Regno di Jugoslavia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Jugoslavia.
Regno di Jugoslavia
Regno di Jugoslavia – Bandiera Regno di Jugoslavia - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto: in serbo: Један народ, један краљ, једна држава
Traslitterazione: Jedan narod, jedan kralj, jedna država!
Traduzione: Una nazione, un re, un paese!
Regno di Jugoslavia - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome ufficiale Краљевина Југославија
Kraljevina Jugoslavija
Lingue ufficiali Serbo-croato e sloveno
Lingue parlate
Inno Himna Srba, Hrvata i Slovenaca
Capitale Small Coat of Arms Belgrade.svg Belgrado
Politica
Forma di Stato Monarchia costituzionale
Forma di governo Dittatura (1929-1934)
Democrazia ('34-'41)
Re di Jugoslavia Elenco
Presidente del Consiglio Elenco
Organi deliberativi Parlamento jugoslavo
Nascita 3 ottobre 1929 con Alessandro I
Fine 17 aprile 1941 (de facto)
29 novembre 1945 (de jure) con Pietro II
Causa Seconda guerra mondiale
Territorio e popolazione
Bacino geografico Penisola balcanica
Massima estensione 247.542 km² nel 1931
Popolazione 13.934.038 nel 1931
Regno di Jugoslavia - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da bandiera Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni
Succeduto da Jugoslavia Jugoslavia[1]

Germania Germania

Croazia Croazia
bandiera Serbia

bandiera Regno d'Italia (Governatorato di Dalmazia, Provincia di Lubiana)

Albania Albania
Flag of Montenegro (1905-1918 & 1941-1944).svg Montenegro

Ungheria Ungheria
bandiera Bulgaria

Il Regno di Jugoslavia (o Regno di Iugoslavia, in serbo: Краљевина Југославија, in croato e sloveno: Kraljevina Jugoslavija) fu uno Stato della Penisola balcanica in Europa, esistito dal 1929 fino al 1941, guidato dalla dinastia reale serba dei Karađorđević.

Contesto storico[modifica | modifica sorgente]

Re Alessandro I

La fine della prima guerra mondiale e il dissolvimento dell'Impero Austro-ungarico videro la formazione di un'entità autonoma nelle terre abitate da Slavi appartenenti alla corona asburgica: lo Stato degli Sloveni, Croati e Serbi che dichiarò unilateralmente la propria indipendenza e la propria sovranità.

Nessuna delle potenze europee decise di riconoscere la nuova nazione, per cui i fondatori dello Stato si rivolsero a Belgrado per prendere accordi per una possibile unione al Regno di Serbia. L'unione fu sancita il 25 novembre 1918. Il giorno successivo, anche il Regno di Montenegro decise di aderire, e il 1º dicembre 1918, Alessandro Karađorđević, principe ereditario e reggente al trono di Serbia, nella piazza Terazije di Belgrado presiedette una cerimonia con la quale fondava il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni e lo poneva sotto l'autorità di suo padre, il Re Pietro I.

I primi contrasti[modifica | modifica sorgente]

Le reazioni a questa decisione iniziarono ben presto: Re Nicola I del Montenegro non accettò che la corona del nuovo regno andasse ai sovrani di Serbia senza trattative, volendo egli stesso essere il re della nazione unita degli Slavi.

Nikola Pašić

Anche i membri del Consiglio Nazionale degli Sloveni, Croati e Serbi protestarono perché la guida del Governo non sarebbe andata a Nikola Pašić indicato in sede di trattative. Il Reggente superò la crisi nominando il 20 dicembre 1918 Stojan Protić, collega di partito di Pašić a capo del Governo e esiliando Re Nicola.

Fu creata un'assemblea legislativa che avrebbe funto da parlamento fino all'elezione dell'Assemblea costituente di cui, però, il Principe Alessandro tardava ad indire le elezioni. Fino al giorno del voto, il 28 novembre 1920 il Regno fu governato da ministeri instabili che avevano brevissima durata; l'assemblea legislativa provvisoria vedeva continuamente l'abbandono dell'aula da parte delle opposizioni, in particolare dei membri croati. Anche la neoeletta assemblea costituente fu in balìa del boicottaggio dei deputati croati e delle opposizioni. Ciononostante, il 28 giugno 1921 entrò in vigore la nuova Costituzione, votata solo dai deputati serbi e da altre minoranze.

La nuova Costituzione[modifica | modifica sorgente]

Fu sancito che Regno dei Serbi, Croati e Sloveni fosse una monarchia parlamentare, democratica ed ereditaria, si concedeva ai cittadini la libertà di parola, di culto, di associazione e di stampa; se ne garantiva la salute e l'istruzione con politiche sociali governate dallo Stato. Si suddivideva il territorio in 33 regioni dotate di autonomia e stabilite su base storica ed etnica, con un controbilanciamento dei poteri statali garantito dai Prefetti di nomina regia.

L'unione tra lo Stato degli Sloveni, Croati e Serbi e il Regno di Serbia non fu inteso come una fusione tra due entità equivalenti, ma come un'annessione territoriale da parte della Serbia. Nonostante fossero garantite tutte le etnie presenti nel Paese, erano i Serbi ad avere le redini dell'amministrazione poiché fu il Regno di Serbia che estese la propria burocrazia al resto della nazione come fece il Piemonte nel processo unificatorio italiano. I deputati di etnia Croata si dichiararono da sempre all'opposizione e molto spesso boicottavano le sedute dell'Assemblea nazionale. Inoltre, forti contrasti continuavano a sorgere sulla questione dell'annessione dell'Istria e di Fiume all'Italia, che i Croati rivendicavano come proprie e sulla dicotomia tra potere centralista e decentrato.

La dittatura del 6 gennaio[modifica | modifica sorgente]

Il Parlamento di Belgrado.
Il Primo Ministro Živković.
Membri dell'ORJUNA.

Le rivendicazioni di maggiore autonomia erano espresse in Parlamento dal Partito Rurale Croato che, comunque, in una occasione entrò nella maggioranza governativa al fianco del Partito nazionale radicale serbo, e dal Partito Croato dei Diritti che combatteva col suo leader Ante Pavelić contro l'esistenza stessa del Regno, anche con atti di terrorismo eseguiti da affiliati al movimento degli Ustascia. In più, in Macedonia era attiva l'Organizzazione Rivoluzionaria Interna, una formazione terroristica che mirava all'annessione al Regno di Bulgaria. In Slovenia e in Croazia era anche attiva l'organizzazione "ORJUNA", anticomunista e antiseparatista, che appoggiava i partiti favorevoli alle politiche centraliste e all'unità della Nazione. I forti contrasti tra le diverse nazionalità sfociarono nell'assassinio da parte del deputato montenegrino Puniša Račić, del collega Stjepan Radić e di altri due parlamentari croati durante una seduta dell'Assemblea nazionale. I deputati dell'opposizione lasciarono il Parlamento e iniziò una forte crisi istituzionale alla quale Alessandro I, divenuto re nel 1921, il 6 gennaio 1929 mise fine instaurando una dittatura personale. La Costituzione fu revocata e il sovrano avocò a sé tutti i poteri. Vedendo falliti i concetti di "tre Popoli in un solo Stato" e "uno Stato con tre nomi", che esaltavano le differenze tra le culture che formavano la nazione; il 3 ottobre 1929, cambiò il nome ufficiale del Paese in Regno di Jugoslavia e intraprese una serie di riforme per cancellare ogni separazione

Re Alessandro sostituì la Costituzione con nuovi provvedimenti: La "Legge sul Potere regio e l'amministrazione suprema dello stato" (Zakonom o kraljevskoj vlasti i vrhovnoj državnoj upravi) poneva tutte le autorità statali sotto il proprio controllo; il Governo era sotto la sua sovranità, egli nominava il Presidente del Consiglio e i Ministri; il potere legislativo era esercitato attraverso decreti regi controfirmati dal Primo Ministro. Anche i governi locali dovevano rispondere all'autorità del sovrano.

Con la "Legge sulla pubblica sicurezza e l'ordine dello Stato" (Zakonom o zaštiti javne bezbednosti i poretka u državi) mise fuori legge i partiti politici e le organizzazioni sindacali, e vietò le associazioni che avessero una connotazione identitaria o religiosa. Con la "Legge sulla modifica della legge sulla stampa" (Zakonom o izmenama i dopunama zakona o štampi) interdì la vendita e la distribuzione di quotidiani che esprimessero insulti al sovrano o idee contrarie alle disposizioni dello Stato.

Nominò Capo del Governo Petar Živković, membro del "Partito nazionale jugoslavo", unico partito legale, che attuò una politica persecutoria nei confronti degli oppositori, con particolare riguardo ai comunisti[2].

L'integralismo jugoslavo[modifica | modifica sorgente]

Il concetto di Jugoslavia era già esistente all'indomani della prima guerra mondiale, e indicava l'unione di tutti gli Slavi del sud che vivevano nei territori della Penisola balcanica, ma non venne utilizzato nell'ufficialità, preferendo che le differenze nazionali fossero esaltate come collante dell'unità del Regno. Questa politica che, però, non fu mai supportata da un decentramento amministrativo, fu considerata, alla fine, fallimentare da Re Alessandro che vedeva nella sua stessa primitiva volontà di valorizzazione delle differenze il vero motivo dei conflitti inter etnici. Ogni peculiarità culturale doveva essere cancellata per ritrovare la coesione: fu, così, inaugurata la politica dell'integralismo jugoslavo (integralno jugoslovenstvo). Il perseguimento degli interessi locali doveva essere sostituito dall'impegno per risolvere i problemi nazionali, perché i localismi minacciavano il benessere del regno unitario[3]. La scuola fu il veicolo principale della cultura unitaria jugoslava: ai giovani veniva impartita un'educazione alla nazionalità che mirava alla creazone di una generazione che non guardasse al passato tribale e conflittuale, ma si proiettasse verso un futuro di sviluppo e civiltà; era insegnata la musica tradizionale, era utilizzata la sola lingua serbo-croata, era esaltato il senso della patria. La stampa, asservita al regime, reinterpretava il passato in chiave negativa, proponendo la nuova politica unitaria come la via unica per la pace sociale e lo sviluppo[4].

Nuova suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Le banovine

La suddivisione del regno in 33 contee (županije) che ricalcavano confini storici ed erano etnicamente definite, fu modificata con la creazione di 9 regioni (banovine) che prendevano il nome dai fiumi che le attraversavano e che erano abitate da più gruppi etnici:

  1. Dravska Banovina (Banovina della Drava), con capitale Lubiana
  2. Savska Banovina (Banovina della Sava), con capitale Zagabria
  3. Vrbaska Banovina (Banovina del Vrbas), con capitale Banja Luka
  4. Primorska Banovina (Banovina del litorale), con capitale Spalato
  5. Drinska Banovina (Banovina della Drina), con capitale Sarajevo
  6. Zetska Banovina (Banovina della Zeta), con capitale Cettigne
  7. Dunavska Banovina (Banovina del Danubio), con capitale Novi Sad
  8. Moravska Banovina (Banovina della Morava), con capitale Niš
  9. Vardarska Banovina (Banovina del Vardar), con capitale Skopje

La città di Belgrado, insieme con Zemun e Pančevo fu costituita come unità amministrativa separata. A capo delle banovine fu posto un governatore di nomina statale.

Nuova Costituzione[modifica | modifica sorgente]

Alessandro I con Atatürk

Il 3 settembre 1931, il Re concesse una nuova Costituzione che, sostanzialmente, confermava le misure prese nel 1929 con le leggi speciali. Venne mantenuto il divieto di formazione di partiti politici e associazioni culturali o religiose, venne mantenuta, anche se attenuata, la censura sulla stampa, ma venne ridefinito il sistema parlamentare. Fu ricostituita l'Assemblea nazionale eletta dal popolo e fu creato il Senato di cui il Re nominava tanti membri quanti quelli eletti dai sudditi. Con l'articolo 116 della nuova Costituzione, il Sovrano si concedeva il diritto di prendere misure al di fuori della Costituzione stessa. Fu dato valore costituzionale alla nuova suddivisione amministrativa disegnata nel 1929.[5].

