Patti LaBelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patti LaBelle
Patti Labelle.jpg
Patti LaBelle nel 2010
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereRhythm and blues
Funk
Dance
Philadelphia soul
Disco
Gospel
Periodo di attività musicale1959 – in attività
EtichettaEpic
Philadelphia Int'l
MCA
Def Jam
Bungalo
GruppiThe Bluebelles, Labelle
Album pubblicati31
Studio29
Live3
Sito ufficiale

Patti LaBelle, pseudonimo di Patricia Louise Holt (Filadelfia, 24 maggio 1944), è una cantante e attrice statunitense.

Patti LaBelle iniziò la sua carriera all'inizio degli anni '60 come leader del gruppo Patti LaBelle and the Bluebelles. Dopo il cambiamento del nome del gruppo in Labelle all'inizio degli anni '70, rilasciarono l'iconica canzone disco Lady Marmalade e diventarono il primo gruppo vocale afroamericano ad andare sulla copertina della rivista Rolling Stone.[1] Patti viene normalmente identificata come "Godmother of Soul".[2]

Dopo lo scioglimento del gruppo nel 1976, la LaBelle iniziò la sua carriera solista di successo, a partire dal suo album di debutto, che includeva una delle sue più famose canzoni: You Are My Friend. La LaBelle acquistò fama e successo nel 1984 grazie ai singoli If Only You Knew, New Attitude e Stir It Up.[1]

In una carriera lunga più di 60 anni ha venduto più di 50 milioni di album in tutto il mondo. Patti LaBelle fu inserita nelle Grammy Hall of Fame, Hollywood Walk of Fame e Apollo Theater Hall of Fame. Fu inclusa anche nella lista dei migliori 100 cantanti di sempre della rivista Rolling Stone.[3][4] Patti è un soprano drammatico ed è famosa per il suo range e potenza vocale e per le emozioni che trasmette quando canta.[5][6][7]

Infanzia e inizio della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Patti LaBelle and The Bluebelles[modifica | modifica wikitesto]

LaBelle nacque il 24 maggio 1944, nella sezione di Eastwick a sud-ovest di Filadelfia in Pennsylvania. Era la secondogenita di Henry e Bertha Holte. I suoi fratelli erano Thomas Hogan Jr. (nato nel 1930), Vivian Hogan (1932-1975), Barbara (1942-1982) e Jacqueline "Jackie" (1945-1989).[8] Suo padre era un ferroviere e suonava nei club, mentre la madre era una domestica. Nonostante si fosse goduta la sua infanzia, la LaBelle scriverà nelle sue memorie, Don't Block the Blessings, che il matrimonio dei suoi genitori era abusivo. Poco dopo il divorzio dei suoi genitori, quando Patti aveva dodici anni, fu molestata sessualmente da un amico di famiglia. A 10 anni si iscrisse al un coro locale alla Beulah Baptist Church e due anni dopo cantò per la prima volta da solista. Durante la sua crescita, ascoltò diversi stili secolari di musica, tra cui jazz e R&B.

A 16 anni la LaBelle vinse una competizione alla John Bartram High School. Questo successo le permise di formare il suo primo gruppo, The Ordettes, nel 1960, con le compagne di scuola Jean Brown, Yvonne Hogen and Johnnie Dawson.[9] Con Patti come leader, il gruppo divenne un'attrazione locale finché due membri dovettero lasciarlo per sposarsi, mentre un'altra fu costretta ad andarsene dal padre religioso.[10] Nel 1962, le Ordettes assunsero tre nuovi membri: Cindy Birdsong, Sarah Dash e Nona Hendryx.[10] Quell'anno fecero un'audizione per il proprietario di un'etichetta discografica locale, Harold Robinson. Robinson accettò di lavorare con il gruppo dopo aver sentito la LaBelle cantare la canzone "I Sold My Heart to the Junkman".

