Merle Haggard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Merle Haggard
Merle Haggard in 1971.jpg
Merle Haggard nel 1971
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereCountry
Outlaw country
Periodo di attività musicale1963 – 2016
StrumentoVoce, chitarra
Sito ufficiale

Merle Ronald Haggard (Bakersfield, 6 aprile 1937Palo Cedro, 6 aprile 2016) è stato un cantante statunitense di musica country.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bakersfield da James Francis Haggard e Flossie Mae Harp, ha avuto un'adolescenza difficile, dopo aver perso il padre all'età di nove anni, e a tredici ha iniziato a commettere furti, tanto da finire per qualche tempo in riformatorio.

Ha trascorso gran parte degli anni Cinquanta in carcere, inclusi tre anni di detenzione a San Quentin per rapina a mano armata. Durante quest'ultima detenzione ha potuto ascoltare Johnny Cash in una celeberrima esibizione all'interno del carcere, e al suo rilascio (nel 1960) si è dedicato seriamente alla musica, alternandola inizialmente col lavoro di manovale.

Tra le sue ispirazioni, oltre a Cash, vi è un famoso esponente dell'Honky tonk come Lefty Frizzell, ma Haggard riconosce anche l'influenza di personaggi come Bob Wills e Jimmie Rodgers.

Tra i suoi brani più famosi vi sono Okie from Muskogee e Workin' Man Blues, entrambi del 1969 e pubblicati per la Capitol nell'album Okie from Muskogee[1]. Ha portato 40 diversi brani al primo posto delle classifiche statunitensi di vendita.

È morto il 6 aprile 2016 in seguito ad una polmonite, nel giorno esatto del suo 79º compleanno.[2]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Kennedy Center Honors - nastrino per uniforme ordinaria Kennedy Center Honors
— 4 dicembre 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Bordone e Alessio Brunialti, American Recordings. Country rock: 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #23 Autunno 2006.
  2. ^ (EN) Country legend Merle Haggard dies at 79, su ew.com, 6 aprile 2016. URL consultato il 6 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56796315 · ISNI (EN0000 0000 8136 0817 · SBN IT\ICCU\UBOV\009251 · Europeana agent/base/61587 · LCCN (ENn81053687 · GND (DE134395425 · BNF (FRcb13894881t (data) · BNE (ESXX963349 (data) · NLA (EN36115154 · WorldCat Identities (ENlccn-n81053687