Megan Thee Stallion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Megan Thee Stallion
Megan Thee Stallion nel settembre 2021
NazionalitàBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
GenereHip hop
Southern hip hop
Periodo di attività musicale2016 – in attività
EtichettaHot Girl Productions, 1501, 300, Roc Nation
Album pubblicati4
Studio3
Raccolte1
Logo ufficiale
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Megan Thee Stallion, pseudonimo di Megan Jovon Ruth Pete (San Antonio, 15 febbraio 1995), è una rapper statunitense.

Ha raggiunto il successo nel 2019 con il singolo Hot Girl Summer, in collaborazione con Nicki Minaj e Ty Dolla Sign, che si è imposto al numero undici della Billboard Hot 100 statunitense. Nel 2020 il suo brano Savage, grazie al remix con la cantante Beyoncé, raggiunge il primo posto della suddetta classifica. Nello stesso anno la rapper collabora con Cardi B alla hit di successo mondiale WAP e pubblica l'album in studio di debutto Good News.

Successivamente alla pubblicazione della raccolte Something for Thee Hotties (2021) e del secondo album in studio Traumazine (2022), la rapper affronta una causa legale con l'etichetta discografica sino allo scioglimento del contratto nell'ottobre 2023, fondando la Hot Girl Productions, società indipendente di musica e intrattenimento.

Nel corso della sua carriera è stata premiata con numerosi riconoscimenti, tra cui due BET Awards, due BET Hip Hop Awards, tre Grammy Awards, due MTV Video Music Awards e le è stato conferito il Powerhouse Award nell'ambito dell'annuale Billboard Women in Music Awards del 2019.[1]

Megan Jovon Ruth Pete è nata a San Antonio, in Texas,[2] figlia della rapper Holly Thomas, in arte Holly-Wood e Joseph Pete Jr. Successivamente alla pena di carcerazione del padre per otto anni,[3] Holly Thomas si trasferisce con la figlia di pochi mesi nel quartiere di South Park a Houston, Texas, per lavorare tra i concerti e le sessioni negli studio di registrazione per registrare la propria musica.[4] Dai quattordici ai diciotto anni, Megan ha vissuto con la madre a Pearland, Texas, dove frequenta la Pearland High School, diplomandosi nel 2013.[5] Suo padre morì durante il suo primo anno di liceo.[3] Megan ha iniziato a scrivere i suoi pezzi a 16 anni.[6] Quando ha rivelato alla madre di voler rappare, lei le ha consigliato di aspettare i 21 anni prima di iniziare una carriera musicale.[7] La madre, nonostante fosse impressionata dal suo talento, riteneva i suoi testi troppo suggestivi e sessuali per la sua giovane età e temeva per la reazione del pubblico.[8]

Nel 2013 Megan si iscrive alla Prairie View A&M University, sebbene lasci gli studi pochi anni dopo per intraprendere la carriera musicale. In quegli anni Megan ha adottato il suo nome d'arte, Megan Thee Stallion, poiché tutti la chiamavano una "stallone (stallion)" per via della sua altezza (1,78 m[9]) e sfidava ragazzi in freestyle, divenendo popolare sui social media.[2][4] Dopo la morte della madre, avvenuta nel 2019 a causa di un tumore cerebrale,[10] Megan ha ripreso gli studi alla Texas Southern University, laureandosi l'11 dicembre 2021 con una Bachelor's Science Degree in gestione e amministrazione sanitaria.[11][12]

2016-2018: i primi progetti e il contratto discografico

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 ha pubblicato il suo primo mixtape, Rich Ratchet, e il suo primo singolo Like a Stallion, prodotto da TA.[13] L'anno successivo è stata la volta del suo primo EP, Make It Hot.[14] Una canzone presente in quest'ultimo, Last Week in H TX, ha ricevuto oltre quattro milioni di visualizzazioni su YouTube. Nel 2017 ha reso disponibile Stalli (Freestyle), una rivisitazione di Look At Me! di XXXTentacion.[14][15][16]

All'inizio del 2018 ha firmato un contratto discografico con la 1501 Certified Ent.[2] A giugno ha pubblicato un EP di 10 tracce, Tina Snow, chiamato come il suo alter ego omonimo che ha descritto come una versione più cruda di sé.[7] L'EP è stato accolto positivamente dalla critica specializzata.[2][17][18] Nel novembre successivo è diventata la prima rapper donna a firmare con la casa discografica 300 Entertainment.[19] Successivamente firma un contratto con la Roc Nation per la gestione manageriale e di distribuzione della musica.[20][21]

2019-2021: il successo con Fever, Suga e Good News

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 ha estratto il singolo Big Ole Freak da Tina Snow, registrandone un video musicale.[22] La canzone è diventata la sua prima entrata nella Billboard Hot 100, spingendosi fino alla 65ª posizione.[23]

Il suo primo mixtape commerciale, Fever, è stato pubblicato il 17 maggio 2019.[24] Ha ricevuto un buon successo sia di critica che di pubblico, entrando alla decima posizione della Billboard 200.[25][26][27] Il 21 maggio, ha pubblicato il video musicale del singolo Realer.[28] Il 20 giugno ha rivelato di essere stata inclusa nella dodicesima edizione della lista annuale di XXL Freshman Class.[29] Il 9 agosto ha pubblicato il brano Hot Girl Summer, in collaborazione con Nicki Minaj e Ty Dolla Sign e prodotto da Juicy J.[30]

Nel gennaio 2020 la rapper ha pubblicato il singolo Diamonds, in collaborazione con Normani, incluso nella colonna sonora del film Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn.[31] Il 6 marzo successivo è uscito il suo terzo EP, Suga: da esso è stato estratto il singolo Savage, diventato virale su TikTok, che grazie al successivo remix con Beyoncé si è posizionato alla vetta della classifica statunitense, diventando la sua prima numero uno in patria, e al numero tre in quella britannica, riscuotendo successo anche a livello internazionale.[32][33][34][35]

Nell'agosto 2020 Megan ha partecipato al singolo di Cardi B, WAP, che ha esordito direttamente in vetta alla Hot 100, divenendo la sua seconda numero uno in madrepatria.[36] Il 12 novembre 2020 Megan ha annunciato tramite i social media l'arrivo del suo album in studio di debutto, Good News, che è stato pubblicato il 20 novembre successivo.[37][38] Il progetto è stato anticipato dai singoli Girls in the Hood e Don't Stop, quest'ultimo in collaborazione del rapper Young Thug.

Nel corso della 63ª edizione dei Grammy, tenutasi la sera del 14 marzo 2021, la rapper è stata premiata come miglior artista esordiente, mentre il remix di Savage in collaborazione con Beyoncé ha trionfato nelle categorie di miglior interpretazione rap e miglior canzone rap.[39]

2022-presente: Traumazine, Hot Girl Productions e nuovo album in studio

[modifica | modifica wikitesto]

L'11 marzo 2022 Megan Thee Stallion ha pubblicato una collaborazione con la cantante Dua Lipa, intitolata Sweetest Pie.[40] Il 27 marzo successivo Megan ha fatto un'apparizione ai Premi Oscar 2022, dove si è esibita insieme a vari artisti con We Don't Talk About Bruno, tratta dal film Encanto, divenendo la seconda rapper ad esibirsi nella storia della premiazione dopo Queen Latifah.[41] In una copertina di Rolling Stone, Megan ha rivelato di aver collaborato con Future per il suo secondo album, in una canzone intitolata Pressurelicious, pubblicata come singolo nel giugno 2022.[3] Il 12 agosto 2022 il secondo album, Traumazine, viene pubblicato attraverso la 1501 Certified e 300 Records.[42]

Successivamente alla vittoria della causa legale contro la casa discografica 1501 Certified, con lo scioglimento del contratto, nell'ottobre 2023 Megan Thee Stallion fonda la propria società indipendente di musica e intrattenimento Hot Girl Productions, attraverso la quale pubblica i singoli Cobra, il 3 novembre 2023, e Hiss, il 26 gennaio 2024, che debutta alla numero uno della Billboard Hot 100, annunciando il terzo album in studio.[43][44] Il 5 aprile collabora con GloRilla al singolo Wanna be, il quale riceve un discreto successo in madrepatria.[45] Il 10 maggio pubblica, attraverso la sua etichetta discografica, il singolo Boa.[46]

Cause legali contro 1501 Certified Enterteiment

[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente alla firma del contratto con l'agenzia di management Roc Nation nel 2020, Megan Thee Stallion è stata avvisata dalla compagnia che il contratto con la 1501 Certified Enterteiment risultava «incerto».[47][48] Il contratto prevede che la cantante ha diritto al 40% dei suoi profitti discografici, mentre all'etichetta spetta il 60%, percentuale inferiore rispetto alla divisione paritaria al 50% che è consuetudine nel settore, oltre che il 50% delle pubblicazioni di Thee Stallion, il 30% dei suoi introiti da tournée, il 30% del suo merchandising, il controllo dei suoi diritti di merchandising e una parte dei "redditi passivi" come le sponsorizzazioni o pubblicità.[49] Sebbene l'amministratore delegato dell'etichetta, Carl Crawford, abbia smentito alcune affermazioni rilasciate dai legali della cantante, il 2 marzo 2020 è stata intentata una causa contro la 1501 Certified Enterteiment.[50] Nella causa la cantante cita inoltre di essere stata pagata 15.000 dollari dall'etichetta, nonostante abbia generato una cifra stimata in 7 milioni di dollari grazie ai download e agli streaming dei suoi brani.[48] Il giudice del tribunale distrettuale della Contea di Harrison, Texas, ha approvato la sua richiesta di un ordine restrittivo temporaneo, che impedendo alla 1501 Certified di interferire con il rilascio di Suga. Due giorni dopo, un altro giudice del tribunale distrettuale della contea di Harris ha negato la richiesta della casa discografica di sciogliere l'ordine restrittivo temporaneo.[49]

Successivamente all'annuncio della pubblicazione del remix del brano Butter della boy band coreana BTS con la cantante il 27 agosto 2021, la 1501 Certified si è opposta alla sua commercializzazione.[51] Il 24 agosto 2021 Megan Thee Stallion ha presentato una petizione presso un tribunale del Texas, chiedendo un provvedimento d'urgenza prima di venerdì 27 agosto per poter pubblicare il remix come previsto.[52] La cantante ha vinto la petizione, pubblicando il remix nella data annunciata.[53]

Il 29 ottobre 2021 la rapper ha pubblicato l'album di raccolta Something for Thee Hotties, progetto non riconosciuto dalla 1501 Certified come album.[47] La casa discografica afferma che il progetto presenti 44:38 minuti di ascolto, inferiori ai 45 minuti previsti dal contratto discografico della cantante, di cui 29 minuti di nuovi materiali.[54] Inoltre con il disconoscimento del progetto la rapper avrebbe dovuto pubblicare altri due album oltre a Something. Il 18 febbraio 2022, la rapper ha intrapreso una causa legale contro l'etichetta sostenendo che Something rispetta la definizione di album.[55] Sebbene non vi sia stata una sentenza definitiva, con la pubblicazione del secondo album in studio Traumazine, avvenuta il 12 agosto 2022, The Stallion ha espresso la sua delusione e il suo disagio emotivo per la difficoltà che sta incontrando nel pubblicare la sua musica.[56][57] La settimana successiva alla pubblicazione dell'album, la rapper ha presentato una nuova denuncia, chiedendo il riconoscimento del suo adempimento al contratto, chiedendo inoltre un milione di dollari come risarcimento per la mancata promozione del progetto con campagne di marketing.[58] Lo studio legale dell'etichetta ha dichiarato che Thee Stallion sarà convocata per una deposizione di persona a metà ottobre, e che la sentenza sarà emanata entro il mese di maggio 2023.[59] Il 19 ottobre 2023 gli avvocati della 1501 Certified Entertainment hanno confermato che «Megan Thee Stallion e 1501 Certified sono lieti di annunciare che hanno raggiunto un accordo confidenziale per risolvere le loro divergenze legali, [...] Come parte dell'accordo, entrambe le parti hanno concordato di separarsi amichevolmente».[60]

Dopo la conclusione del procedimento legale, Thee Stallion ha fondato la società indipendente di musica e intrattenimento Hot Girl Productions.[61]

Causa legale contro Tory Lanez

[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 luglio 2020, Megan Thee Stallion ha dichiarato di aver riportato ferite da arma da fuoco e di essersi sottoposta a un intervento chirurgico per rimuovere i proiettili. La sua dichiarazione è avvenuta a tre giorni di distanza dalla dichiarazione che la cantante si trovasse in auto con il rapper Tory Lanez e una donna non identificata, dove si sarebbe ferita con un vetro rotto. Quel giorno Lanez è stato fermato dalla polizia per un controllo, da cui è emerso il possesso illegale di armi da fuoco, portando all'arresto del rapper.[62] Il mese successivo, Thee Stallion ha affermato che Lanez era la persona che le aveva sparato, dicendo che «non ho detto alla polizia quello che è successo immediatamente perché non volevo morire».[63]

Il 25 settembre 2020 Lanez ha pubblicato il suo quinto album, Daystar, in cui affronta le accuse, negando di aver sparato alla cantante.[63] Lo stesso giorno, in una dichiarazione a Variety, l'avvocato di Thee Stallion, Alex Spiro, ha affermato che i rappresentanti di Lanez avevano tentato di lanciare una «campagna diffamatoria» utilizzando messaggi falsificati per «diffondere una falsa narrativa» che la screditasse.[64] La stessa cantante ha poi dichiarato di aver ricevuto un'offerta di denaro da parte di Lanez e del suo team per tacere sulla questione dopo l'incidente.[65]

L'8 ottobre 2020, Lanez è stato accusato di aver sparato a Megan Thee Stallion dai procuratori della Contea di Los Angeles, ottenendo un ordine di protezione contro Lanez, che gli impone di stare ad almeno 100 metri di distanza da Thee Stallion e di non contattarla.[66] In un articolo del The New York Times, pubblicato il 13 ottobre 2020, Thee Stallion ha affrontato ulteriormente la questione, scrivendo: «Le donne nere sono ancora costantemente non rispettate in così tanti ambiti della vita. Recentemente sono stata vittima di un atto di violenza da parte di un uomo. Dopo una festa, mi hanno sparato due volte mentre mi allontanavo da lui».[67] Successivamente Lanez si è dichiarato non colpevole di aggressione con una pistola semiautomatica poiché, se condannato, potrebbe rischiare una pena massima di 22 anni e otto mesi in una prigione statale.[67]

Nell'aprile del 2022 Lanez è stato arrestato per aver violato un ordine di protezione relativo al caso; è stato rilasciato poco dopo con una cauzione maggiorata di 350.000 dollari.[68]

Stile ed influenze

[modifica | modifica wikitesto]

Megan Thee Stallion è nota per la sua fiducia in sé, sensualità e i suoi testi espliciti.[8] Mette in mostra la sua sessualità in testi, video ed esibizioni.[8] In un’intervista per Pitchfork dice "Non si tratta solo di essere sexy, si tratta di essere sicuri di sé, ed io sono fiera della mia sessualità".[69] In un'altra intervista per Rolling Stone, ha detto che non c’è mai stata davvero una rapper donna proveniente da Houston o Texas, e che lei viene proprio da lì.[70]

Menziona inizialmente sua madre, poi Pimp C, The Notorious B.I.G., Three 6 Mafia, Nicki Minaj e Lil’ Kim come le sue più grandi influenze.[6][69][71][72][73] La rapper cita inoltre Beyoncé come l'artista che ha maggiormente ispirato la sua scelta di entrare a far parte dell'industria musicale:[74]

«Si passa dall'andare a un concerto di Destiny's Child in quinta elementare a voler essere una di loro. Volendo essere un artista, volendo essere nell'industria musicale, volendo essere un qualsiasi tipo di intrattenitore, e per riuscirci si guarda a Beyoncé. Beyoncé è lo standard a cui mirare.»

Immagine pubblica

[modifica | modifica wikitesto]

In molte interviste si è identificata come Tina Snow, uno dei suoi alter ego che ha dato il nome al suo EP di debutto. La rapper è stata ispirata dall'alter ego di Pimp C, Tony Snow per crearla, e infatti ne ha un'autostima simile, oltre al tema sessuale dominante.[8]

Hot Girl Meg è un altro alter ego di Megan Thee Stallion e quest'ultima l'ha paragonata ad una ragazza frequentante il college e i club.[75] Ha confermato di averla introdotta nel suo mixtape Fever.[76]

Come confermato nel febbraio 2021, Megan è stata coinvolta in una relazione sentimentale con il rapper Pardison Fontaine.

Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Megan Thee Stallion.

Album in studio

[modifica | modifica wikitesto]
  • 2024 – Hot Girl Summer Tour

Riconoscimenti

[modifica | modifica wikitesto]
Lo stesso argomento in dettaglio: Premi e riconoscimenti di Megan Thee Stallion.

Megan ha ricevuto vari riconoscimenti, tra cui tre Grammy Awards, quattro American Music Awards, sette BET Awards, otto BET Hip Hop Awards, due Billboard Music Awards, due iHeartRadio Music Awards, due MTV Video Music Awards e un Soul Train Music Award.

  1. ^ (EN) Megan Thee Stallion Accepts Powerhouse Award Women In Music 2019, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 5 luglio 2020.
  2. ^ a b c d (EN) Nandi Howard, Meet the electrifying Megan Thee Stallion, su thefader.com, The Fader. URL consultato il 10 luglio 2019.
  3. ^ a b c (EN) Mankaprr Conteh, Megan Thee Stallion Will Not Back Down, su rollingstone.com, Rolling Stone, 15 giugno 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  4. ^ a b (EN) Hunter Harris, How Did Megan Thee Stallion Become the Next Hottest Rapper Out of Houston?, su vulture.com, Vulture, 25 aprile 2019. URL consultato il 16 agosto 2022.
  5. ^ (EN) Darian Symoné Harvin, Megan Thee Stallion Prepares for ‘Hot Girl Summer’ With a Pageant, in The New York Times, 25 giugno 2019. URL consultato il 16 agosto 2022.
  6. ^ a b (EN) Robby Seabrook III, The Break Presents: Megan Thee Stallion, su xxlmag.com, XXL. URL consultato il 10 luglio 2019.
  7. ^ a b (EN) Jack Riedy, NEXT: Houston's Megan Thee Stallion Takes Rappers To School, su vibe.com, Vibe, 3 ottobre 2018. URL consultato il 10 luglio 2019.
  8. ^ a b c d (EN) Jade Gomez, How Megan Thee Stallion Earned Her Confidence, su rollingstone.com, Rolling Stone, 16 marzo 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.
  9. ^ (EN) How tall is Megan Thee Stallion?, su popbuzz.com, PopBuzz. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  10. ^ (EN) Jasmine Grant, Megan Thee Stallion Reveals Her Mother Died From A 'Brain Tumor', su essence.com, Essence. URL consultato il 16 agosto 2022.
  11. ^ (EN) Connor Perrett, Megan Thee Stallion walks the stage to accept her college degree from Texas Southern University, su Insider. URL consultato il 16 agosto 2022.
  12. ^ (EN) Nadeem Muaddi, Megan Thee Stallion celebrates her college graduation, su cnn.com, CNN. URL consultato il 16 agosto 2022.
  13. ^ (EN) Megan Thee Stallion – “Tina Snow” (Album), su The Hype Magazine. URL consultato il 10 luglio 2019.
  14. ^ a b (EN) Megan Thee Stallion is the freaky new rapper who might make you feel yourself, su The FADER. URL consultato il 10 luglio 2019.
  15. ^ (EN) Shotcaller Stallion : Why Megan The Stallion Is Breaking Barriers in Texas Music, su Modern Life Mag. URL consultato il 10 luglio 2019.
  16. ^ (EN) Dazed, The ‘rude gal’ rappers leading hip hop’s bold new wave, su Dazed, 6 febbraio 2018. URL consultato il 10 luglio 2019.
  17. ^ (EN) Listen to “Tina Montana” by Megan Thee Stallion. URL consultato il 10 luglio 2019.
  18. ^ (EN) 5 classic albums that could be remade—but only by these artists, su REVOLT TV. URL consultato il 10 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  19. ^ (EN) Tony M. Centeno, Megan Thee Stallion Signs to 300 Entertainment - XXL, su XXL Mag. URL consultato il 10 luglio 2019.
  20. ^ (EN) Megan Thee Stallion’s Roc Management Deal Was Solidified by Cheetos, su americansongwriter.com, American Songwriter, 28 giugno 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  21. ^ (EN) Alex Robert Ross, Megan Thee Stallion signs management deal with Roc Nation, su thefader.com, The Fader, 13 settembre 2019. URL consultato il 16 agosto 2022.
  22. ^ (EN) Megan Thee Stallion Drops a Salivating Video for "Big Ole Freak", su Highsnobiety, 28 febbraio 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.
  23. ^ (EN) Top 100 Songs Billboard Hot 100 Chart, su billboard.com. URL consultato il 10 luglio 2019.
  24. ^ (EN) Megan Thee Stallion’s debut album Fever is dropping in two weeks, su The FADER. URL consultato il 10 luglio 2019.
  25. ^ (EN) Megan Thee Stallion: Fever, su Pitchfork. URL consultato il 10 luglio 2019.
  26. ^ (EN) Jon Caramanica, The Old-Fashioned, High-Impact Rhymes of Megan Thee Stallion, in The New York Times, 22 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.
  27. ^ (EN) The fever pitch of Megan Thee Stallion, su The FADER. URL consultato il 10 luglio 2019.
  28. ^ (EN) Althea Legaspi, Althea Legaspi, See Megan Thee Stallion Get ‘Realer’ in New Blaxploitation-Flavored Video, su Rolling Stone, 22 maggio 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.
  29. ^ (EN) X. X. L. Staff, XXL 2019 Freshman Class Revealed, su XXL Mag. URL consultato il 26 luglio 2019.
  30. ^ (EN) Michael Saponara, Megan Thee Stallion Announces 'Hot Girl Summer' Featuring Nicki Minaj & Ty Dolla $ign, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 6 agosto 2019.
  31. ^ (EN) Madeline Roth, Normani And Megan Thee Stallion Unleash Their Inner Harley Quinns In 'Diamonds', su mtv.com, MTV News, 10 gennaio 2020. URL consultato il 13 aprile 2020.
  32. ^ (EN) Rob Sheffield, Megan Thee Stallion is at Her Peak on 'Suga', su rollingstone.com, Rolling Stone, 9 marzo 2020. URL consultato il 13 aprile 2020.
  33. ^ (EN) Taryn Finley, The Megan Thee Stallion-Approved 'Savage Challenge' Is Helping Keep Us All Sane, su huffpost.com, HuffPost, 25 marzo 2020. URL consultato il 13 aprile 2020.
  34. ^ Beyoncé e Megan Thee Stallion lanciano a sorpresa il remix di 'Savage', su rollingstone.it, Rolling Stone, 30 aprile 2020. URL consultato il 5 maggio 2020.
  35. ^ (EN) Gary Trust, Megan Thee Stallion & Beyonce's 'Savage' Surges to No. 1 on Billboard Hot 100, su Billboard, 26 maggio 2020. URL consultato il 26 maggio 2020.
  36. ^ (EN) Gary Trust, Cardi B & Megan Thee Stallion's 'WAP' Debuts at No. 1 on Billboard Hot 100 With Record First-Week Streams, su Billboard, 17 agosto 2020. URL consultato il 17 agosto 2020.
  37. ^ Lorenzo Benatti, Megan Thee Stallion annuncia il suo nuovo album, su rapologia.it, 12 novembre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  38. ^ (EN) Tamantha Gunn, Megan Thee Stallion announces debut album 'Good News', su revolt.tv, Revolt, 12 novembre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  39. ^ (EN) Rania Aniftos, Megan Thee Stallion Holds Back Tears After Winning Best New Artist at the 2021 Grammys, su billboard.com, Billboard, 14 marzo 2021. URL consultato il 15 marzo 2021.
  40. ^ (EN) Surej Singh, Watch Megan Thee Stallion and Dua Lipa’s fantastical music video for new collaboration ‘Sweetest Pie’, su nme.com, NME, 11 marzo 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  41. ^ (EN) Angie Martoccio e Nancy Dillon, Megan Thee Stallion Makes 'Encanto' Track 'We Don't Talk About Bruno' All the More Magical at Oscars, su rollingstone.com, Rolling Stone, 28 marzo 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  42. ^ (EN) Chris Malone Méndez, Megan Thee Stallion’s Sophomore Album ‘Traumazine’ Has Arrived, su forbes.com, Forbes. URL consultato il 16 agosto 2022.
  43. ^ (EN) Ashleigh Carter, Megan Thee Stallion's Forthcoming Single "Cobra" Is Completely Self-Funded, su Teen Vogue, 28 ottobre 2023. URL consultato il 17 gennaio 2024.
  44. ^ (EN) Larisha Paul, Megan Thee Stallion Strikes Back on New Single 'Hiss', su Rolling Stone, 26 gennaio 2024. URL consultato il 27 gennaio 2024.
  45. ^ (EN) Zachary Horvath, GloRilla & Megan Thee Stallion's "Wanna Be" Lives Up To The Hype & Then Some, su HotNewHipHop, 5 aprile 2024. URL consultato il 12 maggio 2024.
  46. ^ (EN) Carl Lamarre, Megan Thee Stallion Announces New Single ‘BOA’, su Billboard, 7 maggio 2024. URL consultato il 12 maggio 2024.
  47. ^ a b (EN) Ashley Shannon Wu, What’s Up With Megan Thee Stallion’s Messy Label Legal Battle?, su vulture.com, Vulture, 11 agosto 2022. URL consultato il 19 agosto 2022.
  48. ^ a b (EN) Nick Reilly, Megan Thee Stallion files lawsuit to get out of record deal, su nme.com, NME, 3 marzo 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  49. ^ a b (EN) Marc Hogan, Why Is Megan Thee Stallion Suing Her Record Label?, su pitchfork.com, Pitchfork, 6 marzo 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  50. ^ (EN) Carl Lamarre, Carl Crawford Denies Megan Thee Stallion’s Claims His 1501 Label Is Preventing Her From Releasing Music: ‘Nothing Is True That She Said’, su billboard.com, Billboard, 3 marzo 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  51. ^ (EN) Samantha Ibrahim, Megan Thee Stallion to release ‘Butter’ remix with BTS after court order, su nypost.com, New York Post, 24 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2022.
  52. ^ (EN) Caleb Triscari, Megan Thee Stallion Sues Her Label, Again, su pitchfork.com, Pitchfork, 23 febbraio 2022. URL consultato il 19 agosto 2022.
  53. ^ (EN) Carl Lamarre, Megan Thee Stallion Allowed to Release BTS ‘Butter’ Remix, Judge Rules, su billboard.com, Billboard, 24 agosto 2021. URL consultato il 19 agosto 2022.
  54. ^ (EN) Alex Gallagher, Megan Thee Stallion files lawsuit against label over "album" definition, su nme.com, NME, 23 febbraio 2022. URL consultato il 19 agosto 2022.
  55. ^ (EN) Nancy Dillon, Megan Thee Stallion's Label Countersues After She Claims 'Ruse' to Lock Her in Contract, su Rolling Stone, 21 marzo 2022. URL consultato il 19 agosto 2022.
  56. ^ (EN) Trace William Cowen, Megan Thee Stallion Thanks Fans for Support During Ongoing Label Issues: ‘We Almost Out’, su complex.com, Complex. URL consultato il 19 agosto 2022.
  57. ^ (EN) Moises Mendez II, 5 Key Takeaways From Megan Thee Stallion's Traumazine, su time.com, Time. URL consultato il 18 agosto 2022.
  58. ^ (EN) Alex Gallagher, Megan Thee Stallion files amended complaint against her label, is now seeking $1million in damages, su nme.com, NME, 23 agosto 2022. URL consultato il 1º settembre 2022.
  59. ^ (EN) Nancy Dillon, Megan Thee Stallion Escalates Label War, Now Wants At Least $1 Million Along with Freedom, su rollingstone.com, Rolling Stone, 22 agosto 2022. URL consultato il 1º settembre 2022.
  60. ^ (EN) Jonah Valdez, Megan Thee Stallion settles lawsuit against her label as both parties agree to part ways, su Los Angeles Times, 21 ottobre 2023. URL consultato il 27 gennaio 2024.
  61. ^ (EN) Monica Mercuri, Megan Thee Stallion Releases New Single ‘Cobra’ Under Her Own Label, su Forbes, 3 novembre 2023. URL consultato il 27 gennaio 2024.
  62. ^ (EN) Heran Mamo, Megan Thee Stallion Says She’s ‘Incredibly Grateful to Be Alive’ After Being Shot Multiple Times, su billboard.com, Billboard, 15 luglio 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  63. ^ a b (EN) Bethonie Butler, Megan Thee Stallion was mocked after being shot. As she reclaims the narrative, Black women recognize her pain., in Washington Post, 13 luglio 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  64. ^ (EN) Rhian Daly, Megan Thee Stallion’s lawyer claims Tory Lanez’s team launched “smear campaign” over shooting allegations, su nme.com, NME, 26 settembre 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  65. ^ (EN) Emily Kirkpatrick, Megan Thee Stallion Claims Tory Lanez Tried to Pay Her to Stay Quiet After Shooting, su Vanity Fair, 16 novembre 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  66. ^ (EN) Rapper Tory Lanez charged with shooting Megan Thee Stallion, su theguardian.com, The Guardian, 8 ottobre 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  67. ^ a b (EN) Joe Coscarelli, Tory Lanez Charged With Assault in Shooting of Megan Thee Stallion, in The New York Times, 8 ottobre 2020. URL consultato il 19 agosto 2022.
  68. ^ (EN) Justin Curto, Tory Lanez’s Tweets Violated Megan Thee Stallion Protective Order, Judge Rules, su Vulture, 5 aprile 2022. URL consultato il 19 agosto 2022.
  69. ^ a b (EN) The Thrill of Megan Thee Stallion’s Real-Time Rise, su Pitchfork. URL consultato il 10 luglio 2019.
  70. ^ (EN) Come to Where I'm From, in Nine Lives and Come To Where I'm From, 24 luglio 2015, DOI:10.5040/9781474274432.00000018. URL consultato il 10 luglio 2019.
  71. ^ (EN) Rapper Megan Thee Stallion Answers Our Questions (and Releases an EP), su houstoniamag.com. URL consultato il 10 luglio 2019.
  72. ^ (EN) Shawn Grant, Iggy Azalea to Tour with CupcakKe and Megan Thee Stallion, su The Source, 12 settembre 2018. URL consultato il 10 luglio 2019.
  73. ^ (EN) MoClassified, Megan Thee Stallion Talks 'Tina Snow' EP & Being the Female Pimp C, su The Source, 10 luglio 2018. URL consultato il 10 luglio 2019.
  74. ^ (EN) Carl Lamarre, Megan Thee Stallion Thanks Beyonce For 'Savage' Remix, su billboard.com, Billboard, 30 aprile 2020. URL consultato il 5 luglio 2020.
  75. ^ (EN) Megan Thee Stallion Rides a Stallion at SXSW, su complex.com, Complex. URL consultato il 10 luglio 2019.
  76. ^ (EN) Megan Thee Stallion Eyes April For 'Fever' Project Release, su Def Pen, 13 marzo 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN8463158369778901460004 · ISNI (EN0000 0004 6736 1636 · LCCN (ENno2020033375 · BNF (FRcb17906644d (data)