Dopo aver firmato il contratto con loro, Robinson decise di cambiare il nome del gruppo in The Blue Belles e furono scelte per registrare "I Sold My Heart to the Junkman", che era già stato registrato dalle The Starlets, ma che fu poi considerato come un singolo delle Blue Belles per un conflitto dell'etichetta.[10] Il mangare delle Starlets denunciò Harold Robinson dopo aver visto le Blue Belles cantare in playback la canzone ad American Bandstand.[10] Dopo aver stipulato un accordo al di fuori dal tribunale, Robinson cambiò il nome del gruppo in "Patti LaBelle and The Blue Belles".[10] Inizialmente un cartellone pubblicitario citò il gruppo con il nome "Patti Bell and the Blue Bells".[11] Nel 1963 il gruppo ottennere il suo primo successo con la canzone "Down the Aisle" che entrò nella top 40 delle classifiche pop e R&B di Billboard. Lo stesso anno registrarono la loro versione di "You'll Never Walk Alone"; il singolo fu nuovamente rilasciato anche con l'etichetta Cameo-Parkway Records, entrando nuovamente in classifica nel 1964. Un'altra hit, "Danny Boy", fu rilasciata lo stesso giorno. Nel 1965 dopo la chiusura della Cameo-Parkway il gruppo si trasferì a New York e firmò un contratto con la Atlantic Records, per la quale registrarono dodici singoli, tra cui "All or Nothing" e "Take Me for a Little While". Inoltre registrarono le loro versioni delle canzoni "Over the Rainbow" e "Groovy Kind of Love". Nel 1967, Cindy Birdsong lasciò il gruppo per unirsi alle The Supremes. Nel 1970 il gruppo fu scaricato dalla Atlantic Records e dal loro manager Bernard Montague.

Quell'anno, Vicki Wickham, produttore dello show musicale britannico Ready, Steady, Go, accettò di diventare manager del gruppo sotto consiglio della cantante Dusty Springfield. La prima decisione di Wickam come manager fu quella di cambiare il nome del gruppo in Labelle e consigliò a loro di rinnovarsi, adottando un look ed un souno che avrebbe potuto rappresentare funk, rock e soul psichedelico. Nel 1971, il gruppo aprì diversi concerti dei The Who durante il loro tour degli Stati Uniti.

Labelle[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Labelle.
Patti LaBelle con Sarah Dash e Nona Hendryx in una foto promozionale del 1974.

Le Labelle firmarono un contratto con la Track Records e rilasciariono il loro album di debutto omonimo nel 1971. L'album ha un suono riconducibile prevelantemente al Soul psichedelico e l'unione di ritmi rock e soul segnava l'allontanamento del gruppo dal loro stile musicale iniziale. Lo stesso anno, cantarono come coriste nell'album Gonna Take a Miracle di Laura Nyro. L'anno dopo, nel 1972, il gruppo pubblicò Moon Shadow, che aveva uno stile musicale simile all'album precedente. Nel 1973, influenzato da musicisti glam rock come David Bowie e Elton John, Wickham fece vestire il gruppo con tute spaziali argentate e con un trucco luminescente.[12]

Dopo che il loro terzo album, Pressure Cookin', non riuscì a generare un vero e proprio successo, le Labelle stipularono un contratto con la Epic Records nel 1974, rilasciando l'album più famoso della loro carriera, Nightbirds, che mescolava soul, funk e rock, grazie al lavoro del produttore, Allen Toussaint. Il singolo "Lady Marmalade" sarebbe diventato il maggior successo della loro carriera, raggiungendo il primo posto nella classifica Billboard Hot 100 e vendendo più di un milione di copie. L'album sarebbe stato poi certificato disco d'oro dalla RIAA per aver venduto un milione di copie. Nell'ottobre del 1974, le Labelle diventarono il primo gruppo vocale rock and roll a cantare alla Metropolitan Opera House.[13] Visto il successo del disco e del singolo "Lady Marmalade", le Labelle andarono in copertina sulla rivista Rolling Stone nel 1975.

Le Labelle rilasciarono altri due album, Phoenix e Chameleon nel 1975 e 1976, rispettivamente. Mentre gli album permisero al gruppo di mantenersi sulla scia del successo per la critica, nessun singolo tratto dai due album entrò nelle classifiche pop. Nel 1976, Patti, Nona e Sarah iniziarono a litigare su quale direzione musicale dare al gruppo. Emersero difficoltà personali durante un concerto il 16 dicembre 1976 a Baltimore nel Maryland dove la Hendrix andò dietro le quinte e si ferì durante un esaurimento nervoso. A seguito dell'incidente, Patti LaBelle ritenne che il gruppo si sarebbe dovuto separare.

Carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Inizio della carriera solista (1977-1984)[modifica | modifica wikitesto]

Patti LaBelle firmò un contratto da solista con la Epic Records nel 1977 e assunse David Rubinson, già produttore di Chameleon, per registrare il suo album di debutto omonimo, che fu rilasciato quell'anno. L'album conteneva alcuni discreti successi tra cui, "Joy to Have Your Love" e "Dan Swit Me" e la ballata Gospel, "You Are My Friend", che sarebbe diventata una presenza fissa nei suoi concerti. Furono rilasciati altri tre album attraverso la Epic fino al 1980, di cui ebberro successo le canzoni "Eyes in the Back of My Head", "Little Girls", "Music is My Way of Life", "Come What May", "Release (The Tension)" e "I Don't Go Shopping" (co-scritta da Peter Allen).

Successivamente la LaBelle firmò un contratto con la Philadelphia International Records, con la quale registrò una nota versione di "Over the Rainbow" sull'album The Spirit's in It (1981). Nel 1982, registrò un duetto con Grover Washington cantando "The Best Is Yet to Come". Lo stesso anno fu elogiata per aver partecipato al musical di Broadway Your Arms Too Short to Box with God. "The Best Is Yet to Come" garantì alla LaBelle la sua prima nomination ai Grammy Award. Nel 1983, rilasciò l'album I'm in Love Again che includeva i sui primi successi da top 10 nella classifica R&B, "Love, Need and Want You" e "If Only You Knew". Quest'ultima divenne poi il suo primo singolo a raggiungere la prima posizione in classifica come solista, all'inizio del 1984. In quell'anno, ottenne un altro successo con Bobby Womack con la canzone "Love Has Finally Come at Last" e apparendo nel film Storia di un soldato.

Il successo (1984-2009)[modifica | modifica wikitesto]

INel 1984, la LaBelle registrò le canzoni "New Attitude" e "Stir It Up" per la colonna sonora del film di Eddie Murphy, Beverly Hills Cop - Un piedipiatti a Beverly Hills. "New Attitude" fu poi pubblicata come singolo alla fine del 1984 e raggiunse il nº 17 nella Billboard Hot 100. "Stir It Up" ebbe un successo simile nelle stazioni radio pop e come base nelle discoteche. Nek 1985, la LaBelle si esibì nello speciale televisivo, Motown Returns to Apollo e nel concerto per l'Etiopia, il Live Aid. La LaBelle guadagnò notorieta dopo le esibizioni in questi speciali facendola diventare una vera e propria pop star e permettendole di poter condurre il suo speciale televisivo quell'anno. Inoltre fu registrato un video di una sua esibizione del suo tout di quell'anno e fu rilasciato in formato VHS. Durante questo periodo lasciò la Philadelphia International e firmò un contratto con la MCA Records.

Nel 1986, Patti LaBelle pubblicò l'album di maggior successo della sua carriera da solista, Winner in You, che raggiunse il primo posto delle classifiche pop. L'album includeva il successo internazionale, "On My Own" e la ballata "Oh People". Il successo di questo album rappresentò il picco della sua carriera, nonostante avesse continuato a mantenersi sulla stessa onda anche nel 1989 con la pubblicazione di Be Yourself, che includeva "Yo Mister" e la ballada "If You Asked Me To", che fu cantata successivamente anche da Céline Dion. Quell'anno la LaBelle entrò nel cast di A Different World, il cui successo le permise di recitare in sua sit-com, chimata Out All Night, che durò una sola stagione. Nel 1990, rilasciò il suo primo album di musica natalizia, This Christmas, Nel 1991, registro una versione della composizione di Babyface, "Superwoman" con Gladys Knight e Dionne Warwick. Il trio apparve anche nello speciale televisivo Sisters in the Name of Love nel 1986. Nel 1991 rilasciò l'album Burnin', certificato disco d'oro, che comprendeva tre successi che entrarono nella top 5 della classifica R&B. Questo album le permise di vincere il suo primo Grammy Award come migliore performance vocale femminile R&B alla cerimonia dei Grammy Awards del 1992, condividendo la vittoria con Lisa Fischer, che vinse per la ballata "How Can I Ease the Pain". Fu uno dei rari casi di un pareggio nella storia dei Grammy Award.[14] Nel 1992 rilasciò il suo primo album dal vivo, Live!, con un'esibizione del 1991.

L'album del 1994 di Patti LaBelle, Gems, fu certificato come disco d'oro e includeva il successo "The Right Kinda Lover". Nel 1997 rilasciò l'album Flame, che includeva la hit dance "When You Talk About Love". La LaBelle pubblicò le sue memorie, Don't Block the Blessings, nel 1996 e il primo dei suoi cinque libri di cucina, che diventeranno bestseller, nel 1997. Nel 1998, rilasciò l'album dal vivo, Live! One Night Only, che le garantì la vittoria del suo secondo Grammy nel Febbraio del 1999. Nel 2000, la LaBelle pubblicò il suo ultimo album con la MCA, When a Woman Loves. Stipulò un contratto con la Def Soul Classics per rilasciare nel 2004 l'album Timeless Journey. Dopo aver rilasciato nel 2005 l'album di cover, Classic Moments, Patti LaBelle litigò con Antonio "L.A." Reid riguardo alla direzione futura della sua carriera, finché non lasciò l'etichetta.[15] Lo stesso anno i World Music Awards riconobbero i suoi anni di carriera musicale assegnandole il Legend Award. Nel 2006 rilasciò il suo primo album gospel, The Gospel According to Patti LaBelle attraverso l'etichetta Bungalo. L'album raggiunse la prima posizione nella classifica gospel di Billboard. La LaBelle in questo periodo pubblicò anche il libro Patti's Pearls. Ritornò alla Def Jam nel 2007 e rilasciò il suo secondo album natalizio, Miss Patti's Christmas. Nel 2008, Patti LaBelle fece una reunion con Nona Hendryx e Sarah Dash come Labelle, rilasciando il loro primo album dopo 30 anni, Back to Now.[16] Questo le portò anche in tour dalla fine del 2008 fino al 2009.

Patti LaBelle nel 2008 ad un evento dedicato al Presidente Barack Obama.

Carriera recente (2010-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 settembre 2010, Patti LaBelle tornò a Broadway dopo vent'anni per esibirsi in Fela![17], un musical sulla legenda dell'Afrobeat Fela Anikulapo-Kuti. La LaBelle rimpiazzò Lillias White nel ruolo della madre di Fela, Funmilayo Ransome-Kuti, e rimase nella produzione fino al 2 gennaio 2011.[18]

Il 23 maggio 2011, la LaBelle è apparsa all'"Oprah's Farewell Spectacular, Part 1", il primo di una serie di tre show che avrebbero costituito il finale di The Oprah Winfrey Show, dove ha cantato "Over the Rainbow" con Josh Groban.[19] A Patti LaBelle fu assegnato il Lifetime Achievement Award ai BET Awards il 26 giugno 2011.[20] La LaBelle, Aretha Franklin, Melissa Etheridge, Jill Scott, Janelle Monáe, Tessanne Chin e Ariana Grande si esibirono al concerto "Women of Soul: In Performance at the White House" condotto dal Presidente Barack Obama alla Casa Bianca il 6 marzo 2014.[21]

Il 10 giugno 2014 tornò a Broadway nel cast e nel team creativo del musical After Midnight.[22] Nell'agosto di quell'anno, è apparsa nella quarta stagione della serie tv horror American Horror Story della FX, sottotitolata Freak Show.[23]

Il 24 febbraio 2015, Patti LaBelle fu annunciata come una delle celebrità che avrebbe dovuto competere nella 20ª stagione di Dancing with the Stars.[24] Il suo partner era il ballerino professionista Artem Chigvintsev.[25] La coppia fu eliminata durante la sesta settimana e finì all'ottavo posto.[26] Lo stesso anno è apparsa come ospite nella serie tv della Fox Empire interpretando sé stessa.[27]

Nel 2016 è apparsa anche a The Voice come aiutante della coach Christina Aguilera.[28]

Nel 2017 fu rilasciato il suo primo album Jazz, Bel Hommage.[29]

Il 25 maggio 2019 il The New York Times citò Patti LaBelle tra le centinaia di artisti il cui materiale fu distrutto dall'incendio del 2008 all'Universal.[30]

Il 2 luglio 2019, Patti LaBelle fu onorata a Filadelfia con una strada che avrebbe portato il suo nome, Patti LaBelle Way, tra Locust e Spruce Street.[31]

Inoltre, sempre nel 2019, Patti LaBelle partecipò a The Masked Singer, travestita da fiore.[32]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La LaBelle nelle sue memorie citò che fu struprata da Jackie Wilson mentre era al Brooklyn Fox Theatre negli anni '60. Intorno al 1964, Patti LaBelle si fidanzò con Otis Williams, fondatore della band The Temptations. Nel 1969, sposò un amico di vecchia data, Armstead Edwards. Dopo l'inizio della carriera solista di Patti LaBelle, Edwards divenne il suo manager finché la coppia non si separò alla fine degli anni '90. Nel 2003 finalizzarono il loro divorzio. Hanno un figlio, Zuri Kye Edwards (nato nel 1973), che ora è il suo manager. Patti LaBelle è anche nonna di due nipoti. Oltre a Zuri, Patti ha altre due persone nella sua vita che per lei sono come dei figli, Todd e Stanley. Li conobbe dopo la morte della loro madre, Veaunita, una vicina di casa.

Nel 1975 sua sorella Vivian Hogan Rogers morì di cancro ai polmoni a 43 anni. Nel 1982 morì anche la sorella Barbara Holte Purifoy per cancro al colon a 40 anni. Nell'ottobre del 1978 perse sua madre Bertha per complicazioni dovute al diabete.[33] Nel 1989 suo padre Henry morì per un enfisema dovuto da complicazioni date dalla sindrome di Alzheimer e sua sorella minore, Jacqueline "Jackie" Holte Padgett, per cancro ai polmoni. Come Vivian, anche Jackie aveva solo 43 anni quando è morta. La LaBelle le dedicò il suo album del 1991, Burnin', e la sua versione di Wind Beneath My Wings nel suo tour del 1991-92. Patti LaBelle pensava di non arrivare ai 50 anni, viste le morti premature nella sua famiglia e, quando raggiunse effettivamente quell'età, si sentì rinata. Nel 1995 le fu diagnosticato il diabete. La LaBelle nella periferia di Filadelfia, a Wynnewood e dei condomigni a Los Angeles e a Eleuthera nelle Bahamas.[34]

Cause legali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 Patti LaBelle si arrabbiò e attaccò verbalmente e fisicamente una madre e la figlia di 18 mesi. La cantante gettò contro di loro dell'acqua, urlò delle oscenità e tentò di assalire la madre durante i 10 minuti di litigio nell'atrio dei Trump Place Apartments a Manhattan, NY. Patti si accordò per pagare $100,000 e tentò di far testimoniare anche il figlio, il quale mentì dicendo che non era accaduto nulla. La famiglia donò la somma in beneficenza.[35]

Nel giugno del 2011 un cadetto della West Point denunciò Patti LaBelle perché sostenne di essere stato aggredito dalle sue guardie del corpo. La LaBelle e il suo entourage stavano per andare in Louisiana per un concerto, quando Richard King, un cadetto di 23 anni, stava aspettando qualcuno che lo venisse a prendere. L'entourage di Patti attaccò King causandogli una concussione, sostenendo che fosse stato lui a provocare l'attacco. La prova video mostrò che il ragazzo stava utilizzando il cellulare prima dell'attacco e che non provocò nessun membro dell'entoruage di Patti LaBelle.[36] King fu poi sospeso dall'accademia militare. Denunciò la LaBelle e Holmes (la guardia del corpo di Patti LaBelle) per aggressione per 1 milione di dollari. La LaBelle presentò una contro-causa. Efrem Holmes fu assolto dalle accuse nel 2013.[37]

