Testify (Phil Collins)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Testify
ArtistaPhil Collins
Tipo albumStudio
Pubblicazione12 novembre 2002
Durata57:16
Dischi1
Tracce12
GenerePop
EtichettaAtlantic Records
ProduttorePhil Collins, Rob Cavallo
Registrazione2000–2002
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(vendite: 25 000+)
Belgio Belgio[2]
(vendite: 25 000+)
Germania Germania (3)[3]
(vendite: 300 000+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoEuropa Europa[5]
(vendite: 1 000 000+)
Francia Francia (2)[6]
(vendite: 600 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[7]
(vendite: 80 000+)
Spagna Spagna[8]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[9]
(vendite: 40 000+)
Phil Collins - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2003)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[10] 3/5 stelle

Testify è il settimo album in studio del cantante britannico Phil Collins, pubblicato il 12 novembre 2002 dalla Atlantic Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è stato concepito in un periodo di due anni presso la casa di Collins in Svizzera, ed è stato registrato tra la Francia e Los Angeles. La maggior parte delle canzoni sono scaturite da demo realizzate nello studio della camera da letto del cantante e terminate con l'aiuto del produttore Rob Cavallo. Collins ha lavorato molto con i computer durante la produzione, ritornando a fare utilizzo di drum machine, dopo averle completamente abbandonate nel precedente album Dance into the Light.[10]

L'album ha generalmente riscontrato scarsi consensi di critica e pubblico, rivelandosi il disco di minor successo commerciale nella carriera del cantante. Nel Regno Unito è diventato il primo album di Collins a fallire l'ingresso nella top 5 della Official Albums Chart,[11] tuttavia è riuscito a ottenere piazzamenti importanti in classifiche di altri paesi europei come Francia, Germania, Paesi Bassi e Svizzera.[12]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Phil Collins, eccetto dove indicato.

  1. Wake Up Call – 5:15
  2. Come with Me – 4:34
  3. Testify – 6:31
  4. Don't Get Me Started – 4:41
  5. Swing Low – 5:08
  6. It's Not Too Late – 3:59
  7. This Love This Heart – 4:04
  8. Driving Me Crazy – 4:37
  9. The Least You Can Do – 4:21 (testo: Collins – musica: Daryl Stuermer)
  10. Can't Stop Loving You – 4:17 (Billy Nicholls)
  11. Thru My Eyes – 5:07
  12. You Touch My Heart – 4:42

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2002) Posizione
massima
Austria[12] 5
Belgio (Fiandre)[12] 11
Belgio (Vallonia)[12] 3
Danimarca[12] 31
Finlandia[12] 30
Francia[12] 2
Germania[12] 3
Italia[12] 16
Norvegia[12] 14
Paesi Bassi[12] 2
Regno Unito[11] 15
Spagna[13] 10
Stati Uniti[14] 30
Svezia[12] 4
Svizzera[12] 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold & Platin, IFPI Austria. URL consultato il 13 maggio 2015. Inserire "Testify" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  2. ^ (NL) Goud en Platina – 2002, Ultratop. URL consultato il 13 maggio 2015.
  3. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank (Phil Collins; 'Testify'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 13 maggio 2015.
  4. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015. Digitare "Testify" in "Keywords", dunque premere "Search".
  5. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 2002, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  6. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Infodisc.fr. URL consultato il 13 maggio 2015. Selezionare "Phil COLLINS" e premere "OK".
  7. ^ (NL) NVPI - Overzicht Goud/Platina Audio, su NVPI. URL consultato il 13 maggio 2015.
  8. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 2000–2003, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  9. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Phil Collins; 'Testify'), Hung Medien. URL consultato il 13 maggio 2015.
  10. ^ a b (EN) Stephen Thomas Erlewine, Testify, su AllMusic, All Media Network.
  11. ^ a b (EN) Official Albums Chart Top 100: 17 November 2002 - 23 November 2002, Official Charts Company. URL consultato il 2 marzo 2017.
  12. ^ a b c d e f g h i j k l m (NL) Phil Collins - Testify, Ultratop. URL consultato il 2 marzo 2017.
  13. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spagna, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  14. ^ (EN) Phil Collins - Chart history, Billboard. URL consultato il 2 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica