Papercut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papercut
Papercut.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaLinkin Park
Tipo albumSingolo
Pubblicazione18 giugno 2001
Durata3:05
Album di provenienzaHybrid Theory
GenereNu metal
Rap rock
EtichettaWarner Bros.
ProduttoreDon Gilmore
Registrazione1999–2000, NRG Recording Studios, North Hollywood (California)
FormatiCD, MC
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[2]
(vendite: 500 000+)
Linkin Park - cronologia
Singolo precedente
(2001)
Singolo successivo
(2001)
Logo
Logo del disco Papercut

Papercut è un singolo del gruppo musicale statunitense Linkin Park, il terzo estratto dal primo album in studio Hybrid Theory e pubblicato il 18 giugno 2001.[3]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Traccia d'apertura dell'album, Papercut parla di chi cerca sempre se stesso all'esterno e accusa gli altri di essere paranoici. Una prima versione di questo brano è presente nel demo Hybrid Theory - 6 Tracks.

Il brano è stato remixato da DJ Cheapshot e da Vin Skully degli Styles of Beyond con il titolo di Ppr:Kut ed inserito nell'album di remix Reanimation, pubblicato nel 2002. Nell'EP Collision Course (realizzato con il rapper Jay-Z e pubblicato nel 2004) è presente un mash-up di Papercut con il brano di Jay-Z Big Pimpin'. Infine, alcune parti di Papercut e di Points of Authority sono state campionate dal DJ Joe Hahn per la realizzazione del brano strumentale Sold My Soul to Yo Mama, presente nell'EP Underground 4.0.

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip, diretto dal DJ del gruppo Joe Hahn e da Nathan "Karma" Cox, mostra il gruppo eseguire il brano in un salone elegante vicino a una stanza buia, sulle pareti della quale sono scritte le parole della canzone. Nel video sono presenti anche elementi soprannaturali e inquietanti realizzati mediante particolari effetti speciali, come ad esempio l'allungamento delle dita di Mike Shinoda e lo scioglimento della faccia di Rob Bourdon.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche dei Linkin Park.

CD promozionale (Europa)
  1. Papercut – 3:05
CD singolo (Germania), MC (Regno Unito)
  1. Papercut – 3:05
  2. Points of Authority (Live) – 3:25
CD maxi-singolo (Australia, Europa)
  1. Papercut – 3:05
  2. Points of Authority (Live) – 3:25
  3. Papercut (Live) – 3:12
  4. Papercut (Video) – 3:13

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Atri musicisti

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2001) Posizione
massima
Austria[5] 43
Germania[5] 49
Paesi Bassi[5] 39
Regno Unito[6] 14
Regno Unito (rock & metal)[7] 1
Scozia[8] 10
Stati Uniti (alternative)[9] 32
Svizzera[5] 80
Classifica (2017) Posizione
massima
Regno Unito (streaming)[10] 58
Stati Uniti (rock)[11] 18
Stati Uniti (rock streaming)[12] 21

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 aprile 2018. Digitare "Papercut" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  2. ^ (EN) Linkin Park, Papercut – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 5 settembre 2017.
  3. ^ (EN) PAPERCUT, Linkin Park. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2014).
  4. ^ (EN) Linkin Park Papercut Promotional Video Secrets, Forfeit the Game. URL consultato il 19 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2008).
  5. ^ a b c d (EN) Linkin Park - Papercut, Ultratop. URL consultato il 22 aprile 2013.
  6. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 24 June 2001 - 30 June 2001, Official Charts Company. URL consultato l'11 luglio 2015.
  7. ^ (EN) Official Rock & Metal Singles Chart Top 40: 24 June 2001 - 30 June 2001, Official Charts Company. URL consultato l'11 luglio 2015.
  8. ^ (EN) Official Scottish Singles Chart Top 100: 24 June 2001 - 30 June 2001, Official Charts Company. URL consultato l'11 luglio 2015.
  9. ^ (EN) Papercut - Linkin Park, Billboard. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  10. ^ (EN) Official Audio Streaming Chart Top 100: 28 July 2017 - 03 August 2017, Official Charts Company. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  11. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Hot Rock Songs), Billboard. URL consultato il 5 agosto 2017.
  12. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Rock Streaming Songs), Billboard. URL consultato il 5 agosto 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]