Cultura pop[modifica | modifica wikitesto]

Patti LaBelle fu descritta come "la migliore icona gay di tutti i tempi e uno dei più grandi esempi dell'intersezione tra comunità LGBT e artiste donne nere".[38] In un'intervista del 2017 ha detto: "se ci penso, i miei fan gay sono una delle maggiori ragioni per cui sono ancora in piedi, ’perché mi hanno amato anche quando altre persone provavano a non farlo. Tutti mi chiedono, “Perché gli uomini gay ti amano così tanto?” “Non ne ho idea,” Io rispondo. Non lo ancora adesso. Ma so che questo amore mi ha sempre risollevato per molti, molti anni."[39]

La LaBelle finì sui titoli di molti media quando alla fine del 2015 un vlogger, James Wright, rencesì entusiasticamente su YouTube une delle sue torte alle patate dolci. Il video diventò virale e lo rimase a lungo, tanto che ogni secondo veniva venduta una di quelle torta nei Walmart di tutto il Paese.[40] Patti LaBelle apparve anche in due pubblicità di Wallmart. Inoltre la LaBelle è la protagonista della serie web parodisiaca Got 2B Real.[41]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Patti LaBelle.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Con le Bluebelles
  • 1962 Sleigh Belles, Jingle Belles, and Bluebelles
  • 1963 Sweethearts of the Apollo
  • 1965 The Bluebelles on Stage
  • 1966 Over the Rainbow
  • 1967 Dreamer
Con le Labelle
Patti LaBelle nel 2019 al National Memorial Day Concert.
Solista

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1962 I Sold My Heart to the Junkman (con The Bluebelles)
  • 1963 Down the Aisle (with The Bluebelles)
  • 1964 You'll Never Walk Alone (con The Bluebelles)
  • 1965 Danny Boy (con The Bluebelles)
  • 1966 All or Nothing (con The Bluebelles)
  • 1967 Take Me for a Little While (con The Bluebelles)
  • 1975 Lady Marmalade (con Labelle)
  • 1975 What Can I Do for You? (con Labelle)
  • 1975 Messin' With My Mind (con Labelle)
  • 1976 Get You Somebody New (con Labelle)
  • 1977 Isn't It a Shame? (con Labelle)
  • 1977 Joy to Have Your Love
  • 1977 Dan Swit Me
  • 1978 You Are My Friend
  • 1979 Music Is My Way of Life
  • 1979 It's Alright With Me
  • 1980 Release (The Tension)
  • 1980 I Don't Go Shopping
  • 1981 The Spirit's in It
  • 1983 I'll Never, Never Give Up
  • 1984 If Only You Knew
  • 1984 Love Has Finally Come at Last (con Bobby Womack)
  • 1984 Stir It Up (Beverly Hills Cop Soundtrack)
  • 1985 New Attitude (Beverly Hills Cop Soundtrack)
  • 1986 On My Own (duetto con Michael McDonald)
  • 1986 Oh, People
  • 1986 Kiss Away the Pain
  • 1987 Something Special (Is Gonna Happen Tonight)
  • 1987 Just the Facts
  • 1989 If You Asked Me To
  • 1989 Yo Mister
  • 1990 I Can't Complain
  • 1991 Feels Like Another One
  • 1991 Somebody Loves You Baby (You Know Who It Is)
  • 1992 All Right Now
  • 1992 When You've Been Blessed (Feels Like Heaven)
  • 1994 The Right Kind of Lover
  • 1994 All This Love
  • 1995 Turn It Out (con Labelle)
  • 1995 I've Never Stopped Loving You
  • 1997 When You Talk About Love
  • 1998 Shoe Was on the Other Foot
  • 2004 New Day
  • 2004 Gotta Go Solo
  • 2005 Ain't No Way (feat. Mary J. Blige)
  • 2006 Where Love Begins (feat. Yolanda Adams)
  • 2008 " Rollout" (Labelle)

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Dottorati onorari[modifica | modifica wikitesto]