In politica estera, Alessandro, il 9 febbraio 1934 siglò un'intesa con la Turchia, la Grecia e la Romania che sanciva la non belligeranza, l'inviolabilità delle frontiere e l'aiuto reciproco in caso di guerra. Il patto fu incoraggiato dalla Gran Bretagna, soprattutto nell'ottica di arginare le mire espansionistiche dell'Italia.

L'attentato di Marsiglia[modifica | modifica sorgente]

L'attentato di Marsiglia

Il Partito nazionale jugoslavo era nato dalla fusione del Partito radicale serbo e del Partito democratico con alcuni membri del Partito democratico indipendente sloveno e di quello Rurale sloveno. I Croati non vi erano rappresentati e quindi non erano al governo. Nonostante la forte politica repressiva, nel Paese esistevano diverse organizzazioni più o meno clandestine in lotta tra loro che combattevano contro l'esistenza stessa della jugoslavia o a favore, per il separatismo o per l'unità, per i diritti dei lavoratori o per il freno alle rivendicazioni sociali. Tra chi lottava contro l'unità dello Stato c'erano gli ustascia croati, appoggiati dal fascismo italiano e l'Organizzazione Rivoluzionaria Interna Macedone (VMRO) che aveva legami con il Regno di Bulgaria; tra chi appoggiava l'idea jugoslava c'era l'Organizzazione dei nazionalisti jugoslavi (ORJUNA) e la "Mano bianca" (Bela ruka) cui erano legati il Primo Ministro Živković e lo stesso sovrano. I conflitti inter etnici erano, quindi, ancora molto vivi.

La lotta indipendentista e il contrasto alle politiche autoritarie dello Stato, furono alla base del complotto che vide unite la VMRO e gli Ustascia per attentare alla vita di Alessandro I. Il 6 ottobre 1934, quando il Re, appena sbarcato a Marsiglia per una visita di stato, si stava recando alla prefettura accompagnato dal Ministro degli esteri francese Louis Barthou, il macedone Vlado Černozemski sparò sulla vettura reale e uccise entrambi gli occupanti, per poi essere egli stesso freddato dalle sciabolate delle guardie del corteo. L'assassinio del sovrano non ebbe, però, alcun effetto per le rivendicazioni nazionaliste poiché l'unità del Paese non ne fu intaccata.

La reggenza[modifica | modifica sorgente]

Il Principe Paolo
Il Principe Paolo e Hermann Göring

Morto Alessandro I, il primo in linea di successione era il primogenito Pietro, ma poiché aveva solo 11 anni, era necessaria la figura di un reggente. Il potere passò, quindi, il 9 ottobre 1934, in mano al Principe Paolo, cugino di Re Alessandro. Il Reggente ereditò un Paese con un'economia arretrata nonostante le riforme del decennio precedente, ulteriormente fiaccata dalla crisi borsistica del 1929, e con un sistema infrastrutturale antiquato. Le poche esportazioni della Jugoslavia erano dirette per metà in Germania, il che rendeva il Paese in gran parte dipendente dal Terzo Reich; il Principe condusse diverse trattative con le autorità britanniche perché acquistassero prodotti jugoslavi, ma con poco successo[6].

Sul fronte interno, Paolo mitigò l'approccio repressivo del predecessore verso le differenze culturali e le opposizioni, e cercò di attuare una nuova politica di conciliazione tra le etnie. In questo senso, il 26 agosto 1939, il Primo ministro Dragiša Cvetković siglò un accordo col politico croato Vladko Maček con cui venne creata la banovina di Croazia, in cui vennero uniti i territori a maggioranza croata, alla quale il Reggente attribuì una larga autonomia.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, la Jugoslavia dichiarò la propria neutralità, nonostante i rapporti di collaborazione con la Francia e il Regno Unito, poiché temeva che serbi e croati non avrebbero mai combattuto fianco a fianco nell'esercito jugoslavo[6].

