Serbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Serbia (disambigua).
Serbia
Serbia – Bandiera Serbia - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Само слога Србина спашава
Samo sloga Srbina spasava
Solo l'unità salva i serbi
Serbia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica di Serbia
Nome ufficiale Република Србија
Republika Srbija
Lingue ufficiali serbo
Capitale Small Coat of Arms Belgrade.svg Belgrado  (1.154.589 ab. / 2011)
Politica
Forma di governo Repubblica semipresidenziale
Presidente Tomislav Nikolić
Primo ministro Aleksandar Vučić
Indipendenza Dall'Impero ottomano il 13 giugno 1878,
dalla Serbia e Montenegro il 4 giugno 2006
Ingresso nell'ONU 1º novembre 2000[1]
Superficie
Totale 88.361 km² (110º)
 % delle acque 0,13%
Popolazione
Totale 7.556.222 ab. (2012) (86º)
Densità 98 ab./km²
Tasso di crescita -0,464% (2012)[2]
Geografia
Continente Europa
Confini Ungheria, Croazia, Montenegro, Romania, Bulgaria, Macedonia, Kosovo, Bosnia ed Erzegovina
Fuso orario UTC +1
Economia
Valuta dinaro serbo3
PIL (nominale) 38 539[3] milioni di $ (2012) (88º)
PIL pro capite (nominale) 5 309 $ (2012) (98º)
PIL (PPA) 77 825 milioni di $ (2012) (79º)
PIL pro capite (PPA) 10 722 $ (2012) (84º)
ISU (2011) 0,766 (alto) (60º)
Fecondità 1,4 (2010)[4]
Consumo energetico 0,34 kWh/ab. anno
Varie
Codici ISO 3166 RS, SRB, 688
TLD .rs, .срб
Prefisso tel. +381
Sigla autom. SRB
Inno nazionale Bože Pravde
Festa nazionale 15 febbraio
Serbia - Mappa
1 in Voivodina sono ufficiali anche: Croato, Romeno, Russino, Slovacco e Ungherese.
2 come Repubblica Federale di Jugoslavia, rinominata il 5 febbraio 2003 Serbia-Montenegro. Secondo la Carta Costituzionale eredita direttamente il seggio della Confederazione.
3
Evoluzione storica
Stato precedente Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro
 

Coordinate: 43°57′N 20°56′E / 43.95°N 20.933333°E43.95; 20.933333

La Serbia (in serbo Србија?, Srbija), ufficialmente Repubblica di Serbia (Република Србија, Republika Srbija), è uno Stato indipendente del sud-est dell'Europa, incastonato tra il Bassopiano Pannonico e la Penisola balcanica. Confina con l'Ungheria, la Romania, la Bulgaria, la Macedonia, l'Albania per mezzo del territorio a status conteso del Kosovo, il Montenegro, la Bosnia ed Erzegovina e la Croazia. La capitale è Belgrado, che fino al 1991 era anche la capitale dell'intera Repubblica Federale Socialista di Jugoslavia.

La Serbia era unita al Montenegro nell'Unione Statale di Serbia e Montenegro ma, in seguito al referendum del 21 maggio 2006, il Montenegro ha votato per l'indipendenza, la federazione è stata sciolta e la Serbia (così come il Montenegro) è divenuta uno Stato sovrano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Serbia.
Le terre serbe nel IX secolo secondo il De Administrando Imperio dell'imperatore bizantino Costantino VII
Monastero ortodosso di Gračanica, nella provincia secessionista del Kosovo, chiaro esempio dello stile serbo-bizantino (Patrimonio dell'Umanità)
Questa voce è parte della serie
Grb Nemanjica mini transparent.png
Storia della Serbia
Serbia antica e dominio romano



Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Per molto tempo i serbi vissero divisi nei due patriarcali principati di Raška e Zeta. Nel 1170, Stefan Nemanja, grande zupano (veliki župan) di Raška, che aveva preso il potere nel 1166 dopo la battaglia di Zvečan (Kosovo), detronizzando ed esiliando i fratelli rivali, riuscì ad estendere il suo dominio sulle tribù serbe e sulla regione di Zeta (l'attuale Montenegro). All'epoca del passaggio della terza crociata, capeggiata da Federico Barbarossa, Stefan Nemanja tentò di assicurarsi l'appoggio dei crociati; si incontrò perfino con il Barbarossa a Niš, nel 1189, e poi di nuovo l'anno seguente, ottenendo dall'imperatore di Bisanzio, Isacco II Angelo, il riconoscimento dell'indipendenza della Serbia.

Dopo aver abdicato a favore del suo secondo figlio Stefan II detto Prvovenčani (1196-1227) ed avergli ceduto la corona di principe di Raška (al primogenito Vukan II era stato affidato invece il Principato di Zeta), Stefan Nemanja si ritirò inizialmente nel monastero di Studenica ed in seguito in quello di Vatopedi sul monte Athos, dove si trovava già un altro dei suoi figli, Rastko, il figlio minore, più noto con il nome di Sava. Stefan I riuscì, con difficoltà, a conservare l'indipendenza della Serbia, sia nei confronti dell'Impero latino di Costantinopoli, formatosi dopo la quarta crociata, che dall'Impero bizantino, ricostituito a Nicea.

Nel 1219 Sava, riconosciuto come metropolita della Chiesa serba diventata indipendente, incoronò il fratello Stefan; di fatto si trattò di una seconda incoronazione, dal momento che il papa Onorio III aveva già inviato, nel 1217, una corona reale a Stefan II, sperando invano di riunire la Chiesa serba a quella di Roma.

Stefan I fu il vero fondatore della monarchia serba a vantaggio della dinastia dei Nemanjic. Alla sua morte, nel 1228, la Serbia completò la propria riorganizzazione attorno alla Raška, che divenne il centro di maggiore importanza durante il regno dei figli di Stefan II: Radoslav (1227-1233), Vladislav (1233-1243) e Uroš I (1243-1276).

La dinastia dei Nemanjic era riuscita a tenere la Serbia distante dalle crisi che all'epoca devastavano i Balcani ed a mantenere il Principato indipendente. Durante il regno di Stefan VI Uroš II (1282-1321) e di Stefano VII Uroš III (1321-1331), la Serbia estese il suo potere in Macedonia e in Bulgaria, ma fu con Stefan IX Uroš IV Dušan (1331-1355) che essa conobbe il suo apogeo e il massimo fiorire della sua civiltà. Stefan IX Uroš IV Dušan regnava all'epoca su di un "impero" che comprendeva la Raška, la Zeta, la Macedonia, l'Albania e la Tessaglia, per giungere infine al golfo di Corinto. Fu allora che la Serbia si rese definitivamente indipendente dalla tutela del patriarca di Costantinopoli e, nel 1346, l'arcivescovo di Peć fu elevato al rango di "patriarca di tutti i serbi". Da quel momento fino ad oggi il patriarca di Peć sarà eletto da soli vescovi serbi. D'altronde fu proprio questo patriarca ad incoronare nello stesso anno, a Üskub (Skopje), Stefan IX Uroš IV Dušan col titolo di "Imperatore dei Serbi e dei Greci". La tradizione ha fatto di Stefan Dušan il "Carlo Magno della Serbia".

La dominazione ottomana[modifica | modifica wikitesto]

Battaglia della Piana dei Merli

Con la sconfitta avvenuta il 15 giugno 1389, quando il principe ottomano Murad I sbaragliò l'esercito cristiano guidato dal principe serbo Stefan Lazar Hrebeljanović chiamato anche Knez Lazar, nella storica battaglia della Piana dei Merli (odierna Kosovo Polje), ed i successivi scontri nel nord del Paese, per la Serbia iniziò un lungo periodo di dominazione ottomana (1459-1804). Le terre dei serbi diventarono proprietà del sultano che le trasformò in feudi militari ereditari o attribuiti a vita a funzionari turchi.

Come era avvenuto già in Bulgaria e in Albania, i contadini serbi diventarono fittavoli (chi affitta terreni coltivabili) degli occupanti turchi e tutte le famiglie serbe dovettero rifornire periodicamente l'esercito di reclute per il corpo dei Giannizzeri. Nel 1557 le relazioni tra i Serbi e gli Ottomani migliorarono, soprattutto dopo che il Gran Visir di origine serba Mehmed-paša Sokolović (in turco conosciuto come Sokullu Mehmet Paşa) ristabilì il Patriarcato serbo nella sua sede originaria a monastero patriarcale di Peć (in Kosovo), permettendo di includere tutti i Serbi dell'Impero. La Chiesa ortodossa serba diventò a quel punto l'anima della resistenza e unica custode delle tradizioni statali, della lingua e della cultura serba. Venne avviata anche la ricostruzione di alcuni monasteri. Tuttavia i buoni rapporti non durarono a lungo; dopo il fallimento della rivolta serba del 1688-1690, migliaia di serbi guidati dal Patriarca di Peć[5] Arsenije III dovettero rifugiarsi in Ungheria, dove il re Leopoldo I concesse loro terre e privilegi: questa fu l'origine della presenza di popolazione serba nelle provincie meridionali dell'Ungheria. Per rappresaglia, i turchi soppressero il Patriarcato di Peć e il clero serbo rimasto in patria venne annesso alla chiesa ortodossa greca.

La Serbia, con l'inizio del XIX secolo, sostenuta anche dall'Impero russo, cercò di aumentare la sua autonomia rispetto all'Impero Ottomano strutturandosi nel semi-indipendente Principato di Serbia (1815) che si caratterizzò con una lotta interna fra le due dinastie più potenti del Paese, gli Obrenović e i Karađorđević. Il risveglio dei serbi di Serbia non fu solamente politico ma anche intellettuale. L'insegnamento compì sensibili progressi: nel 1835, secondo i dati dell'epoca, vi erano in Serbia 60 scuole elementari e nessun istituto superiore; nel 1859, il numero delle scuole elementari era arrivato a 352, di cui 15 riservate alle ragazze, alle quali bisogna aggiungere l'istituto di istruzione superiore di Belgrado, aperto nel 1855. Tuttavia i serbi di Serbia erano nettamente in ritardo in questo campo rispetto a coloro che vivevano nell'Impero asburgico.

Dall'indipendenza alle guerre mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Pietro I Karađorđević
La Serbia di Milan Nedić, satellite della Germania Nazista.

Nel 1878 il congresso di Berlino riconobbe l'indipendenza della Serbia e del vicino Montenegro. All'indomani del congresso di Berlino, in cui venne ufficialmente riconosciuta come Stato sovrano, la Serbia rimaneva un piccolo paese con poco più di 50.000 km quadrati, con strutture arcaiche e una popolazione di poco inferiore ai 2 milioni di abitanti. Senza accesso al mare, priva di ferrovie, la Serbia era costituita da un'immensa società contadina di piccoli e medi proprietari, le cui attività principali consistevano nella coltivazione dei cereali, nell'arboricoltura e nell'allevamento di maiali. Le poche industrie manifatturiere erano specializzate nella trasformazione di prodotti agricoli. La sola città importante all'epoca era Belgrado, la capitale, con circa 30.000 abitanti.

I due Stati parteciparono alle guerre balcaniche (1912-1913) contro Turchia prima e Bulgaria poi, uscendone rafforzati e ampliati territorialmente. Il progetto di una possibile unificazione dei due Regni fu bloccato però dall'Austria-Ungheria. Le relazioni tra il Regno di Serbia e la Duplice Monarchia andarono peggiorando, tuttavia il governo serbo cercò in ogni modo di evitare un conflitto con l'Austria-Ungheria in quanto la Serbia, seppur vincitrice, era comunque uscita stremata dalla seconda guerra balcanica contro la Bulgaria. Nel 1914 però l'erede al trono asburgico visitò la città di Sarajevo proprio nel giorno di Vidovdan, una delle ricorrenze più sentite dal popolo serbo. I serbi di Bosnia, che già mal sopportavano il fatto che la Duplice Monarchia avesse annesso la Bosnia senza consultarsi con la popolazione e chiedevano apertamente il congiungimento con il Regno di Serbia, videro in questo atto una provocazione. Il 28 giugno del 1914 un giovane serbo-bosniaco di nome Gavrilo Princip, sospettato di appartenere alle schiere dell'organizzazione chiamata Crna ruka ("mano nera"), assassinò l'arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo.

L'Austria-Ungheria decise di sfruttare l'occasione per muovere guerra alla Serbia, dopo aver spedito al governo serbo una lista di 'condizioni' impossibili, tra le quali la possibilità per i militari austro-ungarici di circolare in territorio serbo e arrestare i sospetti senza dover rendere conto alle autorità serbe e senza poter essere arrestati. Il Regno di Serbia, che pure aveva accettato le altre condizioni, si rifiutò categoricamente di accettare quest'ultima e ciò rese inevitabile il conflitto che da localizzato si trasformò in mondiale dopo che Russia, Francia e Gran Bretagna si schierarono con la Serbia.

Dopo la conclusione della prima guerra mondiale, la Serbia, che era stata impegnata in guerra dalla fine del luglio 1914 e aveva subito perdite umane pari a quelli delle potenze occidentali, uscì grazie all'acquisizione della Vojvodina ingrandita dal conflitto e dalla Conferenza di pace di Parigi del 1919, diventando parte del Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, che dal 1929 divenne Regno di Jugoslavia sotto la dinastia dei Karađorđević.

Durante la seconda guerra mondiale, a seguito dello smembramento del Regno di Jugoslavia, la Serbia divenne uno Stato fantoccio della Germania nazista, affidato da Hitler al generale Milan Nedić, lo stesso che nel 1918 fece firmare la resa agli Imperi Centrali, in modo simile al generale Pétain in Francia, ed al nazista serbo Dimitrije Ljotić. Il Governo filonazista di Nedić collaborò pienamente con la Germania sino alla liberazione congiunta della capitale da parte dell'Armata Rossa e dei partigiani jugoslavi nell'ottobre 1944.

Il maresciallo Tito, che era a capo del movimento comunista della Resistenza jugoslava, dopo un periodo trascorso all'isola di Lissa, dove risiedeva sotto protezione inglese, si trasferì a Belgrado, dove, per rendersi accettabile alla città ostile al comunismo, concedette ampie amnistie ai collaborazionisti, integrando molti di loro nell'Armata Popolare di Liberazione, e perseguitò aspramente gli oppositori fino a costringerli alla resa. Alla famiglia reale dei Karađorđević venne inoltre impedito di rientrare in Jugoslavia.

La Serbia nella Jugoslavia socialista di Tito[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.
Josip Broz Tito, presidente a vita della Jugoslavia.

Dopo la Seconda guerra mondiale, la Serbia è diventata una delle sei Repubbliche della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (1945-1991), guidata per un lungo periodo dal maresciallo Josip Broz, noto come Tito. Le altre repubbliche erano Slovenia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Macedonia. Il Kosovo, riconosciuto ora come stato indipendente da una parte della comunità internazionale, non aveva lo status di repubblica nella federazione jugoslava, era bensì una provincia autonoma all'interno della Repubblica Socialista di Serbia. Da notare inoltre che la Serbia era l'unica delle repubbliche federate ad avere al suo interno due territori autonomi, il che era considerato dai serbi un pericoloso fattore di debolezza e di discriminazione e ciò con l'andare degli anni ha aumentato il malcontento della popolazione di etnia serba nei confronti della leadership jugoslava. Nei due decenni successivi al secondo conflitto mondiale la Jugoslavia venne ricostruita e il tenore di vita dei cittadini jugoslavi aumentò considerevolmente. La nuova via dei comunisti jugoslavi venne chiamata самоуправљање / samoupravljanje ( che significa Autogestione ) con i lavoratori che controllavano le fabbriche e la produzione. De facto però ogni aspetto della vita politica, sociale ed economica era regolato dal potente partito comunista jugoslavo, l'autogestione era solo simbolica e l'economia gestita a livello centrale, un metodo che sarebbe fallito. La questione nazionale venne considerata risolta per sempre con il federalismo e con il dogma Братство и једниство / Bratstvo i jedinstvo ( Fratellanza e Unità ). Un altro esperimento tipicamente jugoslavo fu la politica estera indipendente, in collaborazione con i paesi del Terzo Mondo attraverso il gruppo dei Non Allineati. La Jugoslavia infatti non ha mai fatto parte della NATO o del Patto di Varsavia. Con la costituzione del 1974 in Jugoslavia venne creato uno dei sistemi burocratici più complessi mai visti. Le sei repubbliche divennero stati quasi indipendenti e l'unità del paese si reggeva ormai solo sul Partito Comunista, sull'esercito e sulla figura di Tito. L'unica repubblica federata ad avere un potere minore rispetto alle altre era appunto la Serbia, a causa delle due regioni autonome, le quali potevano esercitare il veto in seno al governo serbo mentre invece non era possibile il contrario. Le voci levatesi contro questa anomalia nel sistema vennero bollate come nazionaliste e pertanto represse. Non molto tempo dopo la morte del maresciallo, avvenuta il 4 maggio 1980, i nazionalismi e i particolarismi etnici e religiosi si risvegliarono, acuiti dalla crisi economica che aveva colpito il paese. In Serbia ciò avvenne con l'ascesa al potere di Slobodan Milošević, in Croazia con la fondazione dell'Unione Democratica Croata di Franjo Tuđman e l'aria di secessione invase ben presto il territorio jugoslavo.

La dissoluzione della Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: guerre jugoslave.
La Repubblica Federale Socialista di Jugoslavia.

La struttura statale della Jugoslavia si bloccò definitivamente agli inizi degli anni 90, con l'ennesima crisi nella provincia del Kosovo, ormai a maggioranza albanese, che chiedeva apertamente la definitiva indipendenza dalla Serbia. Di questo clima di tensione si servì abilmente Slobodan Milošević che riuscì ad apparire come l'unico in grado di riportare finalmente l'ordine in Serbia. Slobodan Milošević poté contare fin da subito sull'appoggio di diversi seguaci di peso e nel 1987 assunse il completo controllo del Partito Comunista Serbo e, indirettamente, della Serbia stessa. Negli anni seguenti si servì costantemente della retorica populista e nazionalista e del potere derivatogli dal suo partito per togliere di mezzo le dirigenze delle due regioni autonome, specialmente del Kosovo, nonché per tutelare le minoranze di etnia serba presenti in Bosnia e soprattutto in Croazia, portando ad un rapido deterioramento dei rapporti con le altre repubbliche della federazione jugoslava. Il nazionalismo imperante sfociò in conflitti secessionisti e in guerre civili che coinvolsero diversi territori appartenenti alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia tra il 1991 e il 1995, causandone la dissoluzione.

Ricostituzione come stato indipendente[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Repubblica di Serbia (1990-2006).
Il territorio della Repubblica Federale di Jugoslavia (1992-2003) prima e dell'Unione Statale di Serbia e Montenegro (2003-2006) poi.

Nel 1990 dopo il referendum costituzionale la Serbia assunse la denominazione di Repubblica di Serbia (Република Србија - Republika Srbija) che mantenne anche nel 1992, quando, in seguito alla ormai definitiva disgregazione della Jugoslavia di Tito e allo scoppio delle guerre jugoslave, insieme al Montenegro diede vita a un nuovo stato federale che prese il nome di Repubblica Federale di Jugoslavia (1992-2003) che a sua volta dal 2003 avrebbe preso il nome di Unione Statale di Serbia e Montenegro dopo che nel 2002 il governo federale della SRJ ebbe approvato una ristrutturazione della federazione nel tentativo di scongiurare l'indipendenza del Montenegro.

La ristrutturazione della federazione non diede i risultati sperati. Dopo questo ennesimo fallimento, nel 2006 il governo montenegrino decise di indire un referendum per l'indipendenza a seguito del quale la federazione venne sciolta consensualmente.[6].

La Repubblica di Serbia pertanto si ricostituì di nuovo come stato sovrano e indipendente dopo aver provato per quasi un secolo esperimenti di federazione e confederazione con gli altri popoli della penisola balcanica.

Nel 1999 la provincia autonoma del Kosovo venne posta sotto il protettorato internazionale UNMIK e NATO con la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite numero 1244 del 1999, che prevedeva l'elezione di un Parlamento locale; falliti i negoziati che avrebbero dovuto definirne lo status, il Parlamento del protettorato ha approvato la dichiarazione d'indipendenza del Kosovo il 17 febbraio 2008.[7] Attualmente il Kosovo è riconosciuto come Stato da 115 dei 193 Paesi membri dell'ONU (tra cui 23 dell'Unione europea). Sebbene sia iniziato un processo di normalizzazione dei rapporti tra Belgrado e Priština, sostenuto da Bruxelles e indispensabile per l'adesione all'UE della Serbia, quest'ultima non riconosce il Kosovo come stato sovrano.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Serbia.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Territorio della Serbia

Il paesaggio della Serbia settentrionale è costituito da una vasta pianura alluvionale che si estende fino a raggiungere il Bassopiano pannonico, del quale la Serbia comprende la porzione meridionale, la Vojvodina. La zona è attraversata da alcuni affluenti del Danubio e vi si trovano poche modeste aree di rilievi come ad esempio la catena collinare di Fruška Gora (539 m s.l.m.). L'intera Vojvodina è parte integrante della pianura pannonica. Il 'confine' tra la regione della Vojvodina e la Serbia Centrale è costituito dai fiumi Sava e Danubio. Nel Sud della Serbia le pianure più ampie sono quelle che si trovano nel Kosovo e nella Metohija. Il resto dei bassopiani coincide prevalentemente con le valli fluviali come la Zapadna Morava e la Nišava. A sud di Belgrado inizia la Serbia Centrale, nota anche come Šumadija. Tutte le catene montuose della Serbia e dei Balcani si trovano a Sud dei fiumi Sava[8] e Danubio[9]. Le Alpi Dinariche e la catena montuosa Šar-Pind si trovano a occidente, mentre i Carpazi, i Balcani i Rodopi sorgono a est.

La Serbia Occidentale è ricca di paesaggi variegati per forme e colori: dalla fertile piana della Mačva al basso monte Cer, fino alle prime montagne di Povlen e Maljen dove nascono le alture di Tara, Zlatibor e Zlatar. Il corso tortuoso della Drina in questo punto delimita il confine territoriale tra la Repubblica di Serbia e la Bosnia-Erzegovina.

La Serbia Centrale è invece dominata da colline e da qualche rilievo di altitudine compresa fra i 1000 e i 1500 m s.l.m. Verso sud il territorio diventa montuoso, il massiccio più importante è quello di Kopaonik, situato nel centro-sud della Serbia, nella zona fra Kraljevo, Kruševac e Novi Pazar. È un'area inclusa in un parco nazionale, famoso anche per un'importante stazione sciistica.[10]

La Serbia Orientale è una delle aree meno visitate della Serbia. Il paesaggio è caratterizzato da una varietà di montagne che sono la punta più meridionale del Carpazi. A ponente si trovano le pianure della Morava e la fertile piana di Stig al cui centro si trova la città di Požarevac, la città più grande e più ricca della Serbia Orientale. Qui si trova anche la valle del Timok, famosa per i suoi vigneti e il clima mite. Non mancano i paesaggi naturalistici, il principale è costituito dal fiume Danubio con la gola delle Porte di Ferro.

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Fiumi della Serbia.
La fortezza di Golubac, all'interno del Parco nazionale Đerdap

I laghi[modifica | modifica wikitesto]

I laghi della Serbia sono per lo più di origine artificiale, i laghi naturali sono pochi e relativamente piccoli, tra di essi vi sono il Palić (5 km²) e il Lago Ludaš nella Serbia settentrionale presso Subotica.
Il principale lago artificiale è il Lago Ðerdap (253 km²) al confine con la Romania.

Altri bacini artificiali sono il Lago Vlasina nella parte sudorientale del paese, il Lago Gazivode sul Fiume Ibar (sud-ovest), sul Fiume Drina si trovano il Lago Zlatar nella Regione del Sangiaccato e il Lago Zvornik.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La parte settentrionale del Paese ha un clima di tipo continentale influenzato dalle masse d'aria provenienti dal nord ed est europeo, con inverni freddi e estati calde e umide, le precipitazioni sono distribuite lungo tutto l'anno[11].

Nella parte meridionale e sud-occidentale del Paese il clima subisce delle influenze da parte del Mediterraneo anche se le Alpi Dinariche formano uno sbarramento per le masse d'aria calda; il clima è prevalentemente caldo e secco in estate e autunno e relativamente freddo e ricco di precipitazioni nevose in inverno[12]. La più bassa temperatura mai registrata in Serbia è di −39.5 °C, registrata il 13 gennaio 1985 in un villaggio del comune di Sjenica, mentre la più alta è stata di 44.9 °C registrata a Smederevska Palanka il 24 luglio del 2007[13].

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Costume tradizionale serbo tipico della Šumadija, con la Šajkača, un particolare tipo di cappello

La Serbia è costituita ufficialmente da tre territori: la Serbia Centrale (in lingua serba: Централна Србија, Centralna Srbija), la provincia della Vojvodina e la provincia di Kosovo (quest'ultima indipendente dal 17 febbraio 2008 e riconosciuta da 115 Stati membri dell'ONU). Le aree sono etnicamente molto diverse, in quanto il paese è stato storicamente diviso tra l'Impero Ottomano musulmano che occupava il sud e il cattolico Impero Austro-Ungarico che comprendeva il nord della Serbia. Per Serbi di Serbia si intendono i serbi che vivono in Serbia. Vi sono infatti serbi che vivono in Croazia, Slovenia e così via. La nazionalità così come è conosciuta in Italia non corrisponde ai paesi slavi per i quali le etnie indicano la nazionalità.

La provincia settentrionale della Vojvodina è dal punto di vista economico la regione più sviluppata della nazione. Insieme alle altre ex-Repubbliche jugoslave della Slovenia e della Croazia (e per un periodo più breve la Bosnia ed Erzegovina), la Vojvodina faceva parte dell'Austria-Ungheria prima della Grande Guerra. La Vojvodina è uno dei territori maggiormente variegati etnicamente in Europa, con più di 25 differenti comunità nazionali. Secondo l'ultimo censimento completo (2002), la provincia ha una popolazione di circa 2 milioni di abitanti, così suddivisa: serbi 65%, ungheresi 14,3%, slovacchi 2,79%, croati 2,78%, non dichiarati 2,71%, jugoslavi 2,45%, montenegrini 1,75%, romeni 1,50%, rom 1,43%, bunjevci 0,97%, ruteni 0,77%, macedoni 0,58%, ucraini 0,23%, altri (sloveni, tedeschi, polacchi, cinesi, ecc.).

Mappa etnica della Serbia segnalante l'etnia maggioritaria nelle singole località da censimento del 2002.

Nel Sangiaccato, una regione storica priva di status ufficiale, situata a cavallo tra Serbia e Montenegro, una parte consistente della popolazione è costituita da bosgnacchi (bosniaci musulmani).

Popolazione residente in Serbia (Stima maggio 2005)

Serbia (senza Kosovo): 7.396.411
Voivodina: 2.116.725
Serbia Centrale: 5.479.686

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Gruppi etnici della Serbia.

Il gruppo etnico predominante in Serbia è quello serbo. Minoranze significative sono rappresentate da albanesi, ungheresi, bosgnacchi (bosniaci musulmani), rom, croati, slovacchi, ruteni, bulgari, rumeni. La Vojvodina è la regione dove ci sono più gruppi etnici diversi tra loro. L'assetto etnico della Vojvodina si è formato durante la dominazione asburgica. I Serbi sono l'etnia dominante, mentre gli Ungheresi sono la seconda etnia maggiormente influente in tutta la Serbia settentrionale. I rumeni sono presenti prevalentemente nel Banato.

Il tempio di San Sava a Belgrado.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Serbia.
Religioni in Serbia (2011)[14]
Cristianesimo ortodosso
  
84,6%
Cristianesimo cattolico
  
5,2%
Islam
  
2,9%
non dichiarato
  
2,0%
altri
  
1,5%
Cristianesimo protestante
  
1,1%
Ateismo
  
1,1%

Punto di incontro (e scontro) tra la Chiesa ortodossa, il Cattolicesimo e l'Islam, la Serbia risulta essere uno dei paesi europei più variegati dal punto di vista religioso. Si possono notare differenze marcate da regione a regione: la struttura etnica e religiosa della regione della Voivodina molto complessa. In questa regione i serbi ortodossi costituiscono la maggioranza, tuttavia il secondo gruppo religioso più grande è quello cattolico di cui fanno parte gli Ungheresi, i Bunjevci e i Croati. Ci sono inoltre uniati Ucraini, luterani Slovacchi e calvinisti Ungheresi. Oltre il 90% degli abitanti della Serbia centrale (compresa la regione di Belgrado) professano la confessione ortodossa. I musulmani vivono prevalentemente nel Sud-Ovest del paese, nella regione del Sangiaccato, nella regione del Kosovo e nelle città di Preševo e Bujanovac. Sebbene in nessuna parte del paese sia vietato vendere e acquistare alcolici, nelle zone a maggioranza musulmana il consumo di alcol in strada non è ben visto.

Tra le Chiese ortodosse, quella serba è la più occidentale. Secondo il censimento del 2002, l'82% della popolazione dichiara di essere di etnia serba, per la stragrande maggioranza ortodossa. Gli altri gruppi di culto ortodosso sono i montenegrini, i romeni, i macedoni, i bulgari, i valacchi. In tutto, essi rappresentano l'84% dell'intera popolazione. La Chiesa Ortodossa Serba fa ancora uso del vecchio calendario giuliano, che presenta un ritardo di 13 giorni rispetto a quello gregoriano utilizzato dai cattolici ed è proprio per questa ragione che i Serbi celebrano il Natale il 7 di gennaio, mentre invece il capodanno è il 13 gennaio, ma non ha valore ufficiale.[15]

In ogni famiglia serba ortodossa il giorno più bello e più sacro dal punto di vista religioso è quello del santo protettore o, più comunemente, Slava, diverso per ciascuna famiglia. Trattasi di una tradizione esclusivamente serba, non riscontrata presso gli altri popoli di fede cristiana ortodossa, e ogni famiglia serba magnifica come meglio può il proprio santo. Uno dei santi più famosi e più venerati è San Giorgio, seguito da San Nicola. Durante questa festa gli amici e i parenti si uniscono solitamente a cena e la celebrazione talvolta può anche durare più di un giorno.

La Serbia ospitò per secoli anche una fiorente comunità giudaica sefardita, che giunse nella penisola balcanica in seguito alle espulsioni dalla Spagna. Già colpita dalle numerose guerre, che costrinsero molti appartenenti a fuggire altrove, fu decimata durante gli stermini nazisti e, nel 2002, solo 1.200 persone si dichiaravano giudee. La sinagoga più grande e famosa della Serbia si trova a Novi Sad.

Ordinamento dello Stato[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni storiche e amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni della Serbia.
Distretti della Serbia, e il territorio kosovaro distinto con tonalità bluastra per evidenziarne la specificità e lo status di territorio a status conteso.

La Serbia è suddivisa in 29 distretti (5 dei quali si trovano in Kosovo, quindi fuori dell'amministrazione del Governo centrale), a cui si aggiunge la città di Belgrado.

I distretti sono suddivisi in 108 comuni.

Dalla conclusione della Guerra del Kosovo, il Kosovo è sotto protettorato delle Nazioni Unite in base alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU 1244 e di fatto indipendente e autonomo.

La parte della Serbia esterna al Kosovo e alla Vojvodina viene chiamata Serbia centrale ma non è una suddivisione amministrativa del Paese e non ha, al contrario delle due province autonome, un governo regionale proprio.

Rivendicazioni territoriali ed exclavi[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio serbo si trova la piccola exclave bosniaca di Sastavci, attualmente amministrata dalla Serbia (distretto di Priboj) e rivendicata dalla Bosnia. I confini non sono definiti con precisione.

La posizione precisa del confine tra Serbia e Croazia nel tratto fluviale del Danubio è controversa. Negli ultimi secoli il corso del Danubio ha subito modifiche; il confine non correva quindi a metà del fiume ma lungo rami in secca dello stesso. Nel corso del tempo si sono formate isole che pur essendo in territorio serbo appartengono alla Croazia.

A titolo di curiosità: il 17 luglio 1945 Winston Churchill, per permettere la nascita in territorio jugoslavo dell'erede al trono jugoslavo Aleksandar Karađorđević i cui genitori erano in esilio a Londra, dichiarò, per un giorno, la suite 212 del Claridge Hotel territorio jugoslavo[16]

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Città della Serbia.
Belgrado, la capitale della Serbia.

Le città più grandi e più popolose ( aventi più di 100.000 abitanti ) della Repubblica di Serbia, secondo i dati del censimento del 2011 ( il quale però esclude il territorio a status conteso del Kosovo ) sono:

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 febbraio 2003 la Repubblica Federale di Jugoslavia ha adottato una nuova Carta Costituzionale che ha stabilito l'unione fra la Serbia e il Montenegro. Il 21 maggio 2006 nella Repubblica del Montenegro si è tenuto un referendum per l'indipendenza; il Parlamento Serbo ha stabilito che la Serbia rappresenta la continuità dell'Unione fra Stati rendendo le due Repubbliche indipendenti l'una dall'altra.

L'attuale Costituzione della Serbia, che sostituisce quella del 1990, è stata approvata tramite un referendum tenutosi il 28 e 29 ottobre 2006 ed è stata ratificata dal Parlamento l'8 novembre dello stesso anno[17].

La Serbia è una Repubblica Democratica Parlamentare nella quale il Primo Ministro è il capo del Governo e vige un sistema a pluralità di partiti.

Il potere esecutivo viene esercitato dal Governo della Serbia (Vlada Republike Srbije) guidato da un Primo ministro (Predsednik Vlade), comunemente abbreviato in premier (premijer). Il Primo ministro è scelto dall'Assemblea Nazionale; mentre i Ministri sono nominati dal Primo Ministro e scelti dal Parlamento.

Il potere legislativo è detenuto dall'Assemblea Nazionale della Repubblica di Serbia (Narodna skupština Republike Srbije) composta da 250 membri, che vengono eletti per un mandato quadriennale.

Il potere giudiziario è separato ed indipendente dall'esecutivo e dal legislativo.

Ordinamento scolastico[modifica | modifica wikitesto]

L'Accademia delle Scienze e delle Arti della Serbia
La Matica Srpska a Novi Sad è l'istituzione culturale più antica della Serbia.

Nel 2001 è stata avviata una radicale riforma del sistema scolastico che, tra gli altri interventi, ha completamente rivisto e rimodernato i programmi scolastici e ha allungato la durata della formazione primaria portandola a nove anni. Il primo anno di entrata in vigore della riforma è stato il 2003 e il completamento della stessa è previsto per l'anno scolastico 2007/2008.

L'obbligo scolastico inizia a 7 anni con l'inizio del ciclo primario suddiviso in cicli triennali con materie obbligatorie e opzionali. La formazione secondaria prevede la scelta fra il liceo (4 anni), di altre scuole superiori di durata compresa fra i due e i 4 anni oppure l'accesso alla formazione professionale (due o tre anni). L'età lavorativa in Serbia inizia dai diciotto anni.

Le istituzioni culturali più importanti della Serbia sono la Matica Srpska a Novi Sad e l'Accademia SANU a Belgrado.

In Serbia secondo i dati del 2009 vi sono quindici università [1]. Otto di queste sono statali e sette, invece, sono private. Di tutte queste, addirittura otto hanno la propria sede nella capitale. Fra quelle statali troviamo:

  • Università di Belgrado
  • Università delle Arti, Belgrado
  • Università della Difesa, Belgrado
  • Università di Kragujevac
  • Università di Niš
  • Università di Novi Sad
  • Università di Novi Pazar

Fra quelle private vi sono:

  • Singidunum, Belgrado
  • Megatrend, Belgrado
  • Metropolitan, Belgrado
  • L'Accademia del Sistema Economico, Novi Sad
  • Edukons, Sremska Kamenica
  • Università Europea, Belgrado
  • Union - Nikola Tesla, Belgrado

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Serbia.
Assemblea Nazionale della Repubblica di Serbia.

La Serbia è una Repubblica democratica parlamentare multipartitica.

La vita politica pluralista della Serbia si è aperta con le elezioni del 1992, che segnano la continuità del predominio di Slobodan Milošević e del suo Partito Socialista di Serbia (SPS), erede della Lega dei Comunisti Jugoslavi.

L'attuale presidente è Tomislav Nikolić, mentre il primo ministro è Aleksandar Vučić, leader del Partito Progressista Serbo.

La Repubblica di Serbia è un paese membro delle Nazioni Unite, del Consiglio d'Europa е dell'Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero. Pur essendo già tra i paesi "osservatori" dell'Organizzazione mondiale del commercio, l'entrata nell'OMC, che era prevista per l'anno 2012, non è stata ancora ratificata.[18] La Serbia è considerata dal Fondo monetario internazionale come un paese dallo sviluppo medio-alto con un'economia in crescita ed è stata dichiarata dalla Freedom House paese libero.

I cittadini della Serbia dal 2009 possono viaggiare senza obbligo di visto nei Paesi dell'Unione europea. Il 2 marzo 2014 la Repubblica di Serbia è diventata ufficialmente candidato per l'adesione all'Unione europea, e il 14 dicembre 2015 sono cominciati ufficialmente i negoziati per l'adesione.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La NIS, specializzata nel settore dell'energia, è attualmente una delle aziende serbe più redditizie.

In economia molto pesanti sono le conseguenze delle guerre e delle scelte politiche in cui la Serbia è stata coinvolta dal Governo di Slobodan Milošević (isolamento, decrescita economica, lungo periodo di sanzioni economiche internazionali, danneggiamento delle infrastrutture nazionali e della reputazione del Paese). L'embargo e le sanzioni internazionali hanno inflitto un durissimo colpo all'economia del paese, a ciò sono seguite la svalutazione del dinaro e l'aumento della disoccupazione che hanno peggiorato le condizioni di vita dei cittadini serbi. Dopo la fine della guerra civile jugoslava e la fine delle sanzioni ci fu una fragile ripresa, tuttavia nel 1999, con la nuova esplosione dei conflitti con gli albanesi del Kosovo, le sanzioni vennero reintrodotte e l'attacco della NATO diede il colpo finale all'economia dell'allora Repubblica Federale di Jugoslavia. Dopo che Slobodan Milošević venne destituito iniziò una delicata fase di transizione dall'economia di stampo socialista verso l'economia di mercato. Il paese, libero dall'embargo e dalle sanzioni, si aprì agli investimenti internazionali che hanno giocato e giocano ancora adesso un ruolo di grande importanza nella ricostruzione della Serbia.[19]

L'unità monetaria serba è il dinaro ( RSD ). Un dinaro è diviso in 100 pare. Attualmente 1 euro vale circa 123 dinari serbi. I dinari si possono cambiare anche fuori dalla Serbia, ma è consigliabile riconvertirli prima di lasciare il paese. Il dinaro serbo è la valuta ufficiale dello stato ed è l'unica ammessa per gli acquisti e le transazioni. Il discorso cambia per il Kosovo. Il Kosovo, sebbene si sia dichiarato indipendente, non ha una sua valuta ufficiale. In Kosovo pertanto si utilizza l'euro. Tuttavia nel nord del Kosovo, a schiacciante maggioranza serba, si utilizzano sia l'euro che il dinaro serbo. Le carte di credito internazionali sono accettate e anche le carte bancomat, tuttavia è consigliabile munirsi sempre di dinari per gli acquisti quotidiani in quanto l'economia della Serbia è ancora molto legata ai contanti.[20]


Da quando è iniziata la transizione molte aziende multinazionali hanno aperto le loro filiali in Serbia, attratte prevalentemente dalla manodopera a basso costo. Le principali sono: FIAT, Siemens, Bosch, Philip Morris, Michelin, Coca Cola e Carlsberg. Nel settore dell'energia ad aver fatto gli investimenti più ingenti è stato il gigante russo Gazprom.

Nel gennaio del 2005 il PIL si attestava al 50-60% del valore raggiunto nel 1990. A partire dal 2001 tuttavia molti indicatori economici sono positivi, anche grazie a numerosi investimenti stranieri. La crescita del PIL si attestava nel 2004 attorno all'8%, nel 2009 il PIL ha subito una contrazione del 3,5%, nel 2010 la crescita è stata dell'1%, nel 2011 del 2,3%.

Statistiche economiche
PIL prodotto (PPA): $77,8 miliardi (stima 2012)[3]
PIL pro capite (PPA): $10.722 (stima 2012)[3]
Tasso di crescita della produzione industriale: 7,1% (2004), 1,3% (2005), 3,5% (2011)
Tasso di disoccupazione: 16,7% (2011)
Inflazione: 11,3% (2011)
Debito estero: $15,43 miliardi (2005)
Debito pubblico: 41% del PIL (2011)
Investimenti stranieri nel 2005: $1.481 miliardi (Source: NBS Народна банка Србије)

Settore primario[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente il 16% circa della produzione mondiale di lamponi viene dalla Serbia
Attualmente la Serbia è seconda al mondo nella produzione di prugne

La quota di addetti nel settore primario ammonta al 25%. L'agricoltura risulta essere particolarmente importante in Europa dell'est, in Serbia grazie alla presenza di grandi aree di terreno fertile specialmente nella regione autonoma della Vojvodina e nella Mačva, una regione incastonata tra la Vojvodina, la Bosnia e la Šumadija. Si coltivano prevalentemente cereali (mais, frumento), patate e barbabietole. Molto estesa è anche la viticoltura. In Serbia la viticoltura è praticata principalmente nelle aree lungo i fiumi: Danubio, le tre Morave, Timok e Nišava. La zona dello Srem è stata per secoli una delle aree di punta per quanto riguarda la viticoltura nei Balcani. Altrettanto famosa è la zona vinicola del Banato. Molto diffusa è la coltivazione degli alberi da frutto, come il prugno: dalle prugne si ricava un distillato tipicamente nazionale, la sljivovica. La Serbia può vantare di essere il terzo produttore mondiale di lamponi subito dietro alla Russia e alla Polonia e seconda al mondo nella produzione di prugne subito dietro la Cina. Attualmente un terzo della produzione mondiale di lamponi avviene nella Serbia Centrale, soprattutto nei pressi di Arilje. Mentre circa il 70% della produzione di prugne serbe è destinata alla produzione della Sljivovica. Le esportazioni di prodotti agricoli della Serbia sono aumentate da quando il paese è diventato un candidato ufficiale per l'adesione all'Unione Europea.

L'allevamento è costituito soprattutto da suini, bovini, ovini e animali da cortile.

Settore secondario[modifica | modifica wikitesto]

Gli addetti nel settore secondario sono circa il 30%. I settori industriali più importanti sono quelli agroalimentari, chimici, meccanici e manifatturieri. Le industrie più importanti sono localizzate a Belgrado (Novi Sad, Kragujevac, Subotica) e Smederevo. A Kragujevac, Serbia Centrale, ha sede la fabbrica di autovetture e autocarri Zastava, che ha siglato un contratto con la FIAT per la produzione in Serbia della Punto (seconda serie) con il nome di Zastava 10. Sempre a Kragujevac dal 2012 viene prodotta la Fiat 500L; entro la fine dell'anno verranno realizzati circa 40.000 esemplari che saliranno a 100.000 l'anno, una volta a regime nel 2013. Il lancio della nuova vettura coinciderà con il compleanno della Fiat 500L, il 4 luglio.

Settore terziario[modifica | modifica wikitesto]

Lago nel centro della località turistica di Kraljeve Vode a Zlatibor
Felix Romuliana
Aeroporto Nikola Tesla a Belgrado

C'è un 67% di addetti a questo settore. Negli ultimi anni in Serbia si è assistito a massicci investimenti stranieri, in particolare dalla Germania, dall'Italia e dalla Grecia, e per questo il turismo è diventato una delle attività più importanti nel Paese. Non disponendo di un accesso al mare, il turismo in Serbia si concentra soprattutto su quello termale, sull'agriturismo e sulle grandi città come Belgrado e Novi Sad adesso completamente ricostruite dopo i bombardamenti.

Belgrado, la capitale della Serbia, una metropoli in cui vivono quasi 2 milioni di persone, è una delle città più grandi dell'Europa orientale e sorge sulla confluenza dei due fiumi Sava e Danubio. Adesso è anche che il fulcro della rete stradale e ferroviaria del paese. Il clima belgradese è di tipo continentale ed è caratterizzato da inverni piuttosto rigidi ed estati molto calde. I mesi migliori per visitare la capitale serba sono aprile e maggio. Le attrazioni della capitale serba includono la fortezza di Kalemegdan, anch'essa sorge sui due fiumi, i più grandi musei del paese e dei Balcani, i palazzi reali e altri importanti monumenti. I bar sulle vie affollate e la vita notturna effervescente hanno fatto si che questa città acquisisse sempre più prestigio a livello turistico. Belgrado è inoltre il cuore economico del paese e la città con il tenore di vita più alto.[21]

La seconda città della Serbia per dimensioni e numero di abitanti è Novi Sad. Questa città oltre che per l'economia è di fondamentale importanza anche per la cultura serba. Quando l'Impero Ottomano conquistò il territorio serbo, molti serbi si rifugiarono infatti a Novi Sad, che allora era sotto dominazione asburgica, per sfuggire alle persecuzioni dei Turchi. A Novi Sad venne fondata anche la Matica Srpska, una delle istituzioni culturali più importanti della Serbia. Oggi, la sua crescente importanza ha portato alla realizzazione di nuovi ampi viali, strade e alla costruzione di altri grandi edifici. Anche Novi Sad è stata gravemente danneggiata dall'aggressione della NATO, ma è stata completamente ricostruita. Dal 2001 vi si organizza Exit: un festival musicale di fama internazionale, nato in origine come forma di protesta contro la dittatura di Slobodan Milošević, ma che ora attrae migliaia di spettatori da tutto il mondo e che ha dato alla città e alla Serbia un posto sulla mappa della musica.[22]

Sulla riva destra del Danubio, poco lontano dal confine con la Croazia, si incontra la Fruska Gora una catena di colline alte non più di 600 metri che movimentano il paesaggio della piatta pianura. L'area è stata dichiarata Parco Nazionale e ospita al suo interno una ricca varietà di flora e fauna oltre a custodire i monasteri ortodossi, veri scrigni della cultura serba.[23]

I laghi e le cascate naturali di Zlatibor[24], che in lingua serba significa "pino dorato" in ricordo del Pinus silvestris ormai non più presente nell'area, costituiscono un'altra attrattiva turistica e, per gli amanti degli sport di montagna, vi sono più a sud, al confine col Kosovo, gli impianti sciistici di Kopaonik[25]. Le terme di Vrnjacka Banja per esempio risalgono all'epoca dell'impero romano e non sono le uniche, inoltre negli ultimi decenni sono stati scoperti numerosi siti archeologici di origine romana, ma anche più antica come la città romana di Sirmium, vicino a Sremska Mitrovica o quella di Viminacium, nei dintorni di Pozarevac.

Nella Serbia occidentale, nei pressi del confine con la Bosnia ed Erzegovina, si trova il Parco nazionale di Tara[26] istituito nel 1981; qui le più orientali propaggini della dorsale dinarica offrono un habitat ideale per le tante varietà di flora e di fauna che si trovano tra picchi che sfiorano i 1500 metri e l'ampio canyon scavato dalla Drina. Altri centri che dal 2007 hanno cominciato ad attirare i turisti sono Djavolja Varos (la città del Diavolo) e i vari centri spirituali tra i quali spicca Studenica con il suo monastero.[27]

Difesa e sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Esercito della Repubblica di Serbia.
MiG-29B. Aviazione Militare della Repubblica di Serbia.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Forze armate della Serbia.

La difesa della Serbia è composta da 2 forze armate:

  • Esercito di terra

L'esercito serbo è attualmente composto da 31.000 unità di professionisti e da molti riservisti. All'interno dell'esercito vi è anche la Flottiglia fluviale che ha funzioni di supporto per le forze di terra. L'esercito serbo è considerato l'erede della Armata Popolare di Jugoslavia (JNA) sia per i mezzi che per il personale.

Allo scoppio delle guerre jugoslave molti soldati disertarono per unirsi ad altre formazioni; nel giro di poco tempo gli unici soldati della JNA erano serbi e montenegrini.

Anch'essa erede della JNA, l'aeronautica serba è composta da 4000 unità e da più di 200 aerei.

La Serbia dispone anche di diverse unità speciali antiterrorismo:

La pubblica sicurezza è assicurata da due forze di polizia: Gendarmeria e Polizia, entrambi dipendenti dal ministero degli interni.[28]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Aree naturali protette della Serbia.
Parco nazionale di Tara.
Flora tipica della Fruška Gora
Area naturale protetta di Uvac.

La natura della Serbia è ricca e variegata. Sono presenti sul territorio serbo catene montuose che si sviluppano a sud dei fiumi Sava e Danubio. Sono i fiumi stessi a dividere il paese in due aree distinte: una montuosa e collinare, l'altra pianeggiante che coincide con la pianura pannonica. Tuttavia l'inquinamento è uno dei più gravi problemi che l'odierna Repubblica di Serbia deve affrontare. Da quanto è emerso dai risultati dello screening effettuato dall'Unione Europea, la politica ambientale dello stato serbo è del tutto incompatibile con il modello previsto per un paese UE, il che, unito alla totale assenza di raccolta differenziata e di un efficace sistema di riciclaggio, renderà il capitolo 27 (quello riguardante la tutela dell'ambiente) uno dei più lunghi e difficili da chiudere. Sono stati fatti dei timidi progressi in tal senso da quando il paese è diventato un candidato ufficiale per l'accesso all'UE e da quando il turismo ha iniziato a giocare un ruolo sempre più pesante nell'economia del paese. Il bombardamento della NATO del 1999 ha provocato dei seri danni alla struttura ambientale della Serbia, soprattutto a causa dell'utilizzo dell'uranio impoverito.[29] Nella Repubblica sono stati istituiti cinque parchi nazionali[30]:

Oltre ai parchi nazionali ci sono in Serbia 31 aree protette. Tutti i parchi nazionali della Serbia sono facilmente accessibili e il regime di gestione è molto permissivo e consente alla popolazione di vivere all'interno del parco. Nei molti villaggi pittoreschi presenti al loro interno, i visitatori possono scegliere tra alberghi e abitazioni tradizionali.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine del XVII secolo la Serbia era ancora una terra dall'ambiente incontaminato. Più del 90% del territorio era coperto da foreste di querce e faggi. Da qui il nome della collinosa regione centrale Шумадија / Šumadija, che deriva dalla parola serba Шума / Šuma, che significa bosco. Negli ultimi tre secoli, anche a causa della rivoluzione industriale, buona parte delle foreste sono state trasformate in terreni agricoli e industriali e oggi la zona forestale occupa solo il 27% del territorio della Serbia. Gli alberi più comuni sono il faggio, la quercia (si contano quasi 10 specie), il pioppo, l'abete e il pino scozzese e austriaco. In tutta la Serbia i querceti sono tipici di pianura e collina quanto i faggeti per le zone montuose. Nella Serbia occidentale sono comuni le foreste di conifere. I parchi nazionali conservano invece specie rare ed endemiche: il bagolaro, l'albero di noce selvatico, il nocciolo turco, il pino di Pančić (monte Tara), il pino bosniaco e macedone e la quercia macedone.[29]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Le estese foreste della Serbia sono un habitat perfetto per molti animali selvatici comuni. Il lupo prospera in Serbia in gran numero. Vi è poi l'orso bruno che si trova in quasi tutti i parchi nazionali serbi, specialmente in prossimità del monte Tara. La lince invece si trova in poche aree protette, come ad esempio nel Đerdap. La Suva Planina invece famosa per il gran numero di cavalli selvatici. La poiana è diffusa prevalentemente nella Serbia occidentale. I cervi si trovano prevalentemente nella regione della Vojvodina, mentre i cinghiali, i caprioli e i conigli si trovano dappertutto.[31]

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Una tradizione della diplomazia serba prevede che il Presidente della Repubblica o il Primo Ministro accolgano i capi di stato in visita offrendo loro all'arrivo del pane e del sale[32], considerati ( specialmente il pane ) fin dall'antichità i simboli dell'ospitalità[33]. Un'altra tradizione tipicamente serba è quella di baciarsi tre volte sulla guancia. Non è obbligatorio farlo al primo incontro, ma da quelli successivi si, e specialmente se avete familiarizzato molto con il vostro conoscente o ospite[34].

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina serba.

La cucina serba è caratterizzata per essere eterogenea con influenze mediterranee, turche e dell'impero austroungarico.

Festività[modifica | modifica wikitesto]

A differenza delle vicine Slovenia e Croazia che festeggiano le proprie feste nazionali il 25 giugno, giorno in cui entrambe hanno proclamato l'indipendenza dalla Jugoslavia, la festa nazionale della Serbia ricorre il 15 febbraio, giorno in cui ebbe inizio la prima insurrezione serba contro l'Impero Ottomano nel 1804 e (nel 15 febbraio del 1835) entrò in vigore la prima costituzione serba[35], detta anche Costituzione di Sretenje.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Serbia ha ereditato il seggio che fu della Repubblica Federale di Jugoslavia.
  2. ^ (EN) Population growth rate, su CIA World Factbook. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  3. ^ a b c Dati dal Fondo monetario internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2010, data.worldbank.org. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  5. ^ PanaComp.net – Patriarchate of Peć ( in inglese ).
  6. ^ Republic of Serbia - The Constitutional Court: The Constitution of the Republic of Serbia (in serbo e in inglese)
  7. ^ Tale proclamazione non è stata accettata e dichiarata nulla e priva di ogni effetto dal Parlamento serbo il giorno seguente.
  8. ^ Serbia Travel - Sava (in inglese)
  9. ^ Serbia Travel - The Danube (in inglese)
  10. ^ Serbia Travel - Kopaonik (in inglese)
  11. ^ Encyclopedia Britannica Online - Serbia (in inglese)
  12. ^ Hydrometeorologic Service of Serbia (in inglese)
  13. ^ (EN) Temperature regime Serbia (PDF), Hydrometeorological Service of Serbia.
  14. ^ Book 4: "Confession, Mother Tongue and National Identity or Ethnicity" (brief summary, (PDF), media.popis2011.stat.rs, p. 1. URL consultato il 22 febbraio 2013.
  15. ^ Serbia.com - Serbia welcomes Orthodox New Year (in inglese)
  16. ^ Notizia citata su varie fonti e sul sito ufficiale dell'hotel.
  17. ^ (EN) Second special sitting of the national assembly of the Republic of Serbia in 2006, parlament.sr.gov.yu. URL consultato l'8 maggio 2007.
  18. ^ (EN) World Trade Organization, wto.org. URL consultato il 20 febbraio 2014.
  19. ^ Voyagesphotosmanu.com - L'economia serba ( in italiano )
  20. ^ Serbia.com - Economia serba (in inglese)
  21. ^ Serbia.com - Belgrade (in inglese)
  22. ^ Serbia.com - Novi Sad (in inglese)
  23. ^ Serbia.com - Fruška Gora (in inglese)
  24. ^ Serbia.com - Zlatibor (in inglese)
  25. ^ Serbia.com - Kopaonik (in inglese)
  26. ^ Serbia.com - Tara (in inglese)
  27. ^ Serbia.com - Studenica, monastery of incredible frescoes (in inglese)
  28. ^ Ministero degli Affari Interni della Repubblica di Serbia (in serbo e inglese)
  29. ^ a b Fauna e flora in Serbia, su voyagesphotosmanu.com. URL consultato il 17 agosto 2016.
  30. ^ Federparchi - Sito ufficiale
  31. ^ La fauna della Serbia, su serbia.travel. URL consultato il 17 agosto 2016.
  32. ^ B92 - U.S. Biden arrives in Belgrade
  33. ^ Journal du MAUSS - Il lievito del dono
  34. ^ Serbia Travel - Tipicamente serbo!
  35. ^ La prima Costituzione dei Balcani (in serbo)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Aleksandar Zograf, Lettere dalla Serbia. Un fumettista sotto le bombe, Punto Zero, Bologna 1999 ISBN 88-86945-19-1
  • Rebecca West, La vecchia Serbia. Viaggio in Iugoslavia, EDT, Torino 2000 ISBN 88-7063-452-3
  • Giulio Manfredi, Telekom Serbia: presidente Ciampi, nulla da dichiarare?, Stampa Alternativa - Nuovi equilibri, Roma - Viterbo 2003 ISBN 88-7226-788-9
  • Antonio Acone, Serbia, l'orgoglio di un popolo, Gruppo Albatros il Filo, Roma 2010 ISBN 978-88-567-2765-4
  • Edgar Hösch, Storia dei Balcani, Il Mulino, Bologna 2006 ISBN 88-15-10964-1
  • Jože Pirjevec, Serbi, Croati, Sloveni, Il Mulino, Bologna 2010 ISBN 978-88-15-08824-6
  • Konstantin Josef Jireček, Istorija Srba, preveo Jovan Radonić, prva knjiga: Politicka Istorija (Storia dei Serbi, tradotto da Jovan Radonić, volume primo: Storia Politica), Avadar, Belgrado 2006
  • Vladimir Dulović, Serbia a portata di mano, Komshe, Belgrado, 2005

Articoli e Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Stevo Ostojic, Grande Serbia e Grande Croazia: progetti a confronto, in «Limes. Rivista italiana di geopolitica», 2 (1994), n. 1
  • Dusan T. Batakovic, Progetti serbi di spartizione, in «Limes. Rivista italiana di geopolitica», 6 (1998), n. 3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN259660685 · LCCN: (ENn85195919 · GND: (DE4054598-2
Serbia Portale Serbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Serbia