Seghedino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Seghedino
città di rilevanza provinciale
(HU) Szeged
Seghedino – Stemma
Seghedino – Veduta
Veduta
Localizzazione
StatoUngheria Ungheria
RegioneGrande Pianura Meridionale
ProvinciaHU Csongrád megye COA.svg Csongrád
Amministrazione
SindacoLászló Botka (Partito Socialista Ungherese)
Territorio
Coordinate46°15′N 20°10′E / 46.25°N 20.166667°E46.25; 20.166667 (Seghedino)Coordinate: 46°15′N 20°10′E / 46.25°N 20.166667°E46.25; 20.166667 (Seghedino)
Altitudine75 m s.l.m.
Superficie280,84 km²
Abitanti161 921 (2014)
Densità576,56 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleda 6700 a 6791
Prefisso62
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2HU-SD
Codice KSH33367
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ungheria
Seghedino
Seghedino
Sito istituzionale

Seghedino[1][2] (AFI: /seɡeˈdino/[3]; in ungherese Szeged ascolta[?·info], in tedesco Szegedin, in serbo Сегедин, Segedin, in rumeno Seghedin) è una città ungherese. Con 161.921 abitanti (2014) è la terza città più grande dell'Ungheria, si trova nel sud del Paese, vicino al confine con Serbia e Romania, alla confluenza dei fiumi Maros/Mureș e Tibisco. È sede del governo della Provincia di Csongrád.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città è collegata alla rete ferroviaria e a quella autostradale e dista 170 chilometri da Budapest.

Seghedino è la città ungherese più soleggiata. Con più di 2000 ore di sole all'anno si è conquistata l'appellativo di città dei raggi solari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata dai Romani con il nome latino di Partiscum, fu centro dei commerci tra le province romane della Pannonia inferiore e della Dacia con le popolazioni dei Daci liberi e dei sarmati Iazigi, oltre probabilmente a forte militare ausiliario fin dalla conquista della Dacia (dal 106-107).

La città era stata praticamente distrutta da una gravissima inondazione del Tibisco nel 1879. Il 95% degli edifici andò distrutto. Grazie ad aiuti finanziari internazionali, Seghedino fu riprogettata e praticamente ricostruita, con ampie piazze e bellissimi edifici eclettico-secessionistici. Il Duomo della città, eretto nel 1930 in stile neo-romanico, è in grado di ospitare 5000 persone. La monumentale sinagoga nuova di Seghedino, costruita nel 1902, è per grandezza la quarta sinagoga al mondo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Municipio, su progetto di Ödön Lechner (1882).

La città è sede di un'importante sede universitaria (la Szegedi Tudományegyetem) e ospita una numerosa popolazione studentesca. In particolare è sede di uno dei più importanti poli di ricerca agraria dell'Europa centro-orientale e anche di un attivo centro culturale italiano. Nella città si trova uno dei più grandi teatri d'Ungheria, il Teatro Nazionale di Seghedino (sezione lirica, sezione di dramma, il Balletto Contemporaneo di Seghedino) e una delle più grandi orchestre ungheresi, l'Orchestra Sinfonica di Seghedino (con 99 elementi). La città è divisa dal fiume Tibisco in due parti: Seghedino, la città storica e Újszeged, la Nuova Seghedino, sede di impianti sportivi e quartieri residenziali. Le due parti della città sono collegate da due ponti: il Belvárosi híd (ponte Belvárosi) e il Bertalan híd (ponte Bertalan). L'altro fiume della città, il Maros, lambisce la parte orientale di Újszeged.

Trasporto pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Mappa delle linee di tram e bus di Seghedino

La Szegedi Közlekedési Társaság, nota anche con la sigla SzKT, è l'azienda ungherese che attualmente svolge il servizio di trasporto pubblico filotranviario in città, mentre i collegamenti autobus sono affidati alla Tisza Volán.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Seghedino, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ Seghedino, in Sapere.it, De Agostini, 2012.
  3. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Seghedino", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137203033 · GND (DE4106475-6
Ungheria Portale Ungheria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ungheria