Island Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Island Records
Logo
Stato Regno Unito Regno Unito
Altri stati USA e Australia
Fondazione 1959
Fondata da Chris Blackwell
Settore Musicale
Sito web www.islandrecords.co.uk

La Island Records è un'etichetta discografica fondata nel 1959 da Chris Blackwell in Giamaica. Fu la casa discografica che lanciò il reggae a livello internazionale e divenne presto famosa per il successo di Bob Marley, che la fece diventare l'etichetta di riferimento per tale musica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quando l'azienda fu fondata, la Giamaica faceva parte della Federazione delle Indie Occidentali britanniche. Nel 1962 il Paese guadagnò l'indipendenza e Blackwell spostò la Island nel Regno Unito, dove nel corso degli anni avrebbe mantenuto la sede più importante.[1]

Fra gli anni sessanta e gli anni ottanta pubblicò le prime incisioni degli U2, dei Traffic, di Robert Palmer, dei Jethro Tull. Dall'inizio degli anni '70 fu distribuita in Italia da Ricordi.

Nel 1990 fu acquistata dalla PolyGram, a sua volta assorbita nel 1998 dalla Universal Music Group. Negli anni anni novanta annoverava tra gli artisti prodotti anche The Cranberries, Melissa Etheridge e PJ Harvey. Quando nel 1999 l'etichetta divenne la capofila di altre etichette, si aggiunsero al suo parco artisti altre celebrità quali Bon Jovi, Lionel Richie e i Def Leppard.

Attualmente, l'etichetta è di proprietà della major Universal Music Group e negli USA ha operato come una divisione della Island Def Jam Music Group sino al 2014, anno in cui il gruppo è stato chiuso e le sue sussidiarie Island, Def Jam e Motown sono diventate dipendenti direttamente dalla Universal.

Island Sudios[modifica | modifica wikitesto]

Grande prestigio ottennero gli Island Studios fondati da Blackwell nel 1969 in una chiesa sconsacrata di Notting Hill, a Londra, che era diventata un magazzino per le statue obsolete di Madame Tussauds.[2] Tra i maggiori musicisti della Island che incisero negli studi vi furono gli Iron Maiden, Bob Marley, Steve Winwood, i Free, i Bad Company, Robert Palmer, Jimmy Cliff, Nick Drake, i Fairport Convention, i King Crimson, John Martyn, i Mott the Hoople, i Roxy Music, Brian Eno, gli Sparks, Cat Stevens, gli Spooky Tooth, i Traffic e i Jethro Tull.

Molti furono anche gli artisti che incisero negli studi e non avevano un contratto con la Island, tra i quali i Clash,[3] gli Eagles, i Dire Straits, gli Emerson, Lake & Palmer, The Rolling Stones, i Genesis, gli Yes, i Led Zeppelin e Joan Armatrading.

Nel 1982 gli studi furono venduti da Blackwell a una società facente capo al musicista Trevor Horn e furono incorporati nella rete di studi discografici della SARM Studios. Nel corso degli anni, gli studi sono stati poi ridimensionati dai nuovi proprietari ma hanno continuato ad ospitare incisioni di artisti di fama internazionale.[2]

Artisti sotto contratto[modifica | modifica wikitesto]

0–9[modifica | modifica wikitesto]

A[modifica | modifica wikitesto]

B[modifica | modifica wikitesto]


C[modifica | modifica wikitesto]

D[modifica | modifica wikitesto]

E[modifica | modifica wikitesto]

F[modifica | modifica wikitesto]

G[modifica | modifica wikitesto]

H[modifica | modifica wikitesto]

I[modifica | modifica wikitesto]

J[modifica | modifica wikitesto]

K[modifica | modifica wikitesto]

L[modifica | modifica wikitesto]

Leona Lewis

M[modifica | modifica wikitesto]

N[modifica | modifica wikitesto]

O[modifica | modifica wikitesto]

P[modifica | modifica wikitesto]

Q[modifica | modifica wikitesto]

R[modifica | modifica wikitesto]

S[modifica | modifica wikitesto]

T[modifica | modifica wikitesto]

V[modifica | modifica wikitesto]

W[modifica | modifica wikitesto]

Y[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Perrone, Pierre, Island: The record label that changed the world su independent.co.uk, 1 May 2009. URL consultato il 18 agosto 2018.
  2. ^ a b (EN) Trevor Horn interview: ‘Computers haven’t killed the recording studio yet’, su independent.co.uk
  3. ^ (EN) Bennett, John G, A Journey Through Whitechapel and Spitalfields, Nottingham, Five Leaves Publications, 2009, p. 45, ISBN 1905512546.
  4. ^ 6 Tre G Signs to Island/Def Jam Records, Hip Hop Press, 19 settembre 2011. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Artists, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa Latest Artists (Page 1), Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  7. ^ Ashes Divide, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  8. ^ Attic Lights – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  9. ^ Philip de Vries, Azari & III Sign to Island Records, Announce New Single in Exclaim!, 6 ottobre 2011. URL consultato l'8 novembre 2012.
  10. ^ Adrienne Bailon, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Latest Artists (Page 2), Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  12. ^ a b c d e f g h i j Artists, Island Records Australia. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  13. ^ a b Sam, Brandy Signs With Island Def Jam?, 19 giugno 2010. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  14. ^ The Bravery, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  15. ^ VV Brown – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  16. ^ Andy Gill, Album: Childish Gambino, Camp (Glassnote/Island) in The Independent, 18 novembre 2011. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  17. ^ Nyay Bhushan, Universal Signs Former Miss World Priyanka Chopra, Troy Carter To Manage, Billboard.biz. Prometheus Global Media, 5 agosto 2011. URL consultato il 5 novembre 2012.
  18. ^ Gabriella Cilmi – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  19. ^ Cocknbullkid – Artists, Island Records. URL consultato il 1º novembre 2012.
  20. ^ a b c d e f g h i j k l m Latest Artists (Page 4), Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  21. ^ DJ JT, Beatport. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  22. ^ Dive Bella Dive Release 'Animal' Video, 2101 Records, 15 agosto 2012. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  23. ^ Daniel Sperling, Dizzee Rascal signs 'unprecedented' Universal record deal, Digital Spy, 26 novembre 2011. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  24. ^ Electric Touch, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  25. ^ Island Recs signs James Hart (ex-18 Visions), Lambgoat, 1º ottobre 2007. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  26. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Latest Artists (Page 3), Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  27. ^ Erik Hassle – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  28. ^ Paul Millar, Shaheen Jafargholi 'signs record deal', Digital Spy, 31 maggio 2010. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  29. ^ The King Blues – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  30. ^ If I Knew on iTunes, Island. URL consultato il 30 marzo 2013.
  31. ^ Good News: Lena, Amazon MP3 UK. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  32. ^ Ludo, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  33. ^ Monty Are I, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  34. ^ Remi Nicole – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  35. ^ Chris Martins, 'Gangnam Style' PSY Signs With Bieber's Dream Team in Spin, Buzz Media, 4 settembre 2012. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  36. ^ Lionel Richie, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  37. ^ Romance On A Rocketship, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  38. ^ The Rumble Strips – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  39. ^ Shontelle – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  40. ^ Sam Sparro – Artists, Island Records. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  41. ^ LAURA WARSHAUER SIGNS WITH ISLAND / AUDIO STREAMS in Skope, 3 settembre 2008. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  42. ^ Alex Winston's Sister Wife by That Go, Promo News, 17 maggio 2011. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  43. ^ Young Love, Island Def Jam. URL consultato il 30 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN266179188