Joe Cocker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joe Cocker
Joe Cocker nel 2003
Joe Cocker nel 2003
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Blues rock
Soul bianco
Soft rock
Pop rock
Periodo di attività 1956-2014
Album pubblicati 50
Studio 22
Live 10
Raccolte 18
Sito web

Joe Cocker, all'anagrafe John Robert Cocker (Sheffield, 20 maggio 1944Crawford, 22 dicembre 2014), è stato un cantante britannico.

Noto per la sua voce roca ed energica, la sua grande energia durante le esibizioni e per le sue rivisitazioni di canzoni già famose. Era noto anche per il suo virtuoso utilizzo del falsettone, unito ad una voce graffiante e molto profonda.

Nel 1983 vince il Grammy Award come "miglior performance di un duo o gruppo" per Up Where We Belong, brano cantato con Jennifer Warnes. La rivista statunitense Rolling Stone nel 2008 lo ha posto al 97º posto della classifica dei 100 cantanti più importanti di tutti i tempi[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joe Cocker al Festival di Woodstock (1969)

Infanzia ed adolescenza[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Sheffield il 20 maggio 1944, da Harold Cocker, un funzionario, e Magde Lee. L'origine del soprannome "Joe", secondo diverse testimonianze familiari, nacque da un gioco chiamato "Cowboy Joe", a cui egli amava molto giocare. Da bambino fu fortemente influenzato dalla musica di Ray Charles e Lonnie Donegan.

Inizia la sua carriera musicale nella sua città natale, all'età di 12 anni, invogliato dal fratello; la sua prima band è gli Avengers (con il nome di Vance Arnold), seguita dai Big Blues (1963), e infine The Grease Band (1966). Il suo primo singolo è la cover dei Beatles I'll Cry Instead, dall'album A Hard Day's Night.

Il successo, gli eccessi, la caduta (1969-1976)[modifica | modifica wikitesto]

Joe Cocker nel 1970

Dopo un qualche successo in Gran Bretagna con il singolo Marjorine, la sua fama scoppia con la sua versione di With a Little Help from My Friends, un'altra cover beatlesiana stavolta dall'album Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band. Questa versione, con Jimmy Page alla chitarra solista, diviene prima nelle classifiche inglesi per una settimana nel novembre 1968.

Nel 1969 canta a Woodstock, e la sua interpretazione del brano di Leon Russell Delta Lady è un nuovo successo. Continua la sua serie di cover dei Beatles nel 1970 con una versione di She Came In Through the Bathroom Window dall'album Abbey Road. Mentre il suo successo in Gran Bretagna comincia a scemare, entra nelle classifiche statunitensi con Cry Me a River e Feelin' Alright; nel 1970, la sua versione live di The Letter dei Box Tops, che appare nell'album dal vivo Mad Dogs & Englishmen, è il primo hit che raggiunge la Top Ten USA.

Nel 1969 appare all'Ed Sullivan Show. La sua interpretazione ha spesso un'intensità fisica, spesso presa in giro da John Belushi nei suoi spettacoli: al Saturday Night Live ci fu anche un duetto improvvisato tra di loro, in una puntata in cui Cocker era ospite.

Nel 1970 con altri quaranta artisti, fra musicisti e coristi, affronta la tournée statunitense dei Mad Dogs and Englishmen. La tournée prosegue anche in Europa e, alla fine del 1970, tocca anche Milano con un concerto al Velodromo Vigorelli dove è accompagnato da quasi tutta la band del tour statunitense.

All'inizio degli anni settanta la sua carriera si blocca per una serie di problemi soprattutto legati all'abuso di alcol e droga, che valsero a Cocker lo spiacevole soprannome di "Mad Dog"; Cocker ritorna però grazie all'emozionante singolo You're So Beautiful (scritta da Billy Preston), arrivata al numero cinque delle classifiche statunitensi. I problemi con gli eccessi non tardarono però a farsi risentire fin quando Cocker non cadde in depressione e la sua carriera ebbe una brusca rottura, aggravata anche da un grosso debito con la A&M.

La nuova scalata (1982-1999)[modifica | modifica wikitesto]

Joe Cocker nel 2011

Dopo quasi un decennio di anonimato, nella prima metà degli anni ottanta la sua carriera tornò a spiccare il volo con la sua versione di You Can Leave Your Hat On, scritta da Randy Newman, dal film 9 settimane e ½. È di inizio decennio però il duetto Up Where We Belong, (brano scritto da Buffy Sainte-Marie e Will Jennings) e cantato con Jennifer Warnes dal film Ufficiale e gentiluomo; Oscar per la miglior canzone); più in là nel tempo arriveranno Unchain My Heart, When the Night Comes, N'oubliez jamais e la ballata That's All I Need to Know firmata da Eros Ramazzotti e presente nell'album Across from Midnight di cui, nel 1998, si è realizzata la versione duetto (con lo stesso autore romano) That's All I Need to Know / Difenderò, inserito nell'album Eros live di Ramazzotti.

Carriera recente (2000-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2002, Cocker ha eseguito al Party at the Palace la sua versione di With a Little Help from My Friends, accompagnato da Phil Collins e Brian May. Ha poi inciso un nuovo album nel 2010, Hard Knocks uscito il 5 ottobre dello stesso anno. Il disco, il primo di inediti dopo otto anni, è prodotto da Matt Serletic, già al lavoro con Carlos Santana e Matchbox Twenty. L'interprete inglese lo ha presentato il 14 novembre 2010 al Palasharp di Milano, durante l'unica tappa italiana del suo tour europeo autunnale. Cocker e Serletic tornano a lavorare insieme due anni dopo: viene infatti pubblicato il 6 novembre 2012, Fire It Up, il nuovo disco del cantante di Sheffield. All'album segue un tour mondiale che durerà tutto il 2013.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Muore il 22 dicembre 2014 nel suo ranch a Crawford, in Colorado (USA) per cancro ai polmoni.[2][3]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Joe Cocker nel 2013

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Altri[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 16 giugno 2007[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 100 Greatest Singers of All Time, Rolling Stone. URL consultato il 14 agosto 2011.
  2. ^ (EN) Rock star Joe Cocker dead at 70, yorkshirepost.co.uk, 22 dicembre 2014. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  3. ^ E' morto Joe Cocker, la voce graffiante del grande rock: aveva 70 anni, repubblica.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  4. ^ London Gazette: (Supplement) no. 58358. p. 9. 16 giugno 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 61731346 · LCCN: nr89010528 · GND: 118832034 · BNF: cb13892607c (data)