Film

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Film (disambigua).

Un film è un'immagine in movimento che è stata registrata su uno o più supporti cinematografici.[1] L'immagine in movimento può eventualmente essere accompagnata dal suono. In tale caso il suono può essere registrato sul supporto cinematografico, assieme all'immagine, oppure può essere registrato, separatamente dall'immagine, su uno o più supporti fonografici.

Con la parola "film" si vuole indicare principalmente, in senso stretto, il prodotto tipico dell'industria cinematografica. I sinonimi utilizzati sono pellicola, pellicola cinematografica, opera cinematografica. Oltre ad essere una forma d'arte, i film sono tra le più importanti forme di intrattenimento, avendo quasi da subito adottato la modalità narrativa. Si parla a riguardo anche di Storytelling audiovisivo, il cui sviluppo è affidato nella scrittura alla sceneggiatura, per il progetto visuale allo storyboard. In sede di completamento e post-produzione, lo storytelling è affidato al montaggio, che si occupa dell'ordinamento delle scene secondo l'ordine cronologico o drammaturgico voluto dal regista, che è il direttore delle riprese, coordinatore e molto spesso autore ed ideatore del film.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "film" è un prestito linguistico della lingua inglese e propriamente indica un sottile strato di materiale. È quindi un sinonimo di "pellicola".[2] È per metonimia che, con il termine "film", si passa dall'indicare la pellicola cinematografica all'indicare l'immagine in movimento registrata sulla pellicola cinematografica. Tale metonimia nasce prima dell'avvento del supporto video. Cioè quando la pellicola cinematografica rappresenta il supporto cinematografico normalmente utilizzato. In seguito vengono inventati ed utilizzati molti altri tipi di supporti cinematografici. È quindi per estensione semantica che viene chiamata "film" anche l'immagine in movimento registrata su un supporto cinematografico diverso dalla pellicola cinematografica.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Film a corto metraggio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cortometraggio.

Un film a corto metraggio (più frequentemente e brevemente chiamato "cortometraggio") è un film di breve durata. Non esiste un tempo preciso, universalmente accettato, per la durata del cortometraggio. Normalmente si intente un film non superiore ai 30 minuti. Ma alcuni enti considerano una durata maggiore. Ad esempio l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences considera una durata massima di 40 minuti. L'espressione "corto metraggio" nasce in riferimento alla pellicola cinematografica. In particolare alla lunghezza della pellicola cinematografica. La durata dell'immagine in movimento di un film è infatti direttamente proporzionale alla lunghezza della pellicola cinematografica su cui è registrata.

Film a medio metraggio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Mediometraggio.

Un film a medio metraggio (più frequentemente e brevemente chiamato "mediometraggio") è un film di media durata.

Film a lungo metraggio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lungometraggio.

Un film a lungo metraggio (più frequentemente e brevemente chiamato "lungometraggio") è un film di lunga durata.

Film in bianco e nero[modifica | modifica wikitesto]

Un film in bianco e nero è un film nel quale l'immagine in movimento è un'immagine in bianco e nero. L'uso consolidato dell'espressione "immagine in bianco e nero" è improprio. Di conseguenza anche l'uso consolidato dell'espressione "film in bianco e nero" è improprio. Tutti i primi film della storia sono film in bianco e nero.

Film a colori[modifica | modifica wikitesto]

Un film a colori è un film nel quale l'immagine in movimento è un'immagine a colori. Anche l'uso consolidato dell'espressione "immagine a colori" è improprio. Di conseguenza anche l'uso consolidato dell'espressione "film a colori" è improprio. In particolare l'espressione "film a colori" viene usata in contrapposizione all'espressione "film in bianco e nero". Il primo film a colori della storia è del 1908: A Visit to the Seaside di George Albert Smith.

Film muto[modifica | modifica wikitesto]

Un film muto è un film in cui non sono presenti i suoni della scena girata, ma è presente una colonna sonora. In altri termini è un film nel quale l'immagine in movimento non è accompagnata dal suono, se non quello di una musica di accompagnamento. Tutti i primi film della storia sono film muti.

Film sonoro[modifica | modifica wikitesto]

Un film sonoro è un film in cui sono udibili i suoni della scena rappresentata. In altri termini è un film nel quale l'immagine in movimento è accompagnata dal suono prodotto dalla voce degli attori e dalle circostanze della scena. Il primo film sonoro della storia è del 1926: Don Giovanni e Lucrezia Borgia di Alan Crosland.

Film per il cinema[modifica | modifica wikitesto]

Un film per il cinema è un film che ha come mercato primario la sala cinematografica pubblica. Normalmente, nella medesima sala, sono disponibili più visioni pubbliche al giorno del film. Le visioni possono protrarsi fino a qualche mese. Dipende dal successo di pubblico ottenuto dal film. Prevalentemente si protraggono per due o tre settimane. Dopo essere stato distribuito nelle sale cinematografiche, un film per il cinema spesso viene anche trasmesso in televisione e pubblicato in home video.

