Adesione della Bosnia ed Erzegovina all'Unione europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Bosnia ed Erzegovina e l'Unione europea.

La Bosnia ed Erzegovina ha presentato la sua richiesta di adesione all'Unione europea il 15 febbraio 2016, dopo essere stata ufficialmente riconosciuta dalla Commissione europea come stato "potenzialmente candidato". La Bosnia ed Erzegovina intraprese i negoziati per stipulare un Accordo di Stabilizzazione e Associazione (ASA) nel 2005. Tale accordo è stato firmato il 16 giugno 2008, completando così il primo passo della Bosnia ed Erzegovina verso l'adesione all'Unione europea.

Processo d'adesione[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2007 la Bosnia ed Erzegovina ha sottoscritto con l'Unione europea l'accordo di Stabilizzazione e Associazione (ha cioè firmato per presa visione del contenuto del documento), fase preliminare rispetto alla presentazione della candidatura. Nell'aprile 2008 il Parlamento bosniaco ha adottato la riforma della polizia, condizione che da tempo l'Unione europea ha posto alla Bosnia ed Erzegovina per firmare l'accordo di pre-adesione. L'accordo di Stabilizzazione e Associazione è stato firmato il 16 giugno 2008.

Il 7 aprile 2010 viene annunciato dal ministro degli esteri spagnolo Miguel Ángel Moratinos, il cui paese aveva la presidenza di turno dell'UE, che in occasione della conferenza UE-Balcani che si sarebbe tenuta a Sarajevo ai primi di giugno del 2010, l'Unione europea avrebbe abolito i visti per i cittadini bosniaci.

Nel giugno del 2012, l'incaricato europeo per l'integrazione della Bosnia, Peter Sørensen, asserì che la Bosnia ed Erzegovina potrebbe arrivare ad ottenere lo status di candidato all'inizio del 2014[1]. Visti i ritardi del governo di perseguire le riforme, questo obiettivo è stato poi spostato ad ottobre 2014.

A seguito della presentazione della domanda d'adesione da parte del governo della Bosnia ed Erzegovina il 15 febbraio 2016, il Consiglio dell'Unione europea ha dato avvio al processo di valutazione, precedente a quello di candidatura, il 20 settembre 2016[2]. Ora la Commissione europea dovrà procedere a presentare il proprio parere circa la domanda di adesione del paese balcanico a partire da un questionario che verrà sottoposto al governo bosniaco-erzegovese; dopo questa fase, che dovrebbe durare almeno un anno, il Consiglio potrà decidere se conferirgli lo status di candidato[3].

Vantaggi economici[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a innumerevoli vantaggi relativi alle tutele europee e i diritti umani, la comunità bosniaca trarrebbe un grosso beneficio economico nell'ingresso dell'Unione grazie alla possibilità di esportare i prodotti alimentari locali negli altri stati membri. L'adesione di paesi vicini, come la Croazia nel luglio 2013, ha sottratto al paese una significativa quota di mercato nell'export di prodotti alimentari, specialmente latte e prodotti caseari[4].

La Bosnia ed Erzegovina ha già ricevuto 655 milioni di euro dallo Strumento di assistenza preadesione nel periodo 2007-2013[5].

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Data Evento[6]
25/11/2005 Inizio negoziati ASA.
15/10/2007 Firma dell'accordo ASA.
31/7/2008 La Bosnia ed Erzegovina e l'UE firmano l'accordo di finanziamento dei fondi di preadesione (IPA).
11/9/2008 La prima nazione europea ratifica il trattato di stabilizzazione (Estonia).
15/12/2010 I cittadini della Bosnia ed Erzegovina provvisti di passaporto biometrico possono accedere allo spazio Schengen senza visto addizionale.
10/2/2011 L'ultima nazione europea ratifica il trattato di stabilizzazione (Francia).
27/6/2012 La UE organizza con la Bosnia ed Erzegovina il primo incontro per la preparazione della richiesta ufficiale di adesione.
15/2/2016 La Bosnia ed Erzegovina presenta la sua formale domanda di adesione all'Unione europea[7].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

I confini della Bosnia ed Erzegovina sono lunghi in totale 1.479 km, di questi 932 in comune con la Croazia (e quindi con l'Unione europea). Se la Bosnia fosse il 29º paese ad entrare nell'unione, la superficie dell'Unione Europea aumenterebbe di 51.197 km2 ma i confini si ridurrebbero di 547 km.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea