Giorgio Lopez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Lopez (Napoli, 16 febbraio 1947) è un attore, doppiatore, dialoghista, regista teatrale e direttore del doppiaggio italiano.

È noto per essere la voce ufficiale di Danny DeVito, John Cleese, Dustin Hoffman (dopo la morte di Ferruccio Amendola avvenuta nel 2001) e Younan Nowzaradan, chirurgo bariatrico americano protagonista della serie tv Vite al limite in onda su Real Time.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello maggiore dell'attore e doppiatore Massimo Lopez, si laurea in lettere all'Università Sapienza di Roma nel 1974.

Diplomato all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico", è padre dei doppiatori Gabriele e Andrea.

Dotato di una voce duttile ed espressiva, è il doppiatore ufficiale di importanti interpreti cinematografici, quali Dustin Hoffman (che cominciò a doppiare in coppia con Ferruccio Amendola - che fino ad allora era stato suo doppiatore ufficiale - in Sleepers e Sesso & potere, in cui Amendola doppia Robert De Niro), Danny DeVito e John Cleese, ma ha prestato la sua voce anche ad attori come Groucho Marx, John Hurt, Ian Holm, Bob Hoskins e Pat Morita (nella celebre serie di Karate Kid).

È molto attivo anche come doppiatore e direttore di doppiaggio di cartoni animati, serie televisive, film e documentari.

Ha recitato in un episodio della serie TV Don Matteo nel ruolo del medico legale.

Nel luglio 2009, ha vinto il premio Leggio d'oro per la direzione del doppiaggio del film Houdini - L’ultimo mago.[1]

Nel 2015 ha ricevuto il "Premio alla Carriera" al "Festival delle voci d'attore".

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore teatrale e regista teatrale[modifica | modifica wikitesto]

  • Madre Coraggio e i suoi figli, regia di Luigi Squarzina (1969)
  • 8 settembre, regia di Luigi Squarzina (1969)
  • Molière e Bulgakov, regia di Luigi Squarzina (1969)
  • I dodici mesi, musiche di Paolo Conte (1969)
  • Escurial (Michel de Ghelderode), regia di Armando Pugliese (1970)
  • Il barone rampante, regia di Armando Pugliese (1972)
  • Il matrimonio (Nikolaj Vasil'evič Gogol'), regia di Armando Pugliese (1975)
  • Lear (Edward Bond), regia di Antonio Calenda (1976)
  • Centocinquanta la gallina canta (1976)
  • L'opera dei morti di fame, regia di Armando Pugliese (1976)
  • Don Chisciotte, regia di Armando Pugliese (1978)
  • Riccardo III (Shakespeare), regia Antonio Calenda (1978)
  • Così è (se vi pare), regia di Antonio Calenda (1979)
  • La passione (Sacra Rappresentazione), regia di Antonio Calenda (1980)
  • Il malloppo (Joe Orton), regia di Massimo Milazzo (1984)
  • Room service (Fratelli Marx), regia di Massimo Milazzo (1984)
  • È arrivato Godot (Giorgio Lopez), regia di Massimo Milazzo (1985)
  • Sipari e siparietti (Giorgio Lopez e Mino Caprio), regia di Massimo Milazzo (1986)
  • La morte bussa e i suoi effetti collaterali (Woody Allen), regia di Massimo Milazzo
  • Che cosa ti spinge a far questo? (Giorgio Lopez) (1990), con Chiara Colizzi
  • Inaudito (Giorgio Lopez) (2000)
  • Considerazioni di uno scampato (Giorgio Lopez) (2005)
  • Ciao Frankie (Giorgio Lopez) (2005)
  • Il poeta e lo stregone (Giorgio Lopez) (2007)
  • Travolti da un insolito destino di anterini, regia di Massimo Milazzo (2008)
  • Oh, Romeo (Ephraim Kishon), regia di Giorgio Lopez (2009-2010)
  • Varie-Età (Giorgio Lopez) (2013)
  • Canzoni, poesie, stornelli all'osteria romana (Giorgio Lopez, Paolo Gatti) (2014)
  • Io sono Dio (Giorgio Lopez) (2015)
  • Eduardo, Totò, Trilussa (Giorgio Lopez) (2016)

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Telefilm[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Reality Show[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SPECIALE LEGGIO D'ORO 2009, su www.leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN233282103 · SBN: IT\ICCU\LO1V\358147