Road to Revolution: Live at Milton Keynes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Road to Revolution: Live at Milton Keynes
ArtistaLinkin Park
Tipo albumLive
Pubblicazione24 novembre 2008
Durata77:16 (CD)
84:30 (DVD)
Dischi2 (CD + DVD)
Tracce18 (CD) + 19 (DVD)
GenereAlternative metal[1][2]
Rock alternativo[2]
Nu metal[2]
Rap rock[3]
EtichettaWarner Bros., Machine Shop
ProduttoreEmer Pallen
Registrazione29 giugno 2008, National Bowl, Milton Keynes (Regno Unito)
FormatiCD+DVD, BD, 2 LP+DVD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroItalia Italia[5]
(vendite: 30 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[6]
(vendite: 7 500+)
Svizzera Svizzera[7]
(vendite: 15 000+)
Dischi di platinoGermania Germania[8]
(vendite: 200 000+)
Linkin Park - cronologia
Album precedente
(2007)

Road to Revolution: Live at Milton Keynes è il secondo album dal vivo del gruppo musicale statunitense Linkin Park, pubblicato il 24 novembre 2008 dalla Warner Bros. Records.[9]

Il disco ha venduto 950 000 copie in tutto il mondo.[10] Il 16 aprile 2016, in occasione dell'annuale Record Store Day, l'album è stato pubblicato per la prima volta in formato doppio vinile.[11]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Contiene il concerto tenuto dal gruppo il 29 giugno 2008 al National Bowl di Milton Keynes, a cui hanno assistito oltre 50.000 persone.[12] Al concerto ha partecipato anche il rapper Jay-Z ai brani Numb/Encore e Jigga What/Faint, presenti nell'EP Collision Course (2004).[12] Riguardo al concerto, il frontman Chester Bennington ha commentato:[12]

«Nel corso di questi ultimi anni abbiamo suonato oltre duecento concerti del Projekt Revolution davanti a centinaia di migliaia di fan, e mentre ognuno di quei concerti sono stati speciali, il concerto di Milton Keynes è stato uno dei più memorabili. È stata una di quelle notti in cui sia il gruppo che il pubblico erano un tutt'uno, perciò abbiamo voluto condividere quella esperienza con i fan che non potevano essere lì.»

Il DVD dell'album contiene anche alcuni contenuti nascosti,[12] ovvero le esecuzioni dei brani Somewhere I Belong, Papercut e Points of Authority, scartati dalla scaletta principale del concerto. Inoltre le versioni audio dei primi due brani sono stati inseriti rispettivamente nelle versioni deluxe di Meteora e di Hybrid Theory, pubblicati sull'iTunes Store il 15 gennaio 2013.[13]

La scaletta originaria del concerto indicava che il brano Reading My Eyes (registrato dal gruppo nel 1997 e presente nel demo Xero) avrebbe dovuto essere eseguito, ma per motivi sconosciuti è stato escluso.[14] Fatto analogo anche per Dirt Off Your Shoulder/Lying from You (traccia d'apertura di Collision Course), rimpiazzata però da Lying from You. Bleed It Out invece sarebbe dovuta essere eseguita dopo In the End, ma è stata successivamente spostata come canzone conclusiva del concerto.[14] Dopo Lying from You Shinoda ha eseguito il primo verso di Hands Held High a cappella mentre Pushing Me Away è stata eseguita in versione acustica con Bennington alla voce e Shinoda al pianoforte. Durante Jigga What/Faint Shinoda si dimenticò di prendere in tempo la chitarra (tuttavia la sua parte venne successivamente curata durante le fasi di masterizzazione del disco). Nel DVD invece, durante la performance di Bleed It Out, Bennington e Shinoda eseguono un "singalong" con il pubblico ma venne tagliato dal CD a causa della lunghezza del concerto (in quanto la durata massima di un CD è di 80 minuti). Discorso analogo per Wake, il cui finale è stato utilizzato come sfumatura tra No More Sorrow e Given Up.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche dei Linkin Park, eccetto dove indicato.

CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. One Step Closer – 4:07
  2. From the Inside – 3:24
  3. No More Sorrow – 5:06
  4. Given Up – 3:15
  5. Lying from You – 3:19
  6. Hands Held High – 1:26
  7. Leave Out All the Rest – 3:23
  8. Numb – 3:46
  9. The Little Things Give You Away – 7:19
  10. Breaking the Habit – 4:24
  11. Shadow of the Day – 4:16
  12. Crawling – 4:57
  13. In the End – 3:50
  14. Pushing Me Away – 3:18
  15. What I've Done – 5:01
  16. Numb/Encore (with Jay-Z) – 3:01 (Linkin Park, Shawn Carter, Kanye West)
  17. Jigga What/Faint (with Jay-Z) – 5:10 (Shawn Carter, Jonathan Burks, Timothy Mosley, Linkin Park)
  18. Bleed It Out – 8:14

DVD/BD[modifica | modifica wikitesto]

  1. One Step Closer – 4:13
  2. From the Inside – 3:43
  3. No More Sorrow – 5:45
  4. Wake – 1:33
  5. Given Up – 3:16
  6. Lying from You – 3:18
  7. Hands Held High – 1:26
  8. Leave Out All the Rest – 3:23
  9. Numb – 3:46
  10. The Little Things Give You Away – 7:21
  11. Breaking the Habit – 4:31
  12. Shadow of the Day – 4:16
  13. Crawling – 4:57
  14. In the End – 4:47
  15. Pushing Me Away – 3:18
  16. What I've Done – 5:18
  17. Numb/Encore (with Jay-Z) – 3:01 (Linkin Park, Shawn Carter, Kanye West)
  18. Jigga What/Faint (with Jay-Z) – 5:10 (Shawn Carter, Jonathan Burks, Timothy Mosley, Linkin Park)
  19. Bleed It Out – 11:28
Contenuti aggiuntivi
  1. Somewhere I Belong – 3:41
  2. Papercut – 3:51
  3. Points of Authority – 5:03

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Jay-Z – rapping aggiuntivo in Numb/Encore e Jigga What/Faint
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2008) Posizione
massima
Australia[15] 24
Austria[15] 14
Belgio (Fiandre)[15] 47
Belgio (Vallonia)[15] 28
Danimarca[15] 38
Francia[15] 12
Germania[15] 11
Italia[15] 17
Messico[15] 60
Norvegia[15] 15
Nuova Zelanda[15] 17
Paesi Bassi[15] 54
Portogallo[15] 2
Regno Unito[16] 58
Regno Unito (download)[17] 38
Regno Unito (rock & metal)[18] 4
Scozia[19] 64
Spagna[15] 17
Stati Uniti[20] 41
Stati Uniti (alternative)[21] 8
Stati Uniti (hard rock)[22] 6
Stati Uniti (rock)[23] 12
Svezia[15] 54
Svizzera[15] 16
Classifica (2016) Posizione
massima
Italia (vinili)[24] 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Road to Revolution: Live at Milton Keynes, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 17 giugno 2013.
  2. ^ a b c (EN) Road To Revolution. Live At Milton Keynes Review, Ultimate-Guitar.com, 16 febbraio 2009. URL consultato il 20 agosto 2013.
  3. ^ (PL) Road To Revolution - Live At Milton Keynes, Audio.com.pl. URL consultato il 15 luglio 2015.
  4. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 30 settembre 2013.
  5. ^ Road to Revolution: Live at Milton Keynes (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  6. ^ (EN) Latest Gold / Platinum Albums, Radioscope. URL consultato il 6 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  7. ^ (DE) Edelmetall 2009, Schweizer Hitparade. URL consultato il 4 marzo 2019.
  8. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  9. ^ (EN) LINKIN PARK Moves Up Release Date For 'Road To Revolution' CD/DVD, Blabbermouth.net, 21 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  10. ^ Fan Of Music
  11. ^ (EN) Record Store Day 2016, Linkin Park, 8 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2016 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2016).
  12. ^ a b c d (EN) LINKIN PARK To Release 'Road To Revolution' CD/DVD In November, Blabbermouth.net, 14 ottobre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  13. ^ (EN) LINKIN PARK Mastered for iTunes and Studio Collections, now available, Linkin Park, 15 gennaio 2013. URL consultato l'11 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2013).
  14. ^ a b (EN) Milton Keynes setlist was supposed to be different, Linkin Park Live, 1º marzo 2009. URL consultato il 18 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2012).
  15. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Linkin Park - Road To Revolution - Live At Milton Keynes, Ultratop. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  16. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 30 November 2008 - 06 December 2008, Official Charts Company. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  17. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 30 November 2008 - 06 December 2008, Official Charts Company. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  18. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 30 November 2008 - 06 December 2008, Official Charts Company. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  19. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 30 November 2008 - 06 December 2008, Official Charts Company. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  20. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  21. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Alternative Albums), Billboard. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  22. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Hard Rock Albums), Billboard. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  23. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Top Rock Albums), Billboard. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  24. ^ Classifica settimanale WK 16 (dal 2016-04-15 al 2016-04-21), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 30 luglio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]