Potere esecutivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Tom Clancy, vedi Potere esecutivo (romanzo).

Secondo il principio di separazione dei poteri dello Stato, il potere esecutivo, generalmente posseduto da un'istituzione denominata "governo" o "esecutivo", è in prima istanza il potere di applicare le leggi.

Distinzione dagli altri poteri[modifica | modifica wikitesto]

L'Esecutivo è distinto dal potere legislativo, che è il potere di fare le leggi (legiferare), e dal potere giudiziario che è invece il potere di giudicare ed eventualmente punire chi non rispetta le leggi.

Il potere esecutivo è esercitato da organi che eseguono le prescrizioni delle leggi e attuano in concreto le pubbliche finalità. La tutela del Governo, nell'esercizio di tali funzioni, risponde all'esigenza di governabilità, che le singole forme di governo[1] bilanciano variamente con l'esigenza di rappresentatività propria delle assemblee elettive.

Nell'ordinamento italiano[modifica | modifica wikitesto]

Il potere esecutivo può talvolta svolgere funzioni di rango normativo primario: nei regimi presidenziali ciò è imputato direttamente alla responsabilità del Presidente (Executive order negli USA), mentre in Italia avviene con l'emanazione di decreti legge in situazioni di emergenza (che vanno poi approvati dal parlamento entro 60 giorni) o con i decreti legislativi delegati, attraverso i quali il governo agisce su incarico del Parlamento in riferimento a determinati ambiti. In questi casi il potere esecutivo si pone in rapporto dialettico[2] non soltanto con il Parlamento, ma anche col Capo dello Stato, che esercita il potere di firma in modo variamente incisivo.

Ruolo del potere esecutivo[modifica | modifica wikitesto]

I suoi compiti sono molteplici:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Pisaneschi, Brevi considerazioni su efficienza del governo e riforme costituzionali, in Rivista AIC, n. 4/2015, pp. 9 ss.
  2. ^ Per il rilievo costituzionale di questo rapporto, v. la ricostruzione dell'effetto della sentenza della Corte costituzionale italiana n. 23 del 2011, in https://www.academia.edu/28664573/letteradirettoresecoloXIX.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4131719-1
Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto