi europei.

La Sony Music di fronte al notevole successo commenta: «Album come questo sono molto rari, trascendono qualsiasi spiegazione. La musica è avvincente, coinvolgente o addirittura epocale, ma la costante sincerità ed i sentimenti toccanti che fanno da finestra all'anima dell'artista, sono ciò che lo distinguono da tutti gli altri».[144]

Quest'album sancisce la nascita di un nuovo stile che riassume il suo genere musicale, un mix tra soul, pop e rock che la cantante ribattezzerà Sprock.[1] Il primo singolo, pubblicato a marzo, è Left Outside Alone. Ha un grande successo in tutto il mondo e raggiunge la vetta delle classifiche di diversi Paesi europei e non, tra cui Australia[145], Austria[146], Finlandia[147], Italia[148], Spagna[149] e Svizzera[150].[151][152] Diventa una delle più grandi canzoni del 2004, complessivamente rimane per quindici settimane consecutive al primo posto nella classifica europea delle canzoni più vendute e 323 settimane in altre posizioni.[153]

Anastacia durante la tappa dell'Encore Tour 2005 allo stadio Gelredome di Arnhem, Paesi Bassi.

Successivamente escono i singoli Sick and Tired, che replica il successo del precedente, Welcome to My Truth, e la ballata Heavy on My Heart, i cui profitti sono stati devoluti alla The Anastacia Fund. Il video del terzo singolo Welcome to My Truth, ma soprattutto la canzone Left Outside Alone, sono dedicati al difficile rapporto con il padre, che ha abbandonato la famiglia quando Anastacia era ancora piccola.[154]

Diventa rapidamente il suo album di maggior successo fino ad oggi ma a differenza dei suoi primi due lavori, quest'ultimo non viene rilasciato in patria, pur avendo programmato tre date di pubblicazione. Al contrario dell'album, il singolo Left Outside Alone fa una sporadica apparizione nella classifica americana Adult Contemporary, mentre il remix della canzone, raggiunge la quinta posizione della classifica Hot Dance Club Play.[155]

Nel giugno 2004 l'azienda Apple pubblica a livello mondiale l'iTunes Store ed i brani dell'artista sono quelli più venduti durante la prima settimana di attività dello store.[156]

Il 25 settembre 2004 parte da Rotterdam il tour promozionale dedicato all'album, il Live at Last Tour che tiene impegnata la cantante fino al 6 aprile 2005. A causa del grande interesse per lo spettacolo, il tour viene esteso e rinominato Encore Tour (in italiano bis) che la tiene impegnata fino al 14 agosto 2005. Complessivamente vende in tutta Europa oltre 800.000 biglietti,[157] diventando il secondo tour più famoso del 2004, dietro solamente a quello degli U2.[158]

2005-2007: Il primo Greatest hits Pieces of a Dream e la linea di abbigliamento Anastacia by s.Oliver[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 novembre del 2005 pubblica il suo primo Greatest Hits, Pieces of a Dream in cui sono raccolti tutti i suoi successi più quattro inediti.[159] L'artista era inizialmente contraria al lancio di questo progetto essendo entrata nel music business da pochi anni ed avendo pubblicato solamente tre album in studio.[160] La sua casa discografica insistette molto ed Anastacia venne poi convinta quando le parlarono dei numeri da record che riuscì a fare, in quanto a vendite e classifiche, con soli tre album in studio pubblicati.[160] Successivamente si dice contenta di come è riuscita a creare l'album in modo tale da farlo sembrare un vero e proprio libro della storia della sua carriera.

Il primo singolo dell'album prende il nome da quest'ultimo, Pieces of a Dream, e raggiunge la vetta di molti paesi. Il secondo brano estratto è il duetto con Eros Ramazzotti, I Belong to You (Il ritmo della passione) (registrata anche in lingua spagnola). La canzone diventa un grande successo, raggiunge la vetta di molte classifiche europee, tra cui l'Italia, la Svizzera, la Germania e l'Ungheria.[161] Il brano viene accolto positivamente dalla critica e dal pubblico. Viene definita una delle più belle ballate d'amore di sempre, la BBC commenta riguardo Anastacia: "La canzone rivela un lato setoso della voce di Anastacia che si contraddistingue dalla forte tonalità che conosciamo, e con un tipo di eccesso polmonare da far vergognare anche Celine Dion"[162] Nel Greatest Hits è presente anche il duetto con Ben Moody, Everything Burns, colonna sonora del film I Fantastici Quattro per la regia di Tim Story e distribuito dalla 20th Century Fox.

Il 17 febbraio 2006, in occasione dei XX Giochi olimpici invernali di Torino, Anastacia si esibisce in concerto incantando la folla del Medals Plaza. Scatena un assalto alle biglietterie,[163] registrando il tutto esaurito poco dopo la messa in vendita dei biglietti, guadagnandosi il primo posto nel record di vendite.[163][164] Dopo di lei Whitney Houston e Lou Reed.[164][165] Il 27 marzo del 2006 viene stampato il DVD del Live at Last Tour, chiamato Live at Last. Contiene le riprese effettuate tra il 24 e il 26 ottobre del 2004 al Velodrom di Berlino e all'Olympiahalle a Monaco di Baviera, dei video extra di alcune sue canzoni e un documentario del tour.[166] Il 4 giugno del 2006 è in concerto al Rock in Rio.[167][168]

L'arrivo di Anastacia ad una delle inaugurazioni della linea di abbigliamento Anastacia by s.Oliver ad Amburgo, Germania.

Dopo aver riscosso successo nel mondo della musica, prende una pausa ed inizia ad occuparsi di moda, lanciando una collezione di abiti da lei disegnati (dedicati interamente alla sua personalità) sponsorizzata dall'azienda s.Oliver.[101] La linea Anastacia by s.Oliver viene inaugurata il 17 agosto del 2006 e riscuote un grande successo, particolarmente in Germania. Solo il primo anno la collezione, ha fatto fruttare alla s.Oliver oltre un miliardo di euro,[169] cifra che ha fatto sì che l'azienda decidesse di ampliare la sua catena di negozi in tutto il mondo.[169] Ha inoltre lanciato in commercio un profumo, chiamato Resurrection, e un'intera linea di prodotti di bellezza, disponibile solo online.[170] Tuttavia, il profumo ora non è più in vendita con il nome Resurrection, ma con Outta Love, poiché Anastacia ha deciso di non rinnovare il contratto con la casa di cosmesi.[101]

Nell'aprile del 2007 sposa in Messico la sua guardia del corpo, Wayne Newton, incaricato di proteggerla dal 2004[171](precedentemente gli è stata affidata l'incolumità di Brad Pitt, Madonna, Mariah Carey, Mary J. Blige e Toni Braxton).[172] Successivamente il primo luglio 2007 si esibisce al Wembley Stadium di Londra durante la commemorazione dei dieci anni dalla morte di Lady D. Canta Jesus Christ Superstar, che fino ad allora nessuna donna aveva mai cantato.[173]

Nell'agosto del 2007 viene pubblicato, sul sito "Anastacia by S. Oliver", un video durante il quale la cantante risponde ad una domanda riguardo ai suoi progetti futuri, e conferma di star lavorando ad un nuovo album.[174] Nel novembre del 2007 viene aggiornata la sua biografia ufficiale, aggiungendo che nel 2008 sarebbe uscito un nuovo album con tour a seguire.[175] Durante questo periodo inizia ad avere delle palpitazioni che credeva fossero semplici attacchi di panico, ma presto le viene diagnosticata una tachicardia sopraventricolare[17]. Sempre in questo periodo lascia la sua casa discografica e firma un contratto con la Mercury Records della Universal Music Group, terminando il rapporto lavorativo con la Sony BMG durato dieci anni. Durante un'intervista allo show inglese "This Morning", parla di questa sua scelta, dicendo che la chiave del cambiamento è stato il trasferimento del suo storico manager David Massey dalla Sony BMG alla Mercury Records.

2008-2011: Heavy Rotation, l'Heavy Rotation Tour e le collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Anastacia sul red carpet ai Women's World Awards 2009 a Vienna, Austria.

Nella primavera del 2008 iniziano le registrazioni del quarto album in studio, Heavy Rotation, in collaborazione con artisti come Ne-Yo, The Heavyweights, Lester Mendez, JR Rotem e Rodney Jerkins, lavoro che giunge a termine nel mese di agosto.[176] Il 29 agosto viene pubblicato il primo singolo I Can Feel You, il quale, nonostante la larga promozione, non ottiene il successo dei precedenti. L'album viene pubblicato il 27 ottobre 2008 in tutto il mondo esclusi gli Stati Uniti dove viene pubblicato solo in versione digitale il 17 febbraio 2009. Il successo di Heavy Rotation resta lontanissimo dal precedente Anastacia: vende infatti circa 300.000 copie nei primi tre mesi di uscita.[177] In seguito vengono pubblicati il singolo Absolutely Positively e il singolo promozionale Defeated.

Il 5 marzo 2009 riceve durante la cerimonia dei Women's World Award, tenutasi a Vienna, uno dei premi più prestigiosi del panorama musicale, il World Artist Award come donna che ha influenzato il mondo con la sua musica.

Il 5 giugno 2009 parte da San Pietroburgo l'Heavy Rotation Tour. Al contrario dell'album, il tour ottiene un grande successo con oltre 250.000 biglietti venduti per 35 date. Nonostante il poco riscontro sul mercato musicale, l'album viene apprezzato dal pubblico ed eletto dai lettori di Billboard il decimo miglior album del 2008.[41]

Anastacia prima del concerto dell'Heavy Rotation Tour 2009 alla Siemens Arena di Vilnius, Lituania.

Il 25 ottobre 2009 la band inglese Ben's Brother pubblica il singolo Stalemate, che vede la partecipazione di Anastacia. Il video per questo singolo è stato girato il 22 settembre 2009 a Londra. I Ben's Brother ed Anastacia presentano la canzone live per la prima volta il 28 ottobre 2009 nella trasmissione This Morning e successivamente il 2 novembre allo O2 Shepherd's Bush Empire di Londra.

Anastacia chiude il 2009 con l'Here Come the Girls Tour, una serie di concerti-musical prodotto da Steven Howard, che lo definisce l'evento del 2009 data la presenza di tre artiste internazionali di elevato successo; infatti oltre ad Anastacia, il progetto vede come protagoniste anche altre due grandi interpreti, ovvero, Chaka Khan, cantante statunitense vincitrice di dieci Grammy Award e famosa per la sua hit I'm Every Woman,[178] e Lulu, cantante inglese e uno dei volti più celebri del Regno Unito, popolare grazie alla hit Shout.[179] Il tour, ristretto al solo Regno Unito, tocca numerose città, tra il 21 novembre e il 21 dicembre 2009. Le tre interpreti si esibiscono in famose hit britanniche degli anni sessanta e non solo. Tutte le arene del Regno Unito in cui si esibiscono, vengono organizzate in modo tale da essere simili ad un teatro. Steven Howard rivela: «Lulu ha sempre voluto mettere in atto un progetto del genere, mentre Chaka ed Anastacia sono da sempre state le due artiste con cui sognavo di condividere il palco. Tutte e tre hanno in comune la voglia di fare qualcosa di differente mai provato prima.»[180] Il tour è acclamato dalla critica e dal pubblico, viene descritto come 'una stravaganza musicale che mescola la voglia di ballare e l'ottima qualità in un contesto glamour e divertente'. Si rivela da subito un grande successo con tutte le 20 date esaurite, a causa della grande richiesta da parte del pubblico, prosegue anche nel 2010. Il 7 dicembre 2009 le tre artiste aprono con una stravagante esibizione il The Royal Variety Show e successivamente vengono ricevute dalla Regina Elisabetta II.

Anastacia durante la tappa dell'Heavy Rotation Tour 2009 alla Sibamac Arena di Bratislava, Slovacchia.

Nel marzo del 2010, Anastacia, partecipa all'Art On Ice di Zurigo, spettacoli che prevedono coreografie di pattinaggio artistico sul ghiaccio da parte di professionisti del calibro di Stéphane Lambiel mentre la cantante si esibisce con le sue canzoni.[181] Nella primavera dello stesso anno è uno dei giudici insieme a Chucky Klapow, Duncan James, Tamzin Outhwaite ed Emma Bunton, al talent show inglese ispirato al programma televisivo americano Glee, Don't Stop Believing.[182]

Il 13 novembre dello stesso anno diventa la prima artista internazionale della storia a riuscire ad esibirsi nella Repubblica Turca di Cipro del Nord.[37][38] L'arrivo di Anastacia all'aeroporto Ercan di Cipro ha ripercussioni in tutto il mondo.[183] Viene trattenuta nella struttura per 45 minuti poiché i funzionari dell'ufficio passaporti non volevano darle il via libera all'uscita.[183] Intervengono il ministero ed il proprietario multimilionario del Cratos Premium Hotel, Murat Bozoğlu, dove la cantante doveva esibirsi il giorno dopo.[183][184]

L'evento ha generato molte polemiche ed Anastacia era nel mirino delle pressioni dei Greco-Ciprioti che pensavano che la sua performance avrebbe prestato la legittimità politica alla Repubblica Turca di Cipro del Nord (Questione di Cipro).[184][185][186] Pressioni che altre star della musica mondiale come Jennifer Lopez, Rihanna e Julio Iglesias non sono riuscite a gestire, annullando definitivamente le loro esibizioni.[184][185] Prima dell'inizio del concerto si è verificato un tentativo di sabotaggio poi risolto dopo 50 minuti.[185]

Anastacia in concerto nel 2011 allo stadio di Lviv, Ucraina.

L'11 giugno 2010 viene pubblicato il singolo Safety interpretato da Dima Bilan in duetto con Anastacia, presentato in anteprima mondiale durante i Muz-TV Awards in Russia. Il video della canzone è stato interamente girato in Russia.[187] Due mesi dopo Anastacia si esibisce con tutti i suoi più grandi successi in occasione di un party privato in uno degli hotel più esclusivi della Costa Smeralda in Sardegna. L'artista è stata richiesta dall'organizzatore dell'evento che di fatto ha reso modaiolo l'ingaggio di grandi pop star per grandi eventi e kermesse.[188]

Nel luglio del 2010 lascia la Universal.[189] Il 17 settembre 2010, in occasione del suo quarantaduesimo compleanno, pubblica un nuovo duetto, Burning Star, in collaborazione con la cantante belga Natalia, per promuovere la serie di concerti Natalia Meets Anastacia che si è svolta nel gennaio 2011.[190] La location degli spettacoli è lo Sportpaleis di Anversa. Vengono programmate quattro date ed in meno di 12 ore vengono venduti più di 20.000 biglietti.[191] Registrano il tutto esaurito in poco tempo ed aggiungono due date supplementari per soddisfare il pubblico.[191] Le due artiste si alternano sul palco cantando i loro più grandi successi, duettano ed arricchiscono lo spettacolo con diverse coreografie.

Nel febbraio del 2011 è ospite al concerto di Gigi D'Alessio nel Radio City Music Hall, a New York, dove canta I'm Outta Love, Left Outside Alone e duetta con il cantante italiano.[192]

2012: It's A Man's World [modifica | modifica wikitesto]

« Volevo tornare ad un suono più mio. Io sono così, non ho bisogno di un rapper che canta sui miei pezzi né di adattarmi alle mode. Queste canzoni le sento mie, anche se sono state scritte da altri, e sono orgogliosa del fatto che d’ora in poi faranno parte della mia storia artistica. »
(Anastacia riguardo alla sua decisione di pubblicare un album di cover rock.[193])

Nel marzo 2012 collabora con la Škoda per la promozione della nuova autovettura Škoda Citigo.[194] La collaborazione consiste in diversi spot pubblicitari ed un singolo promozionale che riporta sulle scene musicali la cantante e allo stesso tempo promuove la macchina.[195] Il singolo, che fa anche da colonna sonora agli spot è: What Can We Do (Deeper Love),[195] pubblicato su iTunes il 20 luglio 2012.[196]

Nel giugno 2012 è il "giudice speciale" nell'edizione originale di The X Factor durante le audizioni a Glasgow.[197] La sua partecipazione suscita un grande entusiasmo da parte del pubblico e degli altri giudici.[198] I produttori del programma rimangono impressionati dal grande successo scaturito dalla presenza dell'artista: «Ha avuto un grande impatto con forti opinioni, critiche costruttive e apparentemente una grande chimica con i suoi colleghi giudici».[199][200] Simon Cowell la vuole come giudice fisso e prova a far firmare alla cantante il contratto per tutta la stagione ma Anastacia si trova costretta a rifiutare per i troppi impegni che le avrebbero impedito di essere presente.[201]

L'8 luglio si esibisce durante l'ultima notte del leggendario White Nights Festival a San Pietroburgo, in Russia, canta alcuni dei suoi grandi successi e dopo sei anni torna sul palco insieme ad Eros Ramazzotti cantando I Belong to You.[202][203][204] Il 17 settembre dello stesso anno, giorno del suo compleanno, viene annunciata la sua nuova casa discografica, la BMG Rights Management, e che il contratto prevede l'uscita di un album di cover rock maschili prevista per il 9 novembre 2012 dal titolo It's a Man's World e un album di inediti pubblicato successivamente[205][206]

Anastacia in concerto nel 2012 allo Sportpaleis di Anversa, Belgio.

L'album di cover viene pubblicato fisicamente solo in Austria, Belgio, Germania, Paesi bassi e Svizzera,[205] mentre nel resto del mondo solo in formato digitale.[207] I brani da reinterpretare sono scelti da Anastacia e dal produttore statunitense Glen Ballard. L'album viene elogiato da Slash, chitarrista dei Guns N' Roses, che ascoltando la reinterpretazione del brano Sweet Child O' Mine della cantante, non crede alle sue orecchie e allude che ci sia una sincronizzazione tra lui ed Anastacia poiché anche il chitarrista aveva appena pubblicato il suo nuovo singolo dal titolo Anastasia.[193] Dall'album vengono estratti il singolo Best of You,[208] il cui video è stato girato a Barcellona[209] ed il singolo promozionale Dream On.[210] Il 16 dicembre 2012 la cantante entra a far parte della Munich Olympic Walk Of Stars tra le leggende della musica.[211][212] Per la promozione dell'ultimo album prede parte al Night of the Proms. Un tour-festival che si svolge in tutto il nord Europa nei mesi di settembre, novembre e dicembre.[213] Nella primavera del 2013 è prevista la partenza del suo tour in supporto dell'album di cover, il It's a Man's World Tour.[214][215]

2013: Il secondo cancro al seno[modifica | modifica wikitesto]

« A volte mi chiedo se il mio scopo su questa terra sia quello di essere un modello. Guardo le mie sfide come un dono, e la mia voce come strumento. »
(Anastacia[216])

Il 28 febbraio 2013, tramite un comunicato ufficiale sul proprio sito, si vede costretta ad annullare tutte le date del tour e tutti gli impegni previsti a causa di una diagnosi che confermò un secondo cancro al seno, questa volta il destro.[217][218] La notizia del comunicato stampa fa il giro del mondo in poche ore e tocca milioni e milioni di persone. La battaglia si prospetta più dura della precedente, la cantante si è dovuta sottoporre ad una forte terapia per prevenire l'espansione delle cellule tumorali.[219] Subisce una delicata operazione durata dieci ore. Inizia una lunga e complicata riabilitazione durante la quale necessita di due trasfusioni di sangue.[220] La somministrazione di forti antidolorifici per alleviare il dolore fisico porta la cantante in un breve periodo di depressione.[221]

Il 20 luglio 2013, dopo quasi un anno di assenza, Anastacia tramite il suo profilo Twitter comunica di essere guarita per la seconda volta.[222][223][224] Nell'ottobre dello stesso anno, in occasione del mese della lotta contro il cancro, la cantante annuncia di essersi sottoposta ad una doppia mastectomia con procedura chirurgica Latissimus Dorsi che comporta l'uso di muscoli e pelle della parte superiore della schiena per ricostruire i seni. Si trova costretta ad agire in questa maniera a causa delle radiazioni subite dieci anni prima che hanno indebolito i tessuti del suo seno, rendendoli inutilizzabili per la ricostruzione.[44][225]

Solo mesi dopo, durante un'intervista per il The Guardian, Shawn Newkirk, racconta di aver ricevuto la conferma del ritorno della malattia della sorella nel novembre 2012.[55] Questo particolare fa intuire che l'artista ha partecipato al Night of the Proms sapendo che i concerti svolti nel mese di dicembre sarebbero potuti essere gli ultimi della sua vita.[55]

Prima apparizione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 novembre 2013, scatena un'immediata attenzione di massa con la sua prima apparizione pubblica al GQ Men Of The Year Awards, dove le viene consegnato l'Humanitarian Award per l'impegno con la sua fondazione The Anastacia Fund. Diventa la seconda donna al mondo ad aver ricevuto il premio, prima di lei solamente Annie Lennox.[226][227][228] Durante la cerimonia si esibisce con Paid My Dues e Left Outside Alone.

2014-2015: Il ritorno con Resurrection ed il Resurrection World Tour[modifica | modifica wikitesto]

« Sento che questo disco è quelIo che ho perso per un momento. Mi è mancato, ma l’ho ritrovato, per fortuna. »
(Anastacia[229])

Dopo la guarigione Anastacia è pronta a dare inizio alla sua nuova era e nel marzo 2014 annuncia ufficialmente che il titolo del nuovo album è Resurrection. La BMG Rights Management pubblica un comunicato descrivendo la forza della cantante nel percorso di guarigione e di creazione del nuovo album:

« Resurrezione. Una parola forte. Per esempio, è la traduzione del nome Anastacia in greco. Qualcosa che rinasce. Un titolo perfetto, Anastacia ha alle spalle un lungo viaggio personale e artistico. Qualche volta devi perderti per poterti ritrovare, ma se sei abbastanza determinato troverai il modo di tornare al meglio. Se c’è qualcuno che sa come usare tutta la propria forza interiore per focalizzarsi e non arrendersi mai, quella è Anastacia. L’album è un viaggio pieno di melodia e cuore, emozionante ma anche denso di energia positiva. È la dichiarazione di una vera guerriera, che lotta per mandare un messaggio di coraggio a tutto il mondo. Non arrenderti, rimani ottimista, trova la tua forza interiore. Questo nuovo disco sa muoversi su territori molto diversi fra loro. Dai brani più allegri, contagiosi, divertenti e pop a quelli che ti stringono il cuore e ti creano un nodo in gola fino alle lacrime, Resurrection non sbaglia un colpo. Nell'aprile del 2013, per la seconda volta in dieci anni, le è stato diagnosticato un cancro al seno. Un colpo che avrebbe abbattuto quasi chiunque. Ma Anastacia si è rifiutata di arrendersi e di lasciar prendere il controllo alla malattia. «La parola che inizia per C si porta dietro una nube nera. Chi la sente pensa automaticamente alla morte. Io no.»

Nella sua mente Anastacia ha sempre saputo che questo giorno sarebbe potuto arrivare, e per quanto una persona non possa mai essere preparata fino in fondo per l’evenienza, lei aveva studiato e trovato le opzioni migliori per affrontare la questione e sapeva già come avrebbe agito. Il processo è stato molto intenso e difficile, richiedendo una fase di convalescenza molto lunga, ma fino al giorno dell’operazione Anastacia ha trovato conforto nello scrivere un diario fatto di canzoni. Un approccio catartico, qualcosa su cui concentrarsi. Si sentiva veramente pronta a ritrovare se stessa, a rivolgersi al mondo con la forza della sua musica, della sua resurrezione. I cambiamenti e gli ostacoli affrontati da Anastacia sono andati di pari passo con quelli dell’industria discografica. Un mondo che ha ricevuto colpi durissimi, ma che ha saputo reagire. Nessuno può vivere senza musica. Nessuno può sopravvivere senza lottare. Ognuno di noi affronta le proprie sfide e scrivere questo disco è stata l’opportunità per Anastacia di condividere le sue esperienze e trasformarle in parole piene di coraggio. Il giorno in cui la cantante viene a sapere della ricaduta, è appena arrivata in studio di registrazione con l’autore e produttore Jamie Hartman. Il telefono squilla, lei ascolta, annuisce solennemente e assorbe questa notizia devastante. Non è una cosa facile da sentirsi dire. Jamie, sotto shock, le dice di andare subito a casa. Provate a immaginare la sua espressione sorpresa quando Anastacia l’ha guardato e gli ha detto: «Stai scherzando? Non esiste che vada a casa, scriviamo una cavolo di canzone!» E così è stato. «Non avevo intenzione di scappare proprio da nulla. Di sicuro non da quelle session di registrazione, e ancora meno dalla vita.» Quel giorno nacque il brano Stay. Il primo capitolo nella storia della sua resurrezione. «L’industria discografica è molto diversa rispetto a quando ho cominciato, e sto imparando solo ora come poterla cambiare». L’album è pieno di parole incoraggianti e sagge per chiunque voglia ascoltare. Ognuno può entrare in sintonia e trovare sollievo in Resurrection. La voce di Anastacia non potrebbe essere più ricca e piena. Non potrebbe riuscire a ruggire e scavare nella tua anima meglio di così. Brilla di forza, vulnerabilità e saggezza in parti uguali. »

(BMG Rights Management[230])
Anastacia in concerto nel 2014 a Vechta, Germania.

Il 29 marzo 2014 è ospite nel programma Amici di Maria De Filippi, dove presenta in anteprima mondiale il suo nuovo singolo Stupid Little Things, pubblicato il 4 aprile 2014 il quale anticipa l'uscita del nuovo album.[231] Il brano riscuote sin dall'inizio un grande successo e viene accolto positivamente dalla critica musicale e dal pubblico. Directlyrics descrive la canzone con un unico aggettivo "eccellente", scrivendo anche che si tratta della migliore canzone di Anastacia dopo Left Outside Alone.[232] Pop Justice vota la canzone con un 8 su 10.[233] MTV include il brano nelle "5 Must-Hear Pop Songs of the Week!" affermando che questo è il ritorno tra le principesse del pop e la prova che Anastacia è una vera sopravvissuta.[234]

Dopo pochi minuti dalla pubblicazione, la canzone arriva in alto alle classifiche europee iTunes, posizionandosi alla numero 1 anche in Italia.[235] L'album riesce ad arrivare in molti paesi nella Top 10 dei dischi più venduti della settimana[236] ed esordisce alla ventiduesima posizione tra gli album più venduti mondialmente.[237]

Il notevole successo sancisce il ritorno della regina dello Sprock. Per la promozione dell'album, la cantante, appare in molti show televisivi e radiofonici più popolari tra Belgio, Germania, Paesi Bassi, Svizzera, Italia, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Australia, Estonia, Finlandia ed altre nazioni. Nell'estate del 2014 prende parte a diversi Open Air festival in tutta Europa, ma si vede costretta ad annullare due concerti a causa di un'ernia inguinale.[238][239]

Anastacia durante la tappa del Resurrection World Tour 2015 a Sydney, Australia.
Il fenomeno Anastacia

"La fede, in qualunque modo la si possa considerare, è stata messa da parte da molti come qualcosa di alquanto banale. Quelli che come me sostengono ciò pregano un nuovo dogma, fatto di crudo cinismo e immancabile disperazione. Non c'è un'altra vita dopo quella che percorriamo, e non c'è sicuramente nessun 'grandissimo potere' che guida il destino collettivo. Così all'improvviso, noi, i seguaci del cinismo, ci confrontiamo con circostanze che mettono in dubbio tutto ciò che credevamo fosse vero. Assistiamo a qualcosa che sfida la logica e la ragione, qualcosa che è così maestoso che, anche solo per un secondo, pensiamo che ci possa essere un potere che va oltre la nostra comprensione. È come se qualche istinto carnale di conoscenza sia risorto [...] Anastacia, dal greco, significa "Resurrezione". È il suo modo di dire che il nuovo viaggio in cui si sta imbarcando inizia e finisce con lei [...] C'è un centro nel suo sound, lo Sprock, che è completato da un racconto di forza, sopravvivenza attraverso i suoi testi [...] Sia l'album che il tour servono come promemoria per molti che questa donna non è altro che talento."[240]

(Sean Dillon del Colosoul Indipendent Magazine Inspiring Youth, Australia 2015)[241]

Il 22 agosto 2014 si esibisce dando il via alla notte del Manchester Pride, uno degli eventi più importanti al mondo nel supporto della comunità LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender).[242][243][244] Successivamente diventa un giudice del talent show Rising Star nella versione tedesca.[245][246][247]

Il 1º settembre 2014 viene pubblicato il secondo singolo della cantante, Staring at the Sun lanciato in tutta Europa esclusa l'Italia. Il brano riscuote un discreto successo in molti paesi. Il 5 settembre 2014, solamente in Italia viene pubblicata la ballata Lifeline. Ad ottobre 2014, da Bruxelles, prende il via l'atteso Resurrection World Tour, composto inizialmente solo da 16 date europee (tutte esaurite), per mettere alla prova il fisico della cantante. Sempre ad ottobre viene pubblicata per l'Italia la versione in lingua italiana di Lifeline, reintitolata Lifeline - Luce per sempre e realizzata in duetto con il cantante dei Modà, Francesco Silvestre, che è riuscito a lavorare con la cantante grazie all'incontro avvenuto durante una puntata del Talent show italiano Amici di Maria de Filippi dove Anastacia era ospite.[248]

Durante la tappa milanese nel tour, Anastacia si presenta sul palco senza voce a causa di una laringite acuta. Nonostante le sue precarie condizioni, riesce a sostenere le due ore di concerto previste. A fine concerto un comunicato stampa informa che la cantante si vede costretta ad annullare i restanti concerti del tour per accertamenti medici. Le date vengono riprogrammate senza cambiamenti da gennaio 2015 e ne vengono aggiunte altre in tutto il mondo.[249]

Le date del tour diventano 68 e toccano tutta l'Europa, l'Australia, la Tasmania e la Nuova Zelanda. Tengono impegnata l'artista fino al 28 agosto 2015. Inizialmente il tour sarebbe dovuto terminare il 25 agosto con una discussa tappa nel Qemal Stafa Stadium di Tirana, sostenuta anche dal primo ministro Albanese che garantisce l'ingresso ridotto alle donne per la lotta contro ogni forma di discriminazione.[250][251][252] Successivamente vengono aggiunte altre due tappe italiane, la prima il 27 agosto nella cornice del fossato del castello di Barletta e la seconda il 28 agosto al Palapartenope di Napoli, dove effettivamente si conclude il tour. Nonostante il breve preavviso, anche queste date registrano il sold out.

Anastacia durante la tappa del Resurrection World Tour 2015 a Vienna, Austria (concerto evento con un pubblico di 100,000 persone).[253]

Successivamente scrive sul suo profilo Twitter che il tour passerà anche negli Stati Uniti e nel Sud America.[254]

Il 26 gennaio 2015 nel museo Bohemian Crystal Touch in Repubblica Ceca, viene esposta un'opera d'arte dedicata alla cantante, creata con l'impronta della sua mano sinistra.[255] Il gioiello è realizzato su base di cristallo con l'aggiunta di due ali in oro (le stesse che la cantante ha tatuato sulla schiena).[256]

Il 29 aprile 2015 la classifica iTunes del Mozambico vede al primo posto One Day In Your Life ed al secondo I'm Outta Love, rispettivamente dopo 13 e 15 anni dall'uscita di entrambi i brani.[257] Il 14 maggio 2015 Left Outside Alone rientra nella classifica iTunes del Kirghizistan al secondo posto ed in quella del Bahrein al terzo posto, dopo 11 anni dall'uscita del brano, confermando l'intramontabilitá delle sue canzoni sempre presenti nelle classifiche planetarie ed ormai impresse nell'immaginario collettivo in ogni parte del mondo.[258]

Il 13 agosto 2015, Diply, sito web di informazione tra i più visitati al mondo,[23] inserisce la cantautrice all'ottavo posto nella classifica delle donne che grazie alla loro voce, alle loro parole ed ai loro testi, hanno rivoluzionato l'industria musicale, diventando icone e ispirando gli altri.[24]

Dal 17 al 31 agosto il museo ceco Bohemian Crystal Touch permette di ammirare l'opera d'arte dedicata all'artista durante l'Expo 2015 di Milano nel padiglione della Repubblica Ceca.[259]

2015-presente: Il secondo Greatest hits Ultimate Collection, la linea di occhiali Blumarine by Anastacia e l'Ultimate Collection World Tour[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 luglio 2015, mentre la cantante è ancora impegnata nel tour, viene ufficializzata la notizia del suo ritorno alla Sony, casa discografica che conobbe un grande successo ingaggiando l'artista dal suo esordio.[260][261][262] Nella stessa occasione è ufficializzata l'uscita di un nuovo greatest hits dal titolo Ultimate Collection, contenente 17 dei brani più celebri dell'artista più due inediti: Army of Me e Take This Chance. La pubblicazione è prevista per il 6 novembre 2015 con un tour mondiale a seguire.[263][264][265][266]

Il 28 settembre 2015 viene presentato in anteprima mondiale sulla BBC Radio 2, Take This Chance, primo estratto da Ultimate Collection; il giorno dopo il brano viene reso acquistabile su tutte le piattaforme digitali.[267][268][269][270] Scala le classifiche del Sud Africa, India, Singapore, Portogallo, Svezia, Germania, Papua Nuova Guinea, Spagna, Francia, Inghilterra, Italia, Paesi Bassi, Lettonia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Grecia, Austria, Israele, Belgio, Svizzera, Finlandia, Lussemburgo ed altri paesi meno influenti.[271]

Il 6 novembre viene pubblicato Ultimate Collection e l'artista inizia la promozione a partire dal Regno Unito dove, per la sesta volta nella sua carriera, entra nella top 10 degli album più venduti della settimana piazzandosi al settimo posto. Scala le classifiche della Bulgaria, Repubblica Ceca, Sud Africa, Svezia, Lituania, Irlanda, Moldavia, Russia, Malta, Arabia Saudita, Belgio, Austria, Svizzera, Ungheria, Slovacchia, Turchia e Giordania.[272] Entra nella top 30 anche in Italia, dove esordisce al ventisettesimo posto tra gli album più venduti della settimana.[273] Il 17 novembre 2015 vengono pubblicate le prime 24 date europee (poi diventate 60)[274] dell'Ultimate Collection World Tour in partenza il 3 aprile 2016.[275][276][277] Pochi giorni dopo viene aggiunta una data anche a Parigi nella speranza di dare sostegno alla popolazione francese dopo gli attentati del 13 novembre 2015.[278][279] Il 4 dicembre 2015 viene pubblicato il brano Who's Loving You del gruppo spagnolo Auryn che vede la collaborazione di Anastacia.[280][281] La canzone è inclusa nell'album della boy band Ghost Town ed il 6 dicembre viene riprodotta simultaneamente, dalla radio 40 Global Show, in 11 paesi: Argentina, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Spagna, Guatemala, Messico, Panamá, Paraguay e Repubblica Dominicana.[282][283]

L'8 dicembre viene messa in commercio la linea di gioielli targata "Anastacia by Tat2 Designs".[284][285] L'idea è frutto della collaborazione tra l'artista e Briana Erin, famosa gioielliera di Los Angeles nonché figlioccia di Anastacia.

Durante la seconda settimana del gennaio 2016, subisce alcuni interventi per concludere il lungo percorso della sua doppia mastectomia.[286]

Il 24 gennaio 2016 la Warner Music Messico annuncia l'imminente pubblicazione del video musicale del duetto Who's Loving You.[287]

Il 28 febbraio torna in Europa per presentare in anteprima mondiale la sua collezione di occhiali in collaborazione con Blumarine.[288] L'evento ha luogo a Milano durante la più grande esposizione mondiale di ottica, MIDO.[289]

Il 3 aprile 2016 prende il via da Padova l'Ultimate Collection World Tour che vedrà impegnata la cantante fino ad agosto 2016.[290] Dopo pochi concerti si trova costretta a rimandare quattro date, due in Svizzera e due in Germania, a causa di un'infezione alle vie respiratorie superiori.[291][292][293][294][295]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua carriera si è contraddistinta per non aver mai alimentato la sua popolarità tramite scandali personali.[296] Il suo successo è dovuto al suo unico talento che sin dal primo apparire il pubblico ha apprezzato.[297]

È sostenitrice dei diritti gay e favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso.[298] È vista da sempre come icona del pubblico omosessuale capace di attirarne a se vaste folle.[299][300][301][301]

Vive in California a Beverly Hills nella sua villa di 405 acquistata nel 2003. Nel 2016 il complesso viene stimato per una somma pari a 4 milioni di dollari.[302]

Rapporti con la famiglia[modifica | modifica wikitesto]

« C'era qualcosa di unico e speciale in Anastacia. Era una che rischiava, una persona delle persone, una di quelle che camminano nella stanza e catturano l'attenzione perché emanano una forte energia. »
(Shawn Newkirk[303])

Cresciuta senza padre, Anastacia ha sempre avuto ottimi rapporti con la madre Diane, la sorella maggiore Shawn ed il fratello minore Brian: «Shawn aveva un lavoro più difficile di quello che ho avuto io crescendo, perché era una genitrice insieme a mia mamma. Avevo tre anni quando mamma e papà si sono separati, e Shawn ha veramente preso le redini, come la maggior parte dei ragazzi più grandi fanno. Mio fratello ed io non ci siamo mai preoccupati di nulla: Mamma e Shawn erano lì».[303]

Nel 2001 chiede alla sorella, personal trainer, di prepararla per il lungo tour alle porte.[55][303] Successivamente le propone di farle da assistente personale e di viaggiare con lei.[55][303] Si danno sei settimane di prova e le cose funzionavano come previsto.[303] Shawn ricopre questo ruolo per la sorella minore: «Usiamo il titolo di assistente, ma davvero Shawn ed io formiamo l'Anastacia Corporation. Mentre lavora con me, non condivide mai il mio desiderio di essere sul palco. È sia la mia più grande cheerleader che il mio fondamentale eroe».[55]

Con il padre non ha mai voluto riprendere i rapporti: «Per quanto riguarda mio padre, non lo vedo da quando avevo 17 anni. Mia scelta. Non vedevo il punto [...] Era più snervante vederlo che non. Solo un cattivo rapporto. Mi sentivo come 'Ti chiamo papà, ma perché?' [...] Non so niente di quello che sta facendo o chi è. Non voglio cercarlo. Non so se è morto, se ho fratellastri o sorellastre».[304]

Nel 2002 un gruppo di giornalisti del tabloid britannico Sunday Mirror, tra cui Paul Scott ed Alison Bowyer, va alla ricerca del padre.[305] Lo trovano nella sua casa a Saint Louis in Missouri.[304][305] Bob Newkirk ammette di essere da poco a conoscenza del fatto che la sua "Stacey" sia diventata una cantante di successo. L'aveva ascoltata alla radio, le era piaciuta, ma non sapeva fosse sua figlia: «Stavo cercando di rintracciarla e non sapevo come fare. Mi piacerebbe parlare con lei. Lascio che sia una sua scelta. Non avevo idea che Stacey fosse diventata famosa. Anastacia significava nulla per me. Sono andato a comprare il suo CD e lei è fantastica. Ha sicuramente avuto la sua voce da me [...] Vorrei solo avere l'opportunità di parlare con mia figlia e dirle quanto mi è mancata. Sono così orgoglioso di lei, ma la fama non importa, vorrei solo incontrarla e capire se possiamo iniziare di nuovo. Non voglio rinunciare fino a quando non sia troppo tardi».[304]

Nel 2003, durante la malattia della figlia, prova a contattarla senza successo: «Quando ho avuto il cancro non ho sentito alcun desiderio di entrare in contatto con lui [...] Perché dovrei? Non c'è stato per pulirmi il naso o vedermi laureata, non c'era mai [...] Non c'è una connessione e non sento alcun desiderio di averla solo perché questa persona ha fatto sesso tre volte con mia madre e le ha dato tre figli [...] Questo non gli dà il diritto di tenere la mia mano nel corso di un periodo molto tumultuoso».[306]

Sharon ed Ozzy Osbourne, fedeli amici della cantante.

Robert Newkirk muore il 13 aprile 2005, all'età di 68 anni, mentre la cantante è nel mezzo del suo tour mondiale.

Amicizie[modifica | modifica wikitesto]

« È probabilmente una delle donne più forti che abbia mai incontrato. Durante la mia malattia era lì per me come spero di esserci stata io per lei. È una grande donna. »
(Sharon Osbourne nel 2004 dal programma televisivo The Sharon Osbourne Show[307])

Celebri sono le sue forti amicizie con Sharon Osbourne ed il marito Ozzy Osbourne[308], Elton John[309], Michael Jackson[310], Natalia Druyts[311] e Duncan James[312]. Persone che sono sempre state presenti nella sua vita.

Relazioni[modifica | modifica wikitesto]

Patrice Bouédibéla nel 2014.

Dal 1994 al 2001 è stata legata sentimentalmente all'attore statunitense Shawn Woods,[154] a cui ha dedicato il brano Why'd You Lie to Me dall'album Freak of Nature.[313] Trovò l'uomo in compagnia di un'altra donna. Poco dopo Shawn dichiarò di non riuscire a gestire il successo della ormai ex-fidanzata.[314]

Nel 2003 riacquista fiducia del suo corpo segnato insieme all'istruttore subacqueo (PADI), stuntman, attore e modello statunitense Charles Ingram con il quale inizia una breve relazione.[315][316]

Dal 2004 al 2005 è stata impegnata con il modello e storico VJ tedesco di MTV Patrice Bouédibéla.[317][318][319] I due hanno un profondo rapporto di amicizia.[317][320]

Matrimonio, controversie e divorzio[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2006 viene pubblicata la notizia di una presunta relazione con la sua guardia del corpo Wayne Newton, che lavorava per la cantante dal 2004.[321][322][323] L'uomo aveva già una compagna dalla quale ha avuto due figli.[296] Anastacia viene etichettata come una rovina famiglie, la compagna di Wayne concede molte interviste per le testate giornalistiche più influenti e rende pubbliche delle e-mail trovate sul computer del compagno che dimostrano chiaramente la presenza di un rapporto non lavorativo con Anastacia.[324]

Dopo mesi di silenzio, la cantante, che non discute mai delle sue relazioni private,[296] decide di rispondere alle domande dei giornalisti specificando che la storia tra Wayne e la compagna era già finita da tempo:[325] «Non sono stata la causa della fine del rapporto tra di loro, mi da fastidio che lo pensi l'ex di Wayne perché lei conosce i motivi. Non sono stata zitta per acconsentire e né per esserne indifferente ma perché nessuno è venuto a chiedermi niente, quando non hanno da ricavarci dei soldi nessuno mi viene a chiedere spiegazioni e io non vado a cercare i giornali [...] Se oggi hanno voglia di sporcare la vita di una persona, lo fanno ci ricamano sopra ed ecco come si fa a vendere cento mila copie di un giornale con Anastacia messa nelle prime pagine e raffigurata come la peggior rovina famiglie, così da farti diventare più famosa per il gossip che per il tuo mestiere costruito con una fatica pazzesca.»[325]

Il 21 aprile 2007 sposa Wayne Newton a Huatulco, in Messico. La lussuosa cerimonia è celebrata da uno sciamano in quanto entrambi non religiosi. La cantante indossa un vestito ostrica disegnato in collaborazione con Jenny Packham.

Nell'Aprile del 2010 la stampa pubblica la notizia del divorzio della coppia per "incompatibilità di carattere",[326] ponendo così fine a un matrimonio durato tre anni.[171]

Dopo anni di silenzio Newton torna a lavorare nel giugno 2013 per la cantante statunitense Miley Cyrus.[327][328]

Abilità artistica[modifica | modifica wikitesto]

Voce[modifica | modifica wikitesto]

« Una volta qualcuno mi ha chiesto tre parole per descrivermi. Ho risposto: rumorosa, più rumorosa, la più rumorosa (loud, louder, loudest). »
(Anastacia descrive la sua voce.[60])

Dichiarata un miracolo da MTV Asia, in quanto tipicamente appartenente a persone afroamericane,[36] la voce di Anastacia è considerata una delle più potenti al mondo.[329]

Tre delle cantanti alle quali viene paragonata la voce di Anastacia: Aretha Franklin (sinistra), Chaka Khan (centro) e Tina Turner (destra)

Soprannominata "La bianca dalla voce nera" e "The little lady with the big voice", sin dal primo ascolto viene paragonata ad artisti del calibro di Tina Turner, Chaka Khan ed Aretha Franklin.[67][330][331]

« Ho pensato che fosse nera quando l'ho sentita cantare. [...] Sembrava Tina Turner. Mi chiedevo chi fosse questa donna che cantava, e anche quando ho scoperto che si chiamava Anastacia, non ho pensato nemmeno per un attimo che fosse bianca [...] Aveva la voce più sorprendente e piena di anima che avessi mai sentito in così tanto tempo [...] É una grande performer dal vivo [...] I'm Outta Love è uno dei più grandi brani dance di tutti i tempi. »
(Elton John nel 2004 in un'intervista per la trasmissione televisiva Pop and Politics.[86])

Quando nel 1999 gira per la prima volta in radio la sua voce, le viene attribuita l'immagine di una grassa donna nera.[332] Alla pubblicazione del videoclip della hit I'm Outta Love, il mondo rimane esterrefatto in quanto "avevano davanti ai loro occhi una piccola donna bianca e bionda".[333]

Dotata di una potente voce di petto, molti esperti attribuiscono alla cantante la vocalità di un soprano drammatico.[334] Tuttavia, per la sua abilità inusuale nel toccare note molto gravi e note molto acute, rimane difficile identificare la sua effettiva estensione vocale.[334][335]

Diane Hurley, madre della cantante, descrive la voce della figlia come uno scherzo della natura, non riuscendo a capacitarsi della provenienza di tale potenza: «Mio Dio, ho partorito una ragazza bianca con la voce da negra, non capisco».[336]

Nel 2000, il produttore musicale statunitense Ric Wake afferma che Anastacia sarebbe diventata una grande star perché in possesso di una voce che "una volta ascoltata è impossibile da dimenticare".[337] Il New York Times la descrive come "un'artista carismatica ed un fenomeno vocale".[36]

Christa D'Souza del quotidiano australiano The Age, dopo aver intervistato la cantante, scrive: «Alcuni artisti preferiscono mantenere un basso profilo quando sono fuori servizio. Tengono gli occhi bassi e parlano con toni tenui in luoghi pubblici, in modo da non attirare troppa attenzione. Anastacia non è così. Ha una voce che è un incrocio tra una sirena e la drag queen Ru Paul» e prosegue «Che sorpresa, poi, quando la porta della sua suite si spalanca per rivelare che la proprietaria di questa voce è una piccola cosetta, poco più di 150 centimetri di altezza».[338]

Nel 2002, Mariah Carey avvicina la collega esprimendole tutta la sua ammirazione per l'album Not That Kind spiegandole quanto amasse la voce della cantante: «Ho incontrato Mariah. In realtà è venuta lei da me, è stato così strano. Non avevo nemmeno idea che lei sapesse della mia esistenza. È venuta e mi ha detto che ama la mia voce ed il mio album Not That Kind. Ero fuori di testa! (ride) Non riuscivo a credere a quanto è stata carina, non me lo sarei mai aspettato da tutte le voci che sento. Ma è molto gentile e con i piedi per terra [...] ».[339]

Anastacia ha sempre dichiarato di non aver mai preso lezioni di canto ma di aver solamente dovuto imparare a dosare il suono della sua voce.[340] Dopo la sua malattia, nel 2003 inizia per la prima volta ad allenarla e nel 2004 incontra un famoso dottore di New York consigliatole dalla collega Celine Dion: «Io e Celine abbiamo un modo di cantare molto simile e mi ha suggerito di incontrare questo dottore per scaldare la voce. Quando il carico di lavoro aumenta, cantanti come me e Celine hanno bisogno di curare le proprie voci come atleti».[341]

Il Daily Mail la definisce "una delle voci più potenti nel business musicale".[342]

Stesura e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Quasi tutti i brani da lei cantati sono scritti di suo pugno. Il suo stile di scrittura è dettato dalla sua "filosofia di vita", nata dalla malattia che l'ha colpita da bambina, la malattia di Crohn. I medici, consigliandole di esternare ciò che provava, ai fini di ostacolare la malattia, posero in lei una personalità forte che necessitava di esprimersi tramite canzoni e testi.[154]

« Quella che per alcuni è considerata come una maledizione per me è stato un bene, perché mi ha aiutata a controllare le mie emozioni e capire come comportarmi e reagire alle situazioni contingenti.[154] »

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Le tematiche riscontrate nei suoi testi sono dei racconti di forza ed indipendenza esclusivamente autobiografici.[343] Esperienze positive e negative vissute dall'artista che si fa portavoce di ottimismo e passionalità.[344] Le parole utilizzate rispecchiano le variegate sfaccettature della cantautrice che vanno a creare dei testi personali ma contemporaneamente ispirazionali.[345]

Dal suo esordio si può evidenziare una notevole crescita personale e cantautorale influenzata dalle varie vicissitudini che hanno costellato la vita dell'artista ma specialmente della donna. Effettuando un'accurata analisi dei testi si nota la presenza di alcuni sostantivi, verbi o espressioni che si ripetono all'interno dello stesso album e, se in certi casi sono delle semplici coincidenze, a volte queste parole chiave delineano le tematiche dell'intero album tracciando una trama nascosta e coerente. I suoi album sono contraddistinti da dei legami linguistici e simbolici che donano continuità nonostante siano lavori indipendenti, distanti negli anni, con generi e collaboratori diversi. Oltre 100 brani pubblicati con stili e storie diverse che in una visione globale raccontano una sola avventura, il percorso di vita dell'artista.[346]

Influenze e stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Influenzata sin da quando era bambina da artisti come Barbra Streisand ed Elton John,[60][347] e ispirata da più adulta da artisti come Aretha Franklin e Tina Turner,[348] a cui è stata paragonata,[21] Anastacia ha iniziato la sua carriera con uno stile soul-gospel,[60][347] evolutosi poi in un pop-soul e maturatosi negli anni in un genere più rock, ma allo stesso tempo anche soul e pop.[349] La miscela di questi tre generi, è stata definita dalla cantante con la parola Sprock, un misto tra soul, pop e rock.[60]

Nel suo terzo album, nuove ispirazioni le vengono dalla battaglia contro il cancro che l'ha accompagnata durante tutta l'incisione dell'album, Matthew Chisling di Allmusic ha così commentato il lavoro della cantante: «L'album Anastacia è stato scritto, registrato e prodotto durante la diagnosi e la lotta contro il cancro al seno, che l'ha aiutata a creare un lavoro più personale e doloroso che si sposa perfettamente con la sua voce unica. Tutto ciò si può riscontrare bene nei pezzi Left Outside Alone, in cui rimprovera l'ascoltatore con grida di frustrazione in un sound pop rock, e Heavy on My Heart, una ballata lavata nel dolore, nell'amore, e in suoni roboanti.»[151]

Nel quarto album, Heavy Rotation, troviamo un'Anastacia diversa: lo stile è completamente differente da quello precedentemente adottato, molto più "antiquato" e meno vigoroso.[176][350] Per il quinto album in studio invece, It's a Man's World, ritroviamo un'Anastacia che torna sui suoi passi e riabbraccia il rock. L'album è composto infatti da sole cover di canzoni rock maschili, tra cui: Best of You dei Foo Fighters, Sweet Child O' Mine dei Guns N' Roses, Dream On degli Aerosmith e Back in Black degli AC/DC[351]

Simbologia[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei tre tatuaggi dell'artista

L'immagine ricorrente nella simbologia di Anastacia è quella della croce Ankh.[352]Secondo la tradizione esoterica egiziana si tratta di un antico simbolo sacro egizio che essenzialmente rappresenta la chiave per la vita eterna (immortalità).[353]

Molto prima dell'inizio della sua carriera, l'artista decide di tatuarsi questa figura sul fondo della schiena insieme ad un sole stilizzato, interamente disegnato da lei. Oltre che dal significato del suo nome, il destino dell'artista sembra essere guidato anche da questa immagine, che dopo anni sembra rappresentare a pieno l'istinto di sopravvivenza presente nel suo carattere.

Tuttavia, le origini di questo simbolo, sono variegate ma sempre inerenti alla vita nell'eterno presente. Essendo il tau fallico e l'ansa uterina, l'Ankh, come il sigillo di Re Salomone è uno dei simboli che identificano l'unione del maschile con il femminile; solo da questa unione può emergere la vita, intesa sia in senso fisico sia in senso spirituale.[354] Quest'ultima definizione può essere accostata come un buon auspicio al suo desiderio di diventare madre, nonostante sapesse di avere poche speranze di poter gestire una gravidanza.

Tale simbolo è riportato sui primi album e CD dell'artista, dove in alcuni viene immortalato direttamente sulla sua schiena. Adottato come logo per i primi anni di carriera, viene esposto automaticamente accanto al suo nome durante concerti ed annunci pubblicitari.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

« Ho un rimorso, quello di non aver mai votato. Avevo il disgusto per la politica e, come tanti ragazzi americani, ne sono stata alla larga. Ma dopo quello che è successo in America alle ultime presidenziali, il sospetto di brogli e Bush che ha vinto per una manciata di schede, ho capito che votare non è un dovere, ma un obbligo. E questa volta, cascasse il mondo, andrò alle urne. »
(Anastacia[355])

Il 19 maggio 2002 durante l'intervallo della trentesima edizione del The Fun City Ball allo Giants Stadium canta l'inno nazionale degli Stati Uniti. Nello stadio sono presenti le più alte cariche dello stato a partire da George W. Bush.[356] La sua esibizione viene disprezzata dalla maggior parte degli americani perché confonde due parole dell'inno: "rocket's red glare" in "rockets gave glare" e "gave proof through the night" in "gave truth through the night".[357] In molti trovano eccessiva la reazione dei media contro la cantante, descrivendo "sfortunata" la sua esibizione in quanto il clima di quei giorni negli Stati Uniti era esageratamente nazionalistico a causa di Bush e dello scoppio della guerra in Afghanistan.[358] Questo episodio deraglia completamente la carriera di Anastacia nel suo paese natale, dove riconosce lo splendore di viverci ma non condivide le scelte governative. Gira le spalle ai gradini più alti della politica di quel periodo, evidenziando l'enorme quantità di cose immorali che accadono gestite dalle cariche dello stato, fino al far morire gente di cancro pur potendolo evitare.[359][360]

Il 9 ottobre 2014 durante un'intervista in Australia, le viene chiesto come sia possibile ottenere un successo senza precedenti in tutto il mondo escluso il suo paese natale. La cantante a distanza di anni rivela che al suo esordio c'era in ballo una grande promozione negli Stati Uniti e che il suo album sarebbe dovuto uscire prima lì e poi nel resto del mondo. È successo il contrario perché la persona incaricata della gestione promozionale era stata licenziata lasciando il progetto in aria. In quel periodo sarebbe dovuto avvenire il pagamento delle radio per la pubblicità e qualcuno non fece bene il suo lavoro a tal punto di mettere le radio contro l'artista. Non potendo lanciarla in America decisero di far partire la promozione oltreoceano dove riscosse un successo senza precedenti facendo passare gli Stati Uniti in secondo piano.[360] Anastacia non si è mai preoccupata di aver mancato un territorio poiché considerato da lei stessa un punto in più per riposare tranquillamente dopo i tanti impegni nel resto del mondo. Molti colleghi tra i quali Beyoncé ritengono la cantautrice molto fortunata per questa sua posizione, avere un territorio che non ti richiede di lavorare dove puoi fare la tua vita pur essendo una leggenda nel resto del mondo.[360]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

« Per quante cicatrici possa avere sul mio corpo, mai potrei sentirmi meno femminile. »
(Anastacia nel 2006 in un'intervista con Peter Overton.[18])
Caratteristiche fisiche
Anastacia - Resurrection Tour 2015 (Sydney) 03.jpg
Altezza 1,57 cm
Taglia 44 (UE)
Peso 56 kg
Scarpe 36 (UE)
Occhi Marroni
Capelli Biondi
Dati riferiti al 2016

Anastacia viene spesso racchiusa nel concetto di bellezza nell'imperfezione. Tutti i suoi difetti, dalla piccola statura alle sue cicatrici, si sono rivelati negli anni dei punti di forza per l'artista, considerata una delle donne più sensuali ed affascinanti nel panorma musicale.[361]

In molte interviste afferma di non essere mai stata ben accolta da persone che avrebbero dovuto incoraggiare le sue diversità: «Mi vedo uno scherzo della natura, non qualcosa di cui la gente debba aver paura, ma qualcosa con cui io ho convissuto per anni. Ero una "freak" perché nessuno voleva farmi un contratto, perché cantavo in modo diverso, perché non mi adeguavo alle categorie del pop, ero una fuorilegge. E adesso che sono famosa, mi piace raccontare che essere diverse è bello: non sempre per riuscire devi avere una linea perfetta, un corpo da favola ed i capelli in ordine, a volte anche uno scherzo della natura può piacere alla gente».[336]

Nel 2003 il Daily Mail la inserisce alla nona posizione della classifica delle star più sexy al mondo.[362]

Secondo molti unisce la voce di Tina Turner ad un fisico degno di Claudia Schiffer,[361] nel 2005 il canale americano VH1 inserisce la cantante all'88ª posizione della classifica dei corpi più desiderati al mondo.[363]

Considerata una delle ultime icone del panorama musicale ed un modello da seguire per tutte le donne, Anastacia non ha mai mostrato vergogna nel rendere pubbliche le sue battaglie personali con le gravi malattie che hanno rallentato la sua carriera.[18][19] Parlando delle sue difficoltà, molte donne, ogni giorno, trovano la forza e l'ispirazione per combattere le loro battaglie: «Siamo nel tipo di società dove le donne giovani contraggono il cancro e non perché fumano e nemmeno perché ci sono precedenti in famiglia. È così, bisogna solo fare regolarmente dei test. Prima lo trovi e più la situazione è totalmente vivibile e si torna ad essere se stessi. La gente era scioccata che fossi tornata così in fretta, mi guardavano ed erano come "Wow!". Ma questo fa parte della benedizione che può accadere se si ha una diagnosi precoce».[18]

Moda[modifica | modifica wikitesto]

Come spesso dichiarato, la moda per la cantante è sempre stata importante, non per ricevere elogi ma per il suo stesso spirito.[364] Sin dal suo esordio molti stilisti di fama mondiale hanno espresso il desiderio di lavorare con l'artista per la creazione dei suoi abiti ed accessori.

Nei primi anni duemila collabora con Dolce & Gabbana per la creazione dei suoi occhiali da vista, abiti di scena ed orologi.[365] In molte occasioni viene vestita dallo stilista italiano e grande amico della cantante Roberto Cavalli.[366][367][368][369] Altra sua grande amicizia, iniziata nel 2002, è con la stilista Anna Molinari che realizza alcuni degli abiti del suo Live at Last Tour. Anastacia spesso veste Blumarine e dichiara che pur non parlando la stessa lingua, lei e la stilista riescono ad intendersi al volo in ogni occasione.[370][371][372] Nel 2011 la stilista rilascia un'intervista dove racconta di aver avuto ospite a tavola la cantante: «Ha onorato la mia cucina, dall'antipasto al dolce. Pochi giorni dopo mi arriva un pacco di dolci che non entrava dalla porta: era il suo ringraziamento».[373] Nel 2016 collaborano insieme alla realizzazione della linea di occhiali Blumarine by Anastacia.[374]

Durante il Resurrection Tour indossa calzature della maison Roberto Botticelli.[375] Successivamente lo stilista mette sul mercato un modello, realizzato appositamente per la cantante, chiamato "Anastacia".[375][376]

Linea di abbigliamento Anastacia by s.Oliver[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2006 viene inaugurata la linea di abbigliamento femminile Anastacia by s.Oliver in collaborazione con la s.Oliver, una delle più grandi compagnie di moda in Europa.[377][378] Le collezioni sono create dalla stessa cantante affiancata da una squadra internazionale di progettisti entusiasti della collaborazione: «Anastacia è una donna di potere, molto sexy e questo lo esprime anche nel suo look».[377]

La linea prevede l'uscita di quattro collezioni: Autunno/Inverno 2006, Primavera/Estate 2007, Autunno/Inverno 2007, Primavera/Estate 2008. Ogni mese vengono disegnati 50 modelli da mettere sul mercato internazionale.[377] In tutto il mondo, più di 430 negozi s.Oliver inaugurano la linea di abbigliamento della cantante.[379]

Thomas Steinhart, direttore finanziario del marchio di monda, commenta: «Noi della s.Oliver siamo naturalmente molto orgogliosi di poter lavorare insieme ad Anastacia. La cosa affascinante di lei è il modo in cui mette tutto il suo sforzo nella collezione e lavora ai dettagli con la squadra. È una donna potente ed affronta il lavoro con tutto il cuore».[377] Solo il primo anno la linea di abbigliamento, fa fruttare all'azienda oltre un miliardo di euro,[169] cifra che ha fatto sì che la s.Oliver decidesse di ampliare la sua catena di negozi in tutto il mondo.[169]

La collezione riflette la versatilità e lo stile personale di Anastacia, che descrive gli abiti "sensuali e femminili".[377] Si dice molto soddisfatta dei risultati: «Ho avuto l'idea di progettare la mia collezione per molto tempo, ma abbiamo aspettato per i partners giusti. s.Oliver è arrivato proprio al momento giusto. Abbiamo avuto modo di conoscerci e abbiamo scoperto che non solo ci armonizziamo bene insieme come marchio, ma abbiamo anche le stesse idee circa l'aspetto di "Anastacia by s.Oliver". Ci sono molti punti che devono essere considerati quando si progetta una collezione; quali tendenze vanno di più, quali colori, quali tessuti, quali stili [...] Per questo sono felice che il mio lavoro con il team di progettazione s.Oliver sta andando così bene e che stiamo impiantando questi temi insieme».[377]

Nel novembre del 2006 un CD in edizione limitata intitolato Welcome to My Style viene dato in omaggio a tutti i clienti che avessero speso più di 60 euro nell'acquisto dei capi.[380]

Il 22 novembre 2006 l'artista e la s.Oliver uniscono le loro forze per la battaglia contro il cancro al seno. Anastacia progetta delle magliette vendute mondialmente sotto il motto Make a Difference (Fare la differenza). Il 100% del ricavato delle vendite va alla The Anastacia Fund.[381] Thomas Steinhart sottolinea l'importanza di questa causa: «L'impegno sociale è una parte molto importante della nostra missione. Vogliamo fare la nostra parte per la lotta contro il cancro. I numeri sono allarmanti [...] ogni anno in tutto il mondo a 1,2 milioni di donne viene diagnosticato il cancro al seno. Ogni anno, più di 400,000 donne muoiono a causa di questo tumore. Ecco perché siamo orgogliosi di non essere gli unici a partecipare alla vendita delle magliette...anche altri partner commerciali ne stanno prendendo parte».[381]

Dopo il terremoto dell'8 ottobre 2005 in Pakistan, Anastacia decide di donare alla popolazione l'intero ricavato della vendita delle magliette che in primo luogo sarebbe servito per proteggerli dal freddo e trovare una sistemazione momentanea in cui poterli far vivere.[381][382]

Il 29 marzo 2007 tiene una sfilata di moda a Berlino durante la quale presenta le collezioni Primavera/Estate ed Autunno/Inverno 2007.[383][384]

Il 2 novembre 2007 viene realizzata un'altra linea di abbigliamento in edizione limitata; la Limited Luxury che vede la collaborazione della cantante con il lussuoso marchio Swarovski.[385] Vengono messi in vendita 500 capi esclusivamente in Austria, Grecia, Francia, Kazakistan, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Russia, Croazia, Slovenia, Svizzera e Slovacchia.[385] I prezzi della collezione variano dai 79 ai 169 euro.[385]

Nel luglio 2008, dopo due anni di grandi successi, Anastacia decide di non rinnovare il contratto con il marchio di moda per dedicarsi a tempo pieno nella realizzazione del suo prossimo album in uscita nel 2008.[386]

Linea cosmetica Resurrection by Anastacia[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2007 Anastacia mette in commercio la sua prima fragranza femminile Resurrection.[387] Nel progettarlo la cantante è coinvolta al 100% nel processo di creazione, dall'odore all'imballaggio. Realizzato secondo i desideri di Anastacia ed armonizzato con la sua personalità, Resurrection irradia sensualità e seduzione.

Un profumo che contiene all'interno delle sue principali fragranze fruttate ed aromatiche, un odore che ricorda la freschezza del bosco e dei fiori.[388] Queste sensazioni sono provocate da un attenuato tocco di olio di sandalo e gelsomino.[389] L'insieme lascia un irresistibile effetto sulla pelle di chi lo indossa provocato dall'accostamento di vaniglia e ambra.[388] Il profumo viene testato più volte finché le donne, ma soprattutto gli uomini, entusiasti, hanno risposto: «Semplicemente fantastico!».[390]

La sua linea cosmetica comprende altri quattro prodotti: Eau de Perfume, profumo per il corpo, gel doccia e lozione per il corpo.[391] I prodotti della linea Resurrection non sono più disponibili sul mercato, poiché la cantante non ha voluto rinnovare il contratto con la casa di cosmesi. Quest'ultima, nonostante la fine della collaborazione con Anastacia, ha rimesso in commercio il profumo rinominandolo Outta Love.

Linea di occhiali Blumarine by Anastacia[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 febbraio 2016 durante l'esposizione ottica universale MIDO a Milano, l'artista presenta in anteprima mondiale la sua collezione di occhiali Blumarine by Anastacia. La collaborazione avviene grazie al desiderio della cantautrice di realizzare una linea del suo accessorio caratteristico con la sua amica stilista Anna Molinari.[392] Il risultato del loro lavoro si riassume in dieci modelli di occhiali, tre da sole e due da vista in due varianti di colore ciascuno. La collezione si contraddistingue per le forme accattivanti ed estremamente moderne, arricchite da preziosi dettagli in strass e da una rappresentativa A su ogni stanghetta.[393] Il progetto include un astuccio personalizzato con l'autografo dell'artista e materiali customizzati per il punto vendita. L'intera linea di occhiali viene messa in vendita mondialmente in tutti gli store Blumarine e nei negozi di ottica dall'aprile 2016.[394]

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

« Tutto quello che posso dire è che non ci è promesso il domani, io lo so, voi lo sapete. Dobbiamo fare ogni momento ultimo, benedirlo ed apprezzarlo. »
(Anastacia nel 2006 durante il suo discorso al Rock in Rio[395])

Sin dall'inizio della sua carriera, Anastacia aderisce a molte iniziative di solidarietà e di beneficenza.

Il 29 maggio 2001 partecipa duettando con il tenore italiano Luciano Pavarotti I Ask of You all'ottava edizione dell'evento musicale benefico Pavarotti & Friends, svoltosi il 29 maggio 2001 per sostenere le popolazioni dell'Afghanistan.[97][396]

Il 29 ottobre 2001 partecipa al concerto benefico per l'attentato alle torri gemelle United We Stand: What More Can I Give insieme a Michael Jackson, Mariah Carey ed altri artisti. L'evento si è svolto all'RFK Stadium di Washington.[397] Una delle canzoni proposte era What More Can I Give, brano inciso appositamente per la beneficenza.[398][399]

Il 19 maggio 2002 canta One Day in Your Life e l'inno nazionale degli Stati Uniti allo Giants Stadium in New Jersey durante l'intervallo della trentesima edizione del The Fun City Ball, partita amichevole di football tra i New York Police Department (NYPD) ed i New York Fire Department (NYFD). Questa edizione è particolarmente significativa per gli americani, in quanto il ricavato dei biglietti è destinato alle famiglie dei poliziotti e dei pompieri che hanno perso la loro vita per salvarne altre durante l'11 settembre 2001. Presenti nello stadio anche le più alte cariche dello stato americano: George W. Bush, Michael Bloomberg, George Pataki e Rudolph Giuliani.[26]

Nel 2003 viene scelta come portavoce mondiale dalla Lifetime television per la campagna di sensibilizzazione del pubblico: "Our Lifetime Commitment: Stop Breast Cancer for Life".[400] Nel suo ruolo di portavoce, il 30 ottobre si esibisce al Dolby Theatre di Hollywood alla quarta edizione del concerto per la prevenzione del cancro al seno "Women Rock!".[400] Canta per la prima volta il suo brano scritto in memoria della malattia, Heavy on My Heart.[401]

Meredith Wagner, vicepresidente esecutivo della rete televisiva dichiara: «Siamo onorati di annunciare la nostra partnership con Anastacia per aiutare a diffondere la parola sui messaggi salvavita contro il cancro al seno [...] Da giovane sopravvissuta che mette in prestito la sua forte voce alla causa, Anastacia contribuirà a salvare milioni di vite».[400] Mary Dixon, vicepresidente degli affari pubblici dell'ente televisiva afferma: «La voce e la personalità di Anastacia si sono fatte sentire in tutta la loro forza. Al concerto tutti hanno veramente percepito il perché lei si trovasse lì [...] In un istante abbiamo realizzato che questa sarà una grande e lunga collaborazione con Anastacia. È molto coinvolta nel raggiungere le persone, in particolare le giovani donne, per questa causa».[401] L'evento viene omaggiato da celebrità del calibro di Dolly Parton, Jessica Alba, Sharon Osbourne e molti altri.

Lo stesso anno partecipa ad un concerto di beneficenza per la lotta all'AIDS, il 46664 Nelson Mandela AIDS Day Concert, cantando con i Queen e gli U2 e contribuendo alla registrazione ed alla stesura del testo della canzone Amandla insieme a Brian May, David A. Stewart e Bono Vox.[402]

Nel marzo 2005, devolve tutto l'incasso del brano Heavy on My Heart alla sua fondazione The Anastacia Fund.

Il 10 aprile 2006 a New York, prende parte insieme ad Elton John, Tony Bennett, Ashley Judd, Elizabeth Hurley e molti altri, alla sesta edizione del Very Hot Pink Party tenutasi al Waldorf Astoria, per raccogliere fondi a favore della Breast Cancer Research Foundation.[403]

Il 20 maggio 2006 si esibisce durante il Life Ball a Vienna, il più grande evento annuale di beneficenza d'Europa contro l'AIDS.[404][405] «Ci riempie di orgoglio averla al Life Ball» dichiara Gery Keszler, organizzatore dell'evento «Era stata a lungo in cima alla nostra lista dei desideri perché oltre alla grande musica, ha anche un carisma unico ed il suo impegno per le persone svantaggiate viene dal cuore».[406]

Oltre a donare soldi e tempo per la The Breast Cancer Research Foundation, la cantante è sempre alla ricerca di nuovi modi per partecipare nel generare più donazioni.[407]

Il 13 ottobre 2006 mette all'asta su eBay alcuni dei suoi effetti personali tra cui abiti del Live at Last Tour e varie esibizioni.[407] Gran parte dei profitti va alla The Breast Cancer Research Foundation per aiutare a trovare la cura del cancro al seno.[407] Dal 13 ottobre, ogni venerdì vengono messi all'asta 20 nuovi articoli fino al 13 aprile 2007.[407][408]

Successivamente unisce le sue forze insieme ad Annie Lennox, Madonna, Celine Dion ed altre 20 cantanti, nella realizzazione della canzone Sing.[409][410] Il brano, pubblicato il 1º dicembre 2007 (Giornata mondiale contro l'AIDS) diventa una campagna contro il virus HIV e si prefigge il compito di raccogliere fondi per la ricerca contro l'AIDS in Africa e di sensibilizzare le persone su questo tema.[411][412]

Anastacia in concerto nel 2008 al Palacio de Deportes di Madrid, Spagna.

Il 4 giugno 2008 lancia una nuova asta su eBay di altri suoi effetti personali. Ogni due settimane aggiunge altri articoli fino al 16 luglio. L'acquirente che spende una cifra maggiore vince due biglietti VIP per la tappa dell'Heavy Rotation Tour della cantante al Pavilhão Atlântico di Lisbona.[408]

Il 27 ottobre 2008, a Londra, partecipa all'evento Divas II insieme a Dionne Warwick, Leona Lewis, Rihanna, Pink, Gabriella Cilmi e le Sugababes. Si esibisce cantando Left Outside Alone e I Can Feel You.[408]

Il 30 ottobre 2008 partecipa alla seconda edizione del Rosa Bandet Galan a Stoccolma nella Stockholm Globe Arena. L'Evento ha l'obiettivo di raccogliere fondi per la ricerca sul cancro al seno. La cantante si esibisce con I Can Feel You e durante la trasmissione vengono raccolti oltre 50 milioni di corone svedesi che equivalgono a 5 milioni 339 mila euro.[408]

Nel 2011 progetta la sua Diva Duck. Una papera di gomma leopardata, creata per raccogliere fondi per la Cancer Research UK. L'articolo viene messo in vendita online il 9 agosto e 24 ore dopo la pubblicazione è già esaurito.[408][413] La Cancer Research Uk commenta il progetto della cantante:«La Diva Duck di Anastacia, è stata progettata in stampa leopardata con ciglia lunghe. La sfacciata colorazione sull'anatra, riflette la forza attraverso la quale Anastacia ha combattuto contro il cancro al seno ed il potere che evoca nell'essere una performer iconica».[413][414]

L'8 ottobre 2011, al The Dorchester di Londra, partecipa alla diciassettesima edizione dell'evento annuale Pink Ribbon Ball contro il cancro al seno. Si esibisce con alcuni suoi grandi successi, tra cui Left Outside Alone, raccogliendo più di 250,000 sterline.[408][415]

Il 12 febbraio 2015, la cantante dà il via ad un'asta benefica organizzata dalla boutique fiorentina di fama internazionale Luisa Via Roma in occasione della decima edizione di "Firenze4ever".[416][417] L'asta vede protagoniste dieci Barbie della collezione "Oriental Obsession" disegnate appositamente per l'evento dall'artista giapponese Hiroyuki Kikuchi.[416] L'intero ricavato va alla The Anastacia Fund.[418][419] Per omaggiare la grande artista viene creata una Barbie che la ritrae nelle vesti del suo Resurrection Tour.[420]

Nel settembre 2015 viene eletta ambasciatrice della fondazione Hear the World, finalizzata alla raccolta di fondi per supportare le persone svantaggiate dalla perdita dell'udito. Insieme a lei anche altre star: Annie Lennox, Julianne Moore, Jared Leto, Lenny Kravitz, Tobey Maguire, Michael Bublè, Sting, John Legend, Bryan Adams, David A. Stewart, Mick Jagger ed altri.[421][422]

Il 25 settembre 2015 viene lanciata dalle Nazioni Unite l'iniziativa The Global Goals che vede la cantautrice una delle rappresentanti insieme a tanti altri attivisti ed artisti tra i quali: Malala Yousafzai, Stephen Hawking, Michelle Obama, Stevie Wonder, Kate Winslet, Bill Gates e Melinda Gates, la regina Rania di Giordania, Jennifer Lopez, Meryl Streep e molti altri.[423] I leader mondiali si prefiggono 17 obiettivi globali che permettano entro quindici anni di porre fine della povertà, combattere le disuguaglianze sociali e affrontare il cambiamento climatico.[424] Anastacia decide di rappresentare in particolar modo il terzo obiettivo: Benessere e buona salute.[425]

The Anastacia Fund[modifica | modifica wikitesto]

The Anastacia Fund
The Anastacia Fund logo.jpg
Tipo Fondazione
Fondazione gennaio 2003
Scopo Attività filantropica per dare maggiore consapevolezza del cancro al seno tra le giovani donne.
Sede centrale Stati Uniti New York
Presidente Anastacia
Lingua ufficiale Inglese
Sito web 
« Non importa se si lotta contro il cancro al seno o contro l'Aids, basta tenere sveglia la coscienza della gente su questi temi. »
(Anastacia[426])

Da quando le è stato diagnosticato un cancro al seno nel gennaio 2003, Anastacia ha deciso di focalizzare le sue energie nella raccolta di fondi per la ricerca sul cancro e nella sensibilizzazione rivolta specificamente alle donne più giovani che sono colpite dalla malattia pur non avendo precedenti in famiglia.[427]

Sopravvissuta al suo calvario, fonda la The Anastacia Fund in collaborazione con la The Breast Cancer Research Foundation.[427] Tramite ricerche approfondite la cantante ha segnalato che le donne di età inferiore ai 40 anni non sono generalmente orientate per lo screening del cancro al seno, auto-esami e mammografie, eccetto in situazioni in cui vi è una storia familiare alle spalle.[427] Anastacia è riuscita a cambiare questa statistica, combattendo sin dall'inizio, mettendo a disposizione la sua immagine e la sua storia personale per aiutare altri giovani a diventare più responsabili della propria salute.[427][428]

Tuttavia negli Stati Uniti le sue pressioni non sono mai state ben accettate:[429] «Ho provato a fare pressioni per il cambiamento degli esami al seno in America, ma è un'impresa impossibile. Si fanno a 40 anni e rimarrano a 40 anni perché è troppo costoso per abbassare l'età. È diventato un business e ci sono alti e bassi al riguardo. Non voglio mancare di rispetto ai medici, ma credo ci sia una cura - Come si farà mai a fermare il cancro? [...] Questo è il governo in poche parole.»[430]

Il 21 ottobre 2006 tiene un discorso (sprovvisto di appunti o note)[428] di 35 minuti alla Mayo Clinic nel Rochester, Minnesota. Racconta la sua esperienza con la malattia e si concentra su temi di attualità per il trattamento, la ricerca ed i metodi promettenti per la cura del cancro.[428]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La cantautrice è allergica ai gatti.[431]
  • Dedica il suo primo album alla nonna materna Margaret, venuta a mancare mesi prima, che aveva soprannominato la nipote Stage (palcoscenico).[432]
  • Vanta una collezione di oltre 100 paia di occhiali.[433]
  • Il collega ed amico Elton John (scherzosamente soprannominato dalla cantante My Fairy Godmother - La mia fata madrina[434]) ha sempre vegliato su di lei durante i suoi gravi problemi di salute, assicurandosi le migliori cure ed i migliori medici in circolazione. Dichiara di essere cresciuto spiritualmente osservando la fase di recupero della collega che quando gli confessa di essere quasi tornata alla normalità riceve in risposta «Tesoro, tu non sei mai stata normale!».[435]
  • Suo padre ha cantato nei Motel della cittadina di Catskill, dove periodicamente si esibiva anche Frank Sinatra.[436]
  • Assiste in diretta, dal suo appartamento di Manhattan, al crollo delle Torri Gemelle, l'11 Settembre 2001.[437]
  • Nell'estate 2005 si sottopone ad un'operazione agli occhi che le permette ora di vedere senza occhiali.[438][439]
  • Sostiene di cucinare ottime torte di mele che la sua famiglia apprezza molto. La ricetta è stata pubblicata nel libro STAR PALATE - Celebrity Cookbook For A Cure e l'hotel Four Season di Beverly Hills ha inserito il dolce nel menù del ristorante.[440][441]
  • Descrive con ironia l'odio che ha sempre provato per il suo seno troppo grande, poi rivelatosi uno dei suoi più grandi problemi.[442]
  • La versione olandese della canzone Hou Daarmee Op cantata dai Puffi è basata sulla hit mondiale I'm Outta Love.[443]
  • Anastacia ha lentiggini sulla maggior parte del corpo.
  • Nel 2015 confessa di aver fatto uso di botulino dal 2006 al 2010. Rinuncia ai periodici ritocchi dopo il divorzio.[444]
  • Soffre di insonnia. Spesso la sorella, che oltre ad essere la sua assistente è anche nutrizionista e fisioterapista, l'aiuta a conciliare il sonno con dei massaggi.[445]
  • Per ironia della sorte, il suo Yorkshire terrier Freak, muore di cancro il 12 giugno 2012, dopo essere stato accudito sin dalla nascita dalla cantante.[446]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Anastacia.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Ally McBeal - serie TV, episodi 4x16-4x21 (2001)
  • MTV - A Cut - 5 episodi (2005)
  • Don't Stop Believing - talent show (2010)
  • Rising Star - talent show (2014)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni e performance televisive principali[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 - Motown (si esibisce in I'm Outta Love e in I Can't Help Myself (Sugar Pie Honey Bunch) con i Four Tops)
  • 2000 - Rove Live (si esibisce in Not That Kind)
  • 2000 - M6 Music Awards (si esibisce in I'm Outta Love)
  • 2000 - Goldene Europa Awards (si esibisce in Not That Kind)
  • 2000 - MTV Europe Music Awards 2000 (consegna premio alla migliore band dell'anno)
  • 2001 - World Music Awards 2001 (si esibisce in I'm Outta Love)
  • 2001 - Premio Nobel per la pace (si esibisce in Paid My Dues e in Let It Be con Paul McCartney)
  • 2001 - Pavarotti & Friends (si esibisce in Cowboys & Kisses e in I Ask of You con Luciano Pavarotti)
  • 2001 - Echo Music Award (si esibisce in Cowboys & Kisses)
  • 2002 - MTV Europe Music Awards 2002 (consegna premio alla miglior canzone dell'anno)
  • 2002 - VH1 Divas Las Vegas: An Honors Concert For The VH1 Save The Music Foundation (si esibisce in One Day In Your Life e in You Shook Me All Night Long con Celine Dion)
  • 2002 - Royal Variety Show (si esibisce in One Day In Your Life e in Jailhouse Rock)
  • 2002 - The Tonight Show with Jay Leno (si esibisce in One Day In Your Life)
  • 2002 - BRIT Awards 2002 (si esibisce in Bad Girls coi Jamiroquai)
  • 2002 - Craig Kilborn Show (si esibisce in You'll Never Be Alone)
  • 2002 - Wetten, dass..? (programma TV tedesco) (si esibisce in One Day In Your Life)
  • 2002 - 2002 FIFA World Cup Korea/Japan (si esibisce in Boom)
  • 2003 - Good Morning America (si esibisce in You'll Never Be Alone)
  • 2003 - Kennedy Center Honors (si esibisce in I Feel Good e in Sex Machine)
  • 2003 - 46664 (si esibisce in Amandla e in un medley con i Queen)
  • 2004 - Logie Awards (si esibisce in Left Outside Alone)
  • 2004 - Wetten, dass..? (programma TV tedesco) (si esibisce in Left Outside Alone)
  • 2004 - MTV Europe Music Awards 2004 (si esibisce in Left Outside Alone)
  • 2004 - Ant & Dec's Saturday Night Takeaway (programma TV inglese) (si esibisce in Left Outside Alone)
  • 2004 - Echo Music Award (si esibisce in Heavy On My Heart)
  • 2005 - NRJ Music Award (consegna premio al miglior artista maschile dell'anno) (si esibisce in Left Outside Alone e in Welcome To My Truth)
  • 2005 - MTV Europe Music Awards 2005 (consegna premio al migliore album dell'anno)
  • 2005 - Echo Music Award (si esibisce in Sick And Tired)
  • 2005 - Domino Day (programma TV olandese) (si esibisce in Pieces Of A Dream)
  • 2006 - Life Ball (si esibisce in One Day In Your Life)
  • 2007 - Concerto per Diana (si esibisce in Superstar diretta da Andrew Lloyd Webber)
  • 2008 - Graham Norton Show (si esibisce in I Can Feel You)
  • 2008 - Wetten, dass..? (programma TV tedesco) (si esibisce in I Can Feel You)
  • 2008 - World Music Awards 2008 (si esibisce in Absolutely Positively)
  • 2008 - MTV Europe Music Awards 2008 (consegna premio al migliore album dell'anno)
  • 2009 - Women's World Award (si esibisce in I'm Outta Love)
  • 2009 - X Factor (Italia) (si esibisce in Absolutely Positively)
  • 2009 - Royal Variety Show (si esibisce in un medley con Chaka Khan e Lulu
  • 2010 - Muz-TV Award (si esibisce in One Day In Your Life e in Safety con Dima Bilan)
  • 2012 - The X Factor (ospite)
  • 2013 - GQ Men Of The Years Award (si esibisce in Paid My Dues e Left Outside Alone)
  • 2014 - Wetten, dass..? (programma TV tedesco) (si esibisce in Stupid Little Things)
  • 2014 - Globos De Ouro (si esibisce in Stupid Little Things)
  • 2014 - The Voice of France (si esibisce in Stupid Little Things e I'm Outta Love)
  • 2016 - Ant & Dec's Saturday Night Takeaway (programma TV inglese) (si esibisce in I'm Outta Love)

Tournée[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Anastacia ha vinto il 78% dei suoi possibili premi.

Anastacia riceve il World Artist Award ai Women's World Awards 2009 a Vienna, Austria.
Anno Premio Categoria Risultato
2000 MTV Europe Music Awards Miglior rivelazione Candidatura
2000 Italian Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2000 Goldene Europa Awards Miglior artista dell'anno Candidatura
2000 Goldene Europa Awards Miglior artista esordiente Vinto
2000 M6 Awards Miglior artista femminile per I'm Outta Love Vinto
2001 World Music Awards Artista femminile pop con più vendite nel mondo Vinto
2001 Austrian Amadeus Music Awards Miglior artista internazionale Vinto
2001 Danish Music Awards Miglior artista internazionale esordiente Vinto
2001 Echo Music Awards Miglior artista Pop/Rock internazionale dell'anno Candidatura
2001 Echo Music Awards Miglior artista internazionale esordiente Vinto
2001 Italian Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2001 MTV Europe Music Awards Miglior artista Pop Vinto
2001 NRJ Music Awards Miglior rivelazione dell'anno Vinto
2001 NRJ Music Awards Miglior canzone internazionale dell'anno per I'm Outta Love Vinto
2001 TMF Awards Miglior singolo per I'm Outta Love Vinto
2001 TMF Awards Artista più promettente Vinto
2001 Edison Music Awards Miglior artista internazionale esordiente Vinto
2002 Bambi Awards Miglior artista esordiente Vinto
2002 BRIT Awards Miglior artista femminile internazionale Candidatura
2002 Golden Camera Awards Miglior artista Pop internazionale Vinto
2002 MTV Europe Music Awards Miglior artista Pop Candidatura
2002 Swedish Hit Music Awards Miglior artista dell'anno Candidatura
2002 Swedish Hit Music Awards Miglior canzone dell'anno per Paid My Dues Candidatura
2002 Swedish Hit Music Awards Artista straniera più trasmessa Vinto
2002 Edison Music Awards Miglior artista femminile Vinto
2002 TMF Awards Miglior cantante femminile internazionale Vinto
2002 VIVA Comet Awards Miglior artista internazionale Vinto
2002 Italian Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2003 Echo Music Awards Miglior artista Pop/Rock internazionale dell'anno Candidatura
2004 Maxim Magazine Awards Donna dell'anno Vinto
2004 MTV Europe Music Awards Miglior artista femminile Candidatura
2004 MTV Europe Music Awards Miglior artista Pop Candidatura
2004 MTV Europe Music Awards Miglior canzone per Left Outside Alone Candidatura
2004 Noordzee FM Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2004 Nordic Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2004 TMF Awards Miglior cantante femminile internazionale Vinto
2004 TMF Awards Miglior artista Pop internazionale Vinto
2004 VIVA Comet Awards Miglior artista internazionale Candidatura
2004 Rockbjörnen Miglior artista straniero dell'anno Vinto
2004 Rockbjörnen Miglior album straniero dell'anno per Anastacia Vinto
2005 BRIT Awards Miglior artista solista femminile Candidatura
2005 Diva Entertainment Awards Album musicale con più successo per Anastacia Vinto
2005 Echo Music Awards Miglior artista Pop/Rock internazionale dell'anno Vinto
2005 NRJ Music Awards Miglior artista femminile internazionale Vinto
2005 NRJ Music Awards Miglior artista Pop Vinto
2005 NRJ Music Awards Miglior canzone per Left Outside Alone Vinto
2005 Marie Claire Awards Donna dell'anno Vinto
2005 TMF Awards Miglior cantante femminile internazionale Vinto
2009 Women's World Award World Artist Award Vinto
2013 GQ Men Of The Year Awards Humanitarian Award Vinto
2014 Radio Regenbogen Awards Humanitarian Award Vinto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Biografia di Anastacia, su MTV.it. URL consultato il 5 giugno 2012.
  2. ^ a b Anastacia, Anastacia, su theguardian.com.
  3. ^ Artists & Music, su billboard.com.
  4. ^ Anastacia "Not That Kind" (Epic), su nytimes.com/.
  5. ^ (EN) Anastacia, su AllMusic, All Media Network.
  6. ^ (EN) Anastacia in breast cancer fight, web.archive.org. URL consultato il 31 marzo 2015.
  7. ^ Anastacia, Universal Music.
  8. ^ Nothing was going to stop the little lady with a big voice, Manchester Evening News. URL consultato il 22 agosto 2014.
  9. ^ To fully appreciate why Anastacia is called ‘the little lady with the big voice’ you just need to meet her, Daily Mail, 27 dicembre 2008.
  10. ^ Vendite dischi complessive di Anastacia, anastaciacomeback.blogspot.it. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  11. ^ (EN) Certificazioni di Anastacia in Australia, ARIA Charts. URL consultato il 5 giugno 2012.
  12. ^ (EN) 'Anastacia' Gets North American Release Date, su billboard.com. URL consultato il 23 novembre 2012.
  13. ^ Anastacia - La nuova guerriera del Soul Rock, su suono.it.
  14. ^ a b (EN) Anastacia, su discogs.com.
  15. ^ (EN) Anastacia, su icagency.com.
  16. ^ (EN) Anastacia booking, su entertainmentbookingagency.com.
  17. ^ a b dailymail.co.uk, http://www.dailymail.co.uk/health/article-1195924/My-health-issues-easily-killed-says-Anastacia--I-refuse-scarred-life.html .
  18. ^ a b c d (EN) PETER OVERTON, The amazing Anastacia, Sixty Minutes, 25 settembre 2005.
  19. ^ a b (EN) Rianne Ison, The singer is the latest in a long line of inspirational women to speak out about their cancer ordeal, bestdaily.co.ul, 15 aprile 2015.
  20. ^ a b Woman’s World Awards 09 Vienna: le vincitrici, pourfemme.it. URL consultato il 5 giugno 2012.
  21. ^ a b Anastacia bianca dalla voce nera, corriere.it. URL consultato il 3 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il ).
  22. ^ Whatever happened to Anastacia the singer opens up about health battles that have plagued her career, su news.com.
  23. ^ a b Ronald Belfour, Diply.com is now more popular than BuzzFeed and The Huffington Post, Qwertist, 15 gennaio 2015. URL consultato il 31 agosto 2015.
  24. ^ a b Emily McWilliams, 15 Women Who Changed The Music Industry, Diply.com, 13 agosto 2015. URL consultato il 31 agosto 2015.
  25. ^ anastacia.com, http://www.anastacia.com/ .
  26. ^ a b c Biografia di Anastacia, su temi.repubblica.it.
  27. ^ Anastacia, su octagonlive.come.
  28. ^ Anastacia chooses BMG to RELEASE NEXT TWO ALBUMS, recordoftheday.com.
  29. ^ Anastacia ötödször, su music.hu.
  30. ^ Anastacia, su hellomagazine.com.
  31. ^ Anastacia goes on tour with the album «Resurrection», su michelserra.wordpress.com.
  32. ^ Top Definition, su urbandictionary.com.
  33. ^ Anastacia Newkirk, su ecured.cu (Cuba).
  34. ^ I’d give Barbra Streisand a lesbian kiss, su http://attitude.co.uk/.
  35. ^ Anastacia ‘SPROCKS’ Her Way Back Into our Hearts with New Album, su musicismykingsizebed.com.
  36. ^ a b c (EN) DANA PURGARU, Anastacia to perform in Romania again, on June 29, Nine O'Clock, 15 febbraio 2015.
  37. ^ a b KKTC'de tarihi konser - Kıbrıs, ntvmsnbc.com. URL consultato il 9 luglio 2012.
  38. ^ a b Rum lobisini dinlemedi - Kıbrıs, ntvmsnbc.com. URL consultato il 9 luglio 2012.
  39. ^ (EN) 'I really don't like music,' says Anastacia (who happens to have sold 20million albums), Daily Mail. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  40. ^ (EN) Anastacia Has Eye Surgery But Keeps Glasses, su contactmusic.com.
  41. ^ a b (EN) Readers' Poll: 10 Best Albums, Billboard. URL consultato il 5 giugno 2012.
  42. ^ Anastacia - Resurrection, su ultratop.be.
  43. ^ (EN) Anastacia undergoes double mastectomy after being diagnosed with breast cancer for the second time, Daily Mail. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  44. ^ a b (ES) Caracas in arte y espectáculos, Realizan doble mastectomía a cantante Anastacia para salvarla del cáncer, Venezuela Al Día, 2 ottobre 2013. URL consultato il 27 giugno 2015.
  45. ^ (EN) Anastacia makes first public appearance after double mastectomy... to accept award for raising breast cancer awareness, Daily Mail. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  46. ^ a b (EN) Hilary Freeman, "My health issues could easily have killed me", says Anastacia... "but I refuse to be scarred for life", in Daily Mail, 29 giugno 2009. URL consultato il 3 luglio 2013.
  47. ^ Interview, scotsman.com. URL consultato il 26 maggio 2014.
  48. ^ a b c Anastacia, su digilander.libero.it.
  49. ^ Anastacia refuses to see father, Breaking News, 9 settembre 2004.
  50. ^ Anastacia and Shawn Newkirk, The Sunday Times, 7 novembre 2004.
  51. ^ The trials of Anastacia, thesundaytimes.co.uk. URL consultato il 26 maggio 2014.
  52. ^ (EN) Singer Anastacia was diagnosed with Crohn's disease at age 13, dailymail.co.uk. URL consultato il 26 maggio 2014.
  53. ^ (EN) How Crohn's disease has helped Anastacia reach the top, Daily Mail, 10 aprile 2002.
  54. ^ Biografia di Anastacia su musictory, Musictory. URL consultato il 5 giugno 2012.
  55. ^ a b c d e f g (EN) Candice Pires, Singer-songwriter Anastacia and Shawn Newkirk on their unique relationship, su theguardian.com, The Guardian, 27 aprile 2014. URL consultato il 27 giugno 2015.
  56. ^ Sergio d'Alesio, Anastacia la nuova regina del soul rock, Suono.it, 10 giugno 2004. URL consultato il 5 giugno 2012.
  57. ^ Anastacia Fun Facts, su freakyenough.com.
  58. ^ Anastacia, su hellomagazine.com.
  59. ^ Biografia su sing365, Sing365. URL consultato il 5 giugno 2012c.
  60. ^ a b c d e (EN) Why is She famous, Askmen. URL consultato il 5 giugno 2012.
  61. ^ a b Anastacia: Music was my third choice, su breakingnews.ie.
  62. ^ Anastacia, da segretaria a icona del pop, su repubblica.it.
  63. ^ My health issues could easily have killed me, says Anastacia... but I refuse to be scarred for life, su dailymail.co.uk. URL consultato il 26 maggio 2014.
  64. ^ (EN) Biografia di Anastacia, su MTV.com. URL consultato il 26 maggio 2014.
  65. ^ (EN) Biografia di Anastacia, su lifetimetv.co.uk. URL consultato il 27 giugno 2015.
  66. ^ Anastacia: I used to be a wedding singer, su thefreelibrary.com.
  67. ^ a b c d e f (EN) Siobhan Grogan, 'I don't fear death', su theguardian.com, The Guardian, 15 marzo 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  68. ^ (EN) Shortly about Anastacia, Groovymid. URL consultato il 5 giugno 2012.
  69. ^ Biografia di Anastacia su elle, Elle. URL consultato il 5 giugno 2012.
  70. ^ Felice di piacervi ma che fatica arrivare in cima, su repubblica.it.
  71. ^ (HU) Az Arany Zsiráf- gála sztárvendége, zene.net.
  72. ^ (EN) Jamie Foxx – Peep This, su discogs.com. URL consultato il 26 maggio 2014.
  73. ^ anastacia-archive.de, http://www.anastacia-archive.de/cds/ .
  74. ^ (EN) Omar Sosa - Spirit of the Roots CD, su cduniverse.com.
  75. ^ Christa D'Souza, The highs and lows of a five foot diva, The Telegraph, 27 febbraio 2002.
  76. ^ (EN) youtube.com, 2000, https://www.youtube.com/watch?v=shX-Gaa89Yc .
  77. ^ Testi Anastacia, Airdave. URL consultato il 5 giugno 2012.
  78. ^ Now Hear This: Anastacia, abcnews.go.com.
  79. ^ Anastacia, su rockol.it.
  80. ^ europafm.com, http://www.europafm.com/noticias/actualidad/otros-medios/anastacia-hormiguero-michael-jackson-llamo-casa-fue-increible_2014052100128.html .
  81. ^ roma.repubblica.it, http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/10/26/news/anastacia-99022067/ .
  82. ^ (EN) Aidin Vaziri, Anastacia Newkirk / Ex-wedding singer finally finds stardom, San Francisco Gate, 14 luglio 2002. URL consultato il 27 giugno 2015.
  83. ^ (EN) Aidin Vaziri, Anastacia Newkirk / Ex-wedding singer finally finds stardom, San Francisco Gate, 14 luglio 2002. URL consultato il 27 giugno 2015.
  84. ^ (EN) I'm Outta Love chart history, Billboard. URL consultato il 5 giugno 2012.
  85. ^ addictradio.net, http://www.addictradio.net/es/artist/anastacia .
  86. ^ a b (EN) Anastacia - Pop and Politics, youtube.com, 2004.
  87. ^ roma.repubblica.it, http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/01/10/news/anastacia-104618670/ .
  88. ^ (EN) Mike Zwerin, A Few Good Sounds for Summer, The New York Times, 5 luglio 2000.
  89. ^ a b books.google.it, https://books.google.it/books?id=IBAEAAAAMBAJ&pg=PA11&lpg=PA11&dq=adam+howorth+billboard+anastacia&source=bl&ots=lMNio-fRI2&sig=ZK-6jjaYu0TVqBW3v4YttWps-2Q&hl=it&sa=X&ei=JpoDVciNIMK9ygOsiID4Bw&ved=0CCsQ6AEwAQ#v=onepage&q=adam%20howorth%20billboard%20anastacia&f=false .
  90. ^ Anastacia: discografia e testi, Musical Store. URL consultato il 5 giugno 2012.
  91. ^ a b (EN) Certificazione su IFPI → digitare Anastacia nella barra di ricerca, IFPI. URL consultato il 5 giugno 2012.
  92. ^ (EN) Anastacia Billboard chart history, Billboard. URL consultato il 5 giugno 2012.
  93. ^ (EN) Ask Billboard, su billboard.com. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  94. ^ Anastacia la nuova star bianca dalla voce nera, Rockol. URL consultato il 5 giugno 2012.
  95. ^ dailymail.co.uk, http://www.dailymail.co.uk/home/moslive/article-1100863/I-really-dont-like-music-says-Anastasia-happens-sold-20m-albums.html .
  96. ^ (EN) Laura Mitchell, My Positive Life:Anastacia, blog.positiveluxury.com, 13 aprile 2016.
  97. ^ a b Adele de Gennaro, Il 29 maggio su Raiuno Milly Carlucci presenta in diretta il concerto di beneficenza organizzato da Luciano Pavarotti., FIMI, 8 maggio 2001. URL consultato il 5 giugno 2012.
  98. ^ La 'Resurrection' di Anastacia a Milano, ansa.it. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  99. ^ World Music Awards: tutti i vincitori, netmusicaitalia.it. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  100. ^ (EN) MUSIC AWARD WINNERS, philbrodieband.com. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  101. ^ a b c (EN) Athletes & Personality: Anastacia, Octagon. URL consultato il 5 giugno 2012.
  102. ^ a b c d e Anthony Stavrinos, Anastacia to kick off world tour next year, in 15 aprile 2002, theage.com.au.
  103. ^ (EN) Anastacia to perform International Official Song of the 2002 FIFA World Cup Korea / Japan(TM), FIFA, 27 novembre 2001.
  104. ^ hellomagazine.com, http://www.hellomagazine.com/music/2003/01/21/anastasia/ .
  105. ^ (EN) For The Record: Quick News On Nas, Justin Timberlake, Stone Cold Steve Austin, Billy Corgan, Steve-O, Slash & More, MTV, 10 ottobre 2002. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  106. ^ You Shook Me All Night Long, Celine Dion feat. Anastacia live at Divas Las Vegas → Canale ufficiale, non rimuovere, CelinDionVevo. URL consultato il 5 giugno 2012.
  107. ^ (EN) Pop Star Anastacia Battles Cancer, abcnews.go.com, 2 maggio 2004.
  108. ^ (EN) Peter Overton, The amazing Anastacia, 60 minutes (TV Show), 25 settembre 2005.
  109. ^ (EN) Anastacia's cancer hell, The Sun.
  110. ^ (EN) Transcript: 20/20 Interview With Anastacia, ABC NEWS, 6 gennaio 2006.
  111. ^ (EN) Anthony Stavrinos, Anastacia to kick off world tour next year, in 15 aprile 2002, theage.com.au.
  112. ^ (EN) Speech at Mayo Clinic → Ufficiale, non rimuovere, anastaciafanclub.cz.
  113. ^ (FR) Anastacia atteinte d'un cancer du sein, L'Obs Monde, 22 gennaio 2003.
  114. ^ a b c d e (EN) ADRIAN THRILLS, Anastacia's cancer battle, London Evening, 19 marzo 2004.
  115. ^ (EN) Michelle Tauber, A New Verse, People, 28 aprile 2003.
  116. ^ (EN) Anastacia: Elton John Was My Fairy Godmother, Female First, 1º ottobre 2012.
  117. ^ (EN) She's a survivor, Daily Telegraph, 17 aprile 2004.
  118. ^ (EN) The 75th Academy Awards (2003), Oscars. URL consultato il 5 giugno 2012.
  119. ^ (EN) HFPA: Chicago Awards, Golden Globes. URL consultato il 5 giugno 2012.
  120. ^ a b (EN) mtv.com, http://www.mtv.com/news/1459603/anastacia-diagnosed-with-breast-cancer/ .
  121. ^ (EN) Anastacia, Billboard.
  122. ^ millionaire.it, http://millionaire.it/cosi-ho-vinto-la-mia-battaglia-piu-difficile/ .
  123. ^ (EN) billboard.com, http://www.billboard.com/articles/news/72122/anastacia-recovering-from-cancer-surgery .
  124. ^ (EN) news.bbc.co.uk, http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/2817287.stm .
  125. ^ (EN) Anastacia raises breast cancer awareness and importance of Mammography!, trialx.com.
  126. ^ (EN) Celebrities with cancer - victims and survivors, sofeminine.co.uk.
  127. ^ (EN) thesundaytimes.co.uk, http://www.thesundaytimes.co.uk/sto/style/article152070.ece .
  128. ^ (EN) news.bbc.co.uk, http://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/4042981.stm .
  129. ^ (EN) cbsnews.com, http://www.cbsnews.com/news/bono-we-can-do-more-about-aids/ .
  130. ^ (EN) Anastacia Interview Pop and Politics, youtube.com, 2004.
  131. ^ Anastacia – Heavy On My Heart, Discogs.
  132. ^ Anastacia – Anastacia, Australian Recording Industry Association. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  133. ^ (DE) Anastacia – Anastacia, IFPI Austria. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  134. ^ (NL) Anastacia – Anastacia, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  135. ^ Anastacia – Anastacia, IFPI Denmark. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  136. ^ (NL) Anastacia – Anastacia, MegaCharts. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  137. ^ (DE) Anastacia: Anastacia (2004), Media Control. PhonoNet GmbH. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  138. ^ (EL) Top 50 International Albums – 02/2005, IFPI Greece. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2005).
  139. ^ Anastacia – Anastacia, su Verdens Gang, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  140. ^ Oficjalna lista sprzedaży, OLiS, 19 aprile 2004. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  141. ^ Anastacia – Anastacia, Swedish Recording Industry Association. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  142. ^ Anastacia – Anastacia, Media Control. Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  143. ^ Chart Stats – Anastacia – Anastacia, The Official Charts Company. Chart Stats. URL consultato il 30 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  144. ^ (EN) Anastacia's official biography, anaonoprah.freakyenough.com.
  145. ^ Classifica Australia, australian-charts.com. URL consultato il giugno 2011.
  146. ^ Classifica Austria, austriancharts.at. URL consultato il giugno 2011.
  147. ^ Classifica Finlandia, finnishcharts.com. URL consultato il giugno 2011.
  148. ^ Classifica Italia, italiancharts.com. URL consultato il giugno 2011.
  149. ^ Anastacia charts Classifica Spagna , mariah-charts.com. URL consultato il giugno 2011.
  150. ^ Classifica Svizzera, hitparade.ch. URL consultato il giugno 2011.
  151. ^ a b (EN) Billboard Review Anastacia, Billboard, 2004. URL consultato il 5 giugno 2012.
  152. ^ (EN) Andamento di Left Outside Alone nelle classifiche mondiali, italiancharts. URL consultato il 5 giugno 2012.
  153. ^ (EN) acharts.us, http://acharts.us/performer/anastacia .
  154. ^ a b c d Anastacia la regina dello sprock, Genova, Lo Vecchio, 2005.
  155. ^ Anastacia Billboard Singles, All Music.
  156. ^ iTunes Music Store in Europa vende 800.000 canzoni nella sua prima settimana, Apple, 23 giugno 2004. URL consultato il 27 giugno 2015.
  157. ^ Anastacia Live At Last, rockrol.it. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  158. ^ anastacia.com, http://www.anastacia.com/infos/view/bio .
  159. ^ (EN) Pieces of a Dream track listing, letssingit. URL consultato il 5 giugno 2012.
  160. ^ a b (EN) Planet Rock Profiles - Anastacia (visibile al minuto 17:21), youtube.com.
  161. ^ (EN) I Belong to You nelle classifiche mondiali, swisscharts. URL consultato il 5 giugno 2012.
  162. ^ (EN) Anastacia I belong yo tou Review, bbc.co.uk.
  163. ^ a b Biglietti, assalto sotto la neve, La Repubblica.
  164. ^ a b setlist.fm, http://www.setlist.fm/setlist/anastacia/2006/piazza-castello-turin-italy-3c38947.html .
  165. ^ La pop star Anastacia diventa ambasciatrice di Torino nel mondo, regione.piemonte.it.
  166. ^ (EN) Anastacia - Live At Last (2005), lovefilm. URL consultato il 5 giugno 2012.
  167. ^ (EN) setlist.fm, http://www.setlist.fm/setlist/anastacia/2006/parque-da-bela-vista-lisbon-portugal-3d265ff.html .
  168. ^ (PT) tenhomaisdiscosqueamigos.com, http://www.tenhomaisdiscosqueamigos.com/2010/08/17/especial-rock-in-rio/ .
  169. ^ a b c d S.Oliver: con un +10% dei ricavi progetta nuove aperture, fashionmagazine. URL consultato il 13 giugno.
  170. ^ Anastacia dive del soul con il suo profumo sensuale, al-femminile.com. URL consultato il 5 giugno 2012.
  171. ^ a b Amanda Smith, Anastacia chiede il divorzio dal marito Wayne Newton, Italia news, 30 aprile 2010. URL consultato il 5 giugno 2012.
  172. ^ Anastacia interview: Welcome to my truth, The Scotsman, 14 novembre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  173. ^ Concerto per Diana, 90 mila a Wembley, Corriere della sera, 1º luglio 2007. URL consultato il 5 giugno 2012.
  174. ^ anastaciabysoliver.com, http://www.anastaciabysoliver.com .
  175. ^ anastacia.com, http://www.anastacia.com/bio.html .
  176. ^ a b (EN) Anastacia - Heavy Rotation Album Review, Music Lovers Group, 29 ottobre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  177. ^ Anastacia: vendute 266 mila copie di Heavy Rotation, rnbjunk, 15 febbraio 2009. URL consultato il 9 giugno 2012.
  178. ^ (EN) About the performer - Chaka Chan, Hollywood Bowl. URL consultato il 9 giugno 2012.
  179. ^ (EN) Lulu Biography & Awards, Billboard. URL consultato il 9 giugno 2012.
  180. ^ (EN) Matt Sandy, Here come the (old) girls: Lulu, Chaka Khan and Anastacia to roll back the decades with festive supergroup, Daily Mail, 12 settembre 2009. URL consultato il 5 giugno 2012.
  181. ^ (EN) Hall of Fame Anastacia, artonice.com. URL consultato il 5 dicembre 2012.
  182. ^ (EN) Carrie Dunn, Don't Stop Believing: like Glee without the budget, su theguardian.com, The Guardian, 19 luglio 2010. URL consultato il 27 giugno 2015.
  183. ^ a b c Kibris Postasi, http://www.kibrispostasi.com/index.php/cat/35/news/41894/PageName/KIBRIS_HABERLERI. URL consultato il 9 luglio 2012.
  184. ^ a b c Todays Zaman, http://www.todayszaman.com/diplomacy_anastacia-to-perform-in-kktc-despite-greek-cypriot-lobby_227097.html. URL consultato il 9 luglio 2012.
  185. ^ a b c Anastacia first world famous celebrity to perform in KKTC, Todays Zaman. URL consultato il 9 luglio 2012.
  186. ^ Keep Talking Greece, http://www.keeptalkinggreece.com/2010/11/12/anastacia-to-perform-in-northern-cyprus-tomorrow/. URL consultato il 9 luglio 2012.
  187. ^ Anastacia & Dima Bilan – Safety (nuovo singolo), rnbjunk, 11 giugno 2010. URL consultato il 5 giugno 2012.
  188. ^ Anastacia live a Porto Cervo per 800 VIP. Tra gli ospiti anche Leonardo di Caprio e Naomi Campbell, Voce di Italia. URL consultato il 5 giugno 2012.
  189. ^ Biografia di Anastacia su Fullsong.it, Fullsong, 19 novembre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  190. ^ Natalia ft. Anastacia – Burning Star (nuova canzone), rnbjunk, 18 settembre 2010. URL consultato il 5 giugno 2012.
  191. ^ a b nataliameets.be, http://www.nataliameets.be/ .
  192. ^ «Tu vuò fa' l'americano», Gigi D'Alessio a New York per un omaggio a Carosone. Grande attesa per lo show al famoso Radio City Hall, molti gli ospiti tra cui Liza Minnelli, Anastacia e Stallone, corrieredelmezzogiorno, 8 febbraio 2011. URL consultato il 5 giugno 2012.
  193. ^ a b Anastacia - l'intervista su XL in edicola, temi.repubblica.it, 2 novembre 2012.
  194. ^ (EN) video skoda citigo commercial released with anastacia, inautonews.com. URL consultato il 14 luglio 2012.
  195. ^ a b Anastacia – What Can We Do (A Deeper Love) (video premiere), rnbjunk.com. URL consultato il 14 luglio 2012.
  196. ^ itunes, What Can We Do (Deeper Love) - Single, itunes.apple.com. URL consultato il 22 luglio 2012.
  197. ^ (EN) Anastacia set for guest 'X Factor' slot, BreakingNews.ie. URL consultato il 17 luglio 2012.
  198. ^ (EN) JEN BLACKBURN, X Factor viewers are all Outta Love for Nicole Scherzinger, The Sun, 16 luglio 2012. URL consultato il 17 luglio 2012.
  199. ^ (EN) Anastacia impresses producers as guest-judge at The X Factor auditions, Click Music, 13 giugno 2012. URL consultato il 15 luglio 2012.
  200. ^ (EN) JEN BLACKBURN, Anastacia Impresses At X Factor Auditions In Glasgow, MTV Uk, 13 giugno 2012. URL consultato il 15 luglio 2012.
  201. ^ (EN) Anastacia reveals she turned down X Factor judge offer, London Evening Standard, 16 luglio 2012. URL consultato il 17 luglio 2012.
  202. ^ (EN) Anastacia to perform at White Nights Festival, mtv. URL consultato il 17 luglio 2012.
  203. ^ (EN) Anastacia to Perform At White Nights Festival, Female First, 3 luglio 2012.
  204. ^ (EN) Anastacia auf dem White Nights Festival, saw-musikwelt.de, 3 luglio 2012.
  205. ^ a b (EN) musicweek.com, anastacia signs to bmg masters model, musicweek.com. URL consultato il 17 settembre 2012.
  206. ^ (EN) digitalspy.co.uk, aastacia annouces two new albums signs with bmg masters, digitalspy.co.uk. URL consultato il 19 settembre 2012.
  207. ^ (EN) Anastacia reveals tracklisting for 'It's a Man's World' covers album, digitalspy.com. URL consultato il 30 novembre 2012.
  208. ^ gaymegazine.it, Best of You ecco il nuovo video di Anastacia, gaymagazine.it. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  209. ^ nuovecanzoni.it, Anastacia Best of You video ufficiale, nuovecanzoni.com. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  210. ^ Anastacia It's A Man's World, cinemastreaming.net. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  211. ^ Anastacia, the female megastar has been immortalised in the Munich Walk of Stars., olympiapark.de.
  212. ^ Munich Olympic Walk of Stars, olympiapark.de.
  213. ^ (DE) Anastacia naar Night Of The Proms, http://www.nu.nl. URL consultato il 30 novembre 2012.
  214. ^ L’It’s a Man’s World Tour 2013′ di Anastacia approda ad aprile in Italia, cubemagazine.it. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  215. ^ Concerti, Anastacia: due date a Padova e Milano in aprile, rockrol.it. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  216. ^ (EN) Resurrection, anastacia.com, 2013.
  217. ^ Anastacia è stata colpita dal cancro al seno per la seconda volta - Elle
  218. ^ Torna il cancro, annullato il tour di Anastacia, corriere.it. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  219. ^ Anastacia makes first public appearance after double mastectomy...to accept award for raising breast cancer awareness, Daily Mail.
  220. ^ Charlotte Pearson Methven, 'My mastectomy was a choice for life’: Anastacia on how her second battle with cancer has made her mightier than ever, Daily Mail, 17 ottobre 2015. URL consultato il 18 ottobre 2015.
  221. ^ Anastacia suffered depression after breast cancer surgery, Express, 8 aprile 2014.
  222. ^ ANASTACIA: 'I'M CANCER FREE', wonderwall.msn.com.
  223. ^ Anastacia Is Cancer-Free For A Second Time!!!, perezhilton.com.
  224. ^ Anastacia beats breast cancer for second time, digitalspy.co.uk.
  225. ^ eveningtimes.co.uk, http://www.eveningtimes.co.uk/news/u/double-mastectomy-for-anastacia.1380627330 .
  226. ^ Anastacia makes first public appearance since undergoing double mastectomy, hellomagazine.com.
  227. ^ Anastacia back on stage with GQ, gq-magazin.de.
  228. ^ Anastacia makes first public appearance after double mastectomy... to accept award for raising breast cancer awareness, dailymail.co.uk.
  229. ^ (EN) bmg.com, 2014, http://www.bmg.com/category/music?artist=anastacia .
  230. ^ Anastacia, su bmg.com.
  231. ^ Anastacia guarita dal cancro, leggo.it. URL consultato il 30 luglio 2013.
  232. ^ Recensione Directlyrics, directlyrics.com. URL consultato il 25 maggio 2014.
  233. ^ Recensione PopJustice, popjustice.com. URL consultato il 25 maggio 2014.
  234. ^ Recensione MTV, buzzworthy.mtv.com. URL consultato il 25 maggio 2014.
  235. ^ Classifica iTunes Italia, comingsoon.it. URL consultato il 25 maggio 2014.
  236. ^ Classifiche Europee, dutchcharts.nl. URL consultato il 25 maggio 2014.
  237. ^ Classifica mondiale, mediatraffic.de. URL consultato il 25 maggio 2014.
  238. ^ anastacia.com, http://www.anastacia.com/ . URL consultato il 23 giugno 2014.
  239. ^ Anastacia absente du Cristal Live 2014, caen.maville.com. URL consultato il 23 giugno 2014.
  240. ^ (EN) Sean Dillon, Anastacia: Resurrection Tour Review, su colosoul.com.au, Colosoul Group Inc., 13 maggio 2015. URL consultato il 27 giugno 2015.
  241. ^ Sean Dillon, Anastacia: Resurrection Tour Review, Colosoul Indipendent Magazine Inspiring Youth, 13 maggio 2015.
  242. ^ Anastacia arrives in the city ahead of opening Manchester Pride festival, Manchester Evening News, 21 agosto 2014.
  243. ^ Dianne Bourne, Review: Anastacia @ Manchester Pride, Manchester Evening News, 22 agosto 2014.
  244. ^ Manchester Pride, manchesterpride.com.
  245. ^ Rising Star 2014: Jurorin Anastacia paukt Vokabeln, RTL.de, 20 agosto 2014.
  246. ^ Tatiana Taras, ANASTACIA DANS LE JURY DE RISING STAR?, Closer, 5 luglio 2014.
  247. ^ Anastacia ist Teil der "Rising Star"-Promi-Jury 2014, RTL.de, 17 luglio 2014.
  248. ^ http://musica.excite.it/anastacia-e-kekko-dei-moda-arriva-il-duetto-di-luce-per-sempre-testo-N153988.htm
  249. ^ Anastacia Live, anastacia.com. URL consultato il 1º novembre 2014.
  250. ^ Kengetaret nga "The Voice" ngjiten ne skene ne koncertin te anastacia-s ne shqiperi, Kosova Live 360. URL consultato il 25 luglio 2015.
  251. ^ Anastacia konfirmon: Më 25 gusht në koncert në Tiranë, mezi po pres!, Balkan Web. URL consultato il 20 giugno 2015.
  252. ^ anastacia.com, http://www.anastacia.com/live/ .
  253. ^ Oliver Papacek, Donauinselfest: Anastacia und Co. rockten Bühne, Kronen Zeitung, 28 giugno 2015. URL consultato il 30 giugno 2015.
  254. ^ AnastaciaFanily, twitter.com. URL consultato il 24 aprile 2015.
  255. ^ PERSONALITIES, Crystal Touch, 26 gennaio 2015.
  256. ^ Crystal Touch, facebook.com, 26 gennaio 2015.
  257. ^ Anastacia Worldwide iTunes Performance, Kworb, 29 aprile 2015. URL consultato il 29 aprile 2015.
  258. ^ Anastacia Worldwide iTunes Performance, Kworb, 14 maggio 2015. URL consultato il 14 maggio 2015.
  259. ^ Un po' di Anastacia all'Expo, sprock-anastacia.blogspot.it, 17 agosto 2015. URL consultato il 1º settembre 2015.
  260. ^ (ES) Anastacia lanza disco con sus hits, MTV.es, 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  261. ^ (PL) Anastacia szykuje dla każdego coś miłego, dziennik.pl, 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  262. ^ (EN) Lewis Corner, Anastacia announces her Ultimate Collection, Digital Spy, 27 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  263. ^ (EN) Emma Walker, Pop legend Anastacia is releasing an Ultimate Collection, Reveal, 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  264. ^ (RO) Anastacia anunță un album-colecție, Suceava News, 4 agosto 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  265. ^ (BG) Anastacia пуска колекция с най-добрите си хитове, Radio FM +, 10 agosto 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  266. ^ (PT) Anastacia anuncia lançamento de coletânea com seus maiores sucessos, Vagalume (Brasile), 28 luglio 2015. URL consultato il 24 agosto 2015.
  267. ^ (RU) Eugene Dyakov, Анастейша представила новый трек “Take This Chance”, Apelzin (Russia), 29 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  268. ^ (PT) Leonardo Torres, Anastacia reaparece com single novo: “Take This Chance”, Portal Popline (Brasile), 28 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  269. ^ (FR) Aurélien Saunier, Anastacia : un nouveau best of le 6 novembre, PTITBLOG (Francia), 30 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  270. ^ (EN) Kevipod, New Music: Anastacia - "Take This Chance" [Full Audio], Direct Lyrics, 28 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  271. ^ (EN) Anastacia Worldwide iTunes/Spotify Performance, Kworb, 10 ottobre 2015. URL consultato il 10 ottobre 2015.
  272. ^ (EN) Anastacia Worldwide iTunes/Spotify Performance, Kworb, 7 novembre 2015. URL consultato il 7 novembre 2015.
  273. ^ (EN) Anastacia Worldwide iTunes/Spotify Performance, Kworb, 6 novembre 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  274. ^ (EN) Anastacia Live, Anastacia.com.
  275. ^ Anastacia, raccolta con 15 anni di hit e tour Europa, Ansa, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  276. ^ (EN) Anastacia announces UK tour supporting Ultimate Collection, GigWise, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  277. ^ (NL) Anastacia naar TivoliVredenburg en Ancienne Belgique, Podium Info, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  278. ^ (FR) Anastacia • The Ultimate Collection Tour, Charts in France, 24 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  279. ^ (FR) ANNONCE / Anastacia de retour à Paris pour un concert placé sous le signe du charme !, Info Concert, 24 novembre 2015. URL consultato il 24 novembre 2015.
  280. ^ (ES) Auryn Colaborará con Anastacia en Ghost Town, El Mundo, 16 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  281. ^ (ES) Anastacia anuncia fecha en Barcelona, Jenesaispop, 16 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  282. ^ (ES) Auryn presentarán su nuevo disco el 16 de enero en el Palacio Vistalegre de Madrid, Telecinco, 17 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  283. ^ (ES) Electric, lo nuevo de Auryn que pone «los pelos de punta», ABC.es, 4 novembre 2015. URL consultato il 6 dicembre 2015.
  284. ^ (EN) ANASTACIA BY TAT2, tat2designs, 8 dicembre 2015. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  285. ^ (EN) Anastacia by Tat2 Designs Available now, anastacia-elegance.com, 8 dicembre 2015. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  286. ^ IL RECUPERO DI ANASTACIA E NUOVA MUSICA, sprock-anastacia, 14 gennaio 2016. URL consultato il 17 gennaio 2016.
  287. ^ (ES) AURYN, Warner Music Mexico, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  288. ^ Luisa Zargani, Singer Anastacia and Blumarine Team Up for an Eyewear Collection, in 27 febbraio 2016, WWD Women's Wear Daily.
  289. ^ Michaela K. Bellisario, Sfilate Milano 2016. Anastacia, “Pazza per gli occhiali. E di Obama”, in 28 febbraio 2016, IO Donna.
  290. ^ Anastacia, il tour europeo inizia da Padova., in 4 aprile 2016, SkyTG24. URL consultato l'8 aprile 2016.
  291. ^ Anastacia postpones concerts due to throat infection, in 11 aprile 2016, Music News. URL consultato il 13 aprile 2016.
  292. ^ Rachenentzündung! Anastacia sagt Konzert in Zürich ab, in 11 aprile 2016, Blick. URL consultato il 13 aprile 2016.
  293. ^ Breaking News U.S. - Anastacia Postpones Concerts Due To Throat Infection, in 11 aprile 2016, GCONEW. URL consultato il 13 aprile 2016.
  294. ^ Anastacia postpones concerts due to throat infection, in 11 aprile 2016, Belfast Telegraph. URL consultato il 13 aprile 2016.
  295. ^ Anastacia Cancels Two Shows, in 11 aprile 2016, MUZWAVE. URL consultato il 13 aprile 2016.
  296. ^ a b c (EN) Anastacia Finds Love With Bodyguard, in 16 marzo 2006.
  297. ^ (EN) The amazing Anastacia, in 25 settembre 2005.
  298. ^ Matteo Marcon, Anastacia a Piazzola: "Ho ancora paura del palco", in 24 luglio 2015, Il Mattino di Padova.
  299. ^ (EN) Anastacia Is Back..., in 27 luglio 2015, The Gay UK.
  300. ^ (EN) Anastacia started Manchester Pride 2014 on a high!!!, in 26 agosto 2014, The Gay UK.
  301. ^ a b (EN) Diva and gay icon Anastacia, in 11 ottobre 2012, Pop and On.
  302. ^ (EN) Lauren Beale, Singer Anastacia is taking her longtime Beverly Hills home off her tour circuit, in 18 aprile 2016, Los Angeles Times. URL consultato il 18 aprile 2016.
  303. ^ a b c d e (EN) Anastacia and Shawn Newkirk, The Sunday Times, 7 novembre 2004.
  304. ^ a b c (EN) ---- Fonte ufficiale, non cancellare Interview Robert Newkirk , themeaubreystlo.blogspot.it, 2 maggio 2002.
  305. ^ a b Identificato il padre di Anastacia: è vivo ed abita nel Missouri, rockol.it, 6 maggio 2002.
  306. ^ (EN) Anastacia Refused Father Support During Cancer Battle, hub.contactmusic.com, 27 luglio 2004.
  307. ^ (EN) Anastacia - Interview on The Sharon Osbourne Show 2004, youtube.com, 2004.
  308. ^ (EN) Anastacia: Sharon Osbourne Is My Inspiration, in 20 aprile 2004, ContactMusic.
  309. ^ (EN) Anastacia: My Debt To Elton John And Sharon Osbourne, in 28 maggio 2003, ContactMusic.
  310. ^ (EN) Gary Graff, Now Hear This: Anastacia, in 10 aprile 2001, ABC News.
  311. ^ (EN) Marc Maes, Anastacia and Natalia to team up in Antwerp, in 23 marzo 2010, Billboard.
  312. ^ (EN) Sam Rigby, Anastacia interview: I'd give Barbra Streisand a lesbian kiss, in 2 aprile, Attitude.
  313. ^ (EN) celebritywonder.com, Anastacia to Wed Bodyguard, news.celebritywonder.com. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  314. ^ (EN) Christa D'Souza, Anastacia's no princess, in 19 maggio 2002, Telegraph.
  315. ^ (CS) Han, Anastacia: S třicítkou vstříc životu, in 17 settembre 2003, Blesk.
  316. ^ (EN) Charles Ingram Master Instructor, Malibu Divers.
  317. ^ a b (DE) Bei Ex-Freund Patrice schöpft sie Kraft, in 27 marzo 2013, schweizer-illustrierte.ch.
  318. ^ Personaggi - Anastacia, in 2 settembre 2008, elle.it.
  319. ^ (DE) Anastacia: Alles aus mit ihrem deutschen Moderator, bild.de.
  320. ^ (DE) Ex Patrice Bouedibela unterstützt Anastacia nach Diagnose, in 27 marzo 2013, ok-magazin.de.
  321. ^ (EN) buzzjack.com, http://www.buzzjack.com/forums/index.php?showtopic=17951.
  322. ^ Anastacia, un uomo molto protettivo, in 17 marzo 2006.
  323. ^ (EN) Anastacia to wed British bodyguard, in 22 settembre 2006.
  324. ^ (EN) Anastacia stole my husband, in 21 settembre 2006.
  325. ^ a b (EN) 18 dicembre 2006, http://freeforumzone.leonardo.it/lofi/Recente-intervista-/D6427053.html .
  326. ^ Anastacia chiede il divorzio, excite, 30 aprile 2010.
  327. ^ (EN) Miley Cyrus arriving back at her hotel with her bodyguard, in 11 settembre 2013.
  328. ^ (EN) Miley's bodyguard was more than happy to give her a helping hand, in 23 luglio 2013, Daily Mail.
  329. ^ (EN) HILARY FREEMAN, My health issues could easily have killed me, says Anastacia... but I refuse to be scarred for life, in 29 giugno 2009, Dailymail.
  330. ^ FELICE LIPERI, Anastacia, in 10 gennaio 2015, The Guardian.
  331. ^ Carlo Tomeo, La grande “Resurrection” della brava Anastacia: la recensione, in 26 maggio 2014, Italia Post.
  332. ^ (EN) Mike Zwerin, A Few Good Sounds for Summer, in The New York Times, 5 luglio 2000.
  333. ^ (EN) Lindsey Zahuranec, Anastacia's got style and a voice to back it, in The Daily Collegian, 11 novembre 2004.
  334. ^ a b (RO) DANA PURGARU, Anastacia to perform in Romania again, on June 29, in 15 febbraio 2015, Nine O'Clock.
  335. ^ (EN) Elle Cato, Twitter, in 21 marzo 2015.
  336. ^ a b (EN) Giuseppe Videtti, Il ritorno di Anastacia: Istruzioni per avere successo con una montagna di difetti, Il Venerdì di Repubblica, 16 novembre 2011.
  337. ^ (RO) Anastacia 2000 EPK, in 2000, Epic/Daylight.
  338. ^ (RO) Christa D'Souza, Anastacia's no princess, The Age, 19 maggio 2002.
  339. ^ (EN) What Celebrities Say About Mariah, Australia's Dope Music Magazine, 2002.
  340. ^ (HU) Anastacia Az Arany Zsiráf- gála sztárvendége, in 5 marzo 2001, Zene.net.
  341. ^ (EN) Against All Odds, in 6 aprile 2004, Arjan Writes.
  342. ^ (EN) HILARY FREEMAN, My health issues could easily have killed me, says Anastacia... but I refuse to be scarred for life, in 29 giugno 2009, Daily Mail.
  343. ^ Sergio Spada, Anastacia - La nuova guerriera del Soul Rock, Suono, 10 giugno 2004. URL consultato il 18 marzo 2016.
  344. ^ Anastacia, tempo di "Resurrection": "Cantare aiuta a metterti alle spalle i momenti bui", La Repubblica, 17 marzo 2014. URL consultato il 18 marzo 2016.
  345. ^ (EN) Anastacia proud of inspiring music, Sunday World. URL consultato il 18 marzo 2016.
  346. ^ CURIOSITA'» ANALISI ALBUM - SECONDA PARTE, Sprock Anastacia, 21 dicembre 2015. URL consultato il 18 marzo 2016.
  347. ^ a b (EN) Louis Pattison, Anastacia : Freak Of Nature NYC songstress with inauspicious follow-up..., NME, 7 gennaio 2002. URL consultato il 5 giugno 2012.
  348. ^ (EN) Not That Kind - Anastacia, Billboard. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  349. ^ (EN) Peter Naldrett, A Commercial Triumph, Music Critic, 26 giugno 2004. URL consultato il 5 giugno 2012.
  350. ^ (EN) Long may it continue – even, dare we say it, in heavy rotation., BBC autore=Sophie Bruce, 29 ottobre 2008. URL consultato il 5 giugno 2012.
  351. ^ Anastacia - It's A Man's World, myword.it. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  352. ^ Anastacia, Chicago Tribune.
  353. ^ Anastacia Tattoos, Celebrities Tattooed - Best & Worst of Famous Celebrity Ink & Tattoos, 9 dicembre 2014.
  354. ^ Barbara Bizzarri, L’Ankh: la Chiave della vita, barbarabizzarri.it, 12 febbraio 2016.
  355. ^ Giuseppe Videtti, Anastacia: la mia vita è una battaglia ho vinto perché mi voglio bene, La Repubblica, 24 settembre 2004.
  356. ^ (EN) top40charts.com, Anastacia To Perform At NYPD & NYFD Charity Football Game, top40-charts.com.
  357. ^ (EN) Americans rip into Anastacia for botching lyrics to the national anthem at All-Star Game, Milwaukee Wisconsin Journal Sentinel, 12 luglio 2002, p. 34.
  358. ^ (EN) Milwaukee Wisconsin Journal Sentinel, Americans rip into Anastacia for botching lyrics to the national anthem at All-Star Game, 12 luglio 2002, p. 34.
  359. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Anastacia: l' aver sofferto mi ha reso più forte, Il Corriere della Sera, 24 settembre 2004, p. 37. (archiviato dall'url originale il ).
  360. ^ a b c (EN) Anastacia would die of breast cancer if Obama gets his way with the takover of Healthcare, couragetosee, 25 novembre 2009.
  361. ^ a b Mario Luzzatto Fegiz, Anastacia: io, sex symbol e modello per le donne, Corriere della Sera, 4 aprile 2004.
  362. ^ (EN) Top Sexiest Star, Daily Mail, 18 febbraio 2003.
  363. ^ (EN) VH-1/Self Magazine's 100 Most Wanted Bodies [2005], VH-1, 2005.
  364. ^ (EN) Nadine Hawkins, America’s best exports singer/songwriter Anastacia, No.1 Magazine.
  365. ^ Filippo Simone, Divi e Vip festeggiano a Milano la nuova collezione del solido duo di stilisti, Gossip.it, 4 dicembre 2001.
  366. ^ Roberto Cavalli vestirà Mariah Carey e Anastacia, Rockol, 1º aprile 2005.
  367. ^ ROBERTO CAVALLI VESTE ANASTACIA AGLI MTV DI ROMA, Marketpress, 19 novembre 2004.
  368. ^ ROBERTO CAVALLI Collezione Vista, Centro Ottico Pero, 19 novembre 2004.
  369. ^ Anastacia, ore piccole all'Art Cafè, Il Tempo, 3 aprile 2004.
  370. ^ BLUMARINE AI GRAMMY AWARDS 2014, Blumarine, 26 gennaio 2014.
  371. ^ Blumarine per Anastacia, Tribuna Economica, 10 novembre 2008.
  372. ^ Mtv Music Awards: Anastacia in Blumarine, Stylosophy.
  373. ^ ANNA MOLINARI RICORDA ANASTACIA SU "CHI", in Chi, nº 3, Mondadori, 19 gennaio 2011.
  374. ^ Michaela K. Bellisario, Sfilate Milano 2016. Anastacia, “Pazza per gli occhiali. E di Obama”, in 28 febbraio 2016, IO Donna.
  375. ^ a b Anastacia indossa la nuova collezione di Roberto Botticelli, International magazine & guide MILANO-ROMA Shopping, 21 gennaio 2015.
  376. ^ Roberto Botticelli per Anastacia, fashionmagazine.it, 23 febbraio 2015.
  377. ^ a b c d e f (EN) SINGER ANASTACIA LAUNCHES FASHION LINE, Iconique, 12 giugno 2006.
  378. ^ NASCE ANASTACIA BY S.OLIVER, Milano Arte Moda, 21 dicembre 2005.
  379. ^ (DE) s.Oliver setzt voll auf Anastacia, Suddeutsche Zeitung.
  380. ^ (EN) Anastacia by s.Oliver, anastaciafanclub.com.pt.
  381. ^ a b c (EN) Press release "Make a Difference", anastaciafanclub.at, 28 novembre 2006.
  382. ^ "Make a Difference", anastaciafanclub.it.
  383. ^ (EN) Jeff C, Anastacia Prepares For Fashion Show In Berlin, Popdirt, 27 marzo 2007.
  384. ^ (EN) Anastacia present her clothing line, su http://celebsfan.blogspot.it/, 30 marzo 2007.
  385. ^ a b c (RU) Natalia Saur, Блестящий дизайн - хиты от Swarovski, Fashion Time, 3 settembre 2007.
  386. ^ Anastacia by s.Oliver, anastaciafanclub.it.
  387. ^ Music Artists in the Perfume Industry, rateyourmusic.com.
  388. ^ a b Resurrection perfume for Women by Anastacia, perfumemaster.org.
  389. ^ Anastacia perfumes and colognes, fragrantica.com.
  390. ^ Resurrection by Anastacia, anastaciafanclub.it.
  391. ^ Resurrection Anastacia, schmutzler-partner.de.tl.
  392. ^ Michaela K. Bellisario, Sfilate Milano 2016. Anastacia, “Pazza per gli occhiali. E di Obama”, IO Donna, 28 febbraio 2016. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  393. ^ Michaela K. Bellisario, Sfilate Milano 2016. Anastacia, “Pazza per gli occhiali. E di Obama”, IO Donna, 28 febbraio 2016. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  394. ^ ANASTACIA CREA LA SUA CAPSULE COLLECTION DI OCCHIALI, Sportiamoci, 28 febbraio 2016. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  395. ^ (EN) Discorso al Rock in Rio, youtube.com.
  396. ^ Pavarotti & Friends Sing For Refugees, Billboard, 30 maggio 2001.
  397. ^ (EN) Jackson completes charity single, bbc. URL consultato il 17 luglio 2012.
  398. ^ (EN) foxnews, Michael Jackson Sought to Earn Money From 9/11 Charity Single, foxnews.com. URL consultato il 22 settembre 2012.
  399. ^ (EN) popdirt.com, mariah carey supports anastacia, popdirt.com. URL consultato il 22 settembre 2012.
  400. ^ a b c Anastacia to Serve as Spokesperson for Lifetime Television's Annual 'Stop Breast Cancer For Life' Public Awareness Campaign, PR Newswire.
  401. ^ a b Carla Hay, Anastacia Rocks for Cancer Funds, Billboard.
  402. ^ Nago Seck, 46664 : The Event, Afrisson.
  403. ^ Very Hot Pink Party, gettyimages.it, 10 aprile 2006.
  404. ^ Life Ball 2006 - Aids Charity Event, Wien Konkret, 20 maggio 2006.
  405. ^ Life Ball, Life Ball.
  406. ^ Anastacia singt am Life Ball 2006, VIENNA AT, 28 aprile 2006.
  407. ^ a b c d Anastacia eBay BCRF Breast Cancer Research Foundation, eBay, 30 maggio 2007.
  408. ^ a b c d e f Philanthropy, Anastacia Elegance.
  409. ^ Darryl Chamberlain, Aids fight inspires singer Lennox, BBC News, 5 ottobre 2007.
  410. ^ Annie Lennox SONGS OF MASS DESTRUCTION, rockrol.it. URL consultato il 17 luglio 2012.
  411. ^ About SING, annielennox.com.
  412. ^ SING Anniversary Messages From Some Of The Choir Of 23, annielennox.com.
  413. ^ a b ANASTACIA AND PAUL O’GRADY MAKE A SPLASH WITH NEW RUBBER DUCKS FOR CANCER RESEARCH UK (PDF), Cancer Research Uk.
  414. ^ Lynn Jolly, Breast cancer survivor Jean calls for charity backing, Daily Record, 7 ottobre 2011.
  415. ^ HOLLY THOMAS, Anastacia exposes control underwear in Stella McCartney's polka dot dress... but pulls it off anyway!, Daily Mail, 10 ottobre 2011.
  416. ^ a b ansa.it, http://www.ansa.it/toscana/notizie/2014/12/26/luisaviaroma-anastacia-madrina-asta_dc742e52-1103-4b63-8b6a-c42db10b3a23.html .
  417. ^ firenze4ever10.luisaviaroma.com, http://firenze4ever10.luisaviaroma.com/charity/ .
  418. ^ firenzetoday.it, http://www.firenzetoday.it/cronaca/moda-luisa-via-roma-anastacia-firenze-for-ever.html .
  419. ^ firenze.repubblica.it, http://firenze.repubblica.it/cronaca/2015/01/12/foto/barbie_d_oro_all_asta_arriva_anastacia_ressa_di_fans_da_luisaviaroma-104806941/1/#1 .
  420. ^ leichic.it, http://www.leichic.it/eventi/la-cantante-anastacia-alla-decima-edizione-di-firenze4ever-con-barbie-e-luisa-via-roma-57924.html .
  421. ^ Anastacia new ambassador for ‘Hear the World’, anastacia-elegance.com, 17 settembre 2015. URL consultato il 24 settembre 2015.
  422. ^ Anastacia ambassador for Hear The World, anastaciafanily.com, 17 settembre 2015. URL consultato il 24 settembre 2015.
  423. ^ Shweta Parande, Hrithik Roshan, Jennifer Lawrence, Malala Yousafzai join hands for The Global Goals (Watch video), india.com, 10 settembre 2015. URL consultato il 27 settembre 2015.
  424. ^ The Goals, The Global Goals for Sustainable Development, 10 settembre 2015. URL consultato il 27 settembre 2015.
  425. ^ The Global Goals for Sustainable Development, Anastacia cares MOST about #Goal3 - Good Health & Well-Being, which of the #GlobalGoals do you champion?, Twitter, 1º ottobre 2015. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  426. ^ A Vienna vip e star contro l'Aids madrine Stone, Campbell e Deneuve, La Repubblica, 20 maggio 2006.
  427. ^ a b c d The Anastacia Fund, legacy.bcrfcure.org. URL consultato il 3 novembre 2014.
  428. ^ a b c Transcript of the Mayo Clinic speech, anastaciafanclub.cz. URL consultato il 3 novembre 2014.
  429. ^ Anastacia dismayed by battle over mammogram age, hollywood.com. URL consultato il 3 novembre 2014.
  430. ^ The Sun, http://www.thesun.co.uk/sol/homepage/features/check-em-tuesday/5556748/Anastacia-backs-The-Suns-Check-em-Tuesday-campaign.html. URL consultato il 3 novembre 2014.
  431. ^ Anastacia Quick Facts, Anastacia-Elegance. URL consultato il 13 marzo 2016.
  432. ^ (EN) Anastacia Fun Facts, freakyenough.com. URL consultato il 13 marzo 2016.
  433. ^ Per la collezione Anna Molinari chiama Anastacia, da lei capsule collection di occhiali, ANSA, 2 marzo 2016. URL consultato il 13 marzo 2016.
  434. ^ Elton is Anastacia's 'Fairy Godmother', Elton John Daily, 17 ottobre 2012. URL consultato il 13 marzo 2016.
  435. ^ (EN) Anastacia's 'Fairy Godmother', http://uk.askmen.com, 29 marzo 2004. URL consultato il 13 marzo 2016.
  436. ^ (EN) Anastacia Fun Facts, freakyenough.com. URL consultato il 13 marzo 2016.
  437. ^ Giuseppe Videtti, Anastacia: la mia vita è una battaglia ho vinto perché mi voglio bene, La Repubblica, 24 settembre 2004. URL consultato il 13 marzo 2016.
  438. ^ (EN) WENN, Anastacia Has Eye Surgery But Keeps Glasses, Contact Music, 30 dicembre 2005. URL consultato il 13 marzo 2016.
  439. ^ (EN) Danielle Gusmaroli del Daily Mail Australia, 'It was so friggin' big!' Singer Anastacia jokes she considered surgery to fix her nose after she got her eyes lasered and saw herself clearly, Daily Mail, 6 maggio 2015. URL consultato il 13 marzo 2016.
  440. ^ (EN) Anastacia Fun Facts, freakyenough.com. URL consultato il 13 marzo 2016.
  441. ^ (EN) Star Palate: Celebrity Cookbook For A Cure, amazon.it. URL consultato il 13 marzo 2016.
  442. ^ (EN) Janeannie, Anastacia interview: "It’s a great irony that I hated my breasts and then got breast cancer", Big Issue, 7 dicembre 2015. URL consultato il 13 marzo 2016.
  443. ^ COFAPT, http://anastaciaofficial.tumblr.com/post/29184652723/curiosity-did-you-know-that-the-dutch-version-of. URL consultato il 13 marzo 2016.
  444. ^ (EN) Zoe Shenton, Anastacia reveals her obsession with botox and why she lied about her age for years, Mirror, 26 novembre 2015. URL consultato il 13 marzo 2016.
  445. ^ (EN) Siobhan Grogan, 'I don't fear death', The Guardina, 15 marzo 2004. URL consultato il 13 marzo 2016.
  446. ^ (EN) Anastacia Fun Facts, freakyenough.com. URL consultato il 13 marzo 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN67613587 · LCCN: (ENno2002063814 · ISNI: (EN0000 0000 6655 0962 · GND: (DE131943197 · BNF: (FRcb14032796m (data)
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 8 novembre 2011 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue