Ghostemane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghostemane
Ghostemane live at Adelaide Hall (38509308356).png
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereUnderground hip hop[1]
Trap metal[2]
Horrorcore[3]
Hardcore hip hop[4]
Industrial metal[5]
Nu metal
Periodo di attività musicale2010 – in attività
Strumentovoce, chitarra, batteria
Album pubblicati10
Studio8
Raccolte1
Sito ufficiale

Ghostemane, pseudonimo di Eric Whitney (Lake Worth, 15 aprile 1991), è un cantante statunitense. Cresciuto in Florida, Ghostemane ha suonato originariamente per alcune band hardcore punk e doom metal locali.[6][7] Si è trasferito a Los Angeles, in California, dopo aver iniziato la sua carriera da rapper e alla fine ha ottenuto il successo nell'underground.

La fusione di trap e metal di Ghostemane gli ha fatto guadagnare popolarità sulla piattaforma online SoundCloud, insieme ad altri artisti underground come Scarlxrd, Bones e Suicideboys. Nel 2018 Ghostemane ha pubblicato l'album N/O/I/S/E, caratterizzato dalla forte influenza di gruppi di musica industriale e nu metal.[8]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eric Whitney è nato il 15 aprile 1991 a Lake Worth, in Florida, da genitori di New York.[9] Whitney è cresciuto a West Palm Beach, in Florida. Da adolescente era principalmente interessato alla musica hardcore punk, ha imparato a suonare la chitarra e si è esibito in diverse band, tra cui Nemesis e Seven Serpents.[6][10] Ha giocato a calcio fino alle superiori, praticamente costretto dal padre, che morì quando Whitney aveva diciassette anni.[9] Whitney è stato introdotto alla musica rap durante il suo periodo quale chitarrista della band hardcore punk Nemesis, quando un compagno di band lo presentò al genere musicale.[6]

Ghostemane nel 2017

Whitney si è laureato all'università dopo aver studiato astrofisica e in seguito ha ricoperto un incarico piuttosto redditizio (circa 65.000 dollari all'anno).[9] Nel 2015 si è trasferito a Los Angeles, in California, a causa della poca prosperità nel sud della Florida, rinunciando contemporaneamente al lavoro.[7] Dopo aver conosciuto JGRXXN, Whitney si è unito al suo collettivo Schemaposse, insieme ad artisti come Lil Peep e Craig Xen.[10]

Nell'aprile 2016, Schemaposse si è sciolta lasciando Ghostemane non associato a nessun gruppo.[11] Alla fine Whitney iniziò a frequentare il popolare gruppo underground dei Suicideboys e il collega rapper Pouya.[12]Nell'aprile 2017, Pouya ha pubblicato il video musicale di 1000 Rounds con Ghostemane.[13] Il video è diventato rapidamente virale e da dicembre 2018 ha raggiunto quasi 14 milioni di visualizzazioni.[14]Nel maggio 2018, Pouya ha annunciato un mixtape collaborativo in produzione con Ghostemane.[15]

Nell'ottobre 2018 ha collaborato con Zubin per pubblicare una traccia intitolata Broken.[16]

Sempre nel 2018 ha pubblicato un album intitolato N/O/I/S/E, di cui molte canzoni sono influenzate da industrial metal e nu metal.

Nel 2020, pubblica Anti-Icon.

Stile e influenze[modifica | modifica wikitesto]

I testi di Whitney si concentrano sull'occultismo, la depressione, il nichilismo e la morte. Ghostemane ha iniziato la sua carriera come musicista suonando la chitarra in alcuni gruppi hardcore punk e la batteria in band doom metal[7] e ha dichiarato che la sua più grande influenza è la band black metal svedese Bathory.[6] Ha passato la maggior parte della sua adolescenza ad ascoltare band metal come Deicide, Death, Carcass e Mayhem.[17] In termini di musica rap, Whitney è stato influenzato da alcuni southern rapper come OutKast e Three 6 Mafia.[18]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – Oogabooga
  • 2015 – For the Aspiring Occultist
  • 2016 – Rituals
  • 2016 – Blackmage
  • 2016 – Plagues
  • 2017 – Hexada
  • 2018 – N/O/I/S/E
  • 2020 – Anti-Icon

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – Astral Kreepin (Resurrected Hitz)
  • 2019 – Hiadica

Mixtape[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 – Blunts n' Brass Monkey
  • 2014 – Taboo

EP e altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 – From The Neighborhood (con i Nemesis)
  • 2014 - 1991 (come ILL BiZ)
  • 2015 – Ghoste Tales
  • 2015 – Dogma
  • 2015 – Kreep
  • 2015 – GrxxnGhosteNagrom (con JGRXXN e Nedarb)
  • 2015 – Seven Serpents EP (con i Seven Serpents)
  • 2015 – Pallbearers: Tales From The Grave (con Dj Killa C)
  • 2016 – Elemental (con JGRXXN e Lil Peep)
  • 2016 – Dæmon (con Nedarb)
  • 2016 – EP (come Baader-Meinhof)
  • 2016 – Dæmon II (con Nedarb)
  • 2017 – Dæmon III (con Nedarb)
  • 2018 – Dahlia I (con Getter)
  • 2018 – Www (come GASM)
  • 2019 – Evil Beneath a Veil of Justice (come Baader-Meinhof)
  • 2019 – Fear Network
  • 2019 – Opium
  • 2019 – Human Err0r (con Parv0)
  • 2019 – Digital Demons (con Nolife)
  • 2020 - Baader-Meinhof EP (come Baader-Meinhof)
  • 2021 - Music from The Motion Picture (come Eric Ghoste)
  • 2021 - LXRDMAGE (con Scarlxrd)
  • 2021 - Fear Network II

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Thanks To Ghostemane, Industrial And Metal Are Rap Now, su stereogum.com. URL consultato il 13 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Ghostemane – underground hip-hop with black metal spirit, su ghashofmidgard.wordpress.com. URL consultato il 27 marzo 2018.
  3. ^ (EN) Ghostemane’s Hardcore Past Inspired His Underground Rap Presence, su stayloud.skullcandy.com. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2019).
  4. ^ (EN) Horrorcore is rap’s monstrous creation that refuses to die, su avclub.com. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) 45 MOST ANTICIPATED ALBUMS OF 2019, su revolvermag.com. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  6. ^ a b c d Thanks To Ghostemane, Industrial And Metal Are Rap Now, su Stereogum, 13 settembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  7. ^ a b c (EN) Ghostemane’s Hardcore Past Inspired His Underground Rap Presence, su Stay Loud Skullcandy.com, 29 agosto 2017. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2019).
  8. ^ (EN) Ghostsmane Surprise-Releases New Album 'N/O/I/S/E' a Week Early, su Revolver, 10 ottobre 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  9. ^ a b c Kinda Neat, KINDA NEAT EPISODE 110: GHOSTEMANE. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  10. ^ a b (EN) Underground Hype: GHOSTEMANE – The Blow Up – A Place for the Independent Artist, su theblowup.co. URL consultato il 18 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2019).
  11. ^ No Jumper, No Jumper - The Schema Posse Interview. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  12. ^ (EN) Music For The Aspiring Occultist: Ghostemane and the Collision of Metal and Underground Rap, su Heavy Blog Is Heavy, 14 novembre 2016. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  13. ^ Pouya & Ghostemane "1000 Rounds" Video, su HotNewHipHop. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  14. ^ Buffet Boys, Pouya x Ghostemane - 1000 Rounds [Music Video]. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  15. ^ Pouya Announces Collab Mixtape With Ghostemane, Previews New Single, su HotNewHipHop. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  16. ^ (EN) Ghostemane and Zubin team up on “Broken”, su The FADER. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  17. ^ (EN) Interview: rapper Ghostemane talks death metal influencesMetal Insider, su Metal Insider, 23 agosto 2016. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  18. ^ (EN) unsignedhype.orgAuthor, GHOSTEMANE Interview With Independent Grind, su unsignedhype.org. URL consultato il 21 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2019).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]