Sava (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sava
Belgrad aus der Luft 02.jpg
Vista aerea della confluenza di Sava (a sx) e Danubio a Belgrado
StatiSlovenia Slovenia
Croazia Croazia
Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Serbia Serbia
Lunghezza945 km
Portata media1 722 m³/s
Bacino idrografico95 719 km²
Nascepresso Bled
AffluentiKupa
SfociaDanubio
44°49′27″N 20°26′38″E / 44.824167°N 20.443889°E44.824167; 20.443889
Mappa del fiume

Il Sava (in serbo: Сава?) è un fiume dell'Europa orientale, tra i maggiori affluenti di destra del Danubio. Un tempo interamente compreso nel territorio dell'ex-Jugoslavia, nasce nell'odierna Slovenia, presso Bled; nel suo corso lungo 945 km bagna Zagabria, capitale della Croazia e, pochi chilometri dopo, Sisak, località a partire dalla quale diventa navigabile e riceve le acque del Kupa; attraversa la Bosnia ed Erzegovina ed entra in Serbia terminando nel Danubio a Belgrado con un delta nel quale sorge un isolotto.

Tributario del bacino idrografico del Mar Nero, drena un'area di 95719 km².

Il corso[modifica | modifica wikitesto]

Sava a Zagabria

Il fiume nasce dalla confluenza di due rami sorgentiferi: Sava Dolinka e Sava Bohinjka che si uniscono presso le città slovene di Lesce e Radovljica. Da qui fino alla confluenza con il Danubio a Belgrado è lunga 945 chilometri, ma considerando la misurazione dall'inizio del ramo sorgentifero più lungo (la Sava Dolinka), la lunghezza sale a 990 chilometri.

Attraverso il Danubio, appartiene al bacino idrografico del Mar Nero ed è il più lungo affluente di destra del Danubio, secondo in assoluto dietro al Tibisco. Un tempo interamente ricompreso nel territorio della Jugoslavia, era il fiume più lungo del Paese. Attraversa i sobborghi di Lubiana e la città di Zagabria e riceve le acque di vari affluenti tra cui, in ordine: Krka (di destra), Lonja (di sinistra), Kupa, Una, Vrbas, Bosna (tutti di destra), Bosut (di sinistra), Drina e Kolubara (di destra).

Il fiume è navigabile per circa 600 km. Caratteristiche sono le sue inondazioni, a volte devastanti. Lungo il fiume è stata installata negli anni sessanta una grossa centrale termoelettrica a carbone, la centrale termoelettrica di Trbovlje.

Portate medie mensili[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica: Sremska ()

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il fiume Sava fu teatro di un importante avvenimento storico ai tempi di Teodosio I nel 379, a quanto riferisce Sozomeno. Teodosio I, che era riuscito a cacciare gli Unni, tradizionali nemici, dai Balcani settentrionali, si ritrovò ad avere alleati dei forti cavalieri unni e insieme a loro, rapidamente, sconfisse l'esercito dell'usurpatore Magno Massimo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E.A.Thompson, Attila e gli Unni, Sansoni, Firenze 1963, p.58 - Collana Civiltà Orientali, serie diretta da Sabatino Moscati. Titolo originale A history of Attila and the Huns, Oxford University Press, Londra 1948

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110144647643939724008 · GND (DE4250545-8 · BNF (FRcb16716117v (data)