Emmy Awards[modifica | modifica wikitesto]

Emmy Awards
Anno Categoria Titolo Risultato Note
1985 Migliore esibizione individuale in un Variety o programma musicale Motown Return to The Apollo Nomination [43]
1986 Sylvia Fine Kaye's Musical Comedy Tonight III Nomination
Grammy Awards
Anno Categoria Titolo Risultato
1984 Migliore Performance Vocale Femminile R&B "The Best Is Yet to Come" Nomination
1986 "New Attitude" Nomination
1987 Winner in You Nomination
Miglior Interpretazione Vocale di Gruppo "On My Own" (con Michael McDonald) Nomination
1991 Migliore Performance Vocale Femminile R&B "I Can't Complain" Nomination
1992 Migliore Esibizione R&B di un Duo o Gruppo Vocale "Superwoman" (con Gladys Knight e Dionne Warwick) Nomination
Migliore Performance Vocale Femminile R&B Burnin' Vittoria
1994 "All Right Now (Live)" Nomination
1998 "When You Talk About Love" Nomination
Miglior Album R&B Flame Nomination
1999 Miglior Esibizione R&B Tradizionale Live! One Night Only Vittoria
2004 "Way Up There" Nomination
Grammy Hall of Fame "Lady Marmalade" Vittoria
2005 Miglior Esibizione Vocale R&B Tradizionale "New Day" Nomination

Image Awards[modifica | modifica wikitesto]

NAACP Image Awards
Anno Categoria Titolo Risultato
1986 Intrattentitore dell'Anno Patti LaBelle Vittoria
1992 Vittoria
1996 Migliore esibizione - Serie Variety/Speciale The Essence Awards Vittoria
1998 Live! One Night Only Vittoria
2004 Migliore Artista Donna Patti LaBelle Vittoria
2006 Migliore Attrice - Televisione, Film, Miniserie o Speciale Drama Why I Wore Lipstick to My Mastectomy Vittoria
Migliore Artista Gospel Patti LaBelle Vittoria

Lifetime Achievement Awards[modifica | modifica wikitesto]

Anno Associazione Categoria
1995 Soul Train Music Awards Heritage Award - Successo nella Carriera
1998 The Essence Awards Triumphant Spirit Award - Successo nella Carriera
2001 BET Walk Of Fame Walk Of Fame Award
Lady of Soul Awards Lena Horne Lifetime Achievement Award
2003 Songwriter's Hall of Fame Sammy Cahn Lifetime Achievement Award
2008 World Music Awards Legend Award
2009 Apollo Theater Legends Hall Of Fame
2011 BET Awards Lifetime Achievement Award
2013 Black Girls Rock Living Legend Award
2016 BET Honors Musical Arts Award

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Associazione Categoria Risultato
1993 American Music Awards Artista R&B/Soul preferita Vittoria
2007 GLAAD Media Excellence Award Vittoria
2009 UNCF Evening of Stars UNCF Award of Excellence Vittoria

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Patti LaBelle profile". Biography.com.
  2. ^ "The Godmother of Soul Patti LaBelle: The Better She Feels, The Better She Looks". Parade. March 13, 2015.
  3. ^ "Patti LaBelle: 100 Greatest Singers". Rolling Stone.
  4. ^ "Patti LaBelle News, Pictures, and Videos". Tmz.com.
  5. ^ Tricker, Spencer (22 luglio 2008). "Patti LaBelle: The Essential Patti La Belle / Live In Washington D.C." PopMatters.
  6. ^ Goldstein, Jessica (22 marzo 2013). "Patti LaBelle will lend voice to help students finding theirs". The Washington Post.
  7. ^ West, Abby (25 maggio 2017). "Jennifer Hudson Singing With Patti LaBelle for Her Birthday Is a Master Class". Yahoo!.
  8. ^ "Patti LaBelle Biography". filmreference.com.
  9. ^ Clemente 2013, p. 50.
  10. ^ a b c d e Clemente 2013, p. 51.
  11. ^ Warner 2006, p. 408.
  12. ^ Warner 2006, p. 409.
  13. ^ "Musician Guide Biography: Patti LaBelle".
  14. ^ Jet 1992, p. 31.
  15. ^ "Patti Labelle vs. Antonio 'LA' Reid: Did mogul pull artists out of her all-star birthday celebration?".
  16. ^ "Back to Now". EW.com.
  17. ^ "Renowned Multiple Grammy Award-Winner Patti Labelle Joins Cast of Award-Winning Broadway Musical Fela!". Fusemix.com.
  18. ^ "Patti LaBelle Will Step into Fela! in September; Musical to Close in January". Playbill.
  19. ^ "Josh Groban and Patti LaBelle's Duet – Oprah's Farewell Spectacular". Oprah.com.
  20. ^ "Patti LaBelle: Biography, Life, Facts and Songs". Famoussingers.org.
  21. ^ "Aretha Franklin, Patti LaBelle and Ariana Grande White House Gig to Air April 7 @ARTISTdirect". Artistdirect.com.
  22. ^ "BWW TV: Grammy Winner Patti LaBelle Joins Broadway's After Midnight!". Broadwayworld.com.
  23. ^ Bradley, Bill (August 12, 2014). "'American Horror Story: Freak Show' Adds Patti LaBelle And We're All Over The Rainbow". HuffPost.
  24. ^ Whitney, Erin (February 24, 2015). "Patti LaBelle And Rumer Willis Join New 'Dancing with the Stars' Cast". HuffPost.
  25. ^ "'Dancing With the Stars' 2015: Season 20 Celebrity Cast Announced". ABC News.
  26. ^ "Dancing with the Stars 2015 Results Tonight: Patti LaBelle Gets DWTS Eliminated 4/20". lalate.com.
  27. ^ "Patti LaBelle Confirms She's Returning to 'Empire' in Season 2". Entertainment Tonight.
  28. ^ Patti LaBelle joins The Voice as Christina Aguilera's Advisor
  29. ^ Brennan Williams, "Patti LaBelle Is Officially A Jazz Singer, But It Wasn't That Easy", Black Voices, HuffPost, 3 maggio 2017.
  30. ^ Rosen, Jody (25 giugno 2019). "Here Are Hundreds More Artists Whose Tapes Were Destroyed in the UMG Fire". The New York Times.
  31. ^ Langhorne, Tiffany. "Philadelphia honors Patti LaBelle with street naming". JaGurl TV.
  32. ^ "The Masked Singer: Flower Gets Sent Home — Find Out Which Singing Legend Is Under the Costume!". PEOPLE.com.
  33. ^ Jet 1990, p. 56.
  34. ^ Lee, Denny (19 febbraio 2006). "The Flip Side of the Bahamas". The New York Times. ISSN 0362-4331.
  35. ^ "LaBelle May Not Pay Settlement". ABC News.
  36. ^ Malisow, Craig (2 giugno 2011). "Patti LaBelle Sued for Assault by West Point Cadet (UPDATED With Incredible Video)". Houston Press.
  37. ^ "Patti LaBelle Bodyguard acquitted of airport assault". Bet.com.
  38. ^ Cane, Caly (2017). Live Through This: Surviving the Intersections of Sexuality, God, and Race. Cleis Press.
  39. ^ Azzopardi, Chris (18 ottobre 2017). "Patti LaBelle dishes on 'still standing' thanks to the LGBT community, lip-syncing 'divettes' and Trump". Georgia Voice.
  40. ^ Limbong, Andrew (17 novembre 2015). "Once A Hard Sell, Wal-Mart's Patti LaBelle Pies Fly Off Shelves". NPR.
  41. ^ Glazer, Eliot (23 gennaio 2012). "Behold the Newest Installment of 'Got 2 B Real,' a Web Series That Dubs Over the Voices of R&B Goddesses". Vulture.
  42. ^ "Berklee Announces Honorary Doctor of Music Degrees". Mixonline.com.
  43. ^ "1985 Primetime Emmy Awards". IMDb.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71578519 · ISNI (EN0000 0000 6311 1489 · Europeana agent/base/61852 · LCCN (ENn91127651 · GND (DE134437705 · BNF (FRcb13896223g (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n91127651