Rap metal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rap metal
Origini stilistiche Hip hop
Heavy metal
Rap rock
Alternative metal
Origini culturali Il genere ebbe origine negli Stati Uniti, durante la seconda metà degli anni ottanta.[1]
Strumenti tipici rapping, chitarra elettrica, basso, batteria, campionatore
Popolarità Ha raggiunto una grande popolarità soprattutto negli Stati Uniti durante gli anni novanta e l'inizio degli anni 2000
Generi derivati
Nu metal
Generi correlati
Alternative metal - Thrash metal - Speed metal - Funk metal - Industrial metal - Hard rock - Alternative rock - Rap rock - Rapcore
Categorie correlate

Gruppi musicali rap metal · Musicisti rap metal · Album rap metal · EP rap metal · Singoli rap metal · Album video rap metal

Il rap metal è un genere musicale che consiste nell'esecuzione di strofe rap (in particolare hardcore rap) su basi strumentali di derivazione heavy metal.[1]

Il genere divenne uno degli stili di alternative metal più diffusi durante gli anni novanta.[1] A parte qualche eccezione, il rap metal si presentava in controtendenza rispetto al resto della scena heavy metal, dove spiccava il dominio di musicisti bianchi.[1]

Storia del genere[modifica | modifica wikitesto]

Origini e primi sviluppi (secondi anni ottanta e primi anni novanta)[modifica | modifica wikitesto]

Il rap metal trae origine dal rap rock, caratterizzato dallˈunione di elementi vocali e strumentali dell'hip hop e del rock.[2] Le sue prime esperienze risalgono a gruppi e artisti hip hop alle prese con campionamenti heavy metal, tra cui Beastie Boys, MC Strecker,[3] Cypress Hill,[4] Esham[5][6] e Run DMC[7] e a gruppi rock che sperimentavano incroci di influssi heavy metal e hip hop, tra cui 24-7 Spyz[8] e Faith No More.[9]

Scott Ian, membro del gruppo thrash metal Anthrax, contribuì alla nascita del genere, ma egli stesso ne ha attributo la paternità vera e propria ai Rage Against the Machine.[10] Prima di questi ultimi erano già emersi gli olandesi Urban Dance Squad, formati nel 1986, tra i primi a inserire cantati rap in brani d'ispirazione metal, ma solo i RATM definirono in modo sistematico, col loro esordio omonimo nel 1992, le caratteristiche sonore del genere.[11]

Nel 1987 gli Anthrax furono uno dei primi gruppi a proporre il rap metal, con lˈEP I'm the Man,[12] seguito quattro anni dopo da una collaborazione col gruppo hip hop militante Public Enemy, con un rifacimento del singolo "Bring the Noise".[13] Nel 1991 il gruppo thrash metal Tourniquet collaborò col gruppo hip hop P.I.D. al brano "Spineless", estratto dallˈalbum Psycho Surgery.[14][15] Nel 1988 il rapper Sir Mix-a-Lot si aggregò ai Metal Church col singolo "Iron Man", ispirato dallˈomonimo brano dei Black Sabbath.[2] Elementi rap metal si trovano anche in un brano dei Ministry, nellˈalbum "The Mind is a Terrible Thing to Taste" del 1989, dove nella traccia 'test' alcune parti vocali sono cantate dai rapper 'The Grand Wizard' (K. Lite) e 'The Slogan God' (Tommie Boyskee). Nel 1990 il rapper Ice-T formò il gruppo metal Body Count, che nel tour di Lollapalooza nel 1991 propose canzoni sia metal che rap. Anche i gruppi Stuck Mojo e Clawfinger, formati nel 1989, sono annoverati tra i pionieri del genere.[16][17]

Il successo (secondi anni novanta e primi anni 2000)[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni novanta il rap metal divenne uno dei generi musicali più seguiti. Uno dei brani più importanti, considerato un esempio classico del genere, fu il singolo dei Faith No More "Epic", che raggiunse la nona posizione della classifica Billboard Hot 100.[18] Nel 1993 uscì la colonna sonora del film Cuba libre - La notte del giudizio, che comprendeva numerose collaborazioni tra artisti rock e rap. Nel 1996 i Rage Against the Machine pubblicarono il secondo album in studio Evil Empire, che entrò al primo posto della classifica Billboard, e nel 1999 il suo seguito The Battle of Los Angeles ebbe risultati simili, vendendo 430 000 copie nella sua prima settimana di pubblicazione.[19] Ogni album dei RATM è stato premiato negli Stati Uniti almeno con un disco di platino.[20] Negli stessi anni emersero i Biohazard, anche loro citati tra gli ispiratori del rap metal.

Il 18 agosto 1998 l’etichetta discografica Atlantic Records pubblicò l’album di Kid Rock Devil Without a Cause, trainato inizialmente dal singolo "Welcome 2 the Party (Ode 2 the Old School)", e il rapper del Michigan promosse il disco col Vans Warped Tour. I singoli "Welcome 2 The Party" e l'album Devil Without a Cause impiegarono molto tempo a farsi conoscere, nonostante l’aumentato interesse regionale a Northampton, nel Massachusetts, dove l’album ebbe la sua prima notorietà. Nell’estate del 1998 le radio locali trasmisero a più riprese il singolo "I Am The Bullgod". Verso la fine dell'anno Kid Rock conobbe il conduttore di MTV Carson Daly, che lo aiutò a promuovere l’album grazie a un video girato per il brano "Bawitdaba", pubblicato come singolo nel 1999, e l’album Devil Without a Cause ricevette per la prima volta un disco d’oro[21] e poi di platino.[21] Il primo tour di rilievo di Kid Rock fu Limptropolis, dove aprì per Limp Bizkit e Staind, e poi consolidò il suo ruolo artistico e commerciale a Woodstock 1999, e il 24 luglio di quell’anno il suo album ricevette due dischi di platino. Il successivo singolo "Cowboy", che univa southern rock, country e rap, entrò nella classifica dei primi 40 singoli di quel periodo, e diventò la canzone introduttiva del lottatore WCW Jeff Jarrett. La ballata "Only God Knows Why" fu il singolo più importante dell’album, entrando al diciannovesimo posto della classifica Billboard Hot 100, e fu uno dei primi brani in autotune. Al momento del singolo finale "Wasting Time", Devil Without A Cause vendette più di 7 milioni di copie, e il 17 aprile 2003 fu certificato con 11 dischi di platino dalla RIAA.[21] Secondo Nielsen SoundScan, al 2013 l’album ha venduto in realtà 9,3 milioni di copie. Kid Rock ebbe una nomina come miglior artista esordiente ai Grammy Awards del 2000, ma fu sconfitto da Christina Aguilera. Ebbe anche una nomina alla miglior interpretazione hard rock col singolo "Bawitdaba", ma il premio fu vinto dal singolo dei Metallica "Whiskey in the Jar". Nel 1998 Ice Cube pubblicò l’album War & Peace Vol. 1 (The War Disc), che in alcune tracce aveva spunti rap metal e nu metal.[22] Il discò esordì al settimo posto della classifica Billboard 200, vendendo 180 000 copie nella sue prima settimana di uscita.[23]

Nell’estate del 1999 il rap metal conobbe l’apice della popolarità,[24] a fianco delle correnti pop e rap dell’epoca.[25] Il genere cominciò ad attirare l’attenzione del pubblico e delle classifiche, specie dopo la contestata terza edizione di Woodstock, in cui si esibirono artisti associati all’ormai consolidato stile musicale, tra cui Kid Rock, gli emergenti Limp Bizkit, i Rage Against the Machine e i Reveille.[26] L’artista pop punk Jeff Brogowski disse al giornale The Morning Call nel 1999 che "il rap metal peccava di machismo e simpatia per il disordine e la violenza, come dimostrato dalle ultime vicende di Woodstock, che qualcosa di insolito era diventato all’ordine del giorno, forse in associazione alla prosperità economica di allora, un po’ come era accaduto con le virili formazioni hard rock negli anni ottanta."[27]

Nel 1999 i Limp Bizkit pubblicarono il secondo album in studio Significant Other, che raggiunse il primo posto della classifica Billboard 200, vendendo 643,874 copie nella sua prima settimana di uscita,[28] e 335,000 copie nella seconda.[28] Un anno dopo il gruppo pubblicò il seguito Chocolate Starfish and the Hot Dog Flavored Water, che detenne il record annunciato di disco rock più venduto nella sua prima settimana, con più di un milione di copie vendute, di cui 400 000 nel primo giorno, battendo il record detenuto per sette anni dal disco dei Pearl Jam Vs..[29] Nello stesso anno l’album di debutto ufficiale dei Papa Roach, Infest, diventò disco di platino.[30] Anche il gruppo hip hop Cypress Hill inserì basi strumentali metal nell’album del 2000 Skull & Bones, che comprendeva sei tracce in cui i rapper B-Real e Sen Dog furono accompagnati musicalmente da un gruppo di supporto, formato dai membri dei Fear Factory Christian Olde Wolbers e Dino Cazares, e il batterista dei Rage Against the Machine Brad Wilk.[31] B-Real formò anche un gruppo rap metal, i Kush, con Wolbers, il batterista dei Fear Factory Raymond Herrera e il chitarrista dei Deftones Stephen Carpenter.[32][33] Anche il gruppo SX-10, formato nel 1996 da Sen Dog, sperimentò sonorità rap rock e rap metal.[34]

Nel 2000 si fece conoscere anche il gruppo rap metal P.O.D., il cui album del 1999 The Fundamental Elements of Southtown ottenne un disco di platino.[35][36] Nello stesso anno esordirono i Linkin Park con Hybrid Theory, ancora oggi considerato l’album d’esordio più venduto del XXI secolo e del genere nu metal.[37] L’album fu il più venduto del 2001, superando in vendite le boy band Backstreet Boys ed NSYNC,[38] e il gruppo vinse un Grammy Award col secondo singolo "Crawling".[39] Il singolo "In the End", pubblicato alla fine del 2001, diventò uno dei brani più celebri degli anni zero.[40][41] Anche i Crazy Town contribuirono alla popolarità dei generi rap metal e nu metal, col loro album d’esordio del 1999 The Gift of Game, soprattutto col singolo Butterfly, che raggiunse il primo posto in molte classifiche di quel periodo, compresa la Billboard Hot 100 nel marzo del 2001, restando nei primi cento posti per 23 settimane.[42][43][44] L’album The Gift of Game raggiunse la nona posizione della classifica Billboard 200, e a livello mondiale ha venduto più di due milioni e mezzo di copie,[45] di cui oltre metà negli Stati Uniti.[46] Nel 2001 l’album dei Saliva Every Six Seconds ottenne risultati simili, debuttando al sesto posto della classifica Billboard 200. Nello stesso anno i P.O.D. pubblicarono l’album Satellite, che negli Stati Uniti ottenne tre dischi di platino,[47] e raggiunse la sesta posizione della classifica Billboard 200.[48]

Nel 2003 i Linkin Park pubblicarono il secondo album Meteora, che raggiunse il primo posto della classifica Billboard 200[49] e vendette 810,000 copie nella prima settimana di pubblicazione.[50] Nei soli Stati Uniti Meteora ha venduto 6,100,000 copie.[51]

Anni 2010: il trap metal[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla nuova tendenza della trap negli anni 2010, si è sviluppato il nuovo filone del trap metal, che consiste in un beat trap molto dark e cantato in scream o growl o comunque urlato. Gli artisti di maggiore spunta sono XXXTentacion, Scarlxrd, Ghostemane, Bones, Prxjek e i $uicideboy$.

Sottogeneri[modifica | modifica wikitesto]

Trap metal[modifica | modifica wikitesto]

Il trap metal (conosciuto anche come scream rap o death rap)[52] è un genere che combina elementi della musica trap e dell'heavy metal,[53], spesso con influenze industrial[54] e nu metal.[55] È caratterizzato da beat distorti, flow hip hop e riff chitarristici heavy metal.[56][57] Il rapper britannico Scarlxrd è spesso associato al trap metal e ne è considerato pioniere.[58][59][60][61] Fra gli altri artisti associati a questo genere, Bone Crew,[62] Ghostemane,[61] Bones,[61], ZillaKami,[63] City Morgue,[64] Suicideboys[52] e i primi XXXTentacion e 6ix9ine.[65]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d allmusic.com - Rap metal
  2. ^ a b Alex Henderson, Rap-Metal, su AllMusic. URL consultato il 24 giugno 2008.
  3. ^ Stephen Thomas Erlewine, Review of Licensed to Ill, su AllMusic. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  4. ^ Steve Huey, Review of Black Sunday, su AllMusic. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  5. ^ Cheryl Lynette Keyes, Blending and Shaping Styles: Rap and Other Musical Voices, in Rap Music and Street Consciousness, University of Illinois Press, 2002, p. 108, ISBN 978-0-252-07201-7.
  6. ^ William E. Ketchum III, Mayor Esham? What?, in Metro Times, Detroit, Michigan, 15 ottobre 2008. URL consultato il 16 ottobre 2008.
  7. ^ Biography of Run-D.M.C., su AllMusic. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  8. ^ 24-7 Spyz! Threw reggae, rap, metal and positive vibes into a blender, then drank in the musical mix, in Rocky Mountain News, 22 novembre 1991. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  9. ^ Faith No More has more faith than its record company bargained for, in San Jose Mercury News, 31 luglio 1990. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  10. ^ Archived copy, su thenationalstudent.com. URL consultato il 1º luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2013).
  11. ^ Artantica - Urban Dance Squad - Songs, Reviews, Credits - AllMusic, su AllMusic. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  12. ^ Thane Peterson, How Corrosive Is Heavy Metal?, in BusinessWeek, 26 settembre 2000. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  13. ^ Jonathan Gold, Anthrax, Public Enemy Fuse Rap, Metal, in Los Angeles Times, 21 ottobre 1991. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  14. ^ The Top 10 Christian Metal Bands, su OC Weekly. URL consultato il 13 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2016).
  15. ^ Review: Psycho Surgery - Tourniquet - Cassette | Cross Rhythms, su www.crossrhythms.co.uk. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  16. ^ Mojo's Working — Rap-Rock Pioneers Are Back, in Columbus Ledger-Enquirer, 13 aprile 2006. URL consultato il 9 dicembre 2008.
  17. ^ Brad Barnes, Rap-rock pioneers have their 'Mojo' workin', in Columbus Ledger-Enquirer, 19 aprile 2006. URL consultato il 9 dicembre 2008.
  18. ^ [[[:Template:BillboardURLbyName]] Faith No More Album & Song Chart History], in Billboard, Prometheus Global Media.
  19. ^ Raging Sales Put Rage Atop Billboard 200, in Billboard.com, 11 novembre 1999. URL consultato il 30 ottobre 2008.
  20. ^ RIAA - Gold & Platinum: Searchable Database, Recording Industry Association of America. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  21. ^ a b c RIAA Certifications for albums by Kid Rock: Gold and Platinum, in RIAA.com, Recording Industry Association of America. URL consultato il 22 luglio 2008.
  22. ^ Allmusic review, su allmusic.com.
  23. ^ [ Rap metal, p. RA1-PA128. Billboard]. URL consultato il 14 marzo 2012.
  24. ^ https://www.allmusic.com/album/side-show-freaks-mw0000791273
  25. ^ https://www.newspapers.com/newspage/211102141/
  26. ^ Marley Brant, [ Rap metal, p. 236. Join Together: Forty Years of the Rock Music Festival], New York City, Backbeat Books, 2008, ISBN 978-0-87930-926-8. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  27. ^ Ed Condran, Pop-punk Band Lawndarts Makes A Point Of Having Fun, in The Morning Call, 17 dicembre 1999. URL consultato il 28 aprile 2017.
  28. ^ a b Colin Devenish, Limp Bizkit, St. Martin's, 2000, pp. 95–113, ISBN 0-312-26349-X.
  29. ^ Lori Reese, Bizkit in Gravy | Music, in Entertainment Weekly, 24 ottobre 2000. URL consultato il 29 luglio 2010.
  30. ^ B. Reesman, "Sustaining the success", Billboard, June 23, 2001, 113 (25), p. 25.
  31. ^ John Gill, Cypress Hill Digs Up "Bones" With Rap And Rock, MTV, 10 marzo 2000. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  32. ^ Corey Moss, With Kush Record Done, B-Real Keepin' Real Busy, MTV News, 23 aprile 2002. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  33. ^ Ryan J Downey, B-Real Finishing Up Kush LP, Going Grimmer For Next Cypress Hill Album, MTV News, 27 novembre 2002. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  34. ^ (ES) SX10 tocará hoy en el DanZoo, in La Jornada, México, 24 maggio 2003. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  35. ^ The Fundamental Elements of Southtown - P.O.D. : Awards, su AllMusic, 17 agosto 1999. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  36. ^ Billboard 200 Albums - 2000 Year End Charts: 141 - 160 | Billboard, su billboard.com. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  37. ^ Linkin Park - Hybrid Theory (staff review), su Sputnikmusic, 2 settembre 2006. URL consultato il 27 agosto 2012.
  38. ^ Kelefa Sanneh, MUSIC; New Ideas From the Top of the Charts, in New York Times, 31 marzo 2002.
  39. ^ Complete List Of Grammy Nominees, CBS News, 11 febbraio 2009. URL consultato il 27 agosto 2012.
  40. ^ The 500 Greatest Songs Since You Were Born, su blender.com. URL consultato il 4 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2009).
  41. ^ Billboard Music Charts - Latest Music News - Music Videos, su billboard.com. URL consultato il 24 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2008).
  42. ^ Crazy Town - Chart History, in Billboard.
  43. ^ Crazy Town, in MTV Artists. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  44. ^ The Gift of Game, in AllMusic. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  45. ^ Melodic.net – Darkhorse review
  46. ^ 10/Jan/2002 Allbusiness.com – Billboard Bits: Crazy Town, Nelly, Ny Metropolis Fest
  47. ^ Jeckell, Barry A., Satellite is certified triple-platinum, in Billboard, 19 settembre 2002. URL consultato il 31 dicembre 2007.
    «The triple-platinum milestone was recently reached by hard rock act P.O.D.'s year-old "Satellite" (Atlantic)».
  48. ^ [[[:Template:BillboardURLbyName]] P.O.D. Billboard Albums Chart], billboard.com.
  49. ^ Linkin Park's 'Meteora' Crashes Chart At No. 1, in Billboard, 2 aprile 2003.
  50. ^ Joe D'Angelo, Linkin Park Make Meteoric Debut On Billboard Chart, MTV, 2 aprile 2003.
  51. ^ Gary Trust, Ask Billboard: With Nico & Vinz, Norway Continues U.S. Chart Invasion, in Billboard, 24 giugno 2014.
  52. ^ a b (EN) JIAH JEWELL, $UICIDEBOY$ GET DARK IN “I WANT TO DIE IN NEW ORLEANS”, su The Nevada Sagebrush. URL consultato il 23 settembre 2018.
  53. ^ (EN) Luke Morton, Scarlxrd: The new sound of the underground, su Metal Hammer. URL consultato il 23 settembre 2018.
  54. ^ (EN) Luke Morton, I witnessed the death of genres, su Metal Hammer.
  55. ^ (EN) Lottie Cook, LIVE REVIEW: Reading Festival @ Little John’s Farm, Reading (26/08/2018), su deadpress.co.uk. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  56. ^ https://www.loudersound.com/features/jonathan-davis-on-the-new-korn-album-his-solo-record-trap-metal-and-world-music
  57. ^ (EN) Scarlxrd, in Metal Hammer, 19 luglio 2018.
  58. ^ (EN) NEWS: Scarlxrd drops video for brand new track, ‘I Need Space’!, su deadpress.co.uk. URL consultato il 14 ottobre 2018.
  59. ^ (EN) Unleash your fury with trap metal revolutionary SCARLXRD’s explosive ‘DXXM’ - AFROPUNK, su afropunk.com, 23 maggio 2018.
  60. ^ (EN) Scarlxrd: The new sound of the underground, su loudersound.com.
  61. ^ a b c (EN) Brii Jamieson, This is Trap Metal, in Kerrang!, 23 maggio 2018.
  62. ^ (EN) Zach Redrup, NEWS: Fronz (Attila) unveils new trap metal project, Bone Crew!, su deadpress.co.uk. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  63. ^ (EN) CHARLES AARON, Review: Rapper Tekashi 6ix9ine Takes Dodgy Stage Dive Into Fame on ‘Day 69’, su Rolling Stone. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  64. ^ (EN) Riccardo Zagaglia, Migliori album 2018. La classifica di Riccardo Zagaglia, su sentireascoltare.com. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  65. ^ https://hypebeast.com/2017/8/10-new-rappers-2017-trippie-redd-matt-ox-killy-global-dan?amp=1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]