Stefano Satta Flores

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Satta Flores

Stefano Satta Flores (Napoli, 14 gennaio 1937Roma, 22 ottobre 1985) è stato un attore e doppiatore italiano.

Oltre ai suoi successi cinematografici (Signore & signori, 1965; La ragazza con la pistola, 1968; C'eravamo tanto amati, 1974) Stefano Satta Flores è stato attivo anche in televisione, per la quale ha interpretato nel 1966 lo sceneggiato Luisa Sanfelice, diretto da Leonardo Cortese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato al Centro sperimentale di cinematografia di Roma, iniziò a recitare in spettacoli amatoriali e interpretò testi teatrali di Gatti, Sbragia e Shakespeare al Piccolo Teatro. Successivamente alternò l'attività teatrale a quella cinematografica, nella quale ebbe occasione di dare ottime prove di sé con grandi registi. Impegnato politicamente, fondò la compagnia "I compagni di scena", con la quale si dedicò ad un lavoro di ricerca su testi alternativi.

Per il cinema lavorò con registi come Lina Wertmüller (I basilischi), Dario Argento (4 mosche di velluto grigio) ed Ettore Scola (C'eravamo tanto amati, La terrazza). Ha impersonato inoltre il librettista Lorenzo Da Ponte in una serie televisiva in lingua francese sulla vita di Mozart.[1] A lui è intitolata una strada nel comune di Roma, in zona Porta di Roma e nel comune di Fonte Nuova (RM) nella frazione di Tor Lupara.

Satta Flores è morto a Roma all'età di 48 anni, stroncato da una grave forma di leucemia; ha avuto due figlie: Francesca, attrice, regista, drammaturga e sceneggiatrice, avuta dalla moglie, e Margherita, doppiatrice, avuta dall'attrice e doppiatrice Teresa Ricci.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Stefano Satta Flores (a ds.) con Mike Bongiorno in C'eravamo tanto amati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mozart (TV Mini-Series 1982) - IMDb
  2. ^ a b Nelle scene aggiunte o ridoppiate per l'Edizione Speciale della Trilogia, la voce è di Angelo Maggi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87505402 · ISNI (EN0000 0000 6088 9068 · SBN IT\ICCU\RAVV\090423