Ana Brnabić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ana Brnabić
Ana Brnabić.jpg

Primo ministro della Serbia
In carica
Inizio mandato 29 giugno 2017
Presidente Aleksandar Vučić
Predecessore Ivica Dačić (ad interim)

Ministero della pubblica amministrazione e dell'autonomia locale
Durata mandato 11 agosto 2016 –
29 giugno 2017
Capo del governo Aleksandar Vučić
Ivica Dačić
Predecessore Kori Udovički
Successore Branko Ružić

Dati generali
Partito politico Indipendente
Università Università di Northwood
Università di Hull

Ana Brnabić (in serbo Ана Брнабић?; Belgrado, 28 settembre 1975) è una politica serba, dal 29 giugno 2017 primo ministro della Serbia, prima donna nella storia del suo Paese ad assumere tale incarico. In precedenza era stata ministro della pubblica amministrazione e dell'autogoverno locale della Serbia dall'11 agosto 2016 fino al 29 giugno 2017, sotto la guida del primo ministro Aleksandar Vučić e del primo ministro ad interim Ivica Dačić. Dopo che Vučić è stato inaugurato come presidente della Serbia il 31 maggio 2017, ha proposto Brnabić come suo successore a giugno. Il suo governo è stato votato in carica il 29 giugno 2017 da una maggioranza di 157 membri su 250 dell'Assemblea nazionale della Serbia.

Brnabić è il quinto capo di governo apertamente LGBT al mondo e il secondo capo di governo femminile LGBT nel complesso.

Infanzia e vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Brnabić è nata a Belgrado. Il nonno paterno Anton Brnabić, fu un ufficiale militare jugoslavo, nato a Stara Baška a Krk (in Croazia). Combatté con i partigiani jugoslavi durante la seconda guerra mondiale e fu nominato tenente colonnello (potpukovnik) dopo la guerra. Sua nonna paterna Mica è nata a Gorobilje vicino a Požega (in Serbia). I suoi nonni materni sono di Babušnica. Suo padre Zoran nacque a Užice nel 1950 e terminò i suoi studi a Belgrado, dove viveva la famiglia.

Brnabić è omosessuale ed è elencata come il quinto capo di governo apertamente LGBT nel mondo (seguendo Jóhanna Sigurðardóttir, Elio Di Rupo, Xavier Bettel e Leo Varadkar) e il secondo capo di governo femminile LGBT nel complesso. Nel 2017 è diventata la prima responsabile del governo di un qualsiasi paese dei Balcani a partecipare a una manifestazione di orgoglio omosessuale quando ha partecipato a uno a Belgrado.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]