A Groovy Kind of Love

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A Groovy Kind of Love
Artista
Autore/iToni Wine
Carole Bayer Sager
GenerePop
Rock
Esecuzioni notevoliDiane & Annita
The Mindbenders
Patti LaBelle and the Bluebells
Petula Clark
Gene Pitney
Neil Diamond
Phil Collins
Ivan Graziani
...
Data1965

A Groovy Kind of Love è una canzone scritta da Toni Wine e da Carole Bayer Sager[1][2] con una melodia basata sulla Sonatina in Sol Maggiore, op. 36 no. 5 di Muzio Clementi[1][2]. Il brano fu inciso nel 1965 da Diane & Annita, quindi, sempre nello stesso anno, anche dai Mindbenders.[1][2][3]

In seguito il brano è stato registrato da numerosi altri cantanti.[1][2][4] Tra le versioni più note, figura certamente quella di Phil Collins del 1988.[1]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Nel testo, una persona dice che quando è triste le basta guardare la persona amata per tornare ad essere di buon umore.

La cover dei Mindbenders[modifica | modifica wikitesto]

A Groovy Kind of Love
ArtistaThe Mindbenders
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1965
Durata1:57
Album di provenienzaA Groovy Kind of Love
GenereRock
Garage rock
Pop rock
EtichettaFontana Records
Registrazione1965
Formati45 giri

Una prima cover del brano, nonché la prima versione di successo[1], fu incisa nel 1965 dai Mindbenders e pubblicata come singolo su etichetta discografica Fontana Records.[3]

Per il gruppo si trattò del primo disco inciso senza il leader Wayne Fontana[1], ma con il nuovo cantante Eric Stewart.

Il singolo raggiunse il 2º posto delle classifiche nel Regno Unito e negli Stati Uniti.[1]

Tracce[3][modifica | modifica wikitesto]

  1. A Groovy Kind of Love 1:57
  2. Love Is Good (Eric Stewart) 1:49

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche (1966) Posizione
massima
Canada[5] 4
Irlanda[6] 9
Regno Unito[7] 2
Stati Uniti[8] 2

La cover di Phil Collins[modifica | modifica wikitesto]

A Groovy Kind of Love
ArtistaPhil Collins
Tipo albumSingolo
Pubblicazione22 agosto 1988
Durata3:30
Album di provenienzaBuster: The Original Motion Picture Soundtrack
GenereAdult contemporary music
Soft rock
EtichettaAtlantic Records/WEA
ProduttorePhil Collins, Ann Dudley
Registrazione1988
Formati45 giri
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[9]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oroGermania Germania[10]
(vendite: 250 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[11]
(vendite: 500 000+)
Svezia Svezia[12]
(vendite: 50 000+)
Svizzera Svizzera[13]
(vendite: 25 000+)
Phil Collins - cronologia
Singolo precedente
(1988)
Singolo successivo
(1988)

Un'altra celebre versione del pezzo è quella incisa da Phil Collins nel 1988. Il brano fu inserito nella colonna sonora del film Buster, che vedeva Collins tra i protagonisti.[1]

Il cantante mise insieme la colonna sonora usando varie canzoni degli anni sessanta, periodo in cui è ambientato il film[1]. Inizialmente il brano doveva essere cantato da Stephen Bishop, tuttavia i produttori rimasero così soddisfatti dalla demo di Collins che decisero alla fine di utilizzare quest'ultima per il film.[1]

La versione di Collins si differenzia da quella dei Mindbenders, in quanto invece di essere un brano pop rock con chitarre si tratta di una lenta ballata con tastiere a archi.

Il singolo raggiunse il 1º delle classifiche nel Regno Unito e negli Stati Uniti.[1]

La canzone è stata nominata per il Grammy Award alla miglior interpretazione vocale maschile nel 1989.[1]

Tracce[14][modifica | modifica wikitesto]

  1. A Groovy Kind of Love
  2. Big Noise (strum.)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche (1988) Posizione
massima
Australia[15] 2
Austria[15] 6
Belgio (Fiandre)[15] 1
Canada[16] 1
Finlandia[17] 7
Francia[15] 15
Germania[15] 3
Irlanda[6] 1
Italia[18] 1
Norvegia[15] 2
Nuova Zelanda[15] 3
Paesi Bassi[15] 2
Regno Unito[19] 1
Stati Uniti[16] 1
Stati Uniti (adult contemporary)[16] 1
Stati Uniti (radio)[16] 1
Svezia[15] 5
Svizzera[15] 1

Altre versioni (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato inciso anche dai seguenti interpreti[2][4] (in ordine alfabetico):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m A Groovy Kind of Love su Songfacts
  2. ^ a b c d e Song: A Groovy Kind of Love su Second Hand Songs
  3. ^ a b c Mindbenders, The– A Groovy Kind Of Love / Love Is Good su Discogs
  4. ^ a b Ricerca di "A groovy kind of love" su Discogs
  5. ^ Top Singles - Volume 5, No. 15, June 06 1966, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 19 maggio 2015.
  6. ^ a b (EN) Database, The Irish Chart. URL consultato il 19 maggio 2015.
  7. ^ (EN) Official Singles Chart Top 50: 10 March 1966 - 16 March 1966, Official Charts Company. URL consultato il 19 maggio 2015.
  8. ^ (EN) The Mindbenders - Chart history, Billboard. URL consultato il 19 maggio 2015.
  9. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015. Digitare "Groovy Kind of Love" in "Keywords", dunque premere "Search".
  10. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank (Phil Collins; 'A Groovy Kind of Love'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 13 maggio 2015.
  11. ^ (EN) A Groovy Kind of Love – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  12. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 13 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  13. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Phil Collins; 'A Groovy Kind of Love'), Hung Medien. URL consultato il 13 maggio 2015.
  14. ^ Phil Collins– A Groovy Kind Of Love su Discogs
  15. ^ a b c d e f g h i j (NL) Phil Collins - A Groovy Kind of Love, Ultratop. URL consultato il 19 maggio 2015.
  16. ^ a b c d (EN) Phil Collins - Chart history, Billboard. URL consultato il 19 maggio 2015.
  17. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  18. ^ A Groovy Kind of Love, Hit Parade Italia. URL consultato il 19 maggio 2015.
  19. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 04 September 1988 - 10 September 1988, Official Charts Company. URL consultato il 19 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]