One More Light Live

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
One More Light Live
ArtistaLinkin Park
Tipo albumLive
Pubblicazione15 dicembre 2017
Durata67:50
Dischi1
Tracce16
GenereRock alternativo
Pop rock
EtichettaWarner Bros., Machine Shop
Registrazione2017, One More Light World Tour
FormatiCD, 2 LP, download digitale
Linkin Park - cronologia
Album precedente
(2017)
Album successivo

One More Light Live è il terzo album dal vivo del gruppo musicale statunitense Linkin Park, pubblicato il 15 dicembre 2017 dalla Warner Bros. Records.[1]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Contiene una selezione di vari brani eseguiti dal gruppo nel corso del One More Light World Tour insieme al frontman Chester Bennington prima della sua scomparsa avvenuta nel luglio 2017.[2] La decisione di pubblicare l'album è stato dettato dal volere dei restanti componenti dei Linkin Park di omaggiare la vita di Bennington e il suo impegno durante il tour:[3]

« Dedichiamo questo album dal vivo al nostro fratello Chester che ha dato il suo cuore e la sua anima in One More Light. Dopo aver finito di registrare l'album, scherzavamo con Chester sul fatto che – da quando ha realizzato molte esecuzioni formidabili in studio – doveva alzare parecchio l'asticella per produrre tale alchimia sul palco ogni notte. Senza essere sorpreso, ha accettato la sfida. I concerti che abbiamo suonato insieme durante l'inizio dell'estate 2017 erano straordinari. Chester ha condiviso con noi che ciò che sentiva era il miglior tour che avessimo mai fatto. [...] Il suo impegno per portare in vita questi brani era trionfante. Per coloro che hanno avuto modo di partecipare a questo tour di persona, vi ringraziamo. Per coloro che non hanno potuto, speriamo che questo album dal vivo vi offra uno sguardo su quanto fossero stati magici questi concerti per noi sei. »

Nel disco sono presenti sia i principali singoli del gruppo sia tutti i brani tratti dal settimo album One More Light eseguiti dal vivo prima della morte del cantante, tra cui una versione del brano Good Goodbye eseguita insieme al rapper britannico Stormzy.[4]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Per anticipare l'uscita dell'album, i Linkin Park hanno reso disponibile attraverso il proprio canale YouTube i videoclip delle versioni dal vivo di Crawling e di Sharp Edges, usciti rispettivamente il 4 e il 14 dicembre 2017.[5][6]

Il 14 dicembre la stazione radiofonica italiana Virgin Radio ha inoltre trasmesso in anteprima l'intero album in streaming presso il proprio sito.[7]

In occasione dell'annuale Record Store Day, il 21 aprile 2018 l'album è stato commercializzato anche nel formato doppio vinile.[8]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Talking to Myself – 5:16 (Mike Shinoda, Brad Delson, Ilsey Juber, JR Rotem)
  2. Burn It Down – 4:13 (Linkin Park)
  3. Battle Symphony – 3:45 (Mike Shinoda, Brad Delson, Jon Green)
  4. New Divide – 4:30 (Linkin Park)
  5. Invisible – 4:30 (Mike Shinoda, Justin Parker)
  6. Nobody Can Save Me – 3:59 (Mike Shinoda, Brad Delson, Jon Green)
  7. One More Light – 4:19 (Mike Shinoda, Francis White)
  8. Crawling – 3:29 (Linkin Park)
  9. Leave Out All the Rest – 4:50 (Linkin Park)
  10. Good Goodbye (feat. Stormzy) – 4:08 (Mike Shinoda, Brad Delson, Jesse Shatkin, Terrence Thornton, Michael Omari)
  11. What I've Done – 4:33 (Linkin Park)
  12. In the End – 3:48 (Linkin Park)
  13. Sharp Edges – 4:47 (Mike Shinoda, Brad Delson, Ilsey Juber)
  14. Numb – 3:50 (Linkin Park) – contiene una porzione di Encore di Jay-Z[9]
  15. Heavy – 2:56 (Mike Shinoda, Brad Delson, Chester Bennington, Julia Michaels, Justin Tranter)
  16. Bleed It Out – 4:57 (Linkin Park)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Stormzy – voce aggiuntiva (traccia 10)
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2017) Posizione
massima
Australia[10] 20
Austria[10] 11
Belgio (Fiandre)[10] 25
Belgio (Vallonia)[10] 45
Canada[11] 29
Francia[10] 55
Germania[10] 7
Italia[12] 11
Nuova Zelanda[13] 32
Paesi Bassi[10] 10
Polonia[14] 28
Portogallo[10] 15
Regno Unito[15] 32
Regno Unito (download)[16] 36
Regno Unito (physical)[17] 12
Regno Unito (rock & metal)[18] 1
Scozia[19] 40
Stati Uniti[20] 28
Stati Uniti (alternative)[21] 2
Stati Uniti (rock)[22] 3
Svizzera[10] 7
Ungheria[23] 6

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Daniel Kreps, Linkin Park Announce Live Album 'One More Light Live', Rolling Stone, 15 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Molly Fleming, Linkin Park dedicate One More Light live album to Chester Bennington, Metro, 16 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Luke Morgan Britton, Linkin Park announce new live album dedicated to late frontman Chester Bennington, New Musical Express, 15 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Chad Childers, Linkin Park Dedicate 'One More Light: Live' Concert Album to Chester Bennington, Loudwire, 15 novembre 2017. URL consultato il 19 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Daniel Kreps, See Linkin Park's Poignant 'Crawling' From Chester Bennington Posthumous LP, Rolling Stone, 4 dicembre 2017. URL consultato il 14 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) Chad Childers, Linkin Park Release Live Performance Video for 'Sharp Edges', Loudwire, 14 dicembre 2017. URL consultato il 14 dicembre 2017.
  7. ^ Speciale Linkin Park: One More Light Live in anteprima on-air esclusiva giovedì 14 dicembre. Tutte le info, Virgin Radio. URL consultato il 14 dicembre 2017.
  8. ^ (EN) Linkin Park 'One More Light Live' To Be Released On Vinyl For Record Store Day 2018, The Future Heart, 27 febbraio 2018. URL consultato il 20 aprile 2018.
  9. ^ (EN) Note di copertina di One More Light Live, Linkin Park, Warner Bros. Records, CD, 15 dicembre 2017.
  10. ^ a b c d e f g h i (NL) Linkin Park - One More Light Live, Ultratop. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  11. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  12. ^ Classifica settimanale WK 51 (dal 2017-12-15 al 2017-12-21), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  13. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  14. ^ (EN) OLiS - Sales for the period: 15.12.2017 - 28.12.2017, OLiS. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  15. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 22 December 2017 - 28 December 2017, Official Charts Company. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  16. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 22 December 2017 - 28 December 2017, Official Charts Company. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  17. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100: 22 December 2017 - 28 December 2017, Official Charts Company. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  18. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 22 December 2017 - 28 December 2017, Official Charts Company. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  19. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 22 December 2017 - 28 December 2017, Official Charts Company. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  20. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  21. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Alternative Albums), Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  22. ^ (EN) Linkin Park - Chart history (Top Rock Albums), Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  23. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 29 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock