Scarlett Johansson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scarlett Johansson
Scarlett Johansson by Gage Skidmore 2 (cropped).jpg
Scarlett Johansson al San Diego Comic-Con International nel 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop
Indie rock
Periodo di attività musicale2008 – in attività
EtichettaATCO Records
Gruppi attualiOne and Only Singles, The Singles
Album pubblicati2
Studio2

Scarlett Ingrid Johansson (New York, 22 novembre 1984) è un'attrice e cantante statunitense.

Ha fatto il suo esordio cinematografico come attrice bambina nel 1994 in Genitori cercasi, ottenendo i primi riconoscimenti per i suoi ruoli in Manny & Lo (1996), L'uomo che sussurrava ai cavalli (1998) e Ghost World (2001). Per i suoi ruoli nei film La ragazza con l'orecchino di perla (2003), Lost in Translation - L'amore tradotto (2003), Una canzone per Bobby Long (2004), Match Point (2005), Storia di un matrimonio (2019) e Jojo Rabbit (2019) ha ricevuto complessivamente cinque candidature ai Golden Globe, quattro al Premio BAFTA e due al Premio Oscar, e per il secondo film citato si è aggiudicata il BAFTA alla migliore attrice protagonista. Nel 2011 ha vinto un Tony Award per il suo ruolo nello spettacolo Uno sguardo dal ponte, venendo candidata anche ai Drama Desk Award. Dal 2010 al 2021 ha ricoperto il ruolo di Natasha Romanoff / Vedova Nera nei film del Marvel Cinematic Universe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Fornita di doppia cittadinanza grazie al padre danese,[1] Scarlett nasce a New York il 22 novembre 1984, figlia di Karsten Johansson, un architetto di origini danesi,[2] e Melanie Sloan, una produttrice e attrice statunitense nata nel Bronx da famiglia di origini ebraiche e polacche.[3][4][5] Suo nonno paterno era lo storico d'arte, regista e sceneggiatore Ejner Johansson. Ha una sorella e un fratello maggiore, Vanessa e Adrian e un gemello, Hunter,[6][7] mentre dal primo matrimonio del padre ha un fratellastro, Christian. I suoi genitori si separarono quando aveva 13 anni, e successivamente la madre Melanie adotta una bambina etiope, Fenan.[8]

All'età di tre anni Scarlett già sogna di diventare attrice, e a quattro anni incomincia a prendere parte ai primi provini per spot televisivi, anche se i pubblicitari le preferiscono suo fratello, provocandole un forte senso di delusione. In seguito sua madre capisce che nonostante la giovanissima età la sua bambina è davvero interessata a fare l'attrice, e pertanto comincia a portarla anche ai provini per le produzioni cinematografiche e teatrali, e a otto anni Scarlett calca le scene insieme a Ethan Hawke nella pièce teatrale Sofistry.[8]

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Scarlett Johansson alla première de La ragazza con l'orecchino di perla al Toronto International Film Festival nel 2003

Fin dal 1994 incomincia ad apparire in piccoli ruoli in film come Genitori cercasi, Appuntamento col ponte e La giusta causa: quindi comincia a farsi conoscere al pubblico con il suo ruolo di Amanda in Manny & Lo, mentre nel 1997 appare in Mamma, ho preso il morbillo. Si impone all'attenzione del pubblico internazionale nel 1998 con la sua interpretazione della giovane Grace nel film L'uomo che sussurrava ai cavalli. Nel 2000 recita in Ghost World, quindi ne L'uomo che non c'era, e nel 2002 - l'anno in cui consegue il diploma - è nel cast di Arac Attack - Mostri a otto zampe, ispirato alla fantascienza-horror degli anni cinquanta. Il 2003 è l'anno della definitiva consacrazione: recita in Lost in Translation - L'amore tradotto e La ragazza con l'orecchino di perla e ottiene due candidature ai Golden Globe, nelle categorie per la migliore attrice in un film commedia o musicale e per la migliore attrice in un film drammatico.

Nel 2004 è nel cast del film Una canzone per Bobby Long, accanto a John Travolta, pellicola che la giovane Johansson desiderava interpretare da cinque anni. Il film le fa ottenere la terza candidatura ai Golden Globe. Da allora è sulla cresta dell'onda, tra gossip, campagne pubblicitarie (Louis Vuitton, Calvin Klein) e altri progetti cinematografici che la vedono diretta da registi come Woody Allen e Brian De Palma. Quattro le nomination ai Golden Globe per la migliore interpretazione femminile: nel 2003 Lost in Translation e La ragazza con l'orecchino di perla, nel 2004 per Una canzone per Bobby Long, nel 2005 per Match Point.

Nel 2005, accanto a Ewan McGregor, interpreta il fantascientifico The Island diretto da Michael Bay. Lavora poi proprio con Allen in Match Point, colpendo in particolar modo il regista che la sceglie anche per i suoi film successivi e le fa ottenere la quarta nomination ai Golden Globe, Scoop (2006), del quale è protagonista accanto allo stesso regista newyorkese e a Hugh Jackman e Vicky Cristina Barcelona, accanto a Penélope Cruz. Woody Allen stesso ha confermato che lavoreranno spesso anche in futuro, portando quindi a pensare alla Johansson come la sua nuova musa. A tal proposito l'attrice stessa ha dichiarato:

«Entrambi pensiamo che il termine musa sia davvero bizzarro. Non è che quando arrivo io porto l'ispirazione e lui perde il "blocco dello scrittore". È solo che ci piace lavorare assieme, lavoriamo facilmente e abbiamo un piacevolissimo rapporto d'amicizia. Nulla di più.»

(la Repubblica, 25 agosto 2007)
Scarlett Johansson alla première di La verità è che non gli piaci abbastanza nel 2009

Il successo la porta a ritmi di lavoro frenetici e completa nel solo 2006 quattro diversi progetti: oltre alla commedia di Allen, Black Dahlia di Brian De Palma, The Prestige di Christopher Nolan e Il diario di una tata (2007). L'attrice veste anche i panni di Maria Bolena nel film L'altra donna del re, per la quale ottiene una candidatura ai Teen Choice Awards 2008. Nel 2008 Scarlett Johansson appare in un filmato d'archivio nel film Gomorra, tratto dal romanzo omonimo di Roberto Saviano. Rispettando il libro, quel cameo sarebbe dovuto spettare ad Angelina Jolie ma, non avendo ottenuto il permesso dagli Oscar per utilizzare il video di Angelina Jolie sul red carpet, venne utilizzato invece quello della Johansson al Festival del Cinema di Venezia del 2006.[9] Nel 2009 l'attrice interpreta il ruolo della Vedova Nera nel film Iron Man 2 al fianco di Robert Downey Jr. e Gwyneth Paltrow. Nel 2010 entra a far parte del cast dell'adattamento cinematografico del romanzo Sotto la pelle diretto da Jonathan Glazer; nello stesso anno fa il suo debutto a Broadway nel dramma di Arthur Miller Uno sguardo dal ponte, in cui recita il personaggio di Catherine accanto a Liev Schreiber; la sua prima apparizione teatrale le vale il plauso della critica e la vittoria del Tony Award alla miglior attrice non protagonista in un'opera teatrale.[10] Nel 2011 interpreta Kelly, una ragazza che gestisce uno zoo nel film La mia vita è uno zoo che vede nel cast Elle Fanning e Matt Damon.

Nel novembre 2011 appare la notizia secondo cui l'attrice si apprestava a dirigere il suo primo film, basato sul libro, edito postumo, di Truman Capote, Incontro d'estate.[11][12] Nel 2012 la Johansson torna a vestire i panni della Vedova Nera nel film The Avengers. Il film riceve critiche entusiastiche[13][14] ed è un successo al box office: incassa 1.518.815.515 dollari[15] diventando così l'ottavo film di maggiore incasso della storia del cinema. Il 2 maggio 2012 riceve la stella numero 2470 sulla Hollywood Walk of Fame.[16]

Scarlett Johansson in Germania nel 2012

Nel gennaio 2013 Scarlett Johansson interpreta al teatro di Broadway la sensuale Maggie (ruolo che fu di Liz Taylor) ne La gatta sul tetto che scotta. Gira lo spot di Dolce & Gabbana per le fragranze The One e The One for Men accanto a Matthew McConaughey; la clip Street of Dreams è diretta da Martin Scorsese.[17] Nel 2013 è inoltre protagonista dello straniante film di fantascienza Under the Skin di Jonathan Glazer, in cui interpreta la creatura aliena nel corpo di una bella terrestre. Nel film l'attrice appare nel primo nudo integrale della sua carriera.[18] Nel 2014 interpreta il ruolo di Lucy, nel film Lucy diretto da Luc Besson; inoltre riprende il ruolo di Natasha Romanoff/Vedova Nera nei film Captain America: The Winter Soldier (2014), Avengers: Age of Ultron (2015), Captain America: Civil War (2016),[19] Avengers: Infinity War (2018), Avengers: Endgame (2019), che è diventato il film di maggior incasso di tutti i tempi,[20] e Black Widow (2021), di cui è anche produttrice esecutiva.[21]

Nel 2016 la Johansson viene scritturata dalla Disney per prendere parte al remake in live-action dell'omonimo Classico Disney Il libro della giungla, in cui l'attrice presta la sua voce all'intrigante e pericoloso pitone Kaa.[22] Il film è diretto da Jon Favreau, e nel cast la Johansson affianca tra gli altri Bill Murray (sua co-star nel film Lost in Translation), Idris Elba e i premi Oscar Ben Kingsley, Lupita Nyong'o e Christopher Walken. Sempre nel 2016 torna in sala di doppiaggio: è sua la voce dell'istrice cantante Ash nel film d'animazione Sing.[23] Nel 2017 è protagonista del film Ghost in the Shell, adattamento live-action dell'omonima saga d'animazione giapponese, nel ruolo di Motoko Kusanagi.[24]

Nel 2018 incomincia la lavorazione di Jojo Rabbit, recitando al fianco di Sam Rockwell, film diretto dal regista Taika Waititi, che dà vita a una commedia amara sul nazismo.[25] Sempre nel 2018 viene incoronata dalla rivista Forbes come l'attrice più ricca dell'anno, con un guadagno di 40,5 milioni di dollari.[26] L'anno successivo è protagonista, accanto ad Adam Driver, del drammatico Storia di un matrimonio, presentato in anteprima alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia,[27] per la quale ottiene la candidatura al Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico.[28] Nel 2020 ottiene per la prima volta la candidatura al Premio Oscar, sia come miglior attrice protagonista per il suo ruolo in Storia di un matrimonio sia come miglior attrice non protagonista per Jojo Rabbit.[29] Alla fine del 2020 viene confermata come voce dell'istrice Ash nel film Sing 2, sequel del film d'animazione Sing, in uscita il 22 dicembre 2021.[30]

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere apparsa nei videoclip When the Deal Goes Down di Bob Dylan e What Goes Around... Comes Around di Justin Timberlake, e dopo essere salita sul palco del Coachella 2007 al fianco dei The Jesus and Mary Chain, l'attrice ha pubblicato un album composto da cover di Tom Waits, totalmente interpretate da lei. L'album, intitolato Anywhere I Lay My Head, è uscito il 20 maggio 2008[31] ed è stato accolto con poco entusiasmo dalla critica, ricevendo un punteggio medio di 58 su 100 su Metacritic.[32] L'album vede la partecipazione di David Bowie in due brani.

A proposito della scelta di incidere l'album l'attrice ha dichiarato:

«Amo la musica di Tom e avendo un'occasione d'oro come quella di poter fare un disco mi è sembrato naturale provare a realizzare un sogno.»

(la Repubblica, 25 agosto 2007)

Nel 2009 ha inciso una cover della canzone di Jeff Buckley Last Goodbye per la colonna sonora del film La verità è che non gli piaci abbastanza. L'8 settembre 2009 è uscito un album collaborativo inciso con il cantautore Pete Yorn intitolato Break Up, ispirato dai duetti di Serge Gainsbourg con Brigitte Bardot.

Le sono state dedicate tre canzoni: la prima da un gruppo francese, The Teenagers, dal titolo di Starlett Johansson, la seconda dai Jai Alai Savant, dal titolo Scarlett Johansson Why Don't You Love Me?, e la terza dal cantautore italiano Lorenzo Fragola, dal titolo Scarlett Johansson.

Nel 2013 presta la sua voce alla canzone Before My Time di J. Ralph, che ottiene anche una candidatura ai Premi Oscar 2013 come "Miglior canzone", essendo presente nel film Chasing Ice. Nello stesso periodo ha dichiarato di aver formato una band tutta al femminile, chiamata One and Only Singles.[33]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 settembre 2008 sposa l'attore Ryan Reynolds, con una cerimonia in Canada. La coppia si è separata nel dicembre 2010, per divorziare ufficialmente nel luglio 2011.[34][35]

Durante il Festival del Cinema di Venezia 2013, l'attrice annuncia con un comunicato stampa di essere fidanzata con il giornalista francese Romain Dauriac. Il 4 settembre 2014 è nata, a New York, la loro prima figlia, Rose Dorothy.[36] La coppia si è sposata il 1º ottobre 2014 in una cerimonia privata.[37] Nel gennaio 2017 viene annunciato che la coppia si è separata durante l'estate del 2016.[38] Nel marzo 2017 l'attrice annuncia di voler chiedere il divorzio e la custodia primaria della figlia Rose Dorothy.[39]

Da maggio 2019 è fidanzata ufficialmente con l'attore e comico Colin Jost, frequentato a partire dal 2017.[40] Nell'ottobre 2020 i due si sono sposati a New York.[41] Nel luglio 2021 la coppia ha annunciato di aspettare il loro primo figlio, Cosmo, nato nell'agosto dello stesso anno.[42][43]

Impegno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 diventa ambasciatrice globale per Oxfam, una confederazione di organizzazioni non governative che combattono la povertà e l'ingiustizia. Nel marzo 2008 un utente inglese di eBay si aggiudica per 20.000 sterline un'asta benefica a sostegno di Oxfam, vincendo un trattamento estetico, due biglietti per partecipare all'anteprima mondiale de La verità è che non gli piaci abbastanza e un incontro di 20 minuti con la Johansson.

Nel gennaio del 2014 la Johansson rassegna le proprie dimissioni da Oxfam, a causa di divergenze di opinione. L'attrice è infatti diventata testimonial della campagna pubblicitaria della società produttrice di gasatori per bibite Sodastream, la cui principale fabbrica si trova in una colonia occupata in Cisgiordania. La società impiega personale palestinese e israeliano e sostiene che la fabbrica offra un modello esemplare di pacifica cooperazione. Il problema è che gli insediamenti sono considerati illegali dalla comunità internazionale e duramente condannati da molte Ong, tra cui proprio Oxfam.[44]

Durante le primarie per le elezioni presidenziali statunitensi del 2008 si è schierata come sostenitrice del candidato democratico Barack Obama[45] partecipando anche alla realizzazione del video musicale di propaganda Yes We Can insieme ad altri artisti internazionali. Sostiene i diritti gay ed è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso.[46]

Nel dicembre 2020 ha espresso solidarietà a quattro membri della ONG egiziana EIPR che erano detenuti in Egitto, tramite un video caricato su YouTube,[47] e dopo pochi giorni tre di questi sono stati rilasciati.[48]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Scarlett Johansson alla première di The Avengers nel 2012 a Londra

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 – Live Session EP
  • 2009 – Live at KCRW.com (con Pete Yorn)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 – Falling Down/Yesterday Is Here
  • 2009 – Relator (con Pete Yorn)
  • 2009 – Blackie's Dead (con Pete Yorn)

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 – The Dive from Clausen's Pier
  • 2016 - Alice's Adventures In Wonderland

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar
Scarlett Johansson alla cerimonia dei Golden Globe nel 2020
Golden Globe
Premio BAFTA
Blockbuster Entertainment Awards
Boston Society of Film Critics
British Independent Film Awards
Chicago Film Critics Association Awards
  • 1999 – Candidatura alla miglior attrice promettente per L'uomo che sussurrava ai cavalli
  • 2004 – Candidatura alla miglior attrice per Lost in Translation - L'amore tradotto
  • 2006 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Match Point
  • 2014 – Candidatura alla miglior attrice per Under the Skin
  • 2019 – Candidatura alla miglior attrice per Storia di un matrimonio[50]
Critics' Choice Awards
  • 2004 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Lost in Translation - L'amore tradotto
  • 2014 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Lei
  • 2015 – Candidatura alla miglior attrice in un film d'azione per Lucy
  • 2016 – Candidatura alla miglior attrice in un film d'azione per Captain America: Civil War
  • 2020 – Candidatura alla miglior attrice per Storia di un matrimonio
  • 2020 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Jojo Rabbit[51]
Drama Desk Award
  • 2011 – Candidatura alla miglior attrice per A View from the Bridge
  • 2012 – Stella sulla Hollywood Walk of Fame
Festa del Cinema di Roma
Gotham Independent Film Awards
Independent Spirit Awards
London Critics Circle Film Awards
  • 2004 – Candidatura alla miglior attrice per La ragazza con l'orecchino di perla
  • 2015 – Candidatura alla migliore attrice per Ghost World
Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica
  • 2004Premio Controcorrente per la miglior attrice
MTV Movie Awards
New York Film Critics Online
  • 2004 – Miglior attrice per Lost in Translation - L'amore tradotto
Online Film Critics Society Awards
  • 2002 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Ghost World
  • 2004 – Candidatura alla miglior attrice per Lost in Translation - L'amore tradotto
  • 2013 – Candidatura alla miglior attrice non protagonista per Lei
E! People's Choice Awards
Satellite Award
Saturn Award
Scream Award
  • 2009 – Candidatura alla miglior attrice in un film di fantasy per The Spirit
  • 2010Miglior attrice in un film di fantascienza per Iron Man 2
Screen Actors Guild Award
Teen Choice Award
  • 2013 – Candidatura alla miglior attrice in un film sci-fi o fantasy per The Avengers
  • 2013 – Candidatura alla miglior star cinematografica femminile dell'estate per The Avengers
  • 2015 – Candidatura alla miglior attrice in un film Sci-Fi/Fantasy per Avengers: Age of Ultron
  • 2016 – Candidatura alla miglior attrice in un film sci-fi/fantasy per Captain America: Civil War
  • 2018Miglior attrice in un film d'azione per Avengers: Infinity War
  • 2019Miglior attrice in un film d'azione per Avengers: Endgame[56]
Theatre World Award
  • 2011 – Miglior attrice teatrale per A View from the Bridge
Tony Award
Toronto Film Critics Association Awards
  • 2002 – Miglior attrice non protagonista per Ghost World
Young Artist Award
  • 1999 – Candidatura alla miglior performance in un film drammatico per L'uomo che sussurrava ai cavalli
  • 1999 – Miglior attrice giovane in un film drammatico per L'uomo che sussurrava ai cavalli
  • 2002 – Miglior attrice per In fuga per la libertà
  • 2002 – Candidatura al miglior cast per In fuga per la libertà

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Scarlett Johansson è stata doppiata da:

  • Domitilla D'Amico in La giusta causa, L'uomo che sussurrava ai cavalli, In fuga per la libertà, La verità è che non gli piaci abbastanza, Iron Man 2, The Avengers, Hitchcock, Captain America: The Winter Soldier, Avengers: Age of Ultron, Captain America: Civil War, Ghost in the Shell, Crazy Night - Festa col morto, Avengers: Infinity War, Captain Marvel, Avengers: Endgame, Storia di un matrimonio, Jojo Rabbit, Black Widow
  • Perla Liberatori in Appuntamento col ponte, Mamma, ho preso il morbillo, Lost in Translation - L'amore tradotto, Entourage, La ragazza con l'orecchino di perla, Una canzone per Bobby Long, Le seduttrici, In Good Company, Il diario di una tata, L'altra donna del re, La mia vita è uno zoo
  • Ilaria Stagni in Match Point, Scoop, Black Dahlia, Vicky Cristina Barcelona, Under the Skin, Chef - La ricetta perfetta, Lucy, Ave, Cesare!
  • Valentina Mari in Mamma mi sono persa il fratellino!
  • Cristina Giachero in L'uomo che non c'era
  • Monica Bertolotti in Ghost World
  • Alessia Amendola in Arac Attack - Mostri a otto zampe
  • Ilaria Latini in Perfect Score
  • Connie Bismuto in The Island
  • Barbara De Bortoli in The Prestige
  • Rossella Acerbo in The Spirit
  • Stella Musy in Don Jon

Come doppiatrice viene sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scarlett Johansson: Scandinavia is part of my heritage, su scandinaviantraveler.com, 19 febbraio 2016. URL consultato il 18 agosto 2018.
  2. ^ (EN) 'I'm not anything like her...', in The Irish Times, 27 aprile 2012. URL consultato il 16 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2012).
  3. ^ Scarlett Johansson's a Jew, too, su JTA, 23 marzo 2008. URL consultato il 23 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2012).
  4. ^ Neil Young, A Period Film Made By Someone Who Hates Period Films–Peter Webber on Girl with a Pearl Earring, su Neil Young's Film Lounge, 6 gennaio 2004. URL consultato il 12 aprile 2006.
  5. ^ Anthony Weiss, The Scarlett Grandma, in The Jewish Forward, 7 aprile 2006. URL consultato il 12 aprile 2006 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2008).
  6. ^ Michele Wessel, Scarlett Johansson: 10 Things That Make Her Even More Interesting, su Guardian Liberty Voice, 29 gennaio 2014. URL consultato il 4 giugno 2014.
  7. ^ Scarlett Johansson Five Fun Facts : People, su People. URL consultato il 4 giugno 2014.
  8. ^ a b Ciro Brandi, I 30 anni di Scarlett Johansson, da bimba prodigio a stella di Hollywood, su cinema.fanpage.it, 21 novembre 2014. URL consultato il 31 gennaio 2019.
  9. ^ (EN) Frank DiGiacomo, Oscar Crime: Gomorra Shoulda Been a Contender, su Vanity Fair, 26 febbraio 2009. URL consultato il 5 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2010).
  10. ^ (EN) Two-Time Academy Award Nominee Scarlett Johansson Is Also a Two-Time Broadway Actress, su Broadway.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  11. ^ Paolo Sinopoli, Esordio alla regia per Scarlett Johansson, su Best Movie, 21 novembre 2011. URL consultato il 30 aprile 2019.
  12. ^ Scarlett Johansson diventa regista [collegamento interrotto], su libero.it. URL consultato il 21 novembre 2011.
  13. ^ (EN) Scarlett Johansson, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. Modifica su Wikidata
  14. ^ The Avengers, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  15. ^ The Avengers, su Boxofficemojo.com. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  16. ^ Scarlett Johansson è sulla Walk of Fame, su today.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 2 aprile 2017.
  17. ^ Il nuovissimo spot di Dolce & Gabbana per le fragranze The One, su daringtodo.com. URL consultato il 20 novembre 2013.
  18. ^ Scarlett Johansson: le foto del nudo integrale in Under the Skin, su melty.it, 22 agosto 2014. URL consultato il 19 aprile 2015.
  19. ^ Scarlett Johansson sarà nuovamente Vedova Nera in Captain America: Civil War, su badtaste.it, 15 gennaio 2015. URL consultato il 2 aprile 2017.
  20. ^ Marco Delfino, Avengers: Endgame, i fratelli Russo interrompono il dominio di Cameron, Spielberg e Lucas, su cinema.everyeye.it, 21 luglio 2019. URL consultato il 21 luglio 2019.
  21. ^ Matteo Regoli, Scarlett Johansson sarà produttrice esecutiva di Black Widow, su cinema.everyeye.it, 4 settembre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  22. ^ Il libro della giungla, Scarlett Johansson è il serpente Kaa nel trailer ufficiale, su bestmovie.it, 15 settembre 2015. URL consultato il 2 aprile 2017.
  23. ^ SING – MATTHEW MCCONAUGHEY E SCARLETT JOHANSSON CANTANO CALL ME MAYBE, su blog.screenweek.it, 3 dicembre 2016. URL consultato il 2 aprile 2017.
  24. ^ "Ghost In The Shell", Scarlett Johansson è una cyborg sexy e spietata, su tgcom24.mediaset.it, 30 marzo 2017. URL consultato il 2 aprile 2017.
  25. ^ Jojo Rabbit: Taika Waititi celebra l’inizio delle riprese rivolgendo il dito medio a Hitler, su badtaste.it, 2 giugno 2018. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  26. ^ The World's Highest-Paid Actresses 2018: Scarlett Johansson Steals The Spotlight With $40.5 Million, su forbes.com, 16 agosto 2018. URL consultato il 17 agosto 2018.
  27. ^ Marriage Story: Scarlett Johansson e Adam Driver nei primi due teaser trailer del film di Noah Baumbach, su bestmovie.it, 20 agosto 2019. URL consultato il 23 agosto 2019.
  28. ^ a b Golden Globe 2020, ecco tutte le nomination, su quotidiano.net, 9 dicembre 2019. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  29. ^ a b Oscar 2020: tutte le nomination, su IlPost, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  30. ^ (EN) 'Sing 2': Cast, Release Date, Poster for Universal Animated Sequel Announced, su Collider, 21 dicembre 2020. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  31. ^ Anywhere I Lay My Head – Scarlett Johanson pubblicherà un album di cover di Tom Waits, su MTV.it, 28 gennaio 2008. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  32. ^ (EN) Anywhere I Lay My Head - Scarlett Johansson, su Metacritic.com, 20 maggio 2008. URL consultato l'11 settembre 2021.
  33. ^ Scarlett Johansson fonda una band, su La Stampa.
  34. ^ Scarlett Johansson e Ryan Reynolds si sono lasciati, su GossipBlog.it, 14 dicembre 2010. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  35. ^ Simona Marchetti, Scarlett, un futuro da single, su Corriere della Sera.it, 15 dicembre 2010. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  36. ^ Scarlett Johansson è diventata mamma: il 4 settembre è nata a New York City la piccola Rose Dorothy, su gossip.it. URL consultato l'8 settembre 2014.
  37. ^ Scarlett Johansson si è sposata, su thegossipers.com. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  38. ^ Scarlett Johansson, ecco perché ha lasciato il marito, su quotidiano.net, 26 gennaio 2017. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  39. ^ Scarlett Johansson chiede il divorzio - Ultima Ora, in ANSA.it, 8 marzo 2017. URL consultato l'8 marzo 2017.
  40. ^ (EN) Scarlett Johansson and SNL's Colin Jost Are Engaged After Two Years of Dating, su people.com, 19 maggio 2019. URL consultato il 14 luglio 2020.
  41. ^ Scarlett Johansson si è sposata per la terza volta. Ha detto sì a Colin Jost, su tgcom24.mediaset.it, 30 ottobre 2020. URL consultato il 30 ottobre 2020.
  42. ^ Scarlett Johansson è incinta: in arrivo un figlio con il marito Colin Jost, su tg24.sky.it, 7 luglio 2021. URL consultato il 7 luglio 2021.
  43. ^ Scarlett Johansson mamma bis: è nato Cosmo, il primo figlio con Colin Jost, su vanityfair.it, 18 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2021.
  44. ^ Roberto Festa, Scarlett Johansson star di un'azienda in Israele. Lascia Oxfam in polemica., su Il fatto quotidiano, 30 gennaio 2014.
  45. ^ (EN) Supporters of Democratic presidential hopeful Sen. Barack Obama, D-Ill., wave at the candidate after his speech during a concert fund raiser at the Gi [collegamento interrotto], su Yahoo.com, 11 dicembre 2007. URL consultato il 9 gennaio 2008.
  46. ^ (EN) Scarlett Johansson and Natalie Portman on Marriage Equality, su towleroad.com.
  47. ^ L'appello di Scarlett Johansson per la scarcerazione di Patrick Zaki, su BolognaToday, 2 dicembre 2020. URL consultato il 6 marzo 2021.
  48. ^ Sul caso Zaky neanche Scarlett Johansson smuove (per ora) Al-Sisi, su Globalist, 4 dicembre 2020. URL consultato il 6 marzo 2021.
  49. ^ BAFTA 2020: Joker guida le nomination con 11 candidature!, su BadTaste, 7 gennaio 2020. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  50. ^ (EN) Once Upon A Time...In Hollywood Leads Chicago Film Critics Association 2019 Nominations, su chicagofilmcritics.org, 12 dicembre 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  51. ^ Critics' Choice Awards: annunciate tutte le nomination dell'edizione 2020. Ecco l'elenco dei film candidati, su Best Movie, 8 dicembre 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  52. ^ People's Choice Awards 2019: Avengers: Endgame vince come Miglior Film, su popcorn tv, 11 novembre 2019. URL consultato il 12 novembre 2019.
  53. ^ (EN) 2019 WINNERS, su pressacademy.com. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  54. ^ (EN) 2019 Saturn Awards Winners: ‘Avengers: Endgame’ Dominates with Six Total Awards, su slashfilm.com, 14 settembre 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  55. ^ (EN) Zack Sharf, SAG Award Nominations 2020: 'Irishman,' 'Hollywood' Dominate, 'Bombshell' Surprises, su indiewire.com, 11 dicembre 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  56. ^ Teen Choice Awards 2019: tutti i vincitori, Avengers: Endgame trionfa, su cinematographe.it, 12 agosto 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85521623 · ISNI (EN0000 0001 1450 577X · Europeana agent/base/26224 · LCCN (ENno00017364 · GND (DE129616214 · BNF (FRcb145553119 (data) · BNE (ESXX1505860 (data) · NLA (EN41025680 · NDL (ENJA01160526 · WorldCat Identities (ENlccn-no00017364