Ana Brnabić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ana Brnabić
Ана Брнабић
Ana Brnabic, July 3, 2018.jpg
Ana Brnabić nel 2018

12ª Prima ministra della Serbia
In carica
Inizio mandato 29 giugno 2017
Presidente Aleksandar Vučić
Predecessore Ivica Dačić

Ministro della pubblica amministrazione e dell'autonomia locale
Durata mandato 11 agosto 2016 –
29 giugno 2017
Capo del governo Aleksandar Vučić
Ivica Dačić
Predecessore Kori Udovički
Successore Branko Ružić

Ministro delle finanze
ad interim
Durata mandato 16 maggio 2018 –
29 maggio 2018
Capo del governo se stesso
Predecessore Dušan Vujović
Successore Siniša Mali

Dati generali
Partito politico Partito Progressista Serbo
Titolo di studio laurea in economia e in amministrazione aziendale
Università Università Northwood e Università di Hull

Ana Brnabić (in serbo: Ана Брнабић?; Belgrado, 28 settembre 1975) è una politica ed economista serba, primo ministro della Serbia dal 29 giugno 2017, nonché la prima donna a ricoprire tale carica e anche il primo capo di governo dichiaratamente omosessuale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Brnabić è nata a Belgrado, nell'allora repubblica serba di Jugoslavia. Il nonno paterno Anton Brnabić fu un ufficiale che combatté con i partigiani jugoslavi durante la seconda guerra mondiale e fu nominato tenente colonnello dopo il conflitto. Sua nonna paterna Mica è nata a Gorobilje vicino a Požega (in Serbia). I suoi nonni materni sono di Babušnica. Suo padre Zoran nacque a Užice nel 1950 e terminò i suoi studi a Belgrado, dove viveva la famiglia.

Nel 2013 vinse il Premio Business Lady of the Year.[1]

Fu ministro della pubblica amministrazione e dell'autogoverno locale della Serbia dall'11 agosto 2016 fino al 29 giugno 2017, sotto la guida del primo ministro Aleksandar Vučić e del primo ministro ad interim Ivica Dačić. È stata la prima donna lesbica dichiarata a ricevere un incarico governativo in Serbia.

Nel maggio 2017 il Gej strejt alijansa (Gay Straight Alliance gli ha conferito il premio Duga (letteralmente Arcobaleno). Nel 2017 è diventata la prima responsabile del governo di un qualsiasi paese dei Balcani a partecipare a una manifestazione di orgoglio omosessuale quando ha partecipato al gay pride di Belgrado.

A seguito dell'elezione di Aleksandar Vučić come presidente della Serbia il 31 maggio 2017, nel mese di giugno è stata da lui proposta al Parlamento per l'incarico di prima ministra. Il suo governo ha ottenuto la fiducia il 29 giugno 2017 da una maggioranza di 157 membri su 250 dell'Assemblea nazionale della Serbia.

Dichiaratamente omosessuale[2], divenne il quinto capo di governo apertamente LGBT nel mondo dopo Jóhanna Sigurðardóttir, Elio Di Rupo, Xavier Bettel e Leo Varadkar e, più in particolare, la seconda donna omosessuale a guidare un governo. La sua linea politica è europeista e propugna l'ingresso della Serbia nell'Unione europea.

Kosovo[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2018, commentando l'annunciata trasformazione della forza di sicurezza del Kosovo nelle forze armate del Kosovo, Brnabić ha dichiarato: "Spero che non dovremo usare i nostri militari, ma al momento questa è una delle opzioni sul tavolo perché non si può assistere a una nuova pulizia etnica dei serbi e di nuove tempeste - anche se Edi Rama li sta chiedendo. Quando qualcuno sa che hai un esercito forte, allora devono sedersi e parlare con te".[3][4]

Inoltre, nel maggio 2019, il ministro degli Esteri del Kosovo Behgjet Pacolli ha detto che non avrebbe permesso a Brnabić di entrare in Kosovo a causa della sua ideologia razzista. Brnabić, durante il passaggio di consegne di un rapporto sui progressi compiuti dalla Commissione europea nel 2019, ha dichiarato: "Haradinaj, Thaçi e Veseli sono in competizione per vedere chi è il più grande nazionalista e sciovinista. Quello che mi spaventa di più è che abbiamo a che fare con persone irrazionali, il peggior tipo di populista, persone che sono letteralmente uscite dal bosco".[5][6] Queste affermazioni sono state accolte con forti critiche, in particolare dagli utenti di Twitter, che hanno fatto campagna con l'hashtag #literallyjustemergedfromthewoods per prendere in giro il Primo Ministro.[7]

Il 20 gennaio 2020, i governi di Serbia e Kosovo hanno accettato di ripristinare i voli tra le loro capitali per la prima volta in oltre due decenni.[8][9] L'accordo è arrivato dopo mesi di colloqui diplomatici da parte di Richard Grenell, l'ambasciatore degli Stati Uniti in Germania, nominato inviato speciale per le relazioni serbo-kosovare dal presidente Donald Trump l'anno prima.[8]

Il genocidio di Srebrenica[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista del 14 novembre 2018 con l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle, Brnabić ha negato che i massacri di bosniaci del luglio 1995 da parte delle forze serbo-bosniache a Srebrenica fossero stati un atto di genocidio.[10] Due settimane dopo, il Parlamento europeo adottò una risoluzione in cui deplorava la continua negazione del genocidio di Srebrenica di parti delle autorità serbe e ricordava che la piena cooperazione con l'ICTY, il Tribunale criminale della precedente Jugoslavia, e il suo meccanismo successivo comprendeva l'accettazione delle sue sentenze.[11] La Corte dell'Aia criticò Brnabić per la negazione del genocidio di Srebenica.[12][13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Donna e lesbica: la nuova premier della Serbia Ana Brnabic entra nella storia, su L’Huffington Post, 16 giugno 2017. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  2. ^ Serbia, la sfida di Ana Brnabic: "Io, premier lesbica, un bel segnale per il Paese", su Repubblica.it, 12 luglio 2017. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  3. ^ (EN) I hope Serbia won't have to use army - but it's an option, in B92, 5 dicembre 2018. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  4. ^ (EN) Serbian premier: Armed intervention in Kosovo an option, in The Washington Post, 5 dicembre 2018. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  5. ^ (EN) Incensed By 'Racist' Comments, Kosovo Says It Is Banning Serbian PM, in Radio Free Europe/Radio Liberty, 30 maggio 2019. URL consultato il 31 maggio 2019.
  6. ^ (EN) Kosovo FM Pacolli calls Serbian PM Brnabic racist, in N1, 30 maggio 2019. URL consultato il 31 maggio 2019.
  7. ^ (EN) Is Serbia's prime minister racist?, in TRT World, 31 maggio 2019. URL consultato il 13 luglio 2019.
  8. ^ a b (EN) Serbia-Kosovo Flights to Resume Under U.S.-Brokered Deal, in The New York Times, 20 gennaio 2020.
  9. ^ (EN) Kosovo-Serbia flights to restart after two decades, in Euronews, 25 gennaio 2020.
  10. ^ (EN) Hague Court Chief Criticises Serbian PM's Genocide Denial. URL consultato il 20 novembre 2018.
  11. ^ (EN) European Parliament notes reform progress in Serbia. URL consultato il 30 novembre 2018.
  12. ^ (EN) Filip Rudic, Hague Court Chief Criticises Serbian PM's Genocide Denial, in Balkan Insight, 20 novembre 2018. URL consultato il 23 aprile 2020.
  13. ^ (EN) Filip Rudic, Hague Prosecutor Condemns Srebrenica Genocide Denial, in Balkan Insight, 12 dicembre 2018. URL consultato il 23 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro della Serbia Successore Flag of Serbia.svg
Ivica Dačić dal 29 giugno 2017 in carica