Meteora (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Meteora
ArtistaLinkin Park
Tipo albumStudio
Pubblicazione25 marzo 2003
Durata36:30
Dischi1
Tracce13
GenereNu metal[1]
Alternative metal[2]
Rap rock[2][3]
EtichettaWarner Bros., Machine Shop
ProduttoreDon Gilmore, Linkin Park
Registrazione2001–2002, NRG Recording Studios, North Hollywood (California)
FormatiCD, CD+DVD, 2 LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[4]
(vendite: 20 000+)
Belgio Belgio[5]
(vendite: 10 000+)
Finlandia Finlandia[6]
(vendite: 10 000+)
Grecia Grecia[7]
(vendite: 10 000+)
Messico Messico[8]
(vendite: 75 000+)
Russia Russia[9]
(vendite: 10 000+)
Svezia Svezia[10]
(vendite: 20 000+)
Ungheria Ungheria[11]
(vendite: 15 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (4)[12]
(vendite: 280 000+)
Austria Austria[13]
(vendite: 15 000+)
Brasile Brasile[14]
(vendite: 40 000+)
Canada Canada (4)[15]
(vendite: 400 000+)
Danimarca Danimarca (3)[16]
(vendite: 60 000+)
Europa Europa (3)[17]
(vendite: 3 000 000+)
Francia Francia (2)[18]
(vendite: 400 000+)
Germania Germania (4)[19]
(vendite: 800 000+)
Giappone Giappone[20]
(vendite: 250 000+)
Italia Italia[21]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[22]
(vendite: 30 000+)
Polonia Polonia[23]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[24]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (7)[25]
(vendite: 7 000 000+)
Svizzera Svizzera[26]
(vendite: 40 000+)
Linkin Park - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2003)
Logo
Logo del disco Meteora
Singoli
  1. Somewhere I Belong
    Pubblicato: 17 marzo 2003
  2. Faint
    Pubblicato: 9 giugno 2003
  3. Numb
    Pubblicato: 8 settembre 2003
  4. From the Inside
    Pubblicato: 12 gennaio 2004
  5. Breaking the Habit
    Pubblicato: 14 giugno 2004

Meteora è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense Linkin Park, pubblicato il 25 marzo 2003 dalla Warner Bros. Records.[27]

Si tratta del primo album registrato dal gruppo con il bassista Phoenix (se si esclude l'album di remix Reanimation del 2002). Il titolo dell'album trae ispirazione da una serie di monasteri situati in Grecia, di cui il gruppo venne a sapere nel 2002 durante un tour europeo.[28]

A fine 2003 ha venduto oltre 7 milioni di copie in tutto il mondo, risultando il quarto album più venduto dell'anno;[29] al 2011 ha venduto oltre 12 milioni di copie.[30]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo dell'album d'esordio Hybrid Theory, i Linkin Park cominciarono subito a lavorare su un secondo album in studio. I primi brani furono scritti nello studio di Mike Shinoda, nel quale il gruppo lavorò in coppie alterne durante la scrittura dei testi, coinvolgendo Shinoda nella preparazione di tutti i brani. La registrazione delle tracce fece ampio uso di Pro Tools, in contemporanea con la scrittura tradizionale in studio. Nel giro di otto mesi il gruppo aveva già scritto circa ottanta diversi demo.[31]

A giugno terminò la preproduzione e il gruppo passò subito alla fase lavorativa definitiva. I Linkin Park affidarono la guida della produzione nuovamente a Don Gilmore. Al momento della pubblicazione di Reanimation, avvenuta nel luglio 2002, il gruppo aveva già cominciato a scrivere i testi definitivi e il mese seguente entrò negli NRG Recording Studios per registrare il materiale.[32][33][34]

Tematiche e stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Come il precedente Hybrid Theory, Meteora racchiude più generi differenti tra loro, passando dal nu metal,[35][36] al rap metal/rap rock,[36][37] con l'aggiunta di elementi rock alternativo e alternative metal.[38]

Tra i tredici brani che compongono il disco è presente anche Breaking the Habit, che si differenzia dai restanti per la presenza di strumenti ad arco e pianoforte reali; riguardo al brano, Shinoda ha affermato che si tratta di un brano molto importante per il gruppo e che ha richiesto cinque anni per la sua scrittura.[37]

Dal punto di vista dei testi, le tematiche affrontate in Meteora trattano la depressione, la rabbia e la sofferenza. Il cantante Chester Bennington, al riguardo, spiegò ad MTV:[39]

«Non parliamo di situazioni, ma di emozioni celate dietro le situazioni stesse. Io e Mike siamo persone diverse, perciò non possiamo parlare delle stesse cose, ma entrambi conosciamo frustrazione, rabbia, solitudine, amore e felicità, e da questo punto di vista andiamo d'accordo.»

Nella stessa intervista, Shinoda spiegò che l'intenzione dei Linkin Park era di «persuaderci l'un l'altro a trovare nuovi modi per essere creativi [...] Volevamo dare un buon esempio con ciascuna canzone, in modo che potesse restare a mente – qualcosa che non si fosse mai sentito prima».[39]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

In anticipazione all'album i Linkin Park organizzarono l'LP Underground Tour, tournée riservata esclusivamente agli iscritti al loro fan club. Iniziato a Milano il 23 febbraio,[40] il tour si concluse con due date a Los Angeles a ridosso dell'uscita di Meteora.[41]

Meteora fu commercializzato in edizione standard e speciale, quest'ultima presentata in un cofanetto contenente l'edizione digipak dell'album e un DVD con il dietro le quinte della realizzazione dello stesso. Pochi giorni prima dell'uscita dell'album, il gruppo pubblicò il primo singolo Somewhere I Belong, il cui videoclip (diretto dal DJ Joe Hahn) venne premiato come miglior video rock agli MTV Video Music Awards 2003.[42]

Nel mese di maggio la strumentale Session fu inclusa nella colonna sonora del film Matrix Reloaded,[43] mentre il mese seguente fu estratto come secondo singolo Faint, il cui video fu girato da Mark Romanek verso la fine di aprile.[44]

Altri singoli estratti dall'album furono Numb, From the Inside (pubblicato solo in Europa) e Breaking the Habit. Il videoclip di quest'ultimo (diretto da Hahn e Kazuto Nakazawa e disegnato in stile anime dagli stessi registi insieme a Shinoda) ebbe il premio di video preferito dagli spettatori in occasione degli MTV Video Music Awards 2004.[45]

Nel 2004 uscì la "Tour Edition", destinata al mercato asiatico. Il disco contiene un DVD aggiuntivo che mostra tutti i video estratti dall'album (ad esclusione di quello di From the Inside, in quanto il singolo uscì soltanto in Europa).[46]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Meteora ricevette un'accoglienza generalmente positiva, sebbene i critici specializzati hanno evidenziato uno stile musicale poco originale e molto simile al precedente Hybrid Theory. Il punteggio complessivo di Metacritic è 62.[47]

David Jenison del sito E! elogiò l'album, assegnandogli il punteggio massimo.[48] Tom Sinclair di Entertainment Weekly ha spiegato come il gruppo e il produttore Don Gilmore siano stati in grado di «costruire un album fragoroso e sinergico che mescola perfettamente i diversi elementi sonori del gruppo in una perfezione radiofonica».[49] Dan Gennoe di Dotmusic ha definito l'album una «fonte garantita di singoli onnipresenti», assegnando un punteggio di 8/10.[50]

Stephen Thomas Erlewine di AllMusic, dando all'album tre stelle su cinque, lo ha definito «né più né meno che una specie di Hybrid Theory 2», notando tuttavia che «il gruppo ha classe e abilità di realizzazione, fermandosi a 36 minuti e 41 secondi, una mossa che lo rende decisamente più ascoltabile di altri prodotti simili e, per estensione, più potente, dal momento che il gruppo sa dove concentrare le proprie energie, cosa che molti gruppi di genere non fanno».[2] La rivista Billboard spiegò come l'album non presentasse nulla di eclatante a livello di innovazione ma ritenendolo «un prodotto perfetto per la gente»,[51] fatto condiviso anche dal New Musical Express.[52]

La rivista Q recensì negativamente Meteora, definendolo «un esercizio di marketing più che un prodotto di buon livello artistico».[47]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche dei Linkin Park, eccetto dove indicato.

  1. Foreword – 0:13
  2. Don't Stay – 3:07
  3. Somewhere I Belong – 3:33
  4. Lying from You – 2:55
  5. Hit the Floor – 2:44
  6. Easier to Run – 3:24
  7. Faint – 2:42
  8. Figure.09 – 3:17
  9. Breaking the Habit – 3:16
  10. From the Inside – 2:53
  11. Nobody's Listening – 2:58
  12. Session – 2:23
  13. Numb – 3:05
Tracce bonus nell'edizione digitale[53]
  1. Lying from You (Live LP Underground Tour 2003) – 3:04
  2. From the Inside (Live LP Underground Tour 2003) – 2:55
  3. Easier to Run (Live LP Underground Tour 2003) – 3:22
Tracce bonus nell'edizione deluxe di iTunes[54]
  1. Step Up (Live) – 4:14 (Mike Shinoda, Joe Hahn, Brad Delson)
  2. Somewhere I Belong (Live at Milton Keynes) – 3:41
DVD bonus presente nell'edizione speciale
  1. The Making of Meteora – 34:18
DVD bonus presente nella Tour Edition
  1. Somewhere I Belong – 3:35
  2. Faint – 2:44
  3. Numb – 3:07
  4. Breaking the Habit – 3:18
Contenuti multimediali
  • "The Art of Meteora"
  • Website Toolkit
  • Exclusive Access Media to Web-Based Media

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • David Campbell – arrangiamento strumenti ad arco (tracce 7 e 9)
  • Joel Derouin – violino (tracce 7 e 9)
  • Charlie Bisharat – violino (tracce 7 e 9)
  • Alyssa Park – violino (tracce 7 e 9)
  • Sara Parkins – violino (tracce 7 e 9)
  • Michelle Richards – violino (tracce 7 e 9)
  • Mark Robertson – violino (tracce 7 e 9)
  • Evan Wilson – viola (tracce 7 e 9)
  • Bob Becker – viola (tracce 7 e 9)
  • Larry Corbett – violoncello (tracce 7 e 9)
  • Dan Smith – violoncello (tracce 7 e 9)
  • David Zassloff – shakuhachi (traccia 11)
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
Australia[64] 14
Austria[65] 14
Belgio (Fiandre)[66] 14
Belgio (Vallonia)[67] 10
Finlandia[68] 49
Francia[69] 22
Germania[70] 7
Italia[71] 27
Nuova Zelanda[72] 20
Paesi Bassi[73] 42
Regno Unito[74] 35
Stati Uniti[75] 6
Svezia[76] 31
Svizzera[77] 8
Ungheria[78] 23

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Linkin Park - Meteora, su rockline.it. URL consultato il 15 luglio 2012.
  2. ^ a b c (EN) Stephen Thomas Erlewine, Meteora, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  3. ^ (EN) Linkin Park Meteora Album Review, Rolling Stone, 4 aprile 2003. URL consultato l'11 luglio 2015.
  4. ^ (ES) CAPIF – Representando a la Industria Argentina de la Música[collegamento interrotto], Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 20 luglio 2012.
  5. ^ (NL) Belgium Awards 2003, Ultratop. URL consultato il 20 luglio 2012.
  6. ^ (FI) Musiikkituottajat – Tilastot – Kulta- ja platinalevyt, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 luglio 2012.
  7. ^ (EL) Top 75 Combined Repertoire (Albums): 30/11-06/12 2003, IFPI Greece. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2003).
  8. ^ (ES) Certificaciones, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 12 maggio 2018. Digitare "Meteora" in "Título".
  9. ^ (RU) International 2003, su curie.timeweb.ru. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).
  10. ^ (SV) Certifications 2003 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2012).
  11. ^ (HU) Arany- és platinalemezek › Kereső, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 10 agosto 2017. Digitare "Linkin Park" in "Keresés előadó szerint", dunque premere "Keresés".
  12. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2005 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 20 luglio 2012.
  13. ^ (DE) Linkin Park, Meteora – Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 20 luglio 2012.
  14. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 30 luglio 2017.
  15. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato l'11 luglio 2015.
  16. ^ (DA) Hitlisten. NU, su hitlisterne.dk. URL consultato il 4 marzo 2019.
  17. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 2012, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 luglio 2012.
  18. ^ (FR) French Album Certifications Chart[collegamento interrotto], Disque en France. URL consultato il 20 luglio 2012.
  19. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 4 marzo 2019.
  20. ^ (JA) ゴールド等認定作品一覧 2003年1月~7月, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 20 luglio 2012.
  21. ^ Meteora (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 4 marzo 2019.
  22. ^ (EN) New Zealand Top 50 Albums – Sunday April 20, 2003, Recorded Music NZ. URL consultato il 20 luglio 2012.
  23. ^ (PL) Platynowe płyty CD - Archiwum, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 20 luglio 2012.
  24. ^ (EN) Linkin Park, Meteora, British Phonographic Industry. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  25. ^ (EN) Linkin Park, Meteora – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 16 agosto 2017.
  26. ^ (EN) Awards 2003, Schweizer Hitparade. URL consultato il 20 luglio 2012.
  27. ^ (EN) Linkin Park Name New Album, New Musical Express, 15 gennaio 2003. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  28. ^ Filmato audio Linkin Park - The Making of Meteora, su YouTube. URL consultato l'11 agosto 2014.
  29. ^ (DE) Global Track Chart, su mediatraffic.de. URL consultato il 15 luglio 2012.
  30. ^ (EN) Linkin Park, Fan of Music. URL consultato il 25 luglio 2017.
  31. ^ Filmato audio Linkin Park - A Hybrid Odyssey, su YouTube. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  32. ^ (EN) Studio Spotlight "NRG Studios", Studio Expresso. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  33. ^ (EN) Linkin Park at NRG Studios, NRG Recording Studios. URL consultato il 5 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2012).
  34. ^ (EN) Chester Bennington of Linkin Park Looks Back on "Meteora", Artistdirect, 17 ottobre 2013. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  35. ^ (EN) Linkin Park - Meteora, Sputnikmusic, 17 settembre 2006. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  36. ^ a b (EN) Michael Pementel, The Impact And Legacy Of LINKIN PARK's Work, Metal Injection, 25 luglio 2017. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  37. ^ a b (EN) Kirk Miller e Christina Saraceno, Linkin Park to Drop "Meteora", Rolling Stone, 15 gennaio 2003. URL consultato il 5 gennaio 2018.
  38. ^ (EN) Alex Young, R.I.P. Chester Bennington, Linkin Park singer has died at age of 41, Consequences of Sound, 20 luglio 2017. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  39. ^ a b (EN) Linkin Park: Inconspicuously Huge, MTV. URL consultato il 5 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2015).
  40. ^ (EN) LINKIN PARK: Milan Photos Posted Online, Blabbermouth.net, 25 febbraio 2003. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  41. ^ (EN) Two More New Tours For Linkin Park, Billboard, 27 febbraio 2003. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  42. ^ MTV Video Music Awards | 2003 | Highlights, Winners, Performers and Photos from the 2003 MTV Video Music Awards | MTV.com
  43. ^ (EN) Gil Kaufman, 'Matrix Reloaded' LP To Feature Dave Matthews Remix, Linkin Park, Manson, MTV, 28 marzo 2003. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  44. ^ (EN) Corey Moss, Linkin Park 'Faint' With Anticipation Over New Video, MTV, 9 maggio 2003. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  45. ^ (EN) MTV Video Music Awards 2004, MTV. URL consultato il 17 maggio 2013.
  46. ^ (EN) Meteora (Tour Edition), ARTISTdirect. URL consultato il 17 maggio 2013.
  47. ^ a b (EN) Meteora by Linkin Park, Metacritic. URL consultato il 5 gennaio 2018.
  48. ^ (EN) David Jenison, Linkin Park'd on top Linkin Park'd on Top, E!, 2 aprile 2003. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  49. ^ (EN) Tom Sinclair, Enternainment Weekly, 28 marzo 2003, [Meteora Meteora]. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  50. ^ (EN) Dan Gennoe, Meteora, Dotmusic. URL consultato il 5 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2003).
  51. ^ (EN) Meteora, Billboard. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  52. ^ (EN) Linkin Park : Meteora, New Musical Express, 12 settembre 2005. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  53. ^ Meteora (Bonus Track Version), Google Play. URL consultato il 26 settembre 2014.
  54. ^ Meteora (Deluxe Edition), iTunes. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  55. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Linkin Park - Meteora, Ultratop. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  56. ^ a b (EN) Linkin Park - Meteora, Billboard. URL consultato il 17 settembre 2010.
  57. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurochart, Billboard, 12 aprile 2003, p. 51. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  58. ^ (EL) Top 75 Combined Repertoire (Albums): 30/11-06/12 2003, IFPI Greece. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2003).
  59. ^ (JA) ア・サウザンド・サンズ リンキン・パーク, Oricon. URL consultato il 22 aprile 2013.
  60. ^ (EN) Ireland Albums Top 75 (March 27, 2003) - Music Charts, su acharts.us. URL consultato il 17 settembre 2010.
  61. ^ (PL) Official Retail Sales Chart, OLiS. URL consultato il 17 settembre 2010.
  62. ^ (EN) Linkin Park - Meteora, su chartstats.com. URL consultato il 17 settembre 2010.
  63. ^ (HU) Archívum › Kereső - előadó/cím szerint - Linkin Park, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2013).
  64. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2003, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 marzo 2016.
  65. ^ (DE) Jahreshitparade 2003, austriancharts.at. URL consultato il 10 marzo 2016.
  66. ^ (NL) Jaaroverzichten 2003 (Vl), Ultratop. URL consultato il 10 marzo 2016.
  67. ^ (FR) Jaaroverzichten 2003 (Wa), Ultratop. URL consultato il 10 marzo 2016.
  68. ^ La prima classifica è quella degli album più venduti degli artisti locali nel 2003 in Finlandia, mentre la seconda fa riferimento agli album stranieri:
  69. ^ (FR) Classement Albums – année 2003, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2012).
  70. ^ (EN) Album – Jahrescharts 2003, Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 10 marzo 2016.
  71. ^ Classifiche annuali 2003, Federazione Industria Musicale Italiana, 12 gennaio 2004. URL consultato il 10 marzo 2016.
  72. ^ (EN) Top Selling Albums of 2003, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  73. ^ (NL) Jaaroverzichten 2003, dutchcharts.nl. URL consultato il 10 marzo 2016.
  74. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 2003, Official Charts Company. URL consultato il 10 marzo 2016.
  75. ^ (EN) 2003: Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 10 marzo 2016.
  76. ^ (SV) Årslista Album – År 2003, Sverigetopplistan. URL consultato il 10 marzo 2016.
  77. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2003, Schweizer Hitparade. URL consultato il 10 marzo 2016.
  78. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2003, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 10 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]