René Clément

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
René Clément

René Clément (Bordeaux, 18 marzo 1913Principato di Monaco, 17 marzo 1996) è stato un regista francese.

I suoi film Le mura di Malapaga e Giochi proibiti hanno vinto l'Oscar al miglior film in lingua straniera, premio al quale fu anche candidato Gervaise nel 1957.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane studiò architettura alla Scuola di Belle Arti e in questo periodo realizzò la sua prima opera, il film d'animazione Cesare fra i galli (1934), iniziando delle collaborazioni come aiuto regista ed operatore. Girò anche documentari in Arabia e nell'Africa del Nord dove si ammalò di tifo e venne più volte arrestato durante le riprese del cortometraggio L'Arabia proibita (1937).

In Francia lavorò con il fotografo Henry Alekan e nel 1946 realizzò il suo primo lungometraggio, Operazione Apfelkern, film di stile realistico si rivelò un successo di pubblico e di critica, premiato con il Premio della giuria al Festival di Cannes. In seguito, Clément collaborò con Jean Cocteau per La bella e la bestia (1946). Tornò alla regia con I maledetti (1947), seguito da Le mura di Malapaga (1949), che vinse il Prix de la mise en scène a Cannes e l'Oscar al miglior film straniero. Nel 1952 Clément girò il suo terzo film ambientato durante la guerra, Giochi proibiti, che vinse il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia e l'Oscar come migliore film straniero. Con Le amanti di Monsieur Ripois (1954), si aggiudicò il terzo Premio speciale della giuria a Cannes.

Tra gli altri film: Gervaise (1956), La diga sul Pacifico (1958), Delitto in pieno sole (1959), Che gioia vivere (1961), Il giorno e l'ora (1963), Parigi brucia? (1966), La corsa della lepre attraverso i campi (1972), Baby Sitter - Un maledetto pasticcio (1975).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84032836 · ISNI (EN0000 0001 0920 1122 · SBN IT\ICCU\RAVV\053359 · LCCN (ENno96042206 · GND (DE11950720X · BNF (FRcb120921153 (data) · BNE (ESXX937525 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96042206