James Horner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

James Roy Horner (Los Angeles, 14 agosto 1953Contea di Ventura, 22 giugno 2015) è stato un compositore e direttore d'orchestra statunitense.

Vincitore di due premi Oscar per Titanic (1997), è tra i più prolifici e noti compositori di colonne sonore. Celebre per l'uso della musica elettronica, per l'uso di melodie di ispirazione celtica in alcune sue composizioni (Braveheart in particolar modo), e per il suo amore per la musica russa del Novecento, testimoniato dalle frequenti citazioni di Šostakovič e Khačaturjan, così come la tarantella.

La sua colonna sonora per Titanic rimane la colonna sonora orchestrale più venduta di tutti i tempi.[1] Horner ha composto musica per oltre 100 film, spesso collaborando con registi famosi come James Cameron e Ron Howard, incluse le colonne sonore del secondo e del terzo film di maggior incasso di tutti i tempi, rispettivamente Avatar e Titanic, entrambi diretti da James Cameron.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Horner è nato a Los Angeles, figlio di Joan e Harry Horner, che era un production designer, scenografo e regista occasionale. Horner ha iniziato a suonare il pianoforte all'età di cinque anni. I suoi primi anni sono stati trascorsi a Londra, dove ha frequentato il Royal College of Music. Successivamente ha frequentato la Verde Valley High School a Sedona, in Arizona. Ha conseguito la laurea in musica presso la University of Southern California, e alla fine ha guadagnato un master e ha iniziato a lavorare presso l'University of California, Los Angeles dove ha studiato con Paul Chihara. Dopo vari incarichi di punteggio con la American Film Institute nel 1970, finì il suo insegnamento di teoria musicale alla UCLA e cominciò ad occuparsi di colonne sonore.

Il primo film per cui Horner compone la colonna sonora è The Lady in Red nel 1979. Ha iniziato la sua carriera di colonne sonore lavorando con Roger Corman, per la grossa produzione I magnifici sette nello spazio (Battle Beyond the Stars, 1980). Le sue opere lo portano ad assumere progetti di grandi dimensioni e l'accesso ad Hollywood. Horner, infatti fa un passo avanti nel 1982, quando ha la possibilità di comporre le musiche per Star Trek II - L'ira di Khan, affermandosi come compositore mainstream. Horner ha continuato a comporre musica di alto profilo comunicati nel corso degli anni 1980. Con Aliens - Scontro finale (1986), Horner ha guadagnato la sua prima candidatura all'Oscar, venendo in seguito candidato altre nove volte. Quelle di Horner sono al sesto posto per le musiche usate più frequentemente per i trailer dei film.

La collaborazione con Steven Spielberg[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni 1980 e all'inizio del 1990, Horner ha anche scritto moltissime partiture per film per bambini (in particolare quelli prodotti dalla Amblin Entertainment di cui Steven Spielberg è il fondatore), ed è grazie a questo che conosce Steven Spielberg che produrrà tutti i film per cui Horner ha lavorato. Tra questi, molti sono stati diretti da Don Bluth o prodotti da esso. I più celebri sono Fievel sbarca in America, Alla ricerca della valle incantata, Casper, Balto, C'era una volta nella foresta e We're Back! - Quattro dinosauri a New York.

Gli anni novanta e Titanic[modifica | modifica wikitesto]

Il 1995 ha visto Horner produrre non meno di sei partiture, tra cui le sue opere di grande successo commerciale e acclamato dalla critica per Braveheart e Apollo 13, per le quali due ha ottenuto la candidatura all'Oscar. Il grande successo finanziario, mondiale e di critica di Horner sarebbe però avvenuto nel 1997 con Titanic. L'album divenne il best seller della miglior colonna sonora orchestrale della storia, vendendo oltre 27 milioni di copie in tutto il mondo.

Ai 70º Academy Awards Horner ha vinto un Oscar per la migliore colonna sonora e miglior canzone originale per My Heart Will Go On (che ha scritto assieme a Will Jennings). Horner e Jennings hanno vinto inoltre tre Grammy Awards e due Golden Globe per la colonna sonora. Titanic segnò anche la prima volta in dieci anni che Horner ha lavorato con il regista James Cameron (in seguito al lavoro altamente stressante per Aliens, Horner ha dichiarato che non avrebbe mai più lavorato con Cameron, descrivendo l'esperienza come "un incubo"). Dopo Titanic, Horner ha continuato a comporre per grandi produzioni (tra cui La tempesta perfetta, A Beautiful Mind e La maschera di Zorro).

Gli anni duemila e Avatar[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a firmare grandi produzioni, Horner lavora periodicamente su piccoli progetti come Iris - Un amore vero, Mi chiamano Radio (Radio) e Bobby Jones - Genio del golf. Ha ricevuto la sua ottava e nona candidatura agli Oscar per A Beautiful Mind (2001) e La casa di sabbia e nebbia (2003). Collabora frequentemente con il regista Ron Howard (Fuoco assassino). Horner collabora nuovamente nel 2009 con James Cameron per Avatar del 2009, film campione di incassi di tutti i tempi, superando Titanic (anch'esso diretto da Cameron e firmato da Horner). Horner ha speso più di due anni a lavorare sulla colonna sonora di Avatar, senza intraprendere altri progetti durante questo periodo. Il lavoro di Horner su Avatar gli è valso numerosi riconoscimenti, compresa la sua decima candidatura all'Oscar, una candidatura ai Golden Globe, una candidatura ai BAFTA e una candidatura ai Grammy Awards.

Sull'esperienza di comporre musica per Avatar, Horner ha detto: "Avatar è stato il film più difficile al quale ho lavorato e il più grande lavoro che ho intrapreso... Io lavoro dalle quattro del mattino alle dieci di sera e questo è stato il mio stile di vita da marzo."

In seguito Horner ha composto la colonna sonora per il film The Karate Kid - La leggenda continua (2010), sostituendo Atli Örvarsson, e firmato The Amazing Spider-Man (2012).

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Horner è morto il 22 giugno 2015, quando il suo aereo a turboelica Short Tucano si è schiantato nella foresta nazionale di Los Padres vicino a Ventucopa, in California, ed era l'unico occupante del velivolo quando è decollato dopo il rifornimento di carburante all'aeroporto di Camarillo. Tre giorni dopo, il 25 giugno, l'ufficio del medico legale della contea di Ventura ha dichiarato lo schianto come un incidente.

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Collaboratori e colleghi di tutto il mondo hanno reso omaggio a Horner, tra cui i compositori Hans Zimmer, John Williams, Paul Williams e Alan Menken, e i registi Ron Howard e James Cameron. Cameron ha detto che lui e Horner "non vedevano l'ora del loro prossimo concerto"; l'assistente di Horner, Sylvia Patrycja, ha scritto sulla sua pagina Facebook: "Abbiamo perso una persona straordinaria con un cuore enorme e un talento incredibile; è morto facendo ciò che amava". Anche molte celebrità, tra cui Russell Crowe, Diane Warren e Celine Dion, hanno espresso le loro condoglianze. Dion, che ha cantato "My Heart Will Go On", una delle composizioni più popolari di Horner e considerata la canzone simbolo di Dion, ha scritto sul suo sito web che lei e il marito René Angélil sono stati "scossi dalla tragica morte" del loro amico e " ricorderanno sempre la sua gentilezza e il suo grande talento che hanno cambiato la sua carriera". " Leona Lewis, che ha registrato "I See You" di Horner per Avatar, ha detto che lavorare con lui "è stato uno dei momenti più grandi della mia vita".

I postumi[modifica | modifica wikitesto]

L'indagine condotta dopo l'incidente da parte del National Transportation Safety Board (NTSB) ha rivelato che la causa principale dell'incidente è stata l'incapacità di Horner di mantenere la distanza dal terreno durante i lavori aerei a bassa quota. Durante il volo, Horner ha contattato il Southern California Air Route Traffic Control Center, dal quale ha ricevuto avvisi mentre sorvolava la zona di Chumash Wilderness. L'NTSB ha intervistato due testimoni del volo, che erano nelle loro case quando Horner li ha sorvolati; uno ha detto che l'aereo stava volando a una quota compresa tra i 500 e i 750 piedi (150 e 230 m). I dati radar della FAA hanno mostrato che l'aereo aveva effettuato molteplici virate a bassa quota ed eseguito manovre di rapido cambiamento di altitudine, volando basso attraverso il Quatal Canyon e sfiorando le creste delle montagne per meno di 100 piedi (30 m).

la NTSB ha determinato inoltre che c'erano altri fattori chiave che hanno portato all'incidente. Il primo di questi è stato l'uso da parte di Horner di farmaci prescritti per alleviare il dolore e il mal di testa. I test tossicologici hanno trovato butalbital, codeina ed etanolo nel corpo di Horner (sebbene l'etanolo possa essere stato prodotto dall'attività dei microbi dopo la sua morte).

Film dedicati[modifica | modifica wikitesto]

  • The World of James Horner - Hollywood in Vienna 2013, diretto da Sandra Tomek (2013)
  • HORNER, diretto da Stefan Balugani (2021)

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto due premi Oscar nel 1998 per la colonna sonora e la canzone My Heart Will Go On, entrambe per il film Titanic. La celeberrima melodia ha ottenuto un successo planetario. Ha ottenuto la candidatura per la prestigiosa statuetta anche per Braveheart, Apollo 13, A beautiful mind e Avatar. In totale Horner ha vinto due premi Oscar, due Golden Globe Awards, tre Satellite Awards, sei Grammy Awards, tre Saturn Awards ed è stato candidato a tre premi BAFTA.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • First in Flight, (2012)

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • THX Cimarron trailer, ricomposto nel 1990 e uscito nel 1995 per i teatri Dolby Digital, dopo che il mix originale del trailer in pellicola 70 mm distrusse gli altoparlanti del cinema per essere troppo rumoroso ed il mix originale fu rimosso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7577247 · ISNI (EN0000 0001 2119 6004 · Europeana agent/base/64458 · LCCN (ENn83066279 · GND (DE129577375 · BNF (FRcb13930943h (data) · BNE (ESXX1091387 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83066279