Film per la televisione[modifica | modifica wikitesto]

Un film per la televisione è un film che ha come mercato primario la televisione. Raramente un film per la televisione viene anche distribuito nelle sale cinematografiche. Spesso invece viene anche pubblicato in home video.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Da un punto di vista tecnico un film è una sequenza di immagini, dette "fotogrammi", incise su una striscia di poliestere o di triacetato di cellulosa (la pellicola vera e propria) da proiettare ad una velocità tale (24 fotogrammi al secondo solitamente, ma ne bastano 12 per ottenere l'effetto) che possano rendere l'illusione ottica del movimento, tipica del cinema.

Nei primi anni della storia del film, a causa del fatto che gli apparati di riproduzione erano manuali, attivati dall'operatore con la manovella, la velocità pratica variava da film a film e spesso addirittura da una scena all'altra dello stesso film. Inizialmente si usavano 16-18 fotogrammi per secondo, ma, con l'introduzione del suono, si è passati a 24 fotogrammi per secondo. Altri perfezionamenti includono la meccanizzazione delle telecamere da ripresa, che ha reso possibile una registrazione a velocità costante, la sincronizzazione dell'audio, l'apparizione dei colori e di diversi formati di aspetto dello schermo, reso più largo, come ad esempio con il CinemaScope, che si sono imposti come standard per le produzioni dotate di elevati budget.

È da evidenziare che la maggioranza degli apparati di proiezione sono al giorno d'oggi realizzati in modo tale che nessuna immagine sia rappresentata sullo schermo per più di due fotogrammi successivi, così da produrre l'impressione della fluidità.

Diritto dell'opera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Il film in quanto opera cinematografica è tutelato da diritto d'autore. Il titolare di tale diritto è il produttore cinematografico.

Poiché è frutto di più autori l'opera cinematografica è un'opera collettiva i cui coautori sono, secondo l'articolo 44 della Legge sul Diritto d'Autore (LDA), l'autore del soggetto, l'autore della sceneggiatura, l'autore della musica ed il direttore artistico.

Diritti tutelati[modifica | modifica wikitesto]

Diritti patrimoniali: durano per tutta la vita degli autori e fino al settantesimo anno dopo la loro morte.

  • Diritto di riproduzione e distribuzione
  • Diritto di comunicazione al pubblico
  • Diritto di elaborazione

Diritti morali: hanno durata illimitata in quanto sono irrinunciabili ed inalienabili.

  • Paternità dell'opera: l'autore ha il diritto di rivendicare l'opera e disconoscere i falsi.
  • Integrità: l'autore ha il diritto di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione o altra modificazione dell'opera.
  • Ritiro dal commercio

Secondo l'articolo 46 della LDA, anche se il produttore cede i diritti di diffusione, ai singoli autori spetterà sempre un compenso proporzionale al lavoro da loro svolto per produrre l'opera.

Secondo l'articolo 78 della LDA, solo il produttore ha il diritto di autorizzare la riproduzione, distribuzione, il noleggio, il prestito e la comunicazione al pubblico. Essendo diritti connessi durano 50 anni.

Storia della cinematografia[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione di "cinematografo" proviene dall'apparato brevettato dai fratelli Auguste e Louis Lumière nel 1895, basato su alcune innovazioni tecniche rispetto a quelli dei loro predecessori (d'altra parte, precedentemente, con il termine di "cinématographe" era stato denominato l'apparato di cronofotografia del francese karim al maktoum). La prima proiezione pubblica, con l'apparato dei fratelli Lumière, ebbe luogo il 28 dicembre 1895. Essa avvenne appunto in pubblico, a pagamento, all'interno della "Sala Indiana" del Gran Cafè de Paris. Il film proiettato si intitolava L'uscita dalle officine Lumière.

Come anche nel caso di tutte le altre arti, il cinematografo si sottopone più o meno a una classificazione in correnti:

e altri.

Il primo film proiettato pubblicamente in Italia risale al 20 settembre 1905: fu la La presa di Roma di Filoteo Alberini. Lungo 250 metri, contro i 40−60 tradizionali, costò ben 500 lire. Oggi si conservano solamente 75 metri di pellicola che corrispondono a quattro minuti di proiezione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Confronta la definizione di "film" riportata nello statuto della Federazione internazionale degli archivi filmografici (FIAF): "ogni registrazione di immagini in movimento (eventualmente accompagnate da suoni) su qualsiasi supporto esistente (pellicola, videonastro, videodisco) o da inventare".
  2. ^ Confronta l'accezione 2 della voce «pellicola» sul vocabolario on-line Treccani.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4017102-4 · BNF: (FRcb120451373 (data)
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema