Etta James

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Etta James
Etta James04.JPG
Etta James nel 1990
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereJazz
Blues
Rhythm and blues
Soul
Gospel
Periodo di attività musicale1954 – 2012
Strumentovoce, chitarra
Album pubblicati39
Studio29
Live3
Raccolte6
Sito ufficiale

Etta James, pseudonimo di Jamesetta Hawkins (Los Angeles, 25 gennaio 1938Riverside, 20 gennaio 2012), è stata una cantante statunitense di jazz, blues, rhythm and blues e gospel.

Vincitrice di cinque Grammy Award e di diciassette Blues Music Awards, è stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1993, nella Blues Hall of Fame nel 2001 e nella Grammy Hall of Fame sia nel 1999 per il brano At Last che nel 2008 per il brano The Wallflower (Dance with Me, Henry) e vinse il Grammy Award alla carriera nel 2003.[1] Negli anni cinquanta e sessanta incise i suoi maggiori successi di brani blues e rhythm and blues. È conosciuta per aver lanciato At Last, composizione che è stata inserita in film, trasmissioni televisive, spot pubblicitari e pagine web in streaming service e reinterpretata da artiste come Céline Dion, Christina Aguilera e Beyoncé. Cantava in un registro di contralto con ampia estensione vocale.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Los Angeles da madre afro-americana e padre bianco (Etta sosteneva fosse Rudolf "Minnesota Fats" campione di biliardo), Etta fu una bambina prodigio: a soli 5 anni cantava brani gospel nel coro della chiesa. Crebbe con le ballate di Billie Holiday e con l'urlato rock and roll di Little Richard.

Nel 1950 si trasferì con la madre a San Francisco, e a quattordici anni conobbe Johnny Otis, grazie al quale formò un gruppo con altre due ragazze, il trio The Creolettes. Decisivo sarà l'incontro con Otis anche per il cambio di nome, ottenuto dalla divisione ed inversione del suo nome di battesimo in Etta James.

Molto legata alla città di Chicago, in cui ha sede la Chess Records, inciderà per l'etichetta molti dei suoi dischi di maggior successo. All I could do was cry, il titolo di uno delle sue prime hit.

Fu comunque nel 1961, con l'incisione del singolo At Last, una ballad romantica con connotazioni blues e soul, che Etta James ottenne il trionfo internazionale.

Nei decenni successivi continuò a cantare con stile e profondità ballate blues, R&B e jazz, non mostrando mai segni di declino.

Etta James morì all'età di 73 anni il 20 gennaio 2012 nel Riverside Community Hospital a Riverside in California, dopo una lunga lotta contro il diabete e leucemia: negli ultimi tempi le era anche stato diagnosticato un principio di morbo d'Alzheimer.[3]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1955 – The Wallflower R&B #1(4)
  • 1955 – Good Rockin' Daddy R&B #6
  • 1960 – All I Could Do Was Cry R&B #1(3)
  • 1960 – If I Can't Have You (Etta & Harvey) #5
  • 1960 – My Dearest Darling R&B #3
  • 1960 – Spoonful (Etta & Harvey) #5
  • 1961 – At Last R&B #1(1)
  • 1961 – Trust In Me R&B #4
  • 1961 – Fool That I Am R&B #10
  • 1961 – Dream R&B #20
  • 1961 – Don't Cry, Baby R&B #5
  • 1961 – Seven Day Fool R&B #19
  • 1961 – It's Too Soon To Know R&B #19
  • 1962 – Something's Got a Hold on Me R&B #4
  • 1962 – Stop The Wedding R&B #6
  • 1962 – Next Door To The Blues R&B #11
  • 1962 – Would It Make Any Difference To You R&B #4
  • 1963 – Pushover R&B #4

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85450457 · ISNI (EN0000 0000 8161 0628 · Europeana agent/base/61463 · LCCN (ENn91126034 · GND (DE119377217 · BNF (FRcb139213745 (data) · BNE (ESXX1308942 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n91126034