Nel 1940, la Germania aveva invaso la Francia, l'Italia aveva occupato la Grecia, il Capo del Governo rumeno Ion Antonescu si era alleato con l'Italia e la Germania: il Regno di Jugoslavia si trovava senza più alleati e circondato da Nazioni ostili. Senza tener conto dell'opinione pubblica filo occidentale[7], considerando la situazione di arretratezza e di scarso armamento dell'esercito[6], il Reggente decise, il 4 marzo 1941, di siglare col Ministro tedesco von Ribbentrop, l'adesione al Patto Tripartito, strappando alla Germania la promessa che l'esercito di Berlino non avrebbe utilizzato la Jugoslavia come campo di battaglia per contrastare l'invio di truppe britanniche sul fronte ellenico.

Il crollo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Invasione della Jugoslavia.
Pietro II e Dušan Simović

L'adesione jugoslava al Patto Tripartito provocò in tutto il Paese reazioni di condanna. Il 27 marzo 1941, il generale Dušan Simović fece un colpo di stato supportato dagli Inglesi col quale fece arrestare il Primo Ministro Dragiša Cvetković e il Ministro degli Esteri Aleksandar Cincar-Marković e depose il Reggente Paolo, mettendo sul trono il giovane principe ereditario, Pietro.

Pietro II e Simović presero contatti con gli Alleati per sconfessare gli accordi con l'Asse e iniziare una nuova politica antitedesca. Il 6 aprile 1941, la Wehrmacht iniziò l'invasione della Jugoslavia: mentre le forze di terra avanzavano su più fronti, la Luftwaffe bombardò Belgrado per giorni; il 17 aprile il Governo decise di capitolare. Il Re e il Primo Ministro fuggirono a Londra e il Regno fu diviso: la Germania annesse parte della Slovenia e il Banato, l'Italia creò un proprio governatorato che comprendeva la Dalmazia, parte della Slovenia e la costa montenegrina, mentre l'Ungheria si annesse la Voivodina e parte della Croazia. Il Kosovo fu unito all'Albania insieme ad alcuni territori della Macedonia che fu, invece, per la gran parte inglobata dalla Bulgaria. Venne creato lo Stato Indipendente di Croazia in mano alle forze degli Ustascia, governato da Ante Pavelić, mentre a Belgrado si insediò un governo filonazista che amministrava un territorio limitato quasi alla sola Serbia, con a capo il generale Milan Nedić. In Serbia, il governo collaborazionista fu duramente contrastato da due differenti forze di resistenza: quella dei nazionalisti conservatori cetnici di Dragoljub Mihailović e quella dei partigiani antifascisti di Josip Broz Tito.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il concetto di stato successore è difficilmente applicabile al Regno di Jugoslavia. L'invasione nazifascista del 1941 portò alla debellatio dello Stato e, secondo il diritto internazionale dell'epoca, i vincitori successero alla cessata entità. Le Nazioni Unite non riconobbero più tale principio, e continuarono le loro relazioni diplomatiche col regio governo in esilio, salvo poi romperle per intrecciarle con il nuovo governo partigiano. A sua volta poi, Tito accettò di sospendere gli effetti della sua proclamazione della repubblica fino alla fine del conflitto, sempre comunque negando il rientro al re, e salvo poi adottare a potere acquisito il celebre stemma recante il 1943 come nascita della repubblica socialista. Bisogna aggiungere inoltre che la Repubblica socialista si pose comunque in continuità giuridica col Regno, configurandosi come una nuova forma istituzionale dello stesso stato jugoslavo: in tal senso la Repubblica socialista non sarebbe lo stato successore, bensì lo stesso stato (così come la Repubblica Italiana non è lo stato successore del Regno d'Italia ma è lo stesso stato che ha cambiato la sua forma istituzionale).
  2. ^ Petar Živković sull'Enciclopedia britannica
  3. ^ Saša Marković Integralno jugoslovenstvo u Vojvodini
  4. ^ Ljubodrag Dimić: Integralno jugoslovenstvo i kultura 1929-1931. godine
  5. ^ The Constitution of the Kingdom of Yugoslavia, September 3, 1931 (Octroyed or September Constitution)
  6. ^ a b c Biografia del Principe Paolo
  7. ^ Yugoslavia and the World Wars

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia