Richard Pryor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Pryor nel 1986

Richard Franklin Lennox Thomas Pryor III (Peoria, 1º dicembre 1940Encino, 10 dicembre 2005) è stato un comico, attore e scrittore statunitense. Come cabarettista, Pryor era celebre per la sua maniera senza compromessi di trattare tematiche scottanti quali discriminazione e razzismo, ricorrendo a linguaggio scurrile ed ironia nei suoi monologhi per illustrare il suo punto di vista. Viene ampiamente riconosciuto uno dei più importanti ed influenti comici di sempre: Jerry Seinfeld definì Pryor "il Picasso della comicità"[1] e Bob Newhart lo considera "il comico più influente degli ultimi cinquant'anni".[2] Bill Cosby disse che "Richard Pryor aveva reso la linea di confine tra commedia e tragedia così sottile da renderla indistinguibile."[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

« La vita mi ha dato il bene e il male: in poche parole mi ha dato tutto »

Attore comico, cantante e commediante afroamericano, dal viso sempre sorridente, facilmente riconoscibile per i suoi grandi baffi neri, Richard Pryor in Italia divenne celebre intorno agli anni ottanta in alcuni film interpretati in coppia con Gene Wilder e in una parte comica in Superman III. Ha debuttato nel 1967 in Un vestito per un cadavere.

Negli Stati Uniti fu anche insignito del premio di miglior stand-man di tutti i tempi[4], proprio per la sua comicità trascinante e irriverente, talvolta volutamente autoironica, che ha dato vita a un filone seguito da attori più giovani tra i quali in particolar modo Eddie Murphy e Chris Rock.

La sua devozione alla causa afroamericana in un'America ancora troppo chiusa in tal senso, divise spesso il numeroso pubblico che assisteva ai suoi spettacoli dal vivo, specie per il fatto di usare spesso nei suoi show parole particolarmente forti e provocatorie come "negro" e "razzismo", per dare una forte spinta morale ed emozionale e smuovere le coscienze degli spettatori. Tuttavia, o forse proprio per questo motivo, egli raccolse sempre un vastissimo successo di pubblico e audience, che spinse spesso colleghi come Jerry Seinfeld e Whoopi Goldberg a esprimere grande ammirazione per tutto ciò che egli riusciva sempre a tirar fuori nei suoi frizzanti monologhi.

Nel 1986 gli venne diagnosticata la sclerosi multipla, e già verso la metà degli anni novanta la malattia entrò in fase progressiva, relegandolo infine su una sedia a rotelle. Tuttavia Pryor non smise mai di recitare, e usò la sua condizione in un episodio di Chicago Hope in cui impersonava un malato. La sua ultima apparizione pubblica ebbe luogo nel luglio 2005, quando presenziò all'evento "Richard Pryor at the Helm of Comedy".[5] Morì per un attacco cardiaco pochi giorni dopo il suo 65º compleanno, il 10 dicembre 2005, a Encino, in California.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Pryor nel 1986

Pryor ebbe cinque mogli, ma i matrimoni furono addirittura sette, poiché sposò due volte sia Jennifer Lee che Flynn Belaine. Fu padre di sei figli.

Al di fuori del matrimonio, ebbe delle relazioni sentimentali con le attrici Pam Grier e Margot Kidder.[6]

Pryor era un massone appartenente alla loggia di Peoria (Illinois).[7]

Nel novembre 1977, dopo svariati anni trascorsi a fumare e bere in maniera smodata, Pryor ebbe un infarto. Si riprese velocemente e proseguì la sua carriera a partire dal gennaio successivo. Nel 1986 gli venne diagnosticata la sclerosi multipla.[8] Nel 1990, ebbe un secondo e più grave infarto e dovette sottoporsi ad un intervento di triplo bypass coronarico.

Incidente con il crack[modifica | modifica wikitesto]

Nella tarda serata del 9 giugno 1980, durante la lavorazione del film Libertà poco vigilata, a seguito di giorni trascorsi a fumare crack, Pryor si cosparse il corpo di rum e si dette fuoco. Nudo e in fiamme, corse lungo la Parthenia Street fuori dalla sua villa di Los Angeles, fino a quando non fu bloccato ed arrestato dalla polizia. Venne trasportato in ospedale con ustioni di secondo e terzo grado su circa metà del corpo. Pryor trascorse 6 settimane ricoverato nel reparto grandi ustionati dello Sherman Oaks Hospital. La figlia, Rain, affermò che l'incidente accadde a causa di psicosi indotte dalla droga;[9] successivamente, però, nel corso di un'intervista, Pryor disse: «Cercai di suicidarmi. Prossima domanda».[10]

Pryor incorporò una descrizione ironica dell'incidente nel suo show comico Richard Pryor: Live on the Sunset Strip (1982).

Riferimenti in altri media e lascito artistico[modifica | modifica wikitesto]

Un graffito a San Francisco con il volto di Pryor

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'omaggio fatto da Jackson Browne a roadie e fan, la canzone The Load-Out, pubblicata sull'album Running on Empty (1977), una strofa del testo recita: «We got Richard Pryor on the video on the tour bus».

Nell'album Bora-Bora (1988), della band brasiliana Os Paralamas do Sucesso, è presente la canzone Don't Give Me That, che narra la disavventura di Pryor nel famoso incidente con il crack. Il testo dice: «You've ever heard about Richard Pryor/ The greatest comedian in America/.../The great Richard Pryor, he catch fire/ He was in a big house and tried free-base/.../ He was burnt up and down/ He was fried like a chicken».

Un'immagine di Pryor è presente nel videoclip della canzone dei Soulsonic Force Renegades of Funk nella versione dei Rage Against the Machine, inserita nell'album Renegades (2000).

Nel luglio 2015, Pryor viene citato nel brano Robin Williams di Cee Lo Green, canzone tributo ad artisti recentemente scomparsi come lo stesso Williams, Chris Farley, Phil Hartman, e Bernie Mac.

Nell'album del 2015 To Pimp a Butterfly del rapper Kendrick Lamar, viene brevemente citato il nome di Pryor nella traccia King Kunta: «The yam brought it out of Richard Pryor, Manipulated Bill Clinton with desires».

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, il britannico Channel 4 mandò in onda The Funny Life of Richard Pryor, un documentario biografico su Pryor diretto da David Upshal, come parte della serie Kings of Black Comedy. Negli Stati Uniti, il documentario è stato trasmesso da Comedy Central.

Nel febbraio 2013 si è tenuta presso il Brooklyn Academy of Music Cinemas una retrospettiva della filmografia di Pryor, focalizzata sugli anni settanta, intitolata A Pryor Engagement.[11]

Nell'episodio "Taxes and Death or Get Him to the Sunset Strip"[12](2012), la voce di Richard Pryor è imitata da Eddie Griffin nello show televisivo satirico Black Dynamite.

Il 31 maggio 2013, il canale televisivo Showtime trasmise il documentario Richard Pryor: Omit the Logic diretto da Marina Zenovich. Gli intervistati nel documentario includono Dave Chappelle, Whoopi Goldberg, Jesse Jackson, Quincy Jones, George Lopez, Bob Newhart, Richard Pryor Jr., Lily Tomlin, e Robin Williams.[10][13]

Statua a Peoria[modifica | modifica wikitesto]

L'artista Preston Jackson creò una statua in bronzo a grandezza naturale di Pryor e la intitolò "Richard Pryor: More than Just a Comedian". La statua è stata posizionata all'angolo tra la State e la Washington Street a Peoria, Illinois, il 1º maggio 2015, vicino al quartiere natale di Pryor.[14]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Stella di Richard Pryor nell'Hollywood Walk of Fame

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Richard Pryor è stato doppiato da:

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album comici/spoken word[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morton, Bruce, Those We Lost, in CNN, 21 dicembre 2005. URL consultato l'11 gennaio 2010.
  2. ^ Bob Newhart, in PBS American Masters.
  3. ^ Tambay O'Benson, Richard Pryor Retrospective at BAMcinématek, Brooklyn (10 Days, 20 Films, All in 35 mm), su Indiewire. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  4. ^ La Classifica dei 100 migliori comici di tutti i tempi, standupcomedy.it. URL consultato il 4 settembre 2015.
  5. ^ The Death of Richard Pryor
  6. ^ Rabin, Nathan Rabin, Random Roles: Margot Kidder (intervista), in The A.V. Club, 3 marzo 2009.
  7. ^ Richard Pryor, su GLBCY. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  8. ^ The Official Biography of Richard Pryor, Indigo, Inc.. URL consultato l'8 maggio 2016.
  9. ^ Interview with Rain Pryor, in People, 6 novembre 2006, p. 76.
  10. ^ a b Richard Pryor: Omit the Logic, Internet Movie Database.com, Internet Movie Database, 31 luglio 2013.
  11. ^ Jason Zinoman, Wild, Wired, Remembered A Richard Pryor Retrospective, 'A Pryor Engagement,' at BAM, in The New York Times, 5 febbraio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2013.
  12. ^ Taxes and Death' or Get Him to the Sunset Strip, adultswim.com.
  13. ^ Richard Pryor: Omit the Logic to Premiere Friday May 31 on Showtime, su TVbytheNumbers.
  14. ^ Leslie Renken, Long effort to honor Peoria-born comedian Richard Pryor culminates in Sunday unveiling, in Peoria Journal Star, 1º maggio 2015. URL consultato il 1º maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24788233 · LCCN: (ENn82094549 · ISNI: (EN0000 0001 0880 2241 · GND: (DE119380951 · BNF: (FRcb13898711b (data)