Diana Ross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diana Ross
Nobel Peace Prize Concert 2008 Diana Ross1.jpg
Diana Ross in concerto
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rhythm and blues[1]
Pop rock[1]
Soul[1]
Dance[1]
Urban[1]
Pop soul[1]
Pop[1]
Periodo di attività 1959 – in attività
Etichetta Motown Records (1970-1982)
RCA (1982-1988)
Motown Records (1988-2001)
Etichetta Indipendente(2002)
Album pubblicati 54
Studio 27
Live 5
Raccolte 21
Sito web

Diane Ernestine Earle "Diana" Ross (Detroit, 26 marzo 1944[2]) è una cantante, produttrice discografica e attrice statunitense.

Da sempre legata alla Motown, debuttò come cantante nel 1958 e nel 1960 fu parte del gruppo delle Supremes, con le quali raggiunse per dodici volte il primo posto nelle classifiche di Billboard in soli cinque anni, con successi come Baby Love, Stop! In the Name of Love, You Can't Hurry Love, You Keep Me Hanging On, Love Child e Reflections. Nel 1970, ha intrapreso la carriera da solista, proseguita con successo sino alla fine degli anni novanta. Nella sua lunghissima carriera ha tenuto più di duemila concerti in ogni parte del mondo, cantando per Re, Regine e Capi di Stato e partecipando agli eventi più importanti negli Stati Uniti d'America e nel resto del mondo.

Tra i suoi singoli ricordiamo Ain't No Mountain High Enough del 1970 (utilizzata nel film Il diario di Bridget Jones), Touch me in the morning del 1973, You are everything con Marvin Gaye del 1973 (anche questa utilizzata nel film Il diario di Bridget Jones), Theme from Mahogany (Do You Know Where You're Going To) del 1975 (dal film Mahogany da lei interpretato) che nel 1976 arriva prima nella Billboard Hot 100, Love Hangover del 1976 che arriva prima nella Billboard Hot 100 per due settimane, The boss del 1979, Upside Down del 1980, I'm coming out del 1980, Endless Love del 1981, cantata con Lionel Richie, Muscles scritta da Michael Jackson del 1981, All of You con Julio Iglesias del 1984, Eaten alive del 1985, cantata con Michael Jackson e Chain Reaction sempre del 1985, When you tell me that you love me del 1991, Take higher del 1995, I Will Survive del 1996 (rifacimento del successo di Gloria Gaynor), Not over you yet del 1999 e I got a crush on you del 2005, con Rod Stewart.

Nell'ottobre 1993, il Guinness dei primati dichiara Diana Ross l'artista femminile di maggior successo del XX secolo per il numero di dischi (circa 150, tra album e singoli) avuti nelle classifiche americane ed inglesi; nello stesso mese, per i suoi 30 anni di carriera, viene pubblicata la raccolta di successi One woman - The Ultimate Collection; il Cd arriva al primo posto in classifica e vende, nella sola Gran Bretagna, 1.200.000 copie, ottenendo quattro dischi di platino, mentre in Francia diventa disco d'oro, superando le 100.000 copie vendute. Dopo 50 anni di carriera (1963-2013), solo in Inghilterra, Diana Ross ha avuto 64 singoli e 48 album di successo; sempre in Inghilterra, la BPI (l'associazione delle case discografiche), per Diana Ross ha dato le seguenti certificazioni: 9 dischi di platino, 19 dischi d'oro e 30 dischi d'argento.

Nelle classifiche USA dei singoli, Diana Ross ha avuto il record di 18 numeri uno. Inoltre, è l'unica cantante femminile ad aver ricevuto 3 dischi di platino per i singoli (all'epoca, i singoli venivano certificati dischi di platino per le vendite che negli USA superavano i due milioni di copie). I singoli sono: Someday will be together (disco di platino nell'agosto 1997), Endless Love (nell'ottobre 1997), I'm gonna make you love me (nell'agosto 1997). Inoltre, nel 1973, fu la prima cantante pop a portare al 1º posto delle classifiche Lady sings the blues, un album di musica jazz e blues, che rimase nelle classifiche americane per oltre un anno e vendette oltre 2 milioni di copie solo negli USA.

Negli anni sessanta, come leader delle Supremes, Diana Ross, in fatto di popolarità e vendite di dischi, è stata in competizione con i Beatles ed il suo successo ha aperto la strada a quasi tutte le cantanti afro-americane R&B e soul dei nostri giorni. Diana Ross è l'unica artista femminile ad avere due stelle sulla Hollywood Walk of Fame, una come cantante solista e l'altra come leader delle Supremes. Per quanto riguarda la sua carriera cinematografica, ha vinto un Golden Globe nel 1973 e ha avuto una nomination agli Oscar come migliore attrice per la sua interpretazione nel film La signora del blues.

Nel dicembre 2007, dalle mani di George W. Bush, riceve l'onorificenza John F. Kennedy Center for the Performing Arts: è la seconda donna in assoluto, dopo Aretha Franklin, a aver ricevuto quella che, negli Stati Uniti, è considerata la più alta onorificenza.

Le canzoni di Diana Ross sono state spesso interpretate da altri cantanti: Jennifer Lopez ha ripreso Do You Know Where You're Going To e Promise me you'll try nel suo album d'esordio del 1998 On the 6; Mariah Carey ha ripreso Do You Know Where You're Going To ed Endless Love con Luther Vandross; Whitney Houston ha ripreso Home, cantato alla televisione americana dalla Houston nel 1983 e Hold Me in your arms nel suo album di esordio del 1985. Riguardo l'album Silk Electric, Diana Ross chiese a Andy Warhol, per un compenso di 100 000 dollari, di farle la foto per la copertina dell'album in questione. Warhol selezionò una foto polaroid di Diana Ross, ne ritagliò un primo piano e fece eliminare tutte le sfumature, lasciando solo i contrasti. Poi colorò il ritratto e il sottofondo, chiedendosi “che colore dovevo usare per lei – mi chiedo se vuole essere nera o bianca” come scrisse sul suo diario; infine la rese pallida enfatizzando però il rosso delle sue labbra.

La copertina pieghevole di questo disco offriva un'unica modalità espressiva, ma allo stesso tempo massimizzava lo spazio a disposizione per l'illustrazione. Con variazioni di colore, il famoso ritratto della Ross appare su tutti i quattro lati della copertina: un mezzo primo piano che mostra la spalla della cantante sulla copertina, poi un primo piano sulla copertina interiore e sul retro.

Ha ispirato, nella scelta del nome, il trio femminile neozelandese Diana Rozz.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diana Ross è figlia di Ernestine (1916-1984), un'insegnante e di Fred Ross, Sr. (1920-2007), ex soldato dell'esercito statunitense. Diana non vide suo padre fino al suo ritiro dalla seconda guerra mondiale. Secondo la cantante, la madre l'aveva chiamata Diane, ma per un errore sul certificato di nascita hanno scritto Diana.[3][4]. Ross voleva in realtà diventare una stilista, ha infatti studiato design e come fare la sarta mentre studiava alla Cass Technical High School di Detroit. Nella sua tarda adolescenza ha lavorato ai Grandi magazzini Huston, e si è diplomata nel 1962, un semestre prima dei suoi compagni di classe. I genitori di Diana hanno avuto un matrimonio difficile, e si sono lasciati all'inizio della sua adolescenza.

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Anni sessanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1959 Diana Ross catturò l'attenzione di Milton Jenkins, produttore dei The Primes (più tardi conosciuti come The Temptations). Jenkins volle un gruppo di vocaliste per accompagnare The Primes, e chiese alle giovanissime Florence Ballard e Mary Wilson di formare il gruppo, così nacque The Primettes. Paul Williams, membro dei The Temptations, convinse Ross ad arruolarsi alle Primettes, già formato da Florence Ballard, Mary Wilson e Betty McGlow. Nel 1961, dopo aver sostituito McGlow con Barbara Martin, il quartetto firmò un contratto discografico con la Motown Records, e cambiò nome per diventare The Supremes; fu Florence Ballard a scegliere il nome tra una rosa di nomi prescelti.

La versione inglese dell'album Meet the Supremes (che sostanzialmente è un mix degli album americani Meet the Supremes e Where Did Our Love Go) nel 1964 vende, nella sola Inghilterra, 923 000 copie. Negli Usa, l'album vende oltre 2 milioni di copie rimanendo nelle classifiche degli album di Billboard per ben 85 settimane e diventando il 4º album più venduto dell'anno. Da questo album vengono estratti i seguenti tre singoli: Where Did Our Love Go?, Baby Love e Come See About Me, che raggiungono tutti e tre il 1º posto delle classifiche dei singoli della rivista Billboard.

Nel 1969 esce l'album Diana Ross Presents the Jackson 5, in cui Diana Ross introduce Michael Jackson ed i suoi fratelli per il debutto artistico dei Jackson Five.

Anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Diana Ross nel 1976

Nel gennaio 1970, con un concerto chiamato "Farewell" tenuto a Las Vegas, la Ross chiude il suo capitolo con le Supremes. L'album di debutto di Diana Ross, Diana Ross, è stato pubblicato nel maggio 1970 dalla Motown. L'album è stato giudicato positivamente dalla critica[5][6][7][8]. L'album ha ottenuto un discreto successo nelle vendite, raggiungendo la posizione 19 della Billboard 200[9] e 13 nel Regno Unito[10]. Il singolo di lancio, Reach Out and Touch (Somebody's Hand), ha raggiunto la posizione 20 della Billboard Hot 100[11] e 33 nel Regno Unito[12]. Il secondo singolo, Ain't No Mountain High Enough vende, solo negli USA, 1.243.738 copie, divenendo così disco d'oro e raggiunge il 1º posto della Billboard Hot 100 per tre settimane[13] e la posizione 6 nel Regno Unito[14].Inoltre, il singolo le fa guadagnare una nomina ai Grammy Award come migliore cantante femminile soul dell'anno.

Il secondo album di Diana Ross, Everything Is Everything, è stato pubblicato nel settembre 1970 sempre dalla Motown. L'album è stato valutato positivamente dalla critica[15]; raggiunge la posizione 42 della Billboard 200 e la posizione 18 nelle classifiche del Regno Unito. L'unico singolo estratto, I'm Still Waiting, viene pubblicato il 13 ottobre 1971 e raggiunge la posizione 63 della Billboard Hot 100[16] e la vetta nel Regno Unito[17].

Il 14 agosto 1971 nasce la sua prima figlia Rhonda Suzanne. Il terzo album di Diana Ross, Surrender, viene pubblicato nel giugno 1971 dalla Motown Records e riscuote giudizi abbastanza positivi della critica[18]. L'album ha raggiunto la posizione nº56 della Billboard 200[19] e la numero 10 nel Regno Unito[20], in cui ottiene il disco d'argento. Il primo singolo, Remember Me, è stato pubblicato l'8 dicembre 1970 che raggiunge la posizione 16 della Billboard Hot 100[21] e vende, solo negli USA, 540.940 copie e la numero 7 nel Regno Unito[22]. Il secondo singolo, Reach Out (I'll Be There) è stato pubblicato il 24 aprile 1971 e raggiunge la posizione 29 della Billboard Hot 100[23] e vende, negli USA, 254.307 copie. Il terzo ed ultimo singolo omonimo, Surrender è stato pubblicato il 6 luglio 1971 ed ha raggiunto la posizione 38 della Billboard Hot 100[24] e 10 nel Regno Unito[25], raggiungedo il record di quattro TOP 10 in un solo anno nel Regno Unito.

Il 29 ottobre 1972 nasce la sua seconda figlia Tracy Joy. Il 9 novembre del 1972, viene pubblicato Lady Sings the Blues (colonna sonora di La signora del blues); l'album raggiunge immediatamente il 1º posto della Billboard Hot 100 e vende, in solo otto giorni, 300.000 copie e rimanendo in prima posizione anche la seconda settimana. In totale, solo negli USA, vende oltre 2 milioni di copie e rimane in classifica per ben 54 settimane. Diviene la prima cantante pop a portare al 1º posto delle classifiche USA un album di blues e jazz, Lady sings the blues. Nel Regno Unito, arriva solo al 50º posto della classifica ma diviene, comunque, disco d'oro. Sempre nello stesso anno, ma solo per il mercato europeo, viene pubblicata la raccolta Greatest Hits, Vol 1, che raggiunge la posizione nº 23 nel Regno Unito e diviene disco di platino.

Il 22 giugno 1973 esce Touch Me in the Morning che ottiene una critica molto buona[26]. L'album raggiunge la quinta posizione della Billboard 200[27] e la 7 nel Regno Unito in cui diventa disco d'oro[28]. Il singolo di lancio e unico singolo estratto, Touch Me in the Morning, ha raggiunto la vetta della Billboard Hot 100[29] ottenendo il disco d'oro avendo venduto negli USA, nel maggio 1973, 1.504.909 e la posizione 9 nel Regno Unito[30]. 4 mesi più tardi esce un nuovo album intitolato Diana & Marvin, realizzato appunto insieme a Marvin Gaye. Anche in questo caso, l'album ottiene delle recensioni positive dai critici musicali[31][32]. L'album ha raggiunto la posizione 26 della Billboard 200[33] e posizione nº 5 nel Regno Unito dove ottiene il disco d'oro[34]. L'album è stato promosso dal brano You're a Special Part of Me, pubblicato a settembre. Il singolo raggiunge la posizione nº12 della Billboard Hot 100[35]. Il secondo singolo, Don't Knock My Love è stato pubblicato nel 1974 ed ha raggiunto la posizione 46 della Billboard Hot 100. In Europa viene pubblicato il singolo You Are Everything (sempre estratto dall'album Diana and Marvin) che raggiunge, in Inghilterra, il 5º posto delle classifiche (vende oltre 250 000 copie e diventa Disco D'Argento) mentre in Olanda raggiunge il 14º posto.

Il 6 dicembre viene pubblicato il nuovo album Last Time I Saw Him e in contemporanea il singolo omonimo, che vende, solo negli USA oltre 600 000 copie. L'album è stato valutato discretamente dalla critica[36]. L'album ha raggiunto la posizione 52 della Billboard 200[37] e la 41 nel Regno Unito[38]. Il primo singolo raggiunge la posizione 14 della Billboard Hot 100[39] e 35 nel Regno Unito[40]. Il secondo singolo ufficiale estratto è Sleepin' pubblicato il 4 aprile 1974 e vende, negli USA, 46.162 copie raggiungendo la posizione 70 della Billboard Hot 100[41].

Il terzo ed ultimo singolo, My Mistake (Was to Love You) per il mercato americano, è stato pubblicato nel gennaio 1974 ed ha raggiunto la posizione 19 della Billboard Hot 100[42]. In Brasile, tre dei sei singoli estratti da questo album My mistake (was to love you), Stop, Look, Listen (to your heart) (inclusa nel 2001 nel film Il diario di Bridget Jones e rifatta nel 2003, in lingua portoghese, da Sandra De Sà (con la partecipazione di Toni Garrido) con il titolo Pare, Olhe, Escute e Pledging my love entrano in classifica nel 1974.

Nel 1975 esce il film Mahogany con Anthony Perkins e Billy Dee Williams, ambientato nel mondo della moda e girato tra Roma e Chicago. Il tema conduttore del film Do You Know Where You're Going To ottiene la nomination agli Oscar come miglior canzone, arriva al 1º posto delle classifiche Usa e vende, solo negli Usa, oltre un milione di copie in poche settimane e diventa disco d'oro. Il 4 novembre, nasce la sua terza figlia femmina, Chudney Lane. Nel marzo 1976 in collegamento da Amsterdam, si esibisce per la giuria degli Oscar eseguendo Do You Know Where You're Going To, brano per cui ha avuto la nomination agli Oscar come migliore canzone. È la prima volta in assoluto che un cantante si esibisce via satellite. A settembre la rivista Billboard la nomina "la più grande artista femminile del XX secolo". Gli album Diana Ross e Greatest Hits vol. 2 in Inghilterra diventano disco d'oro.

Nel 1977 gli album An Evening with Diana Ross e Baby it's me, in Inghilterra diventano entrambi disco d'argento. Nel 1978 interpreta Dorothy Gale nel rifacimento del film The Wiz, insieme ad un giovane Michael Jackson. Partecipa alla colonna sonora del film Grazie a Dio è venerdì con il brano Dance Loving, Living and Giving. L'album vende oltre 850 000 copie solo negli USA e diventa disco d'oro. Nel 1979 l'album The Boss negli USA vende oltre 800 000 copie e diventa disco d'oro.

Anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 l'album Diana ed i singoli Upside Down, I'm Coming Out e My Old Piano arrivano ai primi posti delle classifiche di tutto il mondo, ottenendo decine di dischi d'oro e di platino. Negli USA l'album vende oltre un milione di dischi ed il singolo Upside Down in meno di un mese ne vende più di 1 milione di copie balzando immediatamente al 1º posto delle classifiche pop, disco e R&B. In Gran Bretagna Upside Down vende oltre 400 000 copie ottenendo il disco d'oro mentre l'album vende oltre 100 000 copie e diviene disco d'oro; anche in Francia il disco vende 350 000 copie, in Italia 250 000 ed in Australia 200 000 copie ed ottiene 2 dischi di platino. Incide It's My Turn, colonna sonora dell'omonimo film interpretato da Michael Douglas. Il singolo vende oltre 500 000 di copie solo negli Usa.

Nel settembre 1981 Diana Ross incide l'album Why Do Fools Fall In Love (disco di platino negli USA, avendo venduto oltre un milione di album). Sempre nel 1981 incide, assieme a Lionel Ritchie, Endless Love, colonna sonora del film Amore senza fine di Franco Zeffirelli. Il singolo ottiene un grande successo rimanendo 9 settimane al primo posto delle classifiche Usa: venderà oltre 2 milioni di singoli solo in questo paese, sarà certificato disco di platino. Nel resto del mondo il singolo venderà un altro milione di copie, arrivando al primo posto in Canada, Sud Africa e Australia.

Alla fine del 1981 Diana Ross decide di avere il controllo totale della propria carriera sotto ogni aspetto. Lascia la Motown per la Rca, che le offre un contratto record per l'epoca di venti milioni di dollari. Fonda diverse società: la Rtc Management Corporation per gestire gli affari e le finanze suoi e di altri artisti; la Diana Ross Production, compagnia simile ala Rtc per i progetti discografici della Ross; la Rosstown Music e la Rossville Music, due società che pubblicano i suoi dischi, sotto l'Ascap e la Bmi, rispettivamente; la Chodnee Inc attraverso la quale la Ross controlla e gestisce i suoi tour; l'Anaid Film Productions, attraverso la quale produce, finanzia e gestisce miniserie televisive e varietà; la Jff Enterprises attraverso la quale ricerca, sviluppa e vende prodotti di moda e cosmetici.

Nel 1982 la canzone Endless Love ottiene la nomination agli Oscar come migliore canzone. A luglio, ottiene la stella sull'Hollywood Walk of Fame, al numero 6712 dell'Hollywood Boulevard. Il 21 luglio 1983, in Central Park a New York tiene il primo concerto pubblico all'aperto trasmesso in mondovisione, davanti a circa 400 000 persone, concerto bissato il giorno successivo davanti ad una folla ancora più numerosa. Nel gennaio 1985 partecipa alla registrazione di We Are the World. A settembre, all'inizio del suo tour negli Usa, nella sola New York tiene 11 concerti consecutivi, tutti sold out, al Radio City Music Hall. A novembre è in Italia, in cui tiene per la prima volta dei concerti, a Roma, Firenze e Milano.

Il 1º febbraio 1986 si sposa, per la seconda volta a Ginevra con l'armatore norvegese Arne Naess. In Australia il singolo Chain Reaction rimane tre settimane consecutive al primo posto della classifica dei singoli e diviene il singolo più venduto dell'anno superando le 300 000 copie e diventando così triplo disco di platino, raggiunge il 1º posto della classifica anche in Nuova Zelanda, Irlanda ed Inghilterra. In quest'ultimo paese il singolo rimane per 3 settimane consecutive al 1º posto della classifica, vendendo oltre 500 000 copie e ottenendo così il disco d'oro.

Il 7 ottobre 1987 ad Oslo nasce il suo quarto figlio, il primo maschio dopo tre femmine, che viene chiamato Ross Arne. Nel 1988 incide la canzone If We Hold On Together, scritta e musicata da James Horner, che fa parte della colonna sonora del film Alla ricerca della Valle Incantata. Il singolo in Giappone rimane per 19 settimane consecutive al primo posto delle classifiche e vende oltre 465 000 copie, ottenendo così quattro dischi di platino. Il 26 agosto, sempre ad Oslo in Norvegia, nasce il suo quinto figlio Evan Olav. Nel febbraio 1989 inizia il tour mondiale Working Overtime World Tour, della quale filma il concerto tenuto all'Arena di Wembley a Londra.

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 1990 si esibisce da Los Angeles alla notte degli Oscar, cantando Over the Rainbow. Ad ottobre incide No Matter What You Do con Al B.Sureǃ. Nel febbraio 1991 presenta ai Grammy assieme a Phil Collins. A luglio, inizia un tour di 15 mesi. In Giappone l'album The Force Behind the Power vende oltre 110mila copie, ottenendo così il disco d'oro, mentre in Inghilterra supera le 300 000 copie diventando così disco di platino. Il 23 dicembre 1992 tiene il concerto Christmas in Vienna, assieme a Placido Domingo e Josè Carreras; l'omonimo CD vende oltre un milione di copie nel mondo.

Nel gennaio 1993 si esibisce a Washington per la cerimonia di insediamento di Bill Clinton alla Casa Bianca. A febbraio, le ultime due sere, si esibisce come ospite d'onore del Festival di San Remo; per partecipare al Festival, la Rai la paga 160 milioni di lire. Ad aprile, in Giappone viene pubblicato When you dream, un CD ed libro per bambini, scritto dalla Ross. Il 3 giugno, all'ONU, riceve il premio Global Youth Forum Award. Ad ottobre, il Guinness dei primati la dichiara artista femminile di maggior successo del XX secolo per il numero di dischi (circa 150) avuti nelle classifiche inglesi ed americane; nello stesso mese, per i suoi 30 anni di carriera, viene pubblicata la raccolta di successi One Woman - The Ultimate Collection; il Cd arriva al primo posto in classifica e vende, nella sola Gran Bretagna, 1.200.000 copie, ottenendo quattro dischi di platino, mentre in Francia diventa disco d'oro, superando le 100.000 copie vendute.

Nel febbraio 1994 viene insignita della cittadinanza onoraria di Cannes dal sindaco della città Michel Moulliet, e inoltre le viene conferito il titolo di commendatore per le Arti e le Scienze dal ministro della cultura francese Jacques Toubon. Infine le viene assegnato il premio Victoire de la Musique dall'industria discografica francese per le sue vendite in Francia durante la sua lunga carriera. Le 13 date del tour europeo Forever Diana - 30º Anniversary Tour fanno il tutto esaurito, vendendo oltre 150 000 biglietti; nella sola Londra, tiene cinque concerti consecutivi dal 29 giugno al 3 luglio alla Wembley Arena. Nel mese di luglio, con un grande concerto di apertura, inaugura i mondiali di calcio del 1994. Sempre nel 1994, la canzone Come See About Me viene inserita nel film Beverly Hills Cop III.

Nel giugno 1995 si esibisce anche in Russia, a Mosca, tenendo due concerti tutto esaurito. Apre, al Wembley Stadium, a Londra, la finale di Rugby League tra Inghilterra ed Australia, evento seguito da 250 milioni di persone nel mondo. Nel gennaio 1996 si esibisce al XXX Super Bowl (lasciando lo stadio in elicottero), davanti ad oltre 146 milioni di telespettatori americani. Il 30 luglio, nell'ambito delle manifestazioni per celebrare il 1100º anniversario della nascita dello Stato d'Ungheria, si esibisce davanti a circa 80 000 persone allo stadio di Budapest, assieme a Plácido Domingo e José Carreras.

Il 9 aprile 1998 si esibisce per la prima volta in Sudafrica, all'Mtn Sundrome di Johannesburg, davanti a 15 000 persone. Tra il pubblico c'è anche il presidente Nelson Mandela il quale, il giorno seguente, la riceve privatamente. La Ross si era sempre rifiutata negli anni precedenti di esibirsi in Sud Africa, per protesta contro le leggi razziali.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2000 canta If We Hold On Together alla cerimonia dei premi Naccp per Steven Spielberg. Ad aprile, il canale Vh1 trasmette il documentario Divas 2000: A Tribute to Diana Ross, al quale partecipano Donna Summer, Mariah Carey, le Destiny's Child, RuPaul e Faith Hill e danno il loro tributo cantando canzoni di Diana Ross. Il 21 settembre 2001, allo Shea Stadium di New York, canta God Bless America, dopo la tragedia dell'11 settembre. Il 1º luglio 2002 Diana Ross si esibisce in Hyde Park a Londra, davanti a 75 000 persone per il concerto Picnic in the Park in onore del Principe Carlo d'Inghilterra. Ad ottobre, partecipa al ballo di beneficenza Dream Halloween, in cui viene venduta la bambola Diana Ross, creata da Bob Mackie, per 22 000 dollari.

Nel 2003 è onorata con il premio Humanitarian Spirit Award dalla fondazione "We are Family Foundation". A marzo, la National Association of Black Owned Broadcasters onora Diana Ross con il premio Lifetime Archievement. A settembre a Londra riceve il Legendary Female Award, assegnato da Capital Gold. Diana vince essendo votata e preferita dal pubblico inglese tra le seguenti cantanti finaliste: Aretha Franklin, Madonna, Whitney Houston, Annie Lennox e Tina Turner. A dicembre, la Mattel, mette in vendita la bambola di Diana Ross, disegnata da Bob Mackie.

Nel gennaio 2004 muore in Sud Africa, in un incidente durante una scalata in montagna, il suo secondo ex marito, l'armatore norvegese Arne Naess, padre di Evan e Ross, due dei cinque figli di Diana, dal quale aveva divorziato nel 2000. A marzo, inizia il tour europeo This Is It, che registra il tutto esaurito e grandi consensi dalla stampa specializzata. Sempre nel 2004, è l'unica donna nera ad essere presente nella lista delle donne più "glamour" di tutti i tempi, stilata dalla rivista Harper's Bazaar.

Il 15 gennaio 2005 assieme ad altri artisti, partecipa al concerto televisivo trasmesso dalla NBC Tsunami aid: a concert of hope, per raccogliere fondi per la Croce Rossa a favore delle vittime dello tsunami che ha colpito l'Asia. A marzo, il sindaco di Parigi Bertrand Delanoë le conferisce la cittadinanza onoraria della città di Parigi per il suo immenso talento.

Nel 2006 il network TV Land nomina il concerto della Ross in Central Park del 1983, come il più grande evento musicale della storia della televisione americana; per l'occasione, si esibisce durante la cerimonia cantando un medley dei suoi più grandi successi. Ad agosto, canta God bless America, agli US Open di tennis, a New York. Beyoncé, nella scaletta del suo tour mondiale inserisce la canzone "I'm coming out " della Ross.

Diana Ross al Kennedy Center: da sinistra Brian Wilson, Martin Scorsese, Steve Martin e Leon Fleisher (2007)

Nel gennaio 2007 esce in tutto il mondo il film Dreamgirls, ispirato alla vita ed alla storia di Diana Ross & the Supremes. Beyoncè interpreta la figura della Ross. Nel cast, compaiono anche Eddie Murphy e Jamie Foxx. Sempre nel mese di gennaio, è il méntore della 7ª edizione di American Idol; i 12 finalisti gareggiano cantando le canzoni della Ross. Nel mese di febbraio, assieme a Sharon Stone, Michael Bublè, David Foster ed altri, si esibisce al Muhammad Alì Humanitarian Award per raccogliere fondi a favore della lotta contro il morbo di Parkinson. A marzo si esibisce a Lagos, in Nigeria, per la 12ª edizione di Thisday Awards 2007.

Nel gennaio 2008 si esibisce davanti a 40 000 persone a Montego Bay in Giamaica nell'ambito del Giamaica Jazz & Blues Festival. A maggio si esibisce a New York al Radio City Music Hall, assieme a Patty Labelle, Gladys Knight e Chaka Kahn per il concerto di beneficenza Divas with Heart. A dicembre, ad Oslo, tiene un concerto di 40 minuti per i premi Nobel per la pace, in cui ottiene una standing ovation a cui partecipano anche il Re di Norvegia Haakon Magnus e sua moglie Mette-Marit.

Nel gennaio 2009 tiene un concerto privato a Birmingham per Claire Johnson, la seconda moglie di John Caudwell, proprietario di Phone 4u ed uno degli uomini più ricchi della Gran Bretagna. La stampa inglese riporta che per 40 minuti di concerto la Ross sia stata pagata circa un milione di dollari. A ottobre, allo stadio Gelredome di Arnhem, per Symphonica in Rosso ha tenuto due concerti consecutivi sold out, davanti ad oltre 70.000 persone.

Il 12 febbraio2012 a Los Angeles Diana Ross riceve il premio Grammy 2012 alla carriera. Il 7 novembre si esibisce a Jodhpur, in India, davanti agli 80 esclusivi invitati per celebrare il 50 °compleanno del magnate russo Vladislav Doronin, fidanzato di Naomi Campbell. Alla fine dello spettacolo, a causa della forte umidità, la Ross scivola sul palco e si rompe un'anca. Il 10 dicembre, nonostante la rottura dell'anca di un mese prima, si esibisce a Washington davanti al Presidente Barack Obama per il tradizionale concerto di Natale alla Casa Bianca.

Il 18 luglio 2013 si esibisce al Louvre di Parigi, davanti ad un pubblico selezionato di 240 persone, per un concerto di beneficenza. A novembre, la rivista People mette Diana Ross al 1º posto (con 46 milioni di dollari guadagnati), nella classifica dei 100 artisti più pagati al mondo.

Il 3 luglio 2014 al Festival International de Jazz de Montréal tiene due concerti e vince il Premio Ella Fitzgerald per il suo "straordinario contributo al jazz contemporaneo ".

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1973 il film La signora del blues (basato sulla biografia della cantante jazz Billie Holiday ed interpretato con Billy Dee Williams e Richard Pryor) incassa oltre 25 milioni di dollari e guadagna 5 nomination agli Oscar; la Ross viene candidata come migliore attrice protagonista. Anche la colonna sonora del film, da lei interpretata, ottiene una nomination. A maggio il film viene presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1973. Sempre per il film La signora del blues, la Ross viene nominata, in Inghilterra, come migliore attrice ai premi Bafta.

Vince quindi il Golden Globe come migliore attrice protagonista.

Nel 1975 esce il film Mahogany. A marzo del 1976, la Ross, da Amsterdam, canta via satellite per la giuria degli Oscar. Sempre nel mese di marzo, a Parigi, la Ross viene premiata dall'Accademia Francese di Arti cinematografiche con il César, per "l'eccellente continuità, contributo ed impatto con il grande schermo".

Nel 1978 il regista Sidney Lumet fa un musical in chiave "nera" del Mago di Oz; Dorothy Gale è interpretata da Diana Ross insieme ad un giovane Michael Jackson che interpreta lo Spaventapasseri.

Nel 1993 produce il film TV per la ABC Fuori dal buio in cui interpreta una donna affetta da schizofrenia. Nel 1999 produce un altro film TV per la ABC Il prezzo della gloria (Double Platinum).

Premi, onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

1970 Ottiene una nomination ai Grammy Award come migliore cantante femminile soul dell'anno per il singolo Ain't no mountain high enough.

1972 Riceve una nomination agli Oscar nella categoria "miglior attrice protagonista" per il ruolo di Billie Holiday nel film La signora del blues. È la prima artista nera ad apparire sulla copertina della rivista Rolling Stone. Ottiene una nomination ai NYFCC Awards, nella categoria "miglior attrice protagonista", sempre per il film La signora del blues.

1973 Vince un Golden Globe come "miglior attrice protagonista dell'anno" sempre per il film La signora del blues.

1974 Riceve una nomination ai BAFTA come migliore attrice per il film La signora del blues.

1976 Viene proclamata da Billboard "Female Entertainer of the XX Century"[43] cioè " La più grande artista femminile del XX secolo ".

1978 Per il suo show An Evening with Diana Ross vince un Tony Award[44].

1979 Ottiene una nomination ai Saturn Award come "miglior attrice" per il film The Wiz.

1982 A luglio, ottiene la stella sull'Hollywood Walk of Fame. È l'unica donna ad avere due stelle sulla Walk of Fame. Riceve una nomination ai Juno Awards, nella categoria "miglior canzone internazionale dell'anno" per il singolo Endless Love in duetto con Lionel Ritchie.

1993 Il Guinness dei primati la dichiara "l'artista femminile di maggior successo di tutti i tempi", per il numero di album e di singoli entrati nelle classifiche degli Stati Uniti e del Regno Unito. In quest'ultimo paese, è la cantante femminile con il maggior numero di album entrati nelle classifiche; sempre nel Regno Unito, ha ricevuto 9 dischi di platino, 20 dischi d'oro e 30 dischi d'argento. Diana Ross ha venduto oltre 100 milioni di dischi in tutto il mondo[45].

1994 Diana Ross & The Supremes ricevono la stella sull'Hollywood Walk of Fame.

1995 Riceve una nomination ai Golden Globe, come miglior attrice per il film TV Out Of Darkness e vince un Soul Train Lifetime Archievement Award come riconoscimento alla sua carriera.

1996 Dalle mani del principe Alberto II di Monaco riceve il premio World Music Lifetime Archievement Award.

1998 Vince il premio Songwriter Hall Of Fame Hitmaker Award.

2007 A maggio, vince il BET Lifetime Achievement Award, mentre a dicembre riceve il Premio John F. Kennedy[45].

2012 Il 12 febbraio, a Los Angeles, riceve il Grammy Lifetime Achievement, cioè il Grammy Award[46] alla carriera.

Ha anche avuto 16 nomination e 8 vittorie agli American Music Awards. Inoltre, è stata nominata 12 volte ai Grammy Award.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia presidenziale della libertà (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia presidenziale della libertà (Stati Uniti)
— 22 novembre 2016[47]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Diana Ross.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

  • 1964: T.A.M.I. Show(con le Supremes)
  • 1965:Beach Ball(con le Supremes)
  • 1968: T.C.B. (with The Supremes)
  • 1969: Like Hep (TV program) (with Dinah Shore and Lucille Ball)
  • 1969: GIT On Broadway (TV program) (with The Supremes,The Temptations)
  • 1971: Diana! (TV program)
  • 1977: Here I Am: An Evening with Diana Ross (TV program)
  • 1981: diana
  • 1981: Standing Room Only: Diana Ross
  • 1983: Motown 25: Yesterday, Today, Forever
  • 1983: "Diana Ross: Live in Central Park/For One and For All"
  • 1987: Diana Ross: Red Hot Rhythm and Blues
  • 1989: Diana Ross: Workin' Overtime HBO: World Stage"
  • 1992: Diana Ross Live! The Lady Sings... Jazz & Blues: Stolen Moments
  • 1993: "BET Walk of Fame"
  • 1996: Super Bowl XXX
  • 1999: Double Platinum
  • 1999: "ITV: An Audience with Diana Ross"
  • 2000: VH1 Divas 2000: A Tribute to Diana Ross
  • 2002: The Making and Meaning of We Are Family
  • 2005: Tsunami Aid
  • 2007: BET Awards 2007
  • 2007: Kennedy Center Honors
  • 2008: Nobel Peace Prize Concert
  • 2011: The Oprah Winfrey Show: Farewell and Salute

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Autobiografie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Diana Ross, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'8 maggio 2012.
  2. ^ (EN) Diana Ross Was Born On March 26, 1944, Music Trivia. URL consultato il 5 maggio 2012.
  3. ^ Dreamgirl & Supreme Faith, Updated Edition, aNobil. URL consultato il 5 maggio 2012.
  4. ^ Where Did Our Love Go?, aNobil. URL consultato il 5 maggio 2012.
  5. ^ (EN) Diana Ross - Diana Ross, allmusic. URL consultato il 7 maggio 2012.
  6. ^ (EN) Music: Diana Ross (Vynil) by Diana Ross (artist), Q. URL consultato il 7 maggio 2012.
  7. ^ (EN) Diana Ross: Diana Ross (Rhapsody), Rhapsody. URL consultato il 7 maggio 2012.
  8. ^ (EN) The New Rolling Stone Album Guide - Nathan Brackett, Christian Hoard - Google Libri, Google. URL consultato il 7 maggio 2012.
  9. ^ (EN) Diana Ross Album & Chartsn History, Billboard. URL consultato il 7 maggio 2012.
  10. ^ (EN) ChartArchive - Diana Ross - Ain't No Mountain High Enough, ChartStarts. URL consultato il 7 maggio 2012.
  11. ^ (EN) Reach Out and Touch (Somebody's Hand) - Diana Ross, Billboard. URL consultato il 7 maggio 2012.
  12. ^ (EN) ChartArchive - Reach Out (Somebody's Hands), ChartStarts. URL consultato il 7 maggio 2012.
  13. ^ (EN) Ain't No Mountain High Enough - Diana Ross, Billboard. URL consultato il 7 maggio 2012.
  14. ^ (EN) Ain't No Mountain High Enough - Album Search - Official Charts, officialcharts.com. URL consultato il 7 maggio 2012.
  15. ^ (EN) Everything Is Everything - Diana Ross, Allmusic. URL consultato il 7 maggio 2012.
  16. ^ (EN) I'm Still Waiting - Diana Ross, Billboard. URL consultato il 7 maggio 2012.
  17. ^ (EN) I'm Still Waiting - Album Search - official charts, officialcharts.com. URL consultato il 7 maggio 2012.
  18. ^ (EN) Surrender - Diana Ross, Allmusic. URL consultato l'8 maggio 2012.
  19. ^ (EN) Diana Ross, Allmusic. URL consultato l'8 maggio 2012.
  20. ^ (EN) Diana Ross > Artist > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  21. ^ (EN) Remember Me - Diana Ross, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  22. ^ (EN) SURRENDER > Album Searh > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  23. ^ (EN) Diana Ross Album & Song Chart History, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  24. ^ (EN) Surrender - Diana Ross, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  25. ^ (EN) SURRENDER > Single Search > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  26. ^ (EN) Touch Me in the Morning - Diana Ross, Allmusic. URL consultato l'8 maggio 2012.
  27. ^ (EN) Touch Me in the Morning, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  28. ^ (EN) touch me in the morning > Album Search > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  29. ^ (EN) Touch Me in the Morning - Diana Ross, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  30. ^ (EN) touch me in the morning > Single Search > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  31. ^ (EN) Robert Christgau: CG: Diana Ross & Marvin Gaye, Robert Christgau. URL consultato l'8 maggio 2012.
  32. ^ (EN) Music: Diana & Marvin (CD) by Diana Ross and Marvin Gaye (Artist), Q. URL consultato l'8 maggio 2012.
  33. ^ (EN) Diana & Marvin - Marvin Gaye/Diana Ross, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  34. ^ (EN) diana & marvin > Album Search > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  35. ^ (EN) You're a Special Part of Me - Diana Ross, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  36. ^ (EN) Last Time I Saw Him - Diana Ross, Allmusic. URL consultato il 9 maggio 2012.
  37. ^ (EN) Last Time I Saw Him - Diana Ross, Billboard. URL consultato il 9 maggio 2012.
  38. ^ (EN) Last Time I Saw Him > Album Search > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato il 9 maggio 2012.
  39. ^ (EN) Diana Ross - Last Time I Saw Him (single), Billboard. URL consultato il 9 maggio 2012.
  40. ^ (EN) Last Time I Saw Hime > Single Search > Official Charts, officialcharts.com. URL consultato il 9 maggio 2012.
  41. ^ (EN) Sleepin' - Diana Ross, Billboard. URL consultato il 9 maggio 2012.
  42. ^ (EN) My Mistake (Was to Love You) - Diana Ross, Billboard. URL consultato l'8 maggio 2012.
  43. ^ (EN) A DIANAfansite.com d.space.com, dianaross.awardspace.com. URL consultato il 6 maggio 2012.
  44. ^ (EN) Diana Ross Tour Getting Rave Reviews!!, Pynk Celebrity. URL consultato il 5 maggio 2012.
  45. ^ a b (EN) ACL Live: Diana Ross, Austin City Limits. URL consultato il 6 maggio 2012.
  46. ^ (EN) Ross awarded life time achievement, Yahoo!. URL consultato il 5 maggio 2012.
  47. ^ [1]
  48. ^ Fuori dal buio (1995) - Film.tv.it, film.tv.it. URL consultato il 31 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN114868940 · LCCN: (ENn82089447 · ISNI: (EN0000 0001 1455 4889 · GND: (DE119199211 · BNF: (FRcb13899188h (data)