Renegades (Rage Against the Machine)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renegades
ArtistaRage Against the Machine
Tipo albumCover
Pubblicazione5 dicembre 2000
Durata51:27
GenereRap metal
Funk metal
Hard rock
EtichettaEpic Records
ProduttoreRick Rubin, Rage Against the Machine
Registrazione2000
Certificazioni
Dischi d'oroRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[2]
(vendite: 70 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 1 000 000+)
Rage Against the Machine - cronologia

Renegades è il quarto e ultimo album in studio della band californiana Rage Against the Machine, per commemorare l'abbandono della band da parte di Zack de la Rocha.

In questo album, composto esclusivamente di brani cover, i Rage Against the Machine confermano le forti influenze hip hop che ne hanno sempre caratterizzato lo stile, anche se propongo tra le altre reinterpretazioni di artisti puramente rock come Bob Dylan, Rolling Stones e Bruce Springsteen.

La copertina è una parodia dell'icona pop LOVE di Robert Indiana.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Microphone Fiend (Eric B. & Rakim) - 5:02
  2. Pistol Grip Pump (Volume 10) - 3:18
  3. Kick Out the Jams (MC5; contiene parti di More Bounce to the Ounce dei Zapp) - 3:11
  4. Renegades of Funk (Afrika Bambaataa; contiene parti di Scorpio di Dennis Coffey) - 4:35
  5. Beautiful World (Devo) - 2:35
  6. I'm Housin’ (EPMD) - 4:56
  7. In My Eyes (Minor Threat) - 2:54
  8. How I Could Just Kill a Man (Cypress Hill) - 4:04
  9. The Ghost of Tom Joad (Bruce Springsteen) - 5:38
  10. Down on the Street (Stooges) - 3:39
  11. Street Fighting Man (Rolling Stones) - 4:42
  12. Maggie's Farm (Bob Dylan) - 6:54
Tracce bonus nella versione limitata europea e australiana
  1. Kick Out the Jams* (Live at the Grand Olympic Auditorium) - 4:31
  2. How I Could Just Kill a Man* (Live at the Grand Olympic Auditorium) - 5:13

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Rage Against the Machine
Altri musicisti
  • B-Real dei Cypress Hill - voce in How i could just Kill a Man (Live at The Grand Olympic Auditorium), bonus track edizione australiana e europea
Produzione
  • Rick Rubin - produzione (tranne in The Ghost of Tom Joad)
  • Brendan O'Brien – produttore in The Ghost of Tom Joad
  • Jim Scott – ingegneria
  • David Schiffman – ingegneria
  • Rich Costey - missaggio (tranne in The Ghost Of Tom Joad e Street Fighting Man)
  • D. Sardy – missaggio in The Ghost of Tom Joad e Street Fighting Man
  • Katie Teasdale – assistenza[a che?]
  • Darren Mora – assistenza[a che?]
  • Matt Marin – assistenza[a che?]
  • Mike Scotella – assistenza[a che?]
  • Geoof Walcha – assistenza[a che?]
  • Rich Veltrop – assistenza[a che?]
  • Greg Fidelman – digitalizzazione
  • Mark Moreau – digitalizzazione
  • Lindsay Chase – coordinazione produzione
  • Jake Sexton – coordinazione politica
  • Jake Koppell – booklet

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2000) Posizione
massima
Canada 13
Stati Uniti 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. Digitare "Rage Against the Machine" in "Keywords", dunque premere "Search".
  2. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2000 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 27 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Renegades – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 27 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal