Tibisco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Tisa" rimanda qui. Se stai cercando il comune della Repubblica Ceca, vedi Tisá.
Tibisco
Tibisco
Il Tibisco presso Seghedino
Stati Ucraina Ucraina
Romania Romania
Ungheria Ungheria
Slovacchia Slovacchia
Serbia Serbia
Lunghezza 1 358 km
Portata media a Seghedino 820 m³/s
Bacino idrografico 157186 km²
Nasce Carpazi
Sfocia Danubio

Il Tibisco (Tisza, in ungherese; in ucraino Тиса; in rumeno, slovacco e serbo Tisa; in tedesco Theiß) è un affluente di sinistra del Danubio. È lungo 976 km ed ha un bacino fluviale di circa 157.186 km².

Il Tibisco Bianco e Tibisco Nero, corsi nati nei Carpazi ucraini, confluendo danno vita al Tibisco. Questo entra presto in Ungheria, lambendo i confini di Romania e Slovacchia; dopo aver attraversato l'Ungheria, il fiume entra nella Serbia e qui affluisce nel Danubio. Costituisce inoltre il confine tra le regioni serbe di Bačka e del Banato.

I nomi con cui fu conosciuto nell'antichità sono Tibiscus, Tissus, Tisia, Pathissus, Parthiscus.

La regimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzato da un regime irregolare, il Tibisco ha una portata di 825 m³/s.

La lunghezza del Tibisco era di 1429 km. Attraverso la Grande Pianura Ungherese, una delle più grandi pianure dell'Europa centrale, costretto dalla planarità del territorio a scorrere molto lentamente e formare numerose curve, tornanti e meandri, il fiume provocava numerose inondazioni.

Dopo diversi esperimenti in scala ridotta István Széchenyi organizzò la "regimentazione del Tibisco" ("a Tisza szabályozása") che iniziò il 27 agosto 1846, secondo i piani dell'ingegnere Pál Vásárhelyi (1795-1846). Dopo la morte di Vásárhelyi i piani furono modificati da Pietro Paleocapa e la regimentazione di fatto finì nel 1880. Il risultato fu che la nuova lunghezza del fiume divenne di 976 km, con 589 km di "canali morti" e 136 km di nuovo letto fluviale.

La lunghezza totale del sistema di protezione dalle piene del fiume raggiunge i 2940 km (oltre ai 4220 km di tutti i fiumi ungheresi protetti) e costituisce uno dei maggiori sistemi di protezione dalle piene d'Europa; più grande di quello olandese, lungo 1500 km, di quello del Po (1400 km) e di quello della valle della Loira (480 km).

Il lago del Tibisco[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta la costruzione dell'invaso Kisköre cominciò con il proposito di contribuire al controllo delle piene e contemporaneamente immagazzinare acqua per le stagioni secche. Venne così a formarsi il Lago del Tibisco (Tisza-tó) che è divenuto una delle più popolari attrazioni turistiche della zona.

Navigazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Tibisco è navigabile per gran parte del suo corso. Il fiume è stato aperto alla navigazione internazionale solo recentemente; prima, l'Ungheria distingueva tra "fiumi nazionali" e "fiumi internazionali", indicando se navi non ungheresi fossero autorizzate o no. Dopo l'ingresso dell'Ungheria nell'Unione Europea, questa distinzione è stata tolta e tutte le imbarcazioni sono ammesse a navigare il Tibisco.

Le condizioni di navigazione differiscono a seconda delle circostanze: in periodo di piena, a volte può non essere navigabile, così come in periodo di estrema secca. (Fonte: NoorderSoft Waterway Database)

Affluenti e subaffluenti[modifica | modifica wikitesto]

Il corso del Tibisco

Portate medie mensili[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : Seghedino ()

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Tibisco, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  • Tibisco, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
Controllo di autorità VIAF: (EN235063686 · GND: (DE4106223-1