Hybrid Theory (EP)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hybrid Theory
ArtistaLinkin Park, accreditati come Hybrid Theory
Tipo albumEP
Pubblicazione1º maggio 1999
21 novembre 2001 (riedizione)
Durata28:25
Dischi1
Tracce6
GenereNu metal
Rap rock
EtichettaMix Media Entertainment
ProduttoreHybrid Theory
Mike Shinoda (riedizione)
Registrazione1999, studio locale e appartamento di Mike Shinoda[1]
FormatiCD, download digitale
Linkin Park - cronologia
EP precedente
EP successivo
(2002)

Hybrid Theory è il primo EP del gruppo musicale statunitense Linkin Park, al tempo noti come Hybrid Theory, pubblicato il 1º maggio 1999 dalla Mix Media Entertainment.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un'opera indipendente degli Hybrid Theory, nati nel 1999 dall'unione tra gli Xero e Chester Bennington, e poi divenuti Linkin Park nel 2000.

Ad eccezione dell'intermezzo strumentale Technique, eseguito unicamente da Joe Hahn, gli altri brani figurano al basso Kyle Christener, amico del gruppo (Phoenix tornò nei Tasty Snax nel 1998 per poi ritornare nei Linkin Park verso la fine del 2000). Nel disco è presente anche una traccia fantasma, intitolata Ambient ed eseguita dal solo Mike Shinoda.[1] Nel disco avrebbe dovuto essere presente anche il brano Dedicated, inserito successivamente nell'EP Underground V2.0.

Il gruppo poté produrre l'EP grazie a un accordo con l'etichetta Zomba Label Group, dopo che il manager Jeff Blue li aveva sentiti suonare al Whisky a Go Go. Nonostante fosse stato pubblicato in sole 1000 copie, i Linkin Park decisero ugualmente di farlo conoscere attraverso chatroom e contatti con chi avesse provato interesse nelle loro prime registrazioni. Inoltre venne creato un apposito street team su Internet, per far conoscere anche in rete l'EP.[3]

Ristampa[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 novembre 2001 l'EP è stato ristampato dal gruppo come segno di ringraziamento per i fan iscritti al fan club Linkin Park Underground. Le differenze rispetto all'originale risiedono in una maggiore luminosità della copertina, nell'assenza di una didascalia presente nel libretto e nella modifica dei crediti relativi alla produzione.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Carousel – 3:00 (Mike Shinoda, Joe Hahn, Brad Delson, Chester Bennington, Rob Bourdon)
  2. Technique (Short) – 0:40 (Mike Shinoda, Joe Hahn)
  3. Step Up – 3:58 (Mike Shinoda, Joe Hahn, Brad Delson)
  4. And One – 4:33 (Mike Shinoda, Joe Hahn, Brad Delson, Chester Bennington, Rob Bourdon)
  5. High Voltage – 3:31 (Mike Shinoda, Joe Hahn, Brad Delson)
  6. Part of Me – 12:43 (Mike Shinoda, Joe Hahn, Brad Delson, Chester Bennington, Rob Bourdon)include la traccia fantasma Ambient (Mike Shinoda)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Altri utilizzi dei brani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Note di copertina di Hybrid Theory, Hybrid Theory, Mix Media Entertainment, CD, 1º maggio 1999.
  2. ^ (EN) HYBRID THEORY EP (LPU 1), Linkin Park. URL consultato il 25 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2014).
  3. ^ (EN) Greg Saulmon, Linkin Park; Contemporary musicians and their music, The Rosen Publishing Group, 2006, pp. 19–20, ISBN 1-4042-0713-9, , 9781404207134. URL consultato il 28 dicembre 2009.
  4. ^ Hybrid Theory EP (1999), Linkin Park Italia. URL consultato il 5 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]