In the Air Tonight (Phil Collins)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In The Air Tonight
ArtistaPhil Collins
Tipo albumSingolo
Pubblicazione5 gennaio 1981
Durata5:33
Album di provenienzaFace Value
GenerePop rock
Ballata
EtichettaVirgin Records/Atlantic Records
ProduttorePhil Collins
Hugh Padgham
Registrazione1980 - Townhouse Studios (Londra)
Formati45 giri, 45 giri maxi
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 250 000+)
Italia Italia[2]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 400 000+)
Dischi di platinoNuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(vendite: 15 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[5]
(vendite: 3 000 000+)
Phil Collins - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(1981)

In the Air Tonight è un famoso brano musicale pop rock, scritto nel 1980 da Phil Collins (autore anche del brano) e pubblicato l'anno successivo nell'album Face Value.[6]

Per il cantante, che all'epoca era la "voce" dei Genesis[6], si trattò del primo singolo da solista.[6]

In seguito, lo stesso Phil Collins ha ripubblicato il brano nel 1988[7] e nel 2007[8] e sono numerosi gli artisti che hanno inciso una cover.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il brano fu scritto da Phil Collins nel 1979.[6] Ad ispirare l'artista fu la rabbia provata dopo il divorzio dalla prima moglie, Andrea Bertorelli.[6][9]

Inizialmente Collins pensò di farlo incidere ai Genesis, la band di cui faceva parte, ma poi fu deciso che fosse solamente il cantante a registrare il pezzo.[6]

Il singolo raggiunse il 2º posto delle classifiche nel Regno Unito.[10]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

La canzone parla dell'astio nei confronti di un'altra persona, interpellata con un "oh, lord", astio che fa maturare un desiderio di vendetta.[11]
Il protagonista della canzone dice infatti che anche se dovesse trovare questa persona in difficoltà, persino in procinto di annegare[9][11] non allungherebbe una mano per salvarla[11], perché i torti subiti non si dimenticano. Collins ebbe in seguito modo di spiegare che questo "annegamento" è da intendere in senso puramente figurato.[6] E in questa notte sente nell'aria che il momento per la resa dei conti è finalmente arrivato.

Particolarità[modifica | modifica wikitesto]

Il brano ha diffuso nella cultura musicale di massa l'effetto detto di gated reverb, che all'epoca veniva ottenuto inserendo un noise gate all'uscita del generatore di riverbero: in questo modo il riverbero artefatto della batteria compariva abbondante e pieno, per smorzarsi immediatamente al primo calo di intensità, anziché decadere gradatamente come accade in natura; il risultato offre un impatto molto forte dei componenti della batteria, come se lo strumento fosse enormemente più grande. In seguito alla notevole domanda da parte dei musicisti per riprodurre quell'effetto diventato popolare in brevissimo tempo, i produttori di effetti elettronici inserirono proprio la modalità gated reverb nei loro apparati.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

45 giri (1981)
  1. In the Air Tonight – 5:29
  2. The Roof Is Leaking – 3:16
CD (1988)[7]
  1. In the Air Tonigt (Remix) – 7:34
  2. In the Air Tonight (Album version) – 5:08
  3. I Missed Again – 4:00

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Classifica Posizione
1981 Australia ARIA Singles Charts 3
Paesi Bassi Dutch Top 40[12] 2
Germania Media Control Charts 1
Francia IFOP[13] 1
Italia FIMI[14] 3
Nuova Zelanda RIANZ Singles Chart[12] 1
Regno Unito UK Singles Chart[10] 2
Stati Uniti Billboard Hot 100[9] 19
Stati Uniti Hot Mainstream Rock Tracks 2
1988-1989 Paesi Bassi Dutch Top 40 17
Germania Media Control Charts 3
Regno Unito UK Singles Chart 4
Francia Top 50[12] 20
2007 Regno Unito UK Singles Chart 14
2008 Nuova Zelanda RIANZ Singles Chart 1

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Tra i cantanti e gruppi musicali che hanno inciso una cover di In the Air Tonight, figurano (in ordine alfabetico):

La canzone nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock