Faith No More

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Faith No More
Faith No More 2009.jpg
I Faith No More in concerto nel 2009
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereAlternative metal[1]
Rock alternativo[1][2][3]
Rock sperimentale[4]
Crossover rock[5]
Periodo di attività musicale1982 – 1998
2009 – in attività
EtichettaSlash Records
Ipecac Recordings
Album pubblicati14
Studio7
Live1
Raccolte6
Logo ufficiale
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Faith No More sono un gruppo musicale statunitense fondato nel 1982 a San Francisco. Dopo essersi sciolti nel 1998, si riunirono nel 2009 dopo undici anni di inattività.

Il loro stile è un rock alternativo[6] contaminato da elementi funk, thrash, hardcore e rap metal.[1][7] Vengono anche considerati un gruppo crossover, stile che anticiparono di qualche anno,[6][7] nonché esponenti del funk metal, dell'hard rock, e di varie espressioni di musica alternativa.[1]

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo si formò inizialmente come Sharp Young Men nel 1979, col cantante Mike Morris ed il tasterista Wade Worthington. In un secondo momento, al gruppo si aggiunsero Mike Bordin ed il bassista Billy Gould. Morris ha definito il nome "una presa in giro nei confronti di tutti i gruppi "eleganti" del tempo".[8] Successivamente, ha proposto il nome Faith in No Man, che poi venne contratto in Faith No Man su suggerimento di Bordin (rappresentato come Faith. No Man). La band registrò il singolo Quiet in Heaven/Song of Liberty, pubblicato nel 1983. Le canzoni vennero registrate nel garage dei genitori di Matt Wallace, in cui Wallace aveva messo su uno studio di registrazione mentre la band stava registrando acora sotto il nome di Sharp Young Men[9], con Morris, Gould, Bordin e Worthington. Worthington lasciò il gruppo poco dopo.

Il nome della band fu cambiato in Faith No Man per la pubblicazione del singolo, che includeva due su tre canzoni registrate nel garage di Wallace, e Roddy Bottum rimpiazzò Worthington. Bottum, Gould e Bordin lasciarono la band poco dopo e formarono i Faith No More. Scelsero il nome a metà del 1983 per accentuare il fatto che Morris, ossia l'uomo (The Man) non era più nella band (No More). La band suonò con differenti cantanti e chitarristi, tra cui anche Courtney Love per un breve periodo, finché non scelsero Chuck Mosley nel 1983 e, poco dopo, il chitarrista Jim Martin[9]. La prima pubblicazione a nome Faith No More fu una cassetta auto-intitolata nel 1983, che includeva una performance dal vivo di quello stesso anno sul lato A ed uno strumentale di 20 minuti sul lato B.

Nel 1984 le prime registrazioni furono inserite nella compilation tape della tedesca Masking Tapes, poi divenuta Empty Records, dal titolo Numb Tongue No Taste, in cui figuravano alcuni brani degli italiani Crash Box e Dictatrista[10][11].

We Care A Lot e Introduce Yourself[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il cambio di nome, la band iniziò a registrare We Care a Lot senza avere ancora una etichetta e, dopo aver fatto colletta, registrò cinque canzoni. La title track è una satira nei confronti dei concerti di beneficenza come beneficenza come il Live Aid, e della canzone We Are the World di USA For Africa. Queste attirarono l'attenzione di Ruth Schwartz, che allora stava formando l'etichetta indipendente Mordam Records, sotto quale la band, dopo aver ricevuto il finanziamento necessario, finì di registrare il disco. Questa fu la prima pubblicazione ufficiale sia per la band che per l'etichetta.[12]

Nel 1986, la band venne messa sotto contratto dall'etichetta di Los Angeles Slash Records, di Anna Statman.[13] L'etichetta era stata recentemente venduta al gruppo di Warner Music, alla filiale London Records, che garantiva una diffusione ampia per la pubblicazione degli album successivi. Introduce Yourself uscì nell'aprile del 1987, e la versione rinnovata della title-track dell'album precedente, We Care A Lot, incontrò un timido successo su MTV. Tuttavia Mosley iniziava a comportarsi in modo imprevedibile, in particolare durante un problematico tour in Europa nel 1988. Tra i vari incidenti tirò un pugno a Billy Gould sul palco[14], si addormentò durante l'esibizione per il release party per l'album Introduce Yourself, ed uno dei suoi roadies finì per fare a pugni con Martin durante il tour europeo.[9][15] Mosley alla fine fu licenziato e la band ritornò in patria. Gould ha raccontato" C'era un punto in cui andavo alle prove, e Chuck voleva solo suonare canzoni acustiche. Era completamente fuori rotta. Il risultato fu che mi alzai, uscii e lasciai il gruppo. Dissi semplicemente: "Ho chiuso - non ce la faccio più. così è semplicemente ridicolo". Il giorno stesso parlai con Bordin e gli dissi: "Beh, voglio ancora suonare con te". Bottum fece lo stesso. è stato un altro di quegli scenari in cui licenzi qualcuno senza licenziarlo."[9]

L'arrivo di Mike Patton e The Real Thing[modifica | modifica wikitesto]

Mosley fu sostituito da Mike Patton nel 1988, che al tempo cantava con la band del liceo, i Mr. Bungle. Fu reclutato su suggerimento di Martin dopo che questi ascoltò una demo dei Mr Bungle.[16] Secondo quanto racconta Patton, lui e la band si erano già incontrati ad una gig in una "pizzeria" nella sua città, Eureka, in California. Due settimane dopo essersi unito ai Faith No More, aveva già scritto tutti testi delle canzoni che vennero nominate ai Grammy dopo l'uscita di The Real Thing, pubblicato nel giugno del 1989.[15]

Epic è stato pubblicato a gennaio del 1990 e fu un successo da top 10. Il video musicale fu trasmesso frequentemente in rotazione su MTV nel 1990, e fece arrabbiare gli attivisti animalisti per via di uno show motion che mostrava un pesce che si dimenava alla fine del video.[17][18] Lo stesso anno, i Faith No More si esibirono il 6 settembre agli MTV Video Music Awards e parteciparono al 293simo episodio del Saturday Night Live, trasmesso il 1º dicembre.[19] "From Out Of Nowhere" e "Falling To Pieces" furono pubblicati come singoli, ed una cover di "War Pigs" dei Black Sabbath fu inserita nelle versioni del disco non su vinile. Nel 1990, la band fece un tour attraverso tutti gli Stati Uniti, anche di spalla ai Metallica, e The Real Thing divenne disco d'oro in Canada, negli Stati Uniti ed in Sud America. L'album vendette bene anche in Australia, Regno Unito e nel resto d'Europa, per un totale di circa 4 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Nel febbraio del 1991, i Faith No More pubblicarono il loro unico album live ufficiale, Live at the Brixton Academy. L'album includeva due inediti, The Grade e The Cowboy Song. Lo stesso anno, la band ha contribuito alla canzone The Perfect Crime per la colonna sonora del film Un mitico viaggio. Martin fece anche un breve cameo nel film come "Sir James Martin" come capo del "Centro Spiritale e Teologico Faith No More". Dopo il successo mondiale di The Real Thing, anche l'altra band di Patton, i Mr. Bungle, furono messi sotto contratto da parte di Slash e Reprise Records, etichette legate a Warner Bros.[20]

Angel Dust[modifica | modifica wikitesto]

I Faith No More utilizzarono un approccio ancora più sperimentale nel disco successivo, Angel Dust, uscito nel giugno del 1992. Un critico scrisse che l'album è "uno dei dischi più complessi e semplicemente spiazzanti mai pubblicate da una major ed un altro che il singolo A Small Victory, che sembra far passare Madama Butterfly attraverso i Metallica e Nile Rodgers [...] rivela una struttura in via di sviluppo per combinare elementi improbabili in intrugli sorprendentemente originali".[21]

Oltre a A Small Victory, che ricevette una nomination come migliore scenografia agli MTV Video Music Awards, anche le canzoni Midlife Crisis e Everything's Ruined vennero pubblicati come singoli. L'album includeva una ri-registrazione del tema del film Un uomo da marciapiede, e le successive stampe includevano una cover di Easy dei Commodores, che in alcune parti del mondo divenne il più grande successo della band. Angel Dust raggiunse una posizione più elevata sulla Billboard 200 rispetto a The Real Thing, ma non ebbe lo stesso successo commerciale negli Stati Uniti, vendendo 665.000 copie. Le vendite furono superiori rispetto a The Real Thing in molti altri paesi. In Germania, il disco è stato certificato disco d'oro per le vendite di oltre 250.000 copie. L'album ha anche eguagliato le vendite di The Real Thing in Canada (disco di platino) e Australia (disco d'oro), e le ha superato in Paesi Bassi, Francia, Russia e Regno Unito. Le vendite in tutto il mondo furono di circa 3,1 milioni di copie. Il disco venne promosso con un tour a fianco di Metallica e Guns N' Roses.

Il declino e lo scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il tour di supporto ad Angel Dust nell'estate del 1993, il chitarrista di lunga data Martin lasciò la band a causa di conflitti interni, in quanto infelice rispetto alla nuova direzione musicale della band e definendo Angel Dust un "disco gay".[14] Secondo Bottum, Martin venne licenziato via fax.[22] Lo stesso Martin afferma di essersene andato di sua iniziativa.[23] Sia il chitarrista dei Godflesh Justin Broadrick che il chitarrista dei Killing Joke Geordie Walker furono invitati a unirsi ai Faith No More dopo la partenza di Martin, ma rifiutarono.[24] La posizione fu coperta dall'amico e compagno di Mike Patton nei Mr. Bungle, Trey Spruance, e insieme registrarono il loro terzo album in studio, King for a Day...Fool for a Lifetime. Il terzo album varia notevolmente fra post-hardcore/punk, country, jazz, bossa nova, thrash metal, musica gospel, insieme ad altri elementi caratteristici del gruppo, che si intrecciano senza soluzione di continuità in tutto l'album. Viene lanciato dai singoli Digging the Grave, Ricochet e Evidence. Tuttavia, con un milione e mezzo di copie vendute, non riesce a replicare il successo dell'album precedente. Spruance lasciò dopo aver inciso l'album, subito prima che cominciasse il loro tour mondiale. Fu rimpiazzato da Dean Menta, il tecnico delle tastiere del gruppo.

Nel 1997 fu assunto come chitarrista Jon Hudson, ex compagno di stanza di Gould, e successivamente incisero Album of the Year. L'album debuttò con un successo più alto del previsto in alcuni paesi, viste le aspettative (ad esempio, in Germania, si classificò secondo e rimase in classifica per 5 mesi). Con un numero di copie vendute pari a poco più di un milione, e due milioni di copie complessive a livello mondiale, il sesto album registrò un discreto successo in Europa e in Australia, dove si classificò in prima posizione e fu certificato come disco di platino, ma ebbe molta meno risonanza negli Stati Uniti.

I singoli "Ashes to Ashes" e "Last Cup of Sorrow" ebbero poco successo (in particolare, il video musicale di "Last Cup of Sorrow", nel quale partecipò Jennifer Jason Leigh, era ispirato dal film di Alfred Hitchcock, La donna che visse due volte (Vertigo)). "Stripsearch" fu pubblicato come singolo in vari paesi (esclusi U.S. e U.K.). L'album al tempo ricevette recensioni in gran parte negative da parte della critica statunitense. La rivista Rolling Stone scrisse nella sua recensione originale "[Loro] sono disperatamente in giro, a cercare a tentoni un senso di identità ed una direzione in un decennio che chiaramente li trova irrilevanti",[25] mentre Pitchfork Media dichiarò che "Album Of The Year lascia la sensazione che si ha nello svegliarsi e trovare il preservativo usato della scorsa notte - certo, è stato bello finché è durato, ma ciò che rimane è semplicemente disgustoso. E sicuramente non lo vuoi nel tuo lettore CD.[26]" Dopo la pubblicazione dell'album, i Faith No More fecero un tour con i Limp Bizkit nel 1997, che furono spesso fischiati dai fan dei Faith No More.[27]

All'inizio del 1998, le voci sullo scioglimento dei Faith No More erano già diffuse. Un pettegolezzo pubblicato sul sito alt.music.faith-no-more sosteneva che Mike Patton aveva lasciato la band a favore di progetti paralleli: questa voce, anche se venne negata sul momento, si dimostrò essere almeno in parte vera. La band suonò nel suo ultimo show dal vivo a Lisbona, il 7 aprile 1998.[15] Fu poi annullato il loro tour di supporto per gli Aerosmith e il 20 aprile Billy Gould rilasciò una dichiarazione via e-mail e fax, dicendo: «La decisione tra i membri è reciproca» e «la separazione consentirà a ciascun membro di proseguire i suoi progetti individuali senza ostacoli.» La band inoltre ringraziò «tutti quei fan e collaboratori che hanno sostenuto la band durante tutta la sua storia.» Così, dopo i singoli Ashes to Ashes, Last Cup of Sorrow e Stripsearch e la raccolta Who Cares a Lot?, il gruppo ufficializzò la notizia del suo scioglimento.

Dal 1998 al 2004 Patton è stato di nuovo impegnato con i Mr. Bungle ed in numerosi progetti collaterali, tra cui i Fantomas, i Thomahawke, i Peeping Tom e la carriera solista.

La reunion e Sol Invictus[modifica | modifica wikitesto]

Delle voci sul fatto che i Faith No More sarebbero tornati insieme per degli spettacoli nel Regno Unito durante l'estate del 2009 circolavano già a fine novembre del 2008[28], ma vennero inizialmente respinte dal bassista Billy Gould. Gould ha spiegato: "Se dovesse succedere qualcosa di simile, dovrebbe venire dalla band, e non parlo con nessuno di loro da oltre un anno. Quindi, per quanto ne so, non c'è niente di cui parlare, e sono abbastanza sicuro che se tu dovessi contattare Patton, ti direbbe la stessa cosa."[29] Tuttavia, il 24 febbraio 2009, dopo mesi di speculazioni, i Faith No More hanno annunciato il proprio ritorno sulle scene con la formazione di Album of the Year,[30] celebrato con un tour europeo nei mesi estivi, intitolato The Second Coming Tour. In coincidenza con il tour di reunion della band, Rhino ha pubblicato nel Regno Unito l'8 giugno la sesta compilation dei Faith No More, The Very Best Definitive Ultimate Greatest Hits Collection, un doppio album che include i loro singoli di successo, b-sides e rarità.[31] I Faith No More quindi hanno suonato nei principali festival europei tra cui il Download Festival nel Regno Unito a giugno, l'Hurricane ed il Southside festival in Germania,[32] il Greenfield Festival in Svizzera[33], l'Hove Festival in Norvegia ed il Roskilde Festival in Danimarca[34]. Il tour è continuato nel 2010 con l'apparizione al Soundwave Festival nelle città australiane durante febbraio e marzo. [46] Durante il loro tour, la band ha aggiunto cover al loro repertorio tra cui "Reunited" di Peaches & Herb e "Switch" di Siouxsie and the Banshees.

Dopo una pausa di undici mesi, i Faith No More hanno suonato quattro concerti in Sud America nel novembre 2011. Durante la prima data (8 novembre 2011), la band ha suonato una "canzone misteriosa", che ha portato alla speculazione che la band stesse lavorando a nuovo materiale.[35] In seguito, hanno suonato al Sonisphere France il 7 luglio 2012.[36] In seguito a diversi altri spettacoli in Europa nel corso del 2012, Faith No More si sono presi una pausa. Mike Patton ha trascorso il 2013 in tour con i Tomahawk,[37] mentre gli altri membri della band si sono dedicati ad altri progetti collaterali. Nel luglio 2013, Billy Gould ha confermato che la pausa della band non sarebbe stata permanente, dichiarando "Faremo di nuovo qualcosa solo quando tutti i membri sono concentrati su questo, e pronti per la sfida. Questo non è il momento... ancora."[38]

In un'intervista del 2015, Roddy Bottum ha detto che la band originariamente intendeva riformarsi con il chitarrista Jim Martin per il loro tour di reunion, ma che questo non è successo.[39]

Il 29 maggio 2014, Faith No More hanno pubblicato un messaggio (insieme a una foto di Mike Patton) sul loro account Twitter, dicendo che "la cosa della riunione è stata divertente, ma ora è il momento di diventare un po' creativi." Il 4 luglio, i Faith No More hanno suonato il loro primo concerto dopo due anni all'Hyde Park di Londra, in supporto ai Black Sabbath.[40]In quello show, hanno debuttato due nuove canzoni Motherfucker e Superhero.[41] Il 20 agosto, la band ha pubblicato il seguente messaggio "Il tour di reunion è finito; nel 2015 le cose cambieranno." Questi tweet hanno portato alla speculazione che la band stesse lavorando su nuovo materiale.[42] Il 30 agosto, Gould ha detto che la band sta "considerando di fare qualcosa di nuovo", e potrebbe iniziare a lavorare su un nuovo album in studio in un futuro non troppo lontano, spiegando che "fare qualcosa di creativo sarebbe davvero una buona cosa da fare."[43] Il 2 settembre, Bill Gould ha rivelato a Rolling Stone che la band aveva iniziato a lavorare su un nuovo album.[44][45] Nel febbraio e marzo del 2015, i Faith No More ha partecipato all'edizione finale di Soundwave in Australia.

La band ha pubblicato il suo settimo album in studio, Sol Invictus, nel maggio 2015. Le canzoni dell'album sono state influenzate da The Cramps, Link Wray, Siouxsie and the Banshees e Roxy Music.[46]. Parlando a Revolver, Gould ha descritto la canzone Cone of Shame come "rock and roll basato sul blues". Descrivendo la canzone Matador, ha detto: "alcune parti mi ricordano il primo album dei Siouxsie and the Banshees. Abbiamo usato dei veri pianoforti e questo porta questa qualità organica alla musica".[47] Il secondo singolo dell'album, Superhero, è stato condiviso dalla band il 1º marzo 2015.[48]

Nel mese di agosto 2016, la band ha eseguito due concerti con l'ex cantante Chuck Mosley per celebrare la ristampa del loro album di debutto We Care a Lot.[49] La band è stata annunciata come "Chuck Mosley & Friends" per i due spettacoli e la formazione era composta da Mosley, Mike Bordin, Billy Gould, Jon Hudson e Roddy Bottum.[49]

L'ex cantante dei Faith No More Chuck Mosley è morto il 9 novembre 2017, a causa della "malattia della dipendenza." Aveva 57 anni.[50]

Nel febbraio 2018, è stato annunciato che un documentario sul defunto ex frontman di Faith No More Chuck Mosley aveva iniziato la produzione; intitolato Thanks. E mi dispiace: il film di Chuck Mosley, il film è diretto e montato da Drew Fortier e prodotto da Douglas Esper.[51]

In un'intervista a giugno 2016, Jon Hudson ha rivelato di avere alcune idee per il prossimo eventuale album e che è qualcosa su cui vuole lavorare alla fine del tour.[52] Tuttavia nel gennaio 2020 il tastierista Roddy Bottum ha dichiarato che non ci sono piani per un nuovo disco.[53]

Il 23 novembre 2019, i Faith No More hanno aggiornato il sito ufficiale ed i social media con un'immagine del logo a otto punte della band davanti a una cima innevata, accompagnata da un conto alla rovescia fino al 26 novembre 2019; in quest'ultima data, la band ha annunciato i suoi primi spettacoli in cinque anni che si sarebbero tenuti in Europa nel giugno 2020, tra cui Sunstroke Festival in Irlanda, Hellfest in Francia e Tons of Rock in Norvegia. Meno di ventiquattro ore dopo, il Mad Cool Festival di Madrid, in Spagna, previsto per luglio 2020, è stato aggiunto alla lista delle date del tour. La maggior parte delle date del tour, comprese le tappe australiana ed europea, sono state riprogrammate al 2021 a causa della pandemia COVID-19. La band doveva suonare due volte al Banc of California Stadium di Los Angeles con System of a Down, Helmet e Russian Circles, in dei concerti che si sarebbero tenuti dal 22 al 23 maggio 2020, ma che sono stati anch'essi rinviati a causa della pandemia. I Faith No More sono stati sostituiti nella programmazione dai Korn. La band avrebbe dovuto suonare in altri spettacoli nel settembre 2021, ma anche questi sono stati annullati a causa di Mike Patton, che ha dichiarato di non essere in grado di sostenere né il tour coi Faith No More ne quelli dei riformati Mr. Bungle a causa di problemi di salute mentale.[54]

Stile musicale ed influenze[modifica | modifica wikitesto]

La musica di Faith No More è generalmente considerata metal alternativo, rock sperimentale, funk metal, alternative rock, e rap metal; tuttavia, come Faith No Man, il loro suono è stato descritto come post-punk. Il primo singolo della band del 1983, Quiet in Heaven/Song of Liberty, fu etichettato come un "solido singolo post-punk/pre-goth."[55] Questi elementi hanno resistito durante il periodo con Chuck Mosley. AllMusic ha associato il loro primo album ai primi lavori della Public Image Ltd,[56] e la voce di Mosley con quella del cantante Peter Murphy e H.R. dei Bad Brains.[57] A metà degli anni '80, Billy Gould dichiarò che la band si trovava in una posizione "strana", poiché il loro suono eclettico non si adattava ai fiorenti movimenti hardcore punk e rock alternativo dell'epoca.[58] Con l'arrivo di Mike Patton nel 1989, la band iniziò ad espandere ulteriormente la propria gamma sonora, fondendo generi disparati come il synth-pop, thrash metal e la musica carosello su The Real Thing. Rolling Stone afferma che nel 1997, la band era "troppo pesante per i successi post-grunge pop di The Verve e Third Eye Blind [e] troppo artistica per lavorare comodamente con i cavernicoli nu metal knuckle-draggers che hanno generato."[59] Nel corso della loro carriera, hanno sperimentato heavy metal, funk, hip hop, progressive rock,[60] rock alternativo, hardcore punk, polka, country, easy listening, jazz, samba,[61] ska,[62] bossa nova,[63]hard rock, pop,[64] soul[65], trip hop, gospel e musica lounge.[66]

Eredità artistica[modifica | modifica wikitesto]

In un articolo del 2015 di Artistdirect, i musicisti Duff McKagan, Chino Moreno, Serj Tankian, Corey Taylor, Max Cavalera e Jonathan Davis hanno elogiato la band per la loro importanza e l'influenza che ebbero sulla scena musicale.[67] Il bassista dei Nirvana e co-fondatore, Krist Novoselic citò i Faith No More come una band che "aprì la strada ai Nirvana" alla fine degli anni '80.[68] Robert Plant, cantante dei Led Zeppelin, menzionò i Faith No More capitanati da Chuck Mosley come una delle band attuali da lui preferite in un'intervista del 1988 a Rolling Stone.[69] Plant e Faith No More si sono successivamente esibiti insieme dopo la pubblicazione di The Real Thing. Scott Ian degli Anthrax ha dichiarato che Faith No More sono una delle sue band preferite.[70]

Corey Taylor (frontman sia per Slipknot che per Stone Sour) ha detto a Loudwire nel 2015 che, se non fosse stato per Faith No More, lui "non sarebbe qui oggi." Mentre si stava riprendendo da un tentativo di suicidio a casa di sua nonna, vide la band esibirsi dal vivo col brano "Epic" agli MTV Video Music Awards del 1990 e la performance lo ispirò a ricominciare a scrivere ed eseguire musica.[71]

Le canzoni dei Faith No More sono state interpretate da band di punta della scena metal come 36 Crazyfists,[72] Apocalyptica,[73] Atreyu,[74] Between the Buried and Me,[75] Disturbed,[76] Five Finger Death Punch,[77] Helloween,[78] Ill Niño,[79] Korn,[80] Machine Head,[81] Papa Roach,[82] Redemption,[83] Revocation,[84] Sentenced,[85] Slaves on Dope[86] e Tralls of Tears.[87] Nel 2002, un album tributo intitolato Tribute of the Year (un riferimento ad Album of the Year dei Faith No More) è stato pubblicato dalla Underground Inc, con al suo interno 30 canzoni dei Faith No More interpretate da gruppi hardcore punk, industrial e alternative metal per lo più sconosciuti.[88]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Mike "The Man" Morris – voce, chitarra (1981-1983)
  • Wade Worthington – tastiera (1981-1983)
  • Craig Shell – chitarra (1983)
  • Joe Pop-O-Pie – voce (1983)
  • Jake Smith – chitarra (1983)
  • Paula Frazer – voce, chitarra (1984)
  • Mark Bowen – voce, chitarra (1983-1984)
  • Scott Culbertson – chitarra (1984)
  • Desmond Shea – chitarra (1984)
  • Courtney Love – voce (1983-1984)
  • Chuck Mosley – voce (1984-1988)
  • Jim Martin – chitarra (1984-1993)
  • Trey Spruance – chitarra (1993-1995)
  • Dean Menta – chitarra (1995-1996)

Timeline[modifica | modifica wikitesto]


Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Faith No More.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Faith No More, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 17 maggio 2015.
  2. ^ (EN) The mighty alternative rock band will play their first shows in over a decade this week at Brixton Academy and Download respectively., su metalhammer.co.uk, Metal Hammer, 6 giugno 2009. URL consultato il 28 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2009).
  3. ^ (EN) Rock Radio, Faith No More have announced a comeback season of festival shows., su rockradio.co.uk. URL consultato il 28 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2011).
  4. ^ (EN) New Music: Hear Faith No More's Brand New Single "Superhero", su rollingstoneindia.com, Rolling Stone India. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  5. ^ Faith No More, su mtv.it, MTV. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  6. ^ a b Ezio Guatamacchi, Mille concerti che ci hanno cambiato la vita, Rizzoli, 2010, capitolo dedicato ai Faith No More.
  7. ^ a b Federico Guglielmi, Grande enciclopedia rock, Giunti Editore, 2002, p. 277.
  8. ^ (EN) Morris, Mike, Faith No Man bio by Mike Morris, su Faith. No Man. URL consultato il 26 agosto 2022.
  9. ^ a b c d Steffan Chirazi, Faith No More : the real story, Castle Communications, 1994, ISBN 1-898141-15-0, OCLC 30735616. URL consultato il 26 agosto 2022.
  10. ^ Numb Tongue No Taste nel sito della Empty Records
  11. ^ Diego Nozza, Hardcore. Introduzione al punk italiano degli anni ottanta, Fano, Edizioni crac, 2011, ISBN 978-88-97389-02-6.
  12. ^ Aswad, Jem, "Faith No More: Angel Dust in the wind", su negele.org, 10 luglio 2012. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2012).
  13. ^ (EN) FAITH NO MORE BAND OF THE YEAR 1990, su faithnomorefollowers.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  14. ^ a b (EN) Greg Pratopublished, Faith No More: The Real Story, su loudersound, 22 aprile 2014. URL consultato il 26 agosto 2022.
  15. ^ a b c FAITH NO MORE Biography, su www.fnm.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  16. ^ (EN) MIKE PATTON AND THE MR BUNGLE TAPE, su faithnomorefollowers.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  17. ^ Inventory: 9 Music Videos Featuring Animals In Prominent Roles | The A.V. Club, su web.archive.org, 17 maggio 2007. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2007).
  18. ^ Faith No More: The Real Thing Review, su www.toxicuniverse.com. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2006).
  19. ^ Faith No More Perform 'Epic' on the 1990 MTV Awards - YouTube, su web.archive.org, 29 gennaio 2014. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2014).
  20. ^ (EN) GOLDSTEIN, PATRICK, Warner Records Stays Faithful to Mike Patton's Bungle, su Los Angeles Times, 3 febbraio 1991. URL consultato il 26 agosto 2022.
  21. ^ Robbins, Ira, Faith No More Biography, su trouserpress.com.
  22. ^ Metal Hammer » Blog Archive » Story Behind The Album: Faith No More, su web.archive.org, 10 dicembre 2010. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2010).
  23. ^ Garry Sharpe-Young, Metal : the definitive guide : heavy, NWOBH, progressive, thrash, death, black, gothic, doom, nu, 1st ed, Jawbone Press, 2007, ISBN 978-1-906002-01-5, OCLC 123366186. URL consultato il 26 agosto 2022.
  24. ^ Killing Joke: An Irrational Domain, su web.archive.org. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2016).
  25. ^ Faith No More: Album Of The Year : Music Reviews : Rolling Stone, su web.archive.org, 21 aprile 2009. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2009).
  26. ^ Stomberg, Jeremy, Faith No More: Album of the Year: Pitchfork Review, su web.archive.org, 31 ottobre 2001. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2001).
  27. ^ (EN) Gabler, Jay, Rock and Roll Book Club: 'Small Victories' tells the story of Faith No More, su www.thecurrent.org. URL consultato il 26 agosto 2022.
  28. ^ BLABBERMOUTH.NET - FAITH NO MORE Reunion In The Works?, su web.archive.org, 19 aprile 2010. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2010).
  29. ^ (EN) Faith No More Not Reuniting, su www.ultimate-guitar.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  30. ^ Faith No More News, su web.archive.org, 25 marzo 2009. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).
  31. ^ Faith No More: 'The Very Best' Greatest-Hits Collection Due In June, su web.archive.org, 4 gennaio 2012. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2012).
  32. ^ Hurricane Festival in Scheeßel – Bands, Tickets, alle Infos zum Hurricane – Hurricane Festival, su hurricane.de. URL consultato il 26 agosto 2022.
  33. ^ (DE) Greenfield Festival, su Greenfield Festival. URL consultato il 26 agosto 2022.
  34. ^ FAITH NO MORE Confirmed For Denmark's ROSKILDE FESTIVAL, su web.archive.org, 4 maggio 2009. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009).
  35. ^ FAITH NO MORE Performs Mystery Song In Argentina (Video), su web.archive.org, 14 dicembre 2011. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2011).
  36. ^ KISS, QUEEN With ADAM LAMBERT And FAITH NO MORE Co…, su archive.ph, 10 luglio 2012. URL consultato il 26 agosto 2022.
  37. ^ (EN) Interview: Duane Denison (of Tomahawk), su Consequence, 29 gennaio 2013. URL consultato il 26 agosto 2022.
  38. ^ Faith No More – Could there be more? ~ Faith No More Blog, su ww25.faithnomoreblog.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  39. ^ (EN) Blabbermouth, FAITH NO MORE Keyboardist Explains Original Guitarist JIM MARTIN's Absence From Reunion, su BLABBERMOUTH.NET, 24 marzo 2015. URL consultato il 26 agosto 2022.
  40. ^ NME News Black Sabbath to headline Barclaycard British Summer Time, su nme.com.
  41. ^ (EN) FAITH NO MORE Debuts New Music At London's Hyde Park; Video Available, su Blabbermouth.net, 4 luglio 2014. URL consultato il 26 agosto 2022.
  42. ^ The Reunion Tour is over; in 2015 things are going to change, su Twitter. URL consultato il 26 agosto 2022.
  43. ^ (EN) Blabbermouth, FAITH NO MORE Is 'Considering Doing Something New,' Says Bassist BILLY GOULD, su BLABBERMOUTH.NET, 31 agosto 2014. URL consultato il 26 agosto 2022.
  44. ^ Faith No More to Release First Album in 18 Years, Plot U.S. Tour, su rollingstone.com.
  45. ^ (EN) Blabbermouth, It's Official: FAITH NO MORE Begins Recording First Studio Album Since 1997's 'Album Of The Year', su BLABBERMOUTH.NET, 2 settembre 2014. URL consultato il 26 agosto 2022.
  46. ^ "Faith no more announce details of first album in 18 years". The Guardian. 15-2-2015
  47. ^ Wiederhorn, Jon, Interview: Faith No More Give Update from the Studio, su revolvermag.com.
  48. ^ Coughlan, Jamie, Faith No More Share "Superhero, su overblown.co.uk.
  49. ^ a b (EN) Faith No More reuniting with original singer Chuck Mosley for pair of shows, su Consequence, 18 agosto 2016. URL consultato il 26 agosto 2022.
  50. ^ (EN) Blabbermouth, Former FAITH NO MORE Singer CHUCK MOSLEY Dead At 57, su BLABBERMOUTH.NET, 10 novembre 2017. URL consultato il 26 agosto 2022.
  51. ^ (EN) Blabbermouth, Documentary About Former FAITH NO MORE Singer CHUCK MOSLEY In The Works, su BLABBERMOUTH.NET, 6 febbraio 2018. URL consultato il 26 agosto 2022.
  52. ^ (EN) Faith No More's Jon Hudson: "I'm Working On A Few Ideas Right Now", su theprp.com, 13 giugno 2016. URL consultato il 23 settembre 2020.
  53. ^ (EN) FAITH NO MORE Has 'No Plans Right Now To Record Any New Music', su blabbermouth.net, Blabbermouth.net, 2 gennaio 2020. URL consultato il 23 settembre 2020.
  54. ^ (EN) Mike Patton cancels upcoming Faith No More and Mr Bungle shows for…, su Kerrang!. URL consultato il 26 agosto 2022.
  55. ^ (EN) Faith No Man - Song of Liberty/All Quiet in Heaven Album Reviews, Songs & More | AllMusic. URL consultato il 26 agosto 2022.
  56. ^ (EN) Faith No More - We Care a Lot Album Reviews, Songs & More | AllMusic. URL consultato il 26 agosto 2022.
  57. ^ (EN) Faith No More Cares a Lot, su www.vice.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  58. ^ (EN) Faith No More founding member Bill Gould talks about We Care A Lot, su The Independent, 28 luglio 2016. URL consultato il 26 agosto 2022.
  59. ^ Page 9 of Faith No More: How Rock's Most Contrarian Band Made Up and Came Back | Rolling Stone, su web.archive.org, 14 maggio 2015. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  60. ^ Faith No More Biography on Yahoo! Music, su web.archive.org, 21 agosto 2008. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2008).
  61. ^ (EN) Neil Strauss, The Pop Life; Horde Festival Offers a Surprise, in The New York Times, 23 aprile 1998. URL consultato il 26 agosto 2022.
  62. ^ (EN) Benjamin Aspray, Review: Faith No More, Sol Invictus, su Slant Magazine, 18 maggio 2015. URL consultato il 26 agosto 2022.
  63. ^ Faith No More Frequently Answered Questions, su old.fnm.com. URL consultato il 26 agosto 2022.
  64. ^ (EN) Faith No More - Album of the Year Album Reviews, Songs & More | AllMusic. URL consultato il 26 agosto 2022.
  65. ^ (EN) Clash Magazine Music News, Reviews & Interviews, ClashMusic, Faith No More: The Complete Guide, su Clash Magazine Music News, Reviews & Interviews, 2 luglio 2014. URL consultato il 26 agosto 2022.
  66. ^ (EN) Faith No More - The Real Thing Album Reviews, Songs & More | AllMusic. URL consultato il 26 agosto 2022.
  67. ^ Faith No More Get Praise from Deftones, Slipknot, System of a Down and More, su artistdirect.com.
  68. ^ (EN) Mayer Nissim, Novoselic: 'FNM paved way for Nirvana', su Digital Spy, 11 marzo 2009. URL consultato il 26 agosto 2022.
  69. ^ Robert Plant: The Rolling Stone Interview, su rollingstone.com. URL consultato il 26 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2017).
  70. ^ (PT) Interview with Scott Ian (Anthrax), su Wikimetal, 1º maggio 2012. URL consultato il 26 agosto 2022.
  71. ^ Slipknot's Corey Taylor - Wikipedia: Fact or Fiction? (Part 1). URL consultato il 26 agosto 2022.
  72. ^ (EN) Digging the Grave by 36 Crazyfists - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  73. ^ (EN) Apocalyptica Biography, Songs, & Albums, su AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  74. ^ (EN) Epic by Atreyu - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  75. ^ (EN) Malpractice by Between the Buried and Me - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  76. ^ Exclusive: Disturbed Stream Faith No More Cover, "Midlife Crisis," From 'The Lost Children, su revolvermag.com.
  77. ^ (EN) From Out of Nowhere by Five Finger Death Punch - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  78. ^ (EN) Helloween - Metal Jukebox Album Reviews, Songs & More | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  79. ^ (EN) Zombie Eaters by Ill Niño - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  80. ^ (EN) Blabbermouth, KORN Covers FAITH NO MORE, ASKING ALEXANDRIA Covers SLIPKNOT On METAL HAMMER's 'Decades Of Destruction' CD, su BLABBERMOUTH.NET, 8 settembre 2016. URL consultato il 27 agosto 2022.
  81. ^ (EN) Blabbermouth, MACHINE HEAD Cover METALLICA's 'Battery' For 'Master Of Puppets' Tribute, su BLABBERMOUTH.NET, 31 gennaio 2006. URL consultato il 27 agosto 2022.
  82. ^ (EN) Naked in Front of the Computer by Papa Roach - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  83. ^ (EN) Blabbermouth, REDEMPTION: New Album Samples Posted Online, su BLABBERMOUTH.NET, 22 aprile 2005. URL consultato il 27 agosto 2022.
  84. ^ (EN) Josh Hart published, Revocation Release Cover of Faith No More's "Surprise! You're Dead!", su guitarworld, 27 gennaio 2012. URL consultato il 27 agosto 2022.
  85. ^ (EN) Digging the Grave by Sentenced - Track Info | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.
  86. ^ (EN) Blabbermouth, SLAVES ON DOPE To Release 'Covers EP Vol. 1' Tomorrow, su BLABBERMOUTH.NET, 22 aprile 2013. URL consultato il 27 agosto 2022.
  87. ^ (EN) Blabbermouth, TRAIL OF TEARS To Issue Third Album, su BLABBERMOUTH.NET, 9 settembre 2002. URL consultato il 27 agosto 2022.
  88. ^ (EN) Various Artists - A Tribute of the Year: Tribute to Faith No More Album Reviews, Songs & More | AllMusic. URL consultato il 27 agosto 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN145554794 · ISNI (EN0000 0001 2177 9453 · LCCN (ENn91127579 · GND (DE10291326-2 · BNF (FRcb13903420k (data) · J9U (ENHE987007410246505171 · WorldCat Identities (ENlccn-n91127579